Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Argomento: critica politica

Decisioni

Ministro che dice le solite stronzate e giudici comunisti: è reato (Cass. 15555/22)

Diffamatorio e vilipendioso scrivere su Facebook che il Minsitro dice le solite stronzate e che gudici sono tutti comunisti.

Decisioni

Sindaco satana, è diffamazione? (Cass.11767/22)

Sindaco mefistofelico, è diffamazione?

Decisioni

Non satira ma reato far rima tra cognome e pratiche sessuali (Cass. 5926/21)

"Salvini fa i pompini ai cretini", è reato non diritto di satira.  

Decisioni

Bandiera nazionale spazzata via, non critica ma .. vilipendio (Cass. 316/21)

Spazzare via il tricolore non è un messaggio politico, ma vilipendio alla bandiera: sulla libera manifestazione del pensiero prevale la tutela dei valori della Repubblica.

Decisioni

Amministrazione comunale cosa nostra? Diffamazione (Cass. 31263/20)

L'esigenza del controllo democratico consente maggiori libertà di critica verso esponenti politici e pubblici amministratori, ma attenzione alla diffamazione.

 

Decisioni

Salvini mascalzone, delinquente abituale: è diritto di critica (GdP Rovereto, 8/20)

Espressioni critiche non sono reato se attnono sfera pubblica del soggetto politico criticato. 

Decisioni

Critica politica, confini ampi (Cass. 7340/19)

Il diritto di critica politica ha confini ampi perchè quanto maggiore è il potere esercitato, tanto maggiore è l’esposizione alla critica.

Decisioni

Critica politica, licenza di mentire? (Cass. 43598/18)

La critica è espressione di opinione meramente soggettiva ed ha per sua natura carattere congetturale.

Decisioni

Avversari o politico apostrofato come "bugiardo": non c'è reato (Cass. 317/18)

Il complessivo contesto dialettico in cui si realizza la condotta e è necessario verificare se i toni utilizzati dall'agente, pur aspri e forti, non siano gravemente infamanti e gratuiti, ma siano, invece, comunque pertinenti al tema in discussione

Decisioni

Critica politica e ingiurie (Cass., 20998/15)
L'esercizio del diritto di critica politica può rendere non punibili espressioni anche aspre e giudizi di per sé ingiuriosi, tesi a stigmatizzare comportamenti realmente tenuti dal soggetto criticato: non può...

1 2