Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Argomento: testimonianza

Sentenze

Reformatio in pejus, perito va risentito (Cass. SSUU 14426/19)

Per poter cndannare in appello su assoluzione in primo grado va risentito anche il periito.

Articoli

Quali garanzie nella formazione della prova senza contraddittorio? Sul testimone d'accusa irreperibile.

Qalche riflessione sulla utilizzazione probatoria delle dichiarazioni rese durante le indagini dal teste - persona offesa irreperibile.

Sentenze

Teste smemorato, ma basta riconoscimento fotografico durante le indagini (Cass. 9849/19)
Il riconoscimento fotografico da parte di un testimone che, per il tempo trascorso, non abbia serbato memoria diretta delle sembianze della persona da riconoscere può conseguire comunque un risultato di...

Sentenze

Testimone smemorato: bastano laconiche conferme (Cass. 9849/19)

Il riconoscimento fotografico effettuato durante le indagini da parte di un testimone poi smemorato basta per la condanna.

Sentenze

Irreperibilità della vittima testimone: verifica non burocratica (Cass. 9694/19)

Irreperibilità del testimone e acquisizione delle dichiarazione rese in indagini: verifica rigorosa e non solo burocratica. 

Sentenze

Testimone interrotto, diritto di difesa violato (Cass. 9278/19)

Teste dice il falso? Va ammonito, gli va nominato un difensore, ma non può essere mandato via.

Sentenze

Per la condanna basta la parola del testimone (Cass. 36437/18)

la testimonianza è sufficiente per condannare, e il giudice  .. deve ricercare la verità anche d'ufficio.

Sentenze

Registrazione tagliata, prova inutilizzabile a sfavore della difesa (Cass. 1422/18)

Registrazione tra presenti tagliuzzata, prova non attendibile (ma utilizzabile a favore della difesa).

Sentenze

Prova contraria sempre ammissibile (Cass. 48600/17))
Il diritto alla controprova costituisce espressione fondamentale del diritto di difesa: a patto che venga tempestivamente dedotta la questione e la nullità di ordine generale (art. 178 lett.

Sentenze

Costumi sessuali spigliati non legittimano presunzione di consenso (Cass. 46464/18)

I costumi sessuali non non possono essere utilizzati mai quale argomento di prova dell'esistenza, reale o putativa, del consenso al rapporto sessuale.

1 2 3