Categoria: Articoli

3 Oct 2016
Articoli

Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo (MAE)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: MAE, mandato d'arresto europeo, estradizione, Diritti fondamentali, carcere

Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo tra presunzioni ed effettività. Il decalogo italiano per rilevare nel procedimento MAE il rischio di trattamento carcerario inumano o degradante (contributo di Nicola Canestrini.

Leggi di più su 'Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo: il MAE'...
26 Sep 2016
Articoli

Il delitto di tortura in Italia. Dall’habeas corpus alla norma penale (tesi di laurea)

Davide Fratta

Argomenti correlati: tortura

Il fondamento del divieto di tortura va individuato, ben prima e con ben maggior livello di cogenza rispetto alle fonti internazionali, nella Costituzione, che al quarto comma dell’articolo 13, unico...

Leggi di più su 'Il delitto di tortura in Italia. Dall’habeas corpus alla norma penale (tesi di laurea)'...
13 Sep 2016
Articoli

Estradizione verso l'estero e diritti fondamentali: una analisi critica

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: estradizione, Diritti fondamentali

La clausola di salvaguardia comune vieta l’estradizione verso paesi che non rispettino i diritti fondamentali della persona, o che la espongano al rischio di tortura, trattamenti crudeli, disumani o degradanti...

Leggi di più su 'Estradizione verso l'estero e diritti fondamentali: una analisi critica'...
21 Jul 2016
Articoli

Convenzione di Bruxelles sull'assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell'Unione europea

Argomenti correlati: estradizione, cooperazione internazionale, europa

L'Italia ha ratificato, con Legge 21 luglio 2016, n. 149, la Convenzione di Bruxelles del 29 maggio 2000, relativa all’assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell’U.E., che si propone(va)...

Leggi di più su 'Convenzione di Bruxelles sull'assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell'Unione europea'...
20 Jul 2016
Articoli

Rilevanza penale di detenzione medicinali senza ricetta: questioni di diritto intertemporale

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: stupefacenti, medicinali

In tema di medicinali contenente principo attivo, quale punibilità per delle condotte poste in essere tra il 22 marzo 2006, data di entrata in vigore della legge Fini-Giovanardi, ed il...

Leggi di più su 'Rilevanza penale di detenzione medicinali senza ricetta: questioni di diritto intertemporale'...
8 Jul 2016
Articoli

Sull'accertamento della minore età

Anna Brambilla

Argomenti correlati: minore età, radiografia

Succede che minori  senza documenti validi vengano sottoposti ad esami medici finalizzati a stimare l’età cronologica attraverso una valutazione della sua età biologica.

Leggi di più su 'Sull'accertamento della minore età'...
4 Jul 2016
Articoli

Sulla responsabilità civile del magistrato penale: cenni introduttivi

Carola Delli Santi

Argomenti correlati: responsabilità civile del magistrato

La responsabilità civile del magistrato è sempre stato un tema di ampio dibattito, a causa della sua delicatezza ma anche e soprattutto a causa della sua disciplina di palese inefficacia.

Leggi di più su 'Sulla responsabilità civile del magistrato penale: cenni introduttivi'...
7 Jun 2016
Articoli

Coltivazione: il punto della Cassazione Penale

Cassazione penale

Argomenti correlati: offensività, stupefacenti, coltivazione, spaccio

La coltivazione di marijuana: questioni sulla offensività della condotta, sulla detenzione di semi, sulla costituzionalità della normativa. 

Leggi di più su 'Coltivazione: il punto della Cassazione Penale'...
5 Apr 2016
Articoli

Diritto penale simbolico e il reato di omofobia (Tesi)

Dr. Gabriele Covi

Argomenti correlati: diritto penale simbolico, omofobia

La domanda intorno alla giustificazione del diritto penale e allo scopo della pena rappresenta una delle questioni più dibattute nella storia dei sistemi punitivi: lo stato dell'arte con particolare riferimento...

Leggi di più su 'Diritto penale simbolico e il reato di omofobia (Tesi)'...
5 Feb 2016

Recenti Pubblicazioni

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni - di raccontare i fatti senza enfasi od indebite anticipazioni di colpevolezza, non essendogli consentite aprioristiche scelte di campo o sbilanciamenti di sorta a favore dell’ipotesi accusatoria, capaci di ingenerare nel fruitore della notizia facili suggestioni, in spregio del principio costituzionale di presunzione di innocenza dell’imputato e a fortiori dell’indagato sino a sentenza definitiva.

Arresti domiciliari: andare nel piazzale condominiale è evasione (Cass. 15496/17)

 

Pubblicizzare un procedimento penale altrui è reato (Cass. 15221/17)

Affiggere alla bacheca condominiale la notizia di un procedimento penale pendente è trattamento illecito di dati personali (dati giudiziari).

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta: è escluso che l'organizzazione di uno spettacolo artistico (asseritamene blasfemo) possa, di per sé sola, costituire violazione del personale sentimento religioso di un singolo cittadino.

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale