Etichetta: diffamazione

29 Nov 2016
Sentenze

Omosessuale non è un offesa (Cass. 50659/16)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: diffamazione, ingiuria, omosessualità

E' da escludere che il termine "omosessuale" (a differenza di appellattivi che pur indicando le prefernze sessuali sono denigratori) abbia conservato nel presente contesto storico un significato intrinsecamente offensivo come,...

Leggi di più su 'Omosessuale non è un offesa (Cass. 50659/16)'...
14 Sep 2016
Sentenze

Libertà di difesa consente offese (Cass. 38235/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: libera manifestazine del pensiero, diffamazione, ingiuria, diritto di critica, libertà di difesa

Non sono punibili le offese provenienti dal difensore, a patto che riguardino l'oggetto della causa in modo diretto ed immediato: ciò perchè il difensore esercita un diritto / dovere di...

Leggi di più su 'Libertà di difesa consente offese (Cass. 38235/16)'...
12 Sep 2016
Sentenze

Espressioni grevi fra militari sono reato (Cass. 37803/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: ingiuria, diffamazione, diritto di critica, libera manifestazione del pensiero, reato militare

"Non capisci un cazzo, non sei un cazzo di nessuno" detto da un superiore gerarchico ad un suo sottoposto è  ingiuria militare aggravata e non esercizio di diritto di critica.

Leggi di più su 'Espressioni grevi fra militari sono reato (Cass. 37803/16)'...
8 Sep 2016
Sentenze

Marito traditore apostrofato come puttaniere: è reato? (Cass. 37397/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: diritto di critica, libera manifestazione del pensiero, diffamazione

Il limite della continenza nel diritto di critica non vieta in alcun modo l'utilizzo di termini che, sebbene oggettivamente offensivi, siano insostituibili nella manifestazione del pensiero critico, in quanto non...

Leggi di più su 'Marito traditore apostrofato come puttaniere: è reato? (Cass. 37397/16)'...
1 Mar 2016
Sentenze

Diffamazione via Facebook è sempre aggravata (Cass. 8328/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: diffamazione, libera manifestazione del pensiero, Facebook

La diffusione di un messaggio diffamatorio attraverso l'uso di una bacheca 'facebook' integra un'ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell'art. 595, comma terzo, cod. pen.

Leggi di più su 'Diffamazione via Facebook è sempre aggravata (Cass. 8328/16)'...
24 Feb 2016
Sentenze

Amministratore di un gruppo Facebook e post diffamatori (Tr. VdL, 2016)

Tribunale

Argomenti correlati: Facebook, diffamazione, libera manifestazione del pensiero

L'amministratore di un gruppo istituito all’interno del social network Facebook non è in grado di operare un controllo  preventivo sulle affermazioni che gli utenti immettono in rete.

Leggi di più su 'Amministratore di un gruppo Facebook e post diffamatori (Tr. VdL, 2016) '...
29 Jan 2016
Sentenze

Condividere un post su facebook non è sempre reato (Cass. 3981/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: Facebook, diffamazione

"Spero solo di vivere abbastanza x godermi il giorno ke andrà in pensione e prenderlo a bastonate finchè basta" non è diffamazione solo perchè altri scrivono commenti diffamatori.

Leggi di più su 'Condividere un post su facebook non è sempre reato (Cass. 3981/16)'...
19 Nov 2015
Sentenze

Collage di frasi vere e giudizio critico (Trib. Rov, 19.11.2015)

Tribunale di Rovereto

Argomenti correlati: libera manifestazione del pensiero, diritto di critica, diffamazione

Un collage di frasi, di per sè vere, ma disancorate dal contesto originario, possono risolversi in un’illecita offesa alla reputazione.

Leggi di più su 'Collage di frasi vere e giudizio critico (Trib. Rov, 19.11.2015)'...
8 Jun 2015
Sentenze

Commento offensivo su facebook è diffamazione aggravata (cass. 24431/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: diffamazione, diritto di critica, Facebook

Postare un commento sulla bacheca facebook realizza la pubblicizzazione e la diffusione tra un gruppo di persone indeterminato: se il commento è offensivo, la relativa condotta costituisce il reato di...

Leggi di più su 'Commento offensivo su facebook è diffamazione aggravata (cass. 24431/15)'...

Recenti Pubblicazioni

Quantità non esclude uso personale (Cass. 1081/17)

Quantità e dosi ricavabili non bastano per una condanna di detenzione a fini di spaccio.

Condizioni ostative all'estradizione e valutazione politica (Cass. 386/17)

In tema di estradizione processuale convenzionale con il Brasile, il trattato non contempla la valutazione da parte dello Stato richiesto dei gravi indizi di colpevolezza, dovendo comunque verificare l’autorità giudiziaria italiana che nella documentazione trasmessa a sostegno della domanda estradizionale risultino evocate le ragioni per le quali è stato ritenuto probabile, nella prospettiva del sistema processuale dello Stato richiedente, che l’estradando abbia commesso il reato oggetto della domanda.

Estadizione negata verso la Turchia perchè non rispetta i diritti fondamentali (Cass. 54467/16)

Non può esser accolta la richiesta di estradizione della Turchia perchè non è garantito il rispeti dei diritti fondamentali.

Termine a difesa deve essere congruo (Cass. 51567/16)

Il nuovo difensore d'ufficio o di fiducia nei casi di "rinunzia, revoca o incompatibilità" ha diritto ad un termine a difesa congruo, configurandosi altrimenti una nullità a regime intermedio in forza della norma generale posta dall’art. 178, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. (in quanto incide sull’assistenza dell’imputato) che dunque va eccepita immediatamente.

Omosessuale non è un offesa (Cass. 50659/16)

E' da escludere che il termine "omosessuale" (a differenza di appellattivi che pur indicando le prefernze sessuali sono denigratori) abbia conservato nel presente contesto storico un significato intrinsecamente offensivo come, forse, poteva ritenersi in un passato nemmeno tanto remoto.

Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)

Nel caso di rformatio in pejus della setneza di primo grado, il giudice di appello debba porre in essere i poteri d’integrazione probatoria e procedere all’assunzione diretta dei dichiaranti per ritenere raggiunta la prova della colpevolezza dell’imputato, in riforma della sentenza appellata?