Categoria: Articoli

1 Jun 2014
Articoli

L'articolo 73 TU stupefacenti dal 1990 con le modifiche 2006, 2011, 2013 e 2014

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: spaccio, modifiche normative, stupefacenti, successione legge spaccio, Testo Unico stupefacenti

La sentenza della Corte Costituzionale nel ricorso 227/2013 che il 12 febbraio 2014 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale – per violazione dell’art.

Leggi di più su 'L'articolo 73 TU stupefacenti dal 1990 ad oggi'...
15 May 2014
Articoli

Ricorsi CEDU: una guida per gli avvocati

Consiglio degli Ordini forensi d’Europa (Ccbe)

Argomenti correlati: CEDU, Corte europea per i diritti dell'uomo

Ricorsi alla Cedu: la guida del CCBE per gli avvocati

Leggi di più su 'Ricorsi CEDU: una guida per gli avvocati'...
8 May 2014
Articoli

Ne bis in idem e CEDU

Massimario della Cassazione penale

Argomenti correlati: CEDU, ne bis in idem, giudicato, Grande Stevens

1. La decisione della Corte EDU. - 2. Le ragioni della condanna ed i criteri interpretativi da utilizzare per stabilire il carattere penale delle norme di diritto interno: a) I...

Leggi di più su 'Ne bis in idem e CEDU'...
1 Apr 2014
Articoli

Costruire guerrieri. Autoritarismo e personalità fasciste nelle forze armate italiane

Charlie Barnao and Pietro Saitta

Argomenti correlati: polizia, diritti umani

Malgrado le retoriche su una polizia e un esercito «di prossimità», razzismo, “rambismo”, “proattivismo” caratterizzano, di fatto, il modo di “fare polizia” e imporre l’ordine in un numero di paesi:...

Leggi di più su 'Costruire guerrieri. Autoritarismo e personalità fasciste nelle forze armate italiane'...
28 Mar 2014
Articoli

Diffamazione aggravata da motivi razziali a mezzo Facebook: qualche riflessione

Giovanni Guarini and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: diffamazione, legge Mancino, istigazione all'odio razziale, razzismo

La Convenzione di New York, ratificata in Italia con la L. n. 654/1975 sostituito dal d.l. 26 aprile 1993 n. 122 - c.d. "Decreto Mancino" - convertito con modifiche nella L.

Leggi di più su 'Diffamazione aggravata da motivi razziali a mezzo Facebook: qualche riflessione'...
20 Feb 2014
Articoli

Incostituzionalità dell'art. 73 TU stup: qualche conseguenza su prescrizione, giudicato, patteggiamenti pendenti

Luca Semeraro

Argomenti correlati: spaccio

Tutte le pene fondate sul “nuovo ed incostituzionale” art. 73 d.p.r. 309/1990, devono essere riportate nei limiti del vecchio quarto comma dell’art. 73 d.p.r. 309/1990?

Leggi di più su 'Incostituzionalità dell'art. 73 TU stup: qualche conseguenza su prescrizione, giudicato, patteggiamenti pendenti '...
20 Feb 2014
Articoli

Fotografie, diritto d'autore e siti web

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: Diritto d'autore

Le fotografie senza particolare valore creativo (che sono tutelati dalla convezione di Berna) sono tutelate dalla legge sul diritto d'autore (L. 22 aprile 1941, n. 633) in base a quanto disposto dagli artt.

Leggi di più su 'Fotografie, diritto d'autore e siti web'...
19 Feb 2014
Articoli

Linee guida psicoforensi per il giusto processo

Fondazione Gullotta

Argomenti correlati: linee guida psicoforensi, testimonianza, prova dichiarativa, psicologia giuridica, riconoscimento fotografico

L’obiettivo delle linee guida è quello di stilare delle raccomandazioni volte a garantire la riduzione del rischio che si incorra in errori giudiziari.

Leggi di più su 'Errori giudiziari: linee guida psicoforensi per un giusto processo '...
31 Jan 2014
Articoli

Evoluzione della normativa di cui all'art. 33 l. 104/1992 in tema di permessi lavorativi retribuiti

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: permessi lavorativi

La norma originaria e principale in materia di permessi lavorativi retribuiti è la Legge quadro sull'handicap (Legge 5 febbraio 1992, n.

Leggi di più su 'Evoluzione della normativa di cui all'art. 33 l. 104/1992 in tema di permessi lavorativi retribuiti'...

Recenti Pubblicazioni

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni - di raccontare i fatti senza enfasi od indebite anticipazioni di colpevolezza, non essendogli consentite aprioristiche scelte di campo o sbilanciamenti di sorta a favore dell’ipotesi accusatoria, capaci di ingenerare nel fruitore della notizia facili suggestioni, in spregio del principio costituzionale di presunzione di innocenza dell’imputato e a fortiori dell’indagato sino a sentenza definitiva.

Arresti domiciliari: andare nel piazzale condominiale è evasione (Cass. 15496/17)

 

Pubblicizzare un procedimento penale altrui è reato (Cass. 15221/17)

Affiggere alla bacheca condominiale la notizia di un procedimento penale pendente è trattamento illecito di dati personali (dati giudiziari).

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta: è escluso che l'organizzazione di uno spettacolo artistico (asseritamene blasfemo) possa, di per sé sola, costituire violazione del personale sentimento religioso di un singolo cittadino.

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale