Etichetta: testimonianza

16 Sep 2016
Sentenze

Testimonianza della vittima (Cass., 38496/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: testimonianza, persona offesa

E' inammissibile un atto di fede nei confronti della persona offesa, la cui testimonianza può esser sì assunta anche da sola come fonte di prova ricostruttiva del fatto per il...

Leggi di più su 'Testimonianza della vittima (Cass., 38496/16)'...
6 Nov 2014
Sentenze

Valore della testimonianza della vittima (Cass., 45920/14)

Cassazione penale

Argomenti correlati: testimonianza, persona offesa, carta di noto, minorenne

Le dichiarazioni della vittima di un reato possono essere assunte anche da sole come fonte di prova per la condanna dell'imputato ove sottoposte ad un vaglio positivo di credibilità oggettiva...

Leggi di più su 'Valore della testimonianza della vittima (Cass., 45920/14)'...
19 Feb 2014
Articoli

Linee guida psicoforensi per il giusto processo

Fondazione Gullotta

Argomenti correlati: linee guida psicoforensi, testimonianza, prova dichiarativa, psicologia giuridica, riconoscimento fotografico

L’obiettivo delle linee guida è quello di stilare delle raccomandazioni volte a garantire la riduzione del rischio che si incorra in errori giudiziari.

Leggi di più su 'Errori giudiziari: linee guida psicoforensi per un giusto processo '...
23 Feb 2013
Informazioni utili

Il testimone nel processo penale

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: testimone, testimonianza, citazione, impedimento, processo penale

Ogni cittadino può essere citato quale testimone in un processo penale e - nel momento in cui il Giudice autorizza le parti alla citazione - il testimone ha il dovere di...

Leggi di più su 'La citazione come testimone nel processo penale: diritti e doveri del testimone nel processo penale'...
26 Oct 1994
Sentenze

Contestazioni al testimone (Corte Cost., 407/1994)

Corte Costituzionale

Argomenti correlati: testimonianza, controesame, contraddittorio

La attendibilità del testimone può essere verificata anche mediante domande riguardanti la deposizione di altri testimoni;  sono quindi ammesse domande intese ad evidenziare un contrasto tra la deposizione dibattimentale e qualsiasi...

Leggi di più su 'Contestazioni al testimone (Corte Cost., 407/1994)'...

Recenti Pubblicazioni

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni - di raccontare i fatti senza enfasi od indebite anticipazioni di colpevolezza, non essendogli consentite aprioristiche scelte di campo o sbilanciamenti di sorta a favore dell’ipotesi accusatoria, capaci di ingenerare nel fruitore della notizia facili suggestioni, in spregio del principio costituzionale di presunzione di innocenza dell’imputato e a fortiori dell’indagato sino a sentenza definitiva.

Arresti domiciliari: andare nel piazzale condominiale è evasione (Cass. 15496/17)

 

Pubblicizzare un procedimento penale altrui è reato (Cass. 15221/17)

Affiggere alla bacheca condominiale la notizia di un procedimento penale pendente è trattamento illecito di dati personali (dati giudiziari).

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta: è escluso che l'organizzazione di uno spettacolo artistico (asseritamene blasfemo) possa, di per sé sola, costituire violazione del personale sentimento religioso di un singolo cittadino.

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale