Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Argomento: privacy

sentenze

Registrare la moglie nuda a sua insaputa è reato (Cass. 36109/18)

A casa propria non può registrare quel che si vuole: se non c'è volontà di condivisione, violare l'intimità è reato. 

sentenze

Telecamera nascosta? Non giornalismo di inchiesta ma trattamento illecito dei dati (Cass. 18006/18)

riprendere di nascosto non è giornalismo di inchiesta, è un illecito. 

sentenze

Lavoratore gioca a solitario: licenziamento legittimo (Cass. 13266/18)

Lavoratore gioca al computer: legittima estrapolazione dati dal computer dell'ufficio per licenziamento disciplinare. 

sentenze

Fotografie di personaggio famoso e sfruttamento economico (Trib. Milano, 10019/15 RG)

Per esporre ai fini di lucro la fotografia di una persona (anche se famosa) ci vuole il suo consenso. 

sentenze

Amministratore di pagina facebook responsabile dei dati degli utenti (CGUE, 210/16)

Facebook e amministratore di una fanpage sono eguamente responabili per i dati degli utenti.

sentenze

Datore di lavoro diffonde dati giudiziari del dipendente: condannato (CAss 14242/18)

Il datore di lavoro nel trattare sia pure per ifnalità legititme i dati giudiziari del dipendente deve adottare particolari cautele.

sentenze

Consenso a trattamento dati per fini pubblicitari (Cass. 9982/16)

La prestazione del consenso al trattamento dei dati personali c.d. comuni non è soggetta al requisito della forma scritta, ma, a differenza che per i dati sensibili, può essere espressa anche oralmente purchè venga documentata per iscritto.

sentenze

Registra di nascosto al lavoro: no licenziamento disciplinare , ma .. (Cass. 11322/18)
Il diritto di difesa non va considerato limitato alla pura e semplice sede processuale, estendendosi a tutte quelle attività dirette ad acquisire prove in essa utilizzabili, ancor prima che la...

sentenze

Sequestri presso giornalisti: va tutelata libertà di stampa (Cass. 9989/18)

Sequestri presso giornalisti vanno calibrati su libertà di stampa. 

sentenze

Danni da videoriprese di spazi pertinenziali aperti (Trib Catania 31.1.2018)

Videoripresa di spazi pertinenziali aperti non costituiscono reato ma possono dar luogo a un risarcimento del danno per violazione al diritto alla riservatezza in ambito domestico.

1 2 3 4 5 6 7