Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Argomento: videosorveglianza

Sentenze

Fotografata dal vicino nuda in doccia: nessun reato (Cass. 372/19)

E' lecito filmare o fotografare atti che si svolgono nel domicilio altrui se si tratta di atti visibili dall'esterno.

Sentenze

Videoriprese con intento difensivo sono reato? (Cass. 58470/18)

E' lecito reagire con videoriprese a disturbi di terzi.

Sentenze

Filma di nascosto in ospedale: è interferenza illecita nella vita privata (Cass. 47123/18)

Ambulatorio e sala gessi sono luoghi di privata dimora: filmare di nascosto è reato.

Sentenze

Videoriprese legittime anche su balconi di terzi (Cass. 39293/18)

La telecamera riprende fatti avvenuti su proprietà visibile altrui? Pienamente utilizzabili come prove.

Sentenze

Videosorveglianza sul lavoro: il consenso dei dipendenti non basta (CAss. 38882/18)

Datore di lavoro che installa imianto di videosorveglianza deve seguire una procedura apposita, non bastando il consenso dei dipendenti.

Sentenze

Registrare la moglie nuda a sua insaputa è reato (Cass. 36109/18)

A casa propria non può registrare quel che si vuole: se non c'è volontà di condivisione, violare l'intimità è reato. 

Sentenze

Danni da videoriprese di spazi pertinenziali aperti (Trib Catania 31.1.2018)

Videoripresa di spazi pertinenziali aperti non costituiscono reato ma possono dar luogo a un risarcimento del danno per violazione al diritto alla riservatezza in ambito domestico.

Sentenze

Registrazione tagliata, prova inutilizzabile a sfavore della difesa (Cass. 1422/18)

Registrazione tra presenti tagliuzzata, prova non attendibile (ma utilizzabile a favore della difesa).

Sentenze

Immagine costituisce dato personale (Cass.13663/16)

L'immagine di una persona registrata da una telecamera costituisce un dato personalee quindi va data l'informativa pima dell'accesso agli spazi videoregistrati.

Sentenze

Videocamere segrete in bagno? Solo una molestia (Cass. 10418/16)
Carpire immagini in un bagno pubblico con telecamera nascosta è (solo) molestia.   Corte di Cassazione sez. V Penale, sentenza 15 ottobre 2015 ? 11 marzo 2016, n.

1 2