Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Argomento: estorsione

Decisioni

Richiedere denaro per mantenere silenzio su rapporti sessuali è reato (Cass. 14222/21)

Chiedere denaro per non rivelare rapporti sessuali è reato.

Decisioni

Dolo differenzia estorsione ed esercizio arbitrario (Cass., 29541/20)

Differenza fra esercizio arbitrario e estorsione è l'elemento psicologico: alla speciale veemenza del comportamento violento o minaccioso può riconoscersi valenza di elemento sintomatico del dolo di estorsione.

Decisioni

Progettazione di un male immaginario: truffa o estorsione? (Cass.18542/20)

La diagnosi differenziale tra il reato di truffa e quello di estorsione dipende dal fatto se il male minacciato sia reale o immaginario e se questo dipenda dall’agente o da altri?

Decisioni

Commette reato l'avvocato che chiede denaro a controparte con minaccia (Cass. 29585/19)

Avvocato che minaccia azioni giudiziali in caso di mancato pagamento: è reato. 

Decisioni

"Lo dico alla mamma": è estorsione o truffa? (Cass. 26102/19)

Minacciare di rilevare lo status Diu consumatore di sostanza stupefacente per ottenere un certo comportamento  è truffa o estorsione? 

Decisioni

Reato farsi giustizia da sé staccando utenze all'ex (Cass.13407/19)

farsi giustizia da soli è consentito solo in casi rarissimi, dovendosi il cittadino sempre rivolgere al giudice in caso di contestazioni.

Decisioni

Creditore esagera, condannato per estorsione (Cass.8467/19)

Il creditore non può minacciare per farsi pagare, commettendo altrimenti reato.

Decisioni

Farsi giustizia da soli: quale reato? (Cass. 46288/16)

Estorsione se l’agente persegue il conseguimento di un profitto nella piena consapevolezza della sua ingiustizia.

 

Decisioni

Estorsione o esercizio arbitrario (Cass. 11453/16)

Il reato di estorsione si caratterizza per la volontà dell’agente di costringere della vittima, e di annullarne le facoltà volitive trasformandola in una esecutrice forzata delle sue pretese.

Decisioni

Diritto della prostituta alla retribuzione (Trib. Roma, 7 maggio 2014)
La prostituta per evitare di aggravare la situazione di disparità nei rapporti con il cliente ha diritto ad essere retribuita per la prestazione sessuale; il profitto che ne consegue non...

1 2