Risorse

17 Oct 2016
Sentenze

Legittimo reagire a condotte illegittime del pubblico ufficiale (Cass. 43894/16)

Cassaione penale

Argomenti correlati: resistenza a pubblico ufficiale

Quando il pubblico ufficiale pone in essere una condotta oggettivamente illegittima, in assenza dei necessari presupposti legittimanti, e sulla base di una decisione da lui assunta autonomamente o comunque al...

Leggi di più su 'Legittimo reagire a condotte illegittime del pubblico ufficiale (Cass. 43894/16)'...
13 Oct 2016
Sentenze

Reati sessuali su minori impongono perizia (Cass. 43245/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: reati sessuali

Con riferimento a reati sessuali su minori in tenera età è illegittimo il rifiuto del giudice di disporre una perizia psicologica in contraddittorio al fine di accertare l'aderenza alla realtà...

Leggi di più su 'Reati sessuali su minori impongono perizia (Cass. 43245/16)'...
12 Oct 2016
Sentenze

Confidenze intercettate devono essere gravi , precise, concordanti (Cass. 42981/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: indizi, intercettazioni

Gli elementi di prova raccolti nel corso delle intercettazioni di conversazioni alle quali non abbia partecipato l'imputato, costituiscono fonte di prova diretta soggetta al generale criterio valutativo dei libero convincimento...

Leggi di più su 'Confidenze intercettate devono essere gravi , precise, concordanti (Cass. 42981/16)'...
11 Oct 2016
Sentenze

Inosservanza obbligo di fermarsi non è reato (Cass. 42951/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: reati stradali

L'inosservanza dell'obbligo di fermarsi all'invito degli agenti in servizio di polizia stradale - integra la violazione amministrativa dall'art. 192, comma primo, cod. strad. e non il reato di cui all'art.

Leggi di più su 'Inosservanza obbligo di fermarsi non è reato (Cass. 42951/16) '...
7 Oct 2016
Sentenze

Divulgazione di materiale pedopornografico (Cass., 42433/16)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: pedoporn, filesharing

L'utilizzo di programmi di file sharing (Emule, ..) che comportino l'automatica condivisione dei matriale pedoporngrafico con altri utenti, non implica per ciò solo, ed in assenza di ulteriori specifici elementi,...

Leggi di più su 'Divulgazione di materiale pedopornografico (Cass., 42433/16) '...
6 Oct 2016
Sentenze

Risarcimento del danno, interessi, rivalutazione (Cass., 19987/16)

Cassazione civile

Argomenti correlati: risarcimento del danno, interessi, rivalutazione, risarcimento

Nel caso di ritardato adempimento d’una obbligazione di valore, quale è quella che ha ad oggetto il risarcimento del danno aquiliano, la liquidazione deve avvenire dapprima rivalutando il credito all’epoca...

Leggi di più su 'Risarcimento del danno, interessi, rivalutazione (Cass., 19987/16)'...
5 Oct 2016
Sentenze

Non è l'imputato a dover dare una tesi alternativa (Cass., 41968/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: ragionevole dubbio, inicidente, presunzione di innocenza

La condanna "al di là del ragionevole dubbio" significa che il reato deve essere attribuibile all'imputato con un alto grado di credibilità razionale: ciò significa che le ipotesi alternative, pur...

Leggi di più su 'Non è l'imputato a dover dare una tesi alternativa (Cass., 41968/16)'...
3 Oct 2016
Sentenze

Presenza fisica di un qualsiasi difensore non garantisce effettività (Cass. pen. 41432/16)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: diritto di difesa

L'intervento del difensore costituisce una attività di "partecipazione" e non di mera "assistenza", essendo egli impegnato, al pari del pubblico ministero, nella ricerca, individuazione, proposizione e valutazione di tutti gli...

Leggi di più su 'Presenza fisica di un qualsiasi difensore non garantisce effettività (Cass. pen. 41432/16)'...
3 Oct 2016
Sentenze

4 piante di marijuana sono reato (Cass. 41319/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: marijuana, coltivazione, stupefacenti

E' reato coltivare 4 piante di marijuana, dato che le 15 dosi prodotte dimostrno la offensività della condotta.

Leggi di più su '4 piante di marijuana sono reato (Cass. 41319/16)'...
3 Oct 2016
Articoli

Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo (MAE)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: MAE, mandato d'arresto europeo, estradizione, Diritti fondamentali, carcere

Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo tra presunzioni ed effettività. Il decalogo italiano per rilevare nel procedimento MAE il rischio di trattamento carcerario inumano o degradante (contributo di Nicola Canestrini.

Leggi di più su 'Rispetto dei diritti fondamentali in ambito europeo: il MAE'...

Recenti Pubblicazioni

Quantità non esclude uso personale (Cass. 1081/17)

Quantità e dosi ricavabili non bastano per una condanna di detenzione a fini di spaccio.

Condizioni ostative all'estradizione e valutazione politica (Cass. 386/17)

In tema di estradizione processuale convenzionale con il Brasile, il trattato non contempla la valutazione da parte dello Stato richiesto dei gravi indizi di colpevolezza, dovendo comunque verificare l’autorità giudiziaria italiana che nella documentazione trasmessa a sostegno della domanda estradizionale risultino evocate le ragioni per le quali è stato ritenuto probabile, nella prospettiva del sistema processuale dello Stato richiedente, che l’estradando abbia commesso il reato oggetto della domanda.

Estadizione negata verso la Turchia perchè non rispetta i diritti fondamentali (Cass. 54467/16)

Non può esser accolta la richiesta di estradizione della Turchia perchè non è garantito il rispeti dei diritti fondamentali.

Termine a difesa deve essere congruo (Cass. 51567/16)

Il nuovo difensore d'ufficio o di fiducia nei casi di "rinunzia, revoca o incompatibilità" ha diritto ad un termine a difesa congruo, configurandosi altrimenti una nullità a regime intermedio in forza della norma generale posta dall’art. 178, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. (in quanto incide sull’assistenza dell’imputato) che dunque va eccepita immediatamente.

Omosessuale non è un offesa (Cass. 50659/16)

E' da escludere che il termine "omosessuale" (a differenza di appellattivi che pur indicando le prefernze sessuali sono denigratori) abbia conservato nel presente contesto storico un significato intrinsecamente offensivo come, forse, poteva ritenersi in un passato nemmeno tanto remoto.

Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)

Nel caso di rformatio in pejus della setneza di primo grado, il giudice di appello debba porre in essere i poteri d’integrazione probatoria e procedere all’assunzione diretta dei dichiaranti per ritenere raggiunta la prova della colpevolezza dell’imputato, in riforma della sentenza appellata?