Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Errore dell'avvocato pregiudica processo equo (US Supreme Court, Strickland, 1984)

14 Maggio 1984, , Corte suprema degli Stati Uniti
avvocato trib saul lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America in tema di giusto processo garantito dal Sesto Emendamento ha ritenuto che questo implichi per l’imputato diritto a un avvocato che fornisca "un'assistenza ragionevolmente efficace data la totalità delle circostanze":, dovendo l'imputato dimostrare, in primo luogo, che la prestazione dell'avvocato (a) è stata carente e, in secondo luogo, che la prestazione carente ha (b) pregiudicato la difesa in modo da privare l'imputato di un processo equo:

a.       lo standard corretto per giudicare la prestazione dell'avvocato è quello di un'assistenza ragionevolmente efficace, considerando tutte le circostanze del procedimento. Quando un imputato condannato lamenta l'inefficacia dell'assistenza dell'avvocato, deve dimostrare che la sua rappresentanza è stata inferiore a uno standard oggettivo di ragionevolezza. Lo scrutinio giudiziario delle prestazioni dell'avvocato deve essere molto deferente e una valutazione equa delle prestazioni dell'avvocato richiede che venga fatto ogni sforzo per eliminare gli effetti distorsivi del senno di poi, per ricostruire le circostanze della condotta contestata dell'avvocato e per valutare la condotta dalla prospettiva dell'avvocato in quel momento. La corte deve concedere una forte presunzione che la condotta dell'avvocato rientri nell'ampia gamma di assistenza professionale ragionevole. Questi standard non necessitano di particolari ampliamenti per definire il dovere di investigazione dell'avvocato, il dovere in questione in questo caso;

b.       (b) per quanto riguarda la necessaria dimostrazione del pregiudizio, lo standard corretto richiede che l'imputato dimostri che esiste una ragionevole probabilità che, se non fosse stato per gli errori non professionali dell'avvocato, il risultato del procedimento sarebbe stato diverso. Una ragionevole probabilità è una probabilità sufficiente a minare la fiducia nel risultato. Un tribunale che esamina una richiesta di inefficacia deve considerare la totalità delle prove presentate al giudice o alla giuria[1].


(originale https://supreme.justia.com/cases/federal/us/466/668/, traduzione meccanica non ufficiale)

 

Corte suprema Degli Stati Uniti
Strickland v. Washington, 466 U.S. 668 (1984)
Discusso: 10 gennaio 1984
Deciso: 14 maggio 1984

Lo standard appropriato per l'assistenza inefficace dell'avvocato richiede sia che l'avvocato della difesa sia stato oggettivamente carente sia che vi sia una ragionevole probabilità che un avvocato competente avrebbe portato a un risultato diverso.

Corte Suprema degli Stati Uniti
Strickland v. Washington, 466 U.S. 668 (1984)

Strickland v. Washington

N. 82-1554

Discusso il 10 gennaio 1984

Deciso il 14 maggio 1984

466 STATI UNITI 668

Washington

N. 82-1554

Discusso il 10 gennaio 1984

Deciso il 14 maggio 1984

466 U.S. 668

CERTIORARI ALLA CORTE D'APPELLO DEGLI STATI UNITI

PER L'UNDICESIMO CIRCUITO

Riassunto

L'imputato si è dichiarato colpevole in un tribunale della Florida di un'accusa che comprendeva tre omicidi capitali. Durante il colloquio di patteggiamento, l'imputato ha dichiarato al giudice che, sebbene avesse commesso una serie di furti con scasso, non aveva precedenti penali significativi e che, all'epoca del suo raptus criminale, era in preda a un forte stress causato dall'incapacità di mantenere la famiglia. Il giudice del processo ha detto all'intervistato di avere "molto rispetto per le persone che sono disposte a farsi avanti e ad ammettere le proprie responsabilità". Nel preparare l'udienza di condanna, l'avvocato della difesa ha parlato con l'intervistato del suo passato, ma non ha cercato testimoni della personalità né ha richiesto un esame psichiatrico. La decisione dell'avvocato di non presentare prove sul carattere e sullo stato emotivo dell'imputato rifletteva il suo giudizio secondo cui era consigliabile affidarsi al colloquio di patteggiamento per ottenere prove su tali questioni, impedendo così allo Stato di controinterrogare l'imputato e di presentare prove psichiatriche proprie. L'avvocato non ha richiesto un rapporto di presenza, perché avrebbe incluso i precedenti penali dell'intervistato e quindi avrebbe minato l'affermazione di assenza di precedenti penali significativi. Trovando numerose circostanze aggravanti e nessuna circostanza attenuante, il giudice del processo ha condannato l'imputato a morte per ciascuno dei capi d'accusa di omicidio. La Corte Suprema della Florida ha confermato la sentenza e l'imputato ha quindi richiesto un'istanza collaterale presso il tribunale statale, sostenendo, tra l'altro, che l'avvocato aveva reso un'assistenza inefficace durante il procedimento di condanna sotto diversi aspetti, tra cui la mancata richiesta di una perizia psichiatrica, la mancata indagine e presentazione di testimoni di carattere e la mancata richiesta di una relazione di presentazione. Il tribunale di primo grado ha negato l'assistenza e la Corte Suprema della Florida ha confermato la decisione. L'imputato ha quindi presentato un'istanza di habeas corpus presso la Corte distrettuale federale, avanzando numerose motivazioni, tra cui la richiesta di assistenza inefficace da parte dell'avvocato. Dopo un'udienza probatoria, la Corte distrettuale ha negato l'assistenza, concludendo che, sebbene l'avvocato abbia commesso errori di valutazione nel non indagare più a fondo sulle prove attenuanti, nessun pregiudizio alla sentenza dell'imputato è derivato da tale errore di valutazione. La Corte d'Appello ha infine ribaltato la sentenza, affermando che il Sesto Emendamento accorda agli imputati penali un diritto a un avvocato che fornisca "un'assistenza ragionevolmente efficace data la totalità delle circostanze". Dopo aver delineato gli standard per giudicare se un avvocato della difesa abbia adempiuto al dovere di indagare su circostanze attenuanti non previste dalla legge e se gli errori dell'avvocato siano stati sufficientemente pregiudizievoli da giustificare l'annullamento, la Corte d'Appello ha rinviato il caso per l'applicazione degli standard.

Ritenuto che:

1. Il diritto del Sesto Emendamento all'assistenza legale è il diritto all'assistenza effettiva dell'avvocato, e il punto di riferimento per giudicare qualsiasi reclamo di inefficacia deve essere se la condotta dell'avvocato ha compromesso a tal punto il corretto funzionamento del processo in contraddittorio che non si può fare affidamento sul fatto che il processo abbia prodotto un risultato giusto. Lo stesso principio si applica a un procedimento di condanna capitale - come quello previsto dalla legge della Florida - che è sufficientemente simile a un processo nella sua forma di contraddittorio e nell'esistenza di standard decisionali, in modo che il ruolo dell'avvocato nel procedimento sia paragonabile a quello dell'avvocato nel processo. Pp. 466 U. S. 684-687.

2. L'affermazione di un imputato condannato che l'assistenza dell'avvocato è stata così carente da richiedere la revoca di una condanna o l'annullamento di una sentenza di morte richiede che l'imputato dimostri, in primo luogo, che la prestazione dell'avvocato è stata carente e, in secondo luogo, che la prestazione carente ha pregiudicato la difesa in modo da privare l'imputato di un processo equo. Pp. 466 U.S. 687-696.

(a) Lo standard corretto per giudicare la prestazione dell'avvocato è quello di un'assistenza ragionevolmente efficace, considerando tutte le circostanze. Quando un imputato condannato lamenta l'inefficacia dell'assistenza dell'avvocato, deve dimostrare che la sua rappresentanza è stata inferiore a uno standard oggettivo di ragionevolezza. Lo scrutinio giudiziario delle prestazioni dell'avvocato deve essere molto deferente e una valutazione equa delle prestazioni dell'avvocato richiede che venga fatto ogni sforzo per eliminare gli effetti distorsivi del senno di poi, per ricostruire le circostanze della condotta contestata dell'avvocato e per valutare la condotta dalla prospettiva dell'avvocato in quel momento. La corte deve concedere una forte presunzione che la condotta dell'avvocato rientri nell'ampia gamma di assistenza professionale ragionevole. Questi standard non necessitano di particolari ampliamenti per definire il dovere di investigazione dell'avvocato, il dovere in questione in questo caso. Pp. 466 U.S. 687-691.

(b) Per quanto riguarda la necessaria dimostrazione del pregiudizio, lo standard corretto richiede che l'imputato dimostri che esiste una ragionevole probabilità che, se non fosse stato per gli errori non professionali dell'avvocato, il risultato del procedimento sarebbe stato diverso. Una ragionevole probabilità è una probabilità sufficiente a minare la fiducia nel risultato. Un tribunale che esamina una richiesta di inefficacia deve considerare la totalità delle prove presentate al giudice o alla giuria. Pp. 466 U. S. 691-696.

Pagina 466 U. S. 670

3. Una serie di considerazioni pratiche sono importanti per l'applicazione degli standard sopra esposti. Gli standard non stabiliscono regole meccaniche; il fulcro dell'indagine deve essere l'equità fondamentale del procedimento il cui risultato viene contestato. Non è necessario che il tribunale stabilisca se la prestazione dell'avvocato sia stata carente prima di esaminare il pregiudizio subito dall'imputato a causa delle presunte carenze. Se è più facile eliminare una richiesta di inefficacia sulla base della mancanza di un pregiudizio sufficiente, si dovrebbe seguire questa strada. I principi che regolano le richieste di inefficacia si applicano nei procedimenti collaterali federali come in appello diretto o nelle richieste di un nuovo processo. Inoltre, in un procedimento federale di habeas contro una sentenza penale statale, la conclusione del tribunale statale che l'avvocato abbia prestato un'assistenza efficace non è una constatazione di fatto vincolante per il tribunale federale nella misura stabilita dal 28 U.S.C. § 2254(d), ma è una questione mista di diritto e di fatto. Pp. 466 U. S. 696-698.

4. I fatti di questo caso chiariscono che la condotta dell'avvocato durante e prima del procedimento di condanna del convenuto non può essere ritenuta irragionevole in base agli standard di cui sopra. Inoltre, anche supponendo che la condotta dell'avvocato sia stata irragionevole, l'imputato non ha subito un pregiudizio sufficiente a giustificare l'annullamento della sua condanna a morte. Pp. 466 U. S. 698-700.

693 F.2d 1243, annullato.

O'CONNOR, J., ha espresso il parere della Corte, a cui si sono uniti BURGER, C.J., e WHITE, BLACKMUN, POWELL, REHNQUIST e STEVENS, JJ. BRENNAN, J., ha presentato un'opinione di parziale partecipazione e parziale dissenso, post, p. 466 U. S. 701. MARSHALL, J., ha presentato un'opinione dissenziente, post, p. 466 U. S. 706.

Pagina 466 U. S. 671

Il Giudice O'CONNOR ha espresso l'opinione della Corte.

Questo caso ci obbliga a considerare i criteri corretti per giudicare l'affermazione di un imputato che la Costituzione richiede l'annullamento di una condanna o di una sentenza di morte a causa dell'inefficacia dell'assistenza dell'avvocato durante il processo o la sentenza.

I

A

Durante un periodo di 10 giorni nel settembre del 1976, l'imputato ha pianificato e commesso tre gruppi di crimini, che comprendevano

Pagina 466 U. S. 672

tre brutali omicidi a coltellate, torture, rapimenti, gravi aggressioni, tentativi di omicidio, tentativi di estorsione e furti. Dopo l'arresto dei suoi due complici, l'imputato si è consegnato alla polizia e ha rilasciato volontariamente una lunga dichiarazione in cui confessava il terzo degli episodi criminali. Lo Stato della Florida ha incriminato l'imputato per rapimento e omicidio e ha nominato un avvocato penalista esperto per rappresentarlo.

L'avvocato si è adoperato attivamente per le mozioni preprocessuali e le indagini. Tuttavia, ha interrotto i suoi sforzi e ha provato un senso di disperazione per il caso, quando ha saputo che, contro il suo specifico consiglio, l'imputato aveva confessato anche i primi due omicidi. Alla data fissata per il processo, l'imputato era accusato di tre capi d'imputazione per omicidio di primo grado e di molteplici capi d'imputazione per rapina, rapimento a scopo di riscatto, violazione di domicilio e aggressione, tentato omicidio e associazione a delinquere finalizzata alla rapina. L'imputato ha rinunciato al diritto a un processo con giuria, anche in questo caso agendo contro il parere dell'avvocato, e si è dichiarato colpevole di tutte le accuse, comprese le tre di omicidio capitale.

Nel corso del colloquio di patteggiamento, l'imputato ha dichiarato al giudice del processo che, sebbene avesse commesso una serie di furti con scasso, non aveva precedenti penali significativi e che, all'epoca del suo raptus criminale, si trovava in una situazione di stress estremo causato dall'incapacità di mantenere la famiglia. App. 50-53. Tuttavia, ha anche dichiarato di essersi assunto la responsabilità dei crimini. Ad esempio, id. a 54, 57. Il giudice ha detto all'intervistato di avere "molto rispetto per le persone che sono disposte a farsi avanti e ad ammettere le proprie responsabilità", ma che non stava facendo alcuna dichiarazione sulla sua probabile decisione di condanna. Id. a 62.

L'avvocato ha consigliato all'imputato di invocare il suo diritto, previsto dalla legge della Florida, a una giuria consultiva durante l'udienza per la condanna capitale. L'imputato ha rifiutato il consiglio e ha rinunciato al diritto. Ha invece scelto di essere condannato dal giudice del processo senza la raccomandazione della giuria.

Nel preparare l'udienza di condanna, l'avvocato ha parlato con l'imputato del suo passato. Ha anche parlato di

Pagina 466 U. S. 673

telefono con la moglie e la madre dell'imputato, anche se non ha dato seguito all'unico tentativo fallito di incontrarli. Non ha cercato altri testimoni a favore dell'imputato. App. to Pet. for Cert. A265. Non ha nemmeno richiesto un esame psichiatrico, dal momento che le conversazioni con il suo cliente non hanno fornito indicazioni sul fatto che l'intervistato avesse problemi psicologici. Id. a A266.

Il legale decise di non presentare, e quindi di non cercare ulteriormente, prove sul carattere e sullo stato emotivo dell'intervistato. Questa decisione rifletteva il senso di disperazione del consulente legale nel superare l'effetto probatorio delle confessioni dell'intervistato sui crimini raccapriccianti. Cfr. id. a A282. Rifletteva anche il giudizio secondo cui era consigliabile basarsi sul colloquio di patteggiamento per ottenere prove sul background dell'intervistato e sulla sua affermazione di stress emotivo: il colloquio di patteggiamento comunicava informazioni sufficienti su questi argomenti e, rinunciando all'opportunità di presentare nuove prove su questi argomenti, il legale ha impedito allo Stato di controinterrogare l'intervistato sulla sua affermazione e di presentare prove psichiatriche a sua volta. Id. a A223-A225.

Il legale ha anche escluso dall'udienza di condanna altre prove che riteneva potenzialmente dannose. Ha chiesto con successo di escludere la "fedina penale" dell'imputato. Id. a A227; App. 311. Poiché ha ritenuto che un rapporto di presenza avrebbe potuto rivelarsi più dannoso che utile, in quanto avrebbe incluso i precedenti penali dell'intervistato e quindi avrebbe minato l'affermazione di assenza di precedenti penali significativi, non ha richiesto la preparazione di un rapporto. App. a Pet. for Cert. A227-A228, A265-A266.

All'udienza di condanna, la strategia dell'avvocato si è basata principalmente sulle osservazioni del giudice del processo durante il colloquio di patteggiamento e sulla sua reputazione di giudice di condanna che riteneva importante che un imputato condannato ammettesse il proprio crimine. L'avvocato ha sostenuto che il rimorso e l'accettazione di responsabilità dell'imputato giustificavano il fatto che non fosse sottoposto alla pena di morte. Id. a A265-A266. L'avvocato ha anche sostenuto che l'imputato non aveva precedenti di attività criminale e che aveva commesso un crimine di cui era responsabile.

Pagina 466 U. S. 674

i reati in condizioni di estremo disturbo mentale o emotivo, rientrando così nell'elenco delle circostanze attenuanti previste dalla legge. Ha inoltre sostenuto che l'imputato dovrebbe essere risparmiato dalla morte perché si è arreso, ha confessato e si è offerto di testimoniare contro un coimputato, e perché l'imputato è fondamentalmente una brava persona che ha sbagliato per un breve periodo in circostanze estremamente stressanti. Lo Stato ha presentato prove e testimoni in gran parte allo scopo di descrivere i dettagli dei crimini. L'avvocato non ha controinterrogato i periti medici che hanno testimoniato sulle modalità di morte delle vittime dell'imputato.

Il giudice del processo ha riscontrato diverse circostanze aggravanti in relazione a ciascuno dei tre omicidi. Ha riscontrato che tutti e tre gli omicidi sono stati particolarmente efferati, atroci e crudeli, e tutti hanno comportato ripetute pugnalate. Tutti e tre gli omicidi sono stati commessi nel corso di almeno un altro reato pericoloso e violento e, poiché tutti hanno riguardato una rapina, gli omicidi erano a scopo di lucro. Tutti e tre gli omicidi sono stati commessi per evitare l'arresto per i reati connessi e per ostacolare le forze dell'ordine. Nel corso di uno degli omicidi, l'imputato ha consapevolmente sottoposto numerose persone a un grave rischio di morte, accoltellando e sparando deliberatamente alle cognate della vittima, che hanno riportato gravi ferite, in un caso addirittura mortali.

Per quanto riguarda le circostanze attenuanti, il giudice del processo ha fatto le stesse constatazioni per tutti e tre gli omicidi capitali. In primo luogo, sebbene non siano state ammesse prove di condanne precedenti, l'imputato ha dichiarato di aver commesso furti. In ogni caso, anche se l'imputato non avesse avuto una storia significativa di attività criminali, le circostanze aggravanti "sarebbero comunque chiaramente di gran lunga superiori" a questo fattore attenuante. In secondo luogo, il giudice ha rilevato che, durante tutti e tre i crimini, l'imputato non soffriva di disturbi mentali o emotivi estremi e poteva rendersi conto della criminalità dei suoi atti. In terzo luogo, nessuna delle vittime ha partecipato o acconsentito alla condotta dell'imputato. Quarto, il comportamento dell'imputato

Pagina 466 U. S. 675

partecipazione dell'imputato ai reati non era né minore né il risultato di una costrizione o di un dominio da parte di un complice. Infine, l'età dell'imputato (26 anni) non poteva essere considerata un fattore di attenuazione, soprattutto se considerata alla luce della sua pianificazione dei reati e della disposizione dei proventi dei vari furti.

In breve, il giudice del processo ha riscontrato numerose circostanze aggravanti e nessuna (o una sola relativamente insignificante) circostanza attenuante. In relazione a ciascuna delle tre condanne per omicidio capitale, il giudice del processo ha concluso che:

"Un'attenta considerazione di tutte le questioni presentate alla corte spinge a concludere che non ci sono circostanze attenuanti sufficienti . . per compensare le circostanze aggravanti".

Washington v. State, 362 So. 2d 658, 663-664 (Fla.1978) (citando le conclusioni del tribunale), certificato negato, 441 U.S. 937 (1979). Il giudice ha quindi condannato l'imputato a morte per ciascuno dei tre capi d'accusa di omicidio e a pene detentive per gli altri reati. La Corte Suprema della Florida ha confermato le condanne e le sentenze in appello diretto.

B

L'imputato ha successivamente chiesto un risarcimento collaterale presso il tribunale statale per numerosi motivi, tra cui l'inefficacia dell'assistenza fornita dall'avvocato durante il procedimento di condanna. L'imputato ha contestato l'assistenza dell'avvocato sotto sei aspetti. Ha affermato che l'avvocato è stato inefficace perché non ha chiesto un rinvio per prepararsi alla sentenza, non ha richiesto una perizia psichiatrica, non ha indagato e presentato i testimoni della personalità, non ha richiesto un rapporto di indagine di presentazione, non ha presentato argomentazioni significative al giudice della sentenza e non ha indagato sui rapporti del medico legale o controinterrogato i periti medici. A sostegno della richiesta, l'intervistato ha presentato 14 dichiarazioni giurate di amici, vicini e parenti che affermano che avrebbero testimoniato se gli fosse stato chiesto. Ha inoltre presentato una perizia psichiatrica e una psicologica in cui si afferma che l'intervistato, pur non essendo sotto l'influenza di un'altra persona, ha subito un'infrazione.

Pagina 466 U. S. 676

di un disturbo mentale o emotivo estremo, era "cronicamente frustrato e depresso a causa del suo dilemma economico" all'epoca dei suoi crimini. App. 7; si veda anche id. a 14.

Il tribunale ha negato l'assoluzione senza un'udienza probatoria, ritenendo che le prove registrate dimostrassero in modo conclusivo che la richiesta di inefficacia era priva di fondamento. App. a Pet. for Cert. A206-A243. Quattro degli errori asseritamente pregiudizievoli richiedono poca discussione. In primo luogo, non c'erano motivi per richiedere un rinvio, quindi non c'è stato alcun errore nel non richiederlo quando l'imputato si è dichiarato colpevole. Id. a A218-A220. In secondo luogo, la mancata richiesta di un'indagine di coscienza non è stata un errore grave, perché il giudice del processo aveva il potere discrezionale di non accogliere tale richiesta e perché qualsiasi indagine di coscienza avrebbe portato all'ammissione della "fedina penale" dell'intervistato, e quindi avrebbe minato la sua affermazione di non avere precedenti significativi di attività criminale. Id. a A226-A228. In terzo luogo, l'argomentazione e il memorandum forniti al giudice della sentenza erano "ammirevoli" alla luce delle schiaccianti circostanze aggravanti e dell'assenza di circostanze attenuanti. Id. a A228. In quarto luogo, non vi è stato alcun errore nel non esaminare i rapporti del medico legale o nel non controinterrogare i testimoni medici che hanno testimoniato sulle modalità di morte delle vittime dell'imputato, dal momento che quest'ultimo ha ammesso che le vittime sono morte nei modi indicati dalle prove mediche non contestate. Id. a A229.

Il tribunale si è soffermato più a lungo sulle altre due basi della richiesta di inefficacia. Il tribunale ha sottolineato che un esame psichiatrico dell'imputato è stato condotto per ordine dello Stato subito dopo la sua prima accusa. Tale relazione afferma che non vi erano indicazioni di una grave malattia mentale all'epoca dei reati. Inoltre, entrambe le relazioni presentate nel procedimento collaterale affermano che, sebbene l'imputato fosse "cronicamente frustrato e depresso a causa del suo dilemma economico", non era sotto l'influenza di un disturbo mentale o emotivo estremo. Tutti e tre

Pagina 466 U. S. 677

tutti e tre i rapporti minano quindi direttamente l'affermazione fatta all'udienza di condanna secondo cui l'imputato soffriva di un disturbo mentale o emotivo estremo durante la sua follia criminale. Di conseguenza, l'avvocato poteva ragionevolmente decidere di non richiedere le perizie psichiatriche; infatti, basandosi esclusivamente sul colloquio di patteggiamento per sostenere la tesi del disturbo emotivo, l'avvocato ha negato allo Stato l'opportunità di confutare la sua affermazione con una testimonianza psichiatrica. In ogni caso, le circostanze aggravanti erano così schiaccianti che nessun pregiudizio sostanziale è risultato dall'assenza, al momento della sentenza, della prova psichiatrica offerta nell'attacco collaterale.

Il tribunale ha respinto la contestazione del mancato sviluppo e della mancata presentazione delle prove caratteriali da parte dell'avvocato per le stesse ragioni. Gli affidavit presentati nel procedimento collaterale non dimostravano altro che alcune persone avrebbero testimoniato che l'imputato era fondamentalmente una brava persona preoccupata per i problemi finanziari della sua famiglia. L'imputato stesso aveva già testimoniato in tal senso durante il colloquio di patteggiamento. Inoltre, l'ammissione da parte dell'imputato di una condotta di furto ha confutato molte delle affermazioni fattuali contenute negli affidavit. Per queste ragioni, e poiché il giudice aveva dichiarato che la condanna a morte sarebbe stata appropriata anche se l'imputato non avesse avuto precedenti penali significativi, non è risultato alcun pregiudizio sostanziale dall'assenza, durante la sentenza, delle prove caratteriali offerte nell'attacco collaterale.

Applicando lo standard per le richieste di inefficacia articolato dalla Corte Suprema della Florida in Knight v. State, 394 So. 2d 997 (1981), il tribunale ha concluso che l'intervistato non aveva dimostrato che l'assistenza dell'avvocato riflettesse una qualsiasi carenza sostanziale e grave, misurabile al di sotto di quella di un avvocato competente, che avrebbe probabilmente influenzato l'esito del procedimento di condanna. Il tribunale ha specificamente rilevato che:

"[Per quanto riguarda la legge, il fascicolo dimostra in modo incontrovertibile che, anche se [l'avvocato] avesse fatto ognuna delle ... cose [che l'intervistato sosteneva che l'avvocato avesse omesso di fare], non ci sarebbe stato alcun dubbio.]

Pag. 466 U. S. 678

al momento della sentenza, non c'è nemmeno la più remota possibilità che il risultato sarebbe stato diverso. Il fatto evidente è che le circostanze aggravanti provate in questo caso erano completamente schiaccianti. . . ."

App. to Pet. for Cert. A230.

La Corte Suprema della Florida ha confermato il diniego del provvedimento. Washington v. State, 397 So. 2d 285 (1981). Per le stesse ragioni addotte dalla corte d'appello, la Corte Suprema dello Stato ha concluso che l'intervistato non era riuscito a creare un caso prima facie di "carenza sostanziale o di possibile pregiudizio" e, anzi, aveva "fallito a tal punto che riteniamo, al punto di una certezza morale, che non abbia diritto ad alcun sollievo. . . ." Id. a 287. Le richieste del convenuto sono state "dimostrate in modo definitivo come prive di fondamento, così da evitare la necessità di un'udienza probatoria". Id. a 286.

C

L'imputato ha poi presentato una petizione per un mandato di habeas corpus presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida. L'imputato ha avanzato numerose motivazioni, tra cui l'inefficace assistenza dell'avvocato, basata sugli stessi errori, ad eccezione della mancata richiesta di un rinvio, che aveva individuato nel tribunale statale. La Corte distrettuale ha tenuto un'udienza probatoria per indagare sugli sforzi compiuti dall'avvocato per indagare e presentare le circostanze attenuanti. L'imputato ha offerto gli affidavit e i rapporti che aveva presentato nel procedimento collaterale statale; ha inoltre chiamato a testimoniare il suo consulente legale. Lo Stato della Florida, su obiezione dell'imputato, ha chiamato a testimoniare il giudice del processo.

La Corte distrettuale non ha contestato nessuna delle conclusioni fattuali del tribunale statale in merito all'assistenza del consulente legale e ha fatto delle conclusioni proprie che sono coerenti con le conclusioni del tribunale statale. Il resoconto delle azioni e delle decisioni del consulente legale riportato sopra riflette le conclusioni combinate. Per quanto riguarda la questione giuridica dell'inefficacia, la Corte distrettuale ha concluso che, sebbene i consulenti legali abbiano commesso errori di valutazione nel non

Pagina 466 U. S. 679

non ha approfondito le prove attenuanti non previste dalla legge, nessun pregiudizio alla sentenza dell'imputato è derivato da tale errore di giudizio. Basandosi in parte sulla testimonianza del giudice del processo, ma anche sugli stessi fattori che hanno portato i tribunali statali a non riscontrare alcun pregiudizio, la Corte distrettuale ha concluso che "non sembra esserci una probabilità, o anche una possibilità significativa" che eventuali errori dell'avvocato del processo abbiano influenzato l'esito del procedimento di condanna. App. to Pet. for Cert. A285-A286. La Corte distrettuale ha poi respinto tutti gli altri motivi di ricorso del convenuto, compreso quello non esaurito nel tribunale statale, che la Corte distrettuale ha preso in considerazione perché, tra le altre ragioni, lo Stato ne aveva sollecitato l'esame. Id. a A286-A292. La corte ha quindi respinto la richiesta di un mandato di habeas corpus.

In appello, un collegio della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quinto Circuito ha confermato in parte, annullato in parte e rinviato con istruzioni di applicare ai fatti specifici il quadro per l'analisi delle richieste di inefficacia sviluppato nel suo parere. 673 F.2d 879 (1982). La decisione della giuria è stata a sua volta annullata quando l'Unità B dell'ex Quinto Circuito, ora Undicesimo Circuito, ha deciso di riesaminare il caso en banc. 679 F.2d 23 (1982). La Corte d'Appello ha sviluppato un proprio quadro di riferimento per l'analisi delle richieste di assistenza inefficace e ha annullato la sentenza della Corte distrettuale, rinviando il caso per un nuovo accertamento dei fatti in base ai nuovi standard annunciati. 693 F.2d 1243 (1982).

La corte ha notato all'inizio che, poiché il convenuto aveva sollevato una richiesta non esaurita durante l'udienza probatoria presso la Corte distrettuale, la petizione habeas poteva essere caratterizzata come una petizione mista soggetta alla regola di Rose v. Lundy, 455 U. S. 509 (1982), che richiedeva il rigetto dell'intera petizione. La corte ha ritenuto, tuttavia, che il requisito dell'esaurimento è "una questione di comity, piuttosto che una questione di giurisdizione", e quindi ammette eccezioni. La Corte ha concordato con la Corte distrettuale che questo caso rientrava in un'eccezione alla regola della petizione mista. 693 F.2d a 1248, n. 7.

Pagina 466 U. S. 680

Passando al merito, la Corte d'Appello ha affermato che il diritto del Sesto Emendamento all'assistenza del legale accorda agli imputati penali il diritto a "un legale che sia ragionevolmente in grado di fornire e rendere un'assistenza ragionevolmente efficace data la totalità delle circostanze". Id. a 1250. La Corte ha osservato di sfuggita che non si applica alcuno standard speciale nei casi capitali come quello in esame: la pena che l'imputato deve affrontare è solo una delle circostanze da considerare per determinare se l'assistenza legale è stata ragionevolmente efficace. Id. a 1250, n. 12. La corte ha poi affrontato l'affermazione del convenuto secondo cui l'assistenza del suo avvocato non è stata ragionevolmente efficace perché il legale ha violato il suo dovere di indagare su circostanze attenuanti non previste dalla legge.

La corte ha convenuto che il Sesto Emendamento impone all'avvocato il dovere di indagare, perché un'assistenza ragionevolmente efficace deve basarsi su decisioni professionali e scelte legali consapevoli possono essere fatte solo dopo aver esaminato le opzioni. La corte ha osservato che le decisioni di indagine dell'avvocato devono essere valutate alla luce delle informazioni note al momento della decisione, non a posteriori, e che "la quantità di indagini preprocessuali che è ragionevole non può essere misurata con precisione". Id. a 1251. Ciononostante, mettendo da parte i casi di dichiarazione di colpevolezza, la Corte ha cercato di classificare i casi che presentano questioni relative alla portata dell'obbligo di indagine prima di procedere al processo.

Se esiste una sola linea di difesa plausibile, ha concluso la Corte, l'avvocato deve condurre un'"indagine ragionevolmente sostanziale" su quella linea di difesa, poiché non può esistere una scelta strategica che renda inutile tale indagine. Id. a 1252. Lo stesso dovere sussiste se il legale si affida al processo a una sola linea di difesa, sebbene ne siano disponibili altre. In entrambi i casi, non è necessario che l'indagine sia esaustiva. Deve includere "un esame indipendente dei fatti, delle circostanze, delle memorie e delle leggi coinvolte". Id. a 1253 (citando Rummel v. Estelle, 590 F.2d 103, 104 (CA 1979)). La portata del dovere, tuttavia, dipende

Pagina 466 U. S. 681

da fatti quali la forza del caso del governo e la probabilità che il perseguimento di certe piste possa rivelarsi più dannoso che utile. 693 F.2d a 1253, n. 16.

Se esiste più di una linea di difesa plausibile, la Corte ha affermato che l'avvocato dovrebbe idealmente indagare in modo approfondito su ciascuna linea prima di fare una scelta strategica su quale linea affidarsi al processo. Se l'avvocato conduce tali indagini sostanziali, le scelte strategiche fatte come risultato "raramente, se non mai" saranno ritenute insufficienti. Poiché l'avvocatura è un'arte e non una scienza, e poiché il sistema del contraddittorio richiede deferenza per le decisioni informate dell'avvocato, le scelte strategiche devono essere rispettate in queste circostanze se si basano sul giudizio professionale. Id. a 1254.

Se il legale non conduce un'indagine sostanziale su ciascuna delle diverse linee di difesa plausibili, l'assistenza può comunque essere efficace. Il legale non può escludere alcune linee di difesa per ragioni non strategiche. Id. a 1257-1258. Le limitazioni di tempo e di denaro, tuttavia, possono costringere a scelte strategiche precoci, spesso basate esclusivamente su colloqui con l'imputato e su una revisione delle prove dell'accusa. Tali scelte strategiche in merito alle linee di difesa da perseguire sono soggette a una deferenza commisurata alla ragionevolezza dei giudizi professionali su cui si basano. Pertanto,

"quando le ipotesi del legale sono ragionevoli, data la totalità delle circostanze, e quando la strategia del legale rappresenta una scelta ragionevole basata su tali ipotesi, il legale non è tenuto a indagare su linee di difesa che ha scelto di non utilizzare al processo".

Id. a 1255 (nota omessa). Tra i fattori rilevanti per decidere se determinate scelte strategiche siano ragionevoli vi sono l'esperienza dell'avvocato, l'incoerenza tra le linee di difesa non perseguite e quelle perseguite e il potenziale pregiudizio derivante dall'adozione di una linea di difesa non perseguita. Id. a 1256-1257, n. 23.

Dopo aver delineato gli standard per giudicare se l'avvocato della difesa ha adempiuto all'obbligo di investigazione, la Corte d'Appello ha rivolto la sua attenzione alla questione del pregiudizio per l'imputato.

Pagina 466 U. S. 682

difesa che deve essere dimostrato prima che gli errori dell'avvocato giustifichino l'annullamento della sentenza. La Corte ha osservato che solo nei casi di rifiuto assoluto dell'assistenza legale, di interferenza affermativa del governo nel processo di rappresentanza o di conflitti di interesse intrinsecamente pregiudizievoli, la Corte ha affermato che non è necessario dimostrare in modo particolare il pregiudizio. Id. a 1258-1259. Nei casi di prestazioni carenti da parte dell'avvocato, in cui il governo non è direttamente responsabile delle carenze e in cui le prove delle carenze possono essere più accessibili all'imputato che all'accusa, l'imputato deve dimostrare che gli errori dell'avvocato "hanno comportato uno svantaggio effettivo e sostanziale per il corso della sua difesa". Id. a 1262. Questo standard, ha argomentato la Corte d'Appello, è compatibile con lo standard di "causa e pregiudizio" per superare le inadempienze procedurali nei procedimenti collaterali federali, e scoraggia le richieste inconsistenti richiedendo più di una dimostrazione, che potrebbe virtualmente essere sempre fatta, di un qualche immaginabile effetto negativo sulla difesa derivante dagli errori dell'avvocato. La Corte ha concluso che la dimostrazione specifica del pregiudizio comporterebbe l'annullamento della sentenza, a meno che l'accusa non dimostri che la prestazione costituzionalmente carente sia stata, alla luce di tutte le prove, innocua oltre ogni ragionevole dubbio. Id. a 1260-1262.

La Corte d'Appello ha quindi stabilito i test da applicare nell'Undicesimo Circuito in caso di impugnazione di condanne per inefficacia dell'avvocato. Sebbene alcuni giudici della corte abbiano proposto approcci diversi per giudicare le richieste di inefficacia in generale o quando sollevate in petizioni federali di habeas da parte di prigionieri statali, id. a 1264-1280 (opinione di Tjoflat, J.); id. a 1280 (opinione di Clark, J.); id. a 1285-1288 (opinione di Roney, J., J.); id. a 1288-1291 (opinione di Hill, J.), e sebbene alcuni ritenessero che in questo caso non fosse necessario un rinvio, id. a 1281-1285 (opinione di Johnson, J., affiancato da Anderson, J.); id. a 1285-1288 (opinione di Roney, J., affiancato da Fay e Hill, J.); id. a 1288-1291 (opinione di Hill, J.), una maggioranza

Pagina 466 U. S. 683

dei giudici della corte en banc concordava sul fatto che il caso dovesse essere rinviato per l'applicazione dei nuovi standard annunciati. Respingendo sommariamente le richieste del convenuto diverse dall'inefficacia dell'avvocato, la corte ha quindi annullato la sentenza della Corte distrettuale e ha rinviato il caso. In sede di rinvio, la corte ha infine stabilito che la testimonianza del giudice di Stato, sebbene ammissibile "nella misura in cui contiene conoscenze personali di fatti storici o opinioni di esperti", non doveva essere considerata ammessa come prova per spiegare i processi mentali del giudice nel raggiungere la sua decisione di condanna. Id. a 1262-1263; cfr. Fayerweather v. Ritch, 195 U. S. 276, 195 U. S. 306-307 (1904).

D

I firmatari, che sono funzionari dello Stato della Florida, hanno presentato una petizione per un writ of certiorari che chiede la revisione della decisione della Corte d'Appello. La petizione presenta un tipo di rivendicazione del Sesto Emendamento che la Corte non ha mai considerato in modo generico. La Corte ha preso in considerazione le richieste del Sesto Emendamento basate sul rifiuto effettivo o costruttivo dell'assistenza dell'avvocato, così come le richieste basate sull'interferenza dello Stato con la capacità dell'avvocato di fornire un'assistenza efficace all'imputato. Ad esempio, United States v. Cronic, ante p. 466 U. S. 648. Ad eccezione di Cuyler v. Sullivan, 446 U. S. 335 (1980), tuttavia, che riguardava la richiesta di rendere inefficace l'assistenza dell'avvocato a causa di un conflitto di interessi, la Corte non ha mai affrontato direttamente e in modo esaustivo la richiesta di "effettiva inefficacia" dell'assistenza dell'avvocato in un caso di processo. Cfr. Stati Uniti contro Agurs, 427 U. S. 97, 427 U. S. 102, n. 5 (1976).

Nel valutare le prestazioni dell'avvocato, tutte le Corti d'Appello federali e tutti i tribunali statali, tranne pochi, hanno adottato lo standard di "assistenza ragionevolmente efficace" in una formulazione o in un'altra. Si veda Trapnell v. United States, 725 F.2d 149, 151-152 (CA2 1983); App. B al Brief for United States in United States v. Cronic, O.T. 1983, No. 82-660, pp. 3a-6a; Sarno,

Pagina 466 U. S. 684

Modern Status of Rules and Standards in State Courts as to Adequacy of Defense Counsel's Representation of Criminal Client, 2 A.L.R. 4th 99-157, §§ 7-10 (1980). Tuttavia, questa Corte non ha avuto occasione di decidere se questo sia lo standard corretto. Per quanto riguarda il pregiudizio che un imputato deve dimostrare di aver subito a causa di una prestazione carente da parte di un avvocato, i tribunali di grado inferiore hanno adottato test che sembrano differire in più di una formulazione. Si veda l'App. C al Brief for United States in United States v. Cronic, supra, a 7a-10a; Sarno, supra, a 83-99, § 6. In particolare, la Corte d'Appello in questo caso ha espressamente respinto lo standard di pregiudizio articolato dal giudice Leventhal nella sua opinione plurale in United States v. Decoster, 199 U.S.App.D.C. 359, 371, 374-375, 624 F.2 d 196, 208, 211-212 (en banc), cert. denied, 444 U.S. 944 (1979), e adottato dallo Stato della Florida in Knight v. State, 394 So. 2d at 1001, uno standard che richiede la dimostrazione che una specifica condotta carente dell'avvocato abbia probabilmente influenzato l'esito del procedimento. 693 F.2d a 1261-1262.

Per questi motivi, abbiamo concesso il certiorari per esaminare gli standard con cui giudicare un'affermazione secondo cui la Costituzione richiede l'annullamento di una sentenza penale a causa dell'effettiva assistenza inefficace dell'avvocato. 462 U.S. 1105 (1983). Concordiamo con la Corte d'Appello che la regola dell'esaurimento che richiede il rigetto delle istanze miste, sebbene debba essere rigorosamente applicata, non è giurisdizionale. Si veda Rose v. Lundy, 455 U.S. a 455 U.S. 515-520. Affrontiamo quindi il merito della questione costituzionale.

II

In una lunga serie di casi che includono Powell v. Alabama, 287 U. S. 45 (1932), Johnson v. Zerbst, 304 U. S. 458 (1938), e Gideon v. Wainwright, 372 U. S. 335 (1963), questa Corte ha riconosciuto che il diritto del Sesto Emendamento all'avvocato esiste, ed è necessario, per proteggere il diritto fondamentale a un processo equo. La Costituzione garantisce un processo equo attraverso

Pagina 466 U. S. 685

ma definisce gli elementi di base di un processo equo in gran parte attraverso le diverse disposizioni del Sesto Emendamento, tra cui la clausola sull'avvocato:

"In tutti i procedimenti penali, l'imputato ha diritto a un processo pubblico e rapido, da parte di una giuria imparziale dello Stato e del distretto in cui il crimine è stato commesso, distretto che è stato precedentemente accertato dalla legge, e a essere informato della natura e dei motivi dell'accusa; a confrontarsi con i testimoni a carico; ad avere un processo obbligatorio per ottenere testimoni a suo favore e ad avere l'assistenza di un avvocato per la sua difesa".

Pertanto, un processo equo è quello in cui le prove sottoposte al contraddittorio sono presentate a un tribunale imparziale per la risoluzione di questioni definite in anticipo rispetto al procedimento. Il diritto all'avvocato svolge un ruolo cruciale nel sistema del contraddittorio incarnato dal Sesto Emendamento, poiché l'accesso alle competenze e alle conoscenze dell'avvocato è necessario per concedere agli imputati "un'ampia opportunità di confrontarsi con le argomentazioni dell'accusa" a cui hanno diritto. Adams v. United States ex rel. McCann, 317 U.S. 269, 317 U.S. 275, 317 U.S. 276 (1942); cfr. Powell v. Alabama, supra, 287 U.S. 68-69.

Data l'importanza vitale dell'assistenza di un avvocato, la Corte ha stabilito che, con alcune eccezioni, una persona accusata di un reato federale o statale ha il diritto di farsi nominare un avvocato se non è possibile ottenerlo. Si veda Algersinger v. Hamlin, 407 U.S. 25 (1972); Gideon v. Wainwright, supra; Johnson v. Zerbst, supra. Il fatto che una persona che si dà il caso sia un avvocato sia presente al processo accanto all'imputato, tuttavia, non è sufficiente a soddisfare l'obbligo costituzionale. Il Sesto Emendamento riconosce il diritto all'assistenza dell'avvocato perché prevede che l'avvocato svolga un ruolo fondamentale per la capacità del sistema del contraddittorio di produrre risultati giusti. Un imputato ha il diritto di essere assistito da un avvocato, sia esso scelto o nominato, che svolga il ruolo necessario per garantire che il processo sia equo.

Pagina 466 U. S. 686

Per questo motivo, la Corte ha riconosciuto che "il diritto all'avvocato è il diritto all'effettiva assistenza dell'avvocato". McMann v. Richardson, 397 U. S. 759, 397 U. S. 771, n. 14 (1970). Il governo viola il diritto a un'assistenza efficace quando interferisce in alcuni modi con la capacità dell'avvocato di prendere decisioni indipendenti su come condurre la difesa. Si veda, ad esempio, Geders v. United States, 425 U. S. 80 (1976) (divieto di consultazione tra avvocato e cliente durante la pausa notturna); Herring v. New York, 422 U. S. 853 (1975) (divieto di riassunto durante un processo al banco); Brooks v. Tennessee, 406 U. S. 605, 406 U. S. 612-613 (1972) (requisito che l'imputato sia il primo testimone della difesa); Ferguson v. Georgia, 365 U. S. 570, 365 U. S. 593-596 (1961) (divieto di esame diretto dell'imputato). L'avvocato, tuttavia, può anche privare un imputato del diritto a un'assistenza effettiva, semplicemente non fornendo "un'assistenza legale adeguata", Cuyler v. Sullivan, 446 U.S. at 446 U.S. 344. Id. a 446 U.S. 345-350 (l'effettivo conflitto di interessi che influisce negativamente sulle prestazioni dell'avvocato rende l'assistenza inefficace).

La Corte non ha approfondito il significato del requisito costituzionale dell'assistenza effettiva in quest'ultima categoria di casi, ossia quelli che presentano richieste di "effettiva inefficacia". Nel dare un significato al requisito, tuttavia, dobbiamo prendere come guida il suo scopo: garantire un processo equo. Il punto di riferimento per giudicare qualsiasi reclamo di inefficacia deve essere se la condotta dell'avvocato ha minato a tal punto il corretto funzionamento del contraddittorio che non si può fare affidamento sul fatto che il processo abbia prodotto un risultato giusto.

Lo stesso principio si applica a un procedimento di condanna capitale come quello previsto dalla legge della Florida. Non è necessario considerare il ruolo dell'avvocato in una sentenza ordinaria, che può comportare un procedimento informale e una discrezionalità incondizionata da parte del condannatore, e quindi può richiedere un approccio diverso alla definizione di assistenza costituzionalmente efficace. Un procedimento di condanna capitale come quello coinvolto in questo caso, tuttavia, è sufficientemente simile a un processo nella sua forma di contraddittorio e nell'esistenza di standard per la decisione, Cfr.

Pagina 466 U. S. 687

v. Florida, 463 U. S. 939, 463 U. S. 952-954 (1983); Bullington v. Missouri, 451 U. S. 430 (1981), che il ruolo dell'avvocato nel procedimento è paragonabile a quello dell'avvocato al processo: garantire che il processo di prova in contraddittorio funzioni per produrre un risultato giusto in base agli standard decisionali. Pertanto, ai fini della descrizione dei doveri dell'avvocato, il procedimento di condanna capitale della Florida non deve essere distinto da un processo ordinario.

III

L'affermazione di un imputato condannato che l'assistenza dell'avvocato è stata così carente da richiedere l'annullamento della condanna o della sentenza di morte ha due componenti. In primo luogo, l'imputato deve dimostrare che la prestazione dell'avvocato è stata carente. Ciò richiede la dimostrazione che l'avvocato ha commesso errori così gravi da non funzionare come "avvocato" garantito all'imputato dal Sesto Emendamento. In secondo luogo, l'imputato deve dimostrare che la prestazione carente ha pregiudicato la difesa. Ciò richiede di dimostrare che gli errori dell'avvocato sono stati così gravi da privare l'imputato di un processo equo, un processo il cui risultato sia affidabile. A meno che l'imputato non dimostri entrambe le prove, non si può dire che la condanna o la condanna a morte siano state causate da un'interruzione del contraddittorio che ha reso il risultato inaffidabile.

A

Come ormai affermato da tutte le Corti d'Appello federali, lo standard corretto per le prestazioni dell'avvocato è quello di un'assistenza ragionevolmente efficace. Si veda Trapnell v. United States, 725 F.2d a 151-152. La Corte lo ha indirettamente riconosciuto quando ha affermato in McMann v. Richardson, supra, 397 U. S. 770, 397 U. S. 771, che una dichiarazione di colpevolezza non può essere attaccata in quanto basata su una consulenza legale inadeguata, a meno che l'avvocato non fosse "un avvocato ragionevolmente competente" e la consulenza non fosse "all'interno della gamma di competenza richiesta agli avvocati nei casi penali". Si veda anche Cuyler v. Sullivan, supra, 446 U. S. 344. Quando un imputato condannato

Page 466 U. S. 688

Quando un imputato condannato lamenta l'inefficacia dell'assistenza dell'avvocato, l'imputato deve dimostrare che la sua rappresentanza è stata inferiore a uno standard oggettivo di ragionevolezza.

Linee guida più specifiche non sono appropriate. Il Sesto Emendamento si riferisce semplicemente all'"avvocato", senza specificare i requisiti particolari di un'assistenza efficace. Si basa invece sul mantenimento da parte della professione legale di standard sufficienti a giustificare la presunzione della legge che l'avvocato svolga il ruolo nel contraddittorio previsto dall'Emendamento. Si veda Michel v. Louisiana, 350 U. S. 91, 350 U. S. 100-101 (1955). La misura corretta delle prestazioni dell'avvocato rimane semplicemente la ragionevolezza secondo le norme professionali prevalenti.

La rappresentanza di un imputato penale comporta alcuni doveri fondamentali. La funzione dell'avvocato è quella di assistere l'imputato, e quindi l'avvocato deve al cliente un dovere di lealtà, un dovere di evitare i conflitti di interesse. Si veda Cuyler v. Sullivan, supra, 446 U. S. 346. Dalla funzione di assistente dell'imputato deriva il dovere generale di difendere la causa dell'imputato e i doveri più particolari di consultarsi con l'imputato sulle decisioni importanti e di tenerlo informato sugli sviluppi importanti nel corso dell'azione penale. L'avvocato ha anche il dovere di mettere in campo competenze e conoscenze tali da rendere il processo un'affidabile procedura di prova in contraddittorio. Cfr. Powell v. Alabama, 287 U.S., 287 U.S. 68-69.

Questi doveri fondamentali non definiscono in modo esaustivo gli obblighi dell'avvocato né costituiscono una lista di controllo per la valutazione giudiziaria delle prestazioni dell'avvocato. In tutti i casi che presentano una richiesta di inefficacia, l'indagine sulla prestazione deve essere volta a stabilire se l'assistenza dell'avvocato sia stata ragionevole considerando tutte le circostanze. Le norme prevalenti della pratica, come riflesso negli standard dell'American Bar Association e simili, ad esempio gli standard ABA per la giustizia penale da 4-1.1 a 4-8.6 (2d ed. 1980) ("La funzione difensiva"), sono una guida per determinare ciò che è ragionevole, ma sono solo delle guide. Nessun particolare insieme di regole dettagliate per la condotta dell'avvocato può prendere in considerazione in modo soddisfacente

Pagina 466 U. S. 689

tenere conto della varietà di circostanze in cui si trovano gli avvocati della difesa o della gamma di decisioni legittime sul modo migliore di rappresentare un imputato. Una tale serie di regole interferirebbe con l'indipendenza dell'avvocato, costituzionalmente tutelata, e limiterebbe l'ampio margine di manovra che l'avvocato deve avere nel prendere decisioni tattiche. Si veda United States v. Decoster, 199 U.S.App.D.C. a 371, 624 F.2d a 208. In effetti, l'esistenza di linee guida dettagliate per la rappresentanza potrebbe distogliere l'avvocato dalla missione principale di difendere vigorosamente la causa dell'imputato. Inoltre, lo scopo della garanzia di assistenza effettiva del Sesto Emendamento non è quello di migliorare la qualità dell'assistenza legale, sebbene questo sia un obiettivo di notevole importanza per il sistema giuridico. Lo scopo è semplicemente quello di garantire che gli imputati penali ricevano un processo equo.

Il controllo giudiziario delle prestazioni dell'avvocato deve essere molto deferente. È fin troppo allettante per un imputato riconsiderare l'assistenza dell'avvocato dopo la condanna o la sentenza sfavorevole, ed è fin troppo facile per un tribunale, esaminando la difesa dell'avvocato dopo che si è rivelata infruttuosa, concludere che una particolare azione o omissione dell'avvocato era irragionevole. Cfr. Engle v. Isaac, 456 U. S. 107, 456 U. S. 133-134 (1982). Una valutazione equa delle prestazioni dell'avvocato richiede che si faccia ogni sforzo per eliminare gli effetti distorsivi del senno di poi, per ricostruire le circostanze della condotta contestata dell'avvocato e per valutare la condotta dal punto di vista dell'avvocato in quel momento. A causa delle difficoltà insite nella valutazione, la corte deve concedere una forte presunzione che la condotta dell'avvocato rientri nell'ampia gamma di assistenza professionale ragionevole; in altre parole, l'imputato deve superare la presunzione che, date le circostanze, l'azione contestata "possa essere considerata una buona strategia processuale". Si veda Michel v. Louisiana, supra, 350 U.S. 101. Esistono innumerevoli modi per fornire un'assistenza efficace in un determinato caso. Anche i migliori avvocati difensori penali non difenderebbero un particolare cliente nello stesso modo. Si veda Goodpaster,

Pagina 466 U. S. 690

Il processo per la vita: Effective Assistance of Counsel in Death Penalty Cases, 58 N.Y.U.L.Rev. 299, 343 (1983).

La disponibilità di un'indagine invasiva post-processuale sulle prestazioni dell'avvocato o di linee guida dettagliate per la sua valutazione incoraggerebbe la proliferazione delle contestazioni di inefficacia. I processi penali risolti in modo sfavorevole all'imputato sarebbero sempre più spesso seguiti da un secondo processo, in cui la difesa dell'avvocato non ha avuto successo. Il rendimento dell'avvocato e persino la sua disponibilità a prestare servizio potrebbero essere influenzati negativamente. L'intenso controllo dell'avvocato e i rigidi requisiti per un'assistenza accettabile potrebbero smorzare l'ardore e compromettere l'indipendenza dei difensori, scoraggiare l'accettazione dei casi assegnati e minare la fiducia tra avvocato e cliente.

Pertanto, un tribunale che decide una richiesta di inefficacia effettiva deve giudicare la ragionevolezza della condotta contestata dell'avvocato in base ai fatti del caso specifico, considerati al momento della condotta dell'avvocato. Un imputato condannato che avanza una richiesta di assistenza inefficace deve identificare gli atti o le omissioni dell'avvocato che si sostiene non siano stati il risultato di un ragionevole giudizio professionale. Il tribunale deve quindi stabilire se, alla luce di tutte le circostanze, gli atti o le omissioni identificati non rientravano nell'ampia gamma di assistenza professionalmente competente. Nell'effettuare tale determinazione, il tribunale deve tenere presente che la funzione dell'avvocato, come elaborato nelle norme professionali prevalenti, è quella di far funzionare il processo di prova in contraddittorio nel caso specifico. Allo stesso tempo, il tribunale dovrebbe riconoscere che si presume fortemente che l'avvocato abbia fornito un'assistenza adeguata e abbia preso tutte le decisioni significative nell'esercizio di un ragionevole giudizio professionale.

Questi standard non necessitano di particolari ampliamenti per definire il dovere di investigazione dell'avvocato, il dovere in questione in questo caso. Come ha concluso la Corte d'Appello, le scelte strategiche fatte dopo un'accurata indagine della legge e dei fatti rilevanti per le opzioni plausibili sono virtualmente incontestabili; e le scelte strategiche fatte dopo un'accurata indagine della legge e dei fatti rilevanti per le opzioni plausibili sono virtualmente incontestabili.

Pagina 466 U. S. 691

scelte strategiche compiute dopo un'indagine meno che completa sono ragionevoli proprio nella misura in cui ragionevoli giudizi professionali supportano le limitazioni alle indagini. In altre parole, l'avvocato ha il dovere di svolgere indagini ragionevoli o di prendere una decisione ragionevole che renda superflue determinate indagini. In qualsiasi caso di inefficacia, una particolare decisione di non indagare deve essere valutata direttamente per la sua ragionevolezza in tutte le circostanze, applicando una forte dose di deferenza ai giudizi dell'avvocato.

La ragionevolezza delle azioni dell'avvocato può essere determinata o sostanzialmente influenzata dalle dichiarazioni o dalle azioni dell'imputato stesso. Le azioni dell'avvocato si basano di solito, in modo appropriato, su scelte strategiche informate fatte dall'imputato e sulle informazioni da lui fornite. In particolare, le decisioni investigative ragionevoli dipendono in modo critico da tali informazioni. Ad esempio, quando i fatti che supportano una certa linea di difesa potenziale sono generalmente noti all'avvocato grazie alle dichiarazioni dell'imputato, la necessità di ulteriori indagini può essere notevolmente ridotta o eliminata del tutto. E quando l'imputato ha dato motivo all'avvocato di ritenere che il proseguimento di determinate indagini sarebbe stato infruttuoso o addirittura dannoso, l'omissione di tali indagini da parte dell'avvocato non può essere successivamente contestata come irragionevole. In breve, l'indagine sulle conversazioni dell'avvocato con l'imputato può essere fondamentale per una corretta valutazione delle decisioni dell'avvocato in materia di indagini, così come può essere fondamentale per una corretta valutazione delle altre decisioni dell'avvocato in materia di controversie. Si veda United States v. Decoster, supra, a 372-373, 624 F.2d a 209-210.

B

Un errore dell'avvocato, anche se professionalmente irragionevole, non giustifica l'annullamento della sentenza di un procedimento penale se l'errore non ha avuto alcun effetto sulla sentenza. Cfr. Stati Uniti contro Morrison, 449 U. S. 361, 449 U. S. 364-365 (1981). Lo scopo della garanzia di un avvocato nel Sesto Emendamento è quello di assicurare che l'errore sia stato commesso in un momento di crisi.

Pagina 466 U. S. 692

che un imputato abbia l'assistenza necessaria per giustificare l'affidamento sull'esito del procedimento. Di conseguenza, qualsiasi carenza nelle prestazioni dell'avvocato deve essere pregiudizievole per la difesa per costituire un'assistenza inefficace ai sensi della Costituzione.

In alcuni contesti del Sesto Emendamento, il pregiudizio è presunto. Si presume che il rifiuto effettivo o costruttivo dell'assistenza dell'avvocato comporti un pregiudizio. Lo stesso vale per vari tipi di interferenze statali con l'assistenza dell'avvocato. Si veda United States v. Cronic, ante 466 U. S. 659, e n. 25. Il pregiudizio in queste circostanze è così probabile che l'indagine caso per caso sul pregiudizio non vale il costo. Ante a 466 U. S. 658. Inoltre, tali circostanze comportano una lesione del diritto del Sesto Emendamento che è facile da identificare e, per questo motivo e perché l'accusa è direttamente responsabile, facile da prevenire per il governo.

Un tipo di richiesta di inefficacia effettiva giustifica una presunzione di pregiudizio simile, anche se più limitata. In Cuyler v. Sullivan, 446 U.S. a 446 U.S. 345-350, la Corte ha affermato che il pregiudizio è presunto quando l'avvocato è gravato da un effettivo conflitto di interessi. In tali circostanze, l'avvocato viola il dovere di lealtà, forse il più elementare dei doveri dell'avvocato. Inoltre, è difficile misurare l'effetto preciso sulla difesa di una rappresentanza corrotta da interessi contrastanti. Considerato l'obbligo dell'avvocato di evitare i conflitti di interesse e la capacità dei tribunali di indagare tempestivamente su alcune situazioni che potrebbero dare origine a conflitti, come ad esempio la Fed.Rule Crim.Proc. 44(c), è ragionevole che il sistema giudiziario penale mantenga una regola abbastanza rigida di presunto pregiudizio per i conflitti di interesse. Anche in questo caso, la regola non è esattamente quella del pregiudizio di per sé che esiste per le richieste del Sesto Emendamento sopra menzionate. Il pregiudizio si presume solo se l'imputato dimostra che l'avvocato "ha rappresentato attivamente interessi contrastanti" e che "un effettivo conflitto di interessi ha influenzato negativamente il rendimento del suo avvocato". Cuyler v. Sullivan, supra, 446 U. S. 350, 446 U. S. 348 (nota omessa).

Pagina 466 U. S. 693

A parte le richieste di conflitto d'interessi, le richieste di inefficacia effettiva che denunciano una carenza nelle prestazioni dell'avvocato sono soggette a un requisito generale che impone all'imputato di provare il pregiudizio. Il governo non è responsabile, e quindi non è in grado di prevenire, gli errori dell'avvocato che comportano l'annullamento di una condanna o di una sentenza. Gli errori dell'avvocato sono di una varietà infinita e hanno la stessa probabilità di essere del tutto innocui in un caso particolare che di essere pregiudizievoli. Non possono essere classificati in base alla probabilità di causare pregiudizio. Né possono essere definiti con sufficiente precisione per informare correttamente gli avvocati difensori su quali comportamenti evitare. La rappresentanza è un'arte e un'azione o un'omissione non professionale in un caso può essere valida o addirittura brillante in un altro. Anche se un imputato dimostra che determinati errori dell'avvocato erano irragionevoli, quindi, deve dimostrare che hanno effettivamente avuto un effetto negativo sulla difesa.

Non è sufficiente che l'imputato dimostri che gli errori hanno avuto un qualche effetto immaginabile sull'esito del procedimento. Praticamente ogni azione o omissione dell'avvocato soddisferebbe questo test, cfr. Stati Uniti v. Valenzuela-Bernal, 458 U. S. 858, 458 U. S. 866-867 (1982), e non ogni errore che avrebbe potuto influenzare il risultato mina l'affidabilità del risultato del procedimento. L'intervistato suggerisce di richiedere la dimostrazione che gli errori "hanno compromesso la presentazione della difesa". Brief for Respondent 58. Questo standard, tuttavia, non fornisce alcun principio praticabile. Dal momento che qualsiasi errore, se effettivamente si tratta di un errore, "pregiudica" la presentazione della difesa, lo standard proposto è inadeguato, perché non fornisce alcun modo per decidere quali menomazioni siano sufficientemente gravi da giustificare l'annullamento dell'esito del procedimento.

D'altro canto, riteniamo che non sia necessario che l'imputato dimostri che la condotta carente dell'avvocato abbia alterato più che probabilmente l'esito del caso. Questo standard determinativo dell'esito ha diversi punti di forza. Definisce l'indagine pertinente in un modo familiare ai tribunali, sebbene l'indagine, come è inevitabile, sia tutt'altro che precisa. Lo standard riflette anche la profonda importanza della definitività nei procedimenti penali.

Pagina 466 U. S. 694

Inoltre, è conforme allo standard ampiamente utilizzato per valutare le mozioni per un nuovo processo basate su nuove prove scoperte. Cfr. Brief for United States as Amicus Curiae 19-20, e nn. 10, 11. Tuttavia, lo standard non è del tutto appropriato.

Anche quando l'errore specifico dell'avvocato si traduce nell'omissione di determinate prove, lo standard delle nuove prove scoperte non è una fonte adeguata da cui trarre uno standard di pregiudizio per le richieste di inefficacia. L'elevato standard per le richieste di nuove prove scoperte presuppone che tutti gli elementi essenziali di un procedimento presumibilmente accurato ed equo fossero presenti nel procedimento di cui si contesta il risultato. Cfr. Stati Uniti contro Johnson, 327 U. S. 106, 327 U. S. 112 (1946). Una richiesta di assistenza inefficace fa valere l'assenza di una delle garanzie cruciali per l'affidabilità del risultato del procedimento, quindi le preoccupazioni relative alla definitività sono un po' più deboli e lo standard appropriato di pregiudizio dovrebbe essere un po' più basso. Il risultato di un procedimento può essere reso inaffidabile, e quindi il procedimento stesso ingiusto, anche se gli errori dell'avvocato non possono essere dimostrati con una preponderanza di prove per aver determinato il risultato.

Di conseguenza, il test appropriato per il pregiudizio trova le sue radici nel test di materialità delle informazioni a discarico non rivelate alla difesa dall'accusa, United States v. Agurs, 427 U.S. at 427 U.S. 104, 427 U.S. 112-113, e nel test di materialità della testimonianza resa indisponibile alla difesa dall'espulsione di un testimone da parte del Governo, United States v. Valenzuela-Bernal, supra, at 458 U.S. 872-874. L'imputato deve dimostrare che esiste una ragionevole probabilità che, se non fosse stato per gli errori non professionali dell'avvocato, il risultato del procedimento sarebbe stato diverso. Una ragionevole probabilità è una probabilità sufficiente a minare la fiducia nel risultato.

Nel determinare se gli errori specificati abbiano comportato il pregiudizio richiesto, un tribunale dovrebbe presumere, in assenza di impugnazione della sentenza per insufficienza probatoria, che il giudice o la giuria abbiano agito secondo la legge.

Pagina 466 U. S. 695

Una valutazione della probabilità di un risultato più favorevole all'imputato deve escludere la possibilità di arbitrarietà, capriccio, capriccio, "annullamento" e simili. Un imputato non ha diritto alla fortuna di un decisore senza legge, anche se una decisione senza legge non può essere rivista. La valutazione del pregiudizio deve partire dal presupposto che il decisore stia applicando in modo ragionevole, coscienzioso e imparziale gli standard che regolano la decisione. Non dovrebbe dipendere dalle idiosincrasie di un particolare decisore, come ad esempio un'insolita propensione alla severità o alla clemenza. Sebbene questi fattori possano essere entrati nella scelta delle strategie dell'avvocato e, in misura limitata, possano influire sull'indagine sul rendimento, sono irrilevanti per l'indagine sul pregiudizio. Pertanto, le prove relative all'effettivo processo decisionale, se non fanno parte degli atti del procedimento in esame, e le prove relative, ad esempio, alle pratiche di condanna di un particolare giudice, non dovrebbero essere considerate nella determinazione del pregiudizio.

Lo standard legale applicabile svolge un ruolo fondamentale nel definire la domanda da porre nel valutare il pregiudizio derivante dagli errori dell'avvocato. Quando un imputato contesta una condanna, la domanda da porsi è se vi sia una ragionevole probabilità che, in assenza di errori, il giudice avrebbe avuto un ragionevole dubbio sulla colpevolezza. Quando un imputato contesta una condanna a morte, come quella in questione in questo caso, la questione è se esiste una ragionevole probabilità che, in assenza di errori, il sentenziatore - compresa la corte d'appello, nella misura in cui rivaluta autonomamente le prove - avrebbe concluso che il bilancio delle circostanze aggravanti e attenuanti non giustificava la morte.

Nel fare questa determinazione, un tribunale che si trova ad affrontare una richiesta di inefficacia deve considerare la totalità delle prove presentate al giudice o alla giuria. Alcune delle conclusioni fattuali non saranno state influenzate dagli errori, mentre le conclusioni fattuali che sono state influenzate saranno state influenzate in modi diversi. Alcuni errori avranno avuto un effetto pervasivo sulle inferenze da trarre.

Pagina 466 U. S. 696

da trarre dalle prove, alterando l'intero quadro probatorio, mentre altri avranno avuto un effetto isolato e banale. Inoltre, è più probabile che un verdetto o una conclusione solo debolmente supportati dagli atti siano stati inficiati da errori rispetto a un verdetto con un supporto schiacciante. Prendendo come dato di fatto le conclusioni non inficiate e tenendo in debita considerazione l'effetto degli errori sulle restanti conclusioni, un tribunale che effettua l'indagine sul pregiudizio deve chiedersi se l'imputato ha soddisfatto l'onere di dimostrare che la decisione raggiunta sarebbe stata ragionevolmente diversa in assenza degli errori.

IV

Una serie di considerazioni pratiche sono importanti per l'applicazione degli standard che abbiamo delineato. La cosa più importante è che, nel giudicare una richiesta di effettiva inefficacia dell'avvocato, un tribunale dovrebbe tenere presente che i principi che abbiamo enunciato non stabiliscono regole meccaniche. Sebbene tali principi debbano guidare il processo decisionale, il fulcro dell'indagine deve essere l'equità fondamentale del procedimento di cui si contesta il risultato. In ogni caso, la corte dovrebbe chiedersi se, nonostante la forte presunzione di affidabilità, il risultato del procedimento in questione sia inaffidabile a causa di una rottura del processo di contraddittorio su cui il nostro sistema conta per produrre risultati giusti.

Nella misura in cui questa è già stata l'indagine che ha guidato i tribunali di grado inferiore, gli standard articolati oggi non richiedono un riesame delle richieste di inefficacia respinte in base a standard diversi. Cfr. Trapnell v. United States, 725 F.2d a 153 (in diversi anni di applicazione dello standard "farsa e derisione" insieme a quello della "ragionevole competenza", la corte "non ha mai riscontrato che il risultato di un caso dipendesse dalla scelta di un particolare standard"). In particolare, le piccole differenze nella formulazione precisa dello standard di rendimento da parte dei tribunali di grado inferiore sono insignificanti: le diverse

Pagina 466 U. S. 697

formulazioni sono semplici variazioni dello standard generale di ragionevolezza. Per quanto riguarda l'indagine sul pregiudizio, solo il test rigoroso di determinazione del risultato, tra gli standard articolati nei tribunali di grado inferiore, impone un onere più pesante agli imputati rispetto ai test stabiliti oggi. La differenza, tuttavia, dovrebbe alterare il merito di una richiesta di inefficacia solo nei casi più rari.

Sebbene abbiamo discusso la componente del rendimento di una richiesta di inefficacia prima della componente del pregiudizio, non c'è motivo per cui un tribunale che decide una richiesta di assistenza inefficace debba affrontare l'indagine nello stesso ordine o addirittura affrontare entrambe le componenti dell'indagine se l'imputato dimostra in modo insufficiente una delle due. In particolare, non è necessario che il giudice stabilisca se la prestazione dell'avvocato sia stata carente prima di esaminare il pregiudizio subito dall'imputato a causa delle presunte carenze. L'obiettivo di una richiesta di inefficacia non è quello di valutare la prestazione dell'avvocato. Se è più facile liquidare una richiesta di inefficacia sulla base della mancanza di un pregiudizio sufficiente, e ci aspettiamo che sia spesso così, si dovrebbe seguire questa strada. I tribunali dovrebbero sforzarsi di garantire che le richieste di inefficacia non diventino così onerose per gli avvocati della difesa che l'intero sistema giudiziario penale ne risenta.

I principi che regolano le richieste di inefficacia dovrebbero essere applicati nei procedimenti collaterali federali come in appello diretto o nelle mozioni per un nuovo processo. Come indicato dal test della "causa e del pregiudizio" per superare le rinunce procedurali alle richieste di errore, la presunzione che una sentenza penale sia definitiva è più forte negli attacchi collaterali a tale sentenza. Si veda United States v. Frady, 456 U. S. 152, 456 U. S. 162-169 (1982); Engel v. Isaac, 456 U. S. 107, 456 U. S. 126-129 (1982). Una richiesta di inefficacia, tuttavia, come chiarisce la nostra articolazione degli standard che regolano la decisione di tali richieste, è un attacco all'equità fondamentale del procedimento il cui risultato è contestato. Poiché l'equità fondamentale è la preoccupazione centrale del writ of habeas corpus, si veda id.

Pagina 466 U. S. 698

a 456 U.S. 126, non si dovrebbero applicare standard speciali alle richieste di inefficacia presentate nei procedimenti di habeas.

Infine, in una contestazione federale habeas di una sentenza penale statale, la conclusione del tribunale statale che l'avvocato ha prestato un'assistenza efficace non è una constatazione di fatto vincolante per il tribunale federale nella misura prevista dal 28 U.S.C. § 2254(d). L'inefficacia non è una questione "di base, primaria o storica", Townsend v. Sain, 372 U. S. 293, 372 U. S. 309, n. 6 (1963). Piuttosto, come la questione se la rappresentanza multipla in un caso particolare abbia dato luogo a un conflitto di interessi, si tratta di una questione mista di diritto e di fatto. Si veda Cuyler v. Sullivan, 446 U.S. a 446 U.S. 342. Sebbene le constatazioni di fatto del tribunale statale fatte nel corso della decisione di una richiesta di inefficacia siano soggette al requisito di deferenza del § 2254(d), e sebbene le constatazioni del tribunale distrettuale siano soggette allo standard chiaramente erroneo della Federal Rule of Civil Procedure 52(a), entrambe le componenti di rendimento e pregiudizio dell'indagine sull'inefficacia sono questioni miste di diritto e di fatto.

V

Avendo articolato gli standard generali per giudicare le richieste di inefficacia, riteniamo utile applicare tali standard ai fatti di questo caso per illustrare il significato dei principi generali. Gli atti consentono di farlo. Non ci sono conflitti tra i tribunali statali e federali per quanto riguarda le conclusioni di fatto, e i principi che abbiamo articolato sono sufficientemente vicini a quelli applicati sia dai tribunali della Florida sia dalla Corte distrettuale, tanto che è chiaro che l'accertamento dei fatti non è stato influenzato da principi legali errati. Vedi Pullman-Standard v. Swint, 456 U. S. 273, 456 U. S. 291-292 (1982).

L'applicazione dei principi fondamentali non è difficile in questo caso. I fatti descritti sopra, cfr. 466 U.S. 671-678, dimostrano chiaramente che il comportamento dell'avvocato del convenuto durante e prima del procedimento di condanna non può essere considerato irragionevole. Essi chiariscono inoltre che, anche assumendo la

Page 466 U. S. 699

condotta contestata dell'avvocato fosse irragionevole, l'imputato non ha subito un pregiudizio sufficiente a giustificare l'annullamento della sua condanna a morte.

Per quanto riguarda la componente del rendimento, il verbale mostra che l'avvocato dell'intervistato ha fatto una scelta strategica per sostenere la circostanza attenuante dell'estremo disagio emotivo e per fare affidamento il più possibile sull'accettazione della responsabilità dell'intervistato per i suoi crimini. Sebbene l'avvocato si sentisse comprensibilmente disperato riguardo alle prospettive dell'imputato, cfr. App. 383-384, 400-401, nulla negli atti indica, come suggerisce una possibile lettura dell'opinione della Corte distrettuale, cfr. App. to Pet. for Cert. A282, che il senso di disperazione del legale abbia distorto il suo giudizio professionale. La scelta della strategia dell'avvocato rientrava nella gamma di giudizi ragionevoli dal punto di vista professionale, e la decisione di non cercare ulteriori prove caratteriali o psicologiche rispetto a quelle già disponibili era altrettanto ragionevole.

Le opinioni del giudice sull'importanza di confessare i propri crimini erano ben note all'avvocato. Le circostanze aggravanti erano assolutamente schiaccianti. Il consulente legale poteva ragionevolmente supporre dalle sue conversazioni con l'imputato che le prove caratteriali e psicologiche sarebbero state di scarso aiuto. L'imputato era già stato in grado di dire al colloquio di patteggiamento la sostanza di ciò che c'era da sapere sui suoi problemi finanziari ed emotivi. Limitare la testimonianza sul carattere dell'imputato a ciò che era emerso durante il colloquio di patteggiamento ha assicurato che non sarebbero emerse prove caratteriali e psicologiche contrarie e i precedenti penali dell'imputato, che l'avvocato aveva chiesto con successo di escludere. Su questi fatti, anche senza l'applicazione della presunzione di prestazione adeguata, non c'è dubbio che la difesa dell'avvocato, anche se infruttuosa, sia stata il risultato di un ragionevole giudizio professionale.

Per quanto riguarda la componente del pregiudizio, la mancanza di merito dell'affermazione dell'intervistato è ancora più evidente. Le prove che, secondo l'intervistato, il suo consulente legale avrebbe dovuto offrire al processo di

Pagina 466 U. S. 700

all'udienza di condanna avrebbero a malapena modificato il profilo di condanna presentato al giudice. Come hanno rilevato i tribunali statali e la Corte distrettuale, al massimo queste prove dimostrano che numerose persone che conoscevano l'intervistato pensavano che fosse generalmente una brava persona e che uno psichiatra e uno psicologo ritenevano che fosse sottoposto a un notevole stress emotivo che non raggiungeva il livello di disturbo estremo. Considerati i fattori aggravanti schiaccianti, non vi è alcuna ragionevole probabilità che le prove omesse avrebbero cambiato la conclusione che le circostanze aggravanti superavano le circostanze attenuanti e, di conseguenza, la pena inflitta. Anzi, l'ammissione delle prove che l'imputato offre ora potrebbe addirittura essere stata dannosa per il suo caso: la sua "fedina penale" sarebbe stata probabilmente ammessa come prova, e i rapporti psicologici avrebbero contraddetto direttamente l'affermazione dell'imputato secondo cui la circostanza attenuante dell'estremo disturbo emotivo si applicava al suo caso.

Le nostre conclusioni sulle componenti del pregiudizio e del rendimento dell'indagine sull'inefficacia non dipendono dalla testimonianza del giudice del processo all'udienza della Corte distrettuale. Non è quindi necessario considerare l'ammissibilità generale di tale testimonianza, anche se, come si è detto sopra, al punto 466 U.S. 695, tale testimonianza è irrilevante per l'indagine sul pregiudizio. Inoltre, la questione del pregiudizio è risolvibile, e quindi la richiesta di inefficacia può essere respinta, senza considerare le prove presentate all'udienza della Corte distrettuale. I tribunali statali hanno correttamente concluso che la richiesta di inefficacia era priva di fondamento senza tenere un'udienza probatoria.

La mancata dimostrazione di una prestazione carente o di un pregiudizio sufficiente vanifica la richiesta di inefficacia. In questo caso si tratta di un doppio fallimento. Più in generale, l'imputato non ha dimostrato che la giustizia della sua sentenza sia stata resa inaffidabile da un'interruzione del processo in contraddittorio causata da carenze nell'assistenza dell'avvocato. Il procedimento di condanna del convenuto non è stato fondamentalmente ingiusto.

Pagina 466 U. S. 701

Concludiamo, quindi, che la Corte distrettuale ha correttamente rifiutato di emettere un mandato di habeas corpus. La sentenza della Corte d'Appello è di conseguenza

Annullata.

GIUSTIZIA BRENNAN, in parte concorde e in parte dissenziente.

Mi unisco al parere della Corte, ma dissento dalla sentenza. Aderendo alla mia opinione che la pena di morte è in ogni circostanza una punizione crudele e inusuale vietata dall'Ottavo e dal Quattordicesimo Emendamento, vedi Gregg v. Georgia, 428 U. S. 153, 428 U. S. 227 (1976) (BRENNAN, J., dissenziente), annullerei la condanna a morte del convenuto e rinvierei il caso per un ulteriore procedimento. [Nota 1]

Pagina 466 U. S. 702

I

Questo caso e United States v. Cronic, ante p. 466 U. S. 648, rappresentano la nostra prima occasione per elaborare gli standard appropriati per giudicare le richieste di assistenza inefficace dell'avvocato. In Cronic, la Corte prende in considerazione tali rivendicazioni nel contesto di casi

"in cui le circostanze circostanti [rendono] talmente improbabile che qualsiasi avvocato possa fornire un'assistenza efficace che l'inefficacia [è] correttamente presunta senza un'indagine sull'effettiva prestazione al processo", ante, 466 U.S., p. 5.

ante, 466 U.S. 661. Questo caso, al contrario, riguarda richieste di assistenza inefficace basate su accuse di errori specifici da parte dell'avvocato, richieste che, per loro stessa natura, richiedono ai tribunali di valutare sia la prestazione dell'avvocato sia l'effetto di tale prestazione sull'affidabilità e l'equità del procedimento. Di conseguenza, un imputato che avanza una richiesta di questo tipo deve dimostrare non solo che la prestazione del suo avvocato è stata inadeguata, ma anche che ne è stato pregiudicato. Si veda anche Cronic, ante 466 U.S. 659, n. 26.

Mi unisco all'opinione della Corte perché ritengo che gli standard oggi stabiliti forniranno un'utile guida ai tribunali che esaminano le richieste di effettiva inefficacia dell'avvocato e consentiranno inoltre a tali tribunali di continuare a impegnarsi per un progressivo sviluppo di questo settore della legge. Come tutti i tribunali federali e la maggior parte dei tribunali statali che hanno precedentemente affrontato la questione, cfr. ante a 466 U.S. 683-684, la Corte conclude che "lo standard corretto per le prestazioni dell'avvocato è quello di un'assistenza ragionevolmente efficace". Ante a 466 U.S. 687. E,

Pagina 466 U. S. 703

rifiutando il rigoroso test "determinativo del risultato" utilizzato da alcuni tribunali, la Corte adotta come standard appropriato per il pregiudizio il requisito che l'imputato

"dimostri che esiste una ragionevole probabilità che, se non fosse stato per gli errori non professionali dell'avvocato, il risultato del procedimento sarebbe stato diverso".

definendo una "ragionevole probabilità" come "una probabilità sufficiente a minare la fiducia nel risultato". Ante, 466 U.S. 694. Ritengo che questi standard siano sufficientemente precisi da consentire distinzioni significative tra le negligenze dell'avvocato che privano gli imputati dei loro diritti costituzionali e quelle che non lo fanno; allo stesso tempo, gli standard sono sufficientemente flessibili da adattarsi all'ampia varietà di situazioni che danno origine a rivendicazioni di questo tipo.

Per quanto riguarda lo standard di prestazione, sono d'accordo con la conclusione della Corte che un "particolare insieme di regole dettagliate per la condotta dell'avvocato" sarebbe inappropriato. Ante, 466 U. S. 688. Proprio perché lo standard di "assistenza ragionevolmente efficace" adottato oggi richiede che le prestazioni dell'avvocato siano misurate alla luce delle circostanze particolari del caso, non credo che la nostra decisione "bloccherà lo sviluppo della dottrina costituzionale in questo settore", post a 466 U. S. 709 (MARSHALL, J., dissenting). In effetti, il suggerimento della Corte secondo cui la decisione odierna è in gran parte coerente con l'approccio adottato dai tribunali di grado inferiore, ante 466 U.S. 696, indica semplicemente che tali tribunali possono continuare a sviluppare i principi di governo caso per caso nella tradizione della common law, come hanno fatto in passato. Allo stesso modo, lo standard di pregiudizio annunciato oggi non erige un ostacolo insormontabile a rivendicazioni meritevoli, ma piuttosto richiede semplicemente ai tribunali di esaminare attentamente gli atti processuali alla luce sia della natura e della gravità degli errori dell'avvocato sia del loro effetto nelle particolari circostanze del caso. Ante 466 U. S. 695. [Nota 2]

Pagina 466 U. S. 704

II

Grazie alla loro flessibilità e al requisito di essere considerati alla luce delle circostanze particolari del caso, gli standard annunciati oggi possono e devono essere applicati con attenzione alle considerazioni speciali che devono accompagnare la revisione delle prestazioni dell'avvocato in un procedimento di condanna capitale. A differenza di un caso in cui l'accertamento di un'assistenza inefficace richiede un nuovo processo, la conclusione che l'avvocato sia stato inefficace solo nella fase della pena di un processo capitale impone allo Stato l'onere molto minore di riconsiderare la sola sentenza. D'altra parte, le conseguenze per l'imputato di un'assistenza incompetente in una sentenza capitale non potrebbero essere maggiori. Riconoscendo la gravità unica di un tale procedimento, abbiamo ripetutamente sottolineato che

"quando viene concessa discrezionalità a un organo di condanna su una questione così grave come la determinazione se una vita umana debba essere presa o risparmiata, tale discrezionalità deve essere opportunamente indirizzata e limitata in modo da ridurre al minimo il rischio di un'azione del tutto arbitraria e capricciosa".

Zant v. Stephens, 462 U.S. 862, 462 U.S. 874 (1983) (citando Gregg v. Georgia, 428 U.S. a 428 U.S. 188-189 (opinione di Stewart, POWELL, e STEVENS, JJ.)).

Per questo motivo, abbiamo sempre richiesto che i procedimenti capitali siano controllati in tutte le fasi da una preoccupazione particolarmente vigile per l'equità procedurale e per l'accuratezza dell'accertamento dei fatti. Come ha sottolineato il giudice MARSHALL nella scorsa legislatura:

"Questa Corte ha sempre insistito sul fatto che la necessità di garanzie procedurali è particolarmente grande quando è in gioco la vita. Molto prima che la Corte stabilisse il diritto all'avvocato in tutti i casi di reato, Gideon v. Wainwright, 372 U. S. 335 (1963), ha riconosciuto tale diritto nei casi capitali, Powell v. Alabama, 287 U. S. 45, 287 U. S. 71-72 (1932). Il tempo

Pagina 466 U. S. 705

e ancora, la Corte ha condannato procedure in casi capitali che potrebbero essere del tutto accettabili in un caso ordinario. Si veda, ad esempio, Bullington v. Missouri, 451 U. S. 430 (1981); Beck v. Alabama, 447 U. S. 625 (1980); Green v. Georgia, 442 U. S. 95 (1979) (per curiam); Lockett v. Ohio, 438 U. S. 586 (1978); Gardner v. Florida, 430 U. S. 349 (1977); Woodson v. North Carolina, 428 U. S. 280 (1976). . . ."

"A causa della differenza fondamentale tra la pena di morte e tutte le altre punizioni, questa Corte ha costantemente riconosciuto che c'è"

"una corrispondente differenza nella necessità di affidabilità nella determinazione che la morte è la punizione appropriata in un caso specifico".

"Ibidem.

Barefoot v. Estelle, 463 U. S. 880, 463 U. S. 913-914 (1983) (opinione dissenziente). Si veda anche id. a 463 U. S. 924 (BLACKMUN, J., dissenziente). In breve, questa Corte ha prestato particolare attenzione a minimizzare la possibilità che le condanne a morte siano "imposte per capriccio, passione, pregiudizio o errore". Eddings v. Oklahoma, 455 U. S. 104, 455 U. S. 118 (1982) (O'CONNOR, J., concurring).

Nella fase di condanna di un caso capitale,

"è essenziale che la giuria abbia a disposizione tutte le informazioni possibili sul singolo imputato di cui deve determinare la sorte".

Jurek v. Texas, 428 U. S. 262, 428 U. S. 276 (1976) (opinione di Stewart, POWELL e STEVENS, JJ.). Per questo motivo, abbiamo ripetutamente insistito sul fatto che "il sentenziatore nei casi capitali deve essere autorizzato a considerare qualsiasi fattore attenuante rilevante". Eddings v. Oklahoma, 455 U.S. at 455 U.S. 112. Infatti, come ha osservato il giudice O'CONNOR, la mancata considerazione da parte del giudice della sentenza di aspetti rilevanti del carattere e del background dell'imputato crea un rischio talmente inaccettabile che la pena di morte sia stata inflitta in modo incostituzionale che, anche nei casi in cui la questione non è stata sollevata in sede di giudizio, gli "interessi della giustizia" possono imporre ai tribunali di revisione "il dovere di rinviare [il] caso per un nuovo giudizio". Id. a 455 U. S. 117, n., e 455 U. S. 119 (O'CONNOR, J., concurring).

Pagina 466 U. S. 706

Naturalmente,

"il diritto di presentare, e di far sì che il condannato prenda in considerazione, qualsiasi prova attenuante significa poco se l'avvocato della difesa non cerca prove attenuanti o non presenta un caso attenuante all'udienza di condanna capitale".

Commento, 83 Colum.L.Rev. 1544, 1549 (1983). Si veda, ad esempio, Burger v. Zant, 718 F.2d 979 (CA11 1983) (l'imputato, diciassettenne all'epoca del crimine, è stato condannato a morte dopo che l'avvocato non ha presentato alcuna prova attenuante); la sospensione è stata concessa, post 902. Di conseguenza, il dovere generale dell'avvocato di indagare, ante 466 U.S. 690, assume un'importanza suprema per un imputato nel contesto dello sviluppo di prove attenuanti da presentare a un giudice o a una giuria che stanno valutando la condanna a morte; le richieste di assistenza inefficace nell'adempimento di tale dovere devono quindi essere considerate con la dovuta attenzione.

Il fatto che la Corte respinga la richiesta di assistenza inefficace in questo caso non deve, ovviamente, essere inteso come una diminuzione dell'impegno nei confronti del principio secondo cui

"'il fondamentale rispetto per l'umanità che sta alla base dell'Ottavo Emendamento . . richiede la considerazione del carattere e dei precedenti del singolo colpevole e delle circostanze del particolare reato come parte costituzionalmente indispensabile del processo di inflizione della pena di morte".

Eddings v. Oklahoma, supra, 455 U. S. 112 (citando Woodson v. North Carolina, 428 U. S. 280, 428 U. S. 304 (1976) (opinione di Stewart, POWELL, e STEVENS, JJ.)). Sono convinto che gli standard annunciati oggi saranno di grande aiuto ai tribunali federali di grado inferiore e ai tribunali statali nell'adempimento del loro dovere costituzionale di assicurare che ogni imputato penale riceva l'effettiva assistenza dell'avvocato garantita dal Sesto Emendamento.

[Nota 1]

La sentenza della Corte lascia in piedi un'altra di un numero crescente di sentenze capitali apparentemente imposte in conformità con gli standard procedurali sviluppati nei casi a partire da Gregg v. Georgia, 428 U. S. 153 (1976). All'inizio di questa legislatura, ho ribadito la mia opinione che questi requisiti procedurali si sono dimostrati inadeguati al compito di eliminare l'irrazionalità che necessariamente accompagna le decisioni di giurie, giudici e corti d'appello di togliere o risparmiare vite umane. Pulley v. Harris, 465 U. S. 37, 465 U. S. 59 (1984) (BRENNAN, J., dissenziente). L'intrinseca difficoltà nell'imporre la sanzione definitiva in modo coerente con lo stato di diritto, cfr. Furman v. Georgia, 408 U. S. 238, 408 U. S. 274-277 (1972) (BRENNAN, J., concurring); McGautha v. California, 402 U. S. 183, 402 U. S. 248-312 (1971) (BRENNAN, J., dissenting), è confermata dalla straordinaria pressione esercitata sulle nostre deliberazioni negli ultimi mesi dal crescente numero di richieste di sospensione delle esecuzioni. Si veda Wainwright v. Adams, p. 965 (MARSHALL, J., dissenziente) (affermando che "la fretta e la confusione che circondano ... la decisione [di revocare la sospensione] è degradante per il nostro ruolo di giudici"); Autry v. McKaskle, 465 U. S. 1085 (1984) (MARSHALL, J., dissenziente) (criticando la Corte per aver "accelerato drasticamente i suoi normali processi deliberativi per spianare la strada a un'imminente esecuzione"); Stephens v. Kemp, 464 U.S. 1027, 1032 (1983) (POWELL, J, dissenziente) (sostenendo che le procedure con cui vengono esaminate le richieste di sospensione "minano la fiducia del pubblico nei tribunali e nelle leggi che siamo tenuti a seguire"); Sullivan v. Wainwright, 464 U. S. 109, 464 U. S. 112 (1983) (BURGER, C.J., concurring) (accusando gli avvocati che chiedono la revisione delle condanne a morte dei loro clienti di aver trasformato "l'amministrazione della giustizia in [una] gara sportiva"); Autry v. Estelle, 464 U. S. 1, 464 U. S. 6 (1983) (STEVENS, J., dissenting) (suggerendo che la prassi della Corte nel riesaminare le richieste nei casi di morte "inietta incertezza e disparità nella procedura di revisione, aumenta gli oneri degli avvocati, distorce il processo deliberativo all'interno di questa Corte e aumenta il rischio di errore"). È difficile credere che la decisione di mettere a morte un individuo generi una pressione emotiva minore tra le giurie, i giudici dei processi e le corti d'appello rispetto a quella dei membri di questa Corte.

[Nota 2]

In effetti, l'incompetenza dell'avvocato può essere così grave da assurgere al livello di un rifiuto costruttivo dell'assistenza legale che può costituire un errore costituzionale senza alcuna dimostrazione di pregiudizio. Si veda Cronic, ante 466 U.S. 659-660; Javor v. United States, 724 F.2d 831, 834 (CA9 1984) ("Il pregiudizio è insito in questo caso perché un avvocato inconsapevole o addormentato equivale a non averlo affatto").

GIUSTIZIA MARSHALL, dissenziente.

Il Sesto e il Quattordicesimo Emendamento garantiscono a una persona accusata di un crimine il diritto all'assistenza di un avvocato per preparare e presentare la propria difesa. È stato da tempo stabilito che "il diritto all'avvocato è il diritto all'assistenza effettiva".

Pagina 466 U. S. 707

dell'avvocato". McMann v. Richardson, 397 U. S. 759, 397 U. S. 771, n. 14 (1970). I tribunali statali e federali di grado inferiore hanno sviluppato standard per distinguere un'assistenza efficace da una inadeguata. [Oggi, per la prima volta, questa Corte tenta di sintetizzare e chiarire tali standard. Per la maggior parte, gli sforzi della maggioranza sono inutili. Nessuna delle due principali sentenze mi sembra in grado di migliorare il giudizio sulle richieste del Sesto Emendamento. Inoltre, nel suo zelo di esaminare in modo esaustivo questo campo della dottrina, la maggioranza fa molte altre generalizzazioni e suggerimenti che trovo inaccettabili. Soprattutto, la maggioranza non tiene adeguatamente conto del fatto che il luogo di questo caso è un procedimento di condanna capitale. Di conseguenza, non mi unisco né all'opinione della Corte né alla sua sentenza.

I

L'opinione della Corte ruota attorno a due affermazioni. In primo luogo, la maggioranza lega i minimi costituzionali della prestazione dell'avvocato a un semplice "standard di ragionevolezza". Ante, 466 U.S. 688. In secondo luogo, la maggioranza ritiene che solo un errore dell'avvocato che abbia un impatto sufficiente sul processo da "minare la fiducia nel risultato" sia motivo di annullamento della condanna. Ante, 466 U.S. 694. Non sono d'accordo con entrambe le sentenze.

A

La mia obiezione allo standard di rendimento adottato dalla Corte è che è così malleabile che, in pratica, o non avrà alcuna presa o produrrà variazioni eccessive nel modo in cui il Sesto Emendamento viene interpretato e applicato dai diversi tribunali. Dire agli avvocati e ai tribunali di primo grado che l'avvocato di un imputato penale deve comportarsi in maniera

Page 466 U. S. 708

"ragionevolmente" e deve agire come "un avvocato ragionevolmente competente", ante 466 U.S. 687, non significa dire loro quasi nulla. In sostanza, la maggioranza ha istruito i giudici chiamati a valutare le richieste di assistenza inefficace dell'avvocato a fare riferimento alle proprie intuizioni su ciò che costituisce una rappresentanza "professionale" e li ha scoraggiati dal cercare di sviluppare standard più dettagliati che disciplinino le prestazioni dell'avvocato difensore. A mio avviso, la Corte non solo ha abdicato alla propria responsabilità di interpretare la Costituzione, ma ha anche compromesso la capacità dei tribunali inferiori di esercitare la propria.

L'ambiguità debilitante di uno "standard oggettivo di ragionevolezza" in questo contesto è illustrata dall'incapacità della maggioranza di affrontare questioni importanti riguardanti la qualità della rappresentanza richiesta dalla Costituzione. È un fatto sfortunato ma innegabile che una persona abbiente, scegliendo un avvocato e pagandolo abbastanza per assicurarsi che si prepari accuratamente, di solito può ottenere una rappresentanza migliore di quella disponibile per un imputato indigente, che deve affidarsi a un avvocato nominato, il quale, a sua volta, ha tempo e risorse limitate da dedicare a un determinato caso. Un "avvocato ragionevolmente competente" è un avvocato di fiducia ragionevolmente competente e adeguatamente retribuito o un avvocato nominato ragionevolmente competente? È anche un dato di fatto che la qualità della rappresentanza disponibile per gli imputati comuni in diverse parti del Paese varia in modo significativo. Lo standard di prestazione richiesto dal Sesto Emendamento dovrebbe variare a seconda del luogo? [La maggioranza non offre alcun indizio sulle risposte adeguate a queste domande.

La maggioranza difende il suo rifiuto di adottare standard più specifici principalmente con la motivazione che

"[n]essun particolare insieme di regole dettagliate per la condotta dell'avvocato può tenere conto in modo soddisfacente

Pagina 466 U. S. 709

della varietà di circostanze in cui si trova l'avvocato della difesa o della gamma di decisioni legittime sul modo migliore di rappresentare un imputato penale".

Ante, 466 U. S. 688-689. Sono d'accordo sul fatto che all'avvocato debba essere concessa "ampia latitudine" nel prendere "decisioni tattiche" riguardo alla strategia processuale, cfr. ante, 466 U. S. 689; cfr. infra, 466 U. S. 712, 466 U. S. 713, ma molti aspetti del lavoro di un avvocato difensore penale sono più suscettibili di controllo giudiziario. Ad esempio, gran parte del lavoro di preparazione al processo, di richiesta di cauzione, di conferimento con il proprio cliente, di presentazione di obiezioni tempestive a decisioni significative e probabilmente errate del giudice del processo e di presentazione di un atto di appello se vi sono motivi fondati per farlo, potrebbe essere oggetto di standard uniformi.

L'opinione della Corte d'Appello in questo caso rappresenta un valido tentativo di sviluppare norme specifiche volte a garantire che tutti gli imputati ricevano un'assistenza legale efficace. Si veda 693 F.2d 1243, 1251-1258 (CA5 1982) (en banc). Per altri sforzi, generalmente coerenti, si veda United States v. Decoster, 159 U.S.App.D.C. 326, 333-334, 487 F.2d 1197, 1203-1204 (1973), disapprovato su rehearing, 199 U.S.App.D.C. 359, 624 F.2 d 196 (en banc), cert. denied, 444 U.S. 944 (1979); Coles v. Peyton, 389 F.2d 224, 226 (CA4), cert. denied, 393 U.S. 849 (1968); People v. Pope, 23 Cal. 3d 412, 424-425, 590 P.2d 859, 866 (1979); State v. Harper, 57 Wis.2d 543, 550-557, 205 N.W.2d 1, 6-9 (1973). [Rifiutando di affrontare il merito di queste proposte, e anzi suggerendo che non ne vale la pena, il parere della Corte, temo, bloccherà lo sviluppo della dottrina costituzionale in questo settore.

Pagina 466 U. S. 710

B

Mi oppongo al criterio del pregiudizio adottato dalla Corte per due ragioni indipendenti. In primo luogo, è spesso molto difficile stabilire se un imputato condannato dopo un processo in cui è stato rappresentato in modo inefficace avrebbe avuto una sorte migliore se il suo avvocato fosse stato competente. Casi apparentemente inespugnabili possono talvolta essere smantellati da un buon avvocato difensore. Sulla base di una fredda documentazione, può essere impossibile per un tribunale di revisione accertare con sicurezza come le prove e le argomentazioni del governo avrebbero retto alla confutazione e al controinterrogatorio di un avvocato accorto e ben preparato. Le difficoltà di stimare il pregiudizio a posteriori sono esacerbate dalla possibilità che le prove del pregiudizio per l'imputato possano mancare agli atti proprio a causa dell'incompetenza dell'avvocato della difesa. [Alla luce di tutti questi ostacoli a una valutazione equa della probabilità che l'esito di un processo sia stato influenzato dall'inefficacia dell'avvocato, mi sembra insensato imporre a un imputato il cui avvocato si sia dimostrato incompetente l'onere di dimostrare il pregiudizio.

Pagina 466 U. S. 711

In secondo luogo, e più fondamentalmente, il presupposto su cui poggia la sentenza della Corte è che l'unico scopo della garanzia costituzionale di un'assistenza legale efficace sia quello di ridurre la possibilità che persone innocenti vengano condannate. A mio avviso, la garanzia funziona anche per assicurare che le condanne siano ottenute solo attraverso procedure fondamentalmente eque. [La maggioranza sostiene che il Sesto Emendamento non viene violato quando un imputato manifestamente colpevole viene condannato dopo un processo in cui è stato rappresentato da un avvocato manifestamente inefficace. Non posso essere d'accordo. Ogni imputato ha diritto a un processo in cui i suoi interessi siano difesi con forza e coscienza da un avvocato capace. Un procedimento in cui l'imputato non riceve un'assistenza significativa nel soddisfare le forze dello Stato non costituisce, a mio avviso, un giusto processo.

In Chapman v. California, 386 U.S. 18, 386 U.S. 23 (1967), abbiamo riconosciuto che alcuni diritti costituzionali sono "così fondamentali per un processo equo che la loro violazione non può mai essere considerata un errore innocuo". Tra questi diritti vi è il diritto all'assistenza dell'avvocato durante il processo. Id. a 386 U.S. 23, n. 8; si veda Gideon v. Wainwright, 372 U.S. 335 (1963). [Footnote 2/6] A mio avviso, il diritto

Page 466 U. S. 712

all'assistenza effettiva del difensore è implicito nel diritto al difensore, e la limitazione del primo equivale alla limitazione del secondo. [Footnote 2/7] Ritengo quindi che la dimostrazione che l'operato dell'avvocato di un imputato si è discostato dagli standard costituzionalmente prescritti richieda un nuovo processo, indipendentemente dal fatto che l'imputato abbia subito un pregiudizio dimostrabile.

II

Anche se fossi incline ad aderire alle due sentenze principali della maggioranza, non potrei sopportare il modo in cui la maggioranza elabora le sue sentenze. Particolarmente deplorevoli sono la discussione della maggioranza sulla "presunzione" di ragionevolezza da accordare alle decisioni degli avvocati e il tentativo di pregiudicare il merito di richieste precedentemente respinte da tribunali di grado inferiore utilizzando standard legali diversi.

A

Nel definire lo standard di prestazione dell'avvocato richiesto dalla Costituzione, la maggioranza osserva opportunamente che molti problemi che gli avvocati difensori penali devono affrontare ammettono "una gamma di risposte legittime". Ante, 466 U.S. 689. E la maggioranza mette opportunamente in guardia i tribunali, quando esaminano la scelta di un avvocato tra una serie di opzioni, dall'arroganza del senno di poi. Ibidem. La maggioranza continua, tuttavia, a suggerire che i tribunali dovrebbero "indulgere a una forte presunzione che la condotta dell'avvocato" fosse costituzionalmente accettabile, ibidem; cfr. ante a 466 U. S. 690, 466 U. S. 696, e dovrebbero "applicare una pesante misura di deferenza ai giudizi dell'avvocato", ante a 466 U. S. 691.

Non sono sicuro di cosa significhino queste frasi e dubito che si spieghino da sole ai tribunali di grado inferiore. Se non denotano nient'altro che l'onere della prova per un imputato che sostiene che gli è stata negata l'assistenza effettiva dell'avvocato, io

Pagina 466 U. S. 713

sarei d'accordo. Si veda United States v. Cronic, ante 466 U. S. 658. Ma gli aggettivi "forte" e "pesante" potrebbero essere letti come se imponessero agli imputati un onere di persuasione insolitamente pesante. Se questo è l'intento della maggioranza, devo rispettosamente dissentire. La gamma di comportamenti accettabili definita dalle "norme professionali prevalenti", ante 466 U.S. 688, mi sembra sufficientemente ampia da consentire agli avvocati della difesa la flessibilità necessaria per rispondere a nuovi problemi di strategia processuale. Concedere agli avvocati una maggiore libertà di azione, "presumendo fortemente" che il loro comportamento rientri nella zona di ragionevolezza, significa legittimare in modo occulto condanne e sentenze ottenute sulla base di una condotta incompetente da parte degli avvocati della difesa.

L'unica giustificazione che la maggioranza stessa fornisce per la presunzione proposta è che un'eccessiva ricettività alle richieste di assistenza inefficace dell'avvocato incoraggerebbe troppi imputati a sollevare tali richieste, intasando così i tribunali con cause frivole e "smorzando l'ardore" degli avvocati della difesa. Vedi ante a 466 U. S. 690. Ho più fiducia della maggioranza nella capacità dei tribunali statali e federali di smaltire rapidamente le argomentazioni infondate e di garantire che un'avvocatura responsabile e innovativa non venga inibita. A mio avviso, si guadagnerà poco e si perderà molto dando istruzioni ai tribunali di grado inferiore di procedere sulla base del presupposto che la contestazione dell'operato dell'avvocato da parte dell'imputato sia inconsistente.

B

Per molti anni, i tribunali di grado inferiore hanno discusso sul significato di assistenza legale "efficace". I vari tribunali hanno sviluppato standard diversi. Per quanto riguarda il livello di prestazione richiesto dalla Costituzione, alcuni tribunali hanno adottato l'indulgente standard "farsa e beffa", [Footnote 2/8] mentre altri hanno adottato varie versioni del concetto di "assistenza effettiva".

Page 466 U. S. 714

standard di "ragionevole competenza". [Sulla questione del livello di pregiudizio necessario per imporre un nuovo processo, i tribunali hanno assunto una grande varietà di posizioni, che vanno dal severo test "determinativo del risultato" [Footnote 2/10] alla regola secondo cui una dimostrazione di incompetenza da parte dell'avvocato difensore richiede automaticamente l'annullamento della condanna, a prescindere dal danno subito dall'imputato. [Nota 2/11]

La Corte oggi risolve sostanzialmente queste controversie. La maggioranza ritiene che la Costituzione sia violata quando la rappresentanza del difensore scende al di sotto del livello che ci si aspetta da un difensore ragionevolmente competente, ante 466 U.S. 687-691, e influisce sul processo a tal punto che esiste una "ragionevole probabilità" che, in assenza dell'errore del difensore, l'esito sarebbe stato diverso, ante 466 U.S. 691-696.

Curiosamente, però, la Corte minimizza il significato delle sue sentenze, suggerendo che la sua scelta di standard ha poca importanza e che pochi, se non nessuno, casi sarebbero stati decisi diversamente se le corti inferiori avessero sempre applicato i test annunciati oggi. Cfr. ante, 466 U.S. 696-697. Sicuramente i giudici dei tribunali statali e dei tribunali federali di grado inferiore saranno sorpresi di apprendere che le distinzioni di cui hanno discusso con tanto accanimento per molti anni sono, di fatto, prive di importanza.

I commenti della maggioranza su questo punto sembrano essere motivati principalmente dalla riluttanza a riconoscere che la decisione odierna richiederà una rivalutazione di molte richieste di assistenza legale inefficace precedentemente respinte. L'infelicità della maggioranza su questo punto è comprensibile, ma i suoi sforzi per mitigare il problema percepito saranno inefficaci. Nulla di ciò che dice la maggioranza può sollevare i tribunali di grado inferiore che fino ad ora

Pagina 466 U. S. 715

che finora hanno utilizzato standard più tolleranti nei confronti di una difesa inefficace, dall'obbligo di esaminare tutte le richieste, vecchie e nuove, in base ai principi oggi stabiliti.

III

La maggioranza suggerisce che, "ai fini della descrizione dei doveri dell'avvocato", un procedimento di condanna capitale "non deve essere distinto da un processo ordinario". Ante, 466 U.S. 687. Non posso essere d'accordo.

La Corte ha ripetutamente riconosciuto che la Costituzione richiede un'adesione più rigorosa alle garanzie procedurali in un caso capitale rispetto ad altri casi.

"La pena di morte è qualitativamente diversa da una pena detentiva, per quanto lunga. La morte, nella sua definitività, differisce dall'ergastolo più di quanto una pena detentiva di 100 anni differisca da una di un solo anno o due. A causa di questa differenza qualitativa, c'è una corrispondente differenza nella necessità di affidabilità nel determinare che la morte è la punizione appropriata in un caso specifico".

Woodson v. North Carolina, 428 U. S. 280, 428 U. S. 305 (1976) (opinione plurale) (nota omessa). [Nota 2/12]

La prestazione dell'avvocato difensore è una componente cruciale del sistema di tutele progettato per garantire che la pena capitale sia amministrata con un certo grado di razionalità. L'"affidabilità" nell'imposizione della pena di morte può essere approssimata solo se il sentenziatore è pienamente informato di "tutte le possibili informazioni rilevanti sul singolo imputato di cui deve determinare la sorte". Jurek v. Texas, 428 U. S. 262, 428 U. S. 276 (1976) (opinione di Stewart, POWELL e STEVENS, JJ.). Il compito di raccogliere tali informazioni e di presentarle

Pagina 466 U. S. 716

in modo organizzato e persuasivo al condannato è affidato principalmente all'avvocato dell'imputato. L'importanza per il processo degli sforzi dell'avvocato, [Footnote 2/13] combinata con la gravità e l'irrevocabilità della sanzione in gioco, richiede che gli standard per determinare ciò che costituisce "assistenza efficace" siano applicati con particolare rigore nei procedimenti di condanna capitale. [Nota 2/14]

Poco importa se lo scrutinio rigoroso di un'affermazione secondo cui l'inefficacia dell'avvocato ha portato a una condanna a morte si ottiene attraverso una modifica degli standard del Sesto Emendamento o attraverso un'applicazione particolarmente attenta di tali standard. Il Giudice BRENNAN suggerisce che il necessario adeguamento del livello di prestazione richiesto all'avvocato nei procedimenti di condanna capitale può essere effettuato semplicemente interpretando l'espressione "ragionevolezza secondo le norme professionali prevalenti" in modo da tenere conto della natura della pena imminente. Ante, 466 U. S. 704-706. Anche se preferirei un'iterazione più specifica dei doveri dell'avvocato in questo contesto speciale, [Footnote 2/15] posso accettare questa proposta. Tuttavia, nel dare istruzioni ai tribunali di grado inferiore in merito alla probabilità di impatto sul risultato che richiede un nuovo giudizio, ritengo che la Corte farebbe meglio a modificare esplicitamente lo standard legale stesso. [A mio avviso, una persona nel braccio della morte, la cui prestazione dell'avvocato è scesa al di sotto dei livelli costituzionalmente accettabili, non dovrebbe essere obbligata a dimostrare una "ragionevole probabilità" di avere un impatto sull'esito della sentenza.

Page 466 U. S. 717

che gli sarebbe stato dato l'ergastolo se il suo avvocato fosse stato competente, cfr. ante, 466 U. S. 694; se l'imputato è in grado di dimostrare una possibilità significativa che il risultato sarebbe stato diverso, dovrebbe sicuramente avere diritto a una rideterminazione del suo destino. Cfr. Stati Uniti contro Agurs, 427 U. S. 97, 427 U. S. 121-122 (1976) (MARSHALL, J., dissenziente). [Nota 2/17]

IV

Le opinioni espresse nella sezione precedente mi obbligano a dissentire dalla disposizione della maggioranza sul caso in esame. [È indiscutibile che l'avvocato dell'imputato non abbia fatto praticamente alcuna indagine sulla possibilità di ottenere testimonianze da parenti, amici o ex datori di lavoro dell'imputato che riguardassero il suo carattere o il suo passato. Se l'avvocato lo avesse fatto, avrebbe trovato diverse persone disposte e in grado di testimoniare che, secondo la loro esperienza, l'imputato era un uomo responsabile, non violento, dedito alla famiglia e attivo negli affari della sua chiesa. Cfr. App. 338-365. L'imputato sostiene che il suo avvocato avrebbe potuto e dovuto usare questa testimonianza per "umanizzare" l'imputato, per contrastare l'impressione trasmessa dal processo che egli fosse poco più che un assassino a sangue freddo. Se questa prova fosse stata ammessa, sostiene l'intervistato, le sue possibilità di ottenere una condanna all'ergastolo sarebbero state significativamente migliori.

Pagina 466 U. S. 718

Se valutate alla luce degli standard sopra delineati, le argomentazioni dell'intervistato sono sostanziali. Membri esperti del foro della pena di morte hanno da tempo riconosciuto l'importanza cruciale di produrre prove in un procedimento di condanna che stabiliscano i legami sociali e familiari dell'imputato. Si veda Goodpaster, The Trial for Life: Effective Assistance of Counsel in Death Penalty Cases, 58 N.Y.U.L.Rev. 299, 300-303, 334-335 (1983). Lo Stato avanza un'argomentazione plausibile - anche se, a mio avviso, non convincente - secondo la quale l'avvocato della difesa in questo caso avrebbe potuto prendere una ragionevole decisione "strategica" di non presentare tali prove all'udienza di condanna, partendo dal presupposto che un riconoscimento senza fronzoli della responsabilità dell'intervistato per i suoi crimini avrebbe avuto maggiori probabilità di fare presa sul giudice del processo, che aveva fama di rispettare le persone che si assumevano la responsabilità delle proprie azioni. [Ma per quanto giustificabile potesse essere una scelta del genere dopo che l'avvocato aveva valutato correttamente la forza potenziale delle prove attenuanti a sua disposizione, il fatto che l'avvocato non abbia fatto alcuno sforzo significativo per scoprire quali prove potessero essere raccolte dai parenti e dai conoscenti dell'imputato non può certo essere definito "ragionevole". L'omissione di indagini da parte dell'avvocato è particolarmente sospetta alla luce della sua candida ammissione che le confessioni e la condotta dell'imputato nel corso del processo gli hanno dato una sensazione di "disperazione" riguardo alla possibilità di salvare la vita dell'imputato, vedi App. 383-384, 400-401.

Pagina 466 U. S. 719

Il fatto che le circostanze aggravanti implicate nella condotta criminale dell'imputato fossero sostanziali, cfr. ante, 466 U. S. 700, non inficia la rivendicazione costituzionale dell'imputato; i giudici e le giurie in casi che coinvolgevano comportamenti almeno altrettanto gravi hanno mostrato pietà, in particolare quando è stata data loro l'opportunità di vedere altri aspetti della personalità e della vita dell'imputato. [Né la tesi dell'intervistato è sconfitta dalla possibilità che il materiale che il suo avvocato ha rivelato possa non essere sufficiente a stabilire una circostanza attenuante prevista dalla legge della Florida; i giudici della Florida che emettono sentenze e la Corte Suprema della Florida a volte rifiutano di imporre condanne a morte in casi

"nei casi in cui, anche se le circostanze attenuanti previste dalla legge non superano le circostanze aggravanti previste dalla legge, l'aggiunta di circostanze attenuanti non previste dalla legge fa pendere la bilancia a favore dell'ergastolo".

Barclay v. Florida, 463 U. S. 939, 463 U. S. 964 (1983) (STEVENS, J., concurring in judgment) (enfasi in originale).

Se l'avvocato avesse indagato sulla disponibilità di prove attenuanti, avrebbe potuto decidere di presentare tale materiale all'udienza. Se lo avesse fatto, c'è una significativa possibilità che all'imputato sia stato dato l'ergastolo. A mio avviso, queste possibilità, unite all'irragionevolezza della mancata investigazione da parte dell'avvocato, sono più che sufficienti per stabilire una violazione del Sesto Emendamento e per dare diritto all'intervistato a un nuovo procedimento di condanna.

Dissento rispettosamente.

[Nota 2/1]

Si veda la nota, Identifying and Remedying Ineffective Assistance of Criminal Defense Counsel: A New Look After United States v. Decoster, 93 Harv.L.Rev. 752, 756-758 (1980); Note, Effective Assistance of Counsel: The Sixth Amendment and the Fair Trial Guarantee, 50 U.Chi.L.Rev. 1380, 1386-1387, 1399-1401, 1408-1410 (1983).

[Nota 2/2]

Cfr. ad esempio Moore v. United States, 432 F.2d 730, 736 (CA3 1970) (che definisce il livello di prestazione costituzionalmente richiesto come "l'esercizio della consueta abilità e conoscenza che normalmente prevale in quel momento e luogo").

[Nota 2/3]

Per una rassegna di altre decisioni che tentano di sviluppare linee guida per la valutazione delle richieste di assistenza legale inefficace, si veda Erickson, Standards of Competency for Defense Counsel in a Criminal Case, 17 Am.Crim.L.Rev. 233, 242-248 (1979). Molte di queste decisioni si basano in larga misura sugli standard elaborati dall'American Bar Association. Vedi ABA Standards for Criminal Justice 4-1.1 - 4-8.6 (2d ed.1980).

[Nota 2/4]

Cfr. Stati Uniti contro Ellison, 557 F.2d 128, 131 (CA7 1977). Nel discutere il problema correlato della misurazione del danno causato dalla rappresentanza congiunta di interessi contrastanti, abbiamo osservato:

"[Il male] ... sta in ciò che il difensore si trova costretto ad astenersi dal fare, non solo al processo, ma anche per quanto riguarda eventuali trattative di patteggiamento preprocessuali e nel processo di condanna. In alcuni casi può essere possibile identificare dal verbale il pregiudizio derivante dal mancato svolgimento di alcuni compiti processuali da parte di un avvocato, ma anche con un verbale dell'udienza di condanna disponibile, sarebbe difficile giudicare in modo intelligente l'impatto di un conflitto sulla rappresentanza del cliente da parte dell'avvocato. E valutare l'impatto di un conflitto di interessi sulle opzioni, le tattiche e le decisioni dell'avvocato nelle trattative di patteggiamento sarebbe praticamente impossibile. Pertanto, un'indagine su una richiesta di errore innocuo in questo caso richiederebbe, a differenza della maggior parte dei casi, una speculazione non guidata".

Holloway v. Arkansas, 435 U.S. 475, 436 U.S. 490-491 (1978) (enfasi in originale). Quando l'avvocato della difesa non compie determinate azioni, non perché "costretto" a farlo, ma perché incompetente, è spesso altrettanto difficile accertare il pregiudizio conseguente alle sue omissioni.

[Nota 2/5]

Si veda United States v. Decoster, 199 U.S.App.D.C. 369, 464-457, 624 F.2d 196, 291-294 (en banc) (Bazelon, J., dissenting), cert. denied, 444 U.S. 944 (1979); Note, 93 Harv.L.Rev. at 767-770.

[Nota 2/6]

Nei casi in cui il governo ha agito in modo tale da impedire all'avvocato della difesa di operare efficacemente, abbiamo rifiutato di richiedere all'imputato, al fine di ottenere un nuovo processo, di dimostrare di essere stato danneggiato. In Glasser v. United States, 315 U. S. 60, 315 U. S. 76-76 (1942), ad esempio, abbiamo affermato che:

"Determinare l'esatto grado di pregiudizio subito da [un imputato] come risultato della nomina da parte del tribunale [dello stesso avvocato per due co-imputati con interessi contrastanti] è allo stesso tempo difficile e non necessario. Il diritto ad avere l'assistenza di un avvocato è troppo fondamentale e assoluto per permettere ai tribunali di indulgere in piacevoli calcoli sull'entità del pregiudizio derivante dalla sua negazione".

Come riconosce oggi la Corte, United State v. Cronic, ante 466 U. S. 662, n. 31, il fatto che la colpa dell'inadeguatezza dell'assistenza legale ricevuta da un imputato sia del governo o dell'avvocato stesso non dovrebbe fare alcuna differenza nel decidere se l'imputato debba provare il pregiudizio.

[Nota 2/7]

Si veda United States v. Yelardy, 567 F.2d 863, 865, n. 1 (CA6), cert. denied, 439 U.S. 842 (1978); Beasley v. United States, 491 F.2d 687, 696 (CA6 1974); Commonwealth v. Badger, 482 Pa. 240, 243-244, 393 A.2d 642, 644 (1978).

[Nota 2/8]

Si veda, ad esempio, State v. Pacheco, 121 Ariz. 88, 91, 588 P.2d 830, 833 (1978); Hoover v. State, 270 Ark. 978, 980, 606 S.W.2d 749, 761 (1980); Line v. State, 272 Ind. 353, 354-355, 397 N.E.2d 975, 976 (1979).

[Nota 2/9]

Si veda, ad esempio, Trapnell v. United States, 725 F.2d 149, 155 (CA2 1983); Cooper v. Fitzharris, 586 F.2d 1325, 1328-1330 (CA9 1978) (en banc), cert. denied, 440 U.S. 974 (1979).

[Nota 2/10]

Si veda, ad esempio, United States v. Decoster, 199 U.S.App.D.C. at 370, and n. 74, 624 F.2d at 208, and n. 74 (plurality opinion); Knight v. State, 394 So. 2d 997, 1001 (Fla.1981).

[Nota 2/11]

Vedi 466 U.S. 668fn2/7|>n. 7, supra.

[Nota 2/12]

Si veda anche Zant v. Stephens, 462 U. S. 862, 462 U. S. 884-885 (1983); Eddings v. Oklahoma, 455 U. S. 104, 455 U. S. 110-112 (1982); Lockett v. Ohio, 438 U. S. 586, 438 U. S. 604 (1978) (opinione plurale).

[Nota 2/13]

Si veda Goodpaster, The Trial for Life: Effective Assistance of Counsel in Death Penalty Cases, 58 N.Y.U.L.Rev. 299, 303 (1983).

[Nota 2/14]

Come sottolinea il Giudice BRENNAN, ante 466 U. S. 704, un'ulteriore ragione per esaminare con particolare attenzione una contestazione del Sesto Emendamento quando riguarda un procedimento di condanna capitale è che il risultato dell'accertamento di una violazione costituzionale in tale contesto è meno dirompente rispetto all'accertamento dell'incompetenza dell'avvocato nella fase di responsabilità di un processo.

[Nota 2/15]

Cfr. 466 U.S. supra. Per uno sforzo ragionevole di formulare linee guida per la condotta dell'avvocato difensore nei procedimenti di condanna capitale, si veda Goodpaster, supra, ai punti 343-345, 360-362.

[Nota 2/16]

Ai fini di questa sezione e di quella successiva, presumo, solo a scopo di discussione, che sia necessaria una qualche dimostrazione di pregiudizio per affermare una violazione del Sesto Emendamento. Ma cfr. 466 U.S. supra.

[Nota 2/17]

Per come leggo l'opinione della Corte, essa non preclude questo tipo di adeguamento dello standard legale. La maggioranza definisce la "ragionevole probabilità" come "una probabilità sufficiente a minare la fiducia nel risultato". Ante, 466 U.S. 694. In considerazione della natura della sanzione in questione e della difficoltà di determinare come avrebbe reagito un sentenziatore se gli fosse stato presentato un diverso insieme di fatti, si potrebbe sostenere che una stima più bassa della probabilità che l'esito di un procedimento di condanna capitale sia stato influenzato da un errore dell'avvocato sia sufficiente a "minare la fiducia" in tale esito rispetto a quanto avverrebbe in un caso penale ordinario.

[Nota 2/18]

Aderendo alla mia opinione che la pena di morte è incostituzionale in tutte le circostanze, Gregg v. Georgia, 428 U. S. 153, 428 U. S. 231 (1976) (MARSHALL J., dissenziente), voterei per l'annullamento della sentenza dell'intervistato anche se egli non avesse presentato una richiesta sostanziale del Sesto Emendamento.

[Nota 2/19]

Due considerazioni compromettono la spiegazione dello Stato sulla decisione dell'avvocato. In primo luogo, non si vede perché la presentazione di prove relative al carattere e ai legami familiari dell'imputato sarebbe stata incoerente con il riconoscimento da parte dell'imputato della responsabilità del suo comportamento. In secondo luogo, la Corte Suprema della Florida possiede - e spesso esercita - il potere di annullare le condanne a morte che ritiene non giustificate dai fatti di un caso. Si veda State v. Dixon, 283 So. 2d 1, 10 (1973). Anche se la decisione dell'avvocato di non cercare di umanizzare l'imputato a beneficio del giudice del processo fosse ritenuta ragionevole, la mancata creazione di una documentazione a beneficio della Corte Suprema dello Stato potrebbe essere considerata irragionevole.

[Nota 2/20]

Si veda, ad esempio, Farmer & Kinard, The Trial of the Penalty Phase (1976), ristampato in 2 California State Public Defender, California Death Penalty Manual N-33, N-45 (1980).