Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Diritto all'interprete va verificato dal giudice: e non basta conoscenza approssimativa lingua veicolare (Corte EDU, Vizgirda, 2018)

28 Novembre 2018, Corte europea per i diritti dell'Uomo
C3PO lego star wars guerre stellari lingua
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Spetta alle autorità coinvolte nel procedimento, in particolare ai giudici nazionali, accertare se l'equità del processo richieda, o abbia richiesto, la nomina di un interprete per assistere l'imputato. Secondo la Convenzione EdU, come interpretata dalla Corte, questo dovere non si limita alle situazioni in cui l'imputato straniero fa una richiesta esplicita di interpretazione.

In considerazione del posto preminente occupato in una società democratica dal diritto ad un processo equo  esso sorge infatti  ogni volta che vi sono ragioni per sospettare che l'imputato non sia abbastanza abile nella lingua del procedimento, ad esempio se non è cittadino o residente del paese in cui il procedimento viene condotto.

Un dovere simile sorge quando si prevede di utilizzare una terza lingua per l'interpretazione. In tali circostanze, la padronanza della terza lingua da parte del convenuto dovrebbe essere accertata prima di decidere di utilizzarla ai fini dell'interpretazione.

L'onere di accertare se l'assenza di un interprete all'udienza avrebbe pregiudicato il pieno coinvolgimento del ricorrente in un processo è a carico del giudice.

Per essere significativa, la notifica del diritto all'interpretazione insieme agli altri diritti fondamentali di difesa deve essere fatta in una lingua che il richiedente comprende: ciò è implicito anche dall'applicazione da parte della Corte dello standard della "rinuncia consapevole e intelligente" a qualsiasi presunta rinuncia a tali diritti.

 

Corte Europea dei diritti dell'Uomo

QUARTA SEZIONE

caso Vizgirda contro Slovenia

(Applicazione n. 59868/08)
SENTENZA

STRASBURGO

28 agosto 2018 FINALE 28/11/2018

Questa sentenza è diventata definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione. Essa può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Vizgirda c. Slovenia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (quarta sezione), riunita in sezione composta da:
Paulo Pinto de Albuquerque, presidente,
András Sajó,
Nona Tsotsoria,
Egidijus Kūris,
Iulia Motoc,
Gabriele Kucsko-Stadlmayer,
Marko Bošnjak, giudici,
e Marialena Tsirli, cancelliere di sezione,
avendo deliberato in privato il 6 settembre 2016, il 31 gennaio 2017, il 16 maggio 2017 e il 12 giugno 2018,
pronuncia la seguente sentenza, adottata in quest'ultima data:
PROCEDURA

1. La causa ha avuto origine da un ricorso (n. 59868/08) contro la Repubblica di Slovenia presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino lituano, il signor Danas Vizgirda ("il ricorrente"), il 2 dicembre 2008.

2. Il ricorrente era rappresentato dal sig. R. Završek, un avvocato che esercita a Lubiana. Il governo sloveno ("il governo") era rappresentato dal suo agente, la sig.ra T. Mihelič Žitko, avvocato dello Stato.

3. Il ricorrente sosteneva, in particolare, che il suo diritto a un processo equo ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione era stato violato perché non aveva compreso la lingua del procedimento né l'interpretazione fornitagli.

4. Il 16 giugno 2014 la notifica del ricorso è stata data al Governo. Il ricorrente e il Governo hanno presentato ciascuno osservazioni sulla sua ammissibilità e sul merito. Inoltre, sono state ricevute osservazioni di terzi da Fair Trials International, che aveva ottenuto dal Presidente l'autorizzazione a presentare osservazioni scritte (articolo 36 § 2 della Convenzione e articolo 44 § 3 del Regolamento della Corte).

5. Il governo della Repubblica di Lituania, che era stato notificato dal cancelliere del suo diritto di intervenire nel procedimento (articolo 36 § 1 della Convenzione e articolo 44 § 1 del regolamento della Corte), non ha indicato che intendeva farlo.

I FATTI

I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO

6. Il ricorrente è nato in Lituania nel 1980 e vive a Lubiana, in Slovenia.

7. Il ricorrente ha lasciato la Lituania per la Slovenia il 2 marzo 2002.

8. Il 13 marzo 2002 alle 10.43 il ricorrente è stato arrestato perché sospettato di essere coinvolto in una rapina nella filiale di Radovljica della banca Gorenjska.

9. La rapina era avvenuta alle 9.30 dello stesso giorno. Aveva coinvolto quattro uomini, mentre altri tre avevano assistito alla sua organizzazione. I quattro rapinatori indossavano delle maschere. Uno di loro portava una pistola e aspettava all'entrata, tenendo tre clienti sotto tiro. Gli altri sono saltati sul bancone e hanno sopraffatto due impiegati della banca, mentre uno dei rapinatori ha svuotato le casse. Dopo aver preso i soldi, i rapinatori sono fuggiti in auto verso la stazione ferroviaria. Informata della rapina in banca, la polizia ha perlustrato la zona. Hanno scoperto un'auto abbandonata nei boschi vicini e poco dopo hanno visto quattro uomini, tra cui il richiedente, scappare. Uno degli uomini, poi riconosciuto come A.V., fu visto portare una borsa, che lasciò cadere quando gli agenti di polizia si avvicinarono. La borsa è stata trovata per contenere parte del denaro rubato dalla banca, una pistola e due maschere. Una delle maschere presentava tracce biologiche appartenenti al ricorrente e ad un altro uomo (E.B.).

10. Tutti e quattro gli uomini furono arrestati e furono successivamente identificati come il ricorrente, A.V., M.K. e E.B. Erano tutti cittadini lituani.

11. Alle 14.00 dello stesso giorno, 13 marzo 2002, il ricorrente fu preso in custodia dalla polizia. Dalla decisione che autorizza tale misura risulta che il ricorrente, all'epoca "persona non identificata", è stato immediatamente informato, in russo, dei motivi del suo arresto e del suo diritto di rimanere in silenzio, di richiedere un avvocato e di far informare i familiari del suo arresto. Da questa decisione si evince anche che un interprete registrato, A.G., ha interpretato per lui da e verso il russo e che il ricorrente non ha richiesto un avvocato. La decisione è stata notificata al ricorrente alle 17.20. Egli ha rifiutato di firmare un documento di riconoscimento di tale decisione, senza fornire alcuna motivazione per il suo rifiuto.

12. Lo stesso giorno altri tre cittadini lituani, L.K., N.U. e G.V., furono arrestati con l'accusa di favoreggiamento della rapina.

13. Il 15 marzo 2002 il ricorrente e altri sei sospetti furono interrogati dal giudice istruttore del tribunale di Kranj. Il giudice informò il ricorrente delle accuse a suo carico, del suo diritto di non autoincriminarsi e del suo diritto di rimanere in silenzio, nonché del suo diritto di essere assistito da un avvocato di sua scelta. Poiché il ricorrente non ha nominato un avvocato, il tribunale ha assegnato D.V. come avvocato. Durante il procedimento, l'interpretazione in russo e dal russo allo sloveno è stata fornita da A.G. Secondo il verbale dell'interrogatorio, quando gli è stato chiesto se avesse compreso i suoi diritti e acconsentito alla nomina dell'avvocato, il ricorrente ha iniziato a piangere. L'estratto contenente la dichiarazione del ricorrente recita come segue:
"Dico che ho un bambino piccolo. Questo bambino non avrà niente da mangiare perché la nostra situazione è molto difficile. Ho sempre lavorato; non ho mai fatto nulla di simile. Sono venuta in Slovenia perché volevo un lavoro.

Voglio vedere mio figlio.

Quando mi chiedono quando sono venuto in Slovenia, dico che non mi ricordo.

Quando gli si chiede se può descrivere la rapina, l'imputato tace e non risponde.

Quando mi viene chiesto se sono pronto a fornire i miei dati personali, dichiaro che sono nato in Lituania e che il mio nome è Danas.

Dico che non fornirò il mio cognome perché mi vergogno.

Quando mi viene chiesto perché mi vergogno, dico che ho paura. Ho paura di non vedere più mio figlio. Che cosa ho fatto?

Quando gli si chiede cosa ha fatto per aver paura di non rivedere più suo figlio, l'accusato non risponde, anzi si mette a piangere di più.

Quando il pubblico ministero mi ha chiesto se avrei risposto ad altre domande, ho detto di no.

Quando mi viene chiesto se voglio rispondere alle domande del mio avvocato, annuisco e dico di sì.

Quando mi chiedono quanti anni ho e se ho figli, rispondo che ho 21 anni e ho un figlio, che per me è tutto il mondo.

Quando mi chiedono in quali circostanze vivo, rispondo che è molto difficile in Lituania. Le circostanze sono difficili. Non ho un lavoro e non ho soldi.

Quando mi chiedono da quanto tempo sono in Slovenia, rispondo che non lo so esattamente. Penso che sia stata circa una settimana e mezza.

Quando gli viene chiesto con chi è arrivato in Slovenia, l'imputato risponde piangendo.

Non ci sono altre domande per l'imputato.

Alla domanda se qualcuno deve essere informato della detenzione, rispondo che non ho parenti, e non so dove sono attualmente mia moglie e mio figlio.

La difesa è conclusa".

14. Un altro sospettato, A.V., ha descritto la rapina e gli eventi che l'hanno preceduta quando è stato interrogato dal giudice istruttore. Ha spiegato che lui e il ricorrente si erano recati insieme in Slovenia. Avevano incontrato L.K., che li aveva avvicinati in un fast-food quando li aveva sentiti parlare in russo. Erano andati con lui a Bled e avevano incontrato M.K., E.B., N.U. e G.V. pochi giorni prima della rapina. Dopo aver finito i soldi, avevano deciso di rapinare la banca in questione.

15. Durante l'interrogatorio del ricorrente da parte del giudice istruttore, l'avvocato del ricorrente ha esposto le ragioni per opporsi alla continuazione della detenzione del ricorrente. Il ricorrente ha dichiarato a verbale di essere d'accordo con quanto detto dal suo legale.

16. In seguito all'interrogatorio, il giudice istruttore ordinò la detenzione di tutti e sette gli indagati. La decisione fu tradotta in russo e notificata al ricorrente il 18 marzo 2002. Il suo avvocato fece ricorso contro questa decisione e anche contro i successivi prolungamenti della detenzione del ricorrente, ma non ebbe successo.

17. Il giorno del suddetto interrogatorio, il 15 marzo 2002, il giudice istruttore autorizzò l'interprete A.G. a visitare il ricorrente e alcuni dei suoi coimputati per assisterli nelle consultazioni con i loro legali.

18. Il 26 marzo 2002 fu emessa una decisione di apertura di un'inchiesta giudiziaria contro i sette sospettati, ma fu annullata in appello da un collegio di tre giudici. I giudici hanno ritenuto che, sebbene i dettagli delle accuse contro gli indagati fossero stati forniti negli ordini di detenzione, avrebbero dovuto essere inclusi integralmente anche nella decisione di aprire un'indagine.

19. L'interrogatorio dei testimoni ebbe luogo il 2, 3 e 4 aprile 2002. Il ricorrente e gli altri sei sospettati sono stati informati in russo del loro diritto di partecipare all'interrogatorio. Il ricorrente non partecipò a queste sedute, ma il suo avvocato le presenziò tutte. Le trascrizioni delle dichiarazioni dei testimoni furono tradotte in russo e consegnate al ricorrente il 19 aprile 2002.

20. L'8 aprile 2002 fu emessa una nuova decisione che apriva un'inchiesta giudiziaria contro i sette accusati. Essa è stata successivamente impugnata in appello senza successo. La decisione fu tradotta in russo e notificata al ricorrente il 10 aprile 2002. Lo stesso giorno si tenne un'udienza di custodia cautelare durante la quale il ricorrente, con l'assistenza dell'interprete A.G., dichiarò di non poter lasciare il paese in quanto privo di passaporto, di voler attendere la fine del procedimento e di essere d'accordo con quanto detto dal suo avvocato all'udienza.

21. L'11 aprile 2002 A.G. informò il tribunale distrettuale di Kranj che tutti gli imputati avevano chiesto che le trascrizioni delle dichiarazioni dei testimoni fossero tradotte in russo.

22. Il 12 aprile 2002 il giudice istruttore decise che le dichiarazioni rese dagli indagati alla polizia dovevano essere escluse dal fascicolo in quanto il tribunale non poteva basarsi su di esse. La decisione fu tradotta in russo e notificata al ricorrente il 16 aprile 2002.

23. Il 17 aprile 2002 fu organizzato un corteo di identificazione e un testimone identificò il ricorrente come una persona che aveva visitato la banca due giorni prima della rapina.

24. Il 28 maggio 2002 il procuratore distrettuale presentò un atto d'accusa, accusando il ricorrente, A.V., M.K. e E.B. di rapina, un'accusa di furto di un veicolo a motore e due di tentato furto di un veicolo a motore. L.K., N.U. e G.V. erano accusati di complicità nella rapina. L'accusa è stata tradotta in russo e contestata senza successo dall'avvocato del ricorrente.

25. Il 10 e 11 luglio 2002 il tribunale distrettuale di Kranj tenne un'udienza alla quale erano presenti due interpreti russi. Il verbale dell'udienza mostra che i capi d'accusa sono stati letti agli imputati, ai quali è stato anche notificato il loro diritto a non incriminarsi e il loro diritto a rimanere in silenzio. La trascrizione recita come segue:

"noi, gli imputati, dichiariamo di aver compreso il contenuto delle accuse....noi, gli imputati, comprendiamo la notifica dei nostri diritti".

26. All'udienza A.V. cambiò la sua dichiarazione e affermò che un uomo si era offerto di trovare lavoro per lui e per il ricorrente. Una volta che gli avevano consegnato i loro passaporti, aveva preteso che prendessero parte alla rapina. Il ricorrente, secondo l'ultimo racconto di A.V., era troppo spaventato per partecipare, così lo avevano lasciato nel bosco ad aspettarli. Il ricorrente ha dato un resoconto simile degli eventi, sostenendo di non essere stato tra coloro che avevano rapinato la banca, ma di aver aspettato il loro ritorno nel bosco. Secondo il verbale dell'udienza, il ricorrente ha risposto alle domande del procuratore distrettuale, del giudice che presiedeva, del suo stesso avvocato e dell'avvocato di uno dei suoi coimputati.

27. Oltre a interrogare gli imputati, la corte ha anche esaminato una serie di testimoni. Dal verbale dell'udienza si evince che il ricorrente ha avuto problemi con l'interpretazione di una delle dichiarazioni dei testimoni e ha potuto capirla solo quando l'ha letta. Ha posto domande ai testimoni e ha commentato le dichiarazioni dei testimoni sull'altezza dei rapinatori, e le dichiarazioni degli agenti di polizia sui telefoni cellulari che avevano sequestrato e sul numero di persone che erano fuggite dal luogo della rapina. Fece anche riferimento all'atto d'accusa e commentò le affermazioni sul luogo in cui si trovava il denaro rubato.

28. Il 12 luglio 2002 la compagna del ricorrente ottenne il permesso di visitarlo nella prigione di Lubiana.

29. Il 16 luglio 2002 si tenne un'udienza durante la quale gli imputati rilasciarono dichiarazioni conclusive. La trascrizione include la seguente registrazione della dichiarazione del ricorrente:
"Sono d'accordo con quanto detto dal mio avvocato difensore. Non ci sono prove che io abbia rapinato la banca. L'unica prova contro di me sono i capelli trovati nel berretto, ma ho già spiegato i capelli nel berretto e perché quel berretto era sulla mia testa. Due uomini non possono essere in una banca con lo stesso berretto. Una persona non può essere costretta a fare una cosa del genere; nessuno mi ha costretto. Non ero nella banca.

...

Sono triste che mi consideriate un delinquente; potete condannarmi solo per quello che ho fatto e non per quello che non ho fatto. Chiedo che si tenga conto della mia situazione familiare e che io sia condannato di conseguenza, ma non alla reclusione".

30. Il 16 luglio 2002 un tribunale distrettuale di Kranj, composto da cinque membri, ha condannato il ricorrente, A.V., M.K. e E.B. per rapina e acquisto di beni ottenuti illegalmente (un'auto rubata). Il ricorrente e M.K. sono stati condannati a otto anni e quattro mesi di prigione, E.B. ha ricevuto una condanna a otto anni e sette mesi, mentre A.V. è stato condannato a cinque anni e quattro mesi di prigione. L.K., N.U. e G.V. furono riconosciuti colpevoli di favoreggiamento della rapina e condannati a cinque anni di reclusione.

31. La sentenza contiene una ventina di pagine di motivazione in cui il tribunale ha risposto anche agli argomenti relativi all'uso dello sloveno o del croato durante la rapina. Il tribunale ha osservato che non erano state pronunciate molte parole durante la rapina, che tutti e quattro gli imputati accusati di rapina parlavano russo ed erano per questo assistiti da interpreti russi, che essi conoscevano anche alcune parole in sloveno come dimostrato durante l'udienza e che avrebbero potuto usare intenzionalmente parole che assomigliavano allo sloveno.

32. Lo stesso giorno, la detenzione del ricorrente fu prolungata. La decisione scritta con una traduzione in russo furono notificate al ricorrente il giorno seguente.

33. Il 2 agosto 2002 la sentenza con una traduzione in russo furono anch'esse notificate al ricorrente.

34. Il 6 agosto 2002 l'avvocato del ricorrente presentò ricorso contro la sentenza del tribunale distrettuale. Egli lamentava presunte carenze nelle indagini della polizia, nella valutazione delle prove e nella condanna del suo cliente, ma non sollevò alcuna lamentela riguardo alla comprensione da parte del ricorrente dell'interpretazione in russo fornitagli.

35. Lo stesso giorno il ricorrente presentò anche un appello, composto da cinque pagine di argomentazioni scritte a mano in sloveno con l'assistenza di compagni di detenzione. Il ricorrente si lamentava della valutazione delle prove da parte del giudice di primo grado e della sua condanna. Egli sosteneva di essere stato a conoscenza della rapina ma di non avervi preso parte.

36. Il 14 novembre 2002 il Tribunale superiore di Lubiana respinse il ricorso del ricorrente. Esso ha constatato che A.V. aveva fornito una descrizione dettagliata e incriminante, pur avendo assistenza legale, che il ricorrente era stato assistito da un avvocato che era stato nominato per lui e da un interprete alla sua prima apparizione davanti al giudice istruttore, e che non vi era alcuna indicazione che il ricorrente non fosse stato informato al momento dell'arresto dei motivi del suo arresto in una lingua che aveva capito. Il tribunale era del parere che se il ricorrente non avesse capito i motivi del suo arresto, lo avrebbe menzionato durante il suo interrogatorio dal giudice istruttore. Al ricorrente è stata rilasciata una traduzione in russo della sentenza, per cui la sua condanna è passata in giudicato.

37. Il 23 febbraio 2003 il ricorrente inviò al tribunale distrettuale di Kranj una domanda intitolata "un ricorso alla Corte suprema". Il ricorso era scritto in lituano, ad eccezione di una spiegazione introduttiva in sloveno, in cui il ricorrente informava il tribunale di non parlare né il russo né lo sloveno, aggiungendo che capiva un po' di russo ma non sapeva scrivere in esso. Nel resto del documento il ricorrente si lamentava della valutazione delle prove da parte dei tribunali inferiori e sosteneva che il suo diritto di usare la propria lingua nel processo penale era stato violato. Ha anche sostenuto che durante il suo primo interrogatorio non era stato rappresentato da un avvocato o fornito di un interprete. Pertanto, non aveva compreso le ragioni del suo arresto. Ha anche affermato che all'udienza aveva dichiarato di non capire molto bene il russo. Nonostante questi problemi, il tribunale distrettuale di Kranj non gli aveva fornito un interprete lituano.

38. Il 24 marzo 2003 il tribunale distrettuale di Kranj ha incaricato il ricorrente di presentare il suo ricorso, che ha trattato come una domanda di tutela della legalità (un rimedio straordinario con cui contestare la legalità delle decisioni definitive), in russo, constatando che egli aveva utilizzato tale lingua durante tutto il procedimento penale e nelle comunicazioni con il suo avvocato. Dalla decisione della Corte costituzionale del 24 marzo 2005 (cfr. punto 41) risulta che il tribunale distrettuale di Kranj aveva ordinato che il ricorso fosse redatto in russo dopo aver constatato che non esistevano interpreti lituani registrati in Slovenia e che la traduzione da tale lingua avrebbe quindi richiesto l'assistenza della più vicina ambasciata lituana. La lettera che intimava al ricorrente di presentare il suo ricorso in russo e una traduzione in russo di tale lettera sono state notificate al ricorrente il 4 aprile 2003. Poiché il ricorrente non ha risposto, il 29 aprile 2003 il tribunale distrettuale ha respinto la sua domanda in quanto incomprensibile. La decisione e una traduzione in russo sono state notificate al ricorrente il 21 maggio 2003.

39. Il 20 agosto 2004 il ricorrente ha presentato un reclamo costituzionale contro tale decisione, sostenendo che il tribunale distrettuale di Kranj aveva violato i suoi diritti di difesa e il suo diritto di utilizzare la propria lingua e scrittura. Spiegò che non parlava o comprendeva molto bene il russo, e in particolare non era in grado di leggere le decisioni e altri documenti in russo a causa dei diversi caratteri, e che gli era stato quindi impedito di difendersi efficacemente. Il suo ricorso costituzionale e le osservazioni aggiuntive erano scritte a mano in sloveno. Nel procedimento dinanzi alla Corte costituzionale, il tribunale distrettuale di Kranj ha risposto alle affermazioni del ricorrente, sostenendo che egli non aveva mai dichiarato di avere problemi di comprensione del russo.

40. Il 30 novembre 2004 il ricorrente ha inviato una lettera al Ministero della Giustizia, scritta in sloveno, chiedendo spiegazioni sul perché non avesse avuto un interprete lituano al suo processo. La lettera è stata trasmessa al tribunale distrettuale di Kranj. Questa rispose il 28 dicembre 2004, spiegando che il ricorrente aveva usato il russo per comunicare con la corte e con il suo avvocato in tutte le fasi del procedimento di primo grado.

41. Il 24 marzo 2005 la Corte costituzionale ha emesso la sua decisione. Essa ha osservato che la situazione del ricorrente era eccezionale, in quanto egli non era tenuto ad esaurire correttamente i mezzi di ricorso nei confronti della decisione del tribunale distrettuale di Kranj. A suo parere, non ci si poteva aspettare che il ricorrente, che era detenuto all'epoca, impugnasse la decisione impugnata con un ricorso standard, poiché aveva dichiarato di non comprendere la lingua in cui la decisione era stata scritta. La Corte costituzionale ha proseguito l'esame del reclamo nel merito, dando ragione al ricorrente. Ha osservato che la legge offre una protezione speciale al diritto dell'imputato di utilizzare la propria lingua e la propria scrittura dopo la detenzione. La lingua della persona sarebbe in linea di principio la sua lingua madre ma, se la persona ha la padronanza di un'altra lingua, l'uso di quest'ultima potrebbe essere sufficiente per la comunicazione orale nel procedimento. Tuttavia, la Corte costituzionale ha respinto il punto di vista della Corte distrettuale secondo cui un imputato che si trovava in custodia e che aveva usato una certa lingua nel procedimento orale avrebbe dovuto presentare anche osservazioni scritte in quella lingua, ritenendo che la comunicazione scritta richiedesse un livello più elevato di conoscenza della lingua. La Corte costituzionale ha notato che il ricorrente era stato assistito da un interprete russo nel procedimento di primo grado, che aveva comportato principalmente una comunicazione orale. Dopo l'appello, il procedimento era tipicamente scritto e l'imputato non beneficiava più dell'assistenza di un avvocato d'ufficio. La Corte costituzionale ha quindi ritenuto che il ricorrente, che aveva spiegato nelle sue osservazioni alla Corte suprema che non poteva scrivere in russo, doveva essere autorizzato a presentarle nella sua lingua. Ha quindi concluso che il tribunale sottostante aveva violato il diritto del ricorrente di utilizzare la propria lingua nel procedimento, come esplicitamente previsto dall'articolo 8 della legge sulla procedura penale e come garantito dall'articolo 62 della Costituzione. Ha annullato la decisione del tribunale distrettuale di Kranj del 29 aprile 2003 (si veda il precedente paragrafo 38) e ha rimesso il ricorso del ricorrente per la tutela della legalità per un nuovo esame.

42. Nel procedimento rimesso, il tribunale distrettuale di Kranj ha ottenuto una traduzione in sloveno del ricorso della ricorrente per la tutela della legalità e lo ha rinviato alla Corte suprema.

43. Il 26 gennaio 2006 la Corte suprema ha respinto il ricorso della ricorrente per la tutela della legalità in quanto infondato. La Corte suprema ha stabilito, sulla base del fascicolo del caso, che subito dopo aver messo il ricorrente in custodia di polizia, la polizia lo aveva informato, con l'assistenza dell'interprete russo, dei motivi del suo arresto e del suo diritto a un avvocato. Quando è stato interrogato dal giudice istruttore, il ricorrente era stato anche assistito dall'interprete russo e dal suo avvocato d'ufficio. La Corte Suprema ha rilevato che non c'era alcuna indicazione nel fascicolo che il ricorrente fosse stato informato del suo diritto di usare la propria lingua nel procedimento, né dal giudice istruttore né dal tribunale distrettuale di Kranj. Inoltre, non ha trovato alcuna indicazione che il ricorrente avesse rilasciato alcuna dichiarazione relativa a tale diritto. Tuttavia, la mancanza di tale notifica, non ha compromesso, secondo la Corte Suprema, la legalità della sentenza finale, perché il ricorrente era stato assistito da un interprete russo e da un avvocato. Il verbale dell'udienza non conteneva alcuna indicazione che egli non capisse il russo. Inoltre, la corte ha notato che né il ricorrente né il suo avvocato avevano sollevato alcun problema di mancanza di comprensione del russo. Al ricorrente è stata rilasciata una copia originale della sentenza della Corte suprema e una traduzione in lituano.

44. Il 10 giugno 2006 il ricorrente ha presentato un reclamo costituzionale contro la sentenza della Corte suprema, lamentando che, pur avendo una comprensione approssimativa del russo, non poteva difendersi oralmente in quella lingua, tanto meno per iscritto. In particolare, sosteneva che non gli era stata data la possibilità di difendersi in una lingua che gli avrebbe permesso di chiarire i fatti del caso e di rispondere efficacemente alle accuse. Egli ha sostenuto di aver attirato l'attenzione del tribunale su questo fatto, ma che la sua osservazione non era stata registrata. Inoltre, il ricorrente lamentava che alcuni documenti presentati come prove erano stati in sloveno e quindi erano stati incomprensibili per lui, ostacolando così la sua difesa.

45. Il 1° settembre 2007 il ricorrente è stato rilasciato sulla parola.

46. Il 3 luglio 2008 la Corte costituzionale ha respinto (zavrne) il reclamo costituzionale del ricorrente. Essa ha osservato, tra l'altro, quanto segue:
"Tutti i reclami si riferiscono al procedimento dinanzi al tribunale di primo grado. Dall'interrogatorio del giudice istruttore fino alla fine del processo, anche durante il procedimento d'appello, il ricorrente è stato rappresentato da un avvocato con il quale è riuscito a comunicare in russo (questo fatto non è stato contestato dal ricorrente nella sua denuncia costituzionale). Nel suo ricorso contro la sentenza del giudice di primo grado, il ricorrente non ha menzionato le questioni sollevate nel reclamo costituzionale, ma ha invece lamentato la procedura di polizia, che non è una questione lamentata nel procedimento costituzionale. Solo nella sua richiesta di tutela della legalità, presentata nella sua lingua, e nel suo reclamo costituzionale, il ricorrente ha lamentato una violazione del suo diritto ai sensi dell'articolo 62 della Costituzione a causa del comportamento del tribunale distrettuale, che aveva ignorato le sue osservazioni sui suoi problemi di comprensione del russo ...

Tenuto conto di quanto precede e del contenuto del reclamo costituzionale, la Corte costituzionale ha esaminato se il parere della Corte suprema ... ha violato il diritto del ricorrente di utilizzare la propria lingua previsto dall'articolo 62 della Costituzione e se c'è stata una violazione dei suoi diritti di difesa ai sensi dell'articolo 29, primo comma, della Costituzione.

...

Conformemente all'articolo 8 della legge sulla procedura penale, un tribunale deve informare l'indagato o l'imputato del diritto di usare la propria lingua. La notifica e la dichiarazione dell'indagato o dell'imputato dovrebbero essere registrate nella trascrizione dell'udienza nella loro interezza. L'omissione di tale notifica o la mancanza di registrazione di tale notifica o dichiarazione può dar luogo a una violazione materiale delle norme di procedura penale ai sensi del paragrafo 2 dell'articolo 371 della legge sulla procedura penale (cioè, se tale violazione influisce sulla sua capacità di difendersi). Tuttavia, se il tribunale agisce in contrasto con una richiesta esplicita di un indagato o imputato di usare la propria lingua e di seguire l'udienza in tale lingua, il tribunale commette una violazione materiale delle norme di procedura penale in senso assoluto ai sensi del paragrafo 1 dell'articolo 371 della legge sulla procedura penale.

Nella motivazione della sentenza [la Corte Suprema] ha notato che non c'era alcuna indicazione nel verbale dell'udienza che il ricorrente avesse menzionato di non capire il russo o che lui o il suo avvocato avessero richiesto l'uso della lingua madre del ricorrente all'udienza. Né quest'ultima questione era stata sollevata nel ricorso per la tutela della legalità. ... L'affermazione che il tribunale non aveva incluso la dichiarazione del ricorrente nel verbale dell'udienza è stata fatta per la prima volta nel reclamo costituzionale. La Corte Suprema ha stabilito in modo convincente le circostanze che dimostrano che il richiedente comprendeva il russo abbastanza bene da ricevere un'udienza equa usando quella lingua... Quando si considera il diritto a un processo equo è importante notare (e questa è anche l'opinione della Corte costituzionale) che nel suo ricorso per la tutela della legalità il ricorrente non ha sollevato una denuncia per non essere stato informato del suo diritto di usare la sua lingua madre. Né si è lamentato di questo nel suo reclamo costituzionale.

... Le sentenze impugnate non violano quindi il diritto del ricorrente garantito dall'articolo 62 della Costituzione ... Alla luce delle conclusioni di cui sopra e il fatto che durante tutto il procedimento il ricorrente è stato assistito da un avvocato con il quale è riuscito a comunicare, la sua denuncia che i suoi diritti di difesa garantiti dall'articolo 29 [della Costituzione] era stato violato deve anche essere respinto.

La censura relativa al fatto che una parte delle prove del procedimento fosse in lingua slovena, impedendogli così di familiarizzare con essa e di difendersi, non è stata portata avanti nel procedimento dinanzi ai giudici di primo grado. Egli non ha quindi esaurito i mezzi di ricorso a tale riguardo ...".

47. Gli onorari dichiarati alla fine del processo dall'interprete e dal difensore del ricorrente, e pagati dallo Stato, dimostrano che sono stati forniti al ricorrente diversi servizi. Oltre all'interpretazione durante le indagini e le udienze in tribunale, e alla traduzione scritta dei documenti, A.G. ha partecipato ad alcuni incontri tra il ricorrente e il suo avvocato. L'avvocato ha visitato il ricorrente nella prigione di detenzione a scopo di consultazione l'8 aprile (quarantacinque minuti), il 2 agosto (trenta minuti) e il 13 settembre 2002 (venti minuti), assistito da A.G., nonché il 9 luglio 2002 (venticinque minuti), sebbene non sia chiaro se in quest'ultima occasione A.G. fosse presente. L'avvocato ha anche assistito il ricorrente durante le sue apparizioni in tribunale. Ha anche presentato domande di ricorso per conto del suo cliente nei procedimenti di primo e secondo grado.

II. NORMATIVA  PERTINENTE

A. Diritto interno

1. La Costituzione della Repubblica di Slovenia

48. Le disposizioni pertinenti della Costituzione della Repubblica di Slovenia si leggono come segue:
Articolo 29

(Garanzie legali nei procedimenti penali)


"A chiunque sia accusato di un reato penale devono essere garantiti, oltre all'assoluta uguaglianza, i seguenti diritti

il diritto ad avere tempo e strutture adeguate per preparare la sua difesa;

il diritto di essere presente al suo processo e di condurre la propria difesa o di essere difeso da un rappresentante legale;

il diritto di presentare tutte le prove che sono a suo vantaggio;

il diritto di non incriminare se stesso, i suoi parenti o le persone a lui vicine, o di ammettere la propria colpevolezza".

Articolo 62

(Diritto di usare la propria lingua e la propria scrittura)


"Ogni individuo ha il diritto di usare la propria lingua e la propria scrittura come previsto dalla legge nell'esercizio dei propri diritti e doveri e nei procedimenti davanti allo Stato e ad altre autorità che svolgono una funzione pubblica."

2. Legge sulla procedura penale

a) Uso delle lingue nei procedimenti penali

49. Le disposizioni pertinenti della legge sulla procedura penale (Gazzetta Ufficiale n. 63/94 con i relativi emendamenti) che disciplinano l'uso delle lingue nei procedimenti penali recitano come segue:
Articolo 4

"1. Ogni persona arrestata deve essere immediatamente informata, nella sua lingua madre o in una lingua che comprende, dei motivi del suo arresto. La persona arrestata deve essere immediatamente informata che non è tenuta a rilasciare alcuna dichiarazione, che ha diritto all'assistenza legale di un avvocato di sua scelta e che l'organo competente è tenuto a informare i suoi familiari più stretti del suo arresto su sua richiesta.

...

Sezione 7

(1) I capi d'imputazione, i ricorsi e le altre istanze devono essere presentati al tribunale in lingua slovena.

...

(3) Lo straniero che è stato privato della libertà ha il diritto di presentare le proprie osservazioni al tribunale nella propria lingua; negli altri casi i soggetti stranieri possono presentare le proprie osservazioni nella propria lingua solo a condizione di reciprocità."

Sezione 8

"(1) Le parti, i testimoni e gli altri partecipanti al procedimento hanno il diritto di usare la propria lingua nelle azioni giudiziarie investigative e di altro tipo e nell'udienza principale. Se un'azione giudiziaria o l'udienza principale non si svolge nella lingua di queste persone, deve essere fornita una traduzione orale delle loro dichiarazioni e di quelle degli altri, nonché una traduzione dei documenti e delle altre prove scritte.

(2) Le persone di cui al paragrafo precedente sono informate del loro diritto alla traduzione delle loro dichiarazioni orali e dei documenti e delle prove scritte; possono rinunciare al loro diritto alla traduzione se conoscono la lingua in cui si svolge il procedimento. Il fatto che siano stati informati del loro diritto, così come le loro dichiarazioni in merito, devono essere messe a verbale.

(3) Le traduzioni sono effettuate da un interprete giudiziario".

(b) Motivi di ricorso

50. La disposizione pertinente della legge sulla procedura penale relativa ai motivi d'appello recita come segue:
Articolo 371

"(1) Si ritiene che esista una violazione materiale delle disposizioni di procedura penale:

...

3) ... quando l'imputato, l'avvocato, la parte lesa che funge da pubblico ministero o il procuratore privato è stato privato, nonostante la sua richiesta, del suo diritto di usare la propria lingua durante le indagini o altri atti giudiziari o all'udienza principale e del suo diritto di seguire il procedimento in tale lingua (articolo 8) ..;

...

(2) Una violazione materiale delle disposizioni di procedura penale è anche considerata esistente se nella preparazione di un'udienza o nel corso di un'udienza o nel dare la sentenza il giudice ha omesso di applicare una disposizione della presente legge o l'ha applicata in modo errato, o se nel corso dell'udienza il giudice ha violato i diritti della difesa, tale che l'atto o l'omissione ha influenzato o avrebbe potuto influenzare la legalità e regolarità della sentenza."

B. Strumenti dell'Unione europea

51. La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea ("la Carta") sancisce il diritto a un processo equo (articolo 47) e il rispetto dei diritti della difesa (articolo 48, paragrafo 2).

52. Il 30 novembre 2009 il Consiglio dell'Unione europea ha adottato una tabella di marcia per il rafforzamento dei diritti procedurali di indagati o imputati in procedimenti penali ("la tabella di marcia"). La tabella di marcia ha dato origine alla direttiva 2010/64/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 ottobre 2010, sul diritto all'interpretazione e alla traduzione nei procedimenti penali ("direttiva 2010/64/UE"). La direttiva 2010/64/UE stabilisce norme minime comuni da applicare nell'Unione europea ai fini dell'interpretazione e della traduzione nei procedimenti penali e nei procedimenti di esecuzione del mandato d'arresto europeo. È entrata in vigore il 15 novembre 2010.
53. Sono rilevanti i seguenti considerando della direttiva 2010/64/UE:
“...

(7) Il rafforzamento della fiducia reciproca richiede un'attuazione più coerente dei diritti e delle garanzie di cui all'articolo 6 della CEDU. Richiede inoltre, attraverso la presente direttiva e altre misure, un ulteriore sviluppo all'interno dell'Unione delle norme minime previste dalla CEDU e dalla Carta.

...

(9) Le norme minime comuni dovrebbero portare ad una maggiore fiducia nei sistemi di giustizia penale di tutti gli Stati membri, che a sua volta dovrebbe portare ad una più efficiente cooperazione giudiziaria in un clima di fiducia reciproca. Tali norme minime comuni dovrebbero essere stabilite nei settori dell'interpretazione e della traduzione nei procedimenti penali.

...

(14) Il diritto all'interpretazione e alla traduzione per coloro che non parlano o non comprendono la lingua del procedimento è sancito dall'articolo 6 della CEDU, come interpretato dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo. La presente direttiva facilita l'applicazione pratica di tale diritto. A tal fine, la presente direttiva mira a garantire il diritto di indagati o imputati all'interpretazione e alla traduzione nei procedimenti penali al fine di assicurare il loro diritto a un processo equo.

...

(17) La presente direttiva dovrebbe garantire un'assistenza linguistica gratuita e adeguata, consentendo agli indagati o agli imputati che non parlano o non comprendono la lingua del procedimento penale di esercitare pienamente il loro diritto alla difesa e salvaguardando l'equità del procedimento.

...

(19) La comunicazione tra indagati o imputati e il loro consulente legale dovrebbe essere interpretata conformemente alla presente direttiva. Gli indagati o imputati dovrebbero essere in grado, tra l'altro, di spiegare al loro consulente legale la loro versione dei fatti, indicare eventuali dichiarazioni con le quali non sono d'accordo e rendere il loro consulente legale consapevole di eventuali fatti che dovrebbero essere presentati a loro difesa.

...

(21) Gli Stati membri dovrebbero garantire l'esistenza di una procedura o di un meccanismo per accertare se gli indagati o gli imputati parlano e comprendono la lingua del procedimento penale e se hanno bisogno dell'assistenza di un interprete. Tale procedura o meccanismo implica che le autorità competenti verifichino in qualsiasi modo appropriato, anche consultando gli indagati o gli imputati interessati, se parlano e comprendono la lingua del procedimento penale e se hanno bisogno dell'assistenza di un interprete.

(22) L'interpretazione e la traduzione ai sensi della presente direttiva dovrebbero essere fornite nella lingua madre degli indagati o degli imputati o in qualsiasi altra lingua che essi parlano o comprendono, al fine di consentire loro di esercitare pienamente i loro diritti della difesa e di salvaguardare l'equità del procedimento.

...

(24) Gli Stati membri dovrebbero garantire che si possa esercitare un controllo sull'adeguatezza dell'interpretazione e della traduzione fornite quando le autorità competenti sono state avvertite in un determinato caso.

...

(30) La salvaguardia dell'equità del procedimento richiede che i documenti essenziali, o almeno le parti pertinenti di tali documenti, siano tradotti a beneficio degli indagati o imputati conformemente alla presente direttiva. Alcuni documenti dovrebbero sempre essere considerati essenziali a tal fine e dovrebbero quindi essere tradotti, come qualsiasi decisione che priva una persona della sua libertà, qualsiasi accusa o imputazione e qualsiasi sentenza. Spetta alle autorità competenti degli Stati membri decidere, d'ufficio o su richiesta di indagati o imputati o del loro avvocato, quali altri documenti sono essenziali per salvaguardare l'equità del procedimento e devono quindi essere anch'essi tradotti.

...

(32) La presente direttiva dovrebbe fissare norme minime. Gli Stati membri dovrebbero poter estendere i diritti stabiliti nella presente direttiva al fine di fornire un livello di protezione più elevato anche in situazioni non esplicitamente trattate nella presente direttiva. Il livello di protezione non dovrebbe mai essere inferiore alle norme previste dalla CEDU o dalla Carta, come interpretate dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo o della Corte di giustizia dell'Unione europea.

(33) Le disposizioni della presente direttiva che corrispondono ai diritti garantiti dalla CEDU o dalla Carta dovrebbero essere interpretate e attuate in modo coerente con tali diritti, come interpretate nella pertinente giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo e della Corte di giustizia dell'Unione europea."

54. L'articolo 2 della direttiva 2010/64/UE recita, nella sua parte pertinente, quanto segue:

Diritto all'interpretazione

"1. Gli Stati membri assicurano che agli indagati o agli imputati che non parlano o non comprendono la lingua del procedimento penale in questione sia fornita, senza indugio, l'interpretazione durante i procedimenti penali dinanzi alle autorità investigative e giudiziarie, anche durante gli interrogatori di polizia, tutte le udienze e tutte le necessarie udienze preliminari.

2. Gli Stati membri assicurano che, ove necessario al fine di salvaguardare l'equità del procedimento, l'interpretazione sia disponibile per la comunicazione tra gli indagati o gli imputati e il loro avvocato in diretta connessione con qualsiasi interrogatorio o udienza durante il procedimento o con la presentazione di un ricorso o di altre domande procedurali.

...

4. Gli Stati membri garantiscono l'esistenza di una procedura o di un meccanismo per accertare se gli indagati o imputati parlano e comprendono la lingua del procedimento penale e se hanno bisogno dell'assistenza di un interprete.

5. Gli Stati membri assicurano che, secondo le procedure del diritto nazionale, gli indagati o gli imputati abbiano il diritto di impugnare una decisione che dichiara superflua l'interpretazione e, quando l'interpretazione è stata fornita, la possibilità di contestare che la qualità dell'interpretazione non è sufficiente a garantire l'equità del procedimento.

...

8. L'interpretazione fornita ai sensi del presente articolo deve essere di qualità sufficiente a salvaguardare l'equità del procedimento, in particolare garantendo che gli indagati o gli imputati abbiano conoscenza dell'accusa a loro carico e siano in grado di esercitare i loro diritti di difesa."

55. L'articolo 3 della direttiva 2010/64/UE recita, nella sua parte pertinente, quanto segue:
Diritto alla traduzione di documenti essenziali

"1. Gli Stati membri assicurano che agli indagati o agli imputati che non comprendono la lingua del procedimento penale in questione sia fornita, entro un periodo di tempo ragionevole, una traduzione scritta di tutti i documenti che sono essenziali per garantire che essi siano in grado di esercitare il loro diritto alla difesa e per salvaguardare l'equità del procedimento.

2. I documenti essenziali comprendono ogni decisione che priva una persona della sua libertà, ogni accusa o imputazione e ogni sentenza.

...

5. Gli Stati membri assicurano che, secondo le procedure del diritto nazionale, gli indagati o gli imputati abbiano il diritto di impugnare una decisione che dichiara superflua la traduzione di documenti o brani di essi e, qualora sia stata fornita una traduzione, la possibilità di contestare che la qualità della traduzione non è sufficiente a salvaguardare l'equità del procedimento.

...

7. In deroga alle regole generali stabilite nei paragrafi 1, 2, 3 e 6, una traduzione orale o un riassunto orale di documenti essenziali può essere fornita al posto di una traduzione scritta, a condizione che tale traduzione orale o riassunto orale non pregiudichi l'equità del procedimento.

9. La traduzione fornita ai sensi del presente articolo deve essere di qualità sufficiente a salvaguardare l'equità del procedimento, in particolare garantendo che gli indagati o gli imputati abbiano conoscenza dell'accusa a loro carico e siano in grado di esercitare il loro diritto alla difesa."

56. L'articolo 5 § 1 della direttiva 2010/64/UE riguarda la qualità dell'interpretazione e della traduzione, prevedendo quanto segue:
"1. Gli Stati membri adottano misure concrete per garantire che l'interpretazione e la traduzione fornite soddisfino la qualità richiesta dall'articolo 2, paragrafo 8, e dall'articolo 3, paragrafo 9."

57. Inoltre, l'articolo 7 della direttiva 2010/64/UE recita:
Tenuta dei registri

"Gli Stati membri garantiscono che quando un indagato o un imputato è stato sottoposto a interrogatori o audizioni da parte di un'autorità investigativa o giudiziaria con l'assistenza di un interprete ai sensi dell'articolo 2, quando è stata fornita una traduzione orale o un riassunto orale di documenti essenziali in presenza di tale autorità ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 7, o quando una persona ha rinunciato al diritto alla traduzione ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 8, si prenderà nota che tali eventi si sono verificati, utilizzando la procedura di registrazione conformemente alla legislazione dello Stato membro interessato."

58. Il 22 maggio 2012 il Parlamento europeo e il Consiglio dell'Unione europea hanno adottato un'altra direttiva relativa alle misure previste dalla tabella di marcia, ossia la direttiva 2012/13/UE sul diritto all'informazione nei procedimenti penali ("direttiva 2012/13/UE"). Essa è entrata in vigore il 21 giugno 2012.
59. I seguenti considerando della direttiva 2012/13/UE sono rilevanti:
"(25) Gli Stati membri dovrebbero garantire che, nel fornire informazioni a norma della presente direttiva, agli indagati o agli imputati siano fornite, se necessario, traduzioni o interpretazioni in una lingua a loro comprensibile, conformemente alle norme di cui alla direttiva 2010/64/UE.

...

(35) Se le informazioni sono fornite in conformità della presente direttiva, le autorità competenti dovrebbero prenderne atto secondo le procedure di registrazione esistenti nel diritto nazionale e non dovrebbero essere soggette ad alcun obbligo aggiuntivo di introdurre nuovi meccanismi o ad alcun onere amministrativo supplementare.

(36) Gli indagati o gli imputati o i loro avvocati dovrebbero avere il diritto di contestare, conformemente alla legislazione nazionale, l'eventuale mancanza o rifiuto delle autorità competenti di fornire informazioni o di divulgare determinati materiali del caso conformemente alla presente direttiva. Tale diritto non comporta l'obbligo per gli Stati membri di prevedere una specifica procedura di ricorso, un meccanismo separato o una procedura di reclamo in cui tale omissione o rifiuto possano essere contestati.

...

(38) Gli Stati membri dovrebbero intraprendere tutte le azioni necessarie per conformarsi alla presente direttiva. Un'attuazione pratica ed efficace di alcune delle disposizioni, come l'obbligo di fornire a indagati o imputati informazioni sui loro diritti in un linguaggio semplice e accessibile, potrebbe essere ottenuta con diversi mezzi, comprese misure non legislative come un'adeguata formazione per le autorità competenti o una comunicazione dei diritti redatta in un linguaggio semplice e non tecnico in modo da essere facilmente compresa da un profano senza alcuna conoscenza del diritto processuale penale."

60. Le parti pertinenti degli articoli 3, 4 e 8 della direttiva 2012/13/UE prevedono quanto segue:
Articolo 3

Diritto all'informazione sui diritti

"1. Gli Stati membri assicurano che agli indagati o agli imputati siano fornite tempestivamente informazioni riguardanti almeno i seguenti diritti processuali, quali si applicano ai sensi del diritto nazionale, al fine di consentire l'effettivo esercizio di tali diritti:

(a) il diritto di accesso a un avvocato

(b) l'eventuale diritto all'assistenza legale gratuita e le condizioni per ottenerla

(c) il diritto di essere informato dell'accusa, conformemente all'articolo 6;

(d) il diritto all'interpretazione e alla traduzione

(e) il diritto di rimanere in silenzio.

2. Gli Stati membri garantiscono che le informazioni di cui al paragrafo 1 siano fornite oralmente o per iscritto, in un linguaggio semplice e accessibile, tenendo conto di eventuali esigenze particolari di indagati o imputati vulnerabili."

Articolo 4

Comunicazione dei diritti sull'arresto

"1. Gli Stati membri garantiscono che alle persone indagate o imputate che sono arrestate o detenute sia fornita tempestivamente una comunicazione dei diritti scritta. Essi hanno la possibilità di leggere la comunicazione dei diritti e possono tenerla in loro possesso per tutto il tempo in cui sono privati della libertà.

...

5. Gli Stati membri garantiscono che gli indagati o gli imputati ricevano la comunicazione dei diritti scritta in una lingua a loro comprensibile. Qualora la comunicazione dei diritti non sia disponibile nella lingua appropriata, gli indagati o gli imputati sono informati oralmente dei loro diritti in una lingua a loro comprensibile. Una comunicazione dei diritti in una lingua a loro comprensibile è quindi consegnata loro senza indebito ritardo."

Articolo 8

Verifica e mezzi di ricorso

"1. Gli Stati membri garantiscono che quando vengono fornite informazioni a indagati o imputati a norma degli articoli da 3 a 6, queste siano annotate utilizzando la procedura di registrazione specificata nel diritto dello Stato membro interessato.

2. Gli Stati membri garantiscono che le persone indagate o imputate o i loro avvocati abbiano il diritto di contestare, secondo le procedure del diritto nazionale, l'eventuale omissione o rifiuto delle autorità competenti di fornire informazioni conformemente alla presente direttiva."

61. Entrambe le suddette direttive sono state incorporate nell'ordinamento giuridico sloveno mediante un emendamento alla legge sulla procedura penale (Gazzetta ufficiale, n. 87/2014), approvato il 21 novembre 2014 e divenuto applicabile a partire dal 20 marzo 2015.

LA LEGGE

I. PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 6 §§ 1 E 3 DELLA CONVENZIONE PER QUANTO RIGUARDA L'ASSERITA NEGAZIONE DEL DIRITTO DEL RICORRENTE DI UTILIZZARE UNA LINGUA DI CUI AVESSE UNA SUFFICIENTE PADRONANZA

62. Il ricorrente lamentava che il suo diritto a un processo equo era stato violato perché non aveva compreso la lingua del procedimento o l'interpretazione fornitagli. Egli ha invocato l'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione, le cui parti pertinenti recitano come segue:
Articolo 6

"1. Nella determinazione di ... ogni accusa penale contro di lui, ogni persona ha diritto a un'equa ... udienza ... da [un] ... tribunale ...

...

3. Ogni persona accusata di un reato ha i seguenti diritti minimi

(a) essere informato tempestivamente, in una lingua a lui comprensibile e in modo dettagliato, della natura e dei motivi dell'accusa a suo carico;

...

(e) avere l'assistenza gratuita di un interprete se non può comprendere o parlare la lingua usata in tribunale".

A. Ammissibilità

63. Il governo ha sostenuto che il ricorrente non aveva esaurito i rimedi interni. Essi hanno sostenuto che il ricorrente non aveva sollevato la sostanza della sua denuncia davanti alle autorità nazionali competenti. In particolare, il ricorrente e il suo avvocato, di cui il ricorrente non si era mai lamentato a livello nazionale, avrebbero potuto sollevare la questione dell'inadeguatezza dell'interpretazione russa o richiedere l'uso di un'altra lingua, ma non lo avevano fatto durante l'interrogatorio del giudice istruttore, in qualsiasi altro momento del processo, o nelle loro osservazioni scritte. Anche la lamentela del ricorrente di non essere stato in grado di comprendere la scrittura in cui gli era stata fornita la traduzione dei documenti scritti era stata sollevata fuori tempo massimo.
64. Il ricorrente ha contestato le affermazioni del Governo. Egli sosteneva che non doveva essere accusato di non aver sollevato adeguatamente le sue lamentele presso le autorità e che in effetti si era lamentato nella sua lingua madre ma non era stato compreso.

65. Secondo la Corte, l'obiezione preliminare del Governo secondo cui il ricorrente non aveva esaurito i rimedi interni è così strettamente legata alla sostanza della sua denuncia che dovrebbe essere unita al merito della causa.

66. La Corte ritiene inoltre che questo reclamo non sia manifestamente infondato ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Non essendo stato stabilito nessun altro motivo per dichiararlo irricevibile, esso deve quindi essere dichiarato ricevibile.

B. Merito

1. Le osservazioni delle parti

a) Il ricorrente

67. Il ricorrente ha sostenuto che avrebbe dovuto essere in grado di utilizzare la sua lingua madre, il lituano, in quanto era l'unico modo in cui avrebbe potuto difendersi efficacemente nel procedimento penale. Egli ha sostenuto che la sua conoscenza del russo era stata scarsa e che non aveva capito la traduzione dei documenti in quanto non era stato in grado di leggere il russo. Durante il procedimento contro di lui non era stata fatta alcuna indagine sulla sua conoscenza del russo, in violazione dell'obbligo positivo dello Stato ai sensi della Convenzione. Egli ha inoltre sostenuto che l'onere di fornire una spiegazione per la mancanza di traduzione e interpretazione nella sua lingua madre dovrebbe essere a carico del governo. In particolare, il governo dovrebbe giustificare la loro supposizione che egli capisse il russo, una lingua molto diversa nella sua forma parlata, e completamente diversa nella sua forma scritta, dal lituano. Egli ha inoltre dichiarato di non aver mai studiato il russo.
68. In risposta all'argomentazione del governo riguardo alla sua partecipazione al processo, il ricorrente ha sostenuto che questa potrebbe essere stata solo un'apparenza. Il ricorrente ha fatto riferimento a Şaman c. Turchia (n. 35292/05, 5 aprile 2011) e Baytar c. Turchia (n. 45440/04, 14 ottobre 2014) a questo proposito. Per quanto riguarda il fatto di aver firmato il verbale delle udienze, sosteneva di non aver saputo cosa stava firmando.

69. Nel suo ricorso alla Corte, il ricorrente ha affermato che, più volte durante il processo, si era lamentato di avere difficoltà a capire la lingua parlata, ma poiché aveva presentato le sue lamentele in lituano nessuno le aveva capite. In risposta alle argomentazioni del governo, il ricorrente ha contestato l'idea che le autorità avrebbero dovuto essere formalmente avvisate delle sue difficoltà. A questo proposito, egli ha sostenuto che si era trovato detenuto in un paese straniero in un procedimento penale che si era concluso rapidamente, vale a dire in primo grado entro cinque mesi, e non era stato quindi in grado di presentare un reclamo a livello nazionale. Il ricorrente ha sostenuto che il fatto di non aver presentato un reclamo, come stabilito dalla Corte costituzionale e dalla Corte suprema, dovrebbe essere considerato esso stesso come una conseguenza della violazione degli articoli 5 § 2 e 6 §§ 1 e 3 (a) ed (e) della Convenzione. Egli ha sottolineato che il giudice nazionale dovrebbe essere il custode ultimo dell'equità del procedimento, soprattutto perché il suo avvocato era stato nominato da un tribunale.

b) Il governo

70. Il Governo ha sostenuto che né il ricorrente né il suo avvocato avevano fatto osservazioni sulla nomina dell'interprete russo durante l'inchiesta, alle udienze o in appello. La prima volta che il ricorrente aveva sollevato la questione della lingua era stata nella sua domanda di tutela della legalità, dopo che la sua condanna era diventata definitiva. La prima volta che aveva fatto presente che il tribunale non aveva messo a verbale il suo presunto reclamo sulla lingua usata era stato nel suo reclamo costituzionale. Per quanto riguarda la sua comprensione dei documenti scritti, il governo ha sottolineato che il ricorrente e altri coimputati avevano chiesto che la traduzione scritta fosse in russo (cfr. paragrafo 21). Il ricorrente aveva presentato un reclamo su tale questione solo nel procedimento della Corte costituzionale.
71. Per quanto riguarda la conoscenza del russo da parte del ricorrente, il Governo ha sostenuto che essa era adeguata e che i suoi diritti di difesa non erano quindi stati violati. In particolare, il governo sosteneva che il russo era stato una lingua ufficiale in Lituania fino al 1990, quando il paese aveva dichiarato la propria indipendenza, e che il ricorrente, nato nel 1980, doveva averlo imparato a scuola. Hanno anche sostenuto che, in ogni caso, il russo era ampiamente parlato in Lituania; che il co-accusato A.V. aveva detto durante l'interrogatorio del giudice istruttore che lui e il ricorrente erano stati in grado di parlare russo (vedi paragrafo 14 sopra); e che il ricorrente aveva dimostrato nel procedimento penale che era stato in grado di seguire il procedimento in russo. Il ricorrente aveva partecipato al procedimento, esaminato i testimoni, risposto alle domande e non si era lamentato di non essere in grado di capire il russo, la lingua in cui aveva comunicato nel procedimento. C'era stato un incidente isolato, in particolare all'udienza dell'11 luglio 2002, quando aveva chiesto chiarimenti su una traduzione (cfr. paragrafo 27). In sintesi, il governo sostiene che il ricorrente ha partecipato al procedimento con l'assistenza del suo avvocato e di un interprete russo e che se avesse avuto effettivamente problemi nella sua comunicazione orale o scritta avrebbe trovato il modo di renderne conto al suo avvocato o al tribunale.
(c) La terza parte

72. Fair Trials International, intervenendo come terza parte, ha sostenuto che la Corte dovrebbe adottare un approccio esigente nel valutare se i giudici nazionali hanno assolto il loro dovere di controllare l'adeguatezza dell'interpretazione quando sono stati messi al corrente di un problema a tale riguardo. Ha fatto riferimento alla risoluzione del Consiglio del 30 novembre 2009 su una tabella di marcia per il rafforzamento dei diritti procedurali di indagati e imputati in procedimenti penali e alla direttiva 2010/64/UE (cfr. paragrafi da 52 a 57). In particolare, la terza parte ha sostenuto che la mancata denuncia a livello nazionale non dovrebbe assolutamente essere considerata determinante. Nel determinare se le autorità nazionali sono state "messe in guardia" in modo tale da far scattare la loro responsabilità per qualsiasi supervisione, la Corte dovrebbe prendere in considerazione qualsiasi situazione di fatto che si verifica nel contesto del procedimento nazionale, che dovrebbe essere tale da allertare i giudici su un possibile problema di adeguatezza dell'interpretazione. Ha sottolineato che quando l'interpretazione viene fornita in una lingua diversa da quella dell'imputato, questo dovrebbe automaticamente mettere in guardia le autorità e far scattare il loro obbligo di verificare l'adeguatezza dell'interpretazione. Le autorità dovrebbero quindi stabilire che l'imputato ha una padronanza sufficiente della lingua di interpretazione. A questo proposito, era necessario tenere conto degli elementi presi in considerazione dalla Corte nel valutare l'impatto della mancata fornitura dell'interpretazione a persone che non avevano una perfetta padronanza della lingua del procedimento, come le loro conoscenze linguistiche, l'alfabetizzazione e la situazione personale, e la complessità del caso. Le autorità nazionali erano tenute a determinare se l'imputato avesse una sufficiente padronanza della terza lingua effettuando verifiche analoghe.

73. Nei procedimenti nazionali dovrebbero esistere meccanismi per individuare la necessità dell'interpretazione, e l'incapacità delle autorità di confutare la denuncia di un ricorrente con prove positive dovrebbe essere un modo valido per stabilire una violazione della Convenzione. In particolare, la Corte dovrebbe esitare prima di accettare una supposizione basata sulla nazionalità come un modo soddisfacente per valutare se l'interpretazione fornita fosse adeguata. L'attenzione dovrebbe invece concentrarsi sui passi concreti compiuti per verificarne l'adeguatezza.

74. Infine, Fair Trials International ha sostenuto che questioni quali l'uso di prove ottenute attraverso un'interpretazione inadeguata e l'effetto che quest'ultima ha avuto sull'esercizio di altri diritti di difesa dovrebbero essere prese in considerazione nel valutare l'equità del procedimento nel suo complesso. Se le autorità nazionali non hanno condotto un esame adeguato dell'adeguatezza dell'interpretazione, la Corte non dovrebbe speculare sull'effetto che l'interpretazione inadeguata potrebbe aver avuto sulle strategie di difesa. Dovrebbe invece essere pronta a concludere che la difesa avrebbe potuto essere condotta diversamente se fosse stata fornita un'interpretazione adeguata e quindi trovare una violazione dell'articolo 6.

2. La valutazione della Corte

(a) Principi generali

(i) Principi generali relativi all'articolo 6 § 3 (a) ed (e) della Convenzione

75. Ai sensi del paragrafo 3 (a) dell'articolo 6 della Convenzione, ogni persona accusata di un reato ha il diritto "di essere informata tempestivamente, in una lingua a lei comprensibile e in modo dettagliato, della natura e dei motivi dell'accusa formulata nei suoi confronti". Anche se questa disposizione non specifica che le informazioni pertinenti devono essere date per iscritto o tradotte in forma scritta per un imputato straniero, indica la necessità di prestare particolare attenzione alla notifica dell'"accusa" all'imputato. Un atto d'accusa gioca un ruolo cruciale nel processo penale, in quanto è dal momento della sua notifica che l'imputato viene formalmente messo al corrente della base fattuale e giuridica delle accuse contro di lui. Un imputato che non ha familiarità con la lingua usata dal tribunale può trovarsi in uno svantaggio pratico se l'atto d'accusa non è tradotto in una lingua a lui comprensibile (si veda Hermi c. Italia [GC], no. 18114/02, § 68, CEDU 2006-XII).

76. Inoltre, il paragrafo 3 (e) dell'articolo 6 stabilisce che ogni imputato ha diritto all'assistenza gratuita di un interprete. Tale diritto si applica non solo alle dichiarazioni orali rese durante l'udienza del processo, ma anche al materiale documentario e alle procedure preprocessuali (si veda Hermi, sopra citata, § 69). Per quanto riguarda la fase preprocessuale, la Corte osserva che l'assistenza di un interprete, come quella di un avvocato, dovrebbe essere fornita fin dalla fase delle indagini, a meno che non si dimostri che vi siano ragioni impellenti per limitare questo diritto (si veda Baytar, sopra citata, § 50, e Diallo c. Svezia (dec.), no. 13205/07, § 25, 5 gennaio 2010).

77. Un imputato che non può comprendere o parlare la lingua usata in tribunale ha, pertanto, il diritto all'assistenza gratuita di un interprete per la traduzione o l'interpretazione di tutti quei documenti o dichiarazioni del procedimento intentato contro di lui che è necessario che egli comprenda o che sia reso nella lingua del tribunale al fine di avere il beneficio di un processo equo (si veda Hermi, sopra citata, § 69).

78. Tuttavia, il paragrafo 3 (e) non si spinge fino ad esigere una traduzione scritta di tutti gli elementi di prova scritti o dei documenti ufficiali del procedimento. A questo proposito, va notato che il testo delle disposizioni pertinenti fa riferimento a un "interprete", non a un "traduttore". Ciò suggerisce che l'assistenza linguistica orale può soddisfare i requisiti della Convenzione (si veda Husain c. Italia (dec.), no. 18913/03, 24 febbraio 2005).

79. Resta il fatto, tuttavia, che l'assistenza interpretativa fornita dovrebbe essere tale da consentire all'imputato di avere conoscenza della causa contro di lui e di difendersi, in particolare potendo esporre davanti alla corte la sua versione dei fatti (si veda ibidem; Hermi, sopra citata, § 70; e Güngör c. Germania (dec.), no. 31540/96, 17 maggio 2001). La Corte osserva a questo proposito che l'obbligo delle autorità competenti non si limita alla nomina di un interprete, ma, se sono messe al corrente delle particolari circostanze, può anche estendersi ad un certo grado di controllo successivo sull'adeguatezza dell'interpretazione (si veda Kamasinski c. Austria, 19 dicembre 1989, § 74, serie A n. 168), e Diallo, citato sopra, § 23).

(ii) Valutazione delle esigenze di interpretazione

80. Per quanto riguarda la sua giurisprudenza fino ad oggi, la Corte osserva che già nella causa Brozicek c. Italia (19 dicembre 1989, § 41, serie A n. 167) ha indicato la necessità di verificare le esigenze dell'imputato in termini di assistenza linguistica.

In particolare, ha ritenuto che le autorità italiane, che erano state informate in modo inequivocabile della scarsa conoscenza dell'italiano da parte del ricorrente, "avrebbero dovuto prendere provvedimenti per soddisfare [la sua richiesta di traduzione] ... a meno che non fossero in grado di stabilire che il ricorrente aveva in realtà una conoscenza sufficiente dell'italiano per comprendere dalla notifica il contenuto della lettera che gli notificava le accuse mosse contro di lui".

Notando che non c'erano prove nel fascicolo per indicare che il ricorrente avesse avuto una conoscenza sufficiente dell'italiano, la Corte ha riscontrato una violazione dell'articolo 6.

Analogamente, in Cuscani c. Regno Unito (n. 32771/96, § 38, 24 settembre 2002), la Corte ha ritenuto che dopo che le autorità erano state messe al corrente dell'incapacità del ricorrente di comprendere il procedimento, la verifica della sua necessità di interpretazione era diventata una questione da determinare per il giudice. La Corte ha ritenuto che l'onere di accertare se l'assenza di un interprete all'udienza avrebbe pregiudicato il pieno coinvolgimento del ricorrente in un processo in cui si era dichiarato colpevole fosse stato a carico del giudice.

Inoltre, nella causa Amer c. Turchia (no. 25720/02, § 83, 13 gennaio 2009), la Corte non ha trovato alcuna indicazione nel fascicolo circa la presenza di un interprete durante l'interrogatorio della polizia al richiedente, che ha dichiarato di avere solo una conoscenza limitata del turco, che era la lingua del procedimento. Notando che prove cruciali erano state raccolte durante tale interrogatorio, e facendo riferimento al successivo procedimento dinanzi al giudice nazionale, la Corte ha ritenuto che "la verifica della necessità del ricorrente di servizi di interpretazione al momento del suo interrogatorio da parte della polizia avrebbe dovuto essere una questione che i giudici nazionali avrebbero dovuto esaminare adeguatamente al fine di rassicurare se stessi che l'assenza di un interprete [quando il ricorrente era] in custodia della polizia non avrebbe pregiudicato il diritto del ricorrente ad un processo equo".

81. Come dimostrano i suddetti esempi tratti dalla giurisprudenza della Corte, spetta alle autorità coinvolte nel procedimento, in particolare ai giudici nazionali, accertare se l'equità del processo richieda, o abbia richiesto, la nomina di un interprete per assistere l'imputato. Secondo la Corte, questo dovere non si limita alle situazioni in cui l'imputato straniero fa una richiesta esplicita di interpretazione.

In considerazione del posto preminente occupato in una società democratica dal diritto ad un processo equo (si veda Hermi, sopra citata, § 76, e Artico c. Italia, 13 maggio 1980, § 33, serie A n. 37), esso sorge ogni volta che vi sono ragioni per sospettare che l'imputato non sia abbastanza abile nella lingua del procedimento, ad esempio se non è cittadino o residente del paese in cui il procedimento viene condotto.

Un dovere simile sorge quando si prevede di utilizzare una terza lingua per l'interpretazione. In tali circostanze, la padronanza della terza lingua da parte del convenuto dovrebbe essere accertata prima di decidere di utilizzarla ai fini dell'interpretazione.

82. La Corte osserva inoltre che l'importanza di verificare le esigenze dell'imputato in materia di interpretazione al fine di garantire il diritto a un processo equo è stata riconosciuta anche dall'adozione della direttiva 2010/64/UE dell'Unione europea. Tale direttiva impone agli Stati membri di garantire l'esistenza di una procedura o di un meccanismo per accertare se gli indagati o gli imputati parlino e comprendano la lingua del procedimento penale e se abbiano bisogno dell'assistenza di un interprete (si vedano i precedenti paragrafi 52-54).
83. La Corte ha affermato in diverse occasioni che nel determinare le esigenze di interpretazione dell'imputato, la questione delle sue conoscenze linguistiche è fondamentale (si veda, tra le molte autorità, Hermi, sopra citata, § 71). Aggiungerebbe a questo proposito che il fatto che l'imputato abbia una padronanza di base della lingua del procedimento o, come può essere il caso, una terza lingua in cui l'interpretazione è prontamente disponibile, non dovrebbe di per sé impedire all'individuo di beneficiare dell'interpretazione in una lingua che capisce abbastanza bene per esercitare pienamente i suoi diritti di difesa. Ciò deriva dall'esigenza che l'imputato sia informato dell'accusa in una lingua "che egli comprende" e dall'esigenza che l'assistenza di interpretazione fornita sia tale da consentire all'imputato di avere conoscenza dell'accusa contro di lui e di difendersi (si veda il precedente paragrafo 79). Il considerando 22 del preambolo della direttiva 2010/64/UE prevede più specificamente che l'interpretazione e la traduzione debbano essere fornite nella lingua madre degli imputati o in qualsiasi altra lingua che essi parlano o comprendono, al fine di consentire loro di esercitare pienamente il loro diritto alla difesa e di salvaguardare l'equità del procedimento (si veda il precedente paragrafo 53).
84. La Convenzione lascia agli Stati contraenti un'ampia discrezionalità per quanto riguarda la scelta dei mezzi calcolati per garantire che i loro sistemi giuridici siano conformi ai requisiti dell'articolo 6 (si veda Sejdovic c. Italia [GC], no. 56581/00, § 83, CEDU 2006-II). Non spetta quindi alla Corte stabilire in dettaglio le misure precise che dovrebbero essere adottate dalle autorità nazionali al fine di verificare le conoscenze linguistiche di un imputato che non è sufficientemente abile nella lingua del procedimento. A seconda di diversi fattori, come la natura del reato e le comunicazioni rivolte all'imputato dalle autorità nazionali (si veda Hermi, sopra citata, § 71), una serie di domande aperte potrebbe essere sufficiente a stabilire le esigenze linguistiche dell'imputato. A questo proposito, la Corte osserva che il considerando 21 della direttiva 2010/64/UE lascia parimenti alle autorità la scelta delle modalità di verifica più appropriate, che possono includere la consultazione degli indagati o imputati interessati (si veda il precedente paragrafo 53).
85. Infine, la Corte richiama l'attenzione sull'importanza di annotare nel verbale qualsiasi procedura utilizzata e decisione presa in merito alla verifica delle esigenze di interpretazione, qualsiasi notifica del diritto a un interprete (si vedano i successivi paragrafi 86 e 87) e qualsiasi assistenza fornita dall'interprete, come la traduzione orale o il riassunto orale dei documenti, in modo da evitare qualsiasi dubbio al riguardo che possa essere sollevato in seguito nel procedimento (si veda, mutatis mutandis, Martin c. Estonia, no. 35985/09, § 90, 30 maggio 2013, e precedenti paragrafi 57 e 60).
(iii) Notifica del diritto all'interpretazione

86. La Corte ha già avuto modo di sottolineare, nell'ambito del diritto di accesso a un avvocato, del diritto di rimanere in silenzio e del privilegio contro l'autoincriminazione, che perché questi diritti siano pratici ed effettivi è fondamentale che gli indagati ne siano a conoscenza (si veda Ibrahim e altri c. Regno Unito [GC], nn. 50541/08 e altri 3, § 272, CEDU 2016). La Corte ritiene che proprio per la stessa ragione sia importante che l'indagato sia a conoscenza del diritto all'interpretazione, il che significa che tale diritto deve essergli notificato quando "è accusato di un reato" (cfr., mutatis mutandis, ibidem; cfr. anche l'articolo 3 della direttiva 2012/13/UE citata al precedente paragrafo 60).

87. Per essere significativa, la notifica del diritto all'interpretazione insieme agli altri diritti fondamentali di difesa sopra menzionati dovrebbe essere fatta in una lingua che il richiedente comprende (ibid.). Ciò è implicito anche dall'applicazione da parte della Corte dello standard della "rinuncia consapevole e intelligente" a qualsiasi presunta rinuncia a tali diritti (si veda, mutatis mutandis, Dvorski c. Croazia [GC], n. 25703/11, § 101, CEDU 2015, e Ibrahim e altri, citata, § 272).

(b) Applicazione dei principi di cui sopra al caso di specie

(i) Per quanto riguarda le ragioni della nomina di un interprete russo

88. La Corte osserva innanzitutto che il tribunale distrettuale di Kranj sembra essersi informato sulla disponibilità di interpreti per la lingua madre del ricorrente, il lituano, constatando che all'epoca dei fatti nessun interprete di questo tipo era registrato in Slovenia e che la traduzione da e verso tale lingua avrebbe richiesto l'assistenza della più vicina ambasciata lituana (si veda il paragrafo 38). Tuttavia, tali indagini sono state effettuate solo nel corso del procedimento successivo alla sentenza del tribunale di secondo grado, senza che siano stati compiuti ulteriori passi. Non vi è alcuna indicazione nel fascicolo che le autorità abbiano preso in considerazione la possibilità di assicurare un interprete lituano durante il processo o l'inchiesta. Tuttavia, sembra che successivamente nel corso del procedimento, per esempio davanti alla Corte suprema (cfr. paragrafi 42 e 43), sia stata ottenuta una traduzione dal lituano allo sloveno e viceversa.

89. In ogni caso, il governo non ha sostenuto che vi fossero stati motivi impellenti (cfr. paragrafo 76 supra) che impedissero alle autorità di nominare un interprete lituano per assistere il ricorrente. Infatti, essi hanno sostenuto che un interprete russo era stato nominato per assisterlo perché, a loro avviso, egli comprendeva il russo (cfr. paragrafo 71 supra). In effetti, le decisioni dei tribunali nazionali relative al presente ricorso (si vedano i paragrafi 41, 43 e 46 supra) erano basate sul presupposto che il ricorrente capisse il russo e fosse in grado di seguire il procedimento in tale lingua.

90. Alla luce di quanto precede, la Corte non può speculare se o in quale momento un interprete lituano sarebbe stato disponibile per il ricorrente, se le autorità ne avessero attivamente cercato uno. Tenendo presente che l'articolo 6 non richiede che l'imputato debba necessariamente essere in grado di seguire il procedimento nella sua lingua madre, essa procederà ad esaminare la questione principale, ossia se al ricorrente sia stato fornito un interprete in una lingua di cui avesse una padronanza sufficiente ai fini della sua difesa e, in caso contrario, se ciò abbia compromesso l'equità del procedimento nel suo complesso.

(ii) Per quanto riguarda la valutazione delle esigenze di interpretazione del ricorrente

91. Nel caso di specie, le autorità erano chiaramente consapevoli del fatto che il ricorrente, che era cittadino lituano ed era arrivato in Slovenia solo poco tempo prima del suo arresto, non comprendeva la lingua del procedimento penale a suo carico, che era lo sloveno. Dopo aver preso in custodia il ricorrente, la polizia lo ha informato, con l'assistenza dell'interprete russo, dei motivi del suo arresto e del suo diritto di accesso a un avvocato. Interrogato dal giudice istruttore, il ricorrente è stato nuovamente assistito dall'interprete russo. Ha continuato ad essere assistito da tale interprete durante tutto il procedimento e durante le consultazioni con il suo avvocato d'ufficio e gli sono state fornite le traduzioni in russo dei documenti giudiziari pertinenti. Tuttavia, sebbene i verbali dell'inchiesta e dell'udienza siano piuttosto dettagliati, la Corte non trova alcuna indicazione che il ricorrente sia mai stato consultato per sapere se avesse capito l'interpretazione e la traduzione scritta in russo abbastanza bene da condurre efficacemente la sua difesa in quella lingua.

92. A questo proposito, la Corte non può accettare il suggerimento del Governo che qualsiasi supposizione generale sulla conoscenza del russo da parte del ricorrente possa essere fatta sulla base della sua nazionalità lituana e respinge gli argomenti del Governo sull'uso del russo in Lituania (cfr. paragrafo 71 supra), constatando che l'esattezza di tali affermazioni non è stata dimostrata in alcun modo. Rileva inoltre che nessun'altra spiegazione è stata fornita dal Governo su cosa abbia indotto le autorità, nel nominare un interprete russo per assistere il ricorrente, a credere che egli avesse una sufficiente padronanza di quella lingua (si veda il precedente paragrafo 71; e contrasto Hermi, sopra citato, §§ 90 e 91, e Katritsch c. Francia, no. 22575/08, § 45, 4 novembre 2010).
93. La Corte deve quindi concludere che le autorità non hanno espressamente verificato (si veda il paragrafo 81 supra) la competenza del ricorrente in russo. La mancanza di tale verifica è un elemento importante nella considerazione del caso da parte della Corte, in quanto la tutela effettiva dei diritti sanciti dall'articolo 6 § 3 (a) ed (e) richiede che all'imputato sia fornito l'interpretariato in una lingua di cui ha una sufficiente padronanza (si vedano i paragrafi 81-83 sopra).

(iii) Per quanto riguarda altre indicazioni sulla conoscenza del russo da parte del ricorrente

94. La Corte deve procedere a stabilire se vi siano altre chiare indicazioni della conoscenza del russo da parte del ricorrente. A questo proposito, la Corte osserva che non esistono registrazioni audio dell'interrogatorio del giudice istruttore o dell'udienza e che nessun altro elemento di prova (si veda, ad esempio, Katritsch, sopra citata, § 45, e Hermi, sopra citata, § 90) con cui determinare l'effettivo livello di russo parlato del ricorrente è stato presentato dal Governo. Quanto all'esistenza di indicazioni, negli atti del processo o altrove, della sua comprensione della lingua dell'interprete (si veda il paragrafo 71 supra), la Corte osserva, in primo luogo, che in assenza di qualsiasi verifica, la sua mancanza di cooperazione durante il procedimento di polizia e durante il suo interrogatorio da parte del giudice istruttore potrebbe essere intesa come attribuita, almeno in parte, alle sue difficoltà ad esprimersi e a seguire il procedimento in russo (si vedano i paragrafi 11 e 13 supra).

95. In secondo luogo, le poche dichiarazioni piuttosto elementari che il ricorrente ha fatto durante l'udienza, presumibilmente in russo (vedere i paragrafi 26, 27 e 29 supra), non possono essere considerate sufficienti a dimostrare che egli fosse effettivamente in grado di condurre efficacemente la sua difesa in tale lingua.

96. In terzo luogo, anche se la Corte costituzionale ha constatato che il ricorrente era "riuscito a comunicare" con il suo avvocato, non ha spiegato tale constatazione con riferimento ai fatti. Purtroppo, la sua conclusione sembra essere basata su una supposizione piuttosto che su prove della competenza linguistica del ricorrente o della comunicazione effettiva con il suo avvocato (vedi paragrafo 46 sopra).

97. In conclusione, sebbene il ricorrente sembri essere stato in grado di parlare e comprendere un po' di russo, fatto che non ha negato (si veda il paragrafo 67 supra), la Corte non ritiene accertato che la sua padronanza di tale lingua fosse sufficiente a salvaguardare l'equità del procedimento.

(iv) Per quanto riguarda la mancanza di un reclamo o di una richiesta di sostituzione dell'interprete durante il processo

98. Resta da esaminare l'argomento del Governo secondo cui né il ricorrente né il suo avvocato hanno fatto osservazioni sulla nomina dell'interprete russo durante l'istruttoria, alle udienze o in appello (vedere i paragrafi 70 e 71 supra).

99. Per quanto riguarda il ricorrente, la Corte ritiene importante notare che non vi è alcuna indicazione nel fascicolo che le autorità lo abbiano informato del suo diritto all'interpretazione nella sua lingua madre o del suo diritto fondamentale all'interpretazione in una lingua da lui compresa (vedere i paragrafi 43, 46, 48 e 49 sopra). Il governo non ha fornito alcuna giustificazione per questa mancanza. La Corte sottolinea a questo proposito che la notifica del diritto all'interpretazione era parte integrante del dovere delle autorità di fornire un'adeguata assistenza linguistica al ricorrente al fine di garantire il diritto a un processo equo - un dovere che era al centro del ricorso per motivi di diritto del ricorrente e del suo reclamo costituzionale (cfr. paragrafi 37, 44, 86 e 87 sopra). Inoltre, in base al diritto interno, il ricorrente aveva diritto all'interpretazione nella sua lingua madre e le autorità erano tenute, in base al diritto processuale interno, a informarlo di tale diritto e a fare una registrazione di tale notifica e della risposta del ricorrente ad essa (si vedano i paragrafi 46, 48 e 49 sopra).

100. A parere della Corte, la mancanza di tale notifica del diritto all'interpretazione, unita alla vulnerabilità del ricorrente in quanto straniero arrivato in Slovenia solo poco tempo prima dell'arresto e detenuto durante il procedimento, e alla sua limitata padronanza del russo, potrebbe ben spiegare la mancanza di qualsiasi richiesta di un interprete diverso o di reclami a questo proposito fino a più tardi nel corso del procedimento, a quel punto egli è stato in grado di utilizzare la sua lingua madre (cfr. paragrafi 37-46 sopra). La Corte osserva inoltre che la Corte costituzionale ha ritenuto che la situazione del ricorrente fosse di natura eccezionale, con la conseguenza che non gli era stato richiesto di esaurire i rimedi regolari (cfr. paragrafi 41 e 46 supra).

101. Per quanto riguarda la mancanza di reclami da parte del difensore del ricorrente, la Corte ribadisce che, sebbene lo svolgimento della difesa sia essenzialmente una questione tra l'imputato e il suo difensore, sia che quest'ultimo sia stato nominato nell'ambito di un programma di assistenza legale sia che sia stato finanziato privatamente, i custodi ultimi dell'equità del procedimento - comprendente, tra gli altri aspetti, l'eventuale assenza di traduzione o interpretazione per un imputato non cittadino - sono i tribunali nazionali (si veda Hermi, già citata, § 72, e Cuscani, già citata, § 39). L'omissione da parte del rappresentante legale del ricorrente di sollevare la questione dell'interpretazione non ha quindi sollevato il giudice nazionale dalla sua responsabilità ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione.

(v) Conclusione

102. Alla luce di quanto precede, la Corte ritiene che nel caso di specie non sia stato accertato che il ricorrente abbia ricevuto un'assistenza linguistica tale da permettergli di partecipare attivamente al processo a suo carico. Ciò, secondo la Corte, è sufficiente a rendere ingiusto il processo nel suo insieme.
103. Vi è stata di conseguenza una violazione dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione. Alla luce di questa conclusione, l'obiezione del Governo circa il mancato esaurimento delle vie di ricorso interne deve essere respinta.
II. ALTRE PRESUNTE VIOLAZIONI DELLA CONVENZIONE

104. Il ricorrente lamentava, ai sensi dell'articolo 5 § 2 della Convenzione, di non essere stato tempestivamente informato, in una lingua a lui comprensibile, dei motivi del suo arresto. Egli lamentava inoltre, ai sensi dell'articolo 6 §§ 1 e 3 (a) ed (e) della Convenzione, che non vi era stato un numero sufficiente di interpreti russi. Egli asseriva inoltre che vi era stata una violazione degli articoli 13 e 14, in combinato disposto con l'articolo 6.
105. Per quanto riguarda le denunce relative all'articolo 5 § 2 e/o all'articolo 6 §§ 1 e 3 (a) ed (e) della Convenzione di cui al paragrafo precedente, il Governo ha sollevato un'eccezione di mancato esaurimento dei ricorsi interni. Essi hanno sostenuto che il ricorrente non aveva sollevato tali reclami nel procedimento interno, e in particolare non li aveva menzionati nella sua denuncia costituzionale.
106. Il ricorrente ha contestato le argomentazioni del Governo, sostenendo in sostanza che le autorità avrebbero dovuto agire d'ufficio e che, in quanto straniero, non era stato in grado di reclamare.
107. La Corte constata che il ricorrente non ha lamentato nel suo reclamo costituzionale, che gli è stato permesso di presentare nella sua lingua madre, di non essere stato prontamente informato dei motivi del suo arresto in una lingua che poteva comprendere (si veda il paragrafo 44 sopra). Il ricorrente ha anche omesso di lamentarsi a livello nazionale di un numero insufficiente di interpreti disponibili. Di conseguenza, e constatando che tali questioni costituiscono reclami distinti da quelli esaminati in precedenza e avrebbero dovuto essere, almeno nella sostanza, sollevati dinanzi ai tribunali nazionali, l'obiezione del governo di un mancato esaurimento dei ricorsi interni deve essere accolta e quella parte del ricorso respinta come irricevibile ai sensi dell'articolo 35 §§ 1 e 4 in fine della Convenzione.
108. La Corte ha inoltre esaminato le doglianze del ricorrente ai sensi degli articoli 13 e 14 in combinato disposto con l'articolo 6.
109. Essa osserva che tali reclami sono collegati a quello ai sensi dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione relativo alla presunta negazione del diritto del ricorrente di utilizzare una lingua di cui aveva una sufficiente padronanza nel procedimento penale a suo carico. Essi devono pertanto essere parimenti dichiarati ammissibili (si vedano i paragrafi 66 e 103 supra).
110. Tenuto conto della sua conclusione riguardo all'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione (si vedano i paragrafi 102 e 103 supra), la Corte conclude che nessuna questione distinta si pone sotto questo titolo.
III. APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE

111. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte constata che vi è stata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente solo una riparazione parziale, la Corte accorda, se necessario, una giusta soddisfazione alla parte lesa."

A. Danno

112. Il ricorrente ha chiesto 31.840 euro (EUR) per mancato guadagno. Ha anche chiesto 15.000 euro per il danno non patrimoniale.
113. Il Governo obiettò, sostenendo che le affermazioni sulle prospettive di lavoro del ricorrente erano puramente speculative e che non vi era alcun nesso causale tra la presunta violazione e i danni richiesti. Sostenevano inoltre che l'importo richiesto per il danno non patrimoniale era eccessivo e infondato.
114. La Corte non ravvisa alcun nesso causale tra la violazione riscontrata e il danno pecuniario richiesto e pertanto respinge tale richiesta (si veda, mutatis mutandis, Ibrahim e altri, sopra citata, § 315, e Ajdarić c. Croazia, no. 20883/09, § 57, 13 dicembre 2011). D'altra parte, la Corte ritiene che il ricorrente deve aver subito un danno non patrimoniale a causa della sua condanna in violazione dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione. Tale danno non può essere sufficientemente compensato dalla constatazione di una violazione. Effettuando la sua valutazione su base equitativa, la Corte riconosce al ricorrente 6.400 euro per il danno non patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere applicata su questo importo.
B. Costi e spese

115. Il ricorrente ha inoltre chiesto 6.250 EUR per la sua rappresentanza legale dinanzi alla Corte sulla base dei termini dell'accordo firmato tra lui e il suo rappresentante (tariffa oraria di 250 EUR per circa venticinque ore di lavoro).
116. Il Governo sostenne che la richiesta del ricorrente era eccessiva, irragionevole e infondata e che un accordo che si discostava dalle tariffe ufficiali per gli avvocati non sarebbe stato vincolante per i giudici nazionali.
117. Secondo la giurisprudenza della Corte, un ricorrente ha diritto al rimborso dei costi e delle spese solo nella misura in cui è stato dimostrato che questi sono stati effettivamente e necessariamente sostenuti e sono ragionevoli quanto al quantum. La Corte osserva che il ricorrente ha stipulato un accordo con il suo rappresentante per quanto riguarda i suoi onorari. Un tale accordo - che dà luogo a obblighi esclusivamente tra l'avvocato e il cliente - non può vincolare la Corte, che deve valutare il livello dei costi e delle spese da attribuire con riferimento non solo al fatto che le spese siano state effettivamente sostenute, ma anche al fatto che siano state ragionevolmente sostenute (si veda, mutatis mutandis, East West Alliance Limited c. Ucraina, n. 19336/04, § 269, 23 gennaio 2014). Inoltre, la Corte ribadisce che non si considera vincolata dalle scale e dalle prassi nazionali, sebbene possa trarne un certo aiuto (si veda, tra i molti esempi, Gaspari c. Slovenia, n. 21055/03, § 83, 21 luglio 2009).
118. Nel caso di specie, tenuto conto dei documenti in suo possesso e dei criteri di cui sopra, la Corte ritiene ragionevole assegnare la somma di 2.500 euro a copertura delle spese del procedimento dinanzi alla Corte.
C. Interessi di mora

119. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, al quale vanno aggiunti tre punti percentuali.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE

1. Decide, all'unanimità, di unire al merito l'eccezione del Governo di non esaurimento dei rimedi interni relativa alla presunta negazione del diritto del ricorrente di utilizzare una lingua di cui aveva una sufficiente padronanza nel procedimento penale a suo carico;

2. Dichiara, all'unanimità, ammissibile il reclamo relativo alla presunta negazione del diritto del ricorrente di utilizzare una lingua di cui aveva una padronanza sufficiente nel procedimento penale a suo carico ai sensi dell'articolo 6 §§ 1 e 3 da solo e in combinato disposto con gli articoli 13 e 14 della Convenzione e irricevibile il resto del ricorso;

3. Dichiara, con cinque voti contro due, che vi è stata una violazione dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione e respinge di conseguenza l'obiezione del Governo di non aver esaurito le vie di ricorso interne;

4. Ritiene, all'unanimità, che nessuna questione distinta si pone ai sensi degli articoli 13 e 14 in combinato disposto con l'articolo 6 della Convenzione;

5. 5. Dichiara, con cinque voti contro due
(a) che lo Stato convenuto deve pagare al ricorrente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva in conformità con l'articolo 44 § 2 della Convenzione, i seguenti importi:
(i) 6.400 euro (seimilaquattrocento euro), più le imposte eventualmente applicabili, per il danno morale;
(ii) 2.500 euro (duemilacinquecento euro), più le imposte eventualmente applicabili, per i costi e le spese;
(b) che dalla scadenza dei suddetti tre mesi e fino alla liquidazione, sugli importi di cui sopra saranno dovuti interessi semplici ad un tasso pari al tasso di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea durante il periodo di mora, più tre punti percentuali;

6. 6) Per il resto, la domanda di equa soddisfazione della ricorrente è respinta all'unanimità.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 28 agosto 2018, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Marialena Tsirli Paulo Pinto de Albuquerque
CancellierePresidente
Ai sensi dell'articolo 45 § 2 della Convenzione e dell'articolo 74 § 2 del Regolamento della Corte, l'opinione dissenziente congiunta dei giudici Kucsko-Stadlmayer e Bošnjak è allegata alla presente sentenza.
P.P.A
M.T.

OPINIONE DISSENZIENTE CONGIUNTA DEI GIUDICI
KUCSKO-STADLMAYER E BOŠNJAK

1. Con nostro rammarico, non possiamo unirci alla maggioranza nel constatare una violazione dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione. Riconosciamo pienamente che la comprensione della lingua del procedimento è un importante requisito di equità nel procedimento penale e che la mancanza di un'adeguata interpretazione può rendere ingiusto un processo nel suo complesso. Riteniamo, tuttavia, che la sentenza in questo caso imponga nuovi requisiti alle autorità nazionali che non sono coerenti con la giurisprudenza esistente della Corte. Inoltre, è nostra opinione che la valutazione della maggioranza di alcune circostanze cruciali di questo caso, vale a dire il livello di conoscenza della lingua russa del ricorrente e la sua conseguente capacità di partecipare attivamente al procedimento penale contro di lui, non è supportata dai documenti presentati dalle parti. Questo, a sua volta, influisce sulle conclusioni relative all'equità del procedimento nel suo complesso.
2. La lingua madre del ricorrente è il lituano. È incontestabile che all'epoca dei fatti il ricorrente non parlava né capiva la lingua del procedimento, che era lo sloveno. Il giorno in cui è stato preso in custodia dalla polizia è stato quindi assistito da un interprete qualificato e giurato che gli ha fornito l'interpretazione da e verso il russo. Durante il suo interrogatorio da parte del giudice istruttore e durante tutto il procedimento di primo grado, nel corso del quale il ricorrente è stato rappresentato in ogni momento da un avvocato, ha usato il russo e non ha mai dato alcuna indicazione di non poterlo comprendere sufficientemente. Anche nel suo atto di appello e nel procedimento di appello il ricorrente non ha sollevato alcuna lamentela riguardo alla sua comprensione dell'interpretazione del russo. Solo in una fase molto tardiva, nel ricorso alla Corte suprema e successivamente alla Corte costituzionale e a questa Corte, il ricorrente ha affermato di avere una comprensione limitata del russo, insufficiente per una difesa efficace, e di non saper leggere la scrittura russa. In questo contesto, si doveva esaminare se l'interpretazione fornita al ricorrente dai giudici nazionali fosse stata adeguata.
3. L'articolo 6 § 3 (e) della Convenzione garantisce a chiunque sia accusato di un reato penale il diritto di avere l'assistenza gratuita di un interprete se non può comprendere o parlare la lingua usata in tribunale. Ai sensi di questa disposizione, la Corte ha trattato diversi ricorsi in cui i ricorrenti lamentavano di non comprendere la lingua del procedimento o di ricevere un'interpretazione inadeguata. Nell'esaminare tali domande, la Corte ha ritenuto che le autorità nazionali avessero l'obbligo positivo non solo di nominare un interprete, ma anche di verificare l'adeguatezza dell'interpretazione, se sono state messe al corrente, nelle particolari circostanze, che l'imputato non conosceva la lingua in questione o che l'assistenza linguistica era inadeguata per qualsiasi altra ragione (si veda, tra molte altre autorità, Kamasinski c. Austria, 19 dicembre 1989, § 74, serie A n. 168).
4. Nell'esaminare se le autorità nazionali sono state messe al corrente della necessità o dell'adeguatezza dell'assistenza linguistica, la Corte ha regolarmente considerato se il richiedente o il suo avvocato hanno sollevato la questione della presunta inadeguatezza o mancanza di interpretazione con le autorità nazionali. Quando nessuno dei due lo ha fatto, questo è stato un fattore importante nel rigetto del reclamo del richiedente da parte della Corte. In un certo numero di casi in cui, davanti alla Corte, i ricorrenti si lamentavano essenzialmente della necessità dell'interpretazione o della sua qualità, la Corte ha respinto i reclami, basandosi, tra l'altro, sul fatto che essi non avevano sollevato la questione durante il processo e/o non avevano obiettato al contenuto del verbale (si veda, per esempio, Berisha e Haljiti c. ex Repubblica jugoslava di Macedonia (dec.), n. 18670, 10 aprile 2007; Hacioglu c. Romania, n. 2573/03, 11 gennaio 2011; e Husain c. Italia (dec.), n. 18913/03, 24 febbraio 2005). Nella causa Horvath c. Belgio ((dec.), n. 6224/07, 24 gennaio 2012), la conclusione della Corte che il reclamo fosse manifestamente infondato si basava sul fatto che il verbale del tribunale non menzionava alcuna richiesta di traduzione. In Uçak c. Regno Unito ((dec.), no. 44234/98, 24 gennaio 2002), la Corte ha dichiarato inammissibile il reclamo, constatando che le presunte inadeguatezze e la cattiva condotta dell'interprete, al di là della sua presunta mancanza di indipendenza, non erano mai state portate all'attenzione della corte d'appello o del tribunale. Inoltre, nella causa Katritsch c. Francia (no. 22575/08, 4 novembre 2010), la Corte, nel constatare l'assenza di violazione dell'articolo 6 § 3 (e) della Convenzione, ha tenuto conto del fatto che il ricorrente non aveva fatto alcuna richiesta di un interprete nel procedimento di appello. È vero che, in assenza di una richiesta specifica o di una denuncia alle autorità nazionali da parte di un imputato o del suo avvocato, altre circostanze possono far capire al giudice nazionale che l'imputato ha bisogno di un interprete o che l'assistenza esistente è inadeguata. Tuttavia, tali circostanze devono essere sufficientemente evidenti al giudice nazionale che conduce il procedimento per far scattare eventuali obblighi positivi ai sensi dell'articolo 6 § 3 (e) della Convenzione.
5. Secondo la giurisprudenza esistente della Corte, è solo una volta che la questione della comprensione della lingua è stata portata all'attenzione del giudice nazionale che le autorità hanno l'obbligo di prendere provvedimenti per verificare se e quale tipo di assistenza linguistica sia necessaria o per trarre le opportune conclusioni. Nella causa Brozicek c. Italia (19 dicembre 1989, serie A n. 167), la Corte ha rilevato che dopo che il ricorrente, un cittadino ceco residente in Germania, aveva comunicato alle autorità di non essere in grado di comprendere un avviso giudiziario in italiano, le autorità avrebbero dovuto prendere provvedimenti per soddisfare la richiesta di traduzione a meno che non potessero stabilire che egli conosceva abbastanza l'italiano. La Corte ha poi esaminato se gli elementi a sua disposizione dimostravano che egli comprendeva tale lingua. In Cuscani contro il Regno Unito (n. 32771/96, 24 settembre 2002), la Corte ha constatato che il giudice nazionale era stato messo al corrente del fatto che il ricorrente aveva problemi di comprensione. L'avvocato del ricorrente aveva informato la corte delle difficoltà del suo cliente con l'inglese e aveva chiesto che fosse nominato un interprete. In Amer v. Turkey (no. 25720/02, 13 gennaio 2009), il richiedente, di lingua araba, non aveva avuto un interprete o un avvocato quando è stato interrogato dalla polizia e aveva firmato un documento contenente una dichiarazione incriminante. Sebbene il ricorrente abbia spiegato di non aver compreso la dichiarazione che aveva firmato, il giudice nazionale si è basato su di essa. La Corte ha ritenuto che "indicazioni sufficienti" erano state date ai giudici nazionali dal ricorrente e dai suoi avvocati sulla sua incapacità di leggere testi turchi.
6. La sentenza nel presente caso stabilisce standard diversi da quelli sopra delineati. Secondo la maggioranza, gli obblighi positivi rispetto all'articolo 6 § 3 (e) non si limitano alle situazioni in cui un imputato straniero indica che l'assistenza linguistica fornita non è adeguata o sufficiente, ma sorgono anche ogni volta che ci sono ragioni per sospettare che l'imputato non sia abbastanza abile nella lingua del procedimento o dell'interpretazione fornitagli (vedi paragrafo 81 della sentenza). Secondo la maggioranza, ciò significa che se si prevede di utilizzare una terza lingua per l'interpretazione, "la competenza dell'imputato in [tale] lingua deve essere accertata prima che si decida di utilizzarla ai fini dell'interpretazione" (ibidem). Non solo l'imputato deve essere informato del diritto a un interprete, ma le sue competenze linguistiche devono anche essere "espressamente verificate" (si veda il paragrafo 93 della sentenza) e qualsiasi procedura utilizzata o decisione presa in merito alla verifica delle esigenze di interpretazione deve essere messa a verbale (si veda il paragrafo 85 della sentenza).
7. A nostro avviso, la maggioranza si è così discostata dallo standard consolidato secondo il quale gli obblighi positivi relativi all'assistenza linguistica scattano con l'indicazione che l'imputato non comprende o non parla la lingua del procedimento e ha quindi bisogno dell'interpretariato. Inoltre, la maggioranza introduce l'obbligo non solo di notificare all'imputato il suo diritto all'interpretazione, ma anche di verificare espressamente le sue competenze linguistiche e di registrare tutti gli atti processuali relativi. Senza entrare nell'analisi se e in che misura l'introduzione di tali criteri e obblighi positivi possa eventualmente rappresentare un passo lodevole nello sviluppo della giurisprudenza della Corte, riteniamo che un tale allontanamento dalla giurisprudenza esistente possa essere intrapreso solo dalla Grande Camera di questa Corte, come previsto dall'articolo 30 della Convenzione.
8. In termini di metodologia, analogamente non possiamo sottoscrivere il modo in cui la maggioranza ha preso in considerazione il diritto dell'Unione europea. Nell'introdurre nuovi criteri e obblighi positivi ai sensi dell'articolo 6 § 3 (e), la maggioranza si è parzialmente basata sugli sviluppi del diritto dell'UE descritti nei paragrafi 52-61 della sentenza e sui quali si è fatto affidamento nella parte dei principi generali della valutazione della Corte ai paragrafi 82, 83, 84 e 86, che costituiscono il nucleo dei nuovi standard fissati. Mentre il diritto dell'UE può, in un certo contesto, essere utilizzato come fonte di ispirazione nella giurisprudenza della Corte, il suo compito non è quello di valutare se lo Stato convenuto lo ha rispettato in un caso particolare (vedi, mutatis mutandis, Ullens de Schooten e Rezabek c. Belgio, nn. 3989/07 e 38353/07, 20 settembre 2011). Ciò nonostante, si dovrebbe tenere presente che all'epoca dei fatti la Slovenia non era ancora membro dell'UE. Inoltre, tutti gli standard dell'UE su cui si basa la maggioranza sono stati adottati ben dopo che i fatti in questione hanno avuto luogo. Di conseguenza, i tribunali nazionali non possono essere biasimati per non aver agito in conformità con tali norme successive.
9. Se i criteri consolidati della giurisprudenza della Corte fossero stati applicati al caso in questione e la Camera avesse accertato se i tribunali nazionali fossero stati messi al corrente del fatto che, come asserito, il ricorrente non capiva il russo, direttamente dal ricorrente stesso o attraverso il suo avvocato dell'epoca, dall'interprete o da qualsiasi altra circostanza specifica, essa avrebbe potuto solo respingere il reclamo come infondato. Gli atti del procedimento giudiziario interno, che la sentenza ritiene giustamente molto dettagliati (cfr. punto 99 della sentenza), non contengono alcuna indicazione di un reclamo relativo all'interpretazione o di una richiesta di un interprete lituano o di una traduzione di qualsiasi documento in lituano. Né il ricorrente, né il suo avvocato di allora, né alcun altro partecipante al procedimento, hanno mai contestato il contenuto di tali registrazioni. Al contrario, sia il ricorrente che il suo avvocato li hanno firmati per confermare la loro esattezza. È vero che il ricorrente ha sostenuto, dopo che il suo ricorso era stato respinto, di aver tentato invano di lamentarsi con le autorità per il linguaggio dell'interprete, ma le sue affermazioni alla Corte suprema, alla Corte costituzionale e alla nostra Corte su questo punto sembrano così incoerenti da non poter essere considerate plausibili. Ciò è implicitamente riconosciuto anche dalla maggioranza, che nei paragrafi 99-101 della sentenza analizza le ragioni della mancanza di un reclamo o di una richiesta di nomina di un diverso interprete durante il processo. Dal momento che il ricorrente ha partecipato attivamente al procedimento ed era rappresentato da un avvocato (vedi sotto, paragrafi 12 e 13 di questa opinione separata), non vediamo nessun altro segno o circostanza che avrebbe potuto allertare le autorità nazionali sulla presunta incapacità del ricorrente di comprendere la lingua dell'interprete.
10. Oltre a introdurre nuovi criteri per la valutazione di un reclamo ai sensi dell'articolo 6 § 3 (e) della Convenzione, la presente sentenza si discosta dalle conclusioni dei tribunali nazionali per quanto riguarda il fatto che il ricorrente comprendesse abbastanza il russo per partecipare efficacemente al procedimento. In particolare, la Corte Suprema - la prima autorità nazionale ad occuparsi del merito del reclamo del ricorrente - ha ritenuto infondate le affermazioni del ricorrente di non capire il russo e a questo proposito ha fatto riferimento a particolari elementi del fascicolo. La Corte costituzionale, a sua volta, ha accettato queste conclusioni, aggiungendo che il ricorrente aveva comunicato con successo con il suo avvocato in russo. Queste conclusioni rappresentano accertamenti di fatto riguardanti la circostanza cruciale del presente caso. Come la Corte ha sottolineato in numerose occasioni, non è un tribunale di quarta istanza che si pronuncia su questioni di fatto e non esamina l'esattezza delle conclusioni delle autorità nazionali. Essa può contestare tali accertamenti solo se possono essere considerati arbitrari o manifestamente irragionevoli (si veda, ad esempio, Bochan c. Ucraina (n. 2) [GC], n. 22251/08, CEDU 2015).
11. Nel caso in esame la maggioranza si discosta da questo approccio consolidato e si imbarca in una valutazione per stabilire se vi fossero "altre chiare indicazioni" della competenza del ricorrente in russo (cfr. paragrafo 94 della sentenza). Essi considerano la (presunta) mancanza di cooperazione del ricorrente durante la procedura di polizia e durante l'interrogatorio del giudice istruttore come un segno delle sue difficoltà ad esprimersi e a seguire il procedimento in russo. A loro avviso, le dichiarazioni che il ricorrente ha fatto durante il procedimento sono state poche e piuttosto elementari e non possono essere considerate sufficienti a dimostrare che egli era in grado di condurre efficacemente la sua difesa (cfr. paragrafi 94 e 95 della sentenza). Inoltre, essi ritengono che la constatazione della Corte costituzionale circa il successo della comunicazione del ricorrente con il suo avvocato sia una mera supposizione non basata su prove (cfr. paragrafo 96). Continuano a concludere che "anche se il ricorrente sembrava essere in grado di parlare e capire un po' di russo", la sua competenza in questa lingua non era "sufficiente a salvaguardare l'equità del procedimento" (vedere paragrafo 97).
12. Non possiamo sottoscrivere queste conclusioni. A nostro parere, la conclusione della Corte Suprema riguardo alla conoscenza del russo da parte del ricorrente non era né irragionevole né arbitraria e non vediamo alcuna ragione per respingerla. Al contrario, la troviamo ben corroborata dal materiale del dossier, che il ricorrente non ha mai contestato, nemmeno nel procedimento davanti alla Corte. Il comportamento della ricorrente non ha fatto sorgere alcun dubbio sull'adeguatezza dell'interpretazione fornita. All'udienza principale è stato chiesto al ricorrente se avesse compreso le accuse contro di lui e i suoi diritti che gli erano stati letti, ed egli ha risposto affermativamente (cfr. paragrafo 25 della sentenza). Interrogato dal giudice istruttore e durante il processo, ha rilasciato dichiarazioni e risposto alle domande in russo (cfr. paragrafi 13 e 26 della sentenza). Il verbale non rivela che il ricorrente abbia avuto difficoltà a partecipare attivamente a queste udienze. Inoltre, egli ha posto domande ad alcuni testimoni e il fatto che abbia commentato le loro dichiarazioni (cfr. paragrafo 27) può essere ragionevolmente considerato come se avesse compreso l'interpretazione del loro contenuto. Insieme agli altri imputati, il ricorrente (tramite l'interprete) ha chiesto che le dichiarazioni dei testimoni raccolte nella fase investigativa fossero tradotte in russo (cfr. paragrafo 21). Al processo ha pronunciato la sua arringa finale in russo (cfr. paragrafo 29).
13. Per quanto riguarda la comunicazione tra il ricorrente e il suo avvocato all'epoca, non possiamo essere d'accordo con la maggioranza quando caratterizza la conclusione della Corte costituzionale come una semplice supposizione. È evidente che durante la detenzione preventiva il ricorrente è stato visitato dal suo avvocato in quattro occasioni (in almeno tre di queste era presente anche l'interprete), ogni visita durava tra i venti e i quarantacinque minuti (vedi paragrafo 47 della sentenza). La frequenza e la durata di queste visite dimostrano che il ricorrente e il suo avvocato erano in grado di comunicare efficacemente con l'assistenza dell'interprete russo su questioni riguardanti il suo caso, un fatto che è indiscusso dal ricorrente.
14. Infine, non si può trascurare la dichiarazione di uno dei coimputati del ricorrente, secondo cui lui e il ricorrente sono stati avvicinati da un terzo coimputato quando quest'ultimo li ha sentiti parlare insieme in russo (cfr. paragrafo 14 della sentenza). Mentre durante il procedimento il ricorrente ha regolarmente contestato le dichiarazioni con le quali non era d'accordo, non ha espresso alcun disaccordo con questo particolare resoconto degli eventi come dichiarato dal coimputato.
15. Per tutte queste ragioni riteniamo che, nel caso del ricorrente, non solo le autorità nazionali non sono mai state messe al corrente della presunta insufficiente padronanza del russo da parte del ricorrente o di qualsiasi altra possibile inadeguatezza dell'interpretazione fornita, ma non avevano nemmeno motivo di supporre che il ricorrente avesse difficoltà a comprendere tale lingua. Anche nel suo appello il ricorrente, che era rappresentato da un avvocato, non ha fatto alcun reclamo del genere. A questo proposito, consideriamo ragionevole la conclusione della Corte suprema, confermata dalla Corte costituzionale, che la conoscenza del russo da parte del ricorrente era sufficiente. Di conseguenza, riteniamo che il procedimento penale contro il ricorrente sia stato equo nel suo complesso e che, pertanto, non vi sia stata alcuna violazione dell'articolo 6 §§ 1 e 3 della Convenzione.