Etichetta: CEDU

9 Nov 2016
Sentenze

Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: CEDU, ragionevole dubbio

Nel caso di rformatio in pejus della setneza di primo grado, il giudice di appello debba porre in essere i poteri d’integrazione probatoria e procedere all’assunzione diretta dei dichiaranti per...

Leggi di più su 'Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)'...
18 Jul 2016
Sentenze

Udienza camerale e CEDU (Cass. 30408/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: CEDU, prevenzione, udienza camerale, udienza pubblica, camera di consiglio

Ogni persona ha diritto che la sua causa sia esaminata in udienza pubblica se il giudice deve esprimere un giudizio di merito idoneo ad incidere in modo diretto, definitivo e sostanziale...

Leggi di più su 'Udienza camerale e CEDU (Cass. 30408/16)'...
15 Jun 2015
Sentenze

Udienze sempre pubbliche (Corte Cost., 109/15)

Corte Costituzionale

Argomenti correlati: camera di consiglio, pubblicità delle udienze, CEDU, esecuzione

La pubblicità del giudizio – specie di quello penale – rappresenta un principio connaturato ad un ordinamento democratico: il principio non ha valore assoluto, potendo cedere in presenza di particolari...

Leggi di più su 'Udienze sempre pubbliche (Corte Cost., 109/15)'...
11 Jun 2015
Sentenze

Camera di consiglio amministrativa e art. 6 CEDU (Corte EDU, 19844/08)

Corte Europea dei diritti dell'uomo

Argomenti correlati: CEDU, camera di consiglio, giusto processo, fair trial

La CEDU sancisce il diritto a una pubblica udienza dinanzi all'organo giurisdizionale,  salve circostanze eccezionali (es. questioni legali o altamente tecniche).

Leggi di più su 'Camera di consiglio amministrativa e art. 6 CEDU (Corte EDU, 19844/08)'...
15 May 2015
Articoli

Diritto di critica sindacale nella CEDU

Andrea Tigrino, Michele Valente and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: libertà di manifestazione del pensiero, CEDU, diritto di critica, libertà di espressione

Il diritto di critica sindacale, pur dovendosi muovere all’interno dei  parametri prefissati per la libertà d’espressione,nell'analisi della giurisprudenza della Corte di Strasburgo  si articola in maniera generalmente più permissiva in...

Leggi di più su 'Diritto di critica sindacale nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo'...
11 May 2015
Sentenze

Ne bis in idem penale aministrativo 10 bis (Cass., 19334/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: ne bis in idem, reati tributari, CEDU

Il doppio binario penale - amministrativo previsto in materia tributaria fa sorgere non irrilevanti dubbi di compatibilita con la normativa Eurounitaria; esclusa la possiiblità di una interpretazione conforme, l'unica via...

Leggi di più su 'Ne bis in idem penale aministrativo 10 bis (Cass., 19334/15)'...
21 Apr 2015
Sentenze

Incostituzionale doppia sanzione per omesso versamento IVA (Trib., Bologna, 21.4.2015)

Tribunale di Bologna

Argomenti correlati: ne bis in idem, reati tributari, CEDU

Sollevata questione di legittimità costituzionale della norma che punisce penalmente l'omesso versamento dell'IVA (10ter), per violazione dell’art. 117, primo comma,della Costituzione, in relazione all’art. 4 del Protocollo n.

Leggi di più su 'Incostituzionale doppia sanzione per omesso versamento IVA (Trib., Bologna, 21.4.2015)'...
31 Mar 2015
Sentenze

Estradizione verso la Serbia e condizione carceraria (Cass., 13823/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: estradizione, Torreggiani, CEDU

Osta ad una pronuncia favorevole all'estradizione non solo la certezza ma anche il pericolo concreto che l'estradando venga sottoposto ad un trattamento avente un oggettivo carattere inumano o degradante.

Leggi di più su 'Estradizione verso la Serbia e condizione carceraria (Cass., 13823/15)'...
10 Feb 2015
Sentenze

Critica giornalistica e diffamazione (Corte EDU, 32104/06)

Corte Europea dei diritti dell'uomo

Argomenti correlati: libera manifestazione del pensiero, diffamazione, CEDU

Nel riportare fatti  di interesse generale perchè coinvolgenti personaggi pubblici, il giornalista - che è tenuto a rispettare gli standard della buona fede nell'esercizio della professione, ma che legittimamente può...

Leggi di più su 'Critica giornalistica e diffamazione (Corte EDU, 32104/06)'...

Recenti Pubblicazioni

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni - di raccontare i fatti senza enfasi od indebite anticipazioni di colpevolezza, non essendogli consentite aprioristiche scelte di campo o sbilanciamenti di sorta a favore dell’ipotesi accusatoria, capaci di ingenerare nel fruitore della notizia facili suggestioni, in spregio del principio costituzionale di presunzione di innocenza dell’imputato e a fortiori dell’indagato sino a sentenza definitiva.

Arresti domiciliari: andare nel piazzale condominiale è evasione (Cass. 15496/17)

 

Pubblicizzare un procedimento penale altrui è reato (Cass. 15221/17)

Affiggere alla bacheca condominiale la notizia di un procedimento penale pendente è trattamento illecito di dati personali (dati giudiziari).

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta: è escluso che l'organizzazione di uno spettacolo artistico (asseritamene blasfemo) possa, di per sé sola, costituire violazione del personale sentimento religioso di un singolo cittadino.

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale