Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Espulsione per rappresaglia di difensore di diritti umani viola CEDU (Cote EDU, Kogan Russia 2023)

7 Marzo 2023, , Corte europea per i diritti umani
cavaliere lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Un'espulsione punitiva per l'attività sgradita nel campo dei diritti umani e impedire di continuare tali attività in Russia  è chiaramente contrario ai valori della Convenzione ed è di particolare gravità, dato il ruolo di primo piano dei difensori dei diritti umani in una società democratica, tenuto altresì cento del contesto ostile generale e il clima politico e sociale contro molte ONG, difensori dei diritti umani e altri attori della società civile.

L'ingerenza nel diritto al rispetto della sua vita familiare è contraria alla Convezione se persegue uno scopo ulteriore rispetto alle limitazioni di tale diritto prescritte dall'articolo 8 § 2 della Convenzione.

(traduzione meccanica non ufficiale)

CORTE EUROPEA PER I DIRITI UMANI

TERZA SEZIONE

KOGAN E ALTRI c. RUSSIA

(Ricorso n. 54003/20)

SENTENZA

Art. 8 - Vita privata e familiare - Revoca ingiustificata del permesso di soggiorno di un importante avvocato per i diritti umani per motivi non dichiarati di sicurezza nazionale - Esame puramente formale della decisione di revoca da parte dei tribunali nazionali che privano la prima ricorrente della possibilità di contestare o rispondere alle accuse fattuali a suo carico in un procedimento in contraddittorio - Mancato raggiungimento da parte dei tribunali nazionali di un giusto equilibrio tra interessi concorrenti in linea con i principi generali della giurisprudenza della Corte - Procedimento di revoca inficiato da gravi vizi procedurali che ne compromettono l'equità
Art. 18 (+ art. 8) - Restrizione per scopi non autorizzati - Revoca del permesso di soggiorno della prima ricorrente prevalentemente finalizzata a punire le attività di lei e del marito in materia di diritti umani e a impedirne la prosecuzione - Contesto generale di aumento delle severe restrizioni nei confronti delle ONG, dei difensori dei diritti umani e di altri attori della società civile in Russia, con conseguente "effetto deterrente" sulle loro attività
Art. 38 - Mancato rispetto dell'obbligo dello Stato di fornire tutte le strutture necessarie

STRASBURGO

7 marzo 2023

La presente sentenza diventerà definitiva nelle circostanze previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nel caso Kogan e altri contro la Russia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (Terza Sezione), riunita in Camera composta da:
Pere Pastor Vilanova, Presidente,
Georgios A. Serghides,
Yonko Grozev,
Jolien Schukking,
Darian Pavli,
Peeter Roosma,
Ioannis Ktistakis, giudici,
e Olga Chernishova, cancelliere aggiunto di sezione,
visto il ricorso
il ricorso n. 54003/20 contro la Federazione Russa presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da quattro ricorrenti ("i ricorrenti" - si veda l'appendice per le loro generalità), il 10 dicembre 2020;
la decisione di notificare la domanda al Governo russo ("il Governo");
la decisione di dare priorità al ricorso (articolo 41 del Regolamento della Corte) e la decisione di indicare al governo resistente una misura provvisoria ai sensi dell'articolo 39 del Regolamento della Corte, successivamente revocata;
le osservazioni delle parti;
la decisione del Presidente della Sezione di nominare uno dei giudici eletti della Corte come giudice ad hoc, applicando per analogia l'articolo 29 § 2 del Regolamento della Corte (si veda, per una situazione simile e una spiegazione del contesto, Kutayev c. Russia, n. 17912/15, §§ 4-8, 24 gennaio 2023);
la Risoluzione della Corte del 22 marzo 2022 che ha stabilito che essa "rimane competente a trattare le domande dirette contro la Federazione Russa in relazione ad atti o omissioni che possono costituire una violazione della Convenzione, a condizione che siano avvenuti [prima] del 16 settembre 2022" (si veda il paragrafo 2 della Risoluzione e Kutayev, sopra citato, §§ 75-80);
Dopo aver deliberato in privato il 7 febbraio 2023,
pronuncia la seguente sentenza, adottata in tale data:
INTRODUZIONE

1. Le questioni principali nel presente caso sono se (i) la revoca del permesso di soggiorno della prima ricorrente in Russia abbia interferito con il diritto di lei e dei suoi parenti al rispetto della loro vita privata e familiare, e (ii) le limitazioni dei diritti della prima ricorrente imposte nel procedimento di espulsione siano state applicate per scopi diversi da quelli consentiti dalla Convenzione.
I FATTI

2. I nomi, gli anni di nascita e le altre generalità dei ricorrenti sono riportati in appendice. I ricorrenti erano rappresentati dagli avvocati E. Davidyan, D. Trenina e K. Zharinov, che esercitano a Mosca.
3. Il Governo era rappresentato dal sig. M. Galperin, ex rappresentante della Federazione russa presso la Corte europea dei diritti dell'uomo, e successivamente dal suo successore in tale incarico, il sig. M. Vinogradov.
4. I fatti del caso possono essere riassunti come segue.
LA SITUAZIONE DEI RICORRENTI
5. I ricorrenti sono membri della stessa famiglia. La prima ricorrente è una cittadina degli Stati Uniti d'America ("USA") che ha vissuto e lavorato in Russia dal 2009 al 2021. Dal 2013 è sposata con il secondo richiedente, cittadino russo. Hanno due figli minorenni (il terzo e il quarto richiedente) che hanno la doppia cittadinanza russa e statunitense e che, fino ad aprile 2021, hanno frequentato l'asilo a Mosca. Tra il 2009 e l'aprile 2021 i richiedenti hanno vissuto a Mosca in un appartamento di proprietà comune del primo e del secondo richiedente. La famiglia si è recata negli Stati Uniti una volta all'anno per le vacanze. Tutti i richiedenti hanno uno stretto rapporto con la madre del secondo richiedente (che dipende economicamente da lui) e con suo fratello, che vivono entrambi in Russia.
PROFILI PROFESSIONALI DEL PRIMO E DEL SECONDO RICHIEDENTE
6. Nel 2009 il primo ricorrente si è trasferito in Russia per lavorare per l'ufficio russo della Stichting Justice Initiative ("SJI"), un'organizzazione non governativa ("ONG") con sede nei Paesi Bassi con la missione di fornire protezione legale alle vittime di violazioni dei diritti umani.
7. Nel 2012, il primo ricorrente è diventato direttore di Legal Assistance - Astreya ("Astreya"), una ONG partner di SJI in Russia. Secondo il primo e il secondo richiedente, nel periodo 2009-2020 Astreya ha rappresentato circa 1.700 cittadini russi in oltre 400 casi davanti alla Corte; in oltre 270 di questi casi sono già state emesse sentenze con accertamento di violazioni.
8. La prima ricorrente ha dichiarato che "si è trasferita in Russia nel 2009 specificamente per svolgere un lavoro sui diritti umani, trovando la sua vocazione nel garantire la rappresentanza legale delle vittime di gravi violazioni dei diritti umani in Russia, tra cui il diritto alla vita, alla libertà dalla tortura e alla protezione dalla violenza domestica e da altre forme di violenza di genere".
9. La seconda ricorrente è un avvocato praticante che rappresenta i richiedenti principalmente nella fase di esecuzione delle sentenze della Corte. Coordina anche il lavoro di advocacy internazionale relativo all'esecuzione delle sentenze della Corte e ha presentato oltre venti osservazioni al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa dal 2010. Nel settembre 2020, su richiesta della Rete europea di attuazione, la prima e la seconda ricorrente hanno partecipato a due briefing ai delegati del Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa in merito all'attuazione da parte della Russia dei gruppi di cause Khanamirova c. Russia e Volodina c. Russia, riguardanti i rapimenti di minori, la violenza domestica e la discriminazione delle donne in Russia.
RESIDENZA DELLA PRIMA RICORRENTE IN RUSSIA 2009-2021
10. Tra il 2009 e il 2014 la prima ricorrente ha vissuto in Russia sulla base di visti per motivi di lavoro. Nel 2014 le autorità le hanno concesso un permesso di soggiorno di tre anni.
11. Il 16 febbraio 2017 è stato rilasciato alla prima ricorrente un permesso di soggiorno di cinque anni (valido fino al 16 febbraio 2022) dal servizio di migrazione del Dipartimento degli Interni di Mosca (Министерство внутренних дел по городу Москве, o МВД, in prosieguo "il MVD").
12. Il 7 settembre 2020 il primo richiedente ha presentato domanda di cittadinanza russa.
13. Il 20 ottobre 2020 il Dipartimento del Servizio federale di sicurezza della Federazione russa per Mosca e la regione di Mosca (Управление Федеральной Службы Безопасности Российской Федерации по Москве и Московской области, (di seguito "FSB") ha scritto all'MVD informandolo che la domanda di cittadinanza della prima richiedente non era stata approvata dall'FSB, ai sensi della legge sulla cittadinanza russa, in quanto rappresentava una minaccia per la sicurezza nazionale. L'FSB ha inoltre raccomandato all'MVD di revocarle il permesso di soggiorno, ai sensi dell'articolo 9(1)(1) della Legge federale sullo status giuridico degli stranieri nella Federazione Russa (di seguito "Legge sugli stranieri"), che prevede la revoca del permesso di soggiorno rilasciato a un cittadino straniero se questi sostiene un cambiamento radicale dell'ordine costituzionale della Federazione Russa o se le sue azioni rappresentano una minaccia per la sicurezza della Federazione Russa o dei suoi cittadini. Il rapporto dell'FSB non conteneva altri dettagli o informazioni.
14. Il 16 novembre 2020 l'MVD ha revocato il permesso di soggiorno della prima ricorrente in quanto rappresentava una minaccia per la sicurezza nazionale. In tale decisione non è stato fatto alcun riferimento al rapporto dell'FSB.
15. Il 24 novembre 2020 l'MVD ha respinto la sua domanda di cittadinanza per lo stesso motivo.
16. Il 2 dicembre 2020 alla prima ricorrente sono state notificate entrambe le decisioni e le è stato comunicato che doveva lasciare il Paese entro 15 giorni, pena l'espulsione.
17. Il 14 aprile 2021 l'avvocato dei ricorrenti, il sig. Zharinov, ha informato la Corte che "data la pressione generale e ... l'incertezza sul futuro della [loro] famiglia in Russia e le minacce ricevute", il 2 aprile 2021 avevano lasciato la Russia ma erano rimasti in contatto con lui.
RICORSI CONTRO LA REVOCA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO DEL PRIMO RICORRENTE
18. Il 5 dicembre 2020 la prima ricorrente ha presentato un ricorso contro la decisione di revoca del suo permesso di soggiorno dinanzi a un tribunale nazionale.
19. Ha inoltre chiesto al tribunale interno di applicare misure cautelari provvisorie e di sospendere il suo allontanamento fino alla risoluzione del suo caso nel merito.
20. Il 14 dicembre 2020 il Tribunale distrettuale Koptevskiy di Mosca ("il Tribunale distrettuale") ha stabilito che non vi erano motivi giuridici per applicare misure provvisorie di protezione nei confronti della prima ricorrente, in quanto non vi era un rischio imminente di violazione dei suoi diritti, e che la stessa aveva in effetti chiesto al tribunale di annullare la decisione del MVD del 16 novembre 2020 in attesa dell'esame del suo caso nel merito.
21. Il 29 dicembre 2020 la polizia ha denunciato la prima ricorrente per violazione delle norme sull'immigrazione, un illecito amministrativo punibile con l'imposizione di una multa amministrativa e/o l'allontanamento amministrativo. Nella stessa data il materiale del fascicolo amministrativo della prima ricorrente è stato presentato al Tribunale distrettuale, che ha riscontrato carenze sostanziali nel rapporto di illecito amministrativo redatto dalla polizia e ha restituito il fascicolo alla polizia per la correzione.
22. Il 21 gennaio 2021, durante l'udienza preliminare del suo caso, la prima ricorrente è stata informata, per la prima volta, del rapporto dell'FSB del 20 ottobre 2020 (si veda il precedente paragrafo 13). Non le sono state fornite ulteriori informazioni sui motivi di fatto del rapporto dell'FSB, in quanto sono state definite informazioni classificate. La richiesta della prima ricorrente di nominare l'FSB come co-rispondente non è stata accolta; invece, la Corte distrettuale ha designato l'FSB come parte interessata e ha poi respinto la sua richiesta di far divulgare all'FSB i documenti pertinenti.
23. Il 9 febbraio 2021 il Tribunale distrettuale ha esaminato il reclamo della prima ricorrente contro la decisione dell'MVD di revocare il suo permesso di soggiorno e ha emesso una sentenza. Secondo il verbale dell'udienza, quando la prima ricorrente ha chiesto al rappresentante dell'FSB, il signor A., se la sua attività professionale in Russia fosse considerata una minaccia per la sicurezza nazionale, questi ha risposto di non poter fornire alcun commento perché le informazioni sugli atti esatti attribuiti alla prima ricorrente erano classificate e costituivano un segreto di Stato. Il primo ricorrente ha chiesto al tribunale di trasferire il caso per l'esame al Tribunale della città di Mosca ("il Tribunale della città") in quanto si trattava di un segreto di Stato (si veda il paragrafo 48) e di nominare l'FSB come coimputato, ma tali richieste sono state respinte dal Tribunale distrettuale. La Corte distrettuale ha respinto un ricorso separato del ricorrente che sosteneva che la Corte distrettuale non era competente ad esaminare casi riguardanti segreti di Stato (si veda il paragrafo 29).
24. Il Tribunale distrettuale ha inoltre rifiutato di esaminare nel merito la richiesta del primo ricorrente di ordinare all'FSB di presentare le informazioni che erano servite da base per la decisione impugnata, indicando che non era stato presentato alcun reclamo contro l'operato dell'FSB nel corso del procedimento.
25. Nella sua sentenza, il Tribunale distrettuale ha stabilito che l'MVD aveva emesso la sua decisione di revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente sulla base del rapporto dell'FSB del 20 ottobre 2020 e che tale misura era quindi proporzionata; ha inoltre rilevato che era stata emessa dall'organo statale competente e che era stata rispettata la procedura applicabile. Il tribunale ha inoltre osservato che l'assenza nel fascicolo delle informazioni fattuali che erano servite come base per la decisione dell'MVD non rendeva tale decisione illegittima e che, sebbene la prima ricorrente non fosse d'accordo con il contenuto del rapporto dell'FSB del 20 ottobre 2020, non l'aveva contestato in questo o in qualsiasi altro procedimento. Il Tribunale distrettuale ha rifiutato di esaminare i motivi di fatto della decisione dell'MVD, affermando che l'FSB aveva la competenza esclusiva di valutare se i cittadini stranieri rappresentassero una minaccia per la sicurezza nazionale, gli interessi della difesa, l'ordine pubblico o la salute pubblica e che, in conformità con la sentenza plenaria della Corte Suprema n. 36 del 27 settembre 2016 ("Sentenza n. 36") i tribunali non avevano il potere di valutare se le autorità competenti avessero o meno agito in modo ragionevole nell'emettere decisioni amministrative.
26. Il Tribunale distrettuale ha riconosciuto che, sebbene la misura impugnata equivalesse a un'interferenza con la vita familiare del primo richiedente tutelata dalla Costituzione, tale fattore era superato dall'interesse pubblico a proteggere altri "valori socialmente significativi previsti dalla Costituzione".
27. Il 16 aprile 2021 il Tribunale cittadino ha esaminato un ricorso che gli era stato presentato dalla prima ricorrente e ha ritenuto la sentenza del 9 febbraio 2021 legittima e ragionevole. Ha affermato, in particolare, che (i) il primo ricorrente non aveva contestato separatamente il rapporto dell'FSB; (ii) il procedimento amministrativo non riguardava la legittimità del rapporto dell'FSB; e (iii) l'MVD non aveva il potere di rivedere le decisioni prese dall'FSB.
28. Il Tribunale cittadino ha ritenuto che l'ingerenza nel diritto della prima ricorrente al rispetto della sua vita privata e familiare fosse giustificata in quanto attuata in conformità alla legge e necessaria in una società democratica per i motivi elencati nell'articolo 8 § 2 della Convenzione. Non erano state accertate circostanze eccezionali che dimostrassero che l'ingerenza nei diritti della prima ricorrente fosse inutile o ingiustificata.
29. In una sentenza separata emessa il 16 aprile 2021, il Tribunale della città ha anche respinto la contestazione della prima ricorrente sulla competenza del Tribunale distrettuale (si veda il paragrafo 23 sopra). Ha ritenuto che non fosse stato dimostrato che il caso del primo ricorrente riguardasse alcun segreto di Stato.
30. A seguito di un ulteriore ricorso del primo ricorrente, il 25 agosto 2021 la Seconda Corte di Cassazione di giurisdizione generale di Mosca ha ampiamente ripetuto il ragionamento del Tribunale cittadino di Mosca e ha respinto il ricorso.
31. Il 2 febbraio 2022 la Corte Suprema della Russia ha ritenuto che la decisione dell'MVD fosse stata presa legittimamente da un organo statale competente e che l'argomentazione della ricorrente circa un'interferenza ingiustificata nella sua vita familiare fosse priva di fondamento.
PRESUNTI CONTATTI TRA L'FSB E LA PRIMA RICORRENTE
32. Secondo la prima ricorrente, quando nel dicembre 2016 aveva cercato di ottenere un permesso di soggiorno di cinque anni in Russia, era stata invitata a sostenere un colloquio presso l'ufficio principale del Servizio federale per la migrazione a Mosca. Era stata intervistata da un certo D., che si era presumibilmente presentato come un rappresentante dell'FSB. La prima ricorrente ha dichiarato che D. l'aveva interrogata a lungo sul suo lavoro e le aveva detto che si sarebbero dovuti incontrare più volte per discutere di altre questioni. Dopo il loro primo incontro, D. l'aveva chiamata più volte chiedendole un ulteriore incontro. La prima ricorrente aveva chiesto a D. di inviare le sue domande via e-mail.
33. La prima ricorrente ha presentato quello che sembra essere uno scambio di e-mail tra lei e D. nel febbraio-marzo 2017 che include, tra l'altro, una richiesta di D. di fornirgli un elenco di ONG che "manifestano animosità nei confronti della Russia e non difendono effettivamente i diritti dei cittadini". D. ha anche chiesto alla prima ricorrente "di spiegare il principio di funzionamento delle [ONG] che forniscono assistenza legale, usando la sua organizzazione come esempio [e indicando la] catena [o struttura] completa, compresi i nomi degli individui e le loro informazioni di contatto, e le eventuali domande presentate alle [istituzioni] europee".
34. Nella sua risposta la prima ricorrente ha dichiarato di non poter fornire a D. un elenco di ONG o persone "che manifestano animosità nei confronti della Russia" perché non ne conosceva nessuna. Conosceva i rappresentanti della ONG che erano "cittadini russi che amavano il loro paese e credevano sinceramente di poterlo migliorare svolgendo attività di assistenza legale". Ha inoltre risposto di non aver mai incontrato attività "insurrezionali" con la scusa di "fornire protezione legale" e che "le persone che lavorano nel settore dell'assistenza legale considerano la critica alle autorità come il loro lavoro e che la società ne ha bisogno". Ha inoltre descritto la struttura della sua organizzazione e ha notato che è finanziata da una ONG con sede nei Paesi Bassi e che ha anche ricevuto un sostegno finanziario direttamente dall'Ambasciata olandese in Russia per un progetto riguardante la violenza di genere nel Caucaso settentrionale e nelle regioni di Pskov e Ulyanovsk. Ha inoltre dichiarato di aver ricevuto un finanziamento dall'Ufficio russo dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati per fornire consulenza legale ai residenti dell'Inguscezia e della Cecenia. Ha sottolineato che la missione della sua organizzazione è la protezione dei diritti umani fondamentali (diritto alla vita, divieto di tortura) e la fornitura di assistenza legale alle vittime di violenza domestica e sessuale, anche nel Caucaso settentrionale. La prima ricorrente ha anche osservato che le altre attività di Astreya comprendono corsi di formazione per avvocati.
35. La prima ricorrente ha inoltre affermato che nel febbraio 2018, su insistenza di D., aveva incontrato D. e un suo collega. Essi le avrebbero detto "di non avere paura perché il suo permesso di soggiorno era stato concesso anche se aveva evitato tutto", cosa che la prima ricorrente ha inteso come un riferimento al fatto che aveva evitato i contatti con D. Le avrebbero offerto la possibilità, dietro un significativo compenso finanziario, di dirigere una nuova organizzazione russa che avrebbe monitorato le violazioni dei diritti umani in Russia e in altri paesi. Le hanno inoltre chiesto di fornire loro informazioni sui clienti di Astreya, sugli aspetti finanziari del suo lavoro e sui colleghi di altre organizzazioni. Le avrebbero anche offerto assistenza per la "promozione" di eventuali progetti futuri dell'organizzazione. Il primo richiedente ha respinto con fermezza tutte le offerte e le richieste avanzate da D. e dal suo collega durante l'incontro.
PRESUNTA INTERFERENZA NELL'ATTIVITÀ DELL'ONG
36. Secondo la prima ricorrente, gli organi statali hanno interferito con il lavoro di Astreya e delle sue organizzazioni partner. Le sue affermazioni possono essere riassunte come segue.
37. Nel luglio 2019 la fondatrice iniziale di Astreya aveva riferito che un agente delle forze dell'ordine si era recato a casa sua per cercarla, lasciando le sue informazioni di contatto e presentandosi come rappresentante dell'"agenzia per la protezione dei diritti umani[,] l'FSB".
38. Il 14 agosto 2019, gli uffici di Astreya a Mosca erano stati perquisiti da membri della Forza speciale di dispiegamento rapido (Специальный отряд быстрого реагирования o СБОР (SOBR)), mascherati e armati di armi automatiche, dell'FSB e dell'MVD. Il primo ricorrente ha presentato una dichiarazione firmata dall'assistente del personale di Astreya che era presente durante l'irruzione e che ha confermato che i telefoni dei dipendenti erano stati confiscati durante la perquisizione e che i loro documenti di identità erano stati fotografati.
39. Il 15 agosto 2019 il Dipartimento del Caucaso del Nord del Ministero dell'Interno aveva emesso un ordine di perquisizione per l'ufficio di Justice Initiative, un'organizzazione partner di Astreya con sede a Nazran, in Inguscezia, in relazione alla presunta "organizzazione di proteste". Il primo ricorrente ha presentato una copia di tale ordine, affermando che l'irruzione aveva avuto luogo e che i documenti erano stati confiscati durante la perquisizione.
40. Nel settembre 2019 un giornalista con legami nel Caucaso settentrionale aveva avvertito la seconda ricorrente che l'FSB in Cecenia stava mostrando "interesse" per la prima ricorrente e il suo lavoro e che "avrebbero cercato di distruggere l'organizzazione o di infiltrare un agente."
41. Il 10 febbraio 2020 il tribunale della città di Nalchik, in Kabardino-Balkaria, aveva emesso un ordine di perquisizione per l'ufficio di Assistenza legale alle donne, un'organizzazione partner di Astreya con sede a Khasavyurt, in Daghestan. La prima ricorrente ha presentato una copia del decreto di perquisizione del 10 febbraio 2020 e una copia del verbale di perquisizione del 13 febbraio 2020, secondo cui due processori informatici erano stati sequestrati dall'ufficio di tale ONG.
42. Nel febbraio 2020 sono state perquisite le abitazioni del personale e dei collaboratori di un'organizzazione partner dell'SJI e di Astreya con sede a Makhachkala, in Daghestan. I dipendenti dell'organizzazione non hanno fornito dichiarazioni a sostegno perché temevano per la loro sicurezza.
43. Nel settembre 2020 il primo ricorrente era stato informato dai partner di Astreya in Daghestan che l'FSB aveva vietato a tutte le strutture comunali e a tutte le università di collaborare con Astreya, che svolgeva attività educative in Daghestan dal 2017.
44. Il Governo ha negato che si siano verificati gli eventi sopra menzionati. In particolare, ha negato che gli uffici delle suddette organizzazioni siano stati oggetto di irruzione o perquisizione. Non hanno presentato copie delle risposte dell'MVD o dell'FSB a richieste in tal senso, né copie dei decreti di perquisizione citati dai ricorrenti.
DICHIARAZIONI DELL'UNIONE EUROPEA IN MERITO ALLA SITUAZIONE DEL PRIMO RICORRENTE
45. Il 4 dicembre 2020 il Servizio europeo per l'azione esterna (il Servizio per la politica estera e di sicurezza dell'Unione europea) ha rilasciato una dichiarazione in cui esortava le autorità russe a revocare la loro decisione in merito al permesso di soggiorno del primo ricorrente. L'8 dicembre 2020, durante la 1391esima riunione del Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, la delegazione dell'Unione europea ha rilasciato una dichiarazione speciale che caratterizza la revoca del suo permesso di soggiorno come una manifestazione "delle pressioni sulla società civile indipendente e sui difensori dei diritti umani in Russia" e invita "le autorità russe a rivedere la loro decisione e a consentire [alla prima ricorrente] di continuare a svolgere pienamente il suo lavoro nel campo dei diritti umani in Russia".
IL RECLAMO DELLA PRIMA RICORRENTE ALL'AGENZIA FEDERALE PER LE COMUNICAZIONI
46. La prima ricorrente ha affermato che, dopo la revoca del suo permesso di soggiorno, diversi siti web e canali mediatici sostenuti dallo Stato hanno iniziato a pubblicare dichiarazioni maliziose e non veritiere sul lavoro di Astreya e SJI. Ha presentato, in particolare, copie dei seguenti documenti:
(i) una pubblicazione del 4 dicembre 2020 sul sito web dell'Agenzia federale di stampa (Федеральное агентство новостей) che affermava, tra l'altro:
"Sul sito web di Astreya si può vedere un'imitazione della lotta contro la violenza domestica, la tortura e la discriminazione. Tuttavia, l'"assistenza legale" è solo una copertura per le organizzazioni gestite da Kogan. Ad esempio, l'Iniziativa per la giustizia ha presentato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo per conto dei terroristi che hanno compiuto un attentato a Nalchik nel 2005. [Alcuni giornalisti commentano: "Fantastico, vero? Assistenza legale d'emergenza per i terroristi!". Astreya e [l'Iniziativa per la Giustizia] hanno lavorato per privare la Russia della sua sovranità legale. L'azione legale è stata intentata contro "lo Stato russo" ... Aleksey Navalny riceve un risarcimento per ogni denuncia alla CEDU...".

(ii) Una pubblicazione del 4 dicembre 2020 sul sito web dell'Agenzia di stampa russa (Русское агентство новостей) che affermava:
"Kogan, vattene: La Russia non ha bisogno di cittadini come te.

... Diciamo che 'diritti umani in un conflitto armato' suona bene. In pratica, però, [la CEDU] sta esaminando un ricorso presentato dall'Iniziativa per la giustizia contro la Russia per conto di venti terroristi che avevano compiuto un attacco a Nalchik nel 2005... Inoltre, le organizzazioni gestite da Kogan hanno vinto, nel 2016, 172 cause contro la Russia presso la [CEDU] per conto di più di 2.000 richiedenti del Caucaso settentrionale e più di 250 del Caucaso meridionale, cioè nemmeno cittadini russi... Le sue attività sono ovviamente politiche e mirano a influenzare il processo decisionale dello Stato...".

(iii) Una pubblicazione del 3 dicembre 2020 sul sito web dell'agenzia di informazione News Front che affermava:
"Perché il permesso di soggiorno di Kogan è stato revocato? La risposta è semplice: le sue attività miravano a rovesciare il potere legittimo del Paese ... Astreya era sostenuta da [una serie di ministeri e organizzazioni straniere] ... L'Iniziativa Giuridica, che è stata dichiarata agente straniero nel 2019, era tra le organizzazioni russe partner di Kogan insieme a una serie di organizzazioni "mangiatrici di sovvenzioni" meno importanti ...".

(iv) Commenti di altre persone sulla suddetta pubblicazione dell'agenzia di informazione News Front che contenevano osservazioni sprezzanti sulla prima ricorrente e minacce rivolte a lei.
47. Il 7 dicembre 2020, la prima ricorrente ha presentato richieste alla Direzione Investigativa dell'FSB e all'Agenzia Federale per le Comunicazioni (Роскомнадзор, di seguito "Roskomnadzor") attraverso i loro siti web, chiedendo loro di verificare se alcuni commenti degli utenti postati nella pubblicazione online dell'Agenzia News Front Information fossero di natura estremista. Ha fornito un link alla pubblicazione e una stampa dei commenti in questione. Il 24 dicembre 2020 il Roskomnadzor ha risposto di non poter verificare il materiale in questione perché la prima ricorrente non aveva fornito un link ad esso.

QUADRO GIURIDICO E PRASSI PERTINENTI

48. Il Codice di procedura amministrativa ("PAC") contiene una serie di norme procedurali applicabili: i tribunali regionali esaminano in prima istanza le cause amministrative riguardanti i segreti di Stato (articolo 20, paragrafo 1); un convenuto amministrativo è l'entità contro la quale viene presentato un reclamo nell'ambito di una controversia amministrativa o di altra natura pubblica (articolo 38); la riunione di più convenuti amministrativi è possibile a determinate condizioni (articolo 41); le parti interessate hanno i diritti e gli obblighi di una parte nel procedimento, con alcune limitate eccezioni (articolo 47, paragrafo 3); il tribunale può richiedere prove su richiesta delle parti o di propria iniziativa, dopo di che una copia della decisione del tribunale che richiede le prove viene trasmessa alle parti e alla persona fisica o giuridica che ne è in possesso (articolo 63). Come previsto dallo stesso articolo, i tribunali devono esaminare la legittimità di una decisione impugnata (articolo 226, paragrafo 8); il loro ambito di controllo non si limita alle argomentazioni del ricorrente, ma deve valutare, in particolare, se i diritti e le libertà del ricorrente sono stati violati, se le autorità nazionali hanno agito ultra vires e se sono stati utilizzati i motivi e la procedura corretti per adottare la decisione (articolo 226, paragrafi 9 e 10); l'onere della prova della legittimità della decisione, dell'atto o dell'omissione contestati spetta all'autorità o al funzionario interessato; il ricorrente, invece, deve dimostrare che i suoi diritti e le sue libertà sono stati violati dalla decisione, dall'atto o dall'omissione contestati e che ha rispettato il termine per la presentazione del reclamo (articolo 226, paragrafo 11).

LA LEGGE

QUESTIONI PRELIMINARI
49. La Corte osserva che i fatti all'origine delle presunte violazioni della Convenzione si sono verificati prima del 16 settembre 2022, data in cui la Federazione Russa ha cessato di essere Parte della Convenzione. La Corte decide pertanto di essere competente ad esaminare il presente ricorso (cfr. Fedotova e altri c. Russia [GC], nn. 40792/10 e altri 2, §§ 68-73, 17 gennaio 2023).

LA CONFORMITÀ DEL GOVERNO ALL'ARTICOLO 38 DELLA CONVENZIONE

50. Prima di procedere all'esame della ricevibilità e del merito dei ricorsi dei ricorrenti, la Corte deve affrontare la questione dell'adempimento da parte del Governo dell'obbligo procedurale previsto dall'articolo 38 della Convenzione di presentare le prove che la Corte ha richiesto loro. L'articolo 38 recita come segue:
"La Corte esamina il caso insieme ai rappresentanti delle parti e, se necessario, intraprende un'inchiesta, per il cui effettivo svolgimento le Alte Parti contraenti interessate forniscono tutte le strutture necessarie".

51. Nel notificare il ricorso, la Corte ha chiesto al Governo se gli uffici di Astreya e delle sue organizzazioni partner fossero stati perquisiti dalle autorità di polizia russe come descritto dal primo ricorrente e, in caso affermativo, su quali basi giuridiche. È stato inoltre chiesto al Governo di presentare copie di qualsiasi documento pertinente. Il governo ha risposto che, secondo le informazioni fornite dagli organi statali competenti, gli uffici delle suddette organizzazioni non erano stati oggetto di perquisizioni o irruzioni. Non hanno presentato copie di alcun documento (si veda il paragrafo 44 sopra).

52. I ricorrenti hanno sostenuto che la mancata presentazione di qualsiasi documento richiesto dalla Corte avrebbe dato luogo a una violazione dell'articolo 38 della Convenzione.

53. La Corte osserva che mentre il Governo non ha presentato copie delle risposte degli organi statali competenti in merito alle richieste di informazioni riguardanti le presunte perquisizioni o irruzioni negli uffici di Astreya e delle sue organizzazioni partner, non ha nemmeno contestato l'autenticità dei decreti di perquisizione e dei verbali di perquisizione presentati dai ricorrenti (si vedano i paragrafi 39 e 41 supra), né ha contestato la testimonianza presentata dall'impiegato dell'ufficio di Astreya a Mosca (si veda il paragrafo 38 supra). Nessuna spiegazione alternativa plausibile è stata fornita dal Governo in merito ai documenti forniti alla Corte dal primo e dal secondo ricorrente.

54. Pertanto, considerando gli elementi di prova presentati dal primo e dal secondo ricorrente, nonché l'inspiegabile mancata presentazione da parte del Governo di informazioni pertinenti convincenti, la Corte ritiene che vi sia stata una mancanza di cooperazione da parte del Governo che ha inutilmente appesantito il compito della Corte di chiarire importanti questioni nel presente caso. Di conseguenza, la Corte ritiene che lo Stato convenuto sia venuto meno ai suoi obblighi ai sensi dell'articolo 38 della Convenzione a causa del suo rifiuto ingiustificato di presentare il materiale richiesto e la Corte trarrà le dovute conclusioni dalla mancata produzione dei documenti da parte del Governo.

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE

55. I ricorrenti hanno lamentato che la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente aveva violato il loro diritto al rispetto della vita privata e familiare, come previsto dall'articolo 8 della Convenzione, che recita come segue:
"1. Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e della propria corrispondenza.

2. Non vi sarà alcuna ingerenza da parte di un'autorità pubblica nell'esercizio di questo diritto, salvo quella conforme alla legge e necessaria in una società democratica nell'interesse della sicurezza nazionale, della pubblica sicurezza o del benessere economico del Paese, per la prevenzione di disordini o crimini, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui".

56. Il Governo ha contestato le argomentazioni dei ricorrenti e ha affermato che la decisione di revocare il permesso di soggiorno del primo ricorrente è stata adottata da un organo statale competente in conformità con il diritto interno. Hanno inoltre affermato che il primo ricorrente ha avuto la possibilità di impugnare efficacemente tale decisione presso i tribunali nazionali.

57. La Corte osserva che questo ricorso non è manifestamente infondato né irricevibile per altri motivi elencati nell'articolo 35 della Convenzione. Deve pertanto essere dichiarato ricevibile.

58. La Corte ribadisce che l'allontanamento di una persona da un paese in cui vivono stretti familiari può costituire una violazione del diritto al rispetto della vita familiare, come garantito dall'articolo 8 § 1 della Convenzione (si veda Gaspar c. Russia, n. 23038/15, § 39, 12 giugno 2018, con ulteriori riferimenti). Tale ingerenza violerà l'articolo 8 della Convenzione a meno che non possa essere giustificata ai sensi del paragrafo 2 di tale disposizione in quanto "conforme alla legge", in quanto persegue uno o più degli scopi legittimi ivi elencati e in quanto "necessaria in una società democratica" per raggiungere lo scopo o gli scopi in questione. Il primo di questi requisiti non si limita a richiedere che la misura impugnata abbia una base nel diritto interno, ma si riferisce anche alla qualità della legge in questione che comporta, tra l'altro, una misura di protezione giuridica contro interferenze arbitrarie o abusi da parte delle autorità pubbliche. Inoltre, per quanto riguarda il requisito del "fine legittimo", la Corte ha indicato che è disposta ad accettare che la revoca di un permesso di soggiorno possa perseguire il fine legittimo di proteggere la sicurezza nazionale (ibid., §§ 38-43, con ulteriori riferimenti). Tuttavia, ha sottolineato che quando è in gioco la sicurezza nazionale, i concetti di legalità e di Stato di diritto in una società democratica richiedono che le misure che incidono sui diritti umani fondamentali siano soggette a una qualche forma di procedimento in contraddittorio davanti a un organo indipendente competente a esaminare le ragioni della decisione e le prove pertinenti, se necessario, con adeguate limitazioni procedurali sull'uso di informazioni classificate. L'individuo deve poter contestare l'affermazione dell'esecutivo secondo cui è in gioco la sicurezza nazionale. In mancanza di tali garanzie, la polizia o altre autorità statali sarebbero in grado di violare arbitrariamente i diritti protetti dalla Convenzione (ibidem, § 45, con ulteriori riferimenti).

59. Passando al caso in esame, la Corte osserva che la vita familiare dei ricorrenti e le attività professionali del primo e del secondo ricorrente sono state significativamente perturbate a seguito della revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente (si vedano i paragrafi 5-9, 16-17 supra) e la Corte ritiene pertanto che tale misura adottata dalle autorità russe abbia costituito un'interferenza con il diritto dei ricorrenti al rispetto della loro vita familiare e con il diritto del primo e del secondo ricorrente al rispetto della loro vita privata nella misura in cui riguardava le loro attività professionali. Per quanto riguarda i requisiti di "conformità alla legge" e "scopo legittimo", la Corte nel presente caso può rinunciare a pronunciarsi su entrambi perché, a prescindere dalla legittimità delle misure adottate nei confronti del primo ricorrente e dalla legittimità dello scopo dichiarato dalle autorità, esse non erano necessarie in una società democratica, per le ragioni esposte di seguito (si vedano Gaspar, sopra citato, § 41; Liu c. Russia (n. 2), n. 29157/09, § 79, 26 luglio 2011; e Gablishvili c. Russia, no. 39428/12, § 45, 26 giugno 2014). In particolare, la Corte ritiene che, tenuto conto delle circostanze del caso, il procedimento contro il primo ricorrente non sia stato circondato da sufficienti garanzie procedurali.

60. La Corte osserva che il contenuto del rapporto dell'FSB, che è servito come base per la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente, non è stato reso noto al primo ricorrente o rivelato alla Corte dal Governo. Inoltre, la prima ricorrente è stata informata del rapporto dell'FSB solo durante l'udienza preliminare del suo caso (si vedano i paragrafi 14 e 22), il che le ha impedito di avere tempo sufficiente per prepararsi debitamente all'esame del suo caso da parte del Tribunale distrettuale, ad esempio chiedendo ulteriori informazioni all'FSB prima dell'udienza e raccogliendo prove per confutare le loro affermazioni (si veda, per un ragionamento simile, Lupsa c. Romania, n. 10337/04, § 59, CEDU 2006-VII). Inoltre, le sentenze nazionali non contenevano alcuna indicazione delle ragioni per cui la prima ricorrente era considerata un pericolo per la sicurezza nazionale, né fornivano una descrizione generica degli atti a lei attribuiti (cfr. Amie e altri c. Bulgaria, no. 58149/08, §§ 12-13 e 98, 12 febbraio 2013). Il Tribunale distrettuale si è rifiutato di chiedere ulteriori informazioni all'FSB (cfr. paragrafi 24 e 48 (articolo 63 del CAP)) e non ha stabilito almeno una descrizione generale degli atti attribuiti alla prima ricorrente, se necessario con alcune modalità procedurali, come ad esempio un'audizione a porte chiuse. Di conseguenza, non le è stata fornita nemmeno una descrizione sommaria delle accuse a suo carico, rendendole impossibile sia contestare le accuse fattuali presentate contro di lei sia replicare in contraddittorio. I tribunali nazionali hanno quindi sottoposto la decisione dell'MVD a un esame puramente formale, con il risultato che la prima ricorrente non ha potuto avere un vero e proprio contraddittorio (si veda, per un ragionamento simile, C.G. e altri c. Bulgaria, n. 1365/07, § 74, 24 aprile 2008, e si contrasti Regner c. Repubblica Ceca [GC], no. 35289/11, §§ 150-54, 19 settembre 2017). Infine, i tribunali interni hanno omesso, in contrasto con l'articolo 8 della Convenzione, di applicare i principi generali stabiliti dalla Corte e di trovare un equilibrio tra gli interessi della sicurezza nazionale e il diritto dei ricorrenti al rispetto della loro vita familiare e privata (si veda Liu, sopra citata, § 81).

61. Alla luce di quanto sopra, la Corte conclude che i procedimenti relativi alla revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente sono stati inficiati da gravi vizi procedurali che ne hanno minato l'equità e sono andati oltre i limiti procedurali consentiti nei casi di espulsione per motivi di sicurezza nazionale (si veda, mutatis mutandis, Muhammad e Muhammad c. Romania [GC], n. 80982/12, §§ 129-33, 15 ottobre 2020).

62. Vi è stata pertanto una violazione dell'articolo 8 della Convenzione.

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 18 DELLA CONVENZIONE

63. La prima e la seconda ricorrente hanno lamentato che la vera intenzione delle autorità nazionali nel revocare il permesso di soggiorno della prima ricorrente era quella di impedire a lei e alla seconda ricorrente di proseguire il loro lavoro nel campo dei diritti umani in Russia. Esse hanno invocato l'articolo 18, in combinato disposto con l'articolo 8 della Convenzione, che recita come segue:
"Le restrizioni consentite dalla [Convenzione] ai suddetti diritti e libertà non possono essere applicate per scopi diversi da quelli per i quali sono state prescritte".

Ammissibilità

64. La Corte osserva che il ricorso non è manifestamente infondato né irricevibile per altri motivi elencati nell'articolo 35 della Convenzione. Deve pertanto essere dichiarato ricevibile.

Il merito

Le osservazioni delle parti

65. Il primo e il secondo ricorrente hanno sostenuto che il Governo non ha contestato la loro affermazione secondo cui, nelle date indicate, rappresentanti dell'FSB erano stati in contatto con la prima ricorrente in merito alle sue attività in materia di diritti umani e a una possibile collaborazione tra loro. Hanno inoltre sottolineato che il Governo non ha fornito copie delle risposte ufficiali delle filiali regionali dell'MVD e dell'FSB in cui avrebbero negato di aver effettuato le suddette incursioni e perquisizioni. Hanno inoltre presentato copie di documenti che, a loro avviso, erano in possesso del Governo ma non erano stati intenzionalmente forniti alla Corte (cfr. paragrafi 39 e 41). Hanno anche presentato una dichiarazione firmata da un dipendente di Astreya che descrive l'incursione che sarebbe avvenuta a Mosca nell'agosto 2019 (si veda il paragrafo 38) e articoli pubblicati da almeno quattro testate giornalistiche, tra cui Novaya Gazeta, che hanno parlato delle incursioni e delle perquisizioni. Il primo e il secondo ricorrente hanno anche presentato copie di estratti di notizie di media sostenuti dallo Stato che riportavano la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente e descrivevano il lavoro del primo ricorrente e di Astreya come (secondo il primo e il secondo ricorrente) "minaccioso, ostile e dannoso per la Russia" (si veda il paragrafo 46 sopra). Il primo e il secondo ricorrente hanno affermato che le autorità russe considerano il lavoro di Astreya e delle sue organizzazioni partner come politico e di istigazione al dissenso politico, nonché come una minaccia per l'attuale regime. Infine, hanno fatto riferimento alle dichiarazioni dei rappresentanti dell'Unione europea e delle organizzazioni per i diritti umani che hanno definito la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente come una manifestazione di pressione sulla società civile indipendente e sugli attivisti per i diritti umani in Russia (si veda il paragrafo 45 sopra).

66. Il Governo ha affermato che le accuse del primo e del secondo ricorrente erano infondate, speculative e sembravano essere "un tentativo di collegare la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente con le loro attività professionali e con il rifiuto del primo ricorrente di collaborare con i servizi di sicurezza dello Stato". Hanno inoltre affermato che, secondo le informazioni fornite dalle sezioni regionali dell'MVD e dell'FSB, non sono state condotte perquisizioni o irruzioni negli uffici delle ONG citate dal primo e dal secondo ricorrente.

La valutazione della Corte

67. Secondo la giurisprudenza della Corte, l'articolo 18 della Convenzione non ha un'esistenza autonoma; può essere applicato solo in combinato disposto con altri articoli della Convenzione, e una violazione può verificarsi solo quando il diritto o la libertà in questione sono soggetti a restrizioni consentite dalla Convenzione, come, ad esempio, ai sensi della seconda frase dell'articolo 5 § 1 e dei secondi paragrafi degli articoli da 8 a 11, che consentono restrizioni ai rispettivi diritti e libertà (si veda Merabishvili c. Georgia [GC], n. 72508/13, §§ 287-90, 28 novembre 2017). Inoltre, il semplice fatto che una restrizione di un diritto o di una libertà della Convenzione non soddisfi tutti i requisiti della clausola che la consente, non solleva necessariamente una questione ai sensi dell'articolo 18. L'esame separato di un reclamo ai sensi di tale articolo è giustificato solo se l'affermazione che una restrizione è stata applicata per uno scopo non previsto dalla Convenzione appare come un aspetto fondamentale del caso (ibidem, § 291).

68. Una restrizione può essere compatibile con la disposizione sostanziale della Convenzione che la autorizza perché persegue uno scopo ammissibile ai sensi di tale disposizione, ma può comunque violare l'articolo 18 perché era principalmente destinata a un altro scopo non prescritto dalla Convenzione; in altre parole, se tale altro scopo era predominante. Al contrario, se lo scopo prescritto era quello principale, la restrizione non è contraria all'articolo 18 anche se persegue un altro scopo (ibid., § 305). Quale sia lo scopo predominante in un determinato caso dipende dalla totalità delle circostanze del caso. Nel valutare questo punto, la Corte terrà conto della natura e del grado di riprovevolezza del presunto secondo fine, e terrà presente che la Convenzione è stata concepita per mantenere e promuovere gli ideali e i valori di una società democratica governata dallo Stato di diritto (ibidem, § 307). Inoltre, la questione se lo scopo ulteriore, rispetto a quello conforme alla Convenzione, fosse predominante, dovrebbe essere valutata secondo l'ordinario standard di prova, piuttosto che secondo lo standard più severo che la Corte ha applicato in base all'articolo 18 in una serie di casi precedenti, e non c'è motivo per la Corte di limitarsi alla prova diretta in relazione alle denunce ai sensi dell'articolo 18 della Convenzione o di applicare uno speciale standard di prova a tali accuse (si veda Navalnyy c. Russia [GC], n. 307). Russia [GC], nn. 29580/12 e altri 4, § 165, 15 novembre 2018; Merabishvili, sopra citata, § 316; e Selahattin Demirtaş c. Turchia (n. 2) [GC], n. 14305/17, §§ 420-21, 22 dicembre 2020). La Corte può prendere in considerazione alcune prove indiziarie, che in questo contesto significano informazioni sui fatti primari, o fatti contestuali o sequenze di eventi che possono costituire la base per inferenze sui fatti primari. I rapporti o le dichiarazioni di osservatori internazionali, di organizzazioni non governative o dei media, o le decisioni di altri tribunali nazionali o internazionali sono spesso presi in considerazione per, in particolare, far luce sui fatti o per corroborare le conclusioni della Corte (si veda Merabishvili, sopra citato, § 317).

69. La prima e la seconda ricorrente hanno sostenuto che, anche se la revoca del permesso di soggiorno della prima ricorrente è stata effettuata formalmente nell'interesse della sicurezza nazionale, uno scopo previsto dall'articolo 8 § 2 della Convenzione (si veda il paragrafo 59 supra), la vera intenzione delle autorità era quella di costringere la prima ricorrente a porre fine al suo lavoro per i diritti umani in Russia. A parere della Corte, tale affermazione costituisce un aspetto fondamentale del caso di specie e merita un esame approfondito (si veda Merabishvili, sopra citata, § 291; Juszczyszyn c. Polonia, no. 35599/20, § 317, 6 ottobre 2022; Miroslava Todorova c. Bulgaria, no. 40072/13, § 203, 19 ottobre 2021; e Azizov e Novruzlu c. Azerbaigian, nn. 65583/13 e 70106/13, § 68, 18 febbraio 2021). Anche se si stabilisce che la restrizione del diritto della prima ricorrente al rispetto della sua vita familiare e privata (che ha interessato anche quella degli altri ricorrenti) perseguiva un altro scopo non previsto dall'articolo 8 § 2, vi sarà una violazione dell'articolo 18 solo se tale altro scopo era predominante (si vedano Selahattin Demirtaş, sopra citato, § 425, e Miroslava Todorova, sopra citato, § 204). Quale sia lo scopo predominante in un determinato caso dipende da tutte le circostanze. Nel valutare tale punto, la Corte terrà conto della natura e del grado di riprovevolezza del presunto secondo fine, e terrà presente che la Convenzione è stata concepita per mantenere e promuovere gli ideali e i valori di una società democratica governata dallo Stato di diritto (si vedano Merabishvili, sopra citata, § 307; Natig Jafarov c. Azerbaigian, n. 64581/16, § 69, 7 novembre 2019; e Navalnyy, sopra citata, §§ 173-74).

70. La Corte osserva, in primo luogo, che le autorità nazionali erano ben consapevoli che la prima ricorrente non era una semplice cittadina, ma un noto avvocato per i diritti umani e che la restrizione in questione non solo l'avrebbe colpita personalmente, ma avrebbe anche messo in pericolo il suo lavoro. Essa prende atto della sua comprovata esperienza nel rappresentare i ricorrenti davanti alla Corte e durante la fase di esecuzione delle sentenze della Corte (si vedano i paragrafi 6-9). L'organizzazione che la prima ricorrente aveva diretto tra il 2012 e il 2021 forniva assistenza legale a molte vittime particolarmente vulnerabili di gravi violazioni dei diritti umani (ibidem). L'ingerenza era quindi in grado di avere un effetto deterrente sui suoi colleghi o di mettere a tacere molte altre persone che rappresentava e che sostenevano di essere vittime di violazioni dei diritti umani in Russia (si vedano, per un ragionamento simile, Navalnyy, sopra citata, §§ 173-74, e Kavala c. Turchia, n. 28749/18, § 231, 10 dicembre 2019).

71. La Corte prende in considerazione anche le notizie riportate dai media sostenuti dallo Stato che hanno evidenziato la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente. Essi dimostrano, senza mezzi termini, un forte pregiudizio negativo nei confronti di lei e delle sue attività nel campo dei diritti umani, dipingendola pubblicamente come ostile nei confronti dello Stato russo (si veda il precedente paragrafo 46). Quando la prima ricorrente ha denunciato minacce online a seguito di tali pubblicazioni, il Roskomnadzor, l'organo di controllo russo nell'ambito delle comunicazioni, non ha intrapreso alcuna azione al riguardo, per una ragione del tutto superficiale (cfr. paragrafo 47 supra). Ciò ha indubbiamente contribuito all'atmosfera di pressione e ostilità intorno alla prima ricorrente nel contesto del suo lavoro sui diritti umani.

72. La Corte osserva che il resoconto della prima ricorrente sugli altri eventi precedenti e successivi alla revoca del permesso di soggiorno (si vedano i paragrafi 32-35) è dettagliato e coerente e supportato da materiale scritto, la cui autenticità e accuratezza non sono state messe in discussione dal Governo. Il Governo, in particolare, non ha negato le affermazioni della prima ricorrente in merito ai suoi contatti con D. che, presumibilmente, era un rappresentante dell'FSB, e non ha presentato alcuna osservazione in merito né a tali contatti né alle copie della corrispondenza tra la prima ricorrente e D. Dato che il Governo non ha offerto alcuna spiegazione o smentita alternativa su questo aspetto della denuncia della prima ricorrente, la Corte attribuisce un valore altamente probatorio a questo resoconto e ritiene che esso sostenga anche le affermazioni sulle pressioni esercitate sulla prima ricorrente in relazione al suo lavoro presso Astreya.

73. Il Governo non ha inoltre fornito alcuna spiegazione ragionevole e sostenibile in merito alle presunte attività di contrasto dirette ad Astreya e alle sue organizzazioni partner (si vedano i paragrafi 36-43). Né ha presentato copie delle risposte ufficiali dell'MVD e dell'FSB su cui si è basato, e che presumibilmente affermavano che non erano state effettuate incursioni o perquisizioni presso Astreya e le sue organizzazioni partner (si veda il paragrafo 44 sopra). In tali circostanze e alla luce dei documenti presentati dal ricorrente, è evidente alla Corte che almeno una perquisizione ha avuto luogo (a Khasavyurt il 13 febbraio 2020 (si veda il paragrafo 41 supra)) e, dal momento che il Governo non ha riconosciuto tale perquisizione o fornito ragioni legittime per essa, può essere considerata un'ulteriore indicazione di tali pressioni.

74. Inoltre, la Corte ritiene che i vizi procedurali da essa individuati nel procedimento riguardante il primo ricorrente (si veda il paragrafo 60 supra) non siano insignificanti e, se considerati nel loro insieme, mettano in serio dubbio l'affermazione del Governo secondo cui il motivo principale della revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente fosse effettivamente l'interesse della sicurezza nazionale. Il rifiuto immotivato del tribunale nazionale di sospendere l'espulsione della prima ricorrente mentre il suo caso era pendente, la tardiva notifica alla stessa del rapporto dell'FSB, l'esame del suo caso in evidente violazione delle regole di giurisdizione, l'assenza di decisioni motivate in merito alle richieste procedurali della prima ricorrente e l'assenza anche solo di un riassunto delle accuse non rivelate contro di lei per tutta la durata del procedimento - tutti questi fattori, nel loro insieme, indicano che la prima ricorrente si è trovata di fronte a un ostacolo insormontabile nell'impugnare la decisione dell'MVD, il che è indicativo dell'intento delle autorità di privarla dei motivi legali per rimanere in Russia.

75. Gli organi dell'Unione Europea al più alto livello hanno ritenuto che la revoca del suo permesso di soggiorno non fosse altro che un riflesso delle pressioni esercitate sulla società civile indipendente in Russia e la Corte ritiene che le loro dichiarazioni corroborino le affermazioni della prima e della seconda ricorrente (si veda il paragrafo 45 supra, e si veda Baka c. Ungheria [GC], n. 20261/12, § 148, 23 giugno 2016).

76. Infine, la Corte non perde di vista il contesto ostile generale e il clima politico e sociale in cui molte ONG, difensori dei diritti umani e altri attori della società civile operavano negli anni passati in Russia, comprese le severe restrizioni sui loro finanziamenti o sui loro progetti che hanno comportato un significativo "effetto deterrente" (chilling effect) sulle loro attività (si veda Ecodefence e altri c. Russia, nn. 9988/13 e 60 altri, 14 giugno 2022; Centro delle Società per la Coscienza di Krishna in Russia e Frolov c. Russia, no. 37477/11, §§ 8-10, 41-42, 23 novembre 2021; RID Novaya Gazeta e ZAO Novaya Gazeta c. Russia, no. 44561/11, § 91, 11 maggio 2021; e Navalnyy, sopra citata, §§ 147-52 e 172-75).

77. I fattori di cui sopra portano la Corte a concludere che l'ingerenza nel diritto della prima ricorrente al rispetto della sua vita familiare perseguiva uno scopo ulteriore rispetto alle limitazioni di tale diritto prescritte dall'articolo 8 § 2 della Convenzione, ed è stata effettuata, prevalentemente, per punire il primo e il secondo ricorrente per le loro attività nel campo dei diritti umani e impedire loro di continuare tali attività in Russia (si veda Kavala, sopra citata, § 231). Questo ulteriore scopo è chiaramente contrario ai valori della Convenzione ed è di particolare gravità, dato il ruolo di primo piano dei difensori dei diritti umani in una società democratica.
78. Vi è stata pertanto una violazione dell'articolo 18 della Convenzione in combinato disposto con l'articolo 8.

APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
79. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte constata una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente una riparazione solo parziale, la Corte accorda, se necessario, una giusta soddisfazione alla parte lesa".

Danno
80. I ricorrenti non hanno presentato una richiesta di danni patrimoniali. Per quanto riguarda i danni non patrimoniali, hanno affermato che, a seguito della presunta violazione dei loro diritti, hanno sofferto di angoscia e disagio a causa dello sconvolgimento causato alla loro regolare vita familiare e alle attività professionali del primo e del secondo ricorrente, e perché sono stati costretti a lasciare la Russia per garantire l'incolumità fisica della loro famiglia (si veda il paragrafo 17 sopra). I ricorrenti hanno lasciato la determinazione dell'importo alla discrezionalità della Corte.
81. Il Governo ha sostenuto che la richiesta doveva essere respinta.
82. Tenuto conto dei documenti in suo possesso e delle sue conclusioni nel caso di specie, ed effettuando la sua valutazione su base equitativa, la Corte ritiene ragionevole concedere ai ricorrenti, congiuntamente, 9.800 euro (EUR) a titolo di danno non patrimoniale, oltre a qualsiasi imposta che possa essere applicata su tale importo.
Costi e spese
83. I ricorrenti hanno inoltre richiesto, a titolo di spese legali per i servizi dei loro tre avvocati, la sig.ra Treninina, il sig. Zharinov e la sig.ra Davidyan, rispettivamente 2.175, 2.550 e 1.800 euro, per averli rappresentati nel procedimento nazionale e davanti alla Corte. Entro il termine fissato per la presentazione delle osservazioni, hanno presentato un tariffario dettagliato che indicava la tariffa oraria dei loro avvocati (100 euro), i compiti legali svolti da ciascuno e il numero di ore dedicate a tali compiti. In seguito hanno presentato un contratto di servizi legali, una copia del quale è stata inviata dalla Corte al Governo solo per informazione e con riferimento all'articolo 60 § 3 del Regolamento della Corte.
84. Il Governo ha sostenuto che la richiesta di costi e spese dei ricorrenti doveva essere respinta in quanto non comprovata, dal momento che non era stato fornito alla Corte alcun contratto di servizi legali o documenti giustificativi che dimostrassero che tali costi erano stati sostenuti.
85. Secondo la giurisprudenza della Corte, un ricorrente ha diritto al rimborso di costi e spese nella misura in cui sia stato dimostrato che sono stati effettivamente e necessariamente sostenuti e che sono ragionevoli nel loro ammontare. Nel caso di specie, tenuto conto dei documenti in suo possesso, della sua giurisprudenza e dell'articolo 60 § 3 del Regolamento della Corte, la Corte ritiene ragionevole concedere la somma di 6.525 euro a copertura delle spese a tutti i titoli, più eventuali imposte a carico dei ricorrenti, da versare direttamente sui conti bancari dei rappresentanti, come richiesto dai ricorrenti.
Interessi di mora
86. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea, a cui aggiungere tre punti percentuali.

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,

Dichiara di essere competente a trattare i reclami dei ricorrenti nella misura in cui si riferiscono a fatti avvenuti prima del 16 settembre 2022;
Dichiara il ricorso ammissibile;
Dichiara che il governo convenuto è venuto meno agli obblighi derivanti dall'articolo 38 della Convenzione;
Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 8 della Convenzione;
Ritiene che vi sia stata una violazione dell'articolo 18 della Convenzione, in combinato disposto con l'articolo 8;
Dichiara
(a) che lo Stato convenuto deve versare ai ricorrenti, congiuntamente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, i seguenti importi:
(i) 9.800 euro (novemilaottocento euro), più eventuali imposte, a titolo di danno non patrimoniale;
(ii) 2.175 euro (duemilacentosettantacinque euro) alla sig.ra D. Trenina, 2.550 euro (duemilacinquecentocinquanta euro) al sig. K. Zharinov e 1.800 euro (milleottocento euro) alla sig.ra E. Davidyan, più eventuali imposte a carico dei ricorrenti, per costi e spese, da versare direttamente sui conti bancari dei rappresentanti;
(b) che a partire dalla scadenza dei suddetti tre mesi e fino al saldo, sugli importi di cui sopra saranno dovuti interessi semplici a un tasso pari al tasso di prestito marginale della Banca centrale europea durante il periodo di inadempienza, maggiorato di tre punti percentuali.
Fatto in inglese e notificato per iscritto il 7 marzo 2023, ai sensi dell'articolo 77, paragrafi 2 e 3, del Regolamento del Tribunale.


Olga Chernishova Pere Pastor Vilanova
Cancelliere aggiunto Presidente



Ai sensi dell'articolo 45 § 2 della Convenzione e dell'articolo 74 § 2 del Regolamento della Corte, il parere separato del giudice Serghides è allegato alla presente sentenza.

P.P.V.
O.C.

OPINIONE CONCORRENTE DEL GIUDICE SERGHIDES

1. Il primo ricorrente è un cittadino degli Stati Uniti d'America, un importante avvocato per i diritti umani, che ha vissuto e lavorato in Russia dal 2009 al 2021 e che nel 2013 ha sposato la seconda ricorrente, una cittadina russa con la quale ha due figli minori (il terzo e il quarto ricorrente). Il primo reclamo dei ricorrenti è che la revoca del permesso di soggiorno del primo ricorrente ha violato il loro diritto al rispetto della vita privata e familiare ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione. Il loro secondo reclamo è che la vera intenzione delle autorità nazionali nel revocare il permesso di soggiorno della prima ricorrente era quella di impedire a lei e alla seconda ricorrente di proseguire il loro lavoro nel campo dei diritti umani in Russia, in violazione dell'articolo 18 della Convenzione che prevede la limitazione dell'uso delle restrizioni dei diritti.
2. Ho votato a favore di tutti i punti del dispositivo e aderisco al ragionamento della sentenza a parte la distinzione in essa tracciata, per quanto riguarda l'interpretazione e l'applicazione dell'articolo 18 della Convenzione in combinato disposto con l'articolo 8, tra restrizioni il cui scopo è legittimo e altre il cui scopo è illegittimo a seconda di quale sia considerato "predominante" (si veda il paragrafo 68 della sentenza e la giurisprudenza citata).
3. Per le ragioni che ho spiegato nella mia opinione concorrente nella causa Merabishvili c. Georgia ([GC], n. 72508/13, 28 novembre 2017), una tale distinzione non ha alcun fondamento giuridico, ed è contraria alla lettera e allo scopo dell'articolo 18, volto a proteggere efficacemente i diritti umani da interferenze il cui scopo non rientra tra quelli per i quali la Convenzione lo consente.
4. La presente sentenza ritiene giustamente che l'ingerenza nel diritto della prima ricorrente al rispetto della sua vita familiare perseguisse un ulteriore scopo che non rientrava tra quelli per i quali le restrizioni di tale diritto sono consentite dall'articolo 8 § 2 della Convenzione, vale a dire lo scopo di punire la prima e la seconda ricorrente per le loro attività nel settore dei diritti umani e di impedire loro di continuare tali attività in Russia.
5. Alla luce di quanto sopra, concludo che vi è stata una violazione dell'articolo 18 della Convenzione, in combinato disposto con l'articolo 8. Tuttavia, a differenza del ragionamento della presente sentenza, ritengo irrilevante che tale ulteriore scopo sia stato anche lo scopo predominante dell'ingerenza contestata. Voterei comunque per una violazione anche se tale scopo ulteriore non fosse quello predominante.

APPENDICE