Etichetta: resistenza a pubblico ufficiale

17 Oct 2016
Sentenze

Legittimo reagire a condotte illegittime del pubblico ufficiale (Cass. 43894/16)

Cassaione penale

Argomenti correlati: resistenza a pubblico ufficiale

Quando il pubblico ufficiale pone in essere una condotta oggettivamente illegittima, in assenza dei necessari presupposti legittimanti, e sulla base di una decisione da lui assunta autonomamente o comunque al...

Leggi di più su 'Legittimo reagire a condotte illegittime del pubblico ufficiale (Cass. 43894/16)'...
15 May 2015
Sentenze

Chiamare l'avvocato non è una minaccia (Cass., 20320/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: minaccia, resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio

"Se mi fai la contravvenzione giuro che te la faccio pagare, chiamo il mio avvocato e ti querelo": la prospettazione di denunciare taluno all'autorità giudiziaria non costituisce, di per sè,...

Leggi di più su 'Chiamare l'avvocato non è una minaccia (Cass., 20320/15)'...
8 May 2014
Sentenze

Accompagnamento forzato illegittimo (Cass. pen., 18957/14)

Cassazione penale

Argomenti correlati: resistenza a pubblico ufficiale, atti arbitrari, fermo di identificazione, reazione legittima

L'accompagnamento forzato e la privazione della libertà personale dell'indagato è consentito solo nel caso in cui il soggetto richiesto o neghi ogni forma di collaborazione o fornisca generalità o documenti...

Leggi di più su 'Accompagnamento forzato illegittimo (Cass. pen., 18957/14)'...
30 Jan 2014
Sentenze

Accompagnamento coatto, fermo di identificazione, atto arbitrario del pubblico ufficiale (Cassazione pen., sent.4392/13)

Cassazione penale

Argomenti correlati: atto arbitrario, resistenza a pubblico ufficiale

E' arbitrario il comportamento dei pubblici ufficiali teso a far uscire coattivamente un privato dall’auto sulla quale è trasportato; il comportamento è sproporzionato se motivato dal fine di identificare un...

Leggi di più su 'Accompagnamento coatto, fermo di identificazione, atto arbitrario del pubblico ufficiale (Cassazione pen., sent.4392/13)'...
26 Mar 2012
Sentenze

Reazione legittima alla perquisizione domiciliare ex art. 41 Testo Unico Legge Pubblica Sicurezza

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: atto arbitrario, resistenza a pubblico ufficiale, perquisizione domiciliare

La norma d'epoca fascista (Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, art. 41 Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza o T.U.L.P.S.) che tuttora autorizza la perquisizione domiciliare da parte delle...

Leggi di più su 'Resistenza a pubblico ufficiale, atto arbitrario, perquisizione domiciliare'...

Recenti Pubblicazioni

Apologia di reato tramite Facebook (Cass. 24103/17)

L’attività di proselitismo, fondata su ragioni di carattere etnico o religioso, ben può essere effettuata mediante i canali telematici - tra i quali occorre certamente comprendere il soda network denominato Facebook - attraverso cui si mantengono i contatti tra gli aderenti o i simpatizzanti, mediante la diffusione di documenti e testi apologetici, la programmazione di azioni dimostrative, la raccolta di elargizioni economiche, la segnalazione di persone responsabili di avere operato a favore della causa propagandata.

Furto di bene abbandonato non è reato (Cass. 23093/17)

Non può ritenersi compatibile con il principio di offensività la declaratoria di responsabilità per il reato di furto avente ad oggetto un vecchio cartello di segnaletica stradale arrugginito, ormai sostituito dall'Amministrazione.

Filma di nascosto rapporti sessuali in casa propria: non c'è reato (Cass. pen. 22221/17)

Non commette reato chi filma in casa propria rapporti intimi avvenuti con la convivente.

Clientale rumorosa, responsabile il bar (cass. 22142/17)

Il titolare di un esercizio pubblico ha l’obbligo giuridico di impedire gli schiamazzi o comunque i rumori prodotti, in maniera eccessiva, dalla propria clientela, anche all'esterno del locale (e affiggere un cartello non basta).

Diritto di cronaca richiede controllo delle fonti (Cass. 22202/17)

Per invocare il diritto di cronaca giudiziaria, il giornalista deve esaminare e controllare attentamente la notizia in modo da superare ogni dubbio, non essendo sufficiente in proposito l’affidamento in buona fede sulla fonte informativa

Detenere fumetti pedoporno è reato (Cass.22265/17)

Anche la pedopornografia virtuale, cioè quella realizzata senza impiegare di bambini reali è reato: ciò perchè la nozione legislativa di immagine del minore impegnato in attività sessuali comprende non solo la riproduzione reale dello stesso in una situazione di "fisicità pornografica", ma anche disegni, pitture, e tutto ciò che sia idoneo a dare allo spettatore l’idea che l’oggetto della rappresentazione pornografica sia un minore.