Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

MAE, cambia la legge attuativa: ecco come (d.lgs. 10/2021)

29 Gennaio 2021, Attuazione delle delega legislativa

Tag

europa italia bandiera
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Lo schema in esame, adottato in attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 6 della legge di delegazione europea 2018 modifica la legge n. 69 del 2005 (di implementazione interna della decisione quadro 584/2002 sula mandato di arresto europeo) ed in particolare in relazione alla disciplina della procedura passiva di esecuzione del mandato di arresto europeo.

  • apporta una serie di modifiche alle disposizioni della legge n. 69 che impongono alle Autorità giudiziarie dello Stato di emissione l'invio di provvedimenti e atti ulteriori rispetto al mandato di arresto europeo (si vedano a tal proposito le modifiche apportate dallo schema agli articoli 3, 6 e 7 della legge n.69);

  •   interviene, al fine di dare piena esecuzione al principio del mutuo riconoscimento, sulla disciplina relativa ai casi di esclusione della verifica della doppia punibilità (si vedano le modifiche agli articoli 4, 5 e 20); ai motivi di rifiuto (obbligatorio o facoltativo) dell'esecuzione del mandato di arresto (si vedano a tal proposito le modifiche apportate dallo schema agli articoli 3, 12, 13, 14 e 15);

  •   ridefinisce (accelerandola) la tempistica della procedura passiva di esecuzione del mandato, intervenendo anche sulla disciplina cautelare, con m modifica dei termini e dei motivi di ricorso in Cassazione  (si vedano a tal proposito le modifiche apportate dallo schema agli articoli 6, 12, 16 e 18);

  •   in attuazione di uno specifico criterio di delega, modifica la legge del 2005 al fine di superare i contrasti giurisprudenziali relativi all'applicazione dell'articolo 31 della decisione quadro "Relazioni con gli altri strumenti giuridici" (si vedano a tal proposito le modifiche apportate dallo schema all'articolo 1, lett.d).

Qui il dossier del servizio studi del Senato; qui il DECRETO LEGISLATIVO 2 febbraio 2021, n. 10 "Disposizioni per il compiuto adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni della decisione quadro 2002/584/GAI, relativa al mandato d'arresto europeo e alle procedure di consegna tra stati membri, in attuazione delle delega di cui all'articolo 6 della legge 4 ottobre 2019, n. 117" (GU Serie Generale n.30 del 05-02-2021), entrata in vigore 20/02/2021

***

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 95
29 Gennaio 2021
Il Consiglio dei Ministri si è riunito venerdì 29 gennaio 2021, alle ore 13.45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro.


(..)


4.        Disposizioni per il compiuto adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni della decisione quadro 2002/584/GAI, relativa al mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra stati membri, in attuazione della delega di cui all’articolo 6 della legge 4 ottobre 2019, n. 117 (decreto legislativo – esame definitivo) (Ministro della giustizia)


Il decreto adegua la normativa interna alle disposizioni relative al mandato d’arresto europeo, in particolare riguardo ai motivi di non esecuzione facoltativa del mandato stesso, al fine di assicurare il principio del mutuo riconoscimento e la salvaguardia dei princìpi fondamentali dell’ordinamento e tenuto conto del principio di presunzione del rispetto dei diritti fondamentali da parte degli altri Stati membri. Il testo, inoltre, chiarisce che si possono continuare ad applicare gli accordi o intese bilaterali o multilaterali vigenti al momento dell’adozione della decisione quadro se contribuiscono a semplificare o agevolare ulteriormente la consegna del ricercato.