2 Dec 2016

Termine a difesa deve essere congruo (Cass. 51567/16)

Nicola Canestrini

Taggato: diritto di difesa

Il nuovo difensore d'ufficio o di fiducia nei casi di "rinunzia, revoca o incompatibilità" ha diritto ad un termine a difesa congruo, configurandosi altrimenti una nullità a regime intermedio in forza della norma generale posta dall’art. 178, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. (in quanto incide sull’assistenza dell’imputato) che dunque va eccepita immediatamente.

L''unica eccezione, di creazione giurisprudenziale, à qualora la relativa richiesta non risponda ad alcuna reale esigenza difensiva, bensì ci si trovi in presenza di un c.d. abuso delle facoltà processuali (per tale intendendosi l’utilizzo arbitrario di strumenti giuridici, tale da trasmodare in patologia processuale, dunque in abuso, in mero strumento di paralisi o di ritardo avente come scopo non la difesa nel processo, ma dal processo; ciò in contrasto e a pregiudizio dell’interesse obiettivo dell’ordinamento e di ciascuna delle parti a un giudizio equo celebrato in tempi ragionevoli).

Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza 15 novembre – 2 dicembre 2016, n. 51567

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza in data 18.12.2015, la Corte di appello di Firenze confermava la sentenza del Tribunale di Pisa del 19.2.2013, con la quale D.N. era stato riconosciuto colpevole del reato di cui all’art. 707 cod. pen. e condannato alla pena ritenuta di giustizia.
1.1. La Corte territoriale respingeva le censure mosse con l’atto d’appello, in punto di riconoscimento della responsabilità dell’imputato ed in punto di trattamento sanzionatorio con riguardo alla mancata concessione delle attenuanti generiche.
2. Avverso tale sentenza propone ricorso l’imputato, per mezzo del suo difensore di fiducia, sollevando i seguenti motivi di gravame:
2.1. violazione di legge, ai sensi dell’art. 606 comma 1 lett. c) in relazione all’art. 108 cod. proc. pen., per essere nulla l’ordinanza con la quale è stato concesso al difensore di ufficio un termine a difesa inferiore alle 24 ore.
2.2. violazione di legge, ai sensi dell’art. 606 comma 1 lett. c) in relazione
all’art. 108 cod. proc. pen., per essere nulla la sentenza per nullità derivata derivante dalla inadeguatezza del termine a difesa concesso.

Considerato in diritto

Il ricorso deve essere accolto.
1. In relazione al primo motivo di ricorso, relativo alla mancata concessione
del termine previsto dall’art. 108 cod.proc.pen., si evince dal verbale dell’udienza in data 18.12.2015 della Corte di appello di Firenze che, per l’imputato D.N. , sino a quel momento difeso dall’avvocato di fiducia Nicola Gribaldi, si presentava l’avv. Marco Meoli, depositando atto di
nomina a difensore, risalente al giorno precedente, con revoca di ogni altro patrocinio; alla richiesta del termine a difesa, attesa la rappresentata impossibilità di adeguata preparazione della stessa, il collegio di appello rispondeva concedendo un differimento di circa 40 minuti della trattazione effettiva del caso, attesa la non complessità del procedimento. L’avv. Meoli, pur dando corso al mandato ricevuto, eccepiva immediatamente la violazione delle garanzie difensive.
2. Osserva questo Collegio che l’art. 108 cod. proc. pen. prevede la concessione di un congruo termine a difesa, con riferimento alle situazioni di difensore nominato d’ufficio o di fiducia in sostituzione del precedente nei casi di "rinunzia, revoca o incompatibilità". La prescrizione non è espressamente accompagnata da una specifica sanzione di nullità in caso di sua violazione; ciò non di meno, l’eventuale violazione determina, secondo orientamenti consolidati, una nullità a regime intermedio in forza della norma generale posta dall’art. 178, comma 1, lett. c), cod. proc. pen., in quanto incide sull’assistenza dell’imputato. Nel caso di specie, la relativa eccezione risulta tempestivamente sollevata.
Secondo gli insegnamenti delle SS.UU. di questa corte, cui il Collegio intende aderire (cfr. Sez. U, n. 155 del 29/09/2011, Rv. 251497), deve ritenersi che il diniego di termini a difesa, ovvero la concessione di termini ridotti rispetto a quelli previsti dall’art. 108, comma primo, cod. proc. pen., non integrino nullità qualora la relativa richiesta non risponda ad alcuna reale esigenza difensiva, bensì ci si trovi in presenza di un c.d. abuso delle facoltà processuali (per tale intendendosi l’utilizzo arbitrario di strumenti giuridici, tale da trasmodare in patologia processuale, dunque in abuso, in mero strumento di paralisi o di ritardo avente come scopo non la difesa nel processo, ma dal processo; ciò in contrasto e a pregiudizio dell’interesse obiettivo dell’ordinamento e di ciascuna delle parti a un giudizio equo celebrato in tempi ragionevoli).
Al di fuori di tali eccezionali casi, invece, il presidio garantista del termine a difesa, previsto dalla norma in questione, non pare invero revocabile in dubbio.
Nella vicenda di specie, a fronte di una nomina a difensore risalente ad un giorno prima dell’udienza (con le comprensibili esigenze di preparazione della difesa che comporta), nessuna strategia diretta ad abusare del processo è stata rilevata dalla Corte di appello, limitatasi ad assegnare un termine difforme dal dettato legislativo, palesemente del tutto incongruo rispetto alla adeguata preparazione di qualsiasi difesa, con il semplice richiamo alla non complessità del procedimento, per giunta in assenza di esplicitate ragione di urgenza (né all’epoca del giudizio di secondo grado la prescrizione poteva certo dirsi imminente).
3. Neppure la prevista ultrattività del precedente mandato difensivo (desumibile dal tenore dei commi 2 e 3 dell’art. 107 cod.proc.pen.) può rilevare nella fattispecie, attesa l’assenza del vecchio difensore fiduciario e la mancata nomina di sostituti dello stesso.
4. Dalle considerazioni che precedono deriva la nullità dell’ordinanza
dibattimentale che ha concesso al difensore di fiducia un termine non congruo per la preparazione del processo, oltre alla nullità derivata della sentenza impugnata; a tali dichiarazioni consegue il rinvio del processo ad altra sezione della Corte di appello di Firenze per nuovo giudizio.

P.Q.M.

annulla la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Firenze per nuovo giudizio.

 

Recenti Pubblicazioni

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale

Querela, denuncia, esposto, referto: un pò di chiarezza

Spesso i termini "esposto", "querela", "denuncia" vengono utilizzati come sinoinimi. Tecnicamente peraltro indicano atti completamente diversi per struttura e per scopo.

Drogato alla guida? No ad accertamenti espolorativi (Cass. 12197/17)

Per poter sottoporre un conducente ad accertamenti clinici, è necessario (quantomeno) un ragionevole motivo che lasci ritenere uno stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti: dato che non basta una manvora sospetta, è illegittimio l’ordine degli organi di polizia, e quindi il rifiuto non è sanzionabile.

Accesso abusivo a sistema informatico (Cass. 12264/17)

L'accesso abusivo a sistema informatico si configura anche se il delitto previsto dall’art. 615 ter, comma 2, n. 1 cod. pen., sia integrato anche dalla condotta del pubblico ufficiale o dell’incaricato di pubblico servizio che, pur formalmente autorizzato all’accesso ad un sistema informatico o telematico, ponga in essere una condotta che concreti uno sviamento di potere, in quanto mirante al raggiungimento di un fine non istituzionale, e se, quindi, detta condotta, pur in assenza di violazione di specifiche disposizioni regolamentari ed organizzative, possa integrare l’abuso dei poteri o la violazione dei doveri previsti dall’art. 615 ter, comma secondo, n. 1, cod. pen.

Risarcimento ai parenti: non basta essere amici su Facebook (Cass. 11428/17)

Ai congiunti della persona che ha subito lesioni spetta anche il risarcimento del danno morale concretamente accertato, in relazione ad una particolare situazione affettiva intercorrente con la vittima: ciò che rileva non è tnto la convivenza, ma uno "stabile legame tra due persone", connotato da duratura e significativa comunanza di vita e di affetti (non basta essere amici su Facebook).

Come recuperare il reddito perso a seguito di incidente? (Cass. 5786/17)

In caso di incapacità lavorativa, grava sul danneggiato l’asseverazione, anche tramite elementi di natura presuntiva, del pregresso concreto svolgimento di una attività economica o del possesso di una qualificazione professionale acquisita e non ancora esercitata compromessi, nella loro effettiva realizzabilità, dall’evento lesivo: indefettibile presupposto, in punto di an debeteatur, per la ristorabilità della perdita patrimoniale patita, liquidabile poi, in difetto di una precisa dimostrazione del reddito non conseguibile, in base al parametro, costituente soglia minima di risarcimento, del triplo della pensione sociale