15 May 2013

Misure di sicurezza e tutela della salute per lo studio legale

Nicola Canestrini

Taggato: misure di sicurezza, tutela della salute, TU sicurezza, d.lgs. 81/2008

Gli Studi legali, come ogni altro diverso tipo di studio professionale, operano normalmente all’interno di strutture confinate e sicure come gli uffici e come tali da considerarsi come ambienti di lavoro con tipologie rischio per sicurezza e salute limitati: per questa ragione anche gli avvocati sono soggetti al Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. n. 81/2008).

Il Testo Unico sulla Sicurezza si compone di 306 articoli suddivisi in 13 titoli, oltre che di 51 allegati tecnici.

A parte le statuizioni di principio che aprono il T.U., da considerarsi valevoli per tutti i settori in cui si esplica attività lavorativa, in linea generale i requisiti di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro specificatamente valevoli per lo Studio legale sono quelli di cui alla sezione I, Art. 15 del D.Lgs. n. 81/2008, elencabili nei seguenti accorgimenti e principali misure che occorre obbligatoriamente adottare (1):

1. Valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza

2. Programmazione della prevenzione

3. Eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze  acquisite in base al progresso tecnico

4. Rispetto dei principi ergonomici nell’organizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella  scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo

5. Riduzione dei rischi alla fonte; sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso;  limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio

6. Priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale

7. Controllo sanitario dei lavoratori

8. Informazione e formazione adeguate per i lavoratori, i dirigenti, i preposti e per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

9. Istruzioni adeguate ai lavoratori, partecipazione e consultazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti

10. Programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso l’adozione di codici di condotta e di buone prassi

11. Misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato

12. Uso di segnali di avvertimento e di sicurezza

13. Regolare manutenzione degli ambienti e delle attrezzature.

 

(1) Fonte: "Corso Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro", a cura di Andrea Baldin, Professione Avvocato, 3 - 4 - 5 -6 /2010; www.24oreavvocato.ilsole24ore.com.

Recenti Pubblicazioni

Non esiste un diritto all'arma (CdS, 4334/17)

L'autorizzazione al possesso e al porto delle armi non integra un diritto all’arma, ma costituisce, infatti, il frutto di una valutazione discrezionale nella quale confluiscono sia la mancanza di requisiti negativi, sia la sussistenza di specifiche ragioni positive,

Rifiuto di farsi identificare (Cass., 42808/17)

Il rifiuto di consegnare il documento di riconoscimento al pubblico ufficiale integra il reato di cui agli artt. 4 T.U.L.P.S. e 294 del relativo regolamento, non già il rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale, sanzionato invece dall'art. 651 c.p.: peraltro, la norma richiede che il pubblico ufficiale eserciti in concreto le pubbliche funzione al momento della richiesta. 

Rifiuta alcoltest: non c'è reato (Cass. 42255/17)

Non è punibile per speciale tenuità del fatto chi si rifiuta di sottoporsi ad alcoltest ma in concreto non ha recato pregiudizio effettivo alla circolazione e alla incolumità degli utenti della strada.

Cestinare file pedopornografici non basta (Cass. 39458/17)

La presenza di files di natura pedopornografica nel cestino costituisce segno della detenzione consapevole dei medesimi files, con conseguente sussistenza del reato. 

Testimoni trattenuti in caserma: è sequestro di persona (Cass. 36885717)

I pubblici ufficiali che trattengono una persona in caserma con la finalità di raccogliere le loro deposizioni rispondono di sequestro di persona aggravato dall'abuso di potere (art. 605, co. 2, n. 2, c.p.) e non di arresto illegale (art. 606 c.p.): si tratta in particolare di alcuni militari della Guardia di Finanza, riconosciuti colpevoli del reato di sequestro di persona aggravato dall’abuso di potere in quanto pubblici ufficiali, per aver trattenuti indebitamente in caserma per circa 12 ore alcune persone non per trarle in arresto, ma in attesa di essere sentite come testimoni nell’ambito di una vicenda che aveva visto coinvolti, stavolta come persone offese, alcuni finanzieri.

Ti sposi solo per l'eredita' .. è diffamazione (Cass. 31434/17)

Insinuare che ci si è sposati per acquisire lo status di vedova, allo stato di ereditare in beni, e quindi per interesse, è diffamazione.