Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Valutazione diretta delle prove necessaria in caso di overturning (Corte Edu, Sigurdorsson, 2019)

16 Luglio 2019, Corte Europea per i diritti dell'Uomo
difensore tribunale orocesso testimone lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Il fatto che una corte d'appello abbia il potere di ribaltare un'assoluzione da parte di un tribunale inferiore senza convocare l'imputato e senza sentire quest'ultimo o i testimoni di persona non viola, in quanto tale e da sola, le garanzie del giusto processo di cui all'articolo 6 § 1: ma se la corte d'appello è competente ad esaminare nuovamente questioni di fatto sia per quanto riguarda la questione della colpevolezza che per quanto riguarda la condanna, o entrambe, il diritto ad un processo equo ai sensi dell'articolo 6 § 1, può, a seconda delle particolari circostanze del caso, impedire alla corte d'appello di condannare un imputato che è già stato assolto dalla corte inferiore.

La giurisprudenza della Corte in materia, se considerata nel suo insieme e nel suo contesto, distingue tra situazioni in cui una corte d'appello che ha annullato un'assoluzione senza sentire essa stessa le prove orali su cui si basava l'assoluzione non solo era competente a esaminare punti di fatto e punti di diritto, ma ha effettivamente proceduto a una nuova valutazione dei fatti, e situazioni in cui la corte d'appello era in disaccordo con la corte inferiore solo sull'interpretazione della legge e/o sulla sua applicazione ai fatti accertati, anche se era competente anche per i fatti.

 

Corte Europea per i diritti dell''Uomo

SECONDA SEZIONE

CASO DI JÚLÍUS ÞÓR SIGURÞÓRSSON c. ISLANDA

(Applicazione n. 38797/17)

SENTENZA

STRASBURGO

16 luglio 2019


FINALE

16/10/2019

Questa sentenza è diventata definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Júlíus Þór Sigurþórsson c. Islanda,

La Corte europea dei diritti dell'uomo (Seconda Sezione), riunita in sezione composta da:
Marko Bošnjak, presidente,
Robert Spano,
Julia Laffranque,
Valeriu Griţco,
Egidijus Kūris,
Ivana Jelić,
Arnfinn Bårdsen, giudici,
e Stanley Naismith, cancelliere di sezione,
avendo deliberato in privato l'11 giugno 2019,
pronuncia la seguente sentenza, adottata in tale data:

PROCEDURA

1. La causa ha avuto origine da un ricorso (n. 38797/17) contro la Repubblica d'Islanda presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino islandese, Júlíus Þór Sigurþórsson ("il ricorrente"), il 26 maggio 2017.

2. Il ricorrente era rappresentato dal signor Bragi Björnsson, un avvocato che esercita a Reykjavík. Il governo islandese ("il governo") era rappresentato dal suo agente, il signor Einar Karl Hallvarðsson, procuratore generale dello Stato.

3. Il ricorrente si lamentava in particolare del fatto che, dopo essere stato assolto in primo grado, era stato condannato dalla Corte Suprema senza che questa riesaminasse le prove orali degli imputati e dei testimoni sulla base delle quali era stato assolto. Egli ha invocato l'articolo 6 § 1 della Convenzione.

4. Il 18 aprile 2018 è stato notificato al Governo il suddetto reclamo e il resto del ricorso è stato dichiarato irricevibile ai sensi dell'articolo 54 § 3 del Regolamento della Corte.

I FATTI

I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO

5. Il ricorrente è nato nel 1962 e vive a Kópavogur.
6. All'epoca dei fatti, il ricorrente era responsabile degli articoli di ferramenta nel reparto vendite di legname di una società di ferramenta, Húsasmiðjan. Nel 2014, a seguito di un'indagine di polizia, l'ufficio del procuratore speciale ha emesso un atto d'accusa contro il ricorrente e altri dodici dipendenti di Húsasmiðjan e di altre due società di ferramenta, Byko e Úlfurinn Lagersala, accusandoli di collusione criminale sui prezzi. L'atto d'accusa affermava che i presunti reati erano stati commessi principalmente tramite comunicazioni telefoniche e via e-mail. Durante le indagini, il tribunale distrettuale di Reykjanes aveva autorizzato l'intercettazione e la registrazione delle chiamate effettuate utilizzando alcuni numeri di telefono registrati dalle tre società. L'accusa contro il ricorrente si basava sulla sua ricezione di una telefonata da parte di B., dipendente della Byko, il 28 febbraio 2011, in cui si sarebbero incoraggiati a vicenda a commettere una collusione criminale sui prezzi.
7. Nel corso del procedimento presso il Tribunale distrettuale l'accusa ha presentato informazioni sulle telefonate, nonché registrazioni di alcune di esse, nonché e-mail e altre prove documentali, riguardanti in particolare scambi di informazioni sui prezzi. Il tribunale distrettuale ha archiviato il caso contro uno degli accusati; gli altri si sono dichiarati non colpevoli. Durante il processo hanno fatto dichiarazioni orali davanti alla corte in presenza degli altri co-accusati, indipendentemente dal fatto che questi ultimi avessero già testimoniato. Sono stati interrogati dai loro avvocati difensori e dai procuratori, oltre ad essere interrogati dai giudici. Numerosi testimoni, sia dell'accusa che della difesa, hanno deposto in presenza degli imputati. La principale difesa del ricorrente fu che aveva ricevuto una chiamata inaspettata alla quale non sapeva come rispondere e che non aveva fatto alcun tipo di accordo con B.; aveva immediatamente riferito la chiamata al suo supervisore e qualsiasi informazione data nella chiamata non aveva influenzato e non avrebbe potuto influenzare il suo lavoro a Húsasmiðjan.
8. Con una sentenza del 9 aprile 2015 il tribunale distrettuale ha assolto il ricorrente dalla collusione criminale sui prezzi e dall'istigazione a tale collusione, ma ha condannato uno dei coimputati per tali reati; i restanti dieci coimputati sono stati assolti da tutte le accuse. Per quanto riguarda il ricorrente, la corte ha accettato la sua testimonianza, che ha ritenuto sostenuta da quella di un coimputato e di uno dei testimoni, e ha ritenuto che "non era stato dimostrato che, nonostante la sua negligenza nel non terminare immediatamente la telefonata in questione, non sapeva cosa aspettarsi o che avrebbe potuto reagire alla chiamata in modo diverso da come ha fatto" ("Telur dómurinn því ósannað að, þrátt fyrir gáleysi ákærða um að slíta ekki samtalinu strax, að hann hafi ekki vitað á hverju hann átti von né hafa getað brugðist við símtalinu á annan hátt en hann gerði. "). Inoltre, la sua decisione di avvisare immediatamente i suoi superiori lasciava intendere che non aveva voluto partecipare agli accordi proposti da B. Il tribunale ha concluso che il requisito soggettivo della negligenza non era soddisfatto a causa del modo in cui il ricorrente aveva reagito alla telefonata.
9. L'accusa fece ricorso alla Corte Suprema contro l'assoluzione del ricorrente e di alcuni degli altri co-accusati e presentò tutte le prove tangibili che erano state davanti alla Corte Distrettuale, così come una trascrizione completa delle dichiarazioni degli accusati e dei testimoni nel procedimento davanti alla Corte Distrettuale.
10. Nel procedimento davanti alla Corte Suprema gli imputati e i testimoni non sono stati ascoltati di nuovo. Gli imputati hanno presentato osservazioni scritte e i loro rappresentanti hanno fatto presentazioni orali in un'udienza pubblica davanti alla Corte Suprema. Nella sentenza del 1° dicembre 2016, la Corte suprema ha confermato l'assoluzione di due imputati e la condanna di uno, ma ha ribaltato l'assoluzione del ricorrente e di altri sette imputati, condannandoli per la violazione dell'articolo 41 bis (1) e (2), punto a della legge sulla concorrenza n. 44/2005, insieme all'articolo 10 della stessa legge (cfr. paragrafo 13 di seguito). Il ricorrente è stato condannato a una pena sospesa di 9 mesi di reclusione. La Corte Suprema, con riferimento all'articolo 114 (2) secondo punto della legge sulla procedura penale (si veda il paragrafo 12, di seguito), ha criticato il fatto che la Corte distrettuale aveva permesso agli imputati di essere presenti mentre i loro co-accusati stavano facendo le loro dichiarazioni orali, indipendentemente dal fatto che essi stessi dovessero ancora fare una dichiarazione. Ha ritenuto che, poiché la condotta di cui gli imputati erano accusati era simile e significativamente radicata nelle stesse circostanze, era importante ("ritenuto urgente") impedire loro di ascoltare le dichiarazioni dei loro co-accusati fino a dopo che essi stessi avessero reso la prova. La Corte Suprema ha anche criticato la mancata distinzione tra gli imputati come accusati e come testimoni, nonostante il diverso status giuridico, avendo alcuni imputati rilasciato dichiarazioni in merito alle accuse contro di loro e avendo poi ottenuto lo status di testimone quando hanno rilasciato dichiarazioni su altre accuse nell'atto d'accusa. Sulla base di queste considerazioni, la Corte Suprema ha concluso che il metodo seguito per ascoltare le dichiarazioni degli imputati era "non ultimo improprio per il fatto che diminuisce notevolmente il valore probatorio delle loro testimonianze in tribunale".
11. La Corte Suprema ha ritenuto provato, sulla base delle prove presentate nel caso, che Byko aveva inizialmente chiesto informazioni telefoniche sui prezzi a Húsasmiðjan. L'interazione si era sviluppata da unilaterale a reciproca, poiché le due persone si scambiavano informazioni sui prezzi delle società per lo stesso tipo di articoli o per articoli comparabili, e lo scopo delle informazioni era ovviamente quello di ottenere un quadro più chiaro dei prezzi della concorrenza rispetto a quello che ciascuna società avrebbe potuto avere esaminando i prezzi solo con i metodi a disposizione dei clienti. Si è ritenuto che l'interazione frequente e regolare comportasse misure concertate con l'obiettivo di falsare la concorrenza tra le società. Per quanto riguarda il ricorrente in particolare, la Corte Suprema ha ritenuto che nella conversazione telefonica tra lui e B. del 28 febbraio 2011 entrambi avevano intenzionalmente e gravemente violato l'articolo 41a (1) e (2), punto a della legge sulla concorrenza, in quanto era fuori dubbio che durante tale conversazione si erano incoraggiati a vicenda a mantenere alti i prezzi degli articoli di ferramenta, anche quando facevano offerte.
II. DIRITTO INTERNO PERTINENTE

12. Le disposizioni pertinenti della legge sulla procedura penale (legge n. 88/2008, Lög um meðferð sakamála) all'epoca dei fatti erano le seguenti:
Sezione 114

"...

I testimoni dello stesso caso non possono ascoltare l'imputato che rilascia la sua dichiarazione. Il giudice può inoltre decidere che lo stesso valga per altri imputati se la ragione lo rende opportuno.

..."

Sezione 196

"Con i limiti derivanti da altre disposizioni della presente legge, l'appello contro una sentenza del tribunale distrettuale è possibile alla Corte Suprema per ottenere

a. un riesame della determinazione delle sanzioni;

b. un riesame delle conclusioni basate sull'interpretazione o l'applicazione di norme di legge;

c. un riesame delle conclusioni basate sulla valutazione del valore probatorio della documentazione diversa dalle dichiarazioni orali davanti alla Corte Distrettuale;

d. annullamento della sentenza e rinvio del caso;

e. l'archiviazione del caso da parte del tribunale distrettuale.

Quando una sentenza viene impugnata, si può anche chiedere un riesame delle sentenze e delle decisioni prese durante il procedimento giudiziario davanti alla Corte distrettuale.

..."

Sezione 208

"...

La Corte Suprema non può rivalutare la conclusione di una Corte Distrettuale sul valore probatorio della testimonianza orale, a meno che il testimone in questione o l'imputato non abbiano rilasciato dichiarazioni orali davanti alla Corte Suprema.

Se la Corte Suprema ritiene che la conclusione di una Corte Distrettuale sul valore probatorio della testimonianza orale in tribunale possa essere errata in modo da influenzare materialmente l'esito del caso, e i testimoni o l'imputato in questione non hanno reso una testimonianza orale davanti alla Corte Suprema, la Corte Suprema può annullare la sentenza della Corte Distrettuale così come la sua procedura nella misura necessaria affinché la testimonianza orale sia resa davanti alla Corte Distrettuale, e affinché il caso sia risolto nuovamente. Se una sentenza della Corte Distrettuale viene annullata in questo modo, tre giudici si occuperanno del caso in un nuovo processo davanti alla Corte Distrettuale e non potranno essere gli stessi giudici che hanno trattato il caso in precedenza".

13. Secondo il Criminal Procedures Act, i procedimenti giudiziari possono essere riaperti a determinate condizioni. L'articolo 228 della legge stabilisce che quando una sentenza della Corte distrettuale non è stata impugnata o il termine per l'appello è scaduto, la commissione per la riapertura dei procedimenti giudiziari può approvare la richiesta di una persona che ritiene di essere stata ingiustamente condannata o condannata per un reato più grave di quello che ha commesso, di riaprire il procedimento giudiziario davanti alla Corte distrettuale, se sono soddisfatte alcune condizioni. Le condizioni sono, tra l'altro, che ci siano stati gravi difetti nel trattamento del caso che hanno influenzato la sua conclusione (punto d). Il Procuratore di Stato può chiedere una riapertura a vantaggio del condannato se ritiene che le condizioni del paragrafo 1 dell'articolo 228 della legge siano soddisfatte. In conformità con l'articolo 229 della legge, la richiesta di riapertura deve essere scritta e inviata alla Commissione per la riapertura dei procedimenti giudiziari. Essa deve includere una motivazione dettagliata su come si ritiene che le condizioni per la riapertura siano soddisfatte. Secondo l'articolo 231 della legge, il Comitato per la riapertura dei procedimenti giudiziari decide se il procedimento sarà riaperto. Se una richiesta di riapertura viene approvata, la prima sentenza rimane in vigore fino a quando non viene emessa una nuova sentenza nel caso. L'articolo 232 della legge stabilisce che il Comitato per la riapertura dei procedimenti giudiziari può accettare una richiesta di riapertura di un caso che è stato deciso in via definitiva dalla Corte d'appello o dalla Corte suprema e una nuova sentenza sarà emessa se le condizioni dell'articolo 228 sono soddisfatte.

14. Le disposizioni pertinenti della legge sulla concorrenza, n. 44/2005, sono le seguenti:

Sezione 10

"È vietato qualsiasi accordo o risoluzione tra imprese, sia vincolante che orientativo, nonché le pratiche concordate che abbiano per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare la concorrenza. Questo divieto comprende tutti gli accordi, le risoluzioni e le pratiche concordate che:

a. influenzino direttamente o indirettamente prezzi, sconti, margini o qualsiasi altra condizione commerciale;

b. limitano o controllano la produzione, i mercati, lo sviluppo tecnico o gli investimenti

c. dividano i mercati o le fonti di approvvigionamento

d. applicare condizioni dissimili a transazioni equivalenti con altre parti commerciali, ponendole così in una situazione di svantaggio competitivo;

e. subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte delle altre parti di obblighi supplementari che, per loro natura e secondo gli usi commerciali, non hanno alcuna relazione con l'oggetto di tali contratti."

Sezione 41a

"Qualsiasi dipendente o amministratore di un'impresa o di un'associazione di imprese che attui, inciti o dia istruzioni in merito a collusioni che violino le sezioni 10 e/o 12 e che riguardino le questioni specificate nei paragrafi 2 e 3, è soggetto a multe o a reclusione fino a sei anni.

2. Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano alle seguenti violazioni delle sezioni 10 o 12 da parte di imprese o associazioni di imprese che operano nella stessa fase di vendita

a. collusione su prezzi, sconti, margini o altre condizioni commerciali;

b. collusione sulla restrizione o il controllo dell'approvvigionamento, della produzione, dei mercati o delle vendite;

c. collusione sulla ripartizione delle fonti di approvvigionamento o dei mercati, ad esempio per regione o per cliente

d. collusione sulla preparazione delle offerte;

e. la collusione per evitare affari con determinate imprese o consumatori;

f. fornitura di informazioni sulle questioni di cui alle lettere da a) a e).

La disposizione del paragrafo 1 si applica anche alla collusione tra imprese che ha lo scopo di evitare l'inizio della concorrenza tra imprese.

In questa sezione la collusione si riferisce ad accordi, delibere, decisioni o pratiche concordate di imprese o associazioni di imprese.

La sospensione della licenza ai sensi dell'articolo 68 del codice penale, e la confisca dei beni ai sensi dell'articolo 69 del codice, possono essere giudicate in procedimenti che hanno la loro origine in violazioni degli articoli 10, 12 e 41b della presente legge.

Il tentativo di commettere o la partecipazione a violazioni ai sensi della presente sezione è soggetto alle sanzioni previste dal codice penale".

LA LEGGE

I. PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE

15. Il ricorrente lamentava che dopo essere stato assolto in primo grado, la Corte suprema lo aveva condannato senza rivedere le prove orali. Egli sosteneva che ciò lo aveva privato di un processo equo. Egli ha invocato l'articolo 6 § 1 della Convenzione, che recita come segue:

"Nella determinazione di ... ogni accusa penale contro di lui, ogni persona ha diritto a un'equa ... udienza ..."

16. Il governo ha contestato questa argomentazione.

A. Ammissibilità

17. La Corte ritiene che il reclamo non sia manifestamente infondato ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Rileva inoltre che non è irricevibile per altri motivi. Deve pertanto essere dichiarato ricevibile.

B. Merito

1. Gli argomenti delle parti

18. Secondo il ricorrente, ignorare la testimonianza che la Corte distrettuale aveva ritenuto credibile, portando alla sua assoluzione, doveva essere considerato un riesame del valore probatorio della testimonianza, e ne doveva seguire che la Corte suprema non aveva ritenuto credibile la testimonianza. Se avesse accettato che la testimonianza fosse credibile non avrebbe potuto condannarlo.

19. Il ricorrente ammetteva che era necessario valutare l'equità del procedimento nel suo complesso, ma non era d'accordo sul fatto che avesse avuto un processo equo in tutte le fasi, come sostenuto dal governo. In particolare, il suo diritto di rendere una testimonianza orale, considerata credibile dalla Corte distrettuale, non aveva alcun valore se la Corte suprema poteva ignorarla completamente senza ascoltarla. Per quanto riguarda l'affermazione del Governo che non aveva chiesto l'assunzione di prove orali da parte della Corte Suprema, il ricorrente sosteneva che non si poteva fare alcuna richiesta del genere, in quanto spettava alla Corte Suprema stessa decidere, e aggiungeva che in ogni caso non vi era stata alcuna ragione per tale richiesta, in quanto era stato assolto in primo grado.

20. Il ricorrente riteneva che nel constatare che il valore della testimonianza orale era stato "significativamente sminuito" a causa del metodo seguito, la Corte Suprema aveva "buttato via" tale testimonianza, con la conseguenza che tutti i chiarimenti e le spiegazioni fornite dagli imputati, ritenuti credibili dalla Corte distrettuale, erano stati ignorati. Per il ricorrente, ciò aveva comportato una rivalutazione della credibilità della testimonianza orale.
21. Per quanto riguarda l'affermazione del Governo che la Corte Suprema critica abitualmente le decisioni procedurali dei tribunali distrettuali senza che l'esito della causa ne risenta, la ricorrente ha osservato che nei casi citati dal Governo la Corte Suprema aveva chiaramente affermato che l'esito della causa non ne risentiva, cosa che non aveva fatto nel presente caso; al contrario, aveva chiaramente affermato che la procedura seguita aveva significativamente diminuito il valore probatorio della testimonianza. Inoltre, aveva ritenuto "urgente" seguire una procedura diversa per evitare che gli imputati sentissero l'uno la testimonianza dell'altro, il che dimostrava che non si trattava di una semplice critica di routine. Secondo il ricorrente, attribuendo un valore probatorio significativamente diminuito alla testimonianza degli imputati, la Corte suprema ne aveva rivalutato il valore probatorio.

22. Il ricorrente ha inoltre contestato la posizione del governo secondo cui la sua condanna si era basata unicamente sulla valutazione delle prove tangibili. Egli sosteneva che, poiché lo scambio di informazioni sui prezzi disponibili al pubblico non era di per sé una violazione del diritto della concorrenza, le prove documentali tangibili non erano sufficienti a stabilire una violazione di tale diritto; l'"obiettivo" e lo "scopo" dello scambio di informazioni non erano indicati da nessuna parte nelle prove tangibili, e le conclusioni della Corte Suprema a tale riguardo erano contrarie alla testimonianza orale di tutti gli imputati. La Corte Distrettuale aveva ritenuto credibili le spiegazioni fornite, ma la Corte Suprema non aveva fatto alcun riferimento a tali spiegazioni, citando solo i tabulati telefonici.

23. Il ricorrente riteneva che il caso fosse sostanzialmente simile a Botten c. Norvegia, 19 febbraio 1996, § 39, Reports of Judgments and Decisions 1996-I, e Zahirović c. Croazia, no. 58590/11, 25 aprile 2013. In particolare, la procedura seguita in Botten era in tutti gli aspetti materiali paragonabile a quella del presente caso, e sebbene vi fossero differenze nei poteri delle rispettive Corti supreme, il ragionamento della Corte nel constatare una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione in Botten si applicava a fortiori al suo caso.

24. Il Governo sosteneva che la Corte suprema non aveva rivalutato, in tutto o in parte, il valore probatorio delle testimonianze rese davanti alla Corte distrettuale.

25. Per quanto riguarda il suggerimento del ricorrente che la Corte suprema avesse avuto l'obbligo, ai sensi dell'articolo 208(2) della legge sulla procedura penale, di convocarlo a testimoniare prima di ribaltare la sua assoluzione, il governo ha ricordato che spetta in primo luogo ai tribunali nazionali interpretare le disposizioni del diritto interno e che l'interpretazione della Corte suprema non poteva essere messa in discussione a meno che non potesse essere ritenuta arbitraria o manifestamente irragionevole. Il Governo riteneva che l'interpretazione della legge da parte della Corte Suprema nel caso di specie non potesse essere considerata tale.

25. Quanto alla presunta violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, il Governo sottolineava che il compito della Corte era quello di valutare se il procedimento nel suo complesso fosse stato equo. Hanno ricordato che, secondo la giurisprudenza della Corte, le modalità di applicazione dell'articolo 6 ai procedimenti dinanzi alle corti d'appello dipendono dalle caratteristiche particolari del procedimento. Sostenevano che il ricorrente aveva goduto di un processo equo in tutte le fasi del procedimento: aveva goduto di piena uguaglianza con l'accusa per quanto riguarda la presentazione di prove scritte e nessuna limitazione era stata imposta al suo diritto di chiamare i testimoni in prima istanza, e aveva avuto ogni possibilità di reagire a qualsiasi prova presentata dall'accusa. Il tribunale distrettuale aveva tenuto un'udienza completa in cui erano stati ascoltati l'accusa e la difesa, nonché il ricorrente stesso, i coaccusati e tutti i testimoni chiamati dalla difesa. L'equità di questi procedimenti non è stata inoltre contestata o messa in discussione e queste considerazioni dovevano essere prese in considerazione nella più ampia valutazione dell'equità del procedimento considerato nel suo insieme. Inoltre, un'udienza orale era stata ascoltata davanti alla Corte Suprema, in cui il ricorrente aveva avuto una rappresentanza legale completa e sia l'accusa che la difesa erano state ascoltate.

26. Il Governo ha osservato che secondo la giurisprudenza della Corte, quando una corte d'appello ha piena competenza per esaminare punti sia di diritto che di fatto, l'articolo 6 § 1 non richiede sempre un'udienza pubblica o, se si tiene un'udienza, un diritto ad essere presenti di persona. Aggiungevano che né il ricorrente né il suo avvocato avevano chiesto che il ricorrente, il co-accusato o i testimoni dovessero testimoniare davanti alla Corte Suprema. Hanno notato che ai sensi dell'articolo 196 (1) della legge sulla procedura penale, la Corte Suprema aveva piena giurisdizione per esaminare le questioni di fatto e di diritto, compreso il valore probatorio delle prove documentali diverse dalle testimonianze orali rese davanti a un tribunale distrettuale. Ne seguiva che la Corte Suprema non rivalutava le testimonianze orali, a meno che l'imputato o il testimone in questione non avesse rilasciato dichiarazioni orali davanti alla Corte Suprema stessa. Di regola, la Corte Suprema, agendo come seconda e ultima istanza, non ascoltava di nuovo l'intero caso, ma si basava sulla valutazione della Corte Distrettuale del valore probatorio delle testimonianze orali rese davanti a quest'ultima.

27. Per quanto riguarda la constatazione della Corte Suprema che il valore probatorio delle testimonianze orali nel caso di specie era stato significativamente diminuito, il Governo ritiene che quando il paragrafo pertinente viene letto nel contesto è evidente che la Corte Suprema non aveva rivalutato il valore probatorio delle testimonianze. Infatti, aveva dichiarato nella sua sentenza che "non può rivalutare le conclusioni del giudice del tribunale distrettuale per quanto riguarda il valore probatorio di una testimonianza orale, a meno che il testimone o l'imputato in questione abbia testimoniato davanti alla Corte Suprema". La valutazione della colpevolezza del ricorrente si era quindi chiaramente basata su prove tangibili e non sulle testimonianze rese davanti alla Corte distrettuale. Il governo aggiunse a questo proposito che la critica della Corte Suprema aveva riguardato questioni procedurali, e che essa criticava abitualmente la procedura davanti ai tribunali distrettuali nel tentativo di educare, ma che tale critica poteva riguardare difetti che non erano sufficienti a richiedere l'annullamento della sentenza impugnata. Nel caso in questione, la critica era stata duplice: in primo luogo, riguardo al fatto che agli imputati era stato permesso di ascoltare la testimonianza dei coaccusati prima di testimoniare essi stessi, e in secondo luogo riguardo agli imputati che avevano rilasciato dichiarazioni prima come sospettati e poi come testimoni. Tuttavia, mentre la Corte Suprema aveva concluso che il valore probatorio delle testimonianze era stato significativamente diminuito, non aveva rivalutato il valore probatorio di tali testimonianze.

28. Il governo ha sottolineato che il ricorrente e i co-accusati erano stati accusati innanzitutto di collusione criminale sui prezzi tramite comunicazioni telefoniche e di posta elettronica. Di conseguenza, le prove che l'accusa aveva presentato durante il processo erano state informazioni sulle telefonate, compreso il momento in cui avevano avuto luogo e la loro durata, registrazioni audio di alcune di esse, e-mail e altre prove documentali. Di conseguenza, i tribunali avevano dovuto valutare quelle prove tangibili quando hanno deciso il caso, e a questo proposito la Corte Suprema - che poteva leggere e/o ascoltare quelle prove - non era stata vincolata dalla valutazione del loro valore da parte della Corte Distrettuale. La sua condanna del ricorrente e degli altri coaccusati si era basata su quelle prove, che la Corte Suprema aveva considerato sufficienti a stabilire la colpevolezza; laddove non esistevano tali prove, gli imputati erano stati assolti. Inoltre, la Corte Suprema non era stata vincolata dalle conclusioni della Corte Distrettuale nella misura in cui esse si basavano su un'errata interpretazione delle disposizioni pertinenti della legge sulla concorrenza.
29. 29. Il Governo distingueva il caso dai casi in cui la Corte aveva ritenuto che una corte d'appello non potesse rovesciare un'assoluzione da parte di un tribunale inferiore e pronunciare una sentenza di condanna dell'imputato senza una valutazione diretta delle testimonianze rese dall'imputato e dai testimoni in persona. Hanno considerato che quei casi avevano in comune il fatto che le testimonianze orali in questione erano le uniche e decisive prove su cui il giudice d'appello aveva basato la sua sentenza. Nel caso in questione, invece, le prove non si erano limitate alle testimonianze ma erano consistite nel materiale tangibile.

2. La valutazione della Corte

a) I principi generali

30. La Corte ribadisce che l'articolo 6 della Convenzione, pur garantendo il diritto a un processo equo, non stabilisce alcuna norma specifica sull'ammissibilità delle prove o sul modo in cui le prove devono essere valutate, che sono quindi principalmente questioni che devono essere regolate dalla legislazione nazionale e dai tribunali nazionali (si veda, tra le altre autorità, García Ruiz c. Spagna [GC], no. 30544/96, § 28, 21 gennaio 1999, Kashlev c. Estonia, no. 22574/08, § 40, 26 aprile 2016, e Lazu c. Repubblica di Moldavia, no. 46182/08, § 34, 5 luglio 2016). Non è compito della Corte occuparsi degli errori di fatto o di diritto che si presume siano stati commessi da un giudice nazionale, a meno che e nella misura in cui essi possano aver violato i diritti e le libertà tutelati dalla Convenzione. Nel determinare se il procedimento è stato equo, la Corte non agisce come un tribunale di quarta istanza che decide se le prove sono state ottenute illegalmente in termini di diritto interno, la loro ammissibilità o sulla colpevolezza di un richiedente. Queste questioni, in linea con il principio di sussidiarietà, sono di competenza dei tribunali nazionali. Non è appropriato che la Corte decida se le prove disponibili fossero sufficienti per la condanna di un richiedente e quindi sostituisca la propria valutazione dei fatti e delle prove a quella dei tribunali nazionali. L'unica preoccupazione della Corte è quella di esaminare se il procedimento è stato condotto in modo equo e che in un dato caso era compatibile con la Convenzione, tenendo conto anche delle circostanze specifiche, della natura e della complessità del caso (Murtazaliyeva c. Russia [GC], no. 36658/05, § 149, 18 dicembre 2018).

31. Per quanto riguarda la portata di questo caso, la Corte nota fin dall'inizio che il ricorrente ha lamentato, con riferimento al diritto generale a un processo equo di cui all'articolo 6 § 1 della Convenzione, che la Corte suprema aveva rivalutato le prove orali senza sentire né il ricorrente in persona né i testimoni. Per quanto riguarda questi ultimi, nessun riferimento è stato fatto al diritto di sentire i testimoni ai sensi dell'articolo 6 § 3 (d) della Convenzione. Il Governo ha inoltre incentrato le proprie argomentazioni sull'articolo 6 § 1. La Corte, da parte sua, non vede la necessità di esaminare d'ufficio alcuna parte della denuncia ai sensi dell'articolo 6 § 3(d), poiché il ricorso non riguarda il diritto di sentire i testimoni "alle stesse condizioni" dell'accusa, ma piuttosto la portata del diritto generale a un "equo processo" di cui all'articolo 6 § 1. Pertanto, la Corte ritiene che la denuncia possa essere adeguatamente trattata ai sensi di tale disposizione (si veda Sigurþór Arnarsson c. Islanda, no. 44671/98, § 29, 15 luglio 2003).

32. La Corte ribadisce che le modalità di applicazione dell'articolo 6 § 1 ai procedimenti dopo l'appello, comprese le corti supreme, dipendono dalle caratteristiche particolari dei procedimenti in questione; occorre tenere conto dell'intero sistema procedurale nell'ordinamento giuridico interno e del ruolo del giudice particolare in esso (si veda, tra l'altro, Botten c. Norvegia, sopra citata, § 39, Sigurþór Arnarsson c. Islanda, sopra citata, § 30, e Lazu c. Repubblica di Moldova, sopra citata, § 33). I procedimenti di rinuncia all'appello e i procedimenti che riguardano solo questioni di diritto, in contrapposizione alle questioni di fatto, possono soddisfare i requisiti dell'articolo 6 § 1, anche se il ricorrente non ha avuto la possibilità di essere ascoltato personalmente dalla corte d'appello.

33. Inoltre, anche se il giudice d'appello è competente ad esaminare sia le questioni di diritto che quelle di fatto, l'articolo 6 § 1 non sempre richiede un'udienza orale o, se un'udienza ha luogo, che all'imputato sia consentito di essere presente di persona e di rivolgersi direttamente al giudice (si veda, tra l'altro, Botten c. Norvegia, sopra citata, § 39, e Sigurþór Arnarsson c. Islanda, sopra citata, § 30). Può anche darsi che l'imputato abbia inequivocabilmente rinunciato al suo diritto di partecipare all'udienza d'appello (si veda, tra l'altro, Kashlev c. Estonia, sopra citata, § 51). Tuttavia, la Corte ha affermato che quando un giudice d'appello è chiamato ad esaminare un caso per quanto riguarda i fatti e il diritto e ad effettuare una valutazione completa della questione della colpevolezza o dell'innocenza del ricorrente, non può, per una questione di equo processo, determinare correttamente tali questioni senza una valutazione diretta delle prove fornite personalmente dall'imputato - che sostiene di non aver commesso l'atto che si presume costituisca un reato (si veda Constantinescu c. Romania, no. 28871/95, 27 giugno 2000, con riferimento a Ekbatani c. Svezia, 26 maggio 1988, § 32, serie A no. 134; vedi anche Dondarini c. San Marino, no. 50545/99, § 27, 6 luglio 2004). A tal fine, vi è uno stretto legame con la giurisprudenza consolidata della Corte secondo la quale nella determinazione di un'accusa penale, l'imputato dovrebbe, come regola generale, essere sentito dal tribunale che lo ha condannato (si veda, tra l'altro, Sándor Lajos Kiss c. Ungheria, no. 26958/05, § 22, 29 settembre 2009).

34. È vero, come sottolineato dal Governo, che la Corte ha affermato che il fatto che una corte d'appello abbia il potere di ribaltare un'assoluzione da parte di un tribunale inferiore senza convocare l'imputato e senza sentire quest'ultimo o i testimoni di persona non viola, in quanto tale e da sola, le garanzie del giusto processo di cui all'articolo 6 § 1 (si veda Botten c. Norvegia, sopra citata, § 48).

35. Tuttavia, la giurisprudenza della Corte dimostra anche, in linea con l'approccio generale della Corte già descritto (si veda il precedente paragrafo 33), che se la corte d'appello è competente ad esaminare nuovamente questioni di fatto sia per quanto riguarda la questione della colpevolezza che per quanto riguarda la condanna, o entrambe, il diritto ad un processo equo ai sensi dell'articolo 6 § 1, può, a seconda delle particolari circostanze del caso, impedire alla corte d'appello di condannare un imputato che è già stato assolto dalla corte inferiore. Tenendo conto della posta in gioco per l'imputato, la questione generale sarebbe se la corte d'appello possa, "per una questione di equo processo, esaminare adeguatamente le questioni da determinare senza una valutazione diretta delle prove" fornite dall'imputato o dal testimone in persona (si veda Botten c. Norvegia, sopra citata, § 52).

36. Inoltre, la giurisprudenza della Corte in materia, se considerata nel suo insieme e nel suo contesto, distingue tra situazioni in cui una corte d'appello che ha annullato un'assoluzione senza sentire essa stessa le prove orali su cui si basava l'assoluzione non solo era competente a esaminare punti di fatto e punti di diritto, ma ha effettivamente proceduto a una nuova valutazione dei fatti, e situazioni in cui la corte d'appello era in disaccordo con la corte inferiore solo sull'interpretazione della legge e/o sulla sua applicazione ai fatti accertati, anche se era competente anche per i fatti.

Ad esempio, nel caso di Igual Coll c. Spagna, no. 37496/04, § 36, 10 marzo 2008, la Corte ha considerato che la corte d'appello non aveva semplicemente dato una diversa interpretazione giuridica o un'altra applicazione della legge a fatti già stabiliti in primo grado, ma aveva effettuato una nuova valutazione dei fatti al di là delle considerazioni puramente giuridiche (si veda anche Spînu c. Romania, no. 32030/02, §§ 55-59, 29 aprile 2008, Andreescu c. Romania, no. 19452/02, §§ 65-70, 8 giugno 2010, Almenara Alvarez c. Spagna, no. 16096/08, 25 ottobre 2011). Analogamente, nella causa Marcos Barrios c. Spagna, n. 17122/07, §§ 40-41, 21 settembre 2010, la Corte ha ritenuto che la corte d'appello si fosse espressa su una questione di fatto, ossia la credibilità di un testimone, modificando così i fatti accertati in primo grado e prendendo una nuova posizione su fatti decisivi per la determinazione della colpevolezza del ricorrente (si veda anche García Hernández c. Spagna, n. 15256/07, §§ 33-34, 16 novembre 2010).

37. Al contrario, in Bazo González c. Spagna, no. 30643/04, 16 dicembre 2008, la Corte ha ritenuto che non vi fosse stata una violazione dell'articolo 6 § 1 per il fatto che gli aspetti che la corte d'appello era stata chiamata ad analizzare per condannare il ricorrente avevano avuto un carattere prevalentemente giuridico, e la sua sentenza aveva espressamente affermato che non spettava ad essa effettuare una nuova valutazione delle prove; piuttosto, aveva solo effettuato un'interpretazione giuridica diversa da quella della corte inferiore (contrasto Sigurþór Arnarsson c. Islanda, citata, § 34, e Mihaiu c. Romania, no. 43512/02, § 38, 4 novembre 2008, in cui la Corte ha sottolineato la natura prevalentemente fattuale delle questioni). Una conclusione simile è stata raggiunta in Keskinen e Veljekset Keskinen Oy c. Finlandia, no. 34721/09, 5 giugno 2012. Tuttavia, come spiegato dalla Corte in Suuripää c. Finlandia, no. 43151/02, § 44, 12 gennaio 2010, si deve a questo punto tener conto che "i fatti e l'interpretazione giuridica possono essere intrecciati a tal punto che è difficile separare i due dall'altro."

38. Infine, se la valutazione diretta delle prove è ritenuta necessaria per le ragioni sopra esposte, la corte d'appello ha il dovere di adottare misure positive a tal fine, nonostante il fatto che il ricorrente non abbia partecipato all'udienza, non abbia chiesto l'autorizzazione a rivolgersi alla corte o si sia opposto, tramite il suo avvocato, alla pronuncia di una nuova sentenza (si veda Botten c. Norvegia, citata, § 53, e Sigurþór Arnarsson c. Islanda, citata, § 38). In alternativa, la corte d'appello deve limitarsi ad annullare l'assoluzione della corte inferiore e rinviare la causa per un nuovo processo.

(b) Applicazione di tali principi al caso di specie

39. Nella fattispecie, la Corte osserva che il ricorrente è stato assolto dalla Corte distrettuale dopo un'udienza contraddittoria completa in cui sono state assunte prove, comprese le deposizioni orali degli imputati e dei testimoni. L'accusa si è appellata, tra l'altro, contro l'assoluzione del ricorrente alla Corte suprema, che ha tenuto un'udienza in cui i rappresentanti degli imputati hanno presentato argomentazioni orali. La Corte Suprema aveva piena giurisdizione per esaminare le questioni di fatto e di diritto, compreso il valore probatorio delle prove documentali; tuttavia, non poteva rivalutare le prove orali fornite dinanzi alla Corte distrettuale senza riesaminarle. La Corte Suprema, senza riesaminare le prove orali, ha condannato il ricorrente per collusione criminale sui prezzi e lo ha condannato a 9 mesi di reclusione, sospesi. La questione davanti alla Corte, quindi, è se, in queste circostanze, la Corte Suprema poteva, per una questione di equo processo, esaminare correttamente le questioni da determinare senza una valutazione diretta delle prove fornite dagli imputati e dai testimoni in persona.

40. La Corte non vede alcuna ragione per mettere in discussione la tesi del governo secondo cui la Corte suprema non aveva l'obbligo formale, in virtù dell'articolo 208(2) della legge sulla procedura penale, di convocare il ricorrente a testimoniare prima di rovesciare la sua assoluzione. Infatti, il ricorrente non sostiene che la Corte suprema abbia agito in contrasto con il diritto interno. Inoltre, la Corte non considera decisivo il fatto che il ricorrente non abbia chiesto un riesame, anche supponendo che una tale possibilità fosse aperta per lui. Sebbene fosse consapevole che l'accusa chiedeva la sua condanna da parte della Corte suprema, la Corte ricorda che se la valutazione diretta delle prove è ritenuta necessaria, la corte d'appello ha il dovere di adottare misure positive a tal fine, nonostante il fatto che il ricorrente non abbia chiesto un riesame (si veda il precedente paragrafo 38).

41. Il principale punto di controversia tra le parti è se la Corte suprema, nel constatare che il valore probatorio della testimonianza orale era significativamente diminuito a causa del modo in cui era stata assunta dalla Corte distrettuale, abbia rivalutato tale prova. A questo proposito, la Corte nota che secondo il diritto islandese alla Corte Suprema è stato esplicitamente impedito di rivalutare le prove orali senza averle ascoltate essa stessa. Pertanto, in linea di principio, la condanna del ricorrente non si è basata su una rivalutazione da parte della Corte Suprema della credibilità della prova orale in quanto tale, nel senso di formare una percezione della veridicità delle dichiarazioni, in particolare sulla base del contegno della persona sotto esame; piuttosto, la Corte Suprema ha concluso che il valore probatorio di quella prova era "significativamente diminuito" per motivi tecnici o procedurali, vale a dire il modo in cui la prova era stata assunta, in particolare permettendo agli imputati di essere presenti mentre i co-accusati stavano testimoniando.

42. Non sembra che la Corte Suprema abbia escluso del tutto la testimonianza orale, come suggerito dal ricorrente, ma ha comunque preso una posizione chiara sull'affidabilità di tale prova - alla quale non ha fatto ulteriori riferimenti nel suo ragionamento riguardante il ricorrente - e quindi del suo valore probatorio nella valutazione complessiva della colpevolezza o innocenza del ricorrente. In questa misura, la Corte non discerne alcuna distinzione sostanziale tra l'affidabilità e la credibilità della testimonianza orale in questo contesto. Il fatto è che la Corte Suprema ha per lo meno ignorato in misura considerevole parte delle prove che erano state prese in considerazione dalla Corte Distrettuale quando ha assolto il ricorrente e ha basato la sua condanna principalmente, se non esclusivamente, sulla propria valutazione del contenuto della conversazione telefonica tra il ricorrente e B. Sebbene la Corte Suprema avesse il diritto, in base al diritto interno, di rivalutare le prove tangibili, il suo affidamento su tali prove, pur scontando del tutto o in gran parte le spiegazioni fornite nella testimonianza orale, significava inevitabilmente che essa "doveva in qualche misura fare una propria valutazione al fine di determinare se [i fatti] fornissero una base sufficiente per condannare il ricorrente" (Botten v. Norvegia, sopra citata, § 49). A parere della Corte, ciò non può essere considerato come un'applicazione di considerazioni puramente giuridiche ai fatti accertati; al contrario, ha comportato una nuova valutazione delle prove nel loro complesso, con conseguente condanna del ricorrente sulla base di prove diverse da quelle su cui la Corte distrettuale si era basata per assolvere il ricorrente (cfr. Lacadena Calero c. Spagna, no. 23002/07, §§ 39-51, 22 novembre 2011). Ne consegue che, per una questione di equo processo e tenendo conto della posta in gioco per il ricorrente, la Corte Suprema non poteva esaminare correttamente le questioni da determinare in appello senza una valutazione diretta delle prove fornite oralmente dal ricorrente, dal suo co-accusato e da uno dei testimoni, su cui si è basata la Corte distrettuale nella sua valutazione probatoria complessiva del contesto in cui si è svolta la conversazione telefonica tra il ricorrente e B. il 28 febbraio 2011. In subordine, la Corte suprema aveva la possibilità di annullare l'assoluzione della Corte distrettuale dalle accuse mosse al ricorrente e di rinviare il caso per un nuovo processo a causa del modo carente in cui la Corte suprema ha ritenuto che la testimonianza orale fosse stata raccolta in primo grado.

43. Infine, la Corte osserva che una pena detentiva, benché sospesa, è stata inflitta al ricorrente senza che la Corte suprema sia stata in grado di valutare direttamente il suo carattere. A tale riguardo, la posizione della Corte suprema era simile a quella della Corte suprema norvegese nella causa Botten, vale a dire che essa aveva piena competenza per quanto riguarda la condanna, un aspetto che era in grado di sollevare questioni che andavano a toccare questioni come la personalità e il carattere, e non aveva avuto il beneficio di una valutazione preventiva da parte del tribunale del processo che aveva sentito il ricorrente (si veda Botten c. Norvegia, citata, § 50, Sigurþór Arnarsson c. Islanda, citata, § 35, e Zahirović c. Croazia, citata, § 57).

44. Alla luce di quanto precede, la Corte conclude che vi è stata una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione nel presente caso.

II. APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE

45. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte constata che vi è stata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente solo una riparazione parziale, la Corte accorda, se necessario, una giusta soddisfazione alla parte lesa."

A. Danno

46. Il ricorrente ha chiesto 10.000.000 di corone islandesi (ISK, circa 75.000 euro (EUR)) a titolo di danno non patrimoniale.
47. Il Governo ha sostenuto che la constatazione di una violazione costituirebbe di per sé una giusta soddisfazione per qualsiasi danno non patrimoniale. Sostenevano inoltre che la richiesta di danni non pecuniari era eccessivamente alta e incoerente con i riconoscimenti fatti in casi precedenti.
48. Tenendo conto delle particolari circostanze del caso di specie, la Corte concorda con il Governo sul fatto che la constatazione di una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione costituisce di per sé una sufficiente giusta soddisfazione per qualsiasi danno non patrimoniale. La Corte osserva inoltre che spetta allo Stato convenuto scegliere, sotto il controllo del Comitato dei Ministri, le misure generali e/o, se del caso, individuali da adottare nel suo ordinamento giuridico interno per porre fine alla violazione o alle violazioni constatate dalla Corte e per ripararne, per quanto possibile, gli effetti. A questo proposito, la Corte osserva che gli articoli 228 e 232 del Criminal Procedures Act prevedono che la commissione per la riapertura dei procedimenti giudiziari possa, quando sono soddisfatte determinate condizioni, ordinare la riapertura dei procedimenti penali che si sono conclusi con una sentenza definitiva resa dalla Corte d'appello o dalla Corte suprema (si veda, mutatis mutandis, Ibrahim e altri c. Regno Unito [GC], nn. 50541/08, 50571/08, 50573/08 e 40351/09, § 315, 30 settembre 2016, e Ramos Nunes de Carvalho E SÁ c. Portogallo [GC], nn. 55391/13, 57728/13 e 74041/13,§ 222, 6 novembre 2018). A questo proposito, la Corte sottolinea l'importanza di garantire l'esistenza di procedure interne in base alle quali un caso possa essere riesaminato alla luce della constatazione di una violazione dell'articolo 6 della Convenzione. Come la Corte ha precedentemente sottolineato, tali procedure possono essere considerate un aspetto importante dell'esecuzione delle sue sentenze e la loro disponibilità dimostra l'impegno di uno Stato contraente nei confronti della Convenzione e della giurisprudenza della Corte (Moreira Ferreira c. Portogallo (n. 2) [GC], no. 19867/12, § 99, 11 luglio 2017).
B. Costi e spese

49. Il ricorrente ha inoltre chiesto 10.353.744 ISK di spese legali dovute al governo islandese per ordine della Corte suprema, nonché un'equa quota dei costi e delle spese sostenute nel procedimento dinanzi alla Corte, come deciso dalla Corte.
50. Il governo ha osservato che le tasse in questione erano state pagate dal Tesoro e che il ricorrente non aveva presentato alcuna fattura che dimostrasse che aveva rimborsato il Tesoro.
51. Secondo la giurisprudenza della Corte, un ricorrente ha diritto al rimborso dei costi e delle spese solo nella misura in cui è stato dimostrato che questi sono stati effettivamente e necessariamente sostenuti e sono ragionevoli quanto al quantum. Nel caso di specie, tenuto conto dei documenti in suo possesso e dei criteri di cui sopra, e in particolare tenendo conto che la violazione che la Corte ha riscontrato riguarda la sentenza della Corte Suprema, nonché l'assenza di qualsiasi documentazione in relazione alle spese sostenute nel procedimento dinanzi alla Corte, la Corte respinge le richieste della ricorrente.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,

1. Dichiara il ricorso ammissibile;

2. Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione;

3. Ritiene che la constatazione di una violazione costituisca di per sé una soddisfazione sufficiente per qualsiasi danno non pecuniario subito dal ricorrente;

4. 4. Respinge la richiesta di giusta soddisfazione del ricorrente.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 16 luglio 2019, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Stanley Naismith Marko Bošnjak
CancellierePresidente