Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

decisioni

Società vince se il processo è giusto, non per la condanna (US Supreme Court, Brady, 1963)

23 Maggio 1963, US Supreme Court
lego giudice tribunale
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

La società vince non solo quando i colpevoli sono condannati, ma quando i processi penali sono equi.

La soppressione, da parte dell'accusa, di prove favorevoli a un imputato che ne faccia richiesta, violi il giusto processo quando le prove sono rilevanti per la colpevolezza o per la punizione, indipendentemente dalla buona o cattiva fede dell'accusa.

Traduzione informale canestriniLex.com, qui  il testo originale

Corte Suprema degli Stati Uniti

Brady contro Maryland, 373 U.S.A. 83 (1963)
No. 490

Discusso 18-19 marzo 1963

Deciso il 13 maggio 1963

373 U.S.A. 83

CERTIORARI ALLA CORTE D'APPELLO DEL MARYLAND

Parere della Corte da parte di MR. JUSTICE DOUGLAS, annunciato da MR. Justice  BRENNAN.

Il ricorrente e un suo compagno, Boblit, sono stati giudicati colpevoli di omicidio di primo grado e sono stati condannati a morte, le loro convinzioni sono state confermate dalla Corte d'Appello del Maryland. 220 Md. 454, 154 A.2d 434. I loro processi sono stati separati e il richiedente è stato giudicato per primo. Al suo processo, Brady salì sul banco dei testimoni e ammise la sua partecipazione al crimine, ma sostenne che fu Boblit a commettere l'omicidio. E, nella sua arringa alla giuria, l'avvocato di Brady ha ammesso che Brady era colpevole di omicidio di primo grado, chiedendo solo che la giuria emetta il verdetto "senza pena capitale". Prima del processo, l'avvocato del firmatario aveva chiesto all'accusa di permettergli di esaminare le dichiarazioni extragiudiziali di Boblit. Molte di quelle dichiarazioni gli furono mostrate, ma una del 9 luglio 1958, in cui Boblit ammetteva l'omicidio vero e proprio, fu trattenuta dall'accusa, e non venne a conoscenza del firmatario se non dopo che egli era stato processato, condannato e condannato, e dopo che la sua condanna era stata confermata.

Il ricorrente ha adito il tribunale per un nuovo processo basato sulle prove appena scoperte che erano state soppresse dall'accusa. Il ricorso contro il rifiuto di tale mozione è stato respinto dalla Corte d'Appello, senza pregiudizio per la.

[85]

Legge sulla procedura post-bellica. 222 Md. 442, 160 A.2d 912. La petizione per il risarcimento post condanna è stata respinta dalla corte d'appello e, in appello, la Corte d'Appello ha ritenuto che la mancata comunicazione delle prove da parte dell'accusa ha negato al richiedente il giusto processo e ha rinviato il caso a un nuovo processo per la questione della punizione, non per la questione della colpevolezza. 226 Md. 422, 174 A.2d 167. Il caso è qui su certiorari, 371 U.S.A. 812. [Nota a piè di pagina 1]

Il reato in questione è stato un omicidio commesso in occasione di una rapina. La punizione per quel crimine nel Maryland è l'ergastolo o la morte, essendo la giuria autorizzata a limitare la pena all'ergastolo con l'aggiunta delle parole "senza pena capitale". 3 Md.Ann.Code, 1957, Art. 27, § 413. Nel Maryland, in ragione della costituzione dello Stato, la giuria in un procedimento penale è "i giudici di diritto, oltre che di fatto". Art. XV, § 5. La questione presentata è se al richiedente sia stato negato un diritto federale quando la Corte d'Appello ha limitato il nuovo processo alla questione della pena.

[86]

Concordiamo con la Corte d'Appello che la soppressione di questa confessione è stata una violazione della clausola di giusto processo del Quattordicesimo Emendamento. La Corte d'Appello si è basata, in linea di massima, su due decisioni della Corte d'Appello del Terzo Circuito degli Stati Uniti ex rel. Almeida c. Baldi, 195 F.2d 815, 33 A.L.R.2d 1407, e degli Stati Uniti ex rel. Thompson c. Dye, 221 F.2d 763 che, siamo d'accordo, stabiliscono la corretta norma costituzionale.

Questa sentenza è un'estensione della sentenza Mooney contro Holohan, 294 U.S. 103, 112, dove la Corte ha deciso su ciò che la mancata divulgazione da parte di un pubblico ministero viola il giusto processo:


"È un requisito che non può essere considerato soddisfatto con la semplice notifica e l'udienza se uno Stato ha inventato una condanna con la pretesa di un processo che, in verità, non è altro che un mezzo per privare l'imputato della libertà attraverso un deliberato inganno della corte e della giuria con la presentazione di una testimonianza notoriamente falsa. Un tale artificio da parte di uno Stato per ottenere la condanna e l'incarcerazione di un imputato è tanto incoerente con le rudimentali esigenze della giustizia quanto lo è l'ottenimento di un risultato simile attraverso l'intimidazione".

In Pyle v. Kansas, 317 U. S. 213, 215-216, abbiamo formulato la regola in termini più ampi:


"I documenti del firmatario sono redatti in modo inesperto, ma contengono accuse che la sua prigionia è il risultato di una testimonianza falsa, usata consapevolmente dalle autorità statali per ottenere la sua condanna, e della deliberata soppressione da parte di quelle stesse autorità di prove a lui favorevoli. Queste accuse accusano a sufficienza una privazione dei diritti garantiti dalla Costituzione federale e, se provate, darebbero al firmatario il diritto di essere liberato dalla sua attuale custodia. Mooney contro Holohan, 294 U. S. 103. "

[87]

Il Terzo Circuito, nel caso Baldi, ha interpretato tale affermazione nel caso Pyle c. Kansas nel senso che la "soppressione delle prove a favore dell'imputato" era di per sé sufficiente ad equivalere ad una negazione del giusto processo. 195 F.2d a 820. In Napue v. Illinois, 360 U. S. 264, 269, abbiamo esteso il test formulato in Mooney v. Holohan quando abbiamo detto: "Lo stesso risultato si ottiene quando lo Stato, pur non sollecitando prove false, permette che esse non vengano evidenziate come tali quando appaiono". E si veda Alcorta c. Texas, 355 U. S. 28; Wilde c. Wyoming,. Cfr. Durley contro Mayo, 351 U. S. 277, 285 (parere dissenziente).

Riteniamo ora che la soppressione, da parte dell'accusa, di prove favorevoli a un imputato che ne faccia richiesta, violi il giusto processo quando le prove sono rilevanti per la colpevolezza o per la punizione, indipendentemente dalla buona o cattiva fede dell'accusa.

Il principio di Mooney contro Holohan non è una punizione della società per i misfatti di un pubblico ministero, ma la prevenzione di un processo ingiusto per l'imputato. La società vince non solo quando i colpevoli sono condannati, ma quando i processi penali sono equi; il nostro sistema di amministrazione della giustizia soffre quando ogni imputato è trattato ingiustamente. Un'iscrizione sulle pareti del Dipartimento di Giustizia afferma candidamente la proposta per il dominio federale: "Gli Stati Uniti vincono ogni volta che viene fatta giustizia ai loro cittadini nei tribunali." Un'accusa che trattiene le prove su richiesta di un imputato che, se rese disponibili...

[88]

in grado, tenderebbe a scagionarlo o a ridurre la pena aiuta a plasmare un processo che grava pesantemente sull'imputato. Ciò pone il pubblico ministero nel ruolo di architetto di un procedimento che non rispetta gli standard della giustizia, anche se, come nel caso in esame, la sua azione non è "frutto di malizia", per usare le parole della Corte d'Appello. 226 Md. a 427, 174 A.2d a 169.

Resta da vedere se al firmatario sia stato negato un diritto costituzionale quando la Corte d'Appello ha limitato il suo nuovo processo alla questione della punizione. A giustificazione di tale sentenza, la Corte d'Appello ha dichiarato:


"Ci sono notevoli dubbi su quanto beneficio avrebbe tratto  Brady dalla confessione non rivelata di Boblit davanti alla giuria. Essa implicava chiaramente che Brady fosse quello che voleva strangolare la vittima, Brooks. Boblit, secondo questa dichiarazione, ha anche favorito l'uccisione, ma voleva farlo sparando. Non possiamo metterci al posto della giuria, e supporre quale sarebbe stata la loro opinione se fosse stato o meno importante se fossero state le mani di Brady o quelle di Boblit a torcere la camicia intorno al collo della vittima. . . . Sarebbe 'troppo dogmatico' per noi dire che la giuria non avrebbe attribuito alcun significato a questa prova nel considerare la punizione dell'imputato Brady".

"Non senza dubbio, concludiamo che il rifiuto di questa particolare confessione di Boblit è stato pregiudizievole per l'imputato Brady. . . . "

"L'unica rivendicazione del ricorrente di pregiudizio va alla punizione inflitta. Se Boblit avesse rifiutato la confessione davanti alla giuria, nulla in essa avrebbe potuto ridurre il reato del ricorrente Brady al di sotto dell'omicidio di primo grado. Non vediamo quindi alcuna occasione per riproporre la questione". 226 Md. a 429 430, 174 A.2d a 171. (Aggiunto il corsivo).

[89]

Se questa fosse una giurisdizione in cui la giuria non fosse il giudice della legge, verrebbe presentata una questione diversa. Ma poiché lo è, come può la Corte d'Appello del Maryland affermare che nulla nella confessione soppressa avrebbe potuto ridurre il reato del firmatario "al di sotto dell'omicidio di primo grado"? Se, secondo la legge del Maryland, le giurie nei casi penali potessero determinare l'ammissibilità di tali prove sulla questione dell'innocenza o della colpevolezza, la questione sembrerebbe preclusa.

Ma la disposizione costituzionale del Maryland che rende la giuria nei casi penali "i giudici della legge" non significa esattamente quello che sembra dire. Lo stato attuale di tale disposizione è stato rivisto di recente nella causa Giles contro State, 229 Md. 370, 183 A.2d 359, appello respinto, 372 U. S. 767, dove le diverse eccezioni, aggiunte per legge o ritagliate dalla costruzione giudiziaria, sono state riesaminate. Una di queste eccezioni è che "I tribunali processuali hanno sempre approvato, e ancora approvano, l'ammissibilità delle prove che la giuria può considerare sulla questione dell'innocenza o della colpevolezza dell'imputato". 229 Md. a 383, 183 A.2d a 365. I casi citati costituiscono una lunga linea che risale a quasi un secolo fa. Wheeler contro lo Stato, 42 Md. 563, 570, affermava che le istruzioni alla giuria erano solo di carattere consultivo, "salvo per quanto riguarda le questioni relative a ciò che deve essere considerato come prova". E la corte "avendo tale diritto, ne consegue, naturalmente, che ha anche il diritto di impedire all'avvocato di argomentare contro tale istruzione". Bell contro lo Stato, 57 Md. 108, 120. E si veda Barba c. Stato, 71 Md. 275, 280, 17 A. 1044, 1045; Dick c. Stato, 107 Md. 11, 21, 68 A. 286, 290. Cfr Vogel c. Stato, 163 Md. 267, 162 A. 705.

[90]

Di solito camminiamo su un terreno insidioso quando esploriamo il diritto statale, [Nota 4] per i tribunali statali, le agenzie statali e le legislature statali sono i suoi ultimi esponenti sotto il nostro regime federale. Ma, come leggiamo nelle decisioni del Maryland, è il tribunale, non la giuria, che trasmette "l'ammissibilità delle prove" pertinenti "alla questione dell'innocenza o della colpevolezza dell'imputato". Giles contro lo Stato, supra.

Nel caso in questione, una Corte d'Appello unanime ha affermato che nulla nella confessione soppressa "avrebbe potuto ridurre il reato del ricorrente Brady al di sotto dell'omicidio di primo grado". Abbiamo letto questa dichiarazione come una sentenza sull'ammissibilità della confessione sulla questione dell'innocenza o della colpevolezza. Una teoria sportiva della giustizia potrebbe ipotizzare che, se la confessione soppressa fosse stata usata al primo processo, la sentenza del giudice che non era ammissibile sulla questione dell'innocenza o della colpevolezza avrebbe potuto essere ignorata dalla giuria, così come sarebbe stato possibile se la corte avesse prima ammesso una confessione e poi l'avesse cancellata dal verbale. Ma non possiamo elevare questa strategia processuale alla dignità di un diritto costituzionale e dire che la privazione di questo imputato di quell'occasione sportiva attraverso l'uso di un

[91]

Il processo biforcato (cfr. Williams contro New York, 337 U. S. 241) gli nega il giusto processo o viola la clausola di pari protezione del Quattordicesimo Emendamento.

Affermativo.

 

Traduzione informale canestriniLex.com, qui  il testo originale.

 

 

Parere separato del Giudice White.

1. La Corte d'Appello del Maryland ha dichiarato: "La soppressione o il rifiuto da parte dello Stato di fornire prove materiali a discolpa di un imputato è una violazione del giusto processo" senza citare la Costituzione degli Stati Uniti o la Costituzione del Maryland, che ha anche una clausola di giusto processo. Non possiamo quindi essere sicuri di quale Costituzione sia stata invocata dalla corte qui di seguito, e quindi se lo Stato, l'unica parte lesa da questa parte della sentenza, potrebbe anche portare la questione in questa sede, se lo volesse. Si veda New York City c. Central Savings Bank, 306 U.S. 661; Minnesota c. National Tea Co., 309 U. S. 551. Ma, in ogni caso, non vi è alcuna ripetizione incrociata da parte dello Stato, né è stata contestata la correttezza della sentenza in base alla quale è stato richiesto un nuovo processo per punizione in base ai requisiti del giusto processo. A mio avviso, quindi, la Corte non deve giungere alla questione del giusto processo che decide. Non è certo il caso, come si può suggerire, che, senza di esso, avremmo solo una questione di diritto statale, poiché, supponendo che il tribunale di seguito sia stato corretto nel trovare una violazione dei diritti del richiedente nella soppressione delle prove, rimane ancora la questione federale che egli vuole decisa in questa sede, vale a dire, se negargli un nuovo processo sulla colpevolezza così come la punizione lo priva di pari protezione. C'è quindi una questione federale da trattare in questa Corte, cfr. Bell contro Hood, 327 U. S. 678,

[92]

a parte la questione del giusto processo che comporta la soppressione delle prove. L'opinione della maggioranza lo rende inequivocabilmente chiaro. Prima di affrontare la questione del giusto processo, dice: "La questione presentata è se al richiedente sia stato negato un diritto federale quando la Corte d'Appello ha limitato il nuovo processo alla questione della punizione". Dopo aver discusso a lungo e smaltito la questione della soppressione in termini costituzionali federali, si dice che la questione ancora da decidere è la stessa di prima: "Rimane la questione se al firmatario sia stato negato un diritto costituzionale quando la Corte d'Appello ha limitato il nuovo processo alla questione della punizione".

Il risultato, naturalmente, è che la discussione sul giusto processo da parte della Corte è del tutto consultiva.

2. In ogni caso, il parere della Corte sul giusto processo va sostanzialmente al di là di quanto segue. Io userei un linguaggio più restrittivo, e non darei in forma costituzionale un'ampia regola di scoperta criminale. Lascerei invece questo compito, almeno per i nuovi, al processo di regolamentazione o legislativo, dopo un'attenta considerazione da parte del legislatore, del giudice e dell'ordine degli avvocati.

3. 3. Concordo con la disposizione della Corte sull'argomento della parità di tutela del firmatario.

Giudice HARLAN, alla quale il Giudice Black si unisce, dissenziente.

Credo che questo caso presenti un'unica domanda federale: l'ordine della Corte d'Appello del Maryland che ha concesso un nuovo processo, limitato alla questione della punizione, ha violato il diritto alla pari tutela del firmatario del Quattordicesimo Emendamento? [Nota 1] A mio parere, una risposta affermativa sarebbe

[93]

essere richiesto se la dichiarazione di Boblit sarebbe stata ammissibile sulla questione della colpevolezza al processo originale del firmatario. Questa sembra essere la chiara implicazione del parere di questa Corte.

La Corte, tuttavia, ritiene che il Quattordicesimo Emendamento non sia stato violato perché considera il parere della Corte d'Appello, e gli altri casi del Maryland che riguardano la disposizione costituzionale del Maryland che rende le giurie nei casi penali "giudici di diritto, così come di fatto", come stabilire che la dichiarazione di Boblit non sarebbe stata ammissibile al processo originale sulla questione della colpevolezza del firmatario.

Ma non posso leggere il parere della Corte d'Appello con una tale certezza. Tale opinione può essere letta con la stessa facilità, e forse più facilmente, come se indicasse che la nuova limitazione del processo derivava dal concetto di potere della Corte d'Appello, ai sensi del § 645G del Maryland Post Conviction Procedure Act, Md.Code, Art. (1960 Cum.Supp.) e l'articolo 870 del Maryland Rules of Procedure of Procedure, al fine di trovare una soluzione adeguata alle circostanze particolari di questo caso, [nota 2] piuttosto che dal punto di vista che la dichiarazione di Boblit sarebbe stata rilevante al processo originale solo per quanto riguarda la questione della pena. 226 Md. a 430, 174 A.2d a 171. Questa interpretazione è in effetti corroborata dalla precedente discussione generale della Corte d'Appello sull'ammissibilità delle confessioni di terzi, che non dice nulla di positivo.

[94]

della questione cruciale. 226 Md. a 427 429, 174 A.2d a 170. [Nota a piè di pagina 3]

Né trovo nulla in nessuno degli altri casi del Maryland citati dalla Corte (ante, p. 89) che porti sulla ricevibilità vel non della dichiarazione di Boblit sulla questione della colpevolezza. Nessuno di questi casi suggerisce nulla di più rilevante in questo caso che una giuria non possa "scavalcare" la corte processuale su questioni relative all'ammissibilità delle prove. In effetti, non sono affatto chiari su ciò che accade se la giuria si impegna a farlo. Proprio in questo caso, ad esempio, la corte processuale ha accusato che "in ultima analisi, la giuria è il giudice sia della legge che dei fatti, e il verdetto in questo caso è interamente di competenza della giuria". (L'enfasi è stata aggiunta.)

Inoltre, l'incertezza su questo punto è aggravata dal fatto che lo Stato ha riconosciuto, durante l'argomentazione orale, che la dichiarazione Boblit negata sarebbe stata ammissibile al processo sulla questione della colpevolezza. [Nota 4]

In questo stato di incertezza circa la corretta risposta alla critica questione di fondo del diritto statale, e in considerazione del fatto che la Corte d'Appello non lo ha fatto, in termini,

[95]

Se ci si rivolge alla questione della parità di protezione, non vedo come possiamo risolvere adeguatamente questo caso in questo frangente. Credo che la strada giusta sia quella di lasciare la sentenza della Corte d'appello dello Stato e di rinviare il caso a tale tribunale per un ulteriore esame alla luce del principio costituzionale vigente, enunciato all'inizio del presente parere. Cfr. Minnesota contro National Tea Co., 309 U. S. 551.

Note a piè di pagina

[Nota a piè di pagina 1]

Nessuna delle parti suggerisce che la decisione che segue non sia una "sentenza definitiva" ai sensi del 28 U.S.C. § 1257(3), e nessun attacco alla revocabilità della sentenza della corte inferiore potrebbe essere mantenuto con successo. Per la regola generale che "sentenza definitiva in un procedimento penale significa sentenza. La sentenza è la sentenza" (Berman c. Stati Uniti, 302 U. S. 211, 212) non può essere applicata in questo caso. Se, infatti, il Quattordicesimo Emendamento dà diritto a un nuovo processo sulla questione della colpevolezza e della punizione, la seguente sentenza lo ha seriamente pregiudicato. È il diritto ad un processo sulla questione della colpevolezza "che presenta una questione seria e non risolta" (Cohen contro Beneficial Industrial Loan Corp., 337 U. S. 541, 547) che "è fondamentale per l'ulteriore svolgimento del caso" (Stati Uniti contro General Motors Corp., 323 U. S. 373, 377). Questa domanda è "indipendente e non è influenzata da" (Radio Station WOW contro Johnson, 326 U. S. 120, 126) ciò che può accadere in un processo in cui il richiedente può ricevere solo l'ergastolo o la condanna a morte. Non può essere promulgato da un tale procedimento. Vedere Largent contro Texas, 318 U. S. 418, 421-422. Cfr. locale n. 438 contro Curry, 371 U. S. 542, 549.

Nota a piè di pagina 2

Il giudice Simon E. Sobeloff, quando il 29 giugno 1954, in un discorso alla Conferenza Giudiziaria del Quarto Circuito, il giudice Simon E. Sobeloff, in un discorso alla Conferenza Giudiziaria del Quarto Circuito, pose l'idea come segue:

"Il Solicitor General non è un neutrale; è un avvocato, ma un avvocato per un cliente la cui attività non è semplicemente quella di prevalere nel caso immediato. Il compito principale del mio cliente non è quello di ottenere la vittoria, ma di stabilire la giustizia. Ci vengono costantemente ricordate le ormai classiche parole scritte da uno dei miei illustri predecessori, Frederick William Lehmann, che il Governo vince quando la giustizia è fatta nei suoi tribunali".

[Nota a piè di pagina 3]

Vedi Dennis, Maryland's Antique Constitutional Thorn, 92 U. di Pa.L.Rev. 34, 39, 43; Prescott, Giurie come giudici della legge: Se la pratica dovesse continuare, 60 Md.St.Bar Assn.Rept. 246, 253 254.

[Nota 4]

Per un infelice incidente della recente annata si veda Oklahoma Packing Co. contro Oklahoma Gas & Electric Co., 309 U. S. 4, che ha sostituito un precedente parere nello stesso caso, 309 U. S. 703.

Nota a piè di pagina 5

"In materia di confessioni, esiste una situazione ibrida. È compito della Corte stabilire, in base alle prove, di solito tolte dalla presenza della giuria, se sono state fatte liberamente e volontariamente, ecc. e se sono ammissibili. Se ammesse, la giuria ha il diritto di ascoltare e di considerare le prove delle circostanze in cui sono state ottenute, tanto meglio determinare il loro peso e la loro sufficienza. Il fatto che la Corte li ammetta li veste senza alcuna presunzione, ai fini della giuria, che siano veri o che siano stati fatti liberamente e volontariamente. Tuttavia, dopo che una confessione è stata ammessa e letta alla giuria, il giudice può cambiare idea e cancellarla dal verbale. La cancellerà dalla mente della giuria?"

Dennis, Maryland's Antique Constitutional Thorn, 92 U. di Pa.L.Rev. 34, 39. Vedi anche Bell contro State, supra, 57 Md. a 120; Vogel contro State, 163 Md. a 272, 162 A. a 706 707.

[Nota a piè di pagina *]

Md.Const., Art. 23; Home Utilities Co., Inc., v. Revere Copper & Brass, Inc., 209 Md. 610, 122 A.2d 109; Raymond v. State ex rel. Szydlouski, 192 Md. 602, 65 A.2d 285; County Comm'rs of Anne Arundel County v. English, 182 Md. 514, 35 A.2d 135; Oursler contro Tawes, 178 Md. 471, 13 A.2d 763.

[Nota a piè di pagina 1]

Sono d'accordo con mio fratello BIANCO sul fatto che non è necessario decidere in questo caso le ampie questioni processuali di cui la Corte si occupa alle pp. 86-88 del suo parere.

[Nota a piè di pagina 2]

La sezione 645G fornisce in parte:

"Se il tribunale si pronuncia a favore del richiedente, deve emettere un'ordinanza appropriata in relazione alla sentenza o alla condanna nel precedente procedimento, e qualsiasi ordinanza supplementare in merito al riallineamento, al nuovo processo, al nuovo processo, alla custodia, alla custodia, alla cauzione, alla scarcerazione, alla correzione della condanna, o ad altre questioni che possono essere necessarie e appropriate".

La regola 870 prevede che la Corte d'Appello

"affermerà o annullerà la sentenza da cui è stato tratto il ricorso, oppure indicherà il modo in cui sarà modificato, cambiato o emendato".

[Nota a piè di pagina 3]

È degno di nota il fatto che la Corte d'Appello non ha indicato di limitare in alcun modo l'autorità del Giorno v. Stato, 196 Md. 384, 76 A.2d 729. In quel caso, due imputati sono stati processati congiuntamente e condannati per omicidio colposo. Ciascuno di essi ha ammesso di aver partecipato al reato, ma ha accusato l'altro dell'omicidio. In appello, gli imputati hanno attaccato il rifiuto della corte processuale di concedere la liquidazione, e lo Stato ha sostenuto che nessuno dei due imputati è stato danneggiato dalle dichiarazioni messe in evidenza al processo congiunto perché l'ammissione del reato equivaleva all'ammissione di colpevolezza per l'omicidio. Ciononostante, la Corte d'Appello ha riscontrato un abuso di discrezione e ha ordinato nuovi processi separati su tutte le questioni.

[Nota a piè di pagina 4]

In risposta a una domanda del Bench se la dichiarazione di Boblit, se fosse stata offerta al processo originale del firmatario, sarebbe stata ammissibile a tutti gli effetti, l'avvocato dello Stato, dopo un colloquio, ha dichiarato: "Lo sarebbe stata, sì."