Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Polizia rumorosa, vicini risarciti (Corte europea per i diritti dell'Uomo, DMITRIYEV, 17840/06)

1 Dicembre 2020, Corte europea per i diritti dell'Uomo
polizia scientifica
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Non esiste un diritto esplicito nella Convenzione ad un ambiente pulito e tranquillo, ma quando un individuo è direttamente e gravemente colpito da rumore o da altro inquinamento, può sorgere una questione ai sensi dell'articolo 8: gli effetti negativi dell'inquinamento ambientale devono raggiungere un certo livello minimo per rientrare nell'ambito di applicazione dell'articolo 8.

La valutazione di tale minimo è relativa e dipende da tutte le circostanze del caso, come l'intensità e la durata del disturbo e i suoi effetti fisici o mentali.

Art. 8 - Rispetto della vita privata e dell'abitazione - Interventi insufficienti, inefficaci ed eccessivamente prolungati per porre rimedio ai rumori e ad altri disturbi provenienti dal posto di polizia situato sotto l'abitazione del richiedente - Disturbi di durata pluriennale che raggiungono il livello minimo di gravità per l'interferenza di cui all'art. 8 - Mancanza di un giusto equilibrio tra gli interessi della comunità locale e l'effettiva attuazione delle leggi, e l'effettivo godimento del diritto al rispetto della vita privata e dell'abitazione del richiedente

Corte Europea dei diritti dell'Uomo

CASO DI YEVGENIY DMITRIYEV c. RUSSIA

(Applicazione n. 17840/06)
STRASBURGO

1 dicembre 2020

Nel caso di Yevgeniy Dmitriyev contro la Russia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (Terza Sezione), che si riunisce come Sezione composta da:
Paul Lemmens, Presidente,
Helen Keller,
Dmitry Dedov,
Georges Ravarani,
María Elósegui,
Darian Pavli,
Anja Seibert-Fohr, giudici,
e Milan Blaško, cancelliere di sezione,
Avendo deliberato in privato il 10 novembre 2020,
Emette la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:

INTRODUZIONE

1. Il ricorrente lamentava, in particolare, che i rumori e gli altri fastidi causati dalle attività quotidiane della stazione di polizia e dalle strutture di detenzione temporanea nel seminterrato del suo condominio violavano il suo diritto al rispetto della sua vita privata e della sua abitazione, in violazione dell'art. 8 della Convenzione.

I FATTI

LE CIRCOSTANZE DEL CASO
2. Il richiedente è nato nel 1956 e vive nella città di Kostomuksha. La ricorrente era rappresentata dalla sig.ra Tatiana Leonova, avvocato che all'epoca esercitava nella città di Kostomuksha. Il 28 agosto 2008 è stata accolta la domanda di assistenza legale della ricorrente. Il 9 gennaio 2009 è deceduto il rappresentante della ricorrente.
3. Il Governo russo ("il Governo") era rappresentato inizialmente dal sig. G. Matyushkin, rappresentante della Federazione Russa presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, e poi dal suo successore in tale ufficio, il sig. M. Galperin.
Procedimento relativo al disturbo da rumore
4. 4. Tra il 10 febbraio 1995 e il 7 maggio 2008, il richiedente ha vissuto con la sua famiglia in un condominio in via Gornyakov 7 a Kostomuksha. Un piano interrato di quell'edificio era occupato dalla stazione di polizia locale e dalle celle per la detenzione temporanea delle persone arrestate dalla polizia. Il ricorrente si è lamentato con le autorità locali per il rumore e la sporcizia causati dalle attività della stazione di polizia e ha chiesto loro di trasferirla dal suo condominio in un altro luogo. Nella lettera del 14 marzo 1996 il capo della polizia locale si scusava con il ricorrente per i disordini causati a lui e alla sua famiglia. Egli ha inoltre accettato che la stazione di polizia si trovava in un edificio residenziale non destinato a tale scopo; ha tuttavia dichiarato che le questioni sollevate nella denuncia del ricorrente non potevano essere risolte e che il trasferimento della stazione di polizia non era previsto in tempi brevi a causa della mancanza di un adeguato edificio libero. Il 5 aprile 1996, egli ha inviato un'altra lettera al ricorrente affermando, in particolare, quanto segue:
"... il trasferimento [della stazione di polizia] non è possibile a causa della mancanza di un edificio libero appositamente attrezzato. La sua denuncia è stata presa in considerazione e sono state adottate misure preventive per quanto riguarda le porte d'ingresso ...".

Nella sua nuova denuncia dell'8 aprile 1996 al capo della polizia locale, il ricorrente ha dichiarato:
"...chiedo il ripristino delle normali condizioni di vita al 7 di via Gornyakov.

Il 7 aprile 1996 alle 22.30 si sentivano gli uomini urlare e gridare nelle celle di detenzione temporanea. Le maledizioni e le richieste di chiamare il procuratore, così come i colpi alle porte delle celle continuarono [fino alle 3 del mattino]. Non riuscivo a dormire e dovevo andare a lavorare in un cattivo stato psicologico.

L'8 aprile 1996 alle 6.45 del mattino i gas di scarico di un veicolo della polizia parcheggiato con il motore acceso hanno iniziato a entrare nell'appartamento attraverso una finestra inclinata, così ho dovuto chiuderla completamente. Il veicolo è rimasto parcheggiato in questo modo almeno fino alle 7.45, quando sono uscito per andare al lavoro.

Lo stesso giorno, alle 7.15, i primi visitatori sono arrivati alla stazione di polizia; erano in piedi sotto la finestra del mio appartamento, imprecando, fumando e parlando...".

5. Il 25 maggio 2000 il richiedente e i suoi vicini hanno presentato una denuncia collettiva al sindaco della città e al capo del consiglio comunale. Non hanno ricevuto risposta.
6. Il 17 luglio 2000 il ricorrente ha presentato una denuncia in tribunale contro il capo dell'amministrazione locale e il capo del consiglio comunale chiedendo il trasferimento della stazione di polizia. Nella sua denuncia ha chiesto al tribunale, tra l'altro, quanto segue:
"...di ordinare al Sindaco e al Capo del consiglio comunale di risolvere la questione del trasferimento della stazione di polizia dal condominio situato in via Gornyakov 7; di rimuovere il parcheggio della stazione di polizia; di ristrutturare il cortile adiacente e le vie d'ingresso dell'edificio; [e] di pagare [al ricorrente] 50.000 rubli (RUB) per danni non pecuniari ...".

7. Il 29 settembre 2000 il Tribunale della città di Kostomuksha della Repubblica di Kareliya ha parzialmente accolto le sue richieste, sostenendo quanto segue:
"... le urla, i colpi e gli altri rumori dei detenuti che erano stati costantemente emessi dalle celle di detenzione avevano interferito con il diritto [del ricorrente] al riposo pacifico nella sua casa ... per quanto riguarda l'accusa di violazione del diritto alla salute e ad un ambiente pulito [il ricorrente] non ha fornito alcuna prova a sostegno di questa affermazione ... La richiesta [del richiedente] di rimuovere il parcheggio della stazione di polizia non può essere accolta perché non è parte dell'accordo in questione ...".

Il tribunale ha ordinato, per quanto pertinente:
"...i capi del consiglio comunale e del commissariato di polizia devono trovare una soluzione per il trasferimento del posto di polizia e delle strutture di detenzione temporanea entro un anno ..."

8. Il tribunale ha anche respinto la richiesta del ricorrente per danni non pecuniari. La sentenza non è stata impugnata ed è diventata esecutiva. Il 13 novembre 2000 il tribunale ha emesso un mandato di esecuzione.
Il procedimento di esecuzione
9. Il 4 aprile 2002 il servizio degli ufficiali giudiziari ha avviato un procedimento esecutivo.
10. 10. Il 30 maggio 2002 il capo del governo locale ha chiesto al tribunale di sospendere il procedimento esecutivo per mancanza di fondi.
11. 11. Il 21 giugno 2002 il tribunale di Kostomuksha ha accolto la sua richiesta e ha sospeso il procedimento di esecuzione fino al 31 dicembre 2003. La sentenza non è stata notificata al ricorrente.
12. 12. Il 12 marzo 2004 il capo del dipartimento di polizia locale ha informato l'ufficiale giudiziario, per quanto pertinente, come segue:
"...L'accordo sul trasferimento è stato raggiunto e la documentazione del progetto è stata trasmessa al [Ministero degli Affari Interni della Repubblica di Kareliya] al fine di redigere una proposta di bilancio per la riqualificazione dell'edificio ...".

13. 13. In una data non specificata il richiedente ha ricevuto una lettera del servizio degli ufficiali giudiziari del 15 giugno 2004 che lo informava che il procedimento esecutivo era stato interrotto.
14. 14. Il 7 giugno 2005 il procedimento di esecuzione è stato ripreso, dopo che il servizio degli ufficiali giudiziari ha comunicato che la stazione di polizia non era stata di fatto trasferita dall'edificio del ricorrente. Il 24 giugno 2005 il servizio dell'ufficiale giudiziario ha ordinato ai capi del consiglio comunale e del dipartimento di polizia di eseguire la sentenza del tribunale entro il 24 giugno 2005.
15. 15. Il 21 novembre 2005 il procedimento di esecuzione è stato interrotto con decisione dell'ufficiale giudiziario per il fatto che la sentenza "era stata eseguita".
16. 16. Il ricorrente ha impugnato tale decisione dinanzi al tribunale. Il 26 dicembre 2005 il tribunale della città di Kostomuksha ha dichiarato, per quanto pertinente, quanto segue:
"...L'ordine di esecuzione è stato eseguito de facto, la questione del trasferimento della stazione di polizia dall'edificio residenziale è stata risolta. L'amministrazione locale ha proposto un edificio vacante e il dipartimento di polizia [locale] ha accettato di accettarlo...".

17. Il 29 dicembre 2005 il ricorrente ha nuovamente presentato una denuncia in tribunale per la mancata esecuzione della sentenza da parte degli ufficiali giudiziari. Il 16 gennaio 2006 il tribunale della città di Kostomuksha ha restituito la denuncia al ricorrente senza esame di merito, avendo stabilito che era già stata esaminata dal tribunale e che la relativa decisione era stata emessa.
18. 18. Il 17 febbraio 2006 la Corte Suprema della Repubblica di Kareliya ha accolto entrambi gli atti giudiziari (del 26 dicembre 2005 e del 16 gennaio 2006) in appello.
Ispezione degli alloggi
19. 19. Tra il 16 e il 20 febbraio 2006 l'agenzia regionale per la tutela dei consumatori ha effettuato un'ispezione dell'edificio del richiedente. Per quanto riguarda l'appartamento del richiedente ha trovato quanto segue:
"L'appartamento del richiedente si trova al primo piano del condominio, immediatamente sopra la stazione di polizia. Una parte del cortile adiacente all'edificio funge da area designata con i cartelli "Solo parcheggio della polizia" installati su di esso. Alcune [delle auto della polizia] sono parcheggiate immediatamente accanto alle mura dell'edificio residenziale... [mentre] secondo la normativa vigente tale parcheggio non può essere più vicino di 10 metri ... Una parte dell'area designata viene utilizzata per lo smaltimento dei rifiuti. I bidoni della spazzatura e l'area designata per la raccolta dei rifiuti sono assenti... [e] una ventina di sacchi della spazzatura riempiti sono immagazzinati entro i limiti dell'area di polizia designata. I sistemi di ventilazione dell'appartamento e della stazione di polizia sono collegati tra loro ... L'ingresso dell'edificio è dotato di una presa d'aria di scarico collegata ad una cella di detenzione temporanea. Alcuni detenuti possono diffondere malattie infettive (tubercolosi, sifilide e scabbia) ed è impossibile escludere la diffusione di queste malattie in assenza di un'adeguata disinfezione ... La lettiera è ammucchiata immediatamente sotto i finestrini dell'appartamento, dove è parcheggiato anche un veicolo con il motore acceso. Secondo [il richiedente], i veicoli sono di solito parcheggiati in questo modo, con il motore acceso per ore, soprattutto in inverno. Durante l'ispezione sono stati sentiti dei rumori che sembrano provenire da sotto l'appartamento (la stazione di polizia)... Il tribunale ha constatato durante l'esame [della denuncia del richiedente] che la stazione di polizia non ha l'insonorizzazione, ed è impossibile farla installare...".

L'ispettore ha anche registrato le dichiarazioni dei quattro vicini del richiedente, che hanno tutti confermato le accuse del richiedente. L'ispettore ha concluso che nell'edificio in cui viveva il richiedente è stata commessa una violazione del regolamento 9.1 delle norme e dei regolamenti sanitari ed epidemiologici relativi agli edifici residenziali ("SanPiN 2.1.2.1002-00" (СанПиН 2.1.2.1002-00)).
Procedimento relativo alla costruzione di un nuovo edificio per la stazione di polizia
20. Nell'aprile 2004 il capo dell'amministrazione locale ha chiesto al ministro dell'Interno della Federazione Russa di assistere il ministero regionale dell'Interno nell'ottenere le risorse finanziarie necessarie per la costruzione di una nuova stazione di polizia a Kostomuksha.
21. 21. Il 1° dicembre 2006 l'amministrazione locale ha approvato un piano che delimita i confini del terreno comunale destinato alla costruzione della nuova stazione di polizia.
22. 22. Il 29 dicembre 2006 il capo della Repubblica di Kareliya ha approvato un elenco di progetti e di oggetti, compresa la stazione di polizia, la cui costruzione sarà finanziata da un bilancio regionale nel 2007.
23. 23. Il 16 febbraio 2007 l'amministrazione locale ha incaricato il posto di polizia di registrare nel catasto statale le informazioni relative all'appezzamento di terreno e di ottenere un permesso di costruzione dopo l'approvazione del progetto e la corrispondente documentazione di bilancio.
24. 24. Il 25 gennaio 2008 il capo della Repubblica di Kareliya ha approvato un elenco di progetti di costruzione e di oggetti per il 2008, che comprendeva anche la preparazione del progetto e la documentazione di bilancio per la costruzione della stazione di polizia.
25. 25. Non sono state presentate alla Corte altre informazioni sullo stato di avanzamento dei lavori e/o sull'effettivo trasferimento della stazione di polizia dalla casa del richiedente.
La vendita dell'appartamento da parte del richiedente e il suo trasferimento in un'abitazione alternativa
26. 26. Il 4 aprile 2008 il ricorrente ha venduto il suo appartamento, presumibilmente al di sotto del prezzo di mercato, e ha acquistato un nuovo appartamento, dopo aver ottenuto prestiti dalla banca e dalla sua famiglia. All'inizio di maggio 2008 il ricorrente si è trasferito nel nuovo appartamento.
DIRITTO NAZIONALE PERTINENTE
27. Regolamento 9.1 del regolamento sanitario e norme relative agli edifici e agli spazi residenziali n. 2.1.2.1002-00 (in vigore dal 1° gennaio 2001 al 20 giugno 2010) prevedeva, per quanto pertinente, quanto segue:
“9.1. È vietato:

- utilizzare edifici residenziali per scopi non previsti nei [loro] progetti di costruzione;

- conservare e utilizzare sostanze e oggetti che causano inquinamento atmosferico negli edifici residenziali e nei luoghi destinati ad uso pubblico;

- eseguire lavori o compiere altri atti che causino un elevato inquinamento acustico, vibrazioni, inquinamento atmosferico o che turbino in altro modo le condizioni di vita delle persone nei luoghi abitati adiacenti;

- accumulare rifiuti, gettare rifiuti e causare inondazioni nei seminterrati e nei locali ad uso tecnico, nelle scale e nei pianerottoli delle scale, nei sottotetti e in altri luoghi destinati ad uso pubblico...".

LA NORMATIVA

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE

28. 28. Il ricorrente lamentava che i rumori e gli altri fastidi causati dalle attività quotidiane del commissariato di polizia e del centro di detenzione temporanea situato nel seminterrato del suo condominio violavano il suo diritto al rispetto della sua vita privata e della sua casa. Egli si è basato sull'articolo 8 della Convenzione, che recita come segue:
"1. Ogni individuo ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, della sua casa e della sua corrispondenza.

2. 2. Non vi deve essere ingerenza da parte di un'autorità pubblica nell'esercizio di tale diritto, salvo che ciò sia conforme alla legge e sia necessario in una società democratica nell'interesse della sicurezza nazionale, dell'incolumità pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione di disordini o crimini, per la tutela della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui".

Ammissibilità
Applicabilità dell'articolo 8 nel caso di specie

a) I contributi del governo

29. Il Governo ha sostenuto che il danno asseritamente subito dal ricorrente a causa delle operazioni della stazione di polizia nel seminterrato del suo condominio non era tale da sollevare una questione ai sensi dell'art. 8 della Convenzione. A parere del Governo, il ricorrente non aveva dimostrato, mediante documentazione o materiale pertinente, le sue affermazioni secondo cui il livello di rumore nel suo appartamento aveva raggiunto la soglia di gravità per l'applicabilità dell'art. 8. Il Governo ha fatto riferimento all'ispezione sanitaria che era stata effettuata nell'edificio del ricorrente il 20 febbraio 2006 e ha sottolineato che il rapporto di ispezione aveva indicato che le norme sanitarie applicabili erano state violate. A tale riguardo hanno rilevato che la sentenza del tribunale della città di Kostomukshskiy è stata emessa il 29 settembre 2000, vale a dire sei anni prima di tale ispezione. La ricorrente non ha presentato alcuna prova che le circostanze rivelate dall'ispezione fossero esistite nel 2000. Il governo ha ritenuto che, a causa del notevole lasso di tempo intercorso tra la pronuncia della sentenza e l'ispezione, i risultati di tale ispezione non potevano essere applicati retroattivamente.

b) Osservazioni della ricorrente

30. Il ricorrente ha sostenuto che l'inquinamento acustico derivante dalle attività del commissariato di polizia ha seriamente pregiudicato la sua vita privata e il godimento della sua abitazione, tanto da invocare la tutela dell'art. 8. Egli ha anche sostenuto che ha avuto un impatto negativo significativo sulla sua salute fisiologica e psicologica (si vedano anche le osservazioni del ricorrente riassunte al successivo punto 47).

c) La valutazione della Corte

31. 31. Alla luce delle osservazioni delle parti, la Corte deve quindi innanzitutto stabilire se la situazione lamentata dal ricorrente debba essere esaminata ai sensi dell'art. 8 della Convenzione, ossia se l'art. 8 sia applicabile nel caso di specie e se il Tribunale sia competente ratione materiae ad esaminare nel merito la rispettiva denuncia.
32. La Corte ha ritenuto che non esiste un diritto esplicito nella Convenzione ad un ambiente pulito e tranquillo, ma quando un individuo è direttamente e gravemente colpito da rumore o da altro inquinamento, può sorgere una questione ai sensi dell'articolo 8 (cfr. Hatton e altri c. Regno Unito [GC], n. 36022/97, § 96, CEDU 2003-VIII (con ulteriori riferimenti)). La Corte sottolinea inoltre che gli effetti negativi dell'inquinamento ambientale devono raggiungere un certo livello minimo per rientrare nell'ambito di applicazione dell'articolo 8.

La valutazione di tale minimo è relativa e dipende da tutte le circostanze del caso, come l'intensità e la durata del disturbo e i suoi effetti fisici o mentali (cfr. Fadeyeva c. Russia, no. 55723/00, §§ 68-9, CEDU 2005-IV (con ulteriori riferimenti), e Oluić c. Croazia, n. 61260/08, § 49, 20 maggio 2010). Inoltre, un grave inquinamento ambientale può influire sul benessere delle persone e impedire loro di godere della propria casa in modo tale da incidere negativamente sulla loro vita privata e familiare, senza tuttavia mettere seriamente a repentaglio la loro salute (cfr. López Ostra c. Spagna, sentenza del 9 dicembre 1994, serie A, n. 303-C, § 51).

33. Di conseguenza, nell'effettuare l'analisi di cui all'articolo 8, la Corte deve stabilire se il disturbo causato dalle attività quotidiane della stazione di polizia ha raggiunto il livello minimo di gravità richiesto per costituire un'interferenza ai sensi dell'articolo 8. A tale riguardo, la Corte rileva che, con particolare riguardo al rumore nel suo appartamento, il ricorrente non ha presentato alcuna prova diretta che dimostri che esso abbia superato i livelli accettabili o che siano state effettuate misurazioni pertinenti. Tuttavia, la Corte prende atto del rapporto di ispezione emesso dall'agenzia statale per la tutela dei consumatori il 20 febbraio 2006, che attesta i reclami del ricorrente.

Le sue conclusioni indicano il mancato rispetto da parte delle autorità statali delle norme nazionali applicabili in materia di rumore in particolare, e di altri disturbi in generale, come i depositi di rifiuti non regolamentati e il cattivo stato sanitario dei locali (cfr. paragrafo 19). Il fatto che la presente relazione sia stata redatta nel 2006 non è determinante per la presente analisi, in quanto ha solo evidenziato e formalizzato ulteriormente i fastidi sui quali il ricorrente aveva costantemente informato le autorità fin dal 1996 nelle sue denunce a vari organismi. Esso affermava le accuse da lui formulate nel 2000, e il Governo non ha dimostrato che i fastidi sono sorti solo nel 2006. Inoltre, il Tribunale della città di Kostomuksha della Repubblica di Kareliya, dopo aver ascoltato il ricorrente e i testimoni, ha stabilito che il diritto del ricorrente ad un riposo pacifico era stato violato dalle attività della stazione di polizia e dal rumore proveniente dalle celle di detenzione. Dal fascicolo del caso risulta che le stesse autorità statali hanno ammesso che il posto di polizia si trovava in un edificio non destinato ad ospitarlo (cfr. punto 4). Gli sforzi delle autorità nell'esecuzione della sentenza si sono concentrati sulla ricerca di un luogo adatto per il trasferimento del posto di polizia, ma non sono state adottate misure concrete per porre rimedio alla situazione che si è protratta per più di dieci anni per il richiedente. Infine, anche se non risulta dal materiale della causa che la salute della ricorrente sia stata messa in pericolo nel momento in questione, il Tribunale ritiene tuttavia, sulla base delle affermazioni della ricorrente e del materiale del fascicolo, che nel corso di tredici anni la ricorrente abbia sofferto, durante il giorno e la notte, a causa delle attività della stazione di polizia e della cattiva manutenzione sanitaria dei suoi locali. Di conseguenza, considerando tali prove, il Tribunale ritiene che i disordini, derivanti dall'alloggio del posto di polizia nell'edificio residenziale, la cui illegittimità è stata ammessa dal dipartimento di polizia locale (v. punto 4) e che sono proseguiti per diversi anni, hanno avuto un effetto composto e duraturo sulla vita privata del ricorrente e sul godimento della sua abitazione.

34. Pertanto, la Corte ritiene che il diritto del ricorrente al rispetto della sua vita privata e al godimento della sua abitazione sia stato pregiudicato e che l'articolo 8 sia, pertanto, applicabile nel caso di specie e che la Corte sia competente ratione materiae ad esaminare il reclamo del ricorrente ai sensi dell'articolo 8.

Lo status di vittima del ricorrente

35. Il Governo ha inoltre sostenuto che il richiedente ha perso il suo status di vittima perché aveva venduto il suo appartamento a terzi.
36. 36. Il ricorrente ha sottolineato che, nonostante la vendita del suo appartamento e il suo "forzato" trasferimento in un altro appartamento, ha continuato ad essere vittima della presunta violazione.
37. 37. La Corte ribadisce che le misure favorevoli adottate dalle autorità nazionali priveranno il richiedente dello status di vittima solo se la violazione sarà riconosciuta espressamente, o almeno nella sostanza, e se sarà successivamente sanata (cfr. Sakhnovskiy c. Russia [GC], n. 21272/03, § 67, 2 novembre 2010, e Scordino c. Italia (n. 1) [GC], no. 36813/97, § 180, CEDU 2006-V (con ulteriori riferimenti). La Corte rileva che nel caso di specie, anche se il giudice nazionale ha espressamente riconosciuto la violazione dei diritti del ricorrente, egli non ha ricevuto alcun risarcimento. La richiesta del ricorrente per danni non pecuniari è stata respinta dal tribunale nazionale e il Governo non ha dimostrato che il ricorrente abbia ricevuto altri risarcimenti. Né la Corte concorda con l'argomentazione del Governo secondo cui il richiedente ha cessato di essere vittima della presunta violazione perché ha venduto il suo appartamento. La Corte ritiene che lo status di vittima del ricorrente nel presente caso possa essere paragonato a quello del ricorrente nel caso di López Ostra, citato sopra (§§ 41-2), in cui la Corte ha ritenuto che una persona che era stata costretta da condizioni ambientali avverse ad abbandonare la sua casa e successivamente ad acquistare un'altra casa non ha cessato di essere una vittima. Pertanto, il fatto che il ricorrente abbia venduto il suo appartamento, ne abbia acquistato uno nuovo con fondi propri e vi si sia trasferito non lo priva dello status di vittima.
38. 38. Alla luce delle considerazioni di cui sopra, la Corte respinge l'obiezione del Governo in merito alla perdita dello status di vittima da parte del ricorrente e dichiara che egli rimane vittima della presunta violazione dell'articolo 8 della Convenzione.

Esaurimento dei rimedi interni

39. Il Governo ha sostenuto che il ricorrente non aveva esaurito i mezzi di ricorso interni in relazione alla sua denuncia perché non aveva presentato una denuncia civile per la continua presenza della stazione di polizia e delle celle di detenzione temporanea nel seminterrato dell'edificio in cui risiedeva e non ne aveva specificamente richiesto il trasferimento.
40. 40. Il ricorrente non era d'accordo e sosteneva di aver esaurito tutti i mezzi di ricorso interni a sua disposizione.
41. 41. La Corte rileva che il 29 settembre 2000 il Tribunale della città di Kostomuksha della Repubblica di Kareliya ha esaminato la denuncia che il ricorrente ha successivamente presentato dinanzi ad esso. Il tribunale nazionale ha rilevato una violazione del diritto del ricorrente "al riposo pacifico" e ha dato un ordine concreto e chiaro alle autorità locali di porre rimedio alla situazione di cui il ricorrente aveva presentato la denuncia. Il ricorrente ha anche lamentato due volte la mancata esecuzione di questa sentenza, ma i suoi reclami sono stati respinti dai tribunali nazionali (cfr. paragrafi 16-18).
42. 42. La Corte ribadisce che il richiedente è tenuto a fare un uso normale dei rimedi nazionali che sono efficaci, sufficienti e accessibili. Essa osserva inoltre che, nel caso in cui vi sia un certo numero di rimedi che una persona può esperire, essa ha il diritto di scegliere un rimedio che affronti il suo reclamo essenziale (cfr. Oluić, citato sopra, § 35, e i riferimenti in esso contenuti). Di conseguenza, la Corte ritiene che la presentazione da parte del ricorrente di un ulteriore reclamo più specifico sarebbe un rimedio che, secondo la sua giurisprudenza, non era tenuto ad esaurire. Egli ha chiaramente formulato la sua principale lamentela relativa all'inquinamento acustico e ad altri fastidi e le sue richieste nel procedimento civile dinanzi al Tribunale della città di Kostomuksha della Repubblica di Kareliya, e il tribunale nazionale le ha esaminate di conseguenza (si veda il precedente paragrafo 7). La Corte non accetta pertanto l'argomentazione del governo secondo cui il ricorrente avrebbe dovuto chiedere specificamente il trasferimento della stazione di polizia in un procedimento separato.
43. 43. Di conseguenza, la Corte è convinta che il ricorrente abbia esaurito i mezzi di ricorso interni in relazione alla sua denuncia e respinge l'obiezione del Governo a tale riguardo.

Conclusione

44. 44. La Corte rileva che questa denuncia non è manifestamente infondata ai sensi dell'articolo 35, paragrafo 3, lettera a), della Convenzione. Rileva inoltre che non è inammissibile per altri motivi. Essa deve pertanto essere dichiarata ammissibile.

Merito
Le osservazioni della ricorrente

45. Il richiedente ha dichiarato che il suo condominio era destinato solo ad un uso residenziale ordinario da parte dei suoi abitanti e che il piano interrato doveva essere utilizzato come deposito per biciclette e sci o come spazio per la lavanderia. La casa era stata costruita da operai edili finlandesi sul modello di case simili in Finlandia. Le norme che regolano la costruzione delle stazioni di polizia ("SP 12-95 del Ministero dell'Interno") prevedevano che non dovessero essere situate in prossimità di edifici residenziali e che dovessero essere dotate di tutte le necessarie recinzioni, isolamento acustico e servizi igienici, cosa possibile solo in un edificio separato. Secondo la normativa edilizia vigente ("Allegato 1 al SNiP 2.08.02-89"), l'elenco delle "istituzioni di interesse pubblico" comprendeva gli istituti di istruzione e di ricerca scientifica, gli asili nido, le strutture di formazione delle risorse umane, le agenzie di proposta e gestione dei progetti, le organizzazioni civiche e i centri sanitari e ricreativi. Le stazioni di polizia non figuravano in tale elenco. Né erano autorizzati ad occupare i piani interrati degli edifici ("Allegato 4 di SNiP 2.08.02-89").

46. 46. Secondo il ricorrente, al momento dell'acquisto dell'appartamento non era e non avrebbe potuto essere a conoscenza del fatto che nell'edificio si trovavano celle di detenzione temporanea. Il venditore dell'appartamento non lo aveva informato dei fastidi legati alla presenza del commissariato di polizia, e quando finalmente ne è venuto a conoscenza, il periodo di riflessione durante il quale avrebbe potuto annullare il contratto di vendita dell'appartamento era già trascorso.

47. 47. Il ricorrente ha inoltre sostenuto di aver dimostrato che i rumori provenienti dal commissariato di polizia avevano avuto un impatto negativo sulla sua salute per oltre tredici anni. In particolare, egli poteva sentire costantemente l'andirivieni dei veicoli della polizia, persone che venivano portate alla stazione di polizia in stato di ebbrezza alcolica o stupefacente e detenuti che urlavano e bussavano alle porte. Non riusciva a riposare o a dormire bene, doveva andare al lavoro esausto, ed era in pessimo stato psicologico. Il rapporto del 20 febbraio 2006 redatto dall'ispettore dell'agenzia per la tutela dei consumatori ha confermato le affermazioni del richiedente. Il ricorrente affermava inoltre che il rumore aveva avuto un impatto negativo significativo sulla sua salute fisiologica e psicologica. Il ricorrente ha presentato certificati medici che dimostrano che nell'agosto 2004 gli era stata diagnosticata la sindrome depressivo-ipocondriaca (disturbo d'ansia da malattia) e nel giugno 2006 la bradicardia sinusale e la gastrite cronica.
48. 48. Infine, il ricorrente affermava che "la questione del trasferimento" non era stata risolta, in quanto non era chiaro dove e quando la stazione di polizia sarebbe stata effettivamente trasferita. Nel 2008 era ancora situata nello stesso edificio, continuando le sue attività quotidiane.

Le proposte del Governo

49. Il Governo ha sostenuto che la collocazione di negozi, aziende e uffici in edifici residenziali è una consuetudine mondiale ed è considerata "una necessità oggettiva". Ha inoltre sostenuto che la collocazione della stazione di polizia nell'edificio era conforme alle norme edilizie e abitative del 1971, in vigore nel 1979, quando la stazione di polizia fu trasferita nell'edificio del richiedente. In particolare, tale regolamento aveva consentito, tra l'altro, la collocazione di "istituzioni di interesse pubblico" nei piani interrati degli edifici residenziali, e i commissariati di polizia non erano elencati tra le organizzazioni che non erano espressamente autorizzate ad essere ospitate negli edifici residenziali.
50. Secondo il Governo, quando il richiedente aveva acquistato il suo appartamento, sapeva o avrebbe dovuto sapere (in qualità di residente locale, o dopo aver visto la relativa targa sull'edificio, o in occasione dell'ispezione dell'appartamento) che la stazione di polizia si trovava nell'edificio. Come parte di un contratto, aveva accettato questa condizione di propria volontà e aveva acquistato l'appartamento. Anche se avesse scoperto i fastidi dopo la vendita, avrebbe potuto chiedere la cancellazione del contratto di vendita secondo le rispettive disposizioni del Codice Civile russo. Tuttavia, non lo aveva fatto.
51. 51. Inoltre, il governo ha insistito affinché le autorità adottassero misure proattive per dare esecuzione alla sentenza del 29 settembre 2000. In particolare, avevano preso in considerazione diverse possibilità di trasferimento della stazione di polizia e avevano infine proposto un edificio libero al dipartimento di polizia, che aveva acconsentito al trasferimento. La sentenza del 29 settembre 2000 era stata eseguita perché aveva dichiarato che le autorità locali avevano solo l'obbligo di "risolvere la questione del trasferimento della stazione di polizia" in un altro luogo, e che ciò era stato fatto. I tribunali nazionali non avevano richiesto specificamente alla stazione di polizia di "lasciare effettivamente i locali o di trasferirsi altrove". Tali richieste sono state considerate come un'azione civile separata, e il richiedente avrebbe dovuto specificamente portarle dinanzi ai tribunali nazionali, ma non lo ha fatto.
52. 52. Infine, il Governo ha sostenuto che le misure per garantire l'effettivo trasferimento del posto di polizia erano state adottate dalle autorità, ma che sarebbe stato necessario un certo tempo in quanto il nuovo edificio richiedeva una ristrutturazione completa, per la quale le autorità dovevano ottenere il finanziamento presentando le relative richieste agli organi responsabili della gestione del bilancio comunale e federale (cfr. paragrafi 20-23). Facendo riferimento alle cause Osman c. Regno Unito [GC], n. 23452/94, 28 ottobre 1998, § 116, CEDU 1998-VIII e Hatton e altri, citate in precedenza, §§ 100-01, il Governo ha sostenuto che doveva essere loro concesso un ampio margine di apprezzamento nell'operare le sue scelte operative in termini di priorità e risorse disponibili. Pertanto, il trasferimento della stazione di polizia non è stato possibile fino a quando tutte le questioni finanziarie e organizzative non sono state risolte "in conformità con la legislazione nazionale" e nel modo "che [il Governo] ritiene più accettabile".

La valutazione della Corte

53. 53. La Corte rileva che le attività quotidiane della stazione di polizia nella presente causa hanno interferito direttamente con i diritti del richiedente ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione e che pertanto l'interferenza doveva essere giustificata ai sensi del paragrafo 2 di tale disposizione. Le autorità statali hanno goduto di un ampio margine di discrezionalità nel determinare le misure da adottare per risolvere questo problema e per trovare il necessario equilibrio tra gli interessi concorrenti del pubblico e del richiedente e, in ogni caso, erano in una posizione migliore rispetto a un tribunale internazionale per valutare le esigenze e le condizioni locali (cfr. Hatton e altri, citati rispettivamente al § 98 e al § 97). Tuttavia, la Corte ritiene che le misure ordinate dalle autorità nazionali nel caso di specie siano state insufficienti, non essendo state applicate in modo tempestivo ed efficace, o non siano state affatto adottate.
54. In particolare, già nel 1996 il ricorrente aveva avvertito le autorità dei problemi nel suo edificio residenziale causati dalle attività della stazione di polizia. Tuttavia, anche se il capo del dipartimento di polizia locale ha ammesso nella sua risposta al ricorrente che la stazione di polizia era ospitata in un edificio "non designato a tale scopo", non sono stati presi ulteriori provvedimenti al riguardo, essendo stato informato che il trasferimento della stazione di polizia non era in realtà possibile (cfr. paragrafo 4). Inoltre, sembra che le autorità non abbiano reagito in alcun modo ad una denuncia collettiva presentata dal ricorrente e dai suoi vicini nel maggio 2000 (cfr. paragrafo 5).
55. 55. La Corte fa inoltre riferimento alla sentenza del 20 settembre 2000, in cui il tribunale nazionale ha riconosciuto una violazione del diritto al riposo pacifico del ricorrente a causa della presenza della stazione di polizia nel suo edificio residenziale. Tuttavia, la Corte ritiene che le autorità statali abbiano adottato un approccio formalistico nell'interpretare il dispositivo di tale sentenza (cfr. paragrafi 16, 18 e 51), causando così notevoli ritardi nei procedimenti esecutivi, che non hanno fatto altro che prolungare le sofferenze del ricorrente per il rumore e altri fastidi (cfr., per un ragionamento analogo, Cuenca Zarzoso c. Spagna, n. 23383/12, §§ 50-1, 16 gennaio 2018, e Moreno Gómez c. Spagna, n. 4143/02, § 61, ECHR 2004-X). A questo proposito, la Corte è consapevole delle difficoltà e dei ritardi che le autorità incontrano tipicamente nel reperire e stanziare le risorse necessarie e nell'assicurare i finanziamenti necessari per progetti pubblici come quello del caso in esame. Tuttavia, nel caso del ricorrente, le autorità hanno impiegato quasi sette anni dal giorno in cui è stata emessa la sentenza a favore del ricorrente per approvare il progetto e il relativo bilancio per la costruzione di una nuova stazione di polizia (cfr. paragrafi 21 e 23). La Corte non ha ricevuto alcuna informazione sulle ragioni di tale ritardo, sul fatto che nel frattempo siano stati svolti lavori e trattative tra le agenzie a tale riguardo o che si sarebbe potuta proporre una soluzione temporanea (ossia il trasferimento temporaneo della stazione di polizia o di un alloggio comunale provvisorio per il richiedente) in attesa della risoluzione definitiva del problema. Secondo la Corte, e in mancanza di una spiegazione ragionevole da parte del Governo, tale processo ha richiesto un tempo incommensurabilmente lungo, che ha reso le misure adottate dalle autorità statali inefficaci e incapaci di proteggere efficacemente i diritti del richiedente.

56. 56. Infine, sembra che una stazione di polizia non sia stata designata tra le "istituzioni di interesse pubblico" che potrebbero essere situate in edifici residenziali (si vedano le osservazioni del ricorrente al precedente paragrafo 45 e anche al precedente paragrafo 27). Anche se il Governo ha ragione nell'affermare che la collocazione della stazione di polizia nel seminterrato dell'edificio residenziale del ricorrente era legale al momento della sua costruzione (ai sensi del regolamento edilizio del 1971), e supponendo che tale sistemazione fosse effettivamente conforme alla normativa applicabile, nel 2006 le autorità statali sono state messe a conoscenza da uno dei loro organi (agenzia regionale per la tutela dei consumatori) di essere in violazione delle norme e dei regolamenti sanitari applicabili all'epoca (si veda il precedente paragrafo 19); tuttavia non è stata intrapresa alcuna azione concreta per ridurre i fastidi di cui la ricorrente ha sofferto, e il processo di trasferimento della stazione di polizia incaricato dal tribunale della città di Kostomuksha della Repubblica di Kareliya come soluzione è stato indebitamente protratto fino al 2008. Questa situazione è continuata per tredici anni nei confronti del ricorrente e ha fatto sì che quest'ultimo si considerasse obbligato a vendere il suo appartamento nel 2008 e a trasferirsi in un altro appartamento che aveva acquistato con le proprie finanze.
57. 57. In queste circostanze, la Corte ritiene che lo Stato non sia riuscito a trovare un giusto equilibrio tra l'interesse della comunità locale a beneficiare della protezione della pace e della sicurezza pubblica e l'effettiva applicazione delle leggi da parte delle forze di polizia e l'effettivo godimento da parte del richiedente del suo diritto al rispetto della sua vita privata e della sua casa. Di conseguenza, si è verificata una violazione dell'articolo 8 della Convenzione.

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 6 § 1 E DELL'ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE

58. 58. Il ricorrente si è inoltre lamentato, ai sensi dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, della mancata esecuzione della sentenza emessa a suo favore. Egli ha anche denunciato una violazione dell'articolo 13 della Convenzione a tale riguardo, in quanto non disponeva di alcun rimedio effettivo a sua disposizione per quanto riguarda la sua denuncia ai sensi dell'articolo 8.
59. Tuttavia, alla luce dei fatti della causa, delle osservazioni delle parti e delle conclusioni di cui sopra ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione, la Corte ritiene che non sia necessario esaminare separatamente queste due denunce (cfr. Centro per le risorse giuridiche per conto di Valentin Câmpeanu c. Romania [GC], no. 47848/08, § 156, CEDU 2014, con ulteriori riferimenti).

ALTRE PRESUNTE VIOLAZIONI DELLA CONVENZIONE

60. Infine, il ricorrente ha sollevato alcuni reclami supplementari con riferimento all'art. 3 della Convenzione e all'art. 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione. Tuttavia, tenuto conto di tutto il materiale in suo possesso, e nella misura in cui è competente ad esaminare le denunce, la Corte non ha riscontrato alcun indizio di violazione dei diritti e delle libertà garantiti dalla Convenzione o dai suoi protocolli in relazione a quella parte della sua domanda. Ne consegue che tale parte deve essere respinta ai sensi dell'articolo 35 §§ 3 (a) e 4 della Convenzione.

APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE

61. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se il Tribunale constata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente un risarcimento solo parziale, il Tribunale, se necessario, dà giusta soddisfazione alla parte lesa".

Danni

62. La ricorrente ha chiesto 146.590,90 euro (EUR) per danni non pecuniari per violazione dell'articolo 8 della Convenzione.

63. Il Governo ha ritenuto tale richiesta eccessiva e irragionevole.

64. 64. La Corte ritiene che gli effetti che i fastidi hanno avuto sul diritto del ricorrente al rispetto della sua vita privata e della sua casa non possono essere compensati dalla semplice constatazione di una violazione; tuttavia, la somma da lui richiesta appare eccessiva. Effettuando la sua valutazione su base equa e tenendo conto della natura della violazione accertata, il Tribunale concede al ricorrente EUR 5.000 a titolo di risarcimento del danno morale, più le imposte eventualmente esigibili su tale importo.
Costi e spese

65. Il richiedente ha inoltre chiesto l'importo di 65.122 EUR per le spese e i costi sostenuti dinanzi ai tribunali nazionali e alla Corte.
66. 66. Il governo ha risposto che il richiedente non ha presentato alcuna prova dei costi e delle spese sostenute.
67. 67. La Corte rileva che il 28 agosto 2008 è stata accolta la richiesta di assistenza legale del richiedente.
68. 68. Secondo la giurisprudenza della Corte, un richiedente ha diritto al rimborso dei costi e delle spese solo nella misura in cui è stato dimostrato che questi sono stati effettivamente e necessariamente sostenuti e che sono ragionevoli quanto al loro ammontare. Nel caso di specie, tenuto conto dei documenti in suo possesso e del fatto che alla ricorrente è stato concesso il patrocinio a spese dello Stato, il Tribunale respinge la domanda supplementare di rimborso delle spese della ricorrente.
Interessi di mora
69. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, al quale vanno aggiunti tre punti percentuali.

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,

1. Dichiara ricevibile la denuncia ai sensi dell'art. 8 della Convenzione relativa ai fastidi causati dalle attività del commissariato di polizia nell'edificio residenziale del ricorrente;
Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 8 della Convenzione;
2. Dichiara che non è necessario esaminare separatamente la denuncia ai sensi dell'articolo 6 § 1 della Convenzione relativa alla mancata esecuzione della sentenza emessa a favore del ricorrente e la denuncia ai sensi dell'articolo 13 presa in combinato disposto con l'articolo 8 della Convenzione;
2. Dichiara il resto del ricorso irricevibile;
è accolto il seguente indirizzo:
(a) che lo Stato convenuto paghi all'istante, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, 5.000 euro (cinquemila euro), oltre alle imposte eventualmente dovute, per danni non patrimoniali, da convertire nella valuta dello Stato convenuto al tasso applicabile alla data del regolamento;
(b) che a partire dalla scadenza dei tre mesi sopra indicati fino al regolamento saranno dovuti interessi semplici sull'importo di cui sopra ad un tasso pari al tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea durante il periodo di inadempienza, maggiorato di tre punti percentuali;
3) La parte restante del credito del richiedente è respinta per giusta soddisfazione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 1° dicembre 2020, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.

Milan Blaško Paul Lemmens
Presidente della cancelleria