Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

sentenze

Pistola giocattolo senza tappo rosso (Cass. 465946/18)

16 Ottobre 2018, Cassazione penale
pistola arma giocattolo
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Il semplice uso o porto fuori della propria abitazione di un giocattolo riproducente un'arma sprovvisto di tappo rosso non è previsto dalla legge come reato.

L'uso o porto fuori della propria abitazione di un tale giocattolo assume rilevanza penale soltanto se mediante esso si realizzi un diverso reato del quale l'uso o porto di un'arma rappresenti elemento costitutivo o circostanza aggravante, come avviene quando il giocattolo riproducente un'arma, sprovvisto di tappo rosso, sia usato nei delitti di rapina aggravata.

 

Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza 19 luglio – 16 ottobre 2018, n. 46946
Presidente Diotallevi – Relatore Verga

Motivi della decisione

Ricorre per Cassazione GA. Ro. avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste che il 6.2.2017 ha confermato la sentenza del GIP del Tribunale di Pordenone che il 30.3.2016 lo aveva condannato per furto aggravato di autovettura e rapina in danno di Sa. Um.
Deduce il ricorrente
1. Vizio di motivazione in ordine alla ritenuta responsabilità per il reato di furto. Ammette di avere saputo di essersi recato presso la tabaccheria dove era stata perpetrata la rapina da lui confessata, ma esclude di avere partecipato al furto
2. Violazione di legge in ordine alla sussistenza dell'aggravante dell'arma considerato che si trattava di arma giocattolo
3. Difetto di motivazione in ordine al diniego delle circostanze attenuanti generiche e all'entità della pena
Il primo motivo di ricorso è palesemente inammissibile in quanto il ricorrente ha proposto doglianze che si riflettono esclusivamente sui criteri di valutazione del materiale indiziario, puntualmente delibato dei giudici del gravame i quali hanno offerto - su tutti i punti della vicenda, ora nuovamente rievocati dal ricorrente - una motivazione del tutto esauriente, contestabile solo proponendo una non consentita lettura alternativa dei fatti. Correttamente è stata ritenuta l'aggravante dell'uso dell'arma.
Il semplice uso o porto fuori della propria abitazione di un giocattolo riproducente un'arma sprovvisto di tappo rosso non è previsto dalla legge come reato. L'uso o porto fuori della propria abitazione di un tale giocattolo assume rilevanza penale soltanto se mediante esso si realizzi un diverso reato del quale l'uso o porto di un'arma rappresenti elemento costitutivo o circostanza aggravante, come avviene quando il giocattolo riproducente un'arma, sprovvisto di tappo rosso, sia usato nei delitti di rapina aggravata (Cass SSUU n. 3394 del 1992 Rv. 189520). Nel caso in esame è stato accertato in fatto l'uso nella realizzazione della rapina di un'arma giocattolo priva di tappo rosso.
Con riguardo al terzo motivo deve rilevarsi che la motivazione offerta dai giudici a quibus in tema di diniego delle attenuanti generiche e di valutazione della congruità del trattamento sanzionatorio applicato in prime cure si rivela del tutto coerente e congrua, a fronte di doglianze aspecifiche, dedotte sul punto in sede di ricorso.
Alla declaratoria di inammissibilità del ricorso segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento alla Cassa delle ammende di una somma che, alla luce dei principi affermati dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 186 del 2000, sussistendo profili di colpa, si stima equo determinare in Euro 2.000,00

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 2.000,00 alla Cassa delle ammende