Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Perquisizione di un avvocato senza garanzie a tutela del segreto professionale (Corte Edu, Saergava, 2021)

16 Novembre 2021, Corte europea per i diritti dell'Uomo
polizia swat lego foramzione
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Nel contesto delle perquisizioni e dei sequestri, il diritto interno deve fornire una certa protezione all'individuo contro le interferenze arbitrarie con i diritti dell'articolo 8 CEDU; è necessario approntare specifiche garanzie procedurali quando si tratta di proteggere la riservatezza degli scambi tra gli avvocati e i loro clienti.

Viola la Convenzione un mandato di perquisizione nei confronti di un avvocato che non preveda alcuna disposizione per la salvaguardia dell'eventuale materiale privilegiato protetto dal segreto professionale. 

Viola la Convenzione il diritto interno che non abbia regole specifiche sulla procedura da seguire nel caso in cui l'avvocato o il suo rappresentante si opponga al sequestro o all'esame del contenuto con riferimento alla riservatezza avvocato-cliente.

La mancanza di garanzie procedurali relative specificamente alla tutela della riservatezza professionale degli avvocati non soddisfa già i requisiti derivanti dal criterio che l'ingerenza deve essere conforme alla legge ai sensi dell'articolo 8 § 2 della Convenzione.

(traduzione informale canestriniLex.com)

Corte europea per i diritti dell'Uomo

TERZA SEZIONE

CASO DI SÄRGAVA c. ESTONIA

(Applicazione n. 698/19)

SENTENZA

STRASBURGO

16 novembre 2021




Questa sentenza diventerà definitiva nelle circostanze di cui all'articolo 44 § 2 della Convenzione. Essa può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Särgava c. Estonia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (terza sezione), riunita in sezione composta da:
Georges Ravarani, Presidente,
Georgios A. Serghides,
Dmitry Dedov,
Darian Pavli,
Peeter Roosma,
Anja Seibert-Fohr,
Andreas Zünd, giudici,
e Milan Blaško, cancelliere di sezione,
visto:
il ricorso (n. 698/19) contro la Repubblica di Estonia presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino estone, il signor Viktor Särgava ("il ricorrente"), il 17 dicembre 2018
la decisione di notificare al governo estone ("il governo") la denuncia ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione relativa al sequestro e all'esame del computer portatile e del telefono cellulare del ricorrente (un avvocato);
le osservazioni delle parti;
la decisione di accogliere l'obiezione del governo all'esame della domanda da parte di un comitato;
avendo deliberato in privato il 12 ottobre 2021,
emette la seguente sentenza, adottata in tale data:
INTRODUZIONE

1. La questione principale nella presente causa è se il diritto interno fosse sufficientemente chiaro e offrisse le garanzie necessarie per la protezione del segreto professionale in caso di sequestro e successivo esame del computer portatile e del telefono cellulare di un avvocato.

I FATTI

2. Il ricorrente è nato nel 1982 e vive a Tallinn. È stato rappresentato dal signor T. Lindma, un avvocato che esercita a Tallinn.

3. Il governo era rappresentato dal suo agente, la signora M. Kuurberg, del ministero degli Affari esteri.

4. I fatti del caso, come presentati dalle parti, possono essere riassunti come segue.

LA PERQUISIZIONE E IL SEQUESTRO

5. Il ricorrente è un avvocato (advokaat) e socio di uno studio legale.

6. Il governo ha affermato che il ricorrente lavorava anche come imprenditore accanto alla sua attività professionale di avvocato. Era stato membro del consiglio di amministrazione e/o azionista di diverse società. Era stato, tra l'altro, un azionista della società S, inizialmente come persona fisica e successivamente attraverso un'altra società L. Il governo ha aggiunto che secondo il sospetto penale queste società erano state sotto il controllo dei leader di un'organizzazione criminale ed erano collegate al sospetto sollevato contro il ricorrente.

7. Il 26 ottobre 2016 il Consiglio di polizia e delle guardie di frontiera (di seguito "il PBGB") avviò un procedimento penale contro una presunta organizzazione criminale e riguardante il riciclaggio di denaro. Il ricorrente era sospettato, tra l'altro, di appartenere a un'organizzazione criminale. Secondo il sospetto, il ruolo del ricorrente, in quanto persona con una formazione giuridica, era quello di gestire le società collegate all'organizzazione criminale, di redigere i relativi documenti e di garantire che le relative transazioni fossero giuridicamente corrette. Era inoltre sospettato, in relazione alla società S, di aver utilizzato un documento contraffatto e di aver fornito aiuto nel tentativo di provocare l'insolvenza.

8. Il 12 febbraio 2018, nell'ambito del suddetto procedimento e su richiesta del procuratore dello Stato, il giudice per le indagini preliminari (eeluurimiskohtunik) del tribunale della contea di Harju ha autorizzato una perquisizione dello studio legale del ricorrente e una perquisizione della sua abitazione e dei suoi veicoli, e ha anche disposto il fermo del ricorrente come sospettato per quarantotto ore. Il presente ricorso riguarda gli oggetti sequestrati durante la perquisizione dell'abitazione e dell'auto del ricorrente.

9. Il procuratore dello Stato, nella richiesta di autorizzare la perquisizione dell'abitazione e dei veicoli del ricorrente, ha osservato che il ricorrente sarebbe stato coinvolto nella redazione di documenti relativi ad attività criminali. La richiesta comportava una descrizione dettagliata delle attività criminali di cui il ricorrente era sospettato. Tra gli altri aspetti, si menzionava che il ricorrente era un azionista della società S.

Il procuratore di Stato ha chiesto al tribunale di autorizzare una perquisizione al fine di ottenere informazioni rilevanti sulle comunicazioni e le transazioni tra i membri dell'organizzazione criminale sia in forma cartacea che elettronica. La richiesta si riferiva a vari supporti di dati (andmekandjad) come chiavette USB, schede di memoria, dischi rigidi, e anche dispositivi elettronici, come computer e telefoni. Il Procuratore di Stato ha prima elencato specificamente le società (tra cui la società S), le persone fisiche e le circostanze in relazione alle quali le informazioni erano richieste, aggiungendo che "oltre al materiale di cui sopra, sarebbero stati richiesti anche altri documenti, corrispondenza e oggetti che potrebbero comportare informazioni probatorie nel caso penale". Il procuratore ha sottolineato che, considerando il materiale raccolto fino a quel momento nel procedimento penale e le informazioni criminologiche generali, c'era motivo di credere che le informazioni richieste potessero essere trovate a casa del ricorrente e nei suoi veicoli.
Il Procuratore di Stato ha ammesso che oltre alle informazioni rilevanti per il procedimento penale, il ricorrente potrebbe avere informazioni che riguardano la sua attività professionale di avvocato e che quindi non sarebbero rilevanti per il procedimento penale.

10. Il giudice per le indagini preliminari ha autorizzato la perquisizione nella misura richiesta dal procuratore di Stato a titolo di avallo (pealdis, cfr. paragrafo 31 infra). Nel caso in questione, ciò significa che non è stata redatta una decisione giudiziaria separata, ma l'autorizzazione del giudice è stata inserita nella sezione "risoluzione" di un programma informatico utilizzato per la firma digitale dei documenti. L'autorizzazione recitava: "Ai sensi dell'articolo 91 del codice di procedura penale, il giudice per le indagini preliminari autorizza una perquisizione nella residenza di Viktor Särgava all'indirizzo X, nonché nei suoi edifici e stanze ausiliari e nelle auto Y e Z utilizzate da Viktor Särgava al fine di trovare gli oggetti menzionati nella richiesta del pubblico ministero."

11. La mattina del 13 febbraio 2018 il ricorrente fu fermato e il suo telefono cellulare fu sequestrato dalla sua auto. Fu redatto un rapporto di sequestro. Nel rapporto si notava che il telefono cellulare sequestrato era stato posto in una borsa antistatica e sigillato da un adesivo di sicurezza numerato. Il ricorrente era stato informato che, se necessario, le informazioni relative ai suoi account di social media, la corrispondenza e il cloud storage potevano essere scaricati da Internet. Il richiedente ha annotato che aveva letto (tutvunud) il rapporto e lo ha firmato. Non ha aggiunto alcuna osservazione o commento sulle misure procedurali relative alla sua detenzione.

12. Lo stesso giorno fu effettuata una perquisizione nell'abitazione del ricorrente. Sua moglie e un avvocato nominato dal ricorrente erano presenti durante la perquisizione, mentre il ricorrente stesso ha assistito alla perquisizione che si svolgeva nel suo studio legale (si veda il paragrafo 13 di seguito). Il ricorrente ha condotto una conversazione telefonica con il suo avvocato durante la perquisizione. La moglie del ricorrente ha dichiarato che a suo parere gli oggetti ricercati non si trovavano nella loro casa, aggiungendo che suo marito normalmente non portava il lavoro a casa. A seguito della perquisizione, tra gli altri oggetti, è stato trovato e sequestrato un computer portatile. La moglie del ricorrente ha sottolineato che sia lei che suo marito usavano il computer portatile. È stato redatto un rapporto di perquisizione che descrive lo svolgimento della perquisizione e gli oggetti trovati e sequestrati. Secondo il rapporto, il computer portatile è stato messo in una "borsa di sicurezza" numerata (turvakott). Nella sezione "osservazioni" del rapporto, la moglie del ricorrente ha detto di aver letto il rapporto e di non avere commenti. Sia l'avvocato del ricorrente che sua moglie hanno firmato il rapporto di perquisizione.

13. Parallelamente alla perquisizione nell'abitazione del ricorrente è stata condotta anche una perquisizione del suo ufficio presso il suo studio legale. Il ricorrente era presente durante la perquisizione. In risposta alla proposta di consegnare gli oggetti perquisiti, il ricorrente ha osservato che il suo telefono cellulare era già stato sequestrato e che tutti i documenti elettronici erano nel suo computer che era stato inviato alla manutenzione. Egli ha dichiarato di non voler rivelare l'esatta ubicazione del computer in quanto conteneva informazioni su procedimenti penali relativi ai suoi vari clienti. Durante la perquisizione il ricorrente ha telefonato al suo avvocato, che era presente alla perquisizione che si svolgeva a casa del ricorrente. Nel suo ufficio non è stato sequestrato nulla. Il ricorrente ha firmato il rapporto di perquisizione e ha dichiarato di non avere alcuna osservazione o commento sullo svolgimento della perquisizione.

14. Il pomeriggio del 13 febbraio 2018 il ricorrente è stato interrogato come sospettato. Ha dichiarato di aver fornito consulenza legale ad altri indagati nel procedimento penale, nonché alle loro rispettive società, come parte delle sue attività professionali. Ha anche menzionato che le attività commerciali relative a una specifica società, S, di cui era azionista, non riguardavano le sue attività professionali di avvocato. Ha sottolineato che il suo "computer di casa" conterrebbe documenti riguardanti quella società S.

15. Tra il 13 e il 19 febbraio 2018 la PBGB ha copiato il contenuto completo del telefono cellulare del ricorrente e il disco rigido del suo computer portatile su un disco rigido esterno (copie speculari). È stato redatto un rapporto d'esame (vaatlusprotokoll), firmato da due ufficiali. Secondo il rapporto l'esaminatore aveva verificato che le borse in cui erano stati messi gli oggetti non erano state aperte in precedenza. Le copie dovevano essere conservate presso il deposito dati della PBGB. Il telefono cellulare è stato restituito al ricorrente il 14 febbraio 2018 e il portatile il 23 febbraio 2018.

16. Il 14 febbraio 2018 la PBGB ha chiesto allo studio legale del ricorrente di fornire loro le fatture per i servizi che lo studio legale aveva fornito a due sospetti nel caso penale, nonché alle società ad essi collegate. Il 27 marzo 2018 lo studio legale ha risposto di poter confermare di aver concluso contratti di consulenza legale (õigusabileping) con le suddette persone, osservando che il ricorrente era una delle persone che fornivano servizi legali. Facendo riferimento all'obbligo di riservatezza, non hanno fornito ulteriori informazioni sui servizi.

IL SUCCESSIVO PROCEDIMENTO INTERNO

17. Il 7 marzo 2018 il ricorrente presentò una domanda al PBGB, spiegando che il telefono cellulare e il computer portatile sequestrati appartenevano al suo studio legale e venivano utilizzati per la fornitura di servizi legali. Ha chiesto alla PBGB di non esaminare il telefono cellulare e il computer portatile, di non utilizzare il materiale copiato da essi come prova nel procedimento penale e di cancellare tutti i dati che potrebbero essere stati copiati.
18. Nella sua risposta del 21 marzo 2018, la PBGB spiegava che il fatto che il ricorrente avesse utilizzato il suo computer portatile per fornire servizi legali come avvocato, nonché per attività commerciali al di fuori della sua professione di avvocato, non significava che le garanzie previste dall'articolo 43, paragrafo 3, della legge sull'ordine degli avvocati (advokatuuriseadus; cfr. paragrafo 38 di seguito) coprivano il supporto dati nella sua interezza. Così facendo il ricorrente aveva consapevolmente creato una situazione per cui i dati in esso contenuti sarebbero stati sequestrati a seguito di una perquisizione. Lo scopo della perquisizione del domicilio del ricorrente non era quello di accedere e sequestrare i dati relativi all'attività professionale del ricorrente come avvocato, ma di ottenere informazioni sulle sue attività nella società S. La PBGB ha aggiunto che i dati sul portatile e sul telefono cellulare erano stati copiati e sarebbero stati ricercati sulla base di parole chiave. Altri file senza valore probatorio non sarebbero stati consultati.
19. Il 27 marzo 2018 il ricorrente presentò una denuncia all'Ufficio del procuratore generale. Facendo riferimento all'articolo 43, paragrafo 3, della legge sull'ordine degli avvocati, ha chiesto che il sequestro e le altre azioni procedurali intraprese in relazione al telefono cellulare e al computer portatile fossero dichiarati illegali, e che qualsiasi informazione ottenuta da questi supporti di dati non fosse utilizzata come prova in qualsiasi procedimento penale e fosse cancellata.
20. Il 26 aprile 2018 il procuratore dello Stato ha respinto il reclamo, rilevando che la perquisizione e il sequestro erano stati effettuati in conformità al codice di procedura penale (kriminaalmenetluse seadustik - di seguito "il CCrP"). Le autorizzazioni di perquisizione avevano riguardato non solo il sequestro dei supporti dati ma anche il loro successivo esame. Il procuratore di Stato ha fatto riferimento all'articolo 5(4) del codice deontologico dell'ordine degli avvocati, nonché all'articolo 44(1)(4) della legge sull'ordine degli avvocati (separazione dei supporti dati riguardanti la fornitura di servizi legali e il divieto di accesso ai supporti dati; cfr. paragrafi 41-42 di seguito). Egli ha aggiunto, facendo riferimento all'articolo 44(1)(1) della legge sull'ordine degli avvocati (si veda il successivo paragrafo 40), che nel caso in cui i supporti dati contenessero informazioni rilevanti per le attività illecite dell'avvocato, essi non beneficerebbero della garanzia di inviolabilità dell'articolo 43(3) della stessa legge.
21. Il 5 maggio 2018 il ricorrente ha presentato un ulteriore ricorso facendo riferimento al carattere assoluto dell'obbligo di cui all'articolo 43, paragrafo 3, della legge sull'ordine degli avvocati, indipendentemente dal fatto che i relativi supporti di dati contenessero informazioni non correlate alla fornitura di servizi legali, che qualcun altro vi avesse avuto accesso o che l'avvocato avesse rispettato l'articolo 44, paragrafo 1, punto 4, della legge sull'ordine degli avvocati. Ha aggiunto che aveva fornito servizi legali alla società S come parte della sua attività professionale di avvocato. Ha osservato inoltre che le possibili parole chiave potrebbero anche essere trovate in documenti che non erano legati all'indagine penale. Il ricorrente ha sostenuto che la regola dell'inviolabilità perderebbe tutto il suo significato se la sua applicazione dipendesse dalle ipotesi dell'accusa sul fatto che i supporti di dati contengano o meno informazioni riferite alle attività illecite dell'avvocato.
22. Il 4 giugno 2018 il procuratore capo dello Stato ha respinto il ricorso, facendo riferimento, tra l'altro, a una decisione della Corte d'appello di Tallinn secondo cui l'inviolabilità dei supporti dati dell'avvocato non era assoluta nelle situazioni in cui il suddetto avvocato era stato direttamente coinvolto nella commissione di un reato (si veda il successivo paragrafo 47). Nel caso in questione, il ricorrente era stato dichiarato sospettato. La decisione faceva anche riferimento alla sentenza della Corte Suprema nel caso 3-1-1-22-10 (si veda il successivo paragrafo 48).
23. L'ulteriore ricorso del ricorrente è stato respinto dal tribunale della contea di Harju il 6 luglio 2018. Il tribunale non era d'accordo sul fatto che l'inviolabilità dei portatori di dati degli avvocati fosse assoluta, e ha osservato che si applicava solo nella misura in cui l'avvocato non avesse commesso un reato nel quadro della fornitura di servizi legali. Il tribunale ha anche osservato che era ragionevole aspettarsi che un avvocato sistematizzasse le informazioni sui suoi supporti elettronici di dati in modo da differenziare i documenti relativi a un cliente da quelli relativi a un altro. Il tribunale ha suggerito che l'avvocato i cui supporti di dati sono stati esaminati nel procedimento potrebbe presentare una domanda per partecipare a tale esame. La decisione non è stata impugnata.
24. Tra il 19 e il 26 luglio 2018 è stato esaminato il contenuto del telefono cellulare e del computer portatile del ricorrente sulla base di trenta parole chiave. Un rapporto d'esame (vaatlusprotokoll) è stato redatto e firmato da due ufficiali. Le parole chiave includevano i nomi di alcuni degli altri sospettati, nomi di società e termini più generici come "anno finanziario" (majandusaasta) e "linea di credito" (krediidiliin). Una ricerca visiva è stata effettuata sui messaggi SMS del richiedente. Il rapporto nota che "e-mail, messaggi SMS, documenti e foto" sono stati stampati, e sono stati numerati e allegati al rapporto. Le copie dei file esaminati dovevano essere conservate presso il magazzino dati della PBGB. Il ricorrente non aveva chiesto di essere presente durante l'esame.

25. Il 23 novembre 2018 il procedimento preprocessuale si è concluso e il materiale del fascicolo penale è stato consegnato al ricorrente per l'esame. Gli fu dato tempo fino al 18 gennaio 2019 per presentare eventuali richieste (si veda il successivo paragrafo 33). Il ricorrente non ha presentato alcuna richiesta relativa al sequestro del computer portatile e del telefono cellulare né al loro successivo esame.

26. Il ricorrente è stato rinviato a giudizio il 7 febbraio 2019 con l'accusa di essere membro di un'organizzazione criminale e di utilizzare documenti falsi.

27. All'udienza del tribunale di contea di Harju del 5 marzo 2019, il rappresentante del ricorrente ha sostenuto che la perquisizione e il successivo esame dei supporti dati del ricorrente erano stati illegali e che le prove così ottenute non dovevano essere ammesse nel procedimento. Il giudice del tribunale di contea di Harju ha osservato che l'impugnazione degli atti procedurali mediante ricorso contro le attività investigative - uurimiskaebemenetlus (cfr. paragrafi 34-35 infra) - non impediva all'imputato di sollevare la questione dell'ammissibilità delle prove ottenute mediante tali misure nella fase processuale del procedimento e non impediva al giudice di esprimersi in merito.

28. All'udienza dell'11 agosto 2020 il pubblico ministero ha presentato come prova il rapporto d'esame relativo al contenuto del computer portatile e del telefono cellulare del ricorrente (cfr. paragrafo 24 supra). Il ricorrente ha sottolineato che, sebbene le informazioni ottenute dall'esame dei suoi supporti dati fossero illegali, non si è opposto al fatto che il tribunale le ammettesse come prove, affermando di considerarle vendicative. Il ricorrente non ha contestato nessuna delle parole chiave utilizzate per l'esame del contenuto dei supporti dati.
29. Al momento del ricevimento delle osservazioni delle parti, il procedimento penale del ricorrente era ancora in corso.

QUADRO GIURIDICO E PRASSI PERTINENTI

LEGISLAZIONE NAZIONALE PERTINENTE
Codice di procedura penale


30. L'articolo 83 del codice di procedura penale (CCrP) riguarda l'esame (vaatlus), tra l'altro, delle prove fisiche. L'articolo 83 § 3 prevede che se una spiegazione da parte di un indagato, un imputato, un testimone, una persona qualificata o una vittima è considerata favorevole a garantire la completezza, l'esaustività e l'obiettività dell'esame, tale persona può essere invitata ad assistere all'esame.

31. L'articolo 91 della CCrP riguarda le perquisizioni.
L'articolo 91 § 1 stabilisce che lo scopo della perquisizione è, tra l'altro, quello di trovare un oggetto da confiscare o da utilizzare come prova fisica, un documento, o un oggetto o una persona necessari per chiarire un reato. Una perquisizione può essere effettuata quando c'è un ragionevole sospetto che l'oggetto si trovi nel luogo della perquisizione.
L'articolo 91 § 2 prevede che, salvo disposizioni contrarie del CCrP, una perquisizione può essere effettuata su richiesta della Procura, sulla base di un ordine emesso da un giudice delle indagini preliminari o sulla base di un ordine del tribunale (eeluurimiskohtuniku määruse või kohtumääruse alusel). Sia l'ordinanza del giudice istruttore che l'ordinanza del tribunale possono assumere la forma di un'aggiunta alla richiesta presentata dalla Procura (võib olla koostatud pealdisena prokuratuuri taotlusel).
L'articolo 91, paragrafo 3, fa riferimento a una lista di reati per i quali l'autorizzazione alla perquisizione può essere concessa dalla Procura. Ciò non si applica alle perquisizioni effettuate nei locali di uno studio legale (advokaadibüroo).
L'articolo 91 § 4 prevede che il mandato di perquisizione (läbiotsimismäärus) deve spiegare l'oggetto della perquisizione, i motivi della perquisizione e il luogo in cui la perquisizione deve essere condotta.
Secondo l'articolo 91 § 8 uno studio legale (advokaadibüroo) deve essere perquisito in presenza dell'avvocato (advokaat) i cui locali sono perquisiti. Se l'avvocato non può essere presente durante la perquisizione, la perquisizione deve essere condotta in presenza di un altro avvocato che fornisce servizi legali attraverso lo stesso studio legale, o se questo è impossibile, un altro avvocato.
L'articolo 91 § 10 prevede che nel corso di una perquisizione, tutti gli oggetti che sono soggetti a confisca o che costituiscono chiaramente una prova nel procedimento penale possono essere sequestrati a condizione che siano stati scoperti senza alcuna ricerca in un luogo chiaramente visibile o nel corso di una ragionevole ricerca intrapresa al fine di trovare gli oggetti richiesti.
32. L'articolo 125 riguarda la conservazione delle prove fisiche. L'articolo 125 § 1 stabilisce che le prove fisiche devono essere conservate in un fascicolo penale, nel deposito delle prove fisiche di un organo inquirente, nell'ufficio del pubblico ministero, presso il tribunale o in altri locali in suo possesso o giurisdizione, o in un istituto forense. In caso contrario, le misure previste dall'articolo 126 del CCrP saranno applicate alle prove fisiche, a meno che ciò non pregiudichi il procedimento penale nel caso. L'articolo 125 § 3 obbliga la persona presso la quale sono depositate le prove fisiche a garantire l'inviolabilità e la conservazione delle stesse.
33. L'articolo 225 § 1 prevede che i partecipanti al procedimento possano presentare richieste all'Ufficio del Procuratore entro dieci giorni dalla data di presentazione del fascicolo penale ai partecipanti per l'esame. L'articolo 225 § 3 prevede che il rigetto di una tale richiesta nel procedimento preprocessuale non impedisce la sua ripresentazione nel corso del processo.
34. Ai sensi dell'articolo 228 § 1, una parte di un procedimento penale ha il diritto, prima che venga redatto il relativo atto di accusa, di presentare un ricorso presso la Procura contro un atto procedurale o un'ordinanza emessa da un organo inquirente se ritiene che una violazione dei requisiti procedurali nel compimento di un atto procedurale o nella preparazione di un'ordinanza abbia comportato la violazione dei suoi diritti (ricorso contro le attività investigative, uurimiskaebemenetlus). Ai sensi dell'articolo 228 § 2, prima della redazione dell'atto d'accusa, la stessa persona ha il diritto di ricorrere all'Ufficio del Procuratore generale contro un'azione o un'ordinanza dell'Ufficio del Procuratore.
35. L'articolo 230 § 1 prevede che se le attività di un organo investigativo o dell'Ufficio del Procuratore che violano i diritti di una persona sono state contestate, e la persona non è d'accordo con la decisione dell'Ufficio del Procuratore generale che riesamina il ricorso, la persona ha il diritto di presentare un ricorso al giudice delle indagini preliminari di un tribunale di contea.

Legge sull'ordine degli avvocati

36. La sezione 41(1)(3) stabilisce che nella fornitura di servizi legali un avvocato può scegliere liberamente e utilizzare tutti i mezzi e i metodi disponibili che sono conformi alla legge.
37. La prima frase dell'articolo 43(2) prevede che le informazioni rivelate ad un avvocato sono riservate.
38. L'articolo 43(3) prevede che i supporti di dati riguardanti la prestazione di servizi legali da parte di un avvocato sono inviolabili.
39. L'articolo 43(5) stabilisce che un avvocato non può essere trattenuto, perquisito o preso in custodia sulla base di circostanze derivanti dalla sua attività professionale, a meno che ciò non sia ordinato da un tribunale di contea o di città. Nemmeno uno studio legale in cui un avvocato fornisce servizi legali può essere perquisito sulla base di circostanze derivanti dalle sue attività professionali.
L'edizione commentata del Codice deontologico dell'Ordine degli avvocati estoni spiega, in relazione a tale disposizione, che un avvocato non può essere generalmente detenuto, perquisito o preso in custodia. Tuttavia, tali azioni possono essere ammissibili per gravi motivi di interesse pubblico, come quando un avvocato è stato coinvolto in un reato. Se esistono tali motivi, devono essere convalidati da un tribunale, e la detenzione, la perquisizione o la presa in custodia possono quindi essere autorizzate solo da un tribunale.
L'edizione commentata del Codice di condotta dell'Ordine degli avvocati estoni afferma anche che condurre perquisizioni in luoghi diversi da uno studio legale (come nell'abitazione di un avvocato o in un'automobile) può sollevare questioni di diritto processuale penale. Da un lato l'articolo 43(5) della legge sull'ordine degli avvocati prevede che debba essere autorizzato da un giudice, ma dall'altro l'articolo 91 della CCrP non stabilisce alcun requisito di questo tipo. Gli autori suggeriscono che, considerando il primato delle garanzie professionali degli avvocati, tali perquisizioni dovrebbero in ogni caso essere autorizzate da un giudice. Allo stesso modo, le perquisizioni nelle case o nelle automobili degli avvocati dovrebbero avvenire in presenza dell'avvocato interessato o di un altro avvocato.
40. Ai sensi dell'articolo 44(1)(1) un avvocato è tenuto ad utilizzare tutti i mezzi e metodi disponibili che siano conformi alla legge nell'interesse di un cliente, pur preservando il suo onore e la sua dignità professionale.
41. Secondo l'articolo 44(1)(4) l'avvocato deve conservare i supporti di dati relativi alla prestazione di servizi legali separatamente dagli altri supporti di dati in suo possesso.
Codice di Condotta dell'Ordine degli Avvocati Estoni
42. L'articolo 5 § 4 del Codice di Condotta prevede che l'avvocato deve garantire che nessun terzo abbia accesso ai documenti, alla corrispondenza o ad altre informazioni del suo cliente, o a qualsiasi documento redatto dall'avvocato nel corso della prestazione dei servizi legali al cliente.
43. L'edizione commentata del Codice deontologico dell'ordine degli avvocati estoni fornisce ulteriori spiegazioni sull'articolo 5 § 4, sottolineando che l'obbligo di mantenere riservati tutti i documenti e i supporti di dati che riguardano la prestazione di servizi legali corrisponde all'obbligo stipulato nell'articolo 44(1)(4) della legge sull'ordine degli avvocati. Questo principio deve essere seguito anche se i dati dei clienti sono in formato elettronico. Ciò significa che il materiale relativo ai casi dei clienti deve essere distinto e separato dagli altri file. L'avvocato deve essere in grado di dimostrare che i file dei clienti sono in un server separato. In un server virtuale la separazione deriva da strutture di catalogo chiaramente contrassegnate.
Legge sul risarcimento dei danni causati nei procedimenti penali
44. L'articolo 7(1) della legge sul risarcimento dei danni causati nei procedimenti penali (süüteomenetluses tekitatud kahju hüvitamise seadus) stabilisce che se l'organo responsabile della conduzione del procedimento viola per negligenza o consapevolmente la legge che regola tale procedimento e quindi causa un danno a una persona, questa ha il diritto di chiedere il risarcimento indipendentemente dall'esito finale del procedimento penale in cui è stato causato il danno.
45. Ai sensi dell'articolo 11(1) il risarcimento del danno non patrimoniale è concesso ad una persona fisica ai sensi dell'articolo 7 della stessa legge solo se, nel procedimento penale, tale persona è stata privata della libertà, è stata torturata o trattata in modo inumano o degradante, sono stati causati danni alla sua salute, o se è stata violata l'inviolabilità del suo domicilio o della sua vita privata, è stata violata la riservatezza dei suoi messaggi o il suo onore o il suo buon nome è stato diffamato.

GIURISPRUDENZA INTERNA PERTINENTE
Il segreto professionale e l'inviolabilità dei supporti di dati relativi alla prestazione di servizi legali

46. La sentenza della Corte suprema del 10 giugno 2005 nella causa n. 3-3-1-30-05 riguardava l'incontro di un avvocato con un cliente in carcere. Il caso è rilevante per l'interpretazione che la Corte suprema ha dato all'articolo 43(5) della legge sull'ordine degli avvocati. La Corte Suprema ha osservato che la sezione 43(5) della legge sull'ordine degli avvocati non poteva essere interpretata nel senso che una perquisizione di un avvocato in circostanze riguardanti la sua attività professionale sarebbe stata, senza eccezioni, illegale in tutti i casi senza un ordine del tribunale della contea o della città che autorizzasse la perquisizione. Le amministrazioni penitenziarie dovevano essere in grado di prevenire o combattere un reato quando esisteva un ragionevole sospetto che un avvocato che entrava o usciva dal carcere stesse commettendo un reato o l'incontro dell'avvocato con un detenuto fosse utilizzato per commettere un reato. In questo caso, la perquisizione dell'avvocato è stata giudicata illegale poiché non esisteva alcuna informazione di questo tipo (sospetto di reato).
47. Nella sua sentenza del 17 maggio 2010 nel caso n. 1-08-15079, la Corte d'appello di Tallinn ha affrontato l'ammissibilità come prova della corrispondenza elettronica tra l'imputato (non un avvocato) e uno studio legale. La corrispondenza era stata ottenuta dalla perquisizione di una delle automobili dell'imputato e di un server utilizzato da una certa società. Il tribunale ha sottolineato che l'ammissibilità come prova di tale corrispondenza elettronica deve essere analizzata nel quadro dell'effetto combinato della legge sull'ordine degli avvocati e del CCrP. La corte ha spiegato che l'articolo 91 del CCrP non imponeva limitazioni all'uso dei supporti di dati sequestrati nel corso di una perquisizione. Allo stesso tempo, l'articolo 43(2) della legge sull'ordine degli avvocati stabiliva che le informazioni rivelate a un avvocato erano confidenziali, e l'articolo 43(3) prevedeva che i supporti di dati riguardanti la fornitura di servizi legali da parte di un avvocato erano inviolabili. Il tribunale ha ritenuto che in una situazione in cui esisteva un rapporto contrattuale tra un avvocato e un cliente e venivano forniti servizi legali, e in cui il cliente non aveva rivelato di sua spontanea volontà a terzi informazioni relative alla fornitura di servizi legali, la protezione della riservatezza si estendeva alla corrispondenza elettronica tra un avvocato e un cliente trovata sui supporti dati che erano stati sequestrati durante la perquisizione. Il tribunale ha inoltre convenuto che la riservatezza potrebbe essere violata in una situazione in cui un avvocato fosse stato direttamente coinvolto nella commissione del reato. Non era così nel caso in questione e la corrispondenza impugnata non è stata ammessa come prova. (traduzione informale canestriniLex.com)
48. Con sentenza del 26 maggio 2010 nel caso no. 3-1-1-22-10, la Corte Suprema ha affrontato la questione dell'ammissione come prova della corrispondenza tra un imputato e un avvocato che era stata ottenuta tramite sorveglianza segreta. Basandosi su un regolamento allora in vigore, la Corte Suprema ha ritenuto che esso non permetteva di accettare come prova le informazioni fornite da un avvocato, nella misura in cui si trattava di questioni che l'avvocato aveva appreso nel corso della sua attività professionale. Nel caso in questione si è constatato che un messaggio e una conversazione telefonica tra un avvocato e l'imputato non avevano riguardato la prestazione di servizi legali. Il tribunale ha aggiunto che era competente a valutare se certe informazioni riguardassero la fornitura di servizi legali e fossero quindi regolate dal segreto professionale.


Impugnazione delle misure procedurali durante i procedimenti preprocessuali e processuali


49. Con la sentenza del 13 maggio 2019 nel caso n. 1-15-11032/308, la Corte suprema ha operato una distinzione tra tali misure preprocessuali che potevano essere impugnate solo durante il procedimento preprocessuale (si vedano i precedenti paragrafi 34-35 relativi al ricorso contro le attività investigative) e quelle che potevano (anche) essere impugnate durante il procedimento principale. Ha osservato che la misura in questione - "obbligo di non lasciare il luogo di residenza" - era destinata a garantire l'efficacia del procedimento e poteva essere impugnata solo durante la fase istruttoria del procedimento. Il tribunale ha poi spiegato che l'obiettivo del processo era quello di chiarire se l'imputato avesse commesso un reato. A tal fine, era necessario esaminare e analizzare vari elementi di prova, come le prove che erano state ottenute tramite perquisizioni o sorveglianza segreta. In altre parole, durante il procedimento principale le questioni relative all'ammissibilità delle prove dovevano essere affrontate e contestate.


Richieste di danni non pecuniari


50. Con sentenza del 13 giugno 2016 nel caso n. 3-1-1-34-16 la Corte suprema, basandosi sulla legge sul risarcimento dei danni causati nei procedimenti penali (si vedano i precedenti paragrafi 44-45), ha confermato la sentenza del tribunale di prima istanza di risarcire il ricorrente per il danno non patrimoniale causato dalle attività di sorveglianza illegale nel procedimento penale a suo carico.

 


IL DIRITTO

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE


51. Il ricorrente, facendo riferimento al privilegio professionale legale e all'inviolabilità dei supporti di dati che riguardano la fornitura di servizi legali, lamentava che il sequestro del suo computer portatile e del suo telefono cellulare e il loro successivo esame avevano violato i suoi diritti garantiti dall'articolo 8 della Convenzione.

L'articolo 8 della Convenzione recita come segue:
"1. Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza.

2. L'esercizio di questo diritto non può subire alcuna ingerenza da parte di una pubblica autorità, a meno che tale ingerenza sia conforme alla legge e sia necessaria in una società democratica nell'interesse della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione di disordini o reati, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui."

Ammissibilità
Le osservazioni delle parti
(a) Il Governo

52. Il Governo, basandosi su diversi sub-argomenti, ha ritenuto che il ricorrente non avesse esaurito i rimedi interni.
53. In primo luogo, il Governo ha sottolineato che, poiché il ricorrente non aveva invocato il privilegio professionale legale fino a quasi un mese dopo il sequestro, non aveva esaurito i rimedi interni per quanto riguarda le misure procedurali adottate fino al 7 marzo 2018.
54. In secondo luogo, il Governo ha sottolineato che il ricorrente non aveva chiesto di essere presente durante l'esame del contenuto copiato del computer portatile e del telefono cellulare, come suggerito dal tribunale della contea di Harju nella sua decisione del 6 luglio 2018. Secondo il Governo, un tale diritto derivava dall'articolo 83 della CCrP (si veda il precedente paragrafo 30).
55. In terzo luogo, il ricorrente non si era avvalso della possibilità di presentare richieste o reclami relativi all'esame dei dati copiati, come previsto dall'articolo 225 della CCrP (si veda il precedente paragrafo 33). Secondo il governo, quest'ultimo non poteva essere considerato come un "rimedio duplicato" a quello di cui la ricorrente si era già avvalsa. Solo dopo aver ricevuto il fascicolo penale il 23 novembre 2018, il ricorrente avrebbe potuto accertare la portata dell'esame dei dati copiati, comprese le parole chiave utilizzate, e presentare le sue obiezioni in merito.
56. In quarto luogo, il governo ha osservato che, secondo il diritto processuale, il ricorrente avrebbe potuto contestare l'ammissibilità delle prove che riteneva essere state ottenute illegalmente. La decisione del giudice per le indagini preliminari del tribunale della contea di Harju non era stata vincolante per il tribunale investito della causa principale (si veda il precedente paragrafo 27). Il governo ha sottolineato che l'eventuale constatazione da parte dei tribunali nazionali dell'illegittimità delle prove comporterebbe intrinsecamente una constatazione della legalità della raccolta di tali prove. Tuttavia, il ricorrente non ha contestato l'ammissibilità delle prove, ma piuttosto ha ritenuto che esse parlassero a suo favore. Ciononostante, se avesse contestato l'ammissibilità delle prove e se il tribunale avesse ritenuto che il sequestro del suo computer portatile e del suo telefono cellulare e l'esame delle informazioni da essi estratte fossero stati illegali, il ricorrente avrebbe avuto il diritto di chiedere il risarcimento dei danni non pecuniari ai sensi della legge sul risarcimento dei danni causati nei procedimenti penali (cfr. paragrafi 44-45 sopra).
57. Il Governo ha anche sottolineato che il ricorrente non aveva specificato in nessun momento quali informazioni avrebbero dovuto essere considerate protette dalla riservatezza avvocato-cliente. Un tale chiarimento sarebbe stato pertinente, dato che il computer portatile e il telefono cellulare del ricorrente non sono stati sequestrati dal suo ufficio e, a quanto pare, non sono stati utilizzati esclusivamente ai fini del suo lavoro di avvocato.
58. Infine, il Governo ha sostenuto che la denuncia era manifestamente infondata.

(b) Il ricorrente

59. Il ricorrente aveva presentato le sue osservazioni prima dell'udienza del tribunale della contea di Harju dell'11 agosto 2020 (si veda il precedente paragrafo 28).
60. Il ricorrente riteneva di aver esaurito i ricorsi interni pertinenti prima di presentare il suo ricorso alla Corte.
61. In primo luogo, nessun ricorso era stato presentato con la decisione del tribunale di contea di Harju del 6 luglio 2018.
62. In secondo luogo, non vi era alcuna base giuridica per il suggerimento del tribunale della contea di Harju, ripetuto dal governo, che il ricorrente avrebbe potuto chiedere di essere presente durante l'esame dei dati estratti dal suo computer portatile e dal suo telefono cellulare. Anche se una tale possibilità fosse stata concessa dalla legge, non avrebbe impedito la violazione dei diritti del ricorrente, poiché al momento dell'esame tutto il contenuto del portatile e del telefono cellulare era già stato copiato e nulla impediva che potesse essere esaminato dalle autorità in qualsiasi fase prima o dopo il momento in cui il ricorrente avrebbe potuto essere presente. Il ricorrente ha ritenuto che l'unico rimedio efficace dopo il sequestro dei supporti dati e la copia del loro contenuto sarebbe stato quello di rinunciare all'esame dei dati copiati e di cancellarli.
63. In terzo luogo, il ricorrente non era d'accordo sul fatto che la presentazione di "richieste" ai sensi dell'articolo 225 della CCrP (in contrapposizione alla presentazione di ricorsi ai sensi dell'articolo 228 della CCrP) potesse essere considerata un rimedio efficace. Ha spiegato che in pratica le richieste presentate ai sensi dell'articolo 225 della CCrP spesso riguardavano proposte di chiudere il procedimento penale o di risolvere il caso attraverso il patteggiamento. Questo articolo era raramente utilizzato per contestare singoli atti procedurali. In ogni caso, quando il fascicolo penale è stato presentato al ricorrente, l'ufficio del pubblico ministero aveva già respinto due volte le sue richieste di non esaminare i dati estratti dai supporti di dati.
64. In quarto luogo, per quanto riguarda la contestazione dell'ammissione delle prove durante il procedimento giudiziario, il ricorrente ha sostenuto che in una situazione del genere i tribunali nazionali si sarebbero pronunciati solo sulla legittimità delle prove, non sulla violazione dei suoi diritti di avvocato. Egli riteneva inoltre che la prospettiva di un risarcimento non avrebbe eliminato la violazione dei suoi diritti ai sensi della Convenzione.
65. Ha aggiunto che ai sensi dell'articolo 43(3) della legge sull'ordine degli avvocati non aveva alcun obbligo di specificare quali particolari fascicoli fossero coperti dalla riservatezza avvocato-cliente, poiché ai sensi di tale disposizione i supporti di dati erano protetti nella loro interezza. In ogni caso, aspettarsi una tale specificazione sarebbe stato irragionevole in considerazione del gran numero di contatti professionali detenuti dal ricorrente, e avrebbe portato alla divulgazione illegale di altri suoi clienti che non erano interessati dal procedimento penale in corso.
La valutazione della Corte
66. Il Governo ha sollevato diverse obiezioni preliminari relative all'esaurimento dei ricorsi interni.
67. La Corte constata, in primo luogo, che il mancato deposito del ricorso del ricorrente presso il PBGB subito dopo la perquisizione non può essere considerato come un mancato esaurimento di un ricorso interno. Il ricorrente si è avvalso del ricorso contro le attività investigative previsto dagli articoli 228 e 230 della CCrP (si vedano i precedenti paragrafi 34-35). Non risulta dalla legislazione interna, né il governo ha sostenuto, che una domanda corrispondente avrebbe dovuto essere presentata entro un certo termine che il ricorrente non ha rispettato. Le autorità competenti, compreso il tribunale della contea di Harju, avevano esaminato il suo reclamo nel merito, anziché respingerlo in quanto presentato fuori tempo massimo.
68. In secondo luogo, per quanto riguarda la possibilità di chiedere di essere presenti durante l'esame del contenuto copiato del telefono cellulare e del computer portatile del ricorrente, la Corte concorda con il ricorrente. Nonostante il suggerimento del tribunale della contea di Harju secondo il quale il ricorrente potrebbe presentare una domanda in tal senso (cfr. il precedente paragrafo 23), non sembrerebbe esserci alcuna base giuridica nel diritto interno che conceda a una parte interessata un diritto soggettivo ad essere presente durante un tale esame. La formulazione dell'articolo 83 della CCrP fa piuttosto riferimento alla discrezionalità delle autorità inquirenti in tale questione. Inoltre, il governo non ha fornito alcun esempio in cui tale disposizione sia stata effettivamente interpretata e applicata in modo da contenere un diritto soggettivo ad essere presente durante l'esame del contenuto dei supporti di dati. Pertanto, la semplice possibilità di presentare una richiesta in tal senso non può essere considerata un rimedio effettivo che il richiedente dovrebbe esaurire. La Corte osserva inoltre che il diritto interno non specifica come la presenza del ricorrente - anche se concessa - gli avrebbe permesso di impedire alle autorità di interferire con il suo privilegio professionale legale. La Corte tratterà questo aspetto nel suo esame del merito del caso (cfr. paragrafo 107 qui di seguito).
69. In terzo luogo, per quanto riguarda il diritto di presentare richieste all'ufficio del pubblico ministero ai sensi dell'articolo 225 della CCrP (si veda il paragrafo 33 qui sopra), la Corte non è convinta dall'argomento del Governo che questo possa essere considerato un rimedio efficace. La Corte ribadisce che spetta al Governo che invoca il non esaurimento soddisfare che il rimedio era un rimedio efficace disponibile in teoria e in pratica al momento rilevante, vale a dire che era accessibile, era in grado di fornire una riparazione rispetto alle denunce del richiedente e offriva ragionevoli prospettive di successo (si veda Molla Sali c. Grecia (giusta soddisfazione) [GC], no. 20452/14, § 89, 18 giugno 2020). Nel caso in questione, il Governo non ha spiegato quali potrebbero essere le conseguenze pratiche dell'eventuale richiesta del ricorrente ai sensi dell'articolo 225 della CCrP. Né il Governo ha presentato alcun esempio di applicazione pratica di questo presunto rimedio, anche nel contesto della contestazione del sequestro di supporti di dati presumibilmente contenenti materiale coperto dalla riservatezza avvocato-cliente. La Corte dubita che in tali circostanze il controllo da parte dell'ufficio del pubblico ministero soddisfi i requisiti di indipendenza (confrontare Avanesyan v. Russia, no. 41152/06, § 32, 18 settembre 2014, e Panteleyenko c. Ucraina, n. 11901/02, § 80, 29 giugno 2006), e non è chiaro se un eventuale rifiuto da parte dell'ufficio del pubblico ministero sarebbe soggetto a un controllo giudiziario. In ogni caso, la Corte osserva che nel momento in cui il ricorrente avrebbe potuto avvalersi di tale presunto rimedio, l'esame per parole chiave del contenuto copiato del suo telefono cellulare e del suo computer portatile era già stato effettuato (si vedano i paragrafi 24-25 sopra).
70. Per quanto riguarda il quarto argomento di non esaurimento del governo, la Corte ammette che, in base al diritto interno, il ricorrente avrebbe potuto sollevare nuovamente le sue obiezioni al sequestro e all'esame del suo computer portatile e del suo telefono cellulare nel procedimento principale, dove l'accento sarebbe stato probabilmente posto sull'ammissibilità di tali prove. Anche se questo dovesse essere considerato come un rimedio efficace per quanto riguarda le denunce ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione, la Corte ribadisce che nel caso in cui vi sia una serie di rimedi interni che un individuo può perseguire, tale persona ha il diritto di scegliere, al fine di soddisfare il requisito di esaurimento dei rimedi interni, un rimedio che affronta la sua doglianza essenziale (vedi Nicolae Virgiliu Tănase c. Romania [GC], no. 41720/13, § 177, 25 giugno 2019). Il ricorrente aveva già, nel rispetto del diritto interno, sollevato senza successo le sue doglianze relative alla riservatezza avvocato-cliente nell'ambito del suo ricorso contro le attività investigative, anche davanti al tribunale della contea di Harju. La Corte sottolinea che il governo non ha ritenuto che questo fosse un rimedio interno inefficace. La Corte non ha motivo di ritenere il contrario nel caso in questione. In tali circostanze, la Corte ritiene che il fatto che il ricorrente abbia deciso di non contestare l'ammissibilità delle prove impugnate nella fase processuale del procedimento - anche se aveva sostenuto che erano state ottenute illegalmente -, ma abbia piuttosto ritenuto che esse parlassero a suo favore, non può essere tenuto contro di lui nel valutare se abbia esaurito i rimedi interni nel contesto del procedimento della Convenzione.
71. Per quanto riguarda l'argomento del Governo secondo cui il ricorrente non aveva specificato nel procedimento interno esattamente quali informazioni avrebbero dovuto essere coperte dal segreto professionale, la Corte concorda che ciò sarebbe stato effettivamente preferibile nelle circostanze, in cui si faceva affidamento sulla riservatezza avvocato-cliente. Tuttavia, il governo non sembra aver considerato tale chiarimento come un rimedio autonomo o un prerequisito per utilizzare il rimedio che il ricorrente ha esaurito. Inoltre, dato il contesto giuridico interno (si veda il successivo paragrafo 107), la Corte non può discernere quali sarebbero stati gli effetti pratici di tale chiarimento.
72. La Corte conclude pertanto che il ricorrente ha debitamente esaurito i rimedi interni ai fini dell'ammissibilità del suo reclamo ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione. La Corte osserva inoltre che il reclamo non è manifestamente infondato né irricevibile per altri motivi elencati all'articolo 35 della Convenzione. Deve quindi essere dichiarato ricevibile.

Merito
Gli argomenti delle parti
(a) Il ricorrente

73. Il ricorrente ha osservato che non contestava la legittimità delle perquisizioni o della sua detenzione. La sua denuncia si concentrava sul sequestro dei supporti dati.

74. In risposta all'argomentazione del governo secondo cui non vi era stata alcuna interferenza con i diritti del ricorrente ai sensi dell'articolo 8 (cfr. paragrafo 79 infra), egli ha spiegato che il fatto che egli non si fosse immediatamente opposto agli atti procedurali durante la perquisizione e il sequestro non rendeva legittimo il successivo esame dei dati estratti dai supporti dati. Ciò che contava era che nel momento in cui la PBGB aveva iniziato l'esame dei dati copiati il 26 luglio 2018 avrebbe dovuto rendersi conto - a seguito del procedimento avviato dal ricorrente (cfr. paragrafi 17-23 supra) - che le informazioni erano coperte dalla regola dell'inviolabilità.

75. La ricorrente ha sottolineato che la regola di inviolabilità di cui all'articolo 43, paragrafo 3, della legge sull'ordine degli avvocati non era qualificata. Se il legislatore avesse voluto consentire agli organi inquirenti, in alcune circostanze, di esaminare le informazioni sui supporti di dati coperti da tale sezione, avrebbe certamente previsto misure per proteggere le informazioni che rientrano nel segreto professionale. Il fatto che la legge non abbia comportato tale regolamentazione ha solo confermato che la norma era assoluta.

76. Anche se un avvocato non riuscisse a tenere separati i supporti di dati relativi alla prestazione di servizi legali dagli altri supporti di dati, ciò non significherebbe che tutti i supporti di dati in possesso dell'avvocato cesserebbero di essere coperti dalla regola dell'inviolabilità. Questa affermazione del governo non aveva alcun fondamento giuridico e non era sostenuta dalla giurisprudenza. In ogni caso, questa linea di argomentazione significherebbe che gli organi investigativi potrebbero sempre sequestrare i supporti di dati, pur indicando che - secondo loro - l'avvocato non ha soddisfatto il requisito di separazione. Una tale pratica sarebbe aperta all'arbitrarietà. Significherebbe anche che i supporti dati perderebbero la loro garanzia di inviolabilità non appena un avvocato, per esempio, usasse il suo telefono cellulare per leggere le notizie o chiamare un taxi. Come tale, la regola dell'inviolabilità perderebbe ogni significato pratico. In ogni caso, in nessuna fase era stato sostenuto che il suo telefono cellulare avesse contenuto informazioni non collegate alla fornitura di servizi legali.

77. Il ricorrente ha inoltre sostenuto che il fatto che anche sua moglie avesse utilizzato il portatile non eliminava la garanzia di inviolabilità. Il suggerimento del governo in tal senso non aveva alcun fondamento giuridico. Inoltre, sua moglie non era sospettata nel procedimento, né aveva mai memorizzato nulla sul portatile.

78. Per quanto riguarda le informazioni memorizzate sul computer portatile riguardanti la società S, il ricorrente ha spiegato che oltre ad essere azionista di tale società aveva anche fornito alla società S servizi legali nell'ambito della sua attività professionale. Ciò significava che la garanzia di inviolabilità era ancora applicabile.

(b) Il governo

79. Il Governo ha sostenuto che il sequestro del computer portatile e del telefono cellulare del ricorrente non aveva interferito con i suoi diritti ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione, poiché il ricorrente stesso non aveva invocato il privilegio professionale legale durante il sequestro impugnato e per circa un mese dopo. Il governo ha osservato che il ricorrente aveva potuto avere una conversazione telefonica con l'avvocato che era stato presente durante la perquisizione a casa del ricorrente. Inoltre, il ricorrente stesso aveva notato durante la perquisizione del suo ufficio che il computer che utilizzava per il lavoro era stato inviato alla manutenzione. In tali circostanze, le autorità che effettuano la perquisizione non erano state obbligate a trattare i suddetti supporti di dati come coperti dal segreto professionale. Il governo ha ritenuto che in una situazione in cui i supporti di dati sono stati sequestrati al di fuori di uno studio legale, la mancata notifica alle autorità da parte dell'interessato del rischio di violazione del segreto professionale ha un peso significativo.

80. Il governo ha inoltre spiegato che il sequestro e il successivo esame del contenuto del computer portatile e del telefono cellulare del ricorrente avevano avuto una base legale. Il diritto interno era prevedibile e forniva sufficienti garanzie contro l'arbitrarietà (cfr. paragrafi 31, 37, 39 sopra). Era stato possibile contestare gli atti procedurali in varie fasi del procedimento.

81. Il Governo, facendo riferimento all'articolo 44(1)(1) della legge sull'ordine degli avvocati e alla giurisprudenza interna (si vedano i paragrafi 47-48 sopra), ha affermato che l'inviolabilità dei portatori di dati prevista dall'articolo 43(3) di tale legge non si estendeva alle circostanze in cui l'avvocato stesso era sospettato di aver commesso un reato o in cui le informazioni in questione non erano collegate alla fornitura di servizi legali. Il governo ha sottolineato che lo scopo principale del privilegio professionale legale è quello di proteggere gli interessi dei clienti degli avvocati. Il Governo ha inoltre osservato che il ricorso al segreto professionale presupponeva che l'avvocato rispettasse i doveri relativi alla separazione dei supporti di dati e all'impedire qualsiasi accesso di terzi alle informazioni professionali (si vedano i paragrafi 41-42 sopra).
82. Nella fattispecie, il ricorrente era sospettato di aver commesso un reato. La sua detenzione e la perquisizione della sua abitazione e del suo veicolo erano state debitamente autorizzate da un giudice delle indagini preliminari. La richiesta di perquisizione aveva sufficientemente dettagliato i locali da perquisire e gli oggetti da cercare. Il fatto che il giudice per le indagini preliminari abbia dato l'autorizzazione alla perquisizione dell'abitazione e dei veicoli del ricorrente mediante un avallo (si veda il paragrafo 31) non può essere considerato come se non ci fosse stato un controllo sostanziale da parte di un tribunale. Piuttosto significava che il giudice aveva accettato la richiesta dettagliata dell'ufficio del procuratore. Il governo ha citato esempi in cui i tribunali, anche per mezzo di un avallo, avevano rifiutato di autorizzare perquisizioni della portata richiesta dall'ufficio del procuratore. Un avvocato scelto dal ricorrente era stato presente durante la perquisizione a casa sua. Il mandato di perquisizione è stato presentato alla moglie del ricorrente e al suo avvocato. La condotta della perquisizione e la detenzione del richiedente sono state documentate, e il richiedente e il suo avvocato hanno avuto la possibilità (che non hanno preso) di registrare le loro obiezioni nei rapporti pertinenti. Il Governo ha osservato che una perquisizione, per sua natura, comportava il sequestro di oggetti come i supporti dati.

83. Anche se l'intero contenuto del computer portatile e del telefono cellulare del ricorrente era stato copiato, ciò era stato fatto per garantire i diritti dell'imputato. Avere una copia speculare uno a uno garantiva l'integrità dei dati e aiutava a evitare qualsiasi accusa di manipolazione dei dati mediante aggiunta o cancellazione di elementi. In ogni caso, il successivo esame dei dati, effettuato sulla base di trenta parole chiave, era rimasto nei limiti dell'autorizzazione del 12 febbraio 2018. Il Governo sottolineava che l'obiettivo non era stato quello di cercare materiale coperto dalla riservatezza avvocato-cliente, ma di recuperare informazioni riguardanti reati commessi dal ricorrente al di fuori della sua attività professionale di avvocato. Il Governo ha anche sottolineato che il ricorrente non aveva differenziato i file riguardanti la fornitura di servizi legali da qualsiasi altro file sul suo computer portatile, né aveva indicato durante la perquisizione e il sequestro o successivamente quali file erano soggetti alla riservatezza avvocato-cliente.

La valutazione della Corte
(a) Osservazioni preliminari

84. La Corte si basa sull'argomento del ricorrente che non contestava la legittimità delle perquisizioni in quanto tali o la legittimità della sua detenzione, ma lamentava piuttosto il sequestro del suo computer portatile e del suo telefono cellulare. Tenuto conto del contenuto della denuncia sollevata nell'atto di candidatura depositato presso la Corte, la Corte ritiene che la denuncia del ricorrente riguardi anche l'esame dei suddetti supporti di dati dopo il loro sequestro da parte della polizia. Nell'analisi che segue, la detenzione del ricorrente e la perquisizione della sua abitazione e della sua auto saranno menzionate nella misura in cui i sequestri contestati hanno avuto luogo nell'ambito delle fasi procedurali date e sono stati coperti dai mandati del giudice delle indagini preliminari, datati 12 febbraio 2018.

(b) Esistenza di un'interferenza

85. Nella misura in cui il ricorrente lamenta il sequestro dei suoi supporti dati e il loro successivo esame, la Corte ritiene che tali atti abbiano costituito un'interferenza nel suo diritto al rispetto della sua "corrispondenza". Il fallimento del ricorrente o del suo avvocato di invocare immediatamente il privilegio professionale legale durante la perquisizione (si veda l'argomento del governo al paragrafo 79 di cui sopra) non modifica questa constatazione. La Corte, inoltre, nota che il fatto che il ricorrente fosse un avvocato di professione era ben noto all'ufficio del procuratore. Infatti, il procuratore di Stato ha osservato nella richiesta di perquisizione della casa e dei veicoli del ricorrente che la perquisizione avrebbe potuto portare alla luce informazioni relative alle attività professionali del ricorrente come avvocato (si veda il precedente paragrafo 9).


(c) Esistenza di una base giuridica e di garanzie procedurali nel diritto interno

86. Per quanto riguarda la questione della conformità della misura alla legge, la giurisprudenza della Corte ha stabilito che una misura deve avere una qualche base nel diritto interno, intendendo il termine "legge" nel suo senso "sostanziale" piuttosto che "formale". In una sfera coperta dal diritto legale, il "diritto" è l'atto in vigore come lo hanno interpretato i tribunali competenti. Il diritto interno deve inoltre essere compatibile con lo stato di diritto e accessibile alla persona interessata, e la persona interessata deve essere in grado di prevedere le conseguenze del diritto interno per lui o lei (cfr. Big Brother Watch e altri c. Regno Unito [GC], nn. 58170/13 e altri 2, § 332, 25 maggio 2021; Wolland c. Norvegia, no. 39731/12, § 62, 17 maggio 2018; si veda anche Golovan c. Ucraina, no. 41716/06, § 56, 5 luglio 2012).
87. Nel contesto delle perquisizioni e dei sequestri, il diritto interno deve fornire una certa protezione all'individuo contro le interferenze arbitrarie con i diritti dell'articolo 8. Deve quindi essere sufficientemente chiaro nei suoi termini per dare ai cittadini un'indicazione adeguata delle circostanze e delle condizioni in cui le autorità pubbliche sono autorizzate a ricorrere a tali misure (si veda Golovan, sopra citata, § 57).
88. Inoltre, la Corte ha riconosciuto l'importanza di specifiche garanzie procedurali quando si tratta di proteggere la riservatezza degli scambi tra gli avvocati e i loro clienti (si veda Saber c. Norvegia, no. 459/18, § 51, 17 dicembre 2020, e Sommer c. Germania, n. 73607/13, § 56, 27 aprile 2017; si veda anche Kadura e Smaliy c. Ucraina, nn. 42753/14 e 43860/14, §§ 144-45, 21 gennaio 2021).

89. La Convenzione non vieta l'imposizione agli avvocati di alcuni obblighi suscettibili di riguardare le loro relazioni con i loro clienti. Ciò avviene in particolare quando si riscontrano prove credibili della partecipazione di un avvocato a un reato, o in relazione agli sforzi per combattere determinate pratiche. Per questo motivo, tuttavia, è fondamentale prevedere un quadro rigoroso per tali misure, dal momento che gli avvocati occupano una posizione vitale nell'amministrazione della giustizia e possono, in virtù del loro ruolo di intermediari tra le parti in causa e i tribunali, essere descritti come funzionari della legge (si veda André e un altro c. Francia, no. 18603/03, § 42, 24 luglio 2008).
90. Passando al caso di specie, la Corte ammette che si può dire che l'interferenza abbia avuto una base giuridica generale nel diritto interno, ossia l'articolo 91 della CCrP.
91. La Corte esaminerà ulteriormente la "qualità" delle norme giuridiche applicabili al ricorrente nel caso immediato. Nel fare ciò, affronterà innanzitutto la questione se il diritto interno sia sufficientemente chiaro per quanto riguarda la (in)possibilità di invocare il segreto professionale in circostanze in cui un avvocato è sospettato di aver partecipato a un reato. In secondo luogo, la Corte esaminerà se il diritto interno fornisce le garanzie procedurali necessarie per la protezione della riservatezza degli scambi tra gli avvocati e i loro clienti.
92. Passando alla prima delle questioni menzionate nel paragrafo precedente, la Corte osserva che l'argomento chiave della ricorrente è che, ai sensi dell'articolo 43(3) della legge sull'ordine degli avvocati, tutti i supporti di dati degli avvocati riguardanti la fornitura di servizi legali sono inviolabili nella loro totalità, e che tale inviolabilità è assoluta. Il governo, tuttavia, ha sostenuto che la regola dell'inviolabilità non si applica quando l'avvocato stesso è sospettato di un reato penale o quando i dati pertinenti non riguardano la fornitura di servizi legali. Sostenevano inoltre che tale inviolabilità, nei suoi termini assoluti, non poteva essere invocata quando l'avvocato non aveva debitamente separato le informazioni coperte dal privilegio professionale legale da altro materiale non coperto da tale privilegio.
93. La Corte osserva che dalla formulazione dell'articolo 43(3) della legge sull'ordine degli avvocati risulta che essa concede l'inviolabilità ai supporti di dati solo nella misura in cui essi sono connessi alla fornitura di servizi legali. Affronterà la questione delle possibili garanzie procedurali in circostanze in cui i supporti di dati sequestrati contengono materiale coperto dal segreto professionale e informazioni non collegate alla fornitura di servizi legali in seguito (cfr. paragrafi 98-100 e 105-107 qui di seguito).
94. La Corte osserva inoltre che, nonostante la formulazione apparentemente non qualificata della norma sull'inviolabilità di cui all'articolo 43(3) della legge sull'ordine degli avvocati, il Governo ha fatto riferimento ad altre disposizioni pertinenti del diritto interno e alla giurisprudenza interna a sostegno della propria tesi secondo cui l'inviolabilità dei supporti dati degli avvocati non è assoluta (cfr. paragrafi 39-42 e 47-48 qui sopra). La Corte riconosce che spetta in primo luogo ai giudici nazionali interpretare e applicare il diritto interno. Accetta quindi che il diritto interno fornisca un certo sostegno alla constatazione che la regola dell'inviolabilità di cui all'articolo 43(3) della legge sull'ordine degli avvocati deve cedere quando un avvocato stesso è sospettato di un reato. A parere della Corte resta tuttavia dubbio che il diritto interno - nella sua forma attuale - possa essere considerato conforme ai requisiti di chiarezza e prevedibilità, come richiesto dalla sua giurisprudenza.
95. Ciononostante, la Corte non ritiene necessario adottare una posizione definitiva al riguardo, poiché, per le ragioni esposte di seguito, ritiene che il diritto interno non fornisca in ogni caso garanzie procedurali sufficienti per evitare interferenze arbitrarie o sproporzionate con il privilegio professionale degli avvocati.
96. Passando all'aspetto delle garanzie procedurali, la Corte osserva che nel diritto interno esistono alcune garanzie relative alle perquisizioni e ai sequestri in generale, nonché al contesto della perquisizione dei locali degli avvocati. Infatti, secondo il diritto interno, una perquisizione può essere effettuata se esiste un ragionevole sospetto che l'oggetto si trovi nei locali da perquisire. Inoltre, il mandato di perquisizione deve generalmente specificare l'oggetto, il luogo e i motivi della perquisizione (si veda il precedente paragrafo 31). Nel caso in cui una perquisizione venga effettuata in uno studio legale, essa deve essere autorizzata da un'ordinanza del giudice delle indagini preliminari o da un ordine del tribunale e la perquisizione deve essere effettuata in presenza dell'avvocato i cui locali vengono perquisiti o di un altro avvocato (si veda il paragrafo 31 qui sopra).

97. La Corte osserva, tuttavia, che la CCrP non sembra richiedere la presenza dell'avvocato interessato (o di un altro avvocato) nel caso in cui i locali da perquisire non siano uno studio legale ma l'abitazione di un avvocato o un veicolo, né sembra imporre un requisito di autorizzazione giudiziaria in tali circostanze. Sembra, tuttavia, che tali requisiti possano sorgere ai sensi dell'articolo 43(5) del Bar Association Act (confrontare i paragrafi 31 e 39 sopra). Sembra anche che il diritto interno lasci al giudice la decisione di autorizzare o meno la perquisizione per mezzo di un'ordinanza pienamente motivata o di un avallo. Nonostante le autorizzazioni sotto forma di avallo siano logicamente più sintetiche, non sembra che la scelta di tale forma renda tecnicamente impossibile o impedisca al giudice domestico di aggiungere motivi o condizioni proprie come parte operativa della decisione di autorizzare la perquisizione.

98. Nonostante le garanzie di cui sopra, la preoccupazione essenziale della Corte è la mancanza di un quadro pratico per la protezione del privilegio professionale degli avvocati in casi come il presente. Partendo dalla premessa che secondo il diritto interno il segreto professionale non si applica nella misura in cui l'avvocato stesso è un sospettato e/o ha agito in una veste diversa da quella di avvocato, la questione chiave è come il materiale privilegiato viene distinto e separato dal materiale in cui la riservatezza avvocato-cliente non può essere invocata. La Corte osserva che non è stato stabilito nel procedimento interno e che chiaramente non deriva dalle osservazioni del governo che, secondo il diritto interno, la riservatezza avvocato-cliente cessi del tutto di applicarsi nei confronti di un avvocato che è sospettato in un procedimento penale, o che si impegna anche in attività diverse dalla fornitura di servizi legali e/o non riesce a separare debitamente vari materiali privilegiati e non privilegiati.

99. Mentre la questione del vaglio e della separazione dei file privilegiati e non privilegiati è indubbiamente importante nel contesto del materiale cartaceo, diventa ancora più rilevante in una situazione in cui il contenuto privilegiato è parte di lotti più grandi di dati memorizzati digitalmente. In una tale situazione, anche se l'avvocato interessato o il suo rappresentante è presente sul luogo della perquisizione, potrebbe risultare difficile distinguere rapidamente durante la perquisizione quali file elettronici esatti sono coperti dal segreto professionale e quali no.

100. La questione di come effettuare un vaglio sufficientemente mirato è altrettanto pertinente nelle circostanze in cui, secondo il diritto o la prassi nazionale, tale vaglio non viene effettuato sul luogo della perquisizione, ma i supporti di dati vengono invece sequestrati nella loro totalità e/o viene fatta una copia speculare del loro contenuto. A tale riguardo, la Corte è disposta ad accettare l'argomentazione del Governo secondo cui la realizzazione di una copia speculare può essere vista come una garanzia procedurale contro ogni possibile manipolazione del contenuto di tali supporti dati (si veda Wolland, sopra citata, § 76; confrontare e contrastare Iliya Stefanov c. Bulgaria, no. 65755/01, § 42, 22 maggio 2008, e Kolesnichenko c. Russia, no. 19856/04, § 43, 9 aprile 2009). Tale pratica consentirebbe, inoltre, alle autorità di restituire i supporti dati sequestrati in tempi relativamente brevi ai loro proprietari e - qualora i proprietari fossero avvocati o studi legali - di evitare che il loro lavoro sia indebitamente inibito più a lungo di quanto sia assolutamente necessario.

101. La Corte sottolinea che l'obbligo dell'avvocato previsto dal diritto interno (si vedano i paragrafi 41-43 supra) di separare i supporti di dati utilizzati nella prestazione di servizi legali e l'obbligo di utilizzare strutture di catalogo chiaramente contrassegnate per i fascicoli dei clienti - se adeguatamente seguiti - contribuirebbero notevolmente a svolgere il compito di vaglio.

102. La Corte richiama l'attenzione sul fatto che, oltre alle garanzie relative al sequestro dei supporti di dati e/o alla copia del loro contenuto nonché al vaglio dei dati memorizzati digitalmente, è anche importante impedire l'accesso ingiustificato e non registrato ai supporti di dati e/o il trattamento dei dati dal momento in cui vengono sequestrati fino alla loro restituzione o distruzione a tempo debito.

103. Passando alle circostanze del caso di specie, la Corte osserva che il diritto interno non sembra contenere alcuna procedura o garanzia specifica per affrontare l'esame dei supporti di dati elettronici ed evitare che la comunicazione coperta dal segreto professionale sia compromessa. La Corte ritiene che questa mancanza di uno schema procedurale pratico e di garanzie si rifletta, in misura minore o maggiore, anche nel modo in cui, nel caso di specie, la perquisizione è stata autorizzata e nel modo in cui sono state effettuate la successiva copia dei supporti di dati sequestrati e l'esame del loro contenuto.

104. Nel caso del ricorrente, il mandato di perquisizione emesso dal giudice per le indagini preliminari non prevedeva alcuna disposizione per la salvaguardia dell'eventuale materiale privilegiato protetto dal segreto professionale (confrontare Kruglov e altri c. Russia, nn. 11264/04 e altri 15, §§ 128-29, 4 febbraio 2020; Iliya Stefanov, sopra citato, § 41; e Smirnov c. Russia, n. 71362/01, § 46, 7 giugno 2007). Questa era la situazione nonostante il fatto che la richiesta del Procuratore di Stato di un mandato di perquisizione avesse specificamente incluso un riferimento alla possibilità che il ricorrente potesse essere in possesso di informazioni relative alla sua attività professionale di avvocato, ma che non sarebbero state rilevanti nel contesto del procedimento penale in corso (si veda il paragrafo 9 sopra).
105. Sebbene al ricorrente sia stato successivamente assicurato che la ricerca del contenuto del suo computer portatile e del suo telefono cellulare sarebbe avvenuta sulla base di parole chiave - e tale ricerca è stata effettivamente effettuata - tale obbligo non sembrava derivare dalla legislazione interna. Di conseguenza, la ricerca sulla base di parole chiave non era prevista nella richiesta di autorizzazione alla perquisizione da parte del Procuratore di Stato, né tale obbligo è stato menzionato dal giudice delle indagini preliminari nei mandati di perquisizione (confronta Sérvulo & Associados - Sociedade de Advogados, RL e altri c. Portogallo, n. 27013/10, 3 settembre 2015).
106. Piuttosto, sembra che la decisione se condurre una ricerca per parole chiave (o utilizzare qualsiasi altro metodo di vaglio) così come la scelta delle parole chiave pertinenti sia stata lasciata interamente alle autorità investigative. In questo frangente, la Corte osserva che alcune delle parole chiave utilizzate per la ricerca (come "esercizio finanziario" o "linea di credito") erano notevolmente ampie. La Corte ha già rilevato in precedenza che il diritto interno non concedeva al ricorrente alcun diritto di essere presente durante la perquisizione basata su parole chiave (cfr. paragrafo 68).

107. In ogni caso, rimane poco chiaro dal diritto interno come verrebbero risolte eventuali controversie tra le autorità investigative e l'avvocato interessato sulle parole chiave da utilizzare o su qualsiasi altro metodo di filtraggio del contenuto elettronico. In effetti, il diritto interno non sembra avere regole specifiche sulla procedura da seguire nel caso in cui l'avvocato o il suo rappresentante si opponga al sequestro o all'esame del contenuto con riferimento alla riservatezza avvocato-cliente (confrontare, ad esempio, Robathin v. Austria, no. 30457/06, § 50, 3 luglio 2012; Wieser e Bicos Beteiligungen GmbH c. Austria, n. 74336/01, §§ 60 e 62, CEDU 2007-IV; e André e un altro, sopra citato, § 44). La Corte osserva che il diritto interno prevede la possibilità di presentare un ricorso contro le attività investigative. Tuttavia, non sembra derivare dal diritto interno che il materiale rispetto al quale è contestata l'applicabilità del segreto professionale non sia messo a disposizione delle autorità investigative prima che i tribunali nazionali abbiano avuto la possibilità di condurre un'analisi specifica e dettagliata della questione e - se necessario - ordinare la restituzione o la distruzione dei supporti di dati sequestrati e/o del loro contenuto copiato (confrontare Kırdök e altri c. Turchia, n. 14704/12, § 51, 3 dicembre 2019; Vinci Construction e GTM Génie Civil et Services c. Francia, nn. 63629/10 e 60567/10, § 79, 2 aprile 2015).

108. Sullo sfondo di un quadro legislativo scarso, la Corte ritiene che la rilevanza pratica come salvaguardia della presenza dell'avvocato interessato o di un altro avvocato durante la perquisizione - o anche durante l'effettivo esame del contenuto copiato dei supporti dati - abbia un effetto limitato.

109. Sebbene la legislazione nazionale mancasse di garanzie procedurali adeguate per proteggere i dati coperti dal segreto professionale, la Corte non ha alcuna base su cui decidere se la riservatezza avvocato-cliente sia stata effettivamente compromessa nel caso in questione. A parere della Corte, tuttavia, la mancanza di garanzie procedurali relative specificamente alla tutela della riservatezza professionale degli avvocati non soddisfa già i requisiti derivanti dal criterio che l'ingerenza deve essere conforme alla legge ai sensi dell'articolo 8 § 2 della Convenzione (si veda Saber, sopra citata, § 57). Avendo tratto tale conclusione, non è necessario che la Corte esamini il rispetto degli altri requisiti previsti da tale disposizione.

110. Alla luce di quanto sopra, la Corte ritiene che vi sia stata una violazione dell'articolo 8 della Convenzione.

APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE

111. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte constata che vi è stata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente solo una riparazione parziale, la Corte accorda, se necessario, una giusta soddisfazione alla parte lesa."

Danno
112. Il ricorrente, facendo riferimento alla conseguenza professionale e personale del sequestro e dell'esame dei supporti dati, ha chiesto 12.000 euro (EUR) a titolo di danno non patrimoniale. Non ha presentato una richiesta di risarcimento per il danno patrimoniale.
113. Il Governo, facendo riferimento agli argomenti sollevati in merito all'ammissibilità del ricorso, riteneva che si dovesse tener conto del comportamento del ricorrente stesso durante la perquisizione e il sequestro, e che la constatazione di una violazione avrebbe quindi costituito, di per sé, una sufficiente giusta soddisfazione.
114. La Corte, tenuto conto delle circostanze del caso e della natura della violazione riscontrata, ritiene che non sia necessario concedere una giusta soddisfazione.
Costi e spese
115. Il ricorrente non ha avanzato alcuna richiesta per quanto riguarda i costi e le spese sostenuti dinanzi ai tribunali nazionali o per quelli sostenuti dinanzi alla Corte.
116. La Corte, di conseguenza, non riconoscerà alla ricorrente alcun risarcimento a questo titolo.

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE

Dichiara, a maggioranza, il ricorso ammissibile;
Dichiara, con quattro voti contro tre, che vi è stata una violazione dell'articolo 8 della Convenzione;
Dichiara, all'unanimità, che non è necessario concedere una giusta soddisfazione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 16 novembre 2021, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.

{signature_p_2}
Milan Blaško Georges Ravarani
Cancelliere Presidente

Conformemente all'articolo 45 § 2 della Convenzione e all'articolo 74 § 2 del regolamento della Corte, i seguenti pareri separati sono allegati alla presente sentenza:

(a) Opinione concorrente del giudice Pavli;
(b) Opinione comune dissenziente dei giudici Ravarani, Seibert-Fohr e Zünd.
G.R.
M.B.

OPINIONE CONCORRENTE DEL GIUDICE PAVLI

1. Sono pienamente d'accordo con il risultato e il ragionamento della sentenza di oggi. Scrivo separatamente per sottolineare due serie di questioni che considero di grande importanza per il destino del privilegio avvocato-cliente, una pietra miliare dei diritti della difesa, nella nostra era digitale.
2. Il primo punto riguarda la questione di cosa costituisca un'interferenza con il suddetto privilegio e se un avvocato praticante debba essere tenuto a provare che una qualche forma di "danno effettivo" sia seguito da perquisizioni e sequestri di materiali e comunicazioni privilegiate. Qualsiasi requisito di questo tipo si basa, a mio avviso, su una concezione del privilegio professionale legale che sarebbe estranea alla maggior parte degli avvocati. È anche una concezione che è in contrasto con la consolidata giurisprudenza della Corte sulla protezione dei dati personali e/o altrimenti protetti: qualsiasi acquisizione di tali dati da parte di un'autorità pubblica è in linea di principio sufficiente a costituire un'interferenza con il relativo interesse protetto dalla Convenzione. Questo approccio è stato confermato di recente dalla Grande Camera, nel contesto della sorveglianza di massa, in Big Brother Watch e altri c. Regno Unito (n. 58170/13 e altri 2, § 330, 25 maggio 2021), sia in generale che rispetto all'analogo privilegio di cui gode la stampa in relazione al materiale giornalistico riservato (ibidem, §§ 447-50).
3. In altre parole, c'è una presunzione che qualsiasi sequestro di dati prima facie privilegiati da parte delle autorità sia in grado di minare la riservatezza del materiale, a meno che non esistano rigorose garanzie di ricerca dei dati, che di solito comportano una qualche forma di controllo giudiziario. L'onere è per le autorità di dimostrare che non hanno indebitamente interferito con il privilegio. Qualsiasi altro approccio alla questione dello status di vittima capovolgerebbe questa presunzione. Dopo tutto, il ricorrente è un avvocato difensore penale e almeno alcuni dei suoi clienti - vale a dire, quelli che non erano collegati in alcun modo con l'indagine in cui il ricorrente stesso era un sospettato - erano potenzialmente sotto indagine dallo stesso dipartimento di polizia che aveva sequestrato i suoi dispositivi elettronici. Penserei che questo sarebbe sufficiente a rendere la maggior parte degli avvocati della difesa, così come i loro clienti, piuttosto nervosi.
4. In secondo luogo, il governo convenuto ha sostenuto, in effetti, che la protezione della LPP dipende da una rigorosa separazione del materiale privilegiato da altri dati non protetti (vedi paragrafo 81 della sentenza). Mentre questo è certamente uno standard etico corretto che deve essere seguito dagli avvocati della difesa, l'affermazione che l'attuale ricorrente non l'ha fatto si basa su presupposti che non sono univocamente supportati dalla documentazione in nostro possesso.
5. Inoltre, le nozioni storiche sulla netta separazione tra materiale privilegiato e non privilegiato potrebbero dover essere ricalibrate per i nostri modi e costumi digitali. Per esempio, quanti di noi possono affermare di mantenere un muro impenetrabile tra i dati personali e professionali contenuti nei nostri smartphone? Forse i praticanti avvocati dovrebbero essere tenuti a uno standard più alto - ma ciò che si applica ai documenti cartacei potrebbe non applicarsi altrettanto facilmente alle nostre vite digitali sempre più complesse. Le pratiche e gli standard etici in questo campo sono ancora in evoluzione. Infine, anche supponendo che un avvocato difensore sia stato in qualche modo lassista nella gestione del materiale privilegiato, questo non dovrebbe dare carta bianca ai dipartimenti di polizia per intraprendere spedizioni di pesca attraverso i suoi dati - la cui riservatezza, va ricordato, è garantita in primo luogo a beneficio dei clienti dell'avvocato.
6. Ho pochi dubbi che le sfide della protezione dei dati elettronici sensibili continueranno a tenere occupata la Corte nei prossimi anni. Credo anche che l'enfasi dell'attuale sentenza sulla necessità di quadri legislativi rigorosi in questo campo, anche per quanto riguarda le modalità di ricerca e altre disposizioni specifiche per il digitale, sia l'approccio corretto. Dobbiamo adattare le protezioni fondamentali alle realtà dell'era digitale, senza perdere di vista la loro ragion d'essere.

 


OPINIONE DISSENZIENTE CONGIUNTA DEI GIUDICI RAVARANI, SEIBERT-FOHR E ZÜND

1. Pur condividendo le preoccupazioni generali della maggioranza circa l'insufficiente chiarezza e prevedibilità del quadro legislativo per quanto riguarda il sequestro di dati protetti dal privilegio professionale legale (LPP), con rammarico non possiamo concordare con la conclusione della maggioranza che il ricorso era ammissibile, in quanto riteniamo che il ricorrente non poteva sostenere di essere vittima di una violazione dell'articolo 8 della Convenzione.
2. Il punto di partenza è l'articolo 44(1)(4) della legge sull'ordine degli avvocati (si veda il paragrafo 41 della sentenza; si veda anche l'edizione commentata del codice di condotta dell'ordine degli avvocati estoni, citato al paragrafo 43), che richiede che un avvocato "deve conservare i supporti di dati relativi alla fornitura di servizi legali separatamente dagli altri supporti di dati in suo possesso".
3. La ragione alla base di questa disposizione è abbastanza ovvia e deve essere vista nel contesto del privilegio professionale legale (LPP), che mira a proteggere la riservatezza degli scambi tra gli avvocati e i loro clienti e che è una pietra angolare del diritto di difesa in un processo (si veda Apostu c. Romania, n. 22765/12, § 96, 3 febbraio 2015, e Altay c. Turchia (n. 2), n. 11236/09, § 50, 9 aprile 2019). Il segreto professionale è alla base del rapporto di fiducia esistente tra un avvocato e il suo cliente (si veda Saber c. Norvegia, n. 459/18, § 51, 17 dicembre 2020). Inoltre, la salvaguardia del segreto professionale è, in particolare, il corollario del diritto del cliente di un avvocato di non incriminarsi (si veda André e un altro c. Francia, no. 18603/03, § 41, 24 luglio 2008). La prima frase dell'articolo 43(2) della legge estone sull'ordine degli avvocati prevede che le informazioni rivelate a un avvocato sono riservate.
4. Poiché la LPP ha lo scopo di proteggere la riservatezza degli scambi tra l'avvocato e i suoi clienti, in linea di principio l'avvocato non ha il diritto di rinunciare unilateralmente al privilegio e di rivelare il contenuto di ciò che condivide in confidenza con il cliente. Allo stesso tempo è nella natura della LPP che gli unici dati che beneficiano di tale privilegio sono quelli che sono condivisi dall'avvocato e dal suo cliente, dato che non è destinato a proteggere esclusivamente l'avvocato ma anche, e persino principalmente, il cliente.
5. L'articolo 44(1)(4) della legge sull'ordine degli avvocati cerca di delineare l'ambito delle informazioni specialmente protette dalla LPP, senza conferire all'avvocato la facoltà di far proteggere indistintamente tutti i dati che conserva, qualunque sia il loro contenuto. La sua efficacia dipende quindi dal rispetto scrupoloso, da parte dell'avvocato, dell'obbligo di conservare separatamente le informazioni riservate. La negligenza o anche un comportamento deliberatamente scorretto in questo senso finirà per indebolire la protezione dell'avvocato e dei clienti.
6. Un problema sorge se - come è successo nel caso in questione - l'avvocato non rispetta questo obbligo e mescola i dati protetti con dati non protetti, per esempio se si impegna in altri affari. È vero che i clienti non devono in alcun modo subire una tale negligenza o un comportamento deliberatamente scorretto, ma tale protezione non deve portare a una situazione in cui l'avvocato stesso possa rivendicare una protezione estesa che copra non solo le informazioni LPP ma anche altri dati. Non dovrebbe avere il diritto di rivendicare la protezione di una privacy di cui ha offuscato i limiti e che è principalmente destinata a proteggere qualcun altro, cioè il cliente. In altre parole, il richiedente dovrebbe beneficiare di un comportamento illecito che lui stesso ha commesso? Il principio nemo auditur turpitudinem suam allegans (per un'applicazione del principio da parte della Corte, si veda Monory v. Hungary and Romania (dec.), no. 71099/01, 17 feb. 2004) potrebbe facilmente essere applicato in un simile contesto.
7. La sentenza in qualche misura riconosce il problema (cfr. paragrafo 101) ma non ne trae alcuna deduzione.
8. Il fatto che il ricorrente non abbia approfittato della possibilità di essere presente durante l'esame dei dati sequestrati, come indicato dal giudice (cfr. paragrafo 24 della sentenza), non è stato certamente molto utile. È forse vero che nessun diritto del genere era espressamente sancito da una disposizione di legge, ma il ricorrente avrebbe potuto almeno discutere la rilevanza delle parole chiave con gli inquirenti. Invece ha mostrato una sorta di disinteresse per ciò che stava effettivamente e concretamente accadendo ai dati sequestrati.
9. Lo stesso vale per la sua scelta di non presentare alcuna richiesta prima della chiusura dell'inchiesta ufficiale (cfr. paragrafo 25 della sentenza), nonostante l'articolo 225 § 1 del codice di procedura penale gli conferisse un tale diritto. È poco rilevante a questo proposito che la disposizione in questione è apparentemente raramente utilizzata in questo contesto e che il ricorrente aveva già impugnato due volte il sequestro del suo computer portatile senza successo. Infatti, se fosse stato veramente interessato a far proteggere i dati memorizzati, avrebbe potuto dimostrare una certa diligenza anche a questo proposito.
10. Inoltre, il ricorrente non ha evidentemente subito un danno a causa della violazione della LPP. Egli non ha nemmeno tentato di spiegare in che senso concreto abbia sofferto a causa del sequestro dei dati. È vero che i suoi clienti potrebbero aver subito un danno a causa del sequestro, ma questa sembra essere solo una supposizione ipotetica in assenza di qualsiasi prova concreta presentata alla Corte. Non possiamo accettare che il diritto alla protezione dei dati personali sia un diritto assoluto, il cui mancato rispetto comporta una violazione dell'articolo 8, indipendentemente dalle conseguenze di tale mancanza. Il ricorrente aveva il dovere di dimostrare come e in che misura i suoi diritti e interessi fossero stati lesi. Tuttavia, ciò che ha fatto è stato alla fine basarsi espressamente sulle informazioni tratte dai dati sequestrati e copiati. Il suo comportamento ha dimostrato che non era interessato all'effettiva protezione dei dati, ma era pronto a utilizzare le prove presumibilmente trovate in violazione della LPP per i propri scopi, indipendentemente dalla protezione dei suoi clienti. In ogni caso, il fatto che abbia effettivamente fatto affidamento sui dati contraddice la sua affermazione di essere stato colpito negativamente dal loro sequestro.
11. Questi diversi elementi ci portano a concludere che il sequestro dei dati non ha pregiudicato il ricorrente nell'esercizio dei suoi diritti ai sensi dell'articolo 8.