Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

"Mi chiamo Jihad", satira o reato? (Corte Edu, ZB Francia 2021)

9 Febbraio 2021, Corre Europea per i diritti dell'Uomo
terrorismo lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

La satira è una forma di espressione artistica e di commento sociale che, in virtù dell'esagerazione e della distorsione della realtà che la caratterizzano, è naturalmente destinata a provocare e ad agitare. Per questo motivo, qualsiasi interferenza con il diritto di un artista - o di qualsiasi altra persona - di esprimersi in questo modo deve essere esaminato con particolare attenzione: non c'è dubbio che i discorsi umoristici o le forme di espressione che coltivano l'umorismo sono protetti dall'articolo 10 della Convenzione, anche se risultano in trasgressione o provocazione, indipendentemente da chi sia l'autore.

Il diritto all'umorismo non è onnicomprensivo e chiunque si avvalga della libertà di espressione assume, nelle parole di quel paragrafo, "doveri e responsabilità". 

Gli Stati contraenti hanno un certo margine di apprezzamento ai sensi dell'articolo 10 nel valutare la necessità e la portata delle interferenze con la libertà di espressione protetta da tale disposizione

 

Corte europea per i diritti dell'Uomo

QUINTA SEZIONE

CASO DI Z.B. contro la FRANCIA

(Applicazione n. 46883/15)

 

sentenza

Articolo 10 - Libertà di espressione - Condanna penale del ricorrente per aver apposto delle scritte con connotazioni terroristiche su una maglietta indossata su sua richiesta dal nipote di tre anni nella sua scuola materna - Conoscenza da parte del ricorrente della particolare risonanza delle scritte poco dopo gli attentati in una scuola e in un contesto di comprovata minaccia terroristica - Motivi pertinenti e sufficienti - Pena proporzionata

Art 17 (+ Art 10) - Iscrizioni che non rivelano immediatamente che il richiedente mirava alla distruzione dei diritti e delle libertà

STRASBURGO

2 settembre 2021

Questa sentenza diventerà definitiva alle condizioni previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a modifiche formali.

Nel caso di Z.B. contro la Francia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (quinta sezione), che siede in una camera composta da :
Síofra O'Leary, Presidente,
Mārtiņš Mits,
Ganna Yudkivska,
Stéphanie Mourou-Vikström,
Ivana Jelić,
Arnfinn Bårdsen,
Mattias Guyomar, giudici,
e Victor Soloveytchik, cancelliere di sezione,
Visto:
il ricorso (n. 46883/15) contro la Repubblica francese presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino di tale Stato, il signor Z.B. ("il ricorrente"), il 17 settembre 2015,
la decisione di portare la domanda all'attenzione del governo francese ("il governo"),
la decisione di non rivelare l'identità del richiedente,
le osservazioni presentate dal governo convenuto e quelle presentate in risposta dalla ricorrente,
le osservazioni ricevute dall'organizzazione non governativa Article 19, che il presidente della sezione ha autorizzato a intervenire come terzo,
Avendo deliberato in camera di consiglio il 6 luglio 2021,
Emette la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:

INTRODUZIONE

1. Il presente caso riguarda la condanna penale del ricorrente per diffamazione dei reati di violenza intenzionale alla vita a causa delle scritte su una maglietta che aveva regalato a suo nipote, allora di tre anni. La maglietta era stata indossata dal bambino in una scuola materna. Il ricorrente ha invocato l'articolo 10 della Convenzione.

I FATTI

2. La ricorrente è nata nel 1983 e vive a Sorgues. Era rappresentato dall'avvocato P. Spinosi.
3. Il governo era rappresentato dal suo agente, il signor F. Alabrune, direttore degli affari giuridici presso il ministero dell'Europa e degli affari esteri.
4. Il ricorrente era lo zio materno di un bambino chiamato Jihad, nato l'11 settembre 2009.
5. Nel 2012 il ricorrente ha regalato a suo nipote una maglietta appositamente commissionata come regalo di compleanno, sulla quale aveva chiesto che fossero scritte le seguenti parole: "I am a bomb" sul petto e "Jihad, born on 11 September" sul retro.
6. Il 25 settembre 2012, la direttrice dell'asilo frequentato dal bambino e un altro adulto hanno notato che il bambino indossava la maglietta mentre si rivestiva dopo aver usato il bagno. Il direttore della scuola ha informato l'ispettorato scolastico e il sindaco del comune. Quest'ultimo ha deferito la questione al pubblico ministero per riferire i fatti.
7. Il pubblico ministero ha deciso di perseguire il ricorrente e la madre del bambino per diffamazione dei crimini di violenza deliberata contro la vita sulla base degli articoli 23 e 24 della legge del 29 luglio 1881 (vedere il quadro giuridico interno pertinente, paragrafo 16 qui sotto).
8. Con una sentenza del 10 aprile 2013 il tribunale penale di Avignone ha assolto il ricorrente e sua sorella dal reato di diffamazione dei reati di violenza intenzionale contro la vita e ha dichiarato inammissibile la parte civile. Nell'assolvere i due imputati, il tribunale ha notato che il bambino aveva indossato la maglietta in questione solo una volta, e che era stata indossata per un periodo di tempo limitato (il pomeriggio del 25 settembre 2012) e in uno spazio limitato (la classe dell'asilo). Ha anche notato che solo due persone erano state in grado di vedere le parole sulla maglietta quando il bambino si stava vestendo. Ha concluso che questi elementi non erano sufficienti per caratterizzare una volontà di promuovere i crimini di attentati intenzionali alla vita, in assenza di qualsiasi atteggiamento in questo senso.
9. Il pubblico ministero ha presentato appello e ha chiesto l'annullamento della sentenza, la condanna dei due imputati per i reati loro imputati e l'ammenda di 3.000 euro e 1.000 euro rispettivamente per il ricorrente e sua sorella. Anche il comune di Sorgues ha fatto ricorso contro la sentenza del tribunale penale. Ha sostenuto, tra l'altro, di aver subito un danno personale a causa della violazione del regolamento interno della scuola materna e del disturbo dell'ordine e della pace nel comune.
10. Nelle osservazioni presentate alla Corte d'appello di Nîmes, il ricorrente ha cercato di far confermare la sentenza, sostenendo che il reato di diffamazione di un crimine richiede che la diffamazione sia pubblica e intenzionale per essere stabilita. In particolare, ha sostenuto che una scuola non è un luogo pubblico per natura e che aveva offerto la maglietta in questione in un luogo privato, la sua casa; c'era stata quindi una mancanza di pubblicità. Ha inoltre sostenuto che le scritte sulla maglietta non presentavano gli atti di terrorismo in una luce favorevole, né li glorificavano.
11. Il 20 settembre 2013 la Corte d'appello di Nîmes ha annullato la sentenza del tribunale penale e ha dichiarato il ricorrente e sua sorella colpevoli dei reati di cui erano stati accusati. La Corte d'appello ha condannato il ricorrente a due mesi di reclusione sospesa e a una multa di 4 000 euro, e sua sorella a un mese di reclusione sospesa e a una multa di 2 000 euro. La Corte d'appello ha anche accolto la richiesta del comune come parte civile, ha dichiarato gli imputati responsabili delle conseguenze dannose derivanti direttamente dal reato di cui sono stati riconosciuti colpevoli e li ha condannati in solido a pagare al comune 1.000 euro di danni. La Corte d'appello ha stabilito quanto segue:

" (...)

Mentre il reato di difesa dei delitti di attentato deliberato alla vita di cui all'articolo 24 della legge del 29 luglio 1881 richiede che i detti atti criminali appaiano suscettibili di essere giustificati o che la gente sia incitata a dare un giudizio favorevole su di essi, essendo la difesa del loro autore assimilata a quella dei loro stessi delitti; che si tratta di una provocazione indiretta o insidiosa che deve essere manifestata con uno dei mezzi di pubblicità previsti dall'articolo 23 della legge del 29 luglio 1881, come scritti, stampati, disegni . . o qualsiasi altro mezzo scritto, parlato o illustrato;

Mentre nel caso in questione, questo è effettivamente il caso, per quanto riguarda l'esposizione della maglietta con le dichiarazioni contestate in una scuola, un luogo pubblico per destinazione;

Mentre le parole scritte sulla maglietta, cioè sul petto "I am a bomb", e sul retro: Considerando che le parole sulla maglietta, cioè sul petto "I am a bomb", e sul retro "Jihad, born on 11 September", non possono essere dissociate, apparendo sullo stesso e unico supporto, cioè i due lati dell'indumento; che l'associazione dei termini bomba, Jihad e 11 settembre rimanda inevitabilmente al tragico evento dell'11 settembre 2001 che costò la vita a migliaia di persone; che nessuna persona di cultura occidentale o orientale può sbagliarsi sul simbolismo legato a questo attentato, atto fondatore del movimento jihadista; che alcuni attributi del bambino (il suo nome, il giorno e il mese di nascita) e l'uso del termine "bomba", che non si può ragionevolmente dire che si riferisca alla bellezza del ragazzo, sono ingigantiti attraverso il giro di parole, l'uso della prima persona singolare e il verbo "essere", e in realtà servono come pretesto per promuovere, senza alcuna ambiguità, e attraverso l'associazione deliberata di termini che fanno riferimento alla violenza di massa, attacchi deliberati alla vita; che l'assenza di menzione sulla maglietta dell'anno di nascita del bambino costituisce un elemento fondamentale nella caratterizzazione del reato;

Considerando, inoltre, che il reato di apologia è caratterizzato quando il passare del tempo sull'evento, di cui tutti hanno tenuto conto, priva l'azione di ogni spontaneità; che questo è effettivamente il caso nel presente caso, visto il tempo trascorso dall'evento dell'11 settembre; che le iscrizioni contestate non riflettono una reazione spontanea da parte dei due imputati, ma piuttosto un'azione ben ponderata e premeditata;

considerando che il signor [Z.B.], zio del piccolo Jihad, ha ammesso di aver ordinato la maglietta, di averla scelta lui stesso e di avervi fatto apporre le scritte contestate, di averla regalata a suo nipote e di aver chiesto a sua madre di farla indossare a suo figlio a scuola; che i due imputati hanno ammesso di aver avuto una discussione prima di prendere questa decisione comune, il che attesta il fatto che erano perfettamente consapevoli del carattere scioccante delle scritte; che hanno dichiarato davanti al tribunale di aver voluto fare uno scherzo

Invece, la morte degli altri non può essere oggetto di una battuta, tanto più che si tratta di un ovvio riferimento a un omicidio di massa che ha causato la morte di quasi 3000 persone; che l'acquisto di una maglietta in un negozio, il contenuto delle informazioni scritte volontariamente su di essa, la perfetta consapevolezza di far indossare volontariamente a un bambino di 3 anni questo indumento in un luogo pubblico, che, per di più, è una scuola, un luogo dove si trasmettono conoscenze e valori repubblicani, mostrano chiaramente l'intenzione deliberata degli imputati di promuovere atti criminali di attacchi deliberati alla vita, di presentare favorevolmente un processo di violenza perpetrato contro migliaia di civili, un processo ulteriormente promosso dal riferimento a una nascita che suona come una conquista dato il giorno e il mese a cui si riferisce;

Considerando che [Z.B.] e (...) hanno ampiamente superato i limiti di tolleranza consentiti dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo in materia di libertà di espressione, utilizzando consapevolmente un bambino di 3 anni, simbolo di innocenza, per creare confusione nella mente dei lettori delle scritte sulla maglietta e per indurli a dare un giudizio benevolo su atti odiosi e criminali, dimostrando la volontà dei convenuti di valorizzarli;

Di conseguenza, si può dedurre da tutti gli elementi di cui sopra che gli atti di cui sono accusati i due imputati sono perfettamente costituiti, che la sentenza di assoluzione sarà ribaltata e i due imputati saranno dichiarati colpevoli degli atti di apologia dei reati di attentato deliberato alla vita;

(...) ".

12. Il ricorrente ha fatto ricorso alla Corte di Cassazione. A sostegno di questo ricorso, l'avvocato del ricorrente ha presentato un'istanza che denuncia, tra l'altro, una violazione dell'articolo 10 della Convenzione. Ha sostenuto che, vista la natura dei fatti, che considerava uno scherzo, la condanna del ricorrente per l'accusa di apologia di reato era sproporzionata, in quanto non poteva essere avanzata alcuna "necessità sociale impellente" per giustificare la pena imposta. Ha sostenuto, in primo luogo, che non si poteva dedurre dalla voce contestata che ci fosse stata una "glorificazione" degli attacchi dell'11 settembre o un "sostegno o solidarietà morale" con i terroristi.

Ha anche invocato il fattore tempo, sostenendo che le iscrizioni lamentate erano state fatte più di undici anni dopo gli attentati dell'11 settembre, cioè molto tempo dopo l'ondata di "shock" subita dall'opinione pubblica alla notizia di quei tragici eventi. A questo proposito, ha sostenuto che il passare del tempo ha necessariamente aumentato la portata della libertà di espressione - in particolare di natura umoristica - e la discussione di eventi passati, anche se erano estremamente dolorosi. Nel secondo motivo, ha sostenuto che le parole sulla maglietta, per quanto discutibili, non costituivano in alcun modo un atto di incitamento a commettere un crimine contro le persone. Ha anche sostenuto che l'incitamento diretto a un crimine contro la vita è caratterizzato solo se è pubblicizzato, il che, a suo parere, non era il caso in questo caso: solo il direttore della scuola e un'altra persona avevano visto le informazioni sulla maglietta.
13. Nelle sue conclusioni, l'avvocato generale ha iniziato sottolineando il contesto degli attentati terroristici in Francia in cui si trovava questo caso, pur ricordando l'importanza di staccarsi da tale contesto per comprendere correttamente il caso. Esaminando i vari motivi di ricorso sollevati dal ricorrente, ha sostenuto che la Corte d'appello aveva fatto una valutazione equa del messaggio contestato nel constatare che il reato era stato commesso. A questo proposito, ha considerato che l'associazione del nome del bambino con la parola "bomba" e la sua data di nascita equivaleva a "presentare l'assassinio di 3.000 persone in una luce favorevole - per così dire festosa -". Ha anche sottolineato l'emozione e la tensione generata da questo messaggio per dimostrare la sua violenza, così come il pericolo per la pace sociale che potrebbe essere rappresentato da messaggi che associano un evento tragico con un motivo di celebrazione. Ha poi ricordato che l'apologia è caratterizzata anche se l'autore non intende provocare la commissione del reato. Per quanto riguarda il requisito della pubblicità, ha osservato che il messaggio in questione poteva essere visto da terzi, poiché il bambino di tre anni non era in grado di vestirsi e svestirsi da solo e doveva essere assistito in queste azioni. L'avvocato generale ha inoltre sostenuto che il messaggio offensivo non rientrava nel "nocciolo duro" della libertà di espressione, che è minimamente protetto nei casi di apologia dell'odio o della violenza. Ha anche sostenuto che tali messaggi potrebbero essere esclusi dalla protezione dell'articolo 10 della Convenzione in virtù dell'articolo 17. Infine, ha sottolineato che le osservazioni in questione nel caso di specie non facevano assolutamente parte di un dibattito di interesse generale, in quanto il ricorrente era stato condannato "per aver partecipato alla diffusione di un messaggio scioccante che glorificava un atto criminale perpetrato contro migliaia di persone", il cui ricordo era ancora vivo e che era opera del terrorismo di ispirazione jihadista, le cui azioni non erano mai cessate da allora, sull'esempio degli attacchi del marzo 2012 commessi da Mohamed Merah, pochi mesi prima dei fatti lamentati. La Corte ricorda che nel marzo 2012 una serie di attacchi terroristici islamisti sono stati commessi a Tolosa e Montauban uccidendo sette persone, tre soldati e quattro civili, tra cui tre bambini in una scuola ebraica.
14. La relazione dell'avvocato relatore, datata 21 maggio 2014, conteneva un richiamo dei fatti e del procedimento, un'analisi dei motivi sollevati dal ricorrente e un'identificazione dei punti di diritto da provare e discutere.
15. Con una sentenza del 17 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte d'appello nella parte in cui riguardava solo le disposizioni relative all'azione civile del comune di Sorgues e ha respinto il ricorso della ricorrente per gli altri aspetti. Dopo aver ricordato le ragioni della Corte d'Appello, la Corte di Cassazione ha stabilito quanto segue:
" (...)

Considerando che dalla sentenza impugnata e dagli atti del procedimento risulta che, il 25 settembre 2012, la direttrice di una scuola materna di Sorgues (Vaucluse) ha notato, mentre vestiva il bambino (...), nato l'11 settembre 2009, che indossava una maglietta con le seguenti scritte: "Jihad, nato l'11 settembre" e : "Sono una bomba"; avendo notato in queste parole un riferimento agli attentati terroristici commessi a New York l'11 settembre 2001, segnalò questi fatti all'ispettorato scolastico; allo stesso tempo, il sindaco del comune deferì la questione al pubblico ministero; fu accertato durante l'inchiesta ordinata dal pubblico ministero che questo capo di abbigliamento era stato dato al bambino da suo zio materno, il signor [Z.B.], al momento della sua morte. [Z.B.], in occasione del suo compleanno; che il signor [B.] e la signora [B.B.], madre del bambino, sono stati citati davanti al tribunale penale con l'accusa di diffamazione dei reati di lesioni personali dolose ai sensi dell'articolo 24, paragrafo 5, della legge del 29 luglio 1881; che il tribunale li ha assolti, il pubblico ministero e la città di Sorgues, parte civile nel procedimento, hanno impugnato la sentenza;

Considerando che, per ribaltare la sentenza, la sentenza ha ritenuto, tra l'altro, che i vari riferimenti su entrambi i lati dell'indumento non potevano essere dissociati, poiché facevano parte di un unico mezzo, e che l'associazione deliberata di questi termini, mentre non si faceva riferimento all'anno di nascita del bambino, si riferiva, per chiunque ne fosse a conoscenza, all'omicidio di massa commesso l'11 settembre 2001; che i giudici hanno aggiunto, per quanto riguarda il signor [B. I giudici hanno aggiunto che, per quanto riguarda il signor [B.], l'ordine che aveva dato per far apparire le scritte sulla maglietta e la sua insistenza affinché la madre del bambino la indossasse quando lo mandava a scuola, un luogo pubblico per destinazione, rifletteva il suo desiderio, non di fare uno scherzo, come ha sostenuto, ma di presentare i crimini menzionati in una luce favorevole alle persone che, nei locali della scuola, sarebbero state portate a vedere l'indumento; concludono che gli atti di cui l'imputato è accusato, che hanno superato i limiti dell'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, in quanto il signor [B.] ha utilizzato un pezzo di abbigliamento molto grande nel corso del suo lavoro. [B.] ha usato un bambino molto piccolo come base per un giudizio benevolo su atti criminali, caratterizzano il reato di apologia di reato, di cui all'articolo 24 della legge del 29 luglio 1881;

Alla luce delle sue dichiarazioni, la Corte d'appello, che analizzando il contesto in cui le dichiarazioni incriminate sono state stampate e rese pubbliche, ha valutato accuratamente il loro significato e la loro portata, e che ha caratterizzato tutti gli elementi del reato di cui ha dichiarato l'imputato colpevole, ha giustificato la sua decisione;

(...). "

IL QUADRO GIURIDICO NAZIONALE PERTINENTE

16. Le disposizioni pertinenti delle sezioni 23 e 24 del Press Act del 29 luglio 1881, nella versione in vigore all'epoca dei fatti, recitano come segue
Articolo 23

"Coloro che, sia con discorsi, grida o minacce fatte in luoghi pubblici o riunioni, sia con scritti, stampati, disegni, incisioni, dipinti, emblemi, immagini o qualsiasi altro materiale scritto, parlato o pittorico venduto o distribuito, saranno puniti come complici di un'azione classificata come crimine o reato, venduti o esposti in luoghi pubblici o in riunioni, o mediante cartelli o manifesti esposti alla vista del pubblico, o mediante qualsiasi mezzo di comunicazione al pubblico con mezzi elettronici, hanno provocato direttamente l'autore o gli autori a commettere tale azione, se la provocazione è stata seguita dal suo effetto.

Questa disposizione si applica anche quando la provocazione è stata seguita solo da un tentativo di commettere il reato previsto dall'articolo 2 del codice penale.

Articolo 24

"45.000 di multa chi, con uno dei mezzi indicati nell'articolo precedente, provoca direttamente, nel caso in cui tale provocazione non sia seguita da un tentativo, a commettere uno dei seguenti reati, è punito con cinque anni di reclusione e una multa di

"1o Attacchi volontari alla vita, attacchi volontari all'integrità della persona e aggressioni sessuali definiti dal libro II del codice penale;

(...)

Coloro che, con uno dei mezzi indicati nell'articolo 23, glorificano i crimini di cui al primo comma, i crimini di guerra, i crimini contro l'umanità o i crimini e i delitti di collaborazione con il nemico (...) saranno puniti con la stessa pena

(...) ".

IN LEGGE

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 10 DELLA CONVENZIONE

17. Il ricorrente lamentava una violazione del suo diritto alla libertà di espressione a causa della sua condanna per un'accusa di difesa dei reati di lesioni personali volontarie. Egli invoca l'articolo 10 della Convenzione, che stabilisce che
"Tutti hanno il diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere e di comunicare informazioni e idee senza interferenze da parte della pubblica autorità (...)

2. L'esercizio di queste libertà, che porta con sé doveri e responsabilità, può essere soggetto alle formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni previste dalla legge e necessarie in una società democratica nell'interesse della sicurezza nazionale, dell'integrità territoriale o della pubblica sicurezza, per la prevenzione di disordini o reati, per la protezione della salute o della morale, per la protezione della reputazione o dei diritti altrui, per impedire la divulgazione di informazioni ricevute in via confidenziale, o per mantenere l'autorità e l'imparzialità del sistema giudiziario.

Sull'ammissibilità
Le osservazioni del governo
18. Citando una decisione della Commissione (Glimemerveen e Hagenbeek c. Paesi Bassi, nn. 8348/78 e 8406/78, decisione della Commissione dell'11 ottobre 1979) e la giurisprudenza della Corte (Handyside c. Regno Unito, 7 dicembre 1976, serie A n. 24, Witzsch c. Germania (dec.), n. 7485/03, 13 dicembre 2005, Norwood c. Regno Unito (dec.), n. 23131/03, CEDU 2004-XI, Garaudy c. Francia (dec.), n. 65831/01, CEDU 2003-IX (estratti) e M'Bala M'Bala c. Francia (dec.), n. 25239/13, CEDU 2015 (estratti)), il Governo ha sostenuto che il ricorso era irricevibile per incompatibilità ratione materiae. Ha quindi sostenuto che l'articolo 17 della Convenzione era applicabile e che le osservazioni che il ricorrente aveva fatto scrivere sulla maglietta che aveva dato a suo nipote non godevano della protezione della libertà di espressione.
19. Il governo ha sostenuto che lo scopo del ricorrente nel presente caso era quello di condonare un crimine di massa, un atto fondatore del movimento jihadista, poco dopo altri attacchi commessi nel marzo 2012 da Mohammed Merah in nome della stessa ideologia e in un contesto in cui la minaccia terroristica era ancora prevalente. Sostiene inoltre che la glorificazione di attacchi terroristici mortali non può che andare "oltre i valori fondamentali della Convenzione, come espresso nel suo preambolo, cioè la giustizia e la pace".
20. Il governo ha inoltre sostenuto che l'articolo 17 della Convenzione era già stato applicato in casi in cui i ricorrenti non avevano formalmente incitato la commissione di atti violenti, la Corte o la Commissione basandosi sull'ideologia - nazionalistica o odiosa - che era evidente dalle dichiarazioni dei ricorrenti. Inoltre, facendo riferimento alla decisione della Corte nella causa M'Bala M'Bala (citata sopra) e alla sentenza Leroy c. Francia (n. 36109/03, 2 ottobre 2008), il governo ha sottolineato che la Corte aveva accettato che le dichiarazioni che non erano né "dirette" né "esplicite" potevano non rientrare nell'ambito dell'articolo 10. A questo proposito, ha sostenuto che l'apologia degli omicidi di massa dell'11 settembre 2001 equivaleva a una dichiarazione odiosa mascherata da una veste umoristica che, proprio per questo, poteva essere pericolosa come una dichiarazione diretta.
Gli argomenti del richiedente
21. Il ricorrente si è opposto al motivo del governo e ha sostenuto che era stato ampiamente dimostrato che le osservazioni per le quali era stato sottoposto a una sanzione penale rientravano nel campo di applicazione dell'articolo 10 della Convenzione. A questo proposito, ha trovato paradossale che il governo si sia limitato a fare riferimento alle conclusioni dei tribunali nazionali nel tentativo di negare che "le voci avevano un significato ambiguo", anche se questi tribunali non avevano dato la stessa valutazione delle voci. L'esistenza stessa di una tale differenza di valutazione sarebbe sufficiente per stabilire che le dichiarazioni contestate sono per lo meno equivoche.
22. A questo proposito, la ricorrente ha sostenuto che, prese isolatamente, le iscrizioni denunciate e il modo in cui sono state diffuse non erano affatto inequivocabili. Collocate in un contesto più generale, erano inoltre un evento unico e isolato. Il ricorrente ha sottolineato a questo proposito che non era mai stato condannato per altri reati di natura comparabile e che non era stato accusato di alcuna condotta dubbia né prima né dopo i fatti in questione.
23. Infine, citando la giurisprudenza della Corte (Paksas c. Lituania [GC], n. 34932/04, § 87, CEDU 2011 (estratti)), il ricorrente ha concluso che, a meno che la lettera e lo spirito dell'articolo 17 della Convenzione non fossero completamente mal interpretati, l'eccezione di ammissibilità del governo doveva essere respinta.
La valutazione della Corte
24. La Corte ha ricordato innanzitutto che "lo scopo dell'articolo 17, nella misura in cui si rivolge a gruppi o individui, è di impedire loro di trarre dalla Convenzione un diritto che permetterebbe loro di intraprendere un'attività o compiere un atto mirante alla distruzione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione; (. ... così nessuno potrà avvalersi delle disposizioni della Convenzione per compiere atti mirati alla distruzione dei diritti e delle libertà menzionate" (Lawless c. Irlanda (n. 3), 1° luglio 1961, § 7, serie A n. 3). Poiché lo scopo generale di questa disposizione è, in altre parole, quello di impedire ai gruppi totalitari di sfruttare i principi sanciti dalla Convenzione a proprio vantaggio, l'articolo 17 è applicabile solo eccezionalmente e in casi estremi (si veda Paksas, già citato, § 88, e i riferimenti giurisprudenziali ivi contenuti).
25. La Corte rimanda poi alla sua decisione in Roj TV A/S c. Danimarca ((dec.), n. 24683/14, §§ 32-38, 24 maggio 2018) per una sintesi delle dichiarazioni o attività che ha ritenuto dovessero essere esentate dalla protezione dell'articolo 10 della Convenzione in virtù dell'articolo 17 a causa del loro scopo islamofobico, antisemita, razzista e/o di incitamento all'odio e alla violenza. A questo proposito, ricorda subito che non è assolutamente suo compito pronunciarsi sugli elementi costitutivi, nel diritto francese, del reato di diffamazione dei reati di lesioni personali volontarie, che spetta in primo luogo alle autorità nazionali, né mettere in discussione le conclusioni dei giudici nazionali a questo riguardo. Spetta infatti principalmente alle autorità nazionali, compresi i tribunali, interpretare e applicare il diritto nazionale (si veda, tra le tante, Lehideux e Isorni c. Francia, 23 settembre 1998, § 50, Reports of Judgments and Decisions 1998-VII, e M'Bala M'Bala, citata, § 30).
26. Nel caso di specie, tuttavia, la Corte ritiene che i riferimenti in questione - per quanto controversi - non siano sufficienti a rivelare in modo immediatamente evidente che il ricorrente mirava in tal modo alla distruzione dei diritti e delle libertà sanciti dalla Convenzione (si veda, in tal senso, Perinçek c. Svizzera [GC], n. 27510/08, §§ 114-115, CEDU 2015 (estratti), e Lilliendahl c. Islanda (dec.), n. 29297/18, § 26, 12 maggio 2020). Nonostante la caratterizzazione del reato di lesioni personali volontarie da parte dei giudici nazionali, la Corte osserva che le scritte "I am a bomb" e "Jihad, born on 11 September" su una maglietta, che fanno riferimento al nome e alla data di nascita di un bambino, non giustificano di per sé l'applicazione dell'articolo 17 della Convenzione (confrontare Garaudy v Francia (dec.), n. 65831/01, CEDU 2003-IX (estratti), in cui era in discussione l'autore di un libro che negava sistematicamente i crimini commessi dai nazisti; Molnar v. Romania (dec.), n. 16637/06, 23 ottobre 2012, in cui i giudici nazionali avevano riscontrato, nel caso dei manifesti, una diffusione sistematica e organizzata di idee che incitavano all'odio nazionalista e razzista; e Hizb Ut-Tahrir e altri c. Germania (dec.), n. 31098/08, 12 giugno 2012, in cui erano in discussione numerose dichiarazioni scritte pubblicate in articoli di riviste, volantini e trascrizioni che chiedevano la distruzione dello Stato di Israele e la messa al bando e l'uccisione dei suoi abitanti). La Corte ricorda inoltre di aver già affermato che "l'offesa alla memoria delle vittime degli attentati dell'11 settembre" non significa di per sé che il contenuto delle dichiarazioni controverse relative a tali attentati non possa essere esaminato alla luce della libertà di espressione (cfr. Leroy, sopra citata, § 27).
27. Di conseguenza, nelle circostanze del caso di specie, la Corte ritiene che il presente ricorso non costituisce un abuso di diritto ai sensi dell'articolo 17 della Convenzione. Non è quindi incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione ai sensi dell'articolo 35 § 3 della Convenzione. L'obiezione preliminare del governo deve quindi essere respinta. Questa conclusione non può tuttavia impedire alla Corte di basarsi sull'articolo 17 della Convenzione come ausilio all'interpretazione dell'articolo 10 § 2 della Convenzione per valutare la necessità dell'interferenza in questione (si veda Ayoub e altri c. Francia, n. 77400/14 e altri 2, § 101, 8 ottobre 2020, e i riferimenti giurisprudenziali ivi citati).
28. Infine, ritenendo che il reclamo del ricorrente non fosse manifestamente infondato o irricevibile per qualsiasi altro motivo ai sensi dell'articolo 35 della Convenzione, la Corte lo ha dichiarato ammissibile.
I meriti
Le osservazioni delle parti
(a) Il richiedente

29. Il ricorrente ha sostenuto, in primo luogo, che una semplice battuta - anche se di cattivo gusto - che era puramente una tantum, di portata limitata e manifestamente priva di qualsiasi secondo fine legato all'ideologia terroristica aveva portato a una conseguente condanna penale per l'apologia dei reati di violenza intenzionale alla vita. A questo proposito, ha sostenuto che un presunto "apprezzamento" degli attentati dell'11 settembre 2001 non era evidente né dal contenuto intrinseco del messaggio contestato né da elementi estrinseci, come il suo comportamento. Inoltre, qualsiasi dichiarazione soggettivamente percepita come "scioccante" non potrebbe giustificare una condanna penale così pesante.
30. Successivamente, commentando il margine di apprezzamento dello Stato e citando la giurisprudenza della Corte (Animal Defenders International c. Regno Unito [GC], no. 48876/08, § 100, CEDU 2013 (estratti), Morice c. Francia [GC], no. 29369/10, § 124, CEDU 2015, Mouvement raëlien suisse c. Svizzera [GC], n. 16354/06, § 63, CEDU 2012 (estratti), Sürek c. Turchia (n. 4) [GC], n. 24762/94, § 54, 8 luglio 1999, e Perinçek c. Svizzera [GC], n. 27510/08, §§ 206-208, CEDU 2015 (estratti)), il ricorrente sostiene che il discorso presentato come offensivo o di "odio" non è privato di ogni protezione. Egli sostiene a questo proposito che l'evidente sensibilità della lotta contro i discorsi d'odio non può giustificare la rinuncia della Corte al suo pieno ruolo di custode dei diritti del trattato, anche nelle circostanze del caso in questione.
31. 31. Il ricorrente ha inoltre sottolineato che l'esercizio della libertà di espressione da una prospettiva umoristica o satirica godeva di una protezione rafforzata dalla Convenzione, poiché questa dimensione permetteva di estendere i limiti ammissibili di tale libertà fino a includere anche discorsi particolarmente incisivi. A sostegno della sua tesi, ha fatto riferimento alle conclusioni della Corte nella sentenza Eon c. Francia (no. 26118/10, § 60, 14 marzo 2013). Il fatto che fosse "un privato, lo zio del bambino che indossava la maglietta in questione" era in questo senso irrilevante, in quanto il controllo dell'interferenza con una dichiarazione fatta in modo "satirico" o "umoristico" richiederebbe "particolare attenzione". Questo vale non solo per un artista ma anche per "qualsiasi altra persona".
32. 32. Il ricorrente ha inoltre sostenuto che né i tribunali nazionali né il governo hanno contestato che egli aveva intenzione di essere umoristico quando aveva pubblicato il messaggio contestato. Inoltre, non c'era assolutamente nulla nella sua condotta che indicasse un intento terroristico o anche legami con un movimento di quella natura. Di conseguenza, il messaggio contestato non poteva essere sospettato di essere "un'affermazione odiosa (...) mascherata sotto il pretesto di un approccio umoristico". Anche supponendo che ci fosse un "desiderio di scioccare" nel caso in questione, anche se la maglietta era stata offerta in un contesto familiare, questo semplice desiderio di attrarre o anche di scioccare rimarrebbe protetto dalla libertà di espressione.
33. 33. Inoltre, il ricorrente ha sostenuto che, preso isolatamente, il messaggio sulla maglietta si concentrava solo sulle circostanze molto specifiche della sua cerchia familiare. Il messaggio avrebbe collegato il nome di suo nipote alla sua data di nascita prima di iniziare una linea di umorismo - per quanto dubbia - che aveva lo scopo di suggerire che il bambino era semplicemente un "bel ragazzo", l'espressione colloquiale "sono una bomba" riferendosi solo a questa presunta caratteristica fisica e non a un'arma. Per il ricorrente, era significativo che i giudici del processo avessero dato questa lettura del messaggio, che avrebbe attestato la sua completa credibilità e ragionevolezza ad un osservatore. Soprattutto, anche i giudici d'appello e di cassazione che avessero adottato una lettura diversa non avrebbero mancato di segnalarne l'incertezza. Non c'era nulla che potesse ragionevolmente stabilire che lo scopo del messaggio contestato fosse quello di presentare gli attacchi in una luce favorevole o di glorificarli.
34. La ricorrente riteneva inoltre che la valutazione dei fatti fatta dal giudice d'appello in particolare non poteva essere considerata come una valutazione "accettabile e ragionevole" e la motivazione della decisione d'appello non poteva essere considerata pertinente e sufficiente. La Corte di Cassazione si sarebbe altrimenti limitata ad avallarli lapidariamente.
35. La ricorrente si basa anche su un'evoluzione della giurisprudenza francese. Citando una sentenza della Corte di Cassazione (Divisione penale, 4 giugno 2019, n. 18-85.042), egli sostiene che tale corte ha riaffermato una lettura rigorosa del reato di apologia di atti di terrorismo, definito come "il fatto di incitare pubblicamente un'opinione favorevole a questi reati o ai loro autori". Afferma inoltre che il Consiglio costituzionale avrebbe confermato che il reato di apologia del terrorismo dovrebbe essere riservato alle situazioni in cui "il comportamento incriminato deve incitare un giudizio favorevole su (...) un atto di terrorismo o sul suo autore" (decisione n. 2018-706 QCP del 18 maggio 2018). Per quanto riguarda altri reati penali legati al terrorismo, questo stesso tribunale avrebbe insistito sulla necessità di caratterizzare un vero e proprio intento terroristico per consentire l'azione penale (decisioni n. 2016-611 QCP del 10 febbraio, n. 2017-682 QCP del 15 dicembre 2017 e n. 2017-625 QCP del 7 aprile 2017).
36. Per quanto riguarda il contesto dei fatti, il ricorrente ritiene che il fatto che la battuta lamentata sia percepita come di cattivo gusto, o anche come priva di tatto e di appropriatezza, non è sufficiente a giustificare una condanna penale sostanziale, soprattutto per un reato così grave. Ragionare diversamente significherebbe semplicemente proibire qualsiasi forma di umorismo - particolarmente nero e incisivo - verso qualsiasi attacco o evento tragico legato al terrorismo. E questo finché dura la minaccia terroristica, che sarebbe perenne o addirittura perpetua. Un tale risultato sarebbe radicalmente contrario ai principi che proteggono la libertà di espressione.
37. 37. Secondo il ricorrente, neanche il fatto che la maglietta con il messaggio offensivo fosse stata indossata in una scuola era tale da giustificare la condanna penale. Citando un'ordinanza del Conseil d'État (Rif. Ord. 26 agosto 2016, n. 402.742), ha sostenuto che i diritti e le libertà di ciascun individuo non possono essere indicizzati solo sulla base della sensibilità personale degli altri, anche se tale sensibilità è potenzialmente esacerbata dalla pesante atmosfera degli attentati. Ha sostenuto che la sua condanna appariva del tutto ingiustificata, poiché non rispondeva a nessun "bisogno sociale impellente".
38. 38. Infine, il ricorrente ha sostenuto che la sua condanna non era "simbolica" in quanto comportava una multa pesante, date le sue risorse limitate, ma anche una pena detentiva. Il fatto che quest'ultima condanna sia stata sospesa non ne diminuisce la gravità, in particolare perché è stata necessariamente destinata a metterlo sotto la minaccia diretta di una detenzione effettiva. Il ricorrente ha quindi sottolineato il carattere sproporzionato della pena inflitta, sostenendo, tra l'altro, che la sola condanna penale era suscettibile di avere un grave effetto sulla reputazione dell'interessato: ciò era particolarmente vero nel caso in questione, poiché, nel corso del procedimento, il caso era stato ampiamente riportato dalla stampa e il suo nome era stato regolarmente citato.
(b) Il governo

39. Il governo non ha contestato che la condanna del ricorrente potrebbe essere intesa come un'interferenza con il suo diritto alla libertà di espressione. Tuttavia, ha sostenuto che l'interferenza, che era prevista dalla legge, vale a dire gli articoli 23 e 24 della legge del 29 luglio 1881, perseguiva gli scopi legittimi di "mantenere l'ordine pubblico e prevenire i reati". Ha aggiunto che la condanna del ricorrente aveva anche lo scopo di proteggere i diritti degli altri, compresa la dignità delle vittime dell'attentato dell'11 settembre 2001. Ha inoltre sostenuto che questa interferenza era necessaria in una società democratica.
40 Poi, citando la giurisprudenza della Corte (cfr. Morice, Perinçek e Leroy citati sopra) e analizzandola, il governo ha sostenuto che le autorità nazionali avevano goduto di un ampio margine di apprezzamento alla luce dei fatti del caso e che le ragioni della condanna del ricorrente erano state sufficienti e pertinenti e avevano trovato un giusto equilibrio tra gli interessi in gioco. A questo proposito, ha sottolineato che le dichiarazioni in questione non facevano parte di un dibattito di interesse generale e che il ricorrente non apparteneva a una delle categorie il cui discorso è particolarmente protetto dall'articolo 10 della Convenzione. Non era un politico o un giornalista, ma un privato, lo zio del bambino che aveva indossato la maglietta in questione. Il governo ha inoltre sostenuto che il messaggio incriminato aveva cercato di presentare sotto una luce favorevole e umoristica "la violenza perpetrata contro migliaia di civili". Ha fatto riferimento alle conclusioni della Corte d'appello e al parere dell'avvocato generale e ha ritenuto che la diffusione di un messaggio scioccante che promuove un atto criminale perpetrato contro migliaia di persone, che nelle circostanze del caso potrebbe essere paragonato a una forma di discorso di odio, non si qualifica per una protezione rafforzata ai sensi dell'articolo 10 § 2, ma, per sua stessa natura, ha dato allo Stato un ampio margine di valutazione.
41. Il governo ha quindi sostenuto che la condanna penale del ricorrente aveva soddisfatto un bisogno sociale urgente. Per quanto riguarda il contenuto delle osservazioni impugnate, ha sostenuto che la Corte non è una quarta istanza e che il suo controllo non può riguardare la classificazione, nel diritto interno, del reato di lesioni personali volontarie. A questo proposito, ha sostenuto che la caratterizzazione fatta dai giudici nazionali nel caso in questione costituiva una "valutazione" perfettamente "accettabile" dei fatti del caso. Ha sostenuto che il contenuto delle iscrizioni, la loro formulazione e la loro associazione si riferivano inequivocabilmente alla glorificazione di un crimine di massa.
42. Per quanto riguarda il contesto delle iscrizioni impugnate, il governo ha sottolineato che la condanna del ricorrente aveva avuto luogo in un contesto globale di minaccia terroristica ed era stata emessa tenendo conto delle circostanze particolari del caso in questione, in particolare il fatto che le iscrizioni erano state fatte da un bambino in una scuola. A questo proposito, ha spiegato che la maglietta era stata indossata il 25 settembre 2012, vale a dire alcuni mesi dopo gli attentati perpetrati nel marzo 2012 da Mohammed Merah, in nome della stessa ideologia che sta dietro gli attentati dell'11 settembre 2001. Ha ricordato che uno degli attacchi era consistito in una sparatoria in una scuola che era costata la vita a tre bambini e che la condanna penale del ricorrente era arrivata meno di un anno dopo. La Corte di Cassazione ha confermato questa condanna subito dopo gli attacchi di Charlie Hebdo e Hyper Casher nel gennaio 2015. Il governo ha sottolineato che gli anni dal 2012 al 2014 sono stati segnati da attacchi in Italia, Bulgaria, Regno Unito e Belgio, ma anche in Francia. La ricorrente non poteva quindi invocare il lungo periodo di tempo trascorso tra gli attentati dell'11 settembre e l'apposizione delle iscrizioni contestate. Al contrario, il contesto della minaccia terroristica era tale da aumentare la sua responsabilità.
43. Secondo il governo, il ricorrente era necessariamente consapevole del carattere offensivo delle parole espressamente scritte sulla maglietta del bambino su sua richiesta e indossata da lui alla scuola materna. A questo proposito, osserva che la ricorrente ha deciso di far iscrivere solo le parole "11 settembre" sulla maglietta in questione, senza aggiungere l'anno di nascita del bambino (2009), che avrebbe potuto avere l'effetto di diluire il significato del messaggio. La scelta della ricorrente ha dimostrato, dietro il pretesto dell'umorismo, una volontà di scioccare facendo riferimento esplicito agli attentati dell'11 settembre 2001. Inoltre, il ricorrente non solo aveva ordinato la maglietta e l'aveva fatta floccare, ma gli aveva anche chiesto di indossarla a scuola, anche se non poteva non sapere che, essendo un bambino di tre anni, non poteva spogliarsi da solo, per cui il messaggio scritto sulla maglietta sarebbe stato necessariamente letto dagli adulti.
44. Il governo ha sottolineato la gravità dell'atteggiamento della ricorrente. A suo avviso, la scelta di far indossare la maglietta in una scuola, luogo riservato all'apprendimento e alla trasmissione del sapere, non era banale, tanto più che non poteva non fare riferimento a uno degli attentati del marzo 2012, che era stato commesso in una scuola e aveva provocato la morte di diversi bambini. Le parole sulla maglietta non potevano quindi che avere l'effetto di scioccare profondamente il personale della scuola. Nelle circostanze del caso, indossare le scritte contestate sarebbe stato anche pregiudizievole per il bambino, che era l'inconsapevole portatore di un messaggio che propugnava attacchi terroristici, senza poter capire, perché non poteva leggere, l'emozione che la maglietta che indossava poteva provocare.
45. Il fatto che il ricorrente si sia basato sul carattere umoristico delle sue azioni non poteva, secondo il governo, rendere la sua condanna contraria all'articolo 10 della Convenzione. A questo proposito, il governo ha sostenuto che l'intenzione umoristica del ricorrente, anche se fosse stabilita, non poteva cancellare il fatto che gli attacchi che avevano causato migliaia di morti erano stati presentati in una luce favorevole nel contesto della minaccia terroristica prevalente. La sua condanna rispondeva quindi a un bisogno sociale impellente.
46. Per quanto riguarda la motivazione dei giudici nazionali e la pena inflitta, il governo ha sottolineato che nel caso in questione la Corte d'appello aveva condannato il ricorrente dopo un'analisi approfondita dei fatti e una motivazione particolarmente ben sviluppata e aveva inflitto una pena adeguata al contesto e alla personalità del ricorrente. Ha anche sostenuto che la Corte di Cassazione ha valutato completamente le prove che le sono state sottoposte. Egli ha sostenuto che la sentenza dovrebbe essere vista alla luce dell'opinione dell'avvocato generale e del rapporto dei consulenti legali, ognuno dei quali ha fornito un'analisi del caso in questione.
47. 47. Infine, il governo ha sostenuto che la pena inflitta era proporzionata allo scopo legittimo perseguito. I giudici avevano debitamente applicato il principio della necessità delle pene: il ricorrente, impiegato nel settore informatico, riceveva uno stipendio che gli permetteva di pagare la multa inflitta. Inoltre, la Corte d'appello aveva soppesato gli interessi in gioco nell'imposizione di una pena detentiva e nella decisione di sospenderla, per non compromettere l'integrazione professionale del ricorrente.
c) L'organizzazione non governativa Articolo 19

48. 48. L'interveniente afferma che la libertà di espressione, compresa la libertà di fare battute o scherzi, è uno dei fondamenti di una società democratica. Sosteneva che una società libera non poteva fiorire senza la libertà di espressione e lo scambio di idee, comprese quelle che scioccavano, offendevano o disturbavano. A questo proposito, ha contestato il test della Corte per identificare le forme di espressione ammissibili in riferimento al loro contributo al dibattito pubblico. A questo proposito, invita la Corte a riaffermare i suoi principi fondamentali e a chiarire che una restrizione all'espressione può essere giustificata solo se è soddisfatto il criterio imperativo della necessità. Sottolinea che scherzare o deridere è una forma primaria di espressione nella cultura europea, e cita a questo proposito la giurisprudenza di alcuni Stati membri del Consiglio d'Europa e la Corte Suprema degli Stati Uniti.
49. L'oratore ha inoltre sottolineato i pericoli di una legislazione antiterrorismo troppo ampia, poiché le leggi che criminalizzano le "scuse" per il "terrorismo" potrebbero avere un effetto raggelante sulla libertà di espressione e colpire in modo sproporzionato i gruppi minoritari. A questo proposito, fa riferimento, nel contesto della Francia, alle conclusioni del Commissario per i diritti dell'uomo del Consiglio d'Europa che "la varietà di casi ai quali sono state applicate le disposizioni sull'apologia del terrorismo" in Francia evidenzierebbe l'uso di un concetto "pigliatutto" per punire dichiarazioni semplicemente "non consensuali, scioccanti o politicamente imbarazzanti". Inoltre, afferma che la legge che regola l'apologie du terrorisme in Francia è frequentemente utilizzata e comporta pene detentive.
La valutazione della Corte
50. La Corte ricorda innanzitutto che il diritto alla libertà di espressione può includere il diritto di una persona di esprimere le proprie idee attraverso il modo in cui si veste (cfr. Maguire c. Regno Unito (dec.), n. 58060/13, § 45, 3 marzo 2015, Stevens c. Regno Unito, n. 11674/85, decisione della Commissione del 3 marzo 1986, Decisioni e relazioni (DR) 46, p. 245; e Kara c. Regno Unito, n. 36528/97, decisione della Commissione del 22 ottobre 1998). La Corte osserva inoltre che non è contestato dalle parti che la condanna in questione ha costituito un'interferenza con il diritto del ricorrente alla libertà di espressione garantita dall'articolo 10 § 1 della Convenzione. Né è contestato davanti alla Corte che l'interferenza era prescritta dalla legge. La Corte è d'accordo con questa valutazione. Essa ritiene inoltre che l'ingerenza in questione perseguisse uno scopo legittimo, vale a dire il mantenimento dell'ordine pubblico e la prevenzione dei reati, ai sensi dell'articolo 10 § 2 della Convenzione. La controversia in questo caso riguarda quindi la questione se l'interferenza era "necessaria in una società democratica".
(a) Principi generali

51. La Corte fa riferimento ai principi generali che emergono dalla sua giurisprudenza in questo campo (vedi Perinçek, citata, §§ 196-197, e i riferimenti giurisprudenziali ivi contenuti). Esaminerà il caso alla luce di questi principi.
52. Ricorda quindi che la libertà di espressione è uno dei fondamenti essenziali di una società democratica, una delle condizioni essenziali per il suo progresso e per lo sviluppo dell'individuo. Con riserva dell'articolo 10, paragrafo 2, si applica non solo alle "informazioni" o "idee" che sono accolte favorevolmente o considerate come inoffensive o indifferenti, ma anche a quelle che offendono, scioccano o disturbano.
53. L'aggettivo "necessario" dell'articolo 10, paragrafo 2, implica una necessità sociale impellente. In generale, la "necessità" di un'interferenza con l'esercizio della libertà di espressione deve essere stabilita in modo convincente. Naturalmente, spetta in primo luogo alle autorità nazionali valutare se c'è una tale necessità da giustificare l'interferenza, e a tal fine godono di un certo margine di apprezzamento. Tuttavia, questo è accoppiato con l'esame da parte della Corte sia della legge che delle decisioni che la applicano.
54. Nell'esercizio della sua giurisdizione di controllo, la Corte deve considerare l'interferenza alla luce del caso nel suo insieme, compreso il contenuto delle osservazioni impugnate e il contesto in cui sono state trasmesse. In particolare, spetta alla Corte determinare se la misura denunciata sia "proporzionata agli scopi legittimi perseguiti" e se le ragioni addotte dalle autorità nazionali per giustificarla appaiano "pertinenti e sufficienti". In tal modo, la Corte deve accertarsi che le autorità nazionali abbiano applicato norme conformi ai principi sanciti dall'articolo 10 e, inoltre, basate su una valutazione accettabile dei fatti pertinenti.
b) Applicazione al presente caso

55. Nella fattispecie, la Corte osserva che il ricorrente è stato condannato per aver glorificato i crimini di attentato deliberato alla vita a causa delle seguenti affermazioni di grande risonanza, scritte su sua richiesta su una maglietta regalata a suo nipote: "Io sono una bomba" e "Jihad, nato l'11 settembre". A questo proposito, rileva che il ricorrente ha consapevolmente utilizzato un espediente redazionale che, basandosi sulla polisemia della parola "bomba", tendeva a descrivere, in uno stile colloquiale tipico del francese quotidiano, le caratteristiche fisiche di una persona attraente (si veda il precedente punto 33), associandole al contempo ai dati identificativi di suo nipote.
56. Sia davanti alle autorità nazionali (cfr. paragrafo 12) che davanti alla Corte (cfr. paragrafi 32 e 36), il ricorrente ha sostenuto che le voci in questione erano umoristiche. A questo proposito, la Corte ricorda di aver già sottolineato che la satira è una forma di espressione artistica e di commento sociale che, in virtù dell'esagerazione e della distorsione della realtà che la caratterizzano, è naturalmente destinata a provocare e ad agitare. Per questo motivo, qualsiasi interferenza con il diritto di un artista - o di qualsiasi altra persona - di esprimersi in questo modo deve essere esaminato con particolare attenzione (Eon, citato sopra, § 60). In questo senso, non c'è dubbio che i discorsi umoristici o le forme di espressione che coltivano l'umorismo sono protetti dall'articolo 10 della Convenzione, anche se risultano in trasgressione o provocazione, indipendentemente da chi sia l'autore.

57. Secondo la Corte, se queste forme di espressione non possono essere valutate o censurate solo sulla base delle reazioni negative o indignate che possono generare, esse non sono esenti dai limiti di cui al paragrafo 2 dell'articolo 10 della Convenzione.

Il diritto all'umorismo non è onnicomprensivo e chiunque si avvalga della libertà di espressione assume, nelle parole di quel paragrafo, "doveri e responsabilità". A questo proposito, la Corte osserva che nella fattispecie, tenendo conto dell'intenzione umoristica del ricorrente, la Corte d'appello di Nîmes ha considerato che le iscrizioni in questione non potevano essere intese come un semplice scherzo ma, al contrario, riflettevano un'intenzione deliberata di valorizzare gli atti criminali presentandoli in modo favorevole (si veda il precedente paragrafo 11). Ha trovato che certi attributi del bambino, come il suo nome, il giorno e il mese di nascita e l'uso della parola "bomba", erano "serviti come pretesto per promuovere, inequivocabilmente e attraverso l'associazione deliberata di termini che si riferiscono alla violenza di massa, attacchi deliberati alla vita".

58. A questo proposito, la Corte ricorda che gli Stati contraenti hanno un certo margine di apprezzamento ai sensi dell'articolo 10 nel valutare la necessità e la portata delle interferenze con la libertà di espressione protetta da tale disposizione (Mouvement raëlien suisse v. Svizzera [GC], no. 16354/06, § 59, CEDU 2012 (estratti)). Questo è definito dal tipo di espressione in questione; a questo proposito, l'articolo 10 § 2 della Convenzione lascia poco spazio alle restrizioni della libertà di espressione nell'ambito del dibattito politico o di questioni di interesse generale (si veda Perinçek, già citato, § 197). Nella fattispecie, tuttavia, la Corte ritiene che le voci in questione non possano essere considerate come rientranti nell'ambito di un qualsiasi dibattito di interesse generale in relazione agli attentati dell'11 settembre 2001 o ad altre questioni (confrontare Leroy, sopra citato, § 41). Inoltre, il ricorrente non ha affermato di aver voluto contribuire o provocare un dibattito di questo tipo. Il margine di apprezzamento dello Stato nel caso in questione è quindi più ampio.

59. La Corte ricorda poi, alla luce degli argomenti addotti dal Governo circa la prevalenza della minaccia terroristica in Francia all'epoca dei fatti (si veda il precedente paragrafo 42), che essa tiene conto delle circostanze che circondano le cause di cui è investita, in particolare delle difficoltà legate alla lotta contro il terrorismo (si veda Incal c. Turchia, sentenza del 9 giugno 1998, § 58, Reports of Judgments and Decisions 1998-IV), una questione di interesse pubblico della massima importanza in una società democratica (si veda Demirel c. Turchia (dec.), n. 11584/03, 24 maggio 2007). A questo proposito, sottolinea anche che, mentre un evento relativamente recente può essere così traumatico da giustificare, per un certo tempo, un maggiore controllo sul discorso su di esso, la necessità di una tale misura diminuisce necessariamente nel tempo (vedi Perinçek, citato sopra, § 250).

60. Nella fattispecie, la Corte osserva che l'avvocato generale ha collocato i fatti all'origine della presente causa nel contesto degli attentati terroristici in Francia, pur sottolineando l'importanza di prendere le distanze da tale contesto (cfr. punto 13). È d'accordo con questo approccio. In effetti, un tale contesto, per quanto grave, non potrebbe di per sé giustificare l'interferenza in questione nel presente caso. Tuttavia, la Corte non può ignorare l'importanza e il peso di questo contesto generale nel caso in questione. Infatti, anche se più di undici anni separano gli attentati dell'11 settembre 2001 e gli eventi che hanno dato origine al presente caso, resta il fatto che le scritte in questione sono state diffuse solo pochi mesi dopo altri attentati terroristici, in particolare quelli che hanno causato la morte di tre bambini in una scuola (vedi paragrafo 42 sopra). In considerazione dell'ideologia terroristica che sta alla base di questi due attacchi, non si può dire che il passare del tempo abbia diminuito il significato del messaggio in questione nel presente caso. Nemmeno il fatto che il ricorrente non avesse legami con alcun movimento terroristico o non aderisse a un'ideologia terroristica poteva attenuare il significato del messaggio in questione.

61. La Corte nota anche che, oltre al contesto generale del caso in questione, le autorità nazionali hanno valutato il contesto specifico in cui le iscrizioni contestate sono state rese pubbliche. A questo proposito, sottolinea in particolare gli argomenti addotti dalla Corte d'appello di Nîmes per quanto riguarda l'utilizzo di un bambino di tre anni, portatore involontario del messaggio in questione, senza alcuna possibile consapevolezza del fatto, e il contesto specifico in cui il messaggio era stato diffuso, vale a dire non solo "un luogo pubblico" ma anche "un locale scolastico" (cfr. paragrafo 11 sopra), dove c'erano bambini piccoli.

62. La Corte osserva inoltre che la maglietta con le scritte contestate non era direttamente visibile a terzi, ma è stata scoperta quando il bambino veniva vestito dagli adulti (cfr. paragrafo 6). Né era accessibile al grande pubblico, dato che veniva indossato solo nei locali di una scuola. Il messaggio contestato era quindi leggibile solo da due adulti. A questo proposito, la Corte ricorda di aver già sottolineato l'importanza dell'assenza di pubblicità nell'esame della proporzionalità dell'ingerenza nell'esercizio della libertà di espressione (Yankov c. Bulgaria, n. 39084/97, § 141, CEDU 2003-XII (estratti)). Pur non potendo speculare sull'esatta natura delle intenzioni del ricorrente a questo proposito, la Corte osserva che il ricorrente non nega di aver specificamente richiesto che suo nipote indossasse la maglietta in questione a scuola (cfr. paragrafo 11 sopra) o che intendesse condividerne il messaggio. Al contrario, ha sostenuto che era umoristico (vedi paragrafo 12 sopra).

63. A parere della Corte, tuttavia, egli non poteva ignorare la particolare risonanza - al di là della semplice provocazione o del cattivo gusto di cui egli fa valere (cfr. paragrafo 36) - di tali iscrizioni nei locali di una scuola materna, poco dopo gli attentati che avevano causato la morte di bambini in un'altra scuola e in un contesto di comprovata minaccia terroristica. A questo proposito, la Corte prende nota delle argomentazioni dell'avvocato generale riguardo all'emozione e alla tensione suscitate dal messaggio in questione e al suo impatto sulla pace sociale (cfr. paragrafo 13). Ricorda che le autorità nazionali sono, in linea di principio, in una posizione migliore rispetto al giudice internazionale per decidere se una "restrizione" o "sanzione" è "necessaria" per raggiungere gli scopi legittimi che perseguono, grazie ai loro contatti diretti e costanti con la popolazione del paese (vedi Müller e altri c. Svizzera, 24 maggio 1988, § 35, serie A n. 133).

64. La Corte ritiene che essi siano anche meglio in grado di comprendere e apprezzare specifici problemi sociali in particolari comunità e contesti (vedi Maguire, sopra citato, § 54). Da questo punto di vista, la stretta conoscenza da parte della Corte d'appello di Nîmes del contesto regionale in cui si sono verificati i fatti in questione l'ha posta in una posizione privilegiata per valutare la necessità della pena imposta nel caso in questione.

65. Alla luce di tutte le considerazioni che precedono, la Corte osserva che la Corte d'appello di Nîmes, che ha condannato il ricorrente, ha avuto cura di valutare la sua colpevolezza sulla base dei criteri di valutazione stabiliti dalla giurisprudenza della Corte alla luce delle esigenze dell'articolo 10, paragrafo 2, della Convenzione, dopo aver ponderato i diversi interessi in gioco. La Corte di Cassazione, pronunciandosi in particolare alla luce dell'opinione dell'Avvocato Generale, che incorporava anche questi criteri di valutazione, ha avallato questa decisione. In questo caso, la Corte non vede alcuna ragione seria per sostituire la sua valutazione a quella delle autorità nazionali. Essa ritiene quindi che i motivi su cui si basava la condanna del ricorrente, vale a dire la lotta contro la glorificazione della violenza di massa, appaiono, nelle circostanze specifiche del caso in questione, "pertinenti" e "sufficienti" per giustificare l'ingerenza in questione, e in questo senso rispondono a un bisogno sociale pressante.

66. Stando così le cose, la Corte ribadisce l'importanza, in un caso come questo, del ragionamento dei giudici nazionali. Rileva che il ricorrente ha presentato una memoria esplicativa alla Corte di Cassazione, sostenendo che c'era stata una violazione dell'articolo 10 della Convenzione. Nonostante il contributo dato dalle conclusioni dell'avvocato generale in questo caso alla comprensione della soluzione, una motivazione più dettagliata della decisione avrebbe reso più facile la comprensione del ragionamento della Corte di cassazione per quanto riguarda l'argomento ai sensi dell'articolo 10 della Convenzione (si veda Quilichini c. Francia, n. 38299/15, § 44, 14 marzo 2019).

67. Infine, la Corte ribadisce che la natura e la severità delle pene imposte sono fattori da prendere in considerazione per valutare la proporzionalità di un'interferenza nel diritto alla libertà di espressione. A questo proposito, ricorda di aver più volte avuto modo di sottolineare, nell'ambito dei casi relativi all'articolo 10 della Convenzione, che l'imposizione di una pena penale costituisce una delle forme più gravi di interferenza con il diritto alla libertà di espressione (si veda, tra le altre autorità, Reichman c. Francia, n. 50147/11, § 73, 12 luglio 2016). A questo proposito, ribadisce che le autorità nazionali devono dare prova di moderazione nell'uso della via del diritto penale. Nella fattispecie, rileva che il ricorrente è stato condannato ad una pena detentiva sospesa di due mesi e ad un'ammenda di 4.000 euro. La Corte ha sottolineato, alla luce delle argomentazioni del governo sulla situazione professionale del ricorrente, in quanto egli sarebbe stato impiegato nel settore informatico, che non era in grado di dare un parere sul suo reddito. Tuttavia, ritiene che nelle circostanze specifiche del caso in questione, l'importo dell'ammenda inflitta rimane proporzionato. Inoltre, tenendo conto in particolare della sospensione condizionale della pena imposta al ricorrente, la Corte può concludere che la pena inflittagli non era sproporzionata allo scopo legittimo perseguito.
68. Di conseguenza, tenuto conto delle circostanze specifiche del caso in questione, la Corte ritiene che l'interferenza in questione possa essere considerata "necessaria in una società democratica". Conclude quindi che non c'è stata alcuna violazione dell'articolo 10 della Convenzione.


PER QUESTE RAGIONI LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ, 

Dichiara la domanda ammissibile;
Dichiara che non c'è stata alcuna violazione dell'articolo 10 della Convenzione.

Fatto in francese e notificato per iscritto il 2 settembre 2021, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento del Tribunale.


Victor Soloveytchik   Síofra O'Leary
Presidente del               cancelliere