Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Legittimo per l'accusa mentire sulle prove disponibili? (US Supreme Court, Frazier vs Cupp, 1069)

22 Aprile 1969, Corte Suprema degli Stati Uniti
interrogatorio polizia lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Non ogni ammissione di dicerie inammissibili o di altre prove può essere considerata un errore reversibile inevitabile attraverso istruzioni limitative; in quasi tutti i processi si verificano casi in cui si insinuano prove inammissibili, di solito inavvertitamente.

(traduzione informale canestriniLex.com,  originale qui)

Corte Suprema degli Stati Uniti

Frazier v. Cupp, 394 U.S. 731 (1969)
Frazier contro Cupp

No. 643

Discusso il 26 febbraio 1969

Deciso il 22 aprile 1969

394 U.S. 731

CERTIORARI ALLA CORTE D'APPELLO DEGLI STATI UNITI

PER IL NONO CIRCUITO

Syllabus

Il richiedente in questo procedimento habeas corpus sostiene che i suoi diritti costituzionali sono stati violati sotto tre aspetti nel suo processo del 1965 per omicidio per il quale era stato accusato insieme a un certo Rawls, che si era dichiarato colpevole. (1) Il procuratore, sulla base delle informazioni precedenti che aveva ricevuto che Rawls avrebbe testimoniato, incluse nella sua dichiarazione di apertura un breve riassunto della testimonianza prevista di Rawls. Quando Rawls è stato chiamato a testimoniare, ha rivendicato il suo privilegio contro l'autoincriminazione ed è stato respinto. Le mozioni del firmatario per un processo nullo sono state respinte. La corte istruì la giuria che le dichiarazioni di apertura degli avvocati non dovevano essere considerate come prove. (2) Dopo l'interrogatorio preliminare poco dopo il suo arresto, al firmatario è stato detto che poteva avere un avvocato se lo desiderava e che qualsiasi cosa avesse detto poteva essere usata contro di lui al processo. In seguito l'ufficiale interrogante ha detto falsamente al firmatario, che era riluttante a parlare, che Rawls aveva confessato. Il firmatario ha poi iniziato a raccontare la sua storia, ma ancora una volta ha mostrato segni di riluttanza e ha detto che pensava fosse meglio avere un avvocato prima di parlare ancora. Dopo la risposta dell'ufficiale che il firmatario non poteva essere in un guaio più grande di quello in cui si trovava, il firmatario ha confessato completamente e, dopo ulteriori avvertimenti, ha firmato una confessione scritta, che è stata poi ammessa come prova sopra l'obiezione del firmatario. (3) Sono stati inoltre ammessi come prova alcuni indumenti che gli agenti avevano sequestrato dal borsone del firmatario, che lui e Rawls avevano usato insieme e che gli agenti avevano trovato durante una perquisizione condotta con il consenso di Rawls. Il firmatario è stato condannato e la Corte Suprema dello Stato ha affermato. Il firmatario ha quindi presentato una petizione per un atto di habeas corpus alla Corte distrettuale, che ha concesso l'atto. La Corte d'Appello ha ribaltato. Il firmatario sostiene che l'uso da parte del procuratore della dichiarazione riassunta di Rawls gli ha negato i suoi diritti costituzionali di confronto garantiti dal Sesto e dal Quattordicesimo Emendamento; che la sua confessione ha contravvenuto ai principi stabiliti da Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478 (1964), e Miranda v. Arizona, 384 U. S. 436 (1966), ed era involontaria, e che i vestiti erano stati sequestrati illegalmente in violazione del Quarto e Quattordicesimo Emendamento.

Ritenuto che:

1. Sui fatti qui, dove la prova che il procuratore si aspettava ragionevolmente di produrre è stata obiettivamente e brevemente riassunta e non è stata propagandata alla giuria come cruciale per il caso dell'accusa, le istruzioni limitative della corte erano sufficienti a proteggere i diritti costituzionali del firmatario. Douglas v. Alabama, 380 U. S. 415 (1965), e Bruton v. United States, 391 U. S. 123 (1968), distinti. Pp. 394 U. S. 734-737.

2. Nel contesto di questo caso, in cui è possibile che l'ufficiale che ha fatto l'interrogatorio abbia preso l'osservazione del firmatario di vedere un avvocato non come una richiesta di cessazione dell'interrogatorio ma come un commento di passaggio, non c'è stata alcuna negazione del diritto all'avvocato come in Escobedo, e Miranda, che è stato deciso dopo il processo del firmatario, è inapplicabile sotto Johnson contro New Jersey, 384 U. S. 719 (1966). Pp. 394 U. S. 738-739.

3. In base ai fatti di questo caso e alla luce della "totalità delle circostanze", la corte d'appello non ha sbagliato nel ritenere che la confessione del firmatario fosse volontaria. P. 394 U. S. 739.

4. I vestiti del borsone del firmatario sono stati trovati nel corso di una perquisizione legittima poiché Rawls, un utente comune del borsone, aveva l'autorità di acconsentire alla sua ricerca. 

388 F.2d 777, affermato.

MR. JUSTICE MARSHALL ha espresso l'opinione della Corte.

Il firmatario è stato condannato in un tribunale statale dell'Oregon per omicidio di secondo grado in relazione all'uccisione, il 22 settembre 1964, di Russell Anton Marleau. Dopo che la Corte Suprema dell'Oregon aveva affermato la sua condanna, 245 Ore. 4, 418 P.2d 841 (1966), il firmatario presentò una petizione per un writ of habeas corpus alla Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto dell'Oregon. Il tribunale distrettuale ha concesso l'ordine, ma la Corte d'Appello del Nono Circuito ha ribaltato, 388 F.2d 777 (1968). Noi abbiamo concesso certiorari per considerare tre contenuti di errore sollevati dal firmatario. 393 U. S. 821 (1968). Sebbene il caso del firmatario sia stato abilmente presentato e argomentato dal consulente legale designato, non troviamo nessuna di queste affermazioni sufficiente a garantire la cassazione della decisione.

I

La prima argomentazione del firmatario è incentrata su alcune presunte osservazioni pregiudizievoli fatte durante la dichiarazione di apertura del pubblico ministero. Il firmatario era stato incriminato insieme al suo cugino, Jerry Lee Rawls, che si è dichiarato colpevole dello stesso reato. Prima della prova del firmatario, l'avvocato della difesa del firmatario ha detto al procuratore che Rawls avrebbe invocato il suo privilegio contro autoincriminazione se fosse stato chiamato (..); l'avvocato della difesa ha avvertito il procuratore di non contare nella sua dichiarazione di apertura sulla testimonianza prevista del Rawls. Il procuratore ha risposto che avrebbe agito sulla base di "tutte le informazioni che ho riguardo alla testimonianza [di Rawls]".

Prima della prova, si è consultato con un ufficiale di polizia che aveva parlato con Rawls e con l'ufficiale di libertà vigilata di Rawls; ognuno ha indicato la sua convinzione che Rawls avrebbe testimoniato. Informazioni simili sono venute, attraverso un rapporto dello sceriffo, da alcuni parenti stretti di Rawls. A causa di questi rapporti, il procuratore ha concluso che Rawls testimonierebbe se chiesto di farlo. La corte ha ritenuto che il procuratore abbia fatto affidamento anche sul fatto che Rawls si era dichiarato colpevole ed era in attesa della sentenza. Questo gli avrebbe dato motivo, secondo la corte, di cooperare con il procuratore.

In ogni caso, dopo l'inizio del processo, il procuratore ha incluso nella sua dichiarazione di apertura un riassunto della testimonianza che si aspettava di ricevere da Rawls. Il riassunto non è stato enfatizzato in alcun modo particolare; ci sono voluti solo pochi minuti per recitarlo, ed è stato inserito tra un riassunto della confessione del firmatario e una descrizione delle prove circostanziali che lo Stato avrebbe introdotto.

A un certo punto, il procuratore ha fatto riferimento a un foglio che teneva in mano per rinfrescarsi la memoria su qualcosa che Rawls aveva detto. Sebbene lo Stato abbia ammesso in questa sede che la giuria avrebbe potuto ragionevolmente credere che il procuratore si riferisse alla dichiarazione di Rawls, egli non disse esplicitamente alla giuria che questo foglio era la confessione di Rawls, né pretese di leggere direttamente da esso. Una mozione di annullamento è stata fatta alla fine della dichiarazione di apertura, ma è stata negata. Più tardi, il procuratore ha chiamato Rawls al banco dei testimoni. Rawls informò la corte che intendeva far valere il suo privilegio contro l'autoincriminazione riguardo a ogni domanda riguardante le sue attività la mattina del 22 settembre 1964. La questione non fu ulteriormente portata avanti e Rawls fu allontanato dal banco dei testimoni. La sua apparizione non può essere durata più di due o tre minuti. La mozione di annullamento è stata rinnovata e ancora una volta negata.

Il firmatario sostiene che questa serie di eventi ha posto la sostanza della dichiarazione di Rawls davanti alla giuria in un modo che "può benissimo essere stato l'equivalente nella mente della giuria di una testimonianza", Douglas v. Alabama, 380 U. S. 415, 380 U. S. 419 (1965), e che, come in Bruton v. United States, 391 U. S. 123, 391 U. S. 128 (1968), la dichiarazione "ha aggiunto un peso sostanziale, forse addirittura critico, al caso del governo in una forma non soggetta a controinterrogatorio. . . ."

In questo modo, il firmatario sostiene che gli è stato negato il suo diritto costituzionale al confronto, garantito dal Sesto e dal Quattordicesimo Emendamento della Costituzione. Vedi Pointer v. Texas, 380 U. S. 400 (1965).

Sebbene il giudice abbia avvertito i giurati che essi "non devono considerare come prova qualsiasi dichiarazione fatta dall'avvocato in vostra presenza durante il procedimento riguardante i fatti di questo caso", il firmatario sostiene che Bruton contro gli Stati Uniti, supra, elimina la tesi che istruzioni limitative di questo tipo possano essere invocate per curare l'errore che si è verificato. Sebbene la questione così posta non sia un (..) facile, non possiamo essere d'accordo con la conclusione del firmatario.

Prima di tutto, è chiaro che questo caso è molto diverso da Douglas o Bruton.

In Douglas, il procuratore chiamò il co-cospiratore dell'imputato alla sbarra e gli lesse la sua presunta confessione; al co-cospiratore fu richiesto di affermare il suo privilegio contro l'autoincriminazione ripetutamente mentre il procuratore gli chiedeva di confermare o negare ogni dichiarazione. La Corte ha constatato che questa procedura ha posto davanti alla giuria prove fortemente incriminanti in un modo che ha effettivamente negato il diritto al controinterrogatorio. Qui, Rawls è stato alla sbarra per un tempo molto breve e solo una parafrasi della dichiarazione è stata posta davanti alla giuria. Questo non è stato fatto durante il processo, mentre la persona che ha fatto la dichiarazione era alla sbarra, ma in una dichiarazione di apertura. Inoltre, alla giuria fu detto che la dichiarazione di apertura non doveva essere considerata come prova. Certamente l'impatto della procedura utilizzata in questo caso è stato molto meno dannoso di quanto non fosse il caso in Douglas. E a differenza della situazione in Bruton, alla giuria non è stato chiesto di eseguire la ginnastica mentale di considerare una dichiarazione incriminante contro uno solo dei due imputati in un processo congiunto. Inoltre, a differenza della situazione in Douglas o Bruton, la dichiarazione di Rawls non era una parte di vitale importanza del caso dell'accusa.

Crediamo che, in queste circostanze, le istruzioni limitative date siano state sufficienti a proteggere i diritti costituzionali del firmatario. * Come la Corte ha detto in Bruton, 391 U.S. a 391 U. S. 135,

"Non ogni ammissione di dicerie inammissibili o di altre prove può essere considerata un errore reversibile inevitabile attraverso istruzioni limitative; in quasi tutti i processi si verificano casi in cui si insinuano prove inammissibili, di solito inavvertitamente". Vedi Hopt v. Utah, 120 U.S. 430, 120 U.S. 438 (1887).

Può darsi che alcune osservazioni incluse in una dichiarazione di apertura o di chiusura possano essere così pregiudizievoli da rendere inevitabile una constatazione di errore, o addirittura di errore costituzionale. Ma qui non abbiamo altro che un riassunto oggettivo delle prove che il procuratore si aspettava ragionevolmente di produrre. Molte cose potrebbero accadere durante il corso della prova che impedirebbero la presentazione di tutta la prova descritta in anticipo. Certamente non ogni variazione fra la descrizione anticipata e la presentazione reale costituisce un errore reversibile, quando un'istruzione limitante adeguata è stata data. Anche se è irragionevole supporre che una giuria possa ignorare la dichiarazione di un co-cospiratore quando viene introdotta contro uno dei due imputati comuni, non sembra affatto notevole supporre che la giuria sarà ordinariamente in grado di limitare la sua considerazione alle prove introdotte durante il processo. Almeno quando la prova anticipata, e non prodotta, non è propagandata alla giuria come una parte cruciale del caso dell'accusa,

"è difficile per noi immaginare che le menti dei giurati siano state così influenzate da tali dichiarazioni incidentali durante questo lungo processo da non poter valutare le prove in modo obiettivo e spassionato" Stati Uniti contro Socony-Vacuum Oil Co., 310 U. S. 150, 310 U. S. 239 (1940).

La Corte d'Appello sembrava ritenere che questo aspetto del caso dipendesse dal fatto che il procuratore avesse agito o meno "in buona fede, nell'aspettativa che Rawls testimoniasse". 388 F.2d a 780-781.

Mentre non crediamo che la buona fede del procuratore, o la mancanza di essa, sia determinante nel determinare se un imputato sia stato privato del diritto di confronto garantito dal sesto e dal quattordicesimo emendamento, siamo d'accordo con la determinazione fattuale della Corte d'Appello in questo caso.

La prova presentata nel verbale è sufficiente a sostenere la conclusione della Corte Suprema dell'Oregon che "lo Stato poteva ragionevolmente aspettarsi che [Rawls] testimoniasse in linea con il suo precedenti dichiarazioni". 245 Ore. a 9, 418 P.2d a 843.

Di conseguenza, non c'è bisogno di decidere se il tipo di cattiva condotta dell'accusa che si presume si sia verificata sarebbe stata sufficiente a costituire un errore costituzionale reversibile. Cf. Miller v. Pate, 386 U. S. 1 (1967). Pertanto, poiché non troviamo né la cattiva condotta dell'accusa né una privazione del diritto di confronto, accosentiamo con la corte d'appello che niente che si sia presentato durante la dichiarazione di apertura dell'accusa garantirebbe il rilievo federale di habeas.

II

Il secondo argomento del firmatario riguarda l'ammissione nella prova della sua propria confessione. Le circostanze in cui la confessione è stata ottenuta possono essere riassunte brevemente. Il firmatario fu arrestato verso le 16:15 del 24 settembre 1964. Fu portato al quartier generale, dove l'interrogatorio iniziò alle 17 circa. L'interrogatorio, che fu registrato su nastro, terminò poco più di un'ora dopo, e alle 18:45 il firmatario aveva firmato una versione scritta della sua confessione.

Dopo l'inizio dell'interrogatorio e dopo che alcuni fatti di routine sono stati accertati, il firmatario è stato interrogato brevemente sulla posizione della sua uniforme da marine. Non gli è stato chiesto dove fosse la notte in questione. Anche se ha ammesso che era con suo cugino Rawls, ha negato di essere con una terza persona. Poi al firmatario è stata data una descrizione alquanto abbreviata dei suoi diritti costituzionali. Gli è stato detto che potrebbe avere un avvocato se lo volesse e che qualsiasi cosa abbia detto potrebbe essere usata contro di lui al processo. L'interrogatorio è diventato in seguito un po' più vigoroso, ma il firmatario ha continuato a negare di essere con chiunque tranne che con Rawls. A questo punto, l'ufficiale che interrogava il firmatario gli disse, falsamente, che Rawls era stato portato dentro e che aveva confessato. Il firmatario era ancora riluttante a parlare, ma dopo che l'ufficiale ha simpaticamente suggerito che la vittima aveva iniziato una rissa facendo delle avances omosessuali, il firmatario ha iniziato a spifferare la sua storia. Poco dopo aver iniziato, mostrò di nuovo segni di riluttanza e disse: "Penso che farei meglio a chiamare un avvocato prima di parlare ancora. Mi metterò nei guai più di quanto non lo sia ora". L'ufficiale rispose semplicemente: "Non puoi essere in un guaio più grande di quello in cui sei ora", e la sessione di interrogatorio proseguì. Fu ottenuta una confessione completa e, dopo ulteriori avvertimenti, fu firmata una versione scritta.

Poiché il firmatario è stato processato dopo la decisione di questa Corte in Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478 (1964), ma prima della decisione in Miranda v. Arizona, 384 U. S. 436 (1966), solo la regola del primo caso è direttamente applicabile. Johnson v. New Jersey, 384 U. S. 719 (1966). Il firmatario sostiene che la sua dichiarazione sull'ottenere un avvocato era sufficiente a far entrare in gioco Escobedo, e che la polizia avrebbe dovuto immediatamente interrompere l'interrogatorio e ottenere un avvocato per lui. Potremmo essere d'accordo se Miranda fosse applicabile a questo caso, perché, in Miranda, questa Corte ha affermato che,

"[i]se... [un sospetto] indica in qualsiasi modo e in qualsiasi fase del  procedimento che desidera consultare un avvocato prima di parlare, non ci può essere alcun interrogatorio".384 U. S. a 384 U. S. 444-445.

Ma Miranda non si applica a questo caso. Questa Corte, in Johnson v. New Jersey, ha respinto acutamente la tesi che i comandi specifici di Miranda dovrebbero applicarsi a tutti i casi post-Escobedo. La Corte ha riconosciuto "[t]he disaccordi tra altre corti riguardo alle implicazioni di Escobedo", Johnson v. New Jersey, supra, a 384 U. S. 734, e ha concluso che gli Stati, sebbene liberi di applicare Miranda ai casi post-Escobedo, id. a 384 U. S. 733, non erano tenuti a farlo. La Corte Suprema dell'Oregon, nell'affermare la condanna del firmatario, ha concluso che la confessione è stata correttamente introdotta nella prova. Sotto Johnson, saremmo liberi di non essere d'accordo con questa conclusione solo se ci sentissimo obbligati a farlo dalla specifica affermazione di Escobedo.

Non crediamo che Escobedo copra questo caso. La dichiarazione del richiedente di vedere un avvocato non era né chiara né inequivocabile come la richiesta fatta da Escobedo. La polizia in Escobedo era inequivocabilmente informata dei desideri del loro sospetto; infatti, l'avvocato di Escobedo era presente e chiese ripetutamente il permesso di vedere il suo cliente. Qui, d'altra parte, è possibile che l'ufficiale che ha fatto l'interrogatorio abbia preso l'osservazione del firmatario non come una richiesta di cessazione dell'interrogatorio, ma semplicemente come un commento di passaggio. Il firmatario non ha proseguito la questione, ma ha continuato a rispondere alle domande. In questo contesto, non possiamo trovare la negazione del diritto all'avvocato che è stato trovato così cruciale in Escobedo.

Il ricorrente pone anche l'argomento alternativo che la sua confessione era involontaria e che avrebbe dovuto essere esclusa per questo motivo. Il giudice di prova, dopo un'udienza probatoria durante la quale la registrazione del nastro è stata riprodotta, non ha potuto essere d'accordo con questa contesa, e la nostra lettura del verbale non ci porta a una conclusione contraria. Prima che il firmatario facesse qualsiasi dichiarazione incriminante, ha ricevuto avvertimenti parziali dei suoi diritti costituzionali; questa è, naturalmente, una circostanza abbastanza rilevante per una constatazione di volontarietà. Davis contro North Carolina, 384 U. S. 737, 384 U. S. 740-741 (1966).

L'interrogatorio è stato di breve durata e il firmatario era un individuo maturo di normale intelligenza. Il fatto che la polizia abbia travisato le dichiarazioni che Rawls aveva fatto è, sebbene rilevante, insufficiente, a nostro avviso, per rendere inammissibile questa confessione altrimenti volontaria. Questi casi devono essere decisi esaminando la "totalità delle circostanze", vedi, per esempio, Clewis v. Texas, 386 U. S. 707, 386 U. S. 708 (1967), e, sui fatti di questo caso, non possiamo trovare alcun errore nell'ammissione della confessione del firmatario.

III

La contestazione finale del firmatario può essere respinta piuttosto rapidamente. Egli sostiene che il giudice del processo ha sbagliato nel permettere che alcuni indumenti sequestrati dal borsone del firmatario fossero introdotti nella prova. Questo borsone era usato congiuntamente dal firmatario e dal suo cugino Rawls ed era stato lasciato nella casa di Rawls. La polizia, mentre arrestava Rawls, gli chiese se potevano avere i suoi vestiti. Sono stati diretti al borsone e sia Rawls che sua madre hanno acconsentito alla sua ricerca. Durante questa ricerca, gli ufficiali si sono imbattuti nei vestiti del firmatario, e sono stati sequestrati pure. Poiché Rawls era un utente comune della borsa, aveva chiaramente l'autorità di acconsentire alla sua ricerca. Gli agenti hanno quindi trovato prove contro il firmatario nel corso di una perquisizione altrimenti legittima. Secondo le decisioni passate di questa Corte, era chiaramente permesso sequestrarla. Harris contro gli Stati Uniti, 390 U. S. 234 (1968); Warden contro Hayden, 387 U. S. 294 (1967). Il firmatario sostiene che Rawls aveva solo il permesso effettivo di usare uno scomparto della borsa e che non aveva l'autorità di acconsentire a una perquisizione degli altri scomparti. Non ci impegneremo, tuttavia, in tali sottigliezze metafisiche nel giudicare l'efficacia del consenso di Rawls. Il petizionista, nel permettere che Rawls usi la borsa e nel lasciarla nella sua casa, deve essere preso per assumere il rischio che Rawls permetterebbe che qualcun altro guardi dentro. Non troviamo alcun reclamo valido di ricerca e di grippaggio in questo caso.

Poichè troviamo nessun dei contenuti del petitioner meritori, affermiamo il giudizio della Corte di Appello.

Affermato.

SIG. CHIEF JUSTICE WARREN e MR. JUSTICE DOUGLAS concordano nel risultato.

IL SIGNOR JUSTICE FORTAS non ha preso parte all'esame o alla decisione di questo caso.

* Un'istruzione limitativa più specifica avrebbe potuto essere auspicabile, ma non è stata richiesta.