Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

decisioni

Giornalista che viola vita privata non ha immunità (Corte Edu, Mediapart, 2021)

14 Gennaio 2021, Corte europea per i diritti dell'Uomo
giornal crinaca lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

La tutela garantita ai giornalisti dall'articolo 10 è subordinata alla condizione che essi agiscano in buona fede in modo da fornire informazioni accurate e attendibili secondo i principi del giornalismo responsabile. Quest'ultima, attività professionale protetta dall'articolo 10 della Convenzione, è un concetto che non riguarda solo il contenuto delle informazioni raccolte e/o diffuse con mezzi giornalistici. Essa comprende anche, tra l'altro, la legittimità della condotta dei giornalisti, in particolare per quanto riguarda - come nella fattispecie - le loro relazioni pubbliche con le autorità nell'esercizio delle loro funzioni giornalistiche. Il fatto che un giornalista abbia violato la legge in questo senso deve essere preso in considerazione, ma non è decisivo per stabilire se ha agito in modo responsabile.
In questo contesto, i giornalisti che esercitano la loro libertà di espressione hanno "doveri e responsabilità".

L'articolo 10, paragrafo 2, non garantisce una libertà di espressione illimitata, anche quando si tratta di riferire a mezzo stampa su gravi questioni di interesse pubblico.

Pertanto, nonostante il ruolo essenziale dei media in una società democratica, i giornalisti non possono, in linea di principio, essere esonerati dal dovere di rispettare il diritto penale ordinario con la motivazione che l'articolo 10 offrirebbe loro una protezione inattaccabile.

In altre parole, un giornalista che ha commesso un reato non può avvalersi dell'immunità penale esclusiva - di cui non godono altre persone che esercitano il loro diritto alla libertà di espressione - solo perché il reato in questione è stato commesso nell'esercizio delle sue funzioni giornalistiche.

I siti web sono strumenti di informazione e comunicazione particolarmente diversi dalla carta stampata, in particolare per quanto riguarda la loro capacità di immagazzinare e diffondere informazioni, e che le comunicazioni online e il loro contenuto hanno molte più probabilità della carta stampata di pregiudicare l'esercizio e il godimento dei diritti e delle libertà fondamentali, in particolare il diritto al rispetto della vita privata.

Corte europea per i diritti dell'UOMO

QUINTA SEZIONE

AFFAIRE SOCIÉTÉ EDITRICE DE MEDIAPART ET AUTRES v. FRANCIA

(Applicazioni n. 281/15 e 34445/15)

  STRASBURGO

14 gennaio 2021

traduzione informale canestrinilex.com

Art. 10 - Libertà di espressione - ingiunzione motivata di rimuovere da un sito le registrazioni illecite di conversazioni private di una persona pubblica vulnerabile, nonostante la riproduzione del loro contenuto da parte di altri mezzi di comunicazione - Divulgazione che costituisce un reato e che impone ai giornalisti di esercitare prudenza e precauzione - Sensibilità delle informazioni pregiudizievoli per la privacy e continuità del danno causato che richiede un provvedimento di cessazione del disturbo - Sanzione senza effetto deterrente nei confronti dei ricorrenti - Motivi pertinenti e sufficienti

 

 

Tale sentenza diventa definitiva alle condizioni previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a modifiche editoriali.

Nel caso della Société Éditrice de Mediapart e altri contro la Francia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (Quinta Sezione), che si riunisce in una sezione composta da :
Síofra O'Leary, Presidente,
Stéphanie Mourou-Vikström,
Latif Hüseynov,
Jovan Ilyevsky,
Lado Chanturia,
Ivana Jelić,
Mattias Guyomar, giudici,
e Victor Soloveytchik, impiegato della sezione,
Avvistato:
le domande (nn. 281/15 e 34445/15) presentate contro la Repubblica francese dalla Société Éditrice de Mediapart e da due cittadini di questo Stato, il sig. Hervé Edwy Plenel (meglio conosciuto come Edwy Plenel e di seguito denominato "i ricorrenti") e il sig. Fabrice Arti ("i ricorrenti"), ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione"), alle date indicate nella tabella allegata
le osservazioni delle parti,
Dopo la delibera in Aula del Consiglio del 1° dicembre 2020,
Emette la seguente sentenza, adottata in tale data:
INTRODUZIONE

1. Le presenti cause riguardano l'ingiunzione emessa ai ricorrenti, Mediapart, un sito web di notizie on line, il suo direttore e un giornalista, di ritirare dal sito web del giornale la pubblicazione di estratti di registrazioni illegali effettuate a casa della sig.ra Bettencourt, principale azionista del gruppo l'Oréal. I ricorrenti fanno valere l'art. 10 della Convenzione.
IL FATTO

2. I ricorrenti nella domanda n. 281/15 sono la società editrice della Mediapart (la prima ricorrente, di seguito "Mediapart"), Edwy Plenel, presidente e direttore di tale pubblicazione (la seconda ricorrente) e Fabrice Arfi, giornalista della Mediapart (la terza ricorrente). Gli ultimi due candidati sono nati rispettivamente nel 1952 e nel 1981 e risiedono a Parigi. Nella domanda n. 34445/15, i ricorrenti sono anche Edwy Plenel e Mediapart. Le ricorrenti sono rappresentate dal sig. J.P. Mignard, del foro di Parigi.
3. Il Governo era rappresentato dal suo agente, il sig. F. Alabrune, Direttore degli Affari Legali presso il Ministero dell'Europa e degli Affari Esteri.
CONTESTO AZIENDALE
Genesi delle pubblicazioni contestate
4. Nel corso del 2009 è sorto un conflitto tra la signora Bettencourt (morta nel 2017), principale azionista del gruppo l'Oréal, e sua figlia, in occasione di importanti donazioni a favore di B., fotografa e scrittrice. La figlia della signora Bettencourt ha accusato quest'ultimo e i suoi parenti di aver abusato della debolezza della madre per ottenere il pagamento di questi fondi. Ha presentato una denuncia al pubblico ministero, che ha deciso di non intraprendere ulteriori azioni nel settembre 2009. Ha poi fatto convocare B. direttamente davanti al tribunale penale per abuso di debolezza. Il caso è stato convocato per un'udienza il 3 settembre 2009 ed è stato poi rinviato.
5. Numerosi organi di stampa hanno riferito sull'andamento del caso (cfr., per ulteriori dettagli, Giesbert e altri c. Francia, nn. 68974/11 e altri 2, §§ 11-27, 1° giugno 2017).
6. Essendo stati informati che la figlia della signora Bettencourt aveva, il 10 giugno 2010, consegnato alla Brigata Finanziaria della Polizia Nazionale i CD-ROM contenenti le registrazioni delle conversazioni tenute a casa della madre tra il maggio 2009 e il maggio 2010 dall'ex maître d'hôtel della madre, P.B., i ricorrenti hanno deciso di pubblicare online estratti di tali registrazioni tra il 14 e il 21 giugno 2010. Dalle informazioni contenute nel fascicolo non è chiaro a quali precise condizioni i richiedenti abbiano avuto accesso alle registrazioni in questione.
7. Il 16 giugno 2010, un articolo intitolato "Sarkozy, Woerth [1], fraude fiscale, les secrets volés de l'affaire Bettencourt" è apparso sotto la firma del terzo richiedente. Il maître d'hôtel della signora Bettencourt aveva deciso di "intrappolare il miliardario e il suo entourage" registrando le conversazioni tenute nella stanza della sua villa privata dove teneva "incontri d'affari" con alcuni suoi parenti stretti, tra cui il P.D.M., che era responsabile della gestione dei suoi beni. L'articolo pubblicato commenta raggruppati in quattro "atti": "l'ingerenza dell'Eliseo", "i rapporti con Eric e Florence Woerth", "i conti segreti svizzeri" e la "successione di Liliane Bettencourt". Ha dichiarato quanto segue:
"Al di là del processo moralmente riprovevole, ciò che questi documenti audio rivelano è edificante, addirittura stupefacente. Dopo aver letto tutte le registrazioni, Mediapart ha deciso di pubblicare gli estratti più significativi perché contengono informazioni di interesse generale. Naturalmente sono stati esclusi tutti i riferimenti alla vita privata e all'intimità degli individui. Tra questi verbati ci sono gli unici passaggi che presentano una questione pubblica: il rispetto della legge fiscale, l'indipendenza della magistratura, il ruolo del potere esecutivo, l'etica delle funzioni pubbliche e la partecipazione azionaria di una società francese di fama mondiale. (...)

Il personaggio principale, onnipresente nelle registrazioni, è P.D.M. È il capo di C., la struttura finanziaria che gestisce il patrimonio della signora Bettencourt (...). Mediapart ha cercato di ottenere le reazioni delle parti interessate e delle persone citate: alcune sono citate nel corso di questo articolo, tutte le altre sono da leggere qui. »

8. L'articolo è stato trasmesso il 16 giugno, seguito da altre vittime il 17, 18 e 21 giugno. Quello del 17 giugno si intitolava "La signora Woerth, "le daremo dei soldi, perché è troppo pericoloso", quello del 18 giugno "Caso Bettencourt: "Temo che il fisco stia tirando un filo" e quello del 21 giugno "Caso Bettencourt: tre assegni, tre domande" e conteneva quattro link che permettevano l'ascolto di alcuni passaggi delle registrazioni. Alla fine di ogni articolo si affermava che i giornalisti avevano cercato di ottenere le reazioni delle parti interessate e delle persone citate, che sono state poi inserite nelle pubblicazioni.
9. Il 21 e 22 giugno 2010, P.D.M. e la sig.ra Bettencourt hanno chiesto al giudice provvisorio (procedimento civile) la rimozione di tali pubblicazioni dal sito web Mediapart, procedimento oggetto delle presenti istanze (paragrafi da 16 a 35).
10. Successivamente, nel 2013, l'autore delle registrazioni, P.B., e i ricorrenti Edwy Plenel e Fabrice Arfi, nonché altri giornalisti, sono stati rispettivamente accusati di aver violato la privacy della sig.ra Bettencourt e di aver divulgato le registrazioni contestate (artt. 226-1 e 226-2 del Codice Penale, di seguito CP, comma 44). Questi procedimenti penali sono stati riuniti e hanno portato all'assoluzione delle persone interessate nel 2016 (cfr. paragrafi 36-42 qui di seguito per maggiori dettagli).
Seguito del caso "Bettencourt" dopo le pubblicazioni contestate
11. Secondo il Governo, il deposito dei CD-ROM contenenti le registrazioni illecite presso la polizia nazionale ha portato, il 15 giugno 2010, alla riapertura delle indagini sull'abuso della debolezza. Alla fine di ottobre 2010, la Procura della Repubblica ha aperto due inchieste giudiziarie sui vari aspetti del caso (abuso di debolezza e violazione della privacy). Il 17 novembre 2010 la Corte di Cassazione ha ordinato il rigetto di tutti gli aspetti della causa Bettencourt presso il Tribunale di primo grado di Bordeaux. Il 14 dicembre 2011, B. è stato incriminato per abuso di debolezza.
12. Tra il 2011 e il 2013, P.D.M., Éric Woerth e Nicolas Sarkozy, tra gli altri, sono stati incriminati, il primo per abuso di debolezza e riciclaggio di frode fiscale, il secondo per occultamento di beni derivanti da un reato e il terzo per abuso di debolezza. Nell'ottobre 2013, il caso di Nicolas Sarkozy è stato archiviato.
13. Con sentenza del 28 maggio 2015, B. è stato giudicato colpevole di abuso di debolezza e condannato a tre anni di carcere, di cui 30 mesi di carcere, una multa di 350.000 euro (EUR) e 158 milioni di euro di danni alla signora Bettencourt. Con la stessa sentenza, la P.D.M., responsabile della gestione del patrimonio di quest'ultimo, è stata condannata a 30 mesi di reclusione, di cui un anno di sospensione condizionale per un anno, e una multa di 250 000 euro. Egli è stato inoltre condannato a pagare EUR 12 080 000 a titolo di risarcimento danni alla sig.ra Bettencourt. Eric Woerth e' stato assolto. In particolare, il tribunale ha ritenuto, in una motivazione di quasi quaranta pagine, che la particolare vulnerabilità della signora Bettencourt esistesse in un certo senso dal settembre 2006 e che fosse evidente e nota a tutti coloro che la visitavano regolarmente.
14. 14. La P.D.M. non ha presentato ricorso contro questa sentenza. Ha stipulato un accordo finanziario con la famiglia della signora Bettencourt.
15. Con sentenza del 24 agosto 2016, la Corte d'appello di Bordeaux ha confermato la sentenza sul procedimento pubblico contro B. e ha annullato la sua sentenza, condannandolo a quattro anni di reclusione con sospensione condizionale della pena, a una multa di 375.000 euro e alla confisca di parte dei suoi beni. Essa ha ritenuto che non vi fosse alcuna necessità di pagare i danni a causa degli accordi di transazione tra le parti.
CITAZIONE PER PROVVEDIMENTI PROVVISORI NEI CONFRONTI DEI RICORRENTI DA PARTE DELLA P.D.M. (DOMANDA N. 281/15)
16. 21 giugno 2010, P.D.M. ha convocato le ricorrenti in un procedimento sommario al fine di vedere, in base all'articolo 809 del codice di procedura civile (di seguito "TBC", paragrafo 43) e agli articoli 226-1 e 226-2 del PC (paragrafo 44) ordinare la cancellazione dal sito web di Mediapart di tutti gli estratti (trascrizioni o estratti audio) delle registrazioni illegali effettuate a casa della sig.ra Bettencourt e ordinare a Mediapart di astenersi dal pubblicare, in tutto o in parte, tali registrazioni, a pena di una penale di 10 000 euro per ogni ora di pubblicazione e per ogni estratto pubblicato. Egli chiede inoltre la condanna in solido dei convenuti a versargli la somma di 20 000 euro.
17. Con ordinanza 1o luglio 2010, il presidente del Tribunal de Grande Instance (TGI) di Parigi ha respinto le sue richieste. Alla luce di un esame specifico del contenuto delle informazioni divulgate, ha indicato che le dichiarazioni testuali riguardavano la condotta di B. e i suoi legami con la sig.ra Bettencourt, che costituivano la genesi del caso Bettencourt, ma anche e soprattutto la gestione del suo patrimonio e i legami che poteva avere con le autorità politiche.
18. Ha notato che nelle pubblicazioni sono stati citati i seguenti elementi:
- interviste del 21 luglio 2009 e del 23 aprile 2010 in cui il P.D.M. ha spiegato alla signora Bettencourt di aver avuto contatti con il consulente legale del Presidente, che lo aveva informato, da un lato, che la semplice denuncia della figlia sarebbe stata archiviata (paragrafo 4 sopra) e gli aveva detto, dall'altro, che "in primo luogo, non possiamo fare nulla di più, ma possiamo dirvi che nel procedimento d'appello, se perdete, conosciamo molto, molto bene il procuratore". Il Presidente del Tribunale di primo grado di Parigi ha ritenuto che "questi scambi, riferendo su vari interventi in un procedimento giudiziario, non solo non rivelano informazioni pregiudizievoli per la privacy della P.D.M., ma giustificano, per la loro importanza e la loro natura nel contesto del caso, di essere portati all'attenzione del pubblico";
- interviste del 29 ottobre 2009 e del 23 aprile 2010 tra la sig.ra Bettencourt e il P.D.M. in merito a un dipendente responsabile della gestione di parte del patrimonio de L'Oréal, durante le quali è stato sottolineato che si tratta della moglie del Ministro del Bilancio, assunta su richiesta del marito. La P.D.M. dichiara di aver commesso un errore quando l'ha assunta e dichiara la sua intenzione di andare dal Ministro per dirgli che non può più "avere sua moglie";
- una registrazione del 4 marzo 2010 relativa agli assegni di 7.500 euro emessi dalla sig.ra Bettencourt per la campagna di una donna e due politici, commentata nel citato articolo del 21 giugno 2010 intitolato "Caso Bettencourt: tre assegni, tre domande";
- un'intervista del 23 ottobre 2009 in cui P.D.M. spiega che sarebbe molto contento di poter acquistare "la barca dei suoi sogni", precisando che questo deve essere fatto "di mano in mano" e che la somma addebitata a tal fine su un conto in Svizzera deve essergli consegnata senza che nessuno ne sia a conoscenza, soprattutto non il banchiere o la figlia della signora Bettencourt;
- diverse discussioni, tra cui quella del 27 ottobre 2009 tra la signora Bettencourt e la P.D.M. sull'esistenza di diversi conti in Svizzera, da cui è emerso che quest'ultima ha indicato di essere in procinto di trasferire tali conti in altri Paesi;
- interviste registrate il 4 e il 12 marzo 2010 in cui la P.D.M. ha informato la sig.ra Bettencourt della volontà di B. di non comparire più nella tenuta, in vista dell'imminenza del processo penale, nonché conversazioni relative alla condotta di B..
19. Il Presidente dell'Alta Corte ha deliberato nei loro confronti come segue:
"Tutte queste osservazioni, che erano di natura professionale nel caso della P.D.M. e di natura esclusivamente patrimoniale nel caso di Liliane Bettencourt, sono informazioni legittime per il pubblico in quanto è la principale azionista di una delle grandi società francesi, dato che si osserva, inoltre, che i problemi fiscali e l'evasione di capitali sono una questione di interesse generale. Analogamente, l'interrogatorio del datore di lavoro della moglie di un Ministro della Repubblica e la menzione delle fonti di finanziamento di un partito politico sono informazioni che, essendo argomento di dibattito democratico, possono legittimamente essere portate all'attenzione dell'opinione pubblica.

Le interviste del 4 e 12 marzo] riguardano anche elementi esterni alla sfera privata se la loro menzione è giustificata dalle notizie giudiziarie relative al caso di alto profilo. »

20. Essa conclude che ordinare il ritiro di documenti che fanno parte della pubblicazione di informazioni legittime e che sono rilevanti per l'interesse pubblico equivarrebbe a una censura contraria all'interesse pubblico, a meno che non venga contestata la gravità della riproduzione delle registrazioni, il che non è avvenuto nel caso in esame.
21. Con sentenza del 23 luglio 2010, rettificata il 30 luglio, la Corte d'Appello di Parigi ha confermato l'ordinanza del 1° luglio 2010 emessa dal Presidente del Tribunale di primo grado di Parigi. Essa ha ritenuto che il semplice fatto che le osservazioni trasmesse siano state registrate senza il consenso del loro autore non è di per sé sufficiente a qualificare come manifestamente illecito il disturbo causato dalla loro trasmissione, ma che esse devono anche "violare la privacy altrui" come stabilito dall'articolo 226-1 del codice penale. Di conseguenza, ha ritenuto che il primo giudice avesse giustamente deciso di esaminare il contenuto delle registrazioni trasmesse sul sito Mediapart:
"Che il tribunale adotti l'analisi (...) al termine della quale sembra che i commenti controversi siano di natura professionale per la P.D.M. e patrimoniale per la signora Bettencourt.

Considerando che si osserverà che le informazioni così rivelate che coinvolgono il principale azionista di uno dei principali gruppi industriali francesi, la cui attività e le cui donazioni sono oggetto di numerosi commenti pubblici, sono informazioni legittime per il pubblico; che è a maggior ragione la stessa cosa quando queste informazioni riguardano il datore di lavoro della moglie di un ministro della Repubblica, allora tesoriere di un partito politico;

Che tutti questi elementi, valutati nel contesto dell'equilibrio ricercato tra diritto alla privacy e libertà di informazione, portano alla conferma della decisione citata. »

22. La P.D.M. ha presentato ricorso alla Corte Suprema d'Appello contro questa decisione.
23. Il 6 ottobre 2011 la Corte di Cassazione ha ribaltato la decisione d'appello come segue e ha deferito la causa alla Corte d'Appello di Versailles:
"Visti gli articoli 226-1 e 226-2 del codice penale in combinato disposto con l'articolo 809 del codice di procedura civile; (...)

Mentre, invece, si tratta di una violazione della privacy delle persone, che non legittima l'informazione del pubblico, la registrazione, la registrazione o la trasmissione senza il consenso del loro autore di parole pronunciate in forma privata o confidenziale; ne consegue che, decidendo come ha fatto, quando dalle sue stesse constatazioni risulta che i colloqui controversi sono di tale natura, la Corte d'Appello ha violato i testi sopra citati;".

24. Con sentenza del 4 luglio 2013, la Corte d'appello di Versailles ha annullato l'ordinanza del 1° luglio 2010 e ha condannato i ricorrenti alla seguente sanzione:
"Ordina il ritiro dal sito www.mediapart.fr, entro otto giorni dalla notifica della sentenza, con il pagamento di una penale di 10.000 euro per ogni giorno di ritardo e per ogni reato riscontrato, di qualsiasi pubblicazione di tutta o parte della ritrascrizione delle registrazioni illegali effettuate a casa della Sig.ra Bettencourt, dopo la scadenza di tale termine;

-Ordina inoltre a Mediapart di cessare la pubblicazione di tutte o parte delle registrazioni illegali effettuate a casa della sig.ra Bettencourt, su qualsiasi supporto, elettronico, cartaceo o altro, pubblicate da lei e/o con la sua assistenza diretta o indiretta, con il pagamento di una penale di 10 000 euro per ogni estratto pubblicato a partire dalla data di notifica della presente sentenza;

- 2) [le ricorrenti] in solidum sono condannate a versare alla P.D.M. la somma di EUR 1 000 a titolo di anticipo sul risarcimento del danno morale. »

25. La decisione è stata motivata come segue:
"Considerando, in primo luogo, che non è contestato dagli imputati che le registrazioni siano state fatte in un luogo privato, all'insaputa delle persone che vi si trovavano, e in particolare della P.D.M., che non si contesta né che gli imputati fossero consapevoli della natura illecita della fonte delle registrazioni, né che il giornale Mediapart si riferisse a registrazioni "clandestine" o "pirata" e descrivesse il processo come "moralmente - se non penalmente - riprovevole";

Che queste registrazioni, effettuate clandestinamente, hanno necessariamente portato il loro autore, per la loro ubicazione e la loro durata, a penetrare nell'intimità delle persone interessate e dei loro interlocutori;

Che è di scarsa importanza che gli imputati abbiano ordinato le registrazioni trasmesse al fine di rendere pubblici solo quegli elementi che, a loro avviso, non violano la privacy degli interessati; che il tribunale osserva, in maniera sovrabbondante, che le osservazioni fatte da [P.D.M.], che occasionalmente esprimono sentimenti o giudizi di valore, o riflettono aspettative personali di Liliane Bettencourt, sono state fatte solo perché all'interessato è stato assicurato il carattere confidenziale degli scambi a cui ha partecipato;

Che la diffusione da parte degli imputati di registrazioni che sapevano essere il risultato di un'intrusione nella sfera privata di Liliane Bettencourt e della violazione del carattere confidenziale delle parole scambiate dalla P.D.M. con l'interessato e con altre persone caratterizza il turbamento manifestamente illecito richiesto dall'art. 809 del codice di procedura civile, alla luce degli artt. 226-1 e 226-2 del codice penale, cui si fa riferimento nell'atto di citazione;

Dall'articolo 10 della Convenzione consegue inoltre che l'esercizio della libertà di ricevere o di comunicare informazioni comporta delle responsabilità e può essere soggetto a determinate restrizioni, che costituiscono misure necessarie in una società democratica per proteggere la reputazione o i diritti altrui, per impedire la divulgazione di informazioni riservate;

Che l'esigenza di informare il pubblico in una società democratica prevista dall'art. 10 della citata Convenzione, che avrebbe potuto essere soddisfatta da un lavoro investigativo e analitico svolto nell'ambito del diritto alla riservatezza delle fonti, non può legittimare la diffusione, anche per estratti, di registrazioni ottenute in violazione del diritto al rispetto della vita privata altrui, affermato dall'art. 8 della citata Convenzione;

Infine, è poco importante che, dopo la loro diffusione, le informazioni in questione siano state riprese, analizzate e commentate dalla stampa, poiché l'accesso alle registrazioni contestate attraverso il sito web Mediapart comporta una persistente perturbazione della privacy di P.D.M. (...)".

26. Le ricorrenti hanno presentato ricorso in Cassazione. In tale occasione, essi hanno presentato una questione prioritaria di costituzionalità (QPC), contestando la conformità al diritto alla libertà di espressione, garantito dall'articolo 11 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e dei cittadini del 1789, degli articoli 226-1 e 226-2 della CP, come interpretati dalla Corte di Cassazione, in quanto vietano in modo generale e assoluto qualsiasi diffusione di discorsi privati o confidenziali registrati senza il consenso del suo autore.
27. 27. Inoltre, nella loro memoria di cassazione, i ricorrenti hanno sostenuto che il divieto di pubblicazione prescritto dall'articolo 226-2 del codice penale non poteva derivare unicamente dalle condizioni per ottenere le registrazioni, ma implicava che il loro contenuto violava effettivamente la privacy delle persone. Con un secondo motivo di cassazione basato sull'articolo 10 della Convenzione, i ricorrenti hanno sottolineato che la Corte d'appello di Versailles ha dato la precedenza al diritto alla privacy senza equilibrare gli interessi, ossia senza considerare se il contenuto delle registrazioni contribuisse a un dibattito di interesse pubblico. A questo proposito hanno sostenuto che le registrazioni prodotte riguardavano tre grandi temi al centro della vita pubblica: l'eventuale frode fiscale da parte dell'azionista di maggioranza di uno dei principali gruppi industriali francesi, un conflitto di interessi derivante dai legami tra questa persona e la moglie del sig. Woerth, allora ministro del bilancio, e il finanziamento dei partiti politici e delle campagne elettorali.
28. Con sentenza del 5 febbraio 2014, la Corte di Cassazione ha stabilito che non è necessario deferire il CQP al Consiglio costituzionale. Ha ritenuto che la questione non fosse né nuova né seria. A questo proposito, ha affermato che, secondo la giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione, il diritto di ogni persona al rispetto della propria vita privata comprendeva l'uso specifico che ogni persona fa del proprio patrimonio, salvo il caso in cui abbia dato il proprio consenso alla divulgazione. Ha aggiunto che gli articoli 226-1 e 226-2 del Codice penale, disposizioni di diritto ordinario e non di diritto della stampa, non sono di portata generale e assoluta:
« (... ...] lasciando già fuori dal loro campo di applicazione l'intercettazione di conversazioni effettuate in rigide condizioni di legge dalle autorità pubbliche preposte alla lotta contro la criminalità, [esse] regolano solo la cattura e la diffusione, da parte di privati e all'insaputa dell'autore, di commenti relativi alla sua vita privata, ed escludere dal loro ambito di applicazione qualsiasi parola estranea a tale scopo, anche se pronunciata a titolo privato e in luogo privato, a meno che la loro intercettazione clandestina, per disegno, finalità e durata, non abbia necessariamente indotto la persona che l'ha posta in essere ad entrare deliberatamente nella vita privata dell'interessato. »

29. Con sentenza del 2 luglio 2014 la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso. Essa ha ritenuto, da un lato, che le conclusioni della decisione di ricorso stabilissero che i commenti pubblicati risultanti dalle registrazioni sanzionate dal CP erano, "qualunque fossero i titoli mediatici sotto i quali erano presentati", relativi sia "agli usi a cui la signora Bettencourt decideva la sua fortuna, sia ai sentimenti, ai giudizi di valore e alle aspettative personali della P.D.M. nei suoi confronti" e costituivano quindi un'invasione della privacy. Ha aggiunto, d'altra parte, quanto segue:
"... considerando che la sentenza [della Corte d'Appello], dopo aver ricordato che l'articolo 10 della Convenzione ... ) prevede che la libertà di ricevere e di comunicare informazioni possa essere soggetta alle restrizioni previste dalla legge e necessarie in una società democratica per la tutela dei diritti altrui al fine di impedire la divulgazione di informazioni riservate, è esattamente la stessa per quanto riguarda il diritto al rispetto della vita privata, a sua volta espressamente affermato dall'articolo 8 della stessa Convenzione, che estende la sua protezione anche al domicilio di tutti; che ne consegue che, se, in tale società, e al fine di garantire tale obiettivo, il diritto penale vieta e punisce il fatto di averlo deliberatamente violato, mediante un processo di registrazione, senza il consenso dell'autore, delle parole pronunciate in forma privata o confidenziale, o di renderle note al pubblico, il ricorso a quest'ultimo processo costituisce un disturbo manifestamente illecito, che non può essere giustificato dalla libertà di stampa o dal suo presunto contributo ad un dibattito di pubblico interesse, né la preoccupazione di dare particolare credibilità alle informazioni, peraltro suscettibili di essere accertate attraverso un lavoro investigativo e analitico coperto dal segreto delle fonti giornalistiche, essendo la sanzione della revoca e del conseguente divieto di ulteriore pubblicazione delle intercettazioni adeguata e proporzionata al reato commesso, e il fatto che il loro contenuto, rivelatosi unicamente per iniziativa deliberata e illegittima di un organo di stampa per la loro pubblicazione, sia stato successivamente ripreso da altri. »

CITAZIONE DEI RICORRENTI PER PROVVEDIMENTI PROVVISORI DA PARTE DELLA SIGNORA BETTENCOURT (DOMANDA N. 34445/15)
30. A seguito della pubblicazione degli estratti delle registrazioni nei suddetti articoli, in data 22 giugno 2010 la sig.ra Bettencourt ha presentato al giudice provvisorio, sulla stessa base del P.D.M. di cui all'istanza n. 281/15, istanza di revoca e successiva non pubblicazione. Ha inoltre chiesto che gli imputati siano condannati in solido a pagarle la somma di 50.000 euro.
31. Con ordinanza del 1° luglio 2010, confermata dalla Corte d'Appello di Parigi il 23 luglio 2010, il Presidente del Tribunale di primo grado di Parigi ha respinto le domande della sig.ra Bettencourt per gli stessi motivi sopra esposti (cfr. punti 17-20). Quando la sig.ra Bettencourt ha presentato ricorso in appello, la Corte di Cassazione, con sentenza del 6 ottobre 2011, ha annullato la sentenza d'appello nei termini di cui al precedente paragrafo 23 e ha rinviato la causa alla Corte d'Appello di Versailles.
32. 32. Con sentenza del 4 luglio 2013, la Corte d'appello di Versailles ha annullato l'ordinanza del Presidente del Tribunale di primo grado di Parigi del 1° luglio 2010, sostanzialmente negli stessi termini indicati al precedente paragrafo 25, ritenendo che, nel caso della sig.ra Bettencourt, "le registrazioni trasmesse, in quanto forniscono informazioni sulla sua capacità di ricordare determinati eventi o persone e di seguire le conversazioni in modo allusivo, sono rilevanti per il suo stato di salute e di conseguenza per la sua privacy". Ha ordinato il ritiro delle pubblicazioni contestate, sotto pena di sanzione, e ha anche ordinato che tutte o parte delle registrazioni illegali effettuate a casa della signora Bettencourt non vengano più pubblicate. Essa ha condannato in solido le ricorrenti a versare alla sig.ra Bettencourt la somma di EUR 20 000 a titolo di anticipo per il risarcimento del danno morale.
33. 33. Le ricorrenti hanno presentato ricorso in Cassazione. In tale occasione hanno depositato un QPC analogo a quello formulato nel corso del procedimento sommario avviato da P.D.M. (paragrafo 26).
34. Con sentenza del 3 settembre 2014, la Corte di Cassazione ha stabilito che non è necessario deferire il CQP al Consiglio Costituzionale per le seguenti ragioni:
...] [Le disposizioni contestate] non si applicano a qualsiasi intercettazione clandestina delle parole altrui, ma solo, in modo equilibrato, quando l'invasione della privacy risulta o dal contenuto intrinseco delle parole registrate o dal design-oggetto-durata del dispositivo di cattura così messo in opera ...".

Inoltre, il diritto al rispetto della privacy (...), e in particolare l'inviolabilità della casa (...) ) copre, secondo la giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione, le dichiarazioni rilasciate dai singoli nelle proprie abitazioni in merito all'uso preciso che essi fanno di elementi del loro patrimonio personale, poiché il loro presunto interesse per un dibattito pubblico non ha mai indotto il legislatore, nell'esercizio del proprio potere discrezionale, a considerare questo come un fatto giustificabile che la libertà di stampa consentirebbe di liberare i giornalisti dalle disposizioni del diritto penale ordinario che sono state criticate. »

35. Con sentenza del 15 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha dichiarato che la violazione della privacy della sig.ra Bettencourt, "che non legittima l'informazione pubblica", è stata costituita, come ha rilevato la sentenza d'appello, dal fatto che le registrazioni pubblicate, oltre ad essere state effettuate per un anno, erano state effettuate a casa della sig.ra Bettencourt, a sua insaputa e nella piena consapevolezza della loro origine illecita. Per il resto, ha respinto il ricorso delle ricorrenti in termini identici a quelli indicati nella sentenza del 2 luglio 2014 e citati al precedente punto 29.
PROCEDIMENTO PENALE CONTRO I RICORRENTI
36. Il 30 agosto 2013 P.B., autore delle registrazioni, è stato deferito dal giudice istruttore al Tribunale penale di Bordeaux sulla base dell'articolo 226-1 del Codice penale. Il secondo e il terzo ricorrente, così come altri giornalisti del quotidiano Le Point, sono stati deferiti a tale tribunale ai sensi dell'articolo 226-2 del codice penale.
37. 37. Con sentenza del 12 gennaio 2016, sono stati tutti rilasciati. La signora Bettencourt, l'unica parte civile che non ha ritirato la sua denuncia (la P.D.M. lo ha fatto nel 2011), non ha presentato ricorso contro questa sentenza.
38. Con decisione del 21 settembre 2017, su ricorso del pubblico ministero, la Corte d'appello di Bordeaux ha confermato la sentenza.
39. 39. Il Tribunale ha ritenuto, nel caso di P.B., che gli elementi del reato siano stati soddisfatti. Tuttavia, lo assolveva perché la sua azione si era svolta in un contesto di necessità. C'era chiaramente un rischio significativo che la signora Bettencourt, la cui fragilità e vulnerabilità erano evidenti dalle conversazioni, venisse gravemente derubata o addirittura derubata da vari membri del suo entourage, e che l'atto criminale commesso fosse necessario a tale minaccia:
"(...) un'analisi della cronologia di tutta la cosiddetta vicenda di Bettencourt rivela il carattere decisivo di queste registrazioni per la ricerca della verità e quindi la protezione delle persone gravemente minacciate nei loro beni ma anche nella loro stessa persona. »

Ha aggiunto che non vi è alcuna sproporzione tra i mezzi impiegati e la gravità della minaccia, poiché "in questo caso particolare" la persona la cui privacy è stata violata è stata finalmente protetta contro la sua volontà dall'atto compiuto.
(40) Per quanto riguarda le ricorrenti, la Corte d'Appello ha ritenuto che il tribunale abbia giustamente ritenuto che il solo fatto che le dichiarazioni siano state registrate senza il consenso dell'autore non fosse sufficiente a stabilire il reato di cui sono state accusate. Apprezzando il contenuto delle registrazioni pubblicate dai ricorrenti, ha affermato che la stragrande maggioranza delle registrazioni riguardava questioni di interesse pubblico, ma che esse rivelavano anche elementi privati o riservati relativi alla salute di Liliane Bettencourt, in particolare la sordità, la frequente perdita di memoria e l'alterazione del giudizio.
Ricordando che una proposta di legge che introduceva l'immunità di principio per i giornalisti nel contesto in esame era fallita (si veda il successivo paragrafo 45), il tribunale ha poi ritenuto necessario esaminare l'equilibrio tra il diritto al rispetto della vita privata e il diritto all'informazione del pubblico e il dovere dei giornalisti di sostenere tale diritto. Essa ha deciso quanto segue.
41. In primo luogo, gli articoli trattano tutti più o meno centralmente argomenti che sono indiscutibilmente di interesse pubblico. In secondo luogo, il carattere della signora Bettencourt come importante figura pubblica è indiscutibile e le informazioni diffuse non sembrano essere state principalmente destinate a soddisfare la curiosità di un certo pubblico sulla sua vita privata. In terzo luogo, la signora Bettencourt, nonostante la sua importanza strategica per l'economia francese, non ha mai coltivato, prima della "vicenda", una particolare vicinanza relazionale con i media. In quarto luogo, l'accesso alle registrazioni è protetto dalla segretezza delle fonti dei giornalisti, e i giornalisti non sono gli autori delle registrazioni, e nulla fa pensare che non abbiano svolto un serio lavoro di controllo e selezione degli articoli. In quinto luogo, mentre si può pensare che i giornalisti possano aver insistito inutilmente su alcuni aspetti della vita privata della signora Bettencourt e si può mettere in dubbio la scelta di dare accesso a parte delle registrazioni stesse, e "la sua inutile dimensione spettacolare", le informazioni pubblicate non sono state pubblicate in una forma che avrebbe privilegiato l'esposizione della privacy dell'interessato. Infine, per quanto riguarda le ripercussioni degli articoli controversi, la Corte d'Appello ha dichiarato che la stessa Bettencourt, presente in primo grado, aveva osservato che i giornalisti avevano fatto il loro lavoro e aveva ammesso, più o meno implicitamente, che la realizzazione delle registrazioni e la loro diffusione aveva permesso, in ultima analisi, di tutelare i suoi interessi.
42. La Corte d'Appello ha concluso che, pubblicando gli estratti contestati e i commenti di contestualizzazione che li accompagnavano, le ricorrenti non avevano intenzione di violare la privacy della sig.ra Bettencourt.
IL QUADRO GIURIDICO E LA PRASSI NAZIONALE PERTINENTE

43. L'articolo 809, paragrafo 1, del TBC, applicabile al momento dei fatti, prevede che :
"Il Presidente può sempre, anche in presenza di una grave contestazione, prescrivere in un procedimento sommario le misure provvisorie o riparatrici necessarie, sia per prevenire un danno imminente, sia per porre fine ad un disturbo manifestamente illecito. »

44. Gli articoli 226-1 e 226-2 del PC prevedono che :
Articolo 226-1

"Chiunque violi intenzionalmente la privacy di un'altra persona con qualsiasi mezzo sarà punito con un anno di reclusione e con una multa di 45.000 euro:

1. "Catturando, registrando o trasmettendo, senza il consenso dell'autore, parole pronunciate in forma privata o confidenziale; (...)".

Articolo 226-2

"Le stesse sanzioni si applicano all'atto di conservare, portare o consentire che sia portato a conoscenza del pubblico o di un terzo o di utilizzare in qualsiasi modo qualsiasi registrazione o documento ottenuto per mezzo di uno degli atti previsti dall'articolo 226-1".

Qualora il reato di cui al comma precedente sia commesso attraverso la stampa scritta o audiovisiva, per la determinazione dei responsabili si applicano le speciali disposizioni delle leggi che disciplinano tale materia. »

45. 45 45. L'articolo 4 della legge sul rafforzamento della libertà, dell'indipendenza e del pluralismo dei media, adottata il 6 ottobre 2016, sulla protezione delle fonti giornalistiche, prevede quanto segue:
"IV. Il possesso, da parte di una persona di cui alla I del presente articolo, di documenti, immagini o registrazioni sonore o audiovisive, qualunque sia il supporto, risultanti (...) dal reato di violazione della privacy non può costituire il reato (...) previsto dall'articolo 226-2 dello stesso codice quando tali documenti, immagini o registrazioni sonore o audiovisive contengono informazioni la cui diffusione al pubblico costituisce un fine legittimo in una società democratica;".

Con decisione n. 2016-738 DC del 10 novembre 2016, il Consiglio costituzionale, sequestrato da deputati e senatori, ha dichiarato questo articolo incostituzionale. Quest'ultimo ha sostenuto che l'immunità penale istituita dall'articolo 4 violava, per la sua ampia portata, il diritto alla privacy, l'inviolabilità della casa, la segretezza della corrispondenza e il principio di uguaglianza. Essi contestano anche la vaghezza del concetto di "scopo legittimo in una società democratica". Il Consiglio costituzionale ha deliberato come segue:
"(...) Questa immunità (...) vieta anche l'azione penale (...) per violazione della privacy, reati punibili con cinque anni di reclusione e volti a punire comportamenti che violano il diritto alla privacy e il diritto alla segretezza della corrispondenza.

Da quanto precede (...) consegue che il legislatore non ha assicurato una conciliazione equilibrata tra la libertà di espressione e di comunicazione da un lato e le altre esigenze costituzionali, compreso il diritto alla privacy, dall'altro; né ha assicurato una conciliazione equilibrata tra questa stessa libertà e le esigenze inerenti alla salvaguardia degli interessi fondamentali della Nazione, alla ricerca dei colpevoli e alla prevenzione delle violazioni dell'ordine pubblico necessarie a salvaguardare i diritti e i principi di valore costituzionale;".

IN LEGGE

RICHIESTA DI GIUNZIONE
46. Data la somiglianza dell'oggetto delle domande, la Corte ritiene opportuno esaminarle congiuntamente in un'unica sentenza.
SULLA PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 10 DELLA CONVENZIONE
47. Le ricorrenti sostengono che l'ingiunzione del tribunale che impone loro di rimuovere dal sito web del giornale Mediapart la pubblicazione di estratti delle registrazioni illegali effettuate a casa della sig.ra Bettencourt viola il loro diritto alla libertà di espressione. Esse invocano l'articolo 10 della Convenzione, che recita come segue:
"Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto comprende la libertà di opinione e la libertà di ricevere e diffondere informazioni e idee senza interferenze da parte delle autorità pubbliche ...".

2. L'esercizio di tali libertà, che comportano doveri e responsabilità, può essere soggetto alle formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni previste dalla legge e necessarie in una società democratica nell'interesse della sicurezza nazionale, dell'integrità territoriale o della sicurezza pubblica, per la prevenzione di disordini o crimini, per la tutela della salute o della morale, per la protezione della reputazione o dei diritti altrui, per impedire la divulgazione di informazioni riservate o per mantenere l'autorità e l'imparzialità della magistratura. »

Sulla ricevibilità
48. Il Governo chiede il rigetto delle petizioni per manifesta mancanza di merito. Essa ritiene che la conciliazione tra la libertà di espressione dei giudici nazionali e il diritto al rispetto della vita privata sia stata effettuata secondo i criteri stabiliti dalla giurisprudenza della Corte. La Corte non aveva quindi alcun motivo serio per sostituire il suo parere a quello dei giudici nazionali.
49. Le ricorrenti non si sono pronunciate sull'obiezione sollevata dal governo.
50. La Corte ritiene che la denuncia sollevi questioni che richiedono un esame nel merito della presunta violazione dell'articolo 10 della Convenzione e non un esame di ammissibilità (mutatis mutandis, Gürbüz e Bayar c. Turchia, n. 8860/13, § 26, 23 luglio 2019).
51. Ritenendo che le domande non siano manifestamente infondate o irricevibili per qualsiasi altro motivo ai sensi dell'articolo 35 della Convenzione, la Corte le dichiara ammissibili.
Nel merito
I richiedenti
52. 52. Le ricorrenti sottolineano innanzitutto che la metodologia del Tribunale per risolvere il conflitto tra il diritto alla libertà di espressione e il rispetto della vita privata è stata applicata durante il procedimento penale a loro carico e ha portato alla loro assoluzione (punti 36-42).
53. 53. I denuncianti osservano inoltre che il governo non ha indicato che lo stato di salute della signora Bettencourt l'ha resa praticamente incapace di prendere decisioni informate sulla gestione del suo patrimonio. Questo fattore decisivo, al centro del procedimento penale che aveva portato alla condanna della P.D.M. per abuso di debolezza (cfr. paragrafo 13), non era, a loro avviso, noto alla Corte di Cassazione nel caso in questione. Durante l'esame dei secondi ricorsi, la Corte di Cassazione non era a conoscenza del rapporto medico della signora Bettencourt ordinato dal tribunale penale.
54. Non condividono la valutazione del Governo sul contenuto delle conversazioni pubblicate (si veda il successivo paragrafo 67). A differenza del Governo, essi ritengono che le conversazioni relative alla salute della signora Bettencourt o alla sua successione fossero anche nell'interesse pubblico perché erano al centro del caso Bettencourt. Disapprovano, a questo proposito, l'invocazione da parte del Governo dell'"aspettativa legittima" della signora Bettencourt di proteggere la sua vita privata (cfr. paragrafo 63), poiché è stato proprio il suo stato di salute e la sordità a rendere possibile l'abuso della debolezza nei suoi confronti. Né la P.D.M. poteva contare su una tale aspettativa, poiché agiva costantemente per coprire i reati per i quali era stato pesantemente condannato. Se si è astenuto dal comunicare il suo ruolo di manager, è stato per proteggersi da qualsiasi indagine sulla sua impresa criminale.
55. 55. I denuncianti sostengono inoltre che il Governo ha distorto il loro lavoro giornalistico sostenendo che non potevano ignorare che stavano violando la privacy della P.D.M. e della signora Bettencourt (cfr. paragrafo 65). Ricordano che prima della pubblicazione hanno avuto cura di specificare che sarebbero state pubblicate solo le informazioni che contribuiscono a un dibattito di interesse generale. Essi hanno inoltre richiesto le osservazioni delle persone interessate prima della pubblicazione (paragrafi 7 e 8). Alla fine, e anche se hanno ammesso la natura moralmente se non penalmente riprovevole del processo utilizzato, sottolineano che contano solo i loro scritti e non l'origine del materiale sfruttato, poiché non è stata provata alcuna alterazione.
56. 56. Le ricorrenti ritengono che i tribunali penali abbiano risposto alla visione restrittiva della Corte di Cassazione sulla professione di giornalista. Essi si sono rifiutati di punirli senza aver prima analizzato il contenuto degli articoli (cfr. paragrafi da 40 a 42), così come il tribunale e la corte d'appello avevano inizialmente ascoltato il procedimento sommario (cfr. paragrafi da 17 a 21).
57. 57. Le ricorrenti lamentano inoltre il silenzio del Governo in merito al rilascio di P.B., l'autore delle registrazioni, in quanto ha agito in stato di necessità per proteggere la sig.ra Bettencourt.
58. Infine, le ricorrenti hanno ritenuto che la sanzione fosse severa e sproporzionata. Imposti dopo più di tre anni di procedimento, essi contestano il carattere generale e indefinito del divieto di pubblicazione, che definiscono censura. Hanno prodotto una copia cartacea di un articolo intitolato "Il nostro caso: il caso Bettencourt" pubblicato sul sito web di Mediapart. L'articolo afferma quanto segue:
"(...) dalla decisione del 4 luglio 2013, Mediapart non ha più il diritto di trasmettere le registrazioni del maggiordomo di Liliane Bettencourt. Da quella data, su richiesta del P.D.M., sono stati censurati complessivamente 70 articoli che fanno riferimento e citano queste registrazioni, ora condannati in primo grado a 30 mesi di reclusione, 12 dei quali sono sospesi. »

I ricorrenti sostengono che gli articoli pubblicati direttamente e liberamente dagli abbonati nel loro spazio contributivo e che citano o fanno riferimento alle registrazioni contestate dovevano essere ripubblicati.
59. Infine, secondo le ricorrenti, la sanzione è anche sproporzionata in quanto è stata inflitta da un giudice provvisorio, un giudice d'urgenza e di giurisdizione provvisoria, ed è divenuta definitiva in assenza di un'azione nel merito.
Il Governo
60. 60. Il Governo accetta che la condanna civile dei ricorrenti costituisca un'ingerenza nel loro diritto alla libertà di espressione. Essa sostiene, tuttavia, che è previsto dalla legge, vale a dire dagli articoli 809 del TBC e dagli articoli 226-1 e 226-2 del PC. Aggiunge che lo scopo di criminalizzare le violazioni della privacy è quello di garantire il rispetto della reputazione altrui, principio sancito dall'articolo 8 della Convenzione, e ne deduce che l'ingerenza denunciata dai ricorrenti era finalizzata ad uno degli scopi legittimi elencati nel secondo paragrafo dell'articolo 10: la "tutela della reputazione o dei diritti altrui", quelli della signora Bettencourt e della P.D.M.
61. Il governo ha ritenuto che l'interferenza fosse necessaria in una società democratica. La condanna delle ricorrenti era stata giustificata da motivi pertinenti e sufficienti e proporzionata allo scopo legittimo perseguito, alla luce dei criteri ricordati dalla Corte nella causa Couderc e Hachette Filipacchi Associés contro la Francia. Francia [GC], n. 40454/07, CEDU 2015 (estratti)) come segue: 1) il contributo a un dibattito di interesse pubblico; 2) la reputazione dell'interessato e l'oggetto della relazione; 3) il comportamento precedente dell'interessato; 4) le modalità di ottenimento delle informazioni e la loro veridicità; 5) il contenuto, la forma e le ripercussioni della pubblicazione; 6) la sanzione comminata.
62. In primo luogo, il Governo non contesta che la pubblicazione degli articoli in questione abbia contribuito ad un dibattito di interesse generale ai sensi della giurisprudenza della Corte.
63. In secondo luogo, per quanto riguarda il P.D.M., il Governo ritiene che non possa essere considerato un soggetto pubblico. All'epoca delle registrazioni contestate, egli era il gestore dei beni della signora Bettencourt e non era investito come tale in veste ufficiale. Inoltre, se da un lato le conversazioni oggetto della pubblicazione riguardano essenzialmente la sua vita professionale, dall'altro rivelano anche aspetti della sua vita privata (si veda il precedente paragrafo 29). Poiché la P.D.M. era solo una vittima collaterale dell'interesse della stampa nella gestione del patrimonio della sig.ra Bettencourt, egli poteva contare su una legittima aspettativa di protezione e di rispetto della sua vita privata (Von Hannover c. Germania (n. 2) [GC], nn. 40660/08 e 60641/08, § 97, CEDU 2012). Per quanto riguarda la signora Bettencourt, il Governo ha riconosciuto che a capo di una delle più grandi fortune della Francia è una persona pubblica. Tuttavia, sostiene che non ha ricoperto alcuna posizione ufficiale che possa limitare il suo diritto al rispetto della sua vita privata. Prima della "relazione", aveva sempre cercato di preservare la sua privacy e non era mai stata oggetto di interesse mediatico. Mentre gli articoli in discussione evidenziavano le scelte della signora Bettencourt in merito alla gestione del suo patrimonio, essi contenevano anche elementi estranei a un dibattito di interesse generale. Così, anche se era nota al pubblico, poteva contare su una legittima aspettativa che la sua vita privata fosse protetta in casa sua.
64. 64. In terzo luogo, il governo rileva che la natura non consensuale delle intercettazioni contestate è stabilita. Né la signora Bettencourt, che era sempre rimasta discreta sulla sua vita privata, né il suo gestore patrimoniale, che non aveva mai comunicato la sua attività, hanno potuto anticipare l'uso fatto delle informazioni raccolte in modo fraudolento. Non hanno contribuito alla violazione della loro privacy attraverso il loro comportamento.
65. 65. In quarto luogo, il Governo sottolinea il carattere ingiusto delle registrazioni clandestine trasmesse dai ricorrenti. Le ricorrenti non potevano ignorare che la loro pubblicazione letterale violava gravemente la privacy delle P.D.M. e della Sig.ra Bettencourt, in contraddizione con i loro doveri. Il mero riconoscimento della natura fraudolenta del modo in cui le conversazioni erano state ottenute non ne ha diminuito la responsabilità: le trascrizioni, senza precauzioni, anche senza alterare le voci, hanno notevolmente aggravato la violazione della privacy degli interessati. Il Governo sottolinea che questa trasmissione è stata illimitata e accessibile agli abbonati di Mediapart (tra 50.000 e 60.000 nel 2011).
66. 66. Pertanto, tenuto conto sia del loro scopo e della loro durata, sia del luogo in cui le registrazioni sono state effettuate, i giudici potevano legittimamente ritenere che la trasmissione e la ritrascrizione delle dichiarazioni contestate fossero per loro natura, e quindi per la loro gravità, una violazione della privacy della P.D.M. e della sig.ra Bettencourt. Il Governo fa riferimento, a tale proposito, alla posizione assunta dalla Corte di Cassazione nelle sentenze del 5 febbraio e del 3 settembre 2014 (si vedano i precedenti paragrafi 28 e 34).
67. 67. In quinto luogo, per quanto riguarda il contenuto e la forma delle pubblicazioni, il Governo ha ritenuto che, mentre lo screening effettuato dai ricorrenti aveva permesso di sfuggire al voyeurismo malsano, non era sufficiente a stabilire che non vi fosse stata alcuna violazione della privacy altrui. Le condanne si basavano sulla diffusione di materiale ottenuto a costo di una grave violazione della privacy, ma anche sul fatto che le dichiarazioni contenevano elementi relativi alla privacy, come la salute della signora Bettencourt, i suoi rapporti con la figlia, il suo stato di confusione e il suo patrimonio. Tuttavia, la Corte di Cassazione, dopo aver soppesato la violazione della privacy rispetto all'informazione pubblica, ha stabilito che quest'ultima avrebbe potuto essere fatta in modo equo per quanto riguarda la segretezza delle fonti giornalistiche. Infine, il Governo ha ritenuto che i ricorrenti avrebbero potuto limitarsi a trascrivere il significato delle dichiarazioni che rivelavano i legami della signora Bettencourt con le autorità politiche e non menzionare la P.D.M.
68. Per quanto riguarda le ripercussioni dell'articolo, il governo ha sottolineato che i richiedenti erano consapevoli del fatto che gli articoli, con i loro titoli accattivanti, sarebbero stati ripresi da un gran numero di altri media. La loro pubblicazione, in quattro diverse date, alcune delle quali in forma audio, aveva contribuito ad amplificare l'invasione della privacy. Le ricorrenti non potevano sostenere che le pubblicazioni contestate avessero reso possibile il perseguimento di reati penali e che avessero quindi svolto un ruolo di tutela della sig.ra Bettencourt. È stato il deposito delle registrazioni presso i servizi di polizia che ha permesso di far progredire il procedimento relativo all'abuso di debolezza (cfr. paragrafo 11) e non la loro pubblicazione da parte dei richiedenti.
69. 69. Il Governo sostiene che l'assoluzione dei ricorrenti da parte dei tribunali penali non mette in discussione l'illegittimità delle loro pubblicazioni. La Corte d'appello di Bordeaux aveva infatti ritenuto che gli estratti in questione rivelassero informazioni relative alla vita privata (cfr. supra, paragrafo 40). Inoltre, il ragionamento del tribunale penale non può essere equiparato o confrontato con quello del tribunale civile. La valutazione della proporzionalità della violazione della libertà di espressione varia a seconda che si tratti di una condanna penale o della pubblicazione a mezzo stampa di materiale relativo alla vita privata delle persone.
70. 70. In sesto luogo, il Governo ha ritenuto che la sanzione inflitta dal giudice ad interim, la cui carica era diversa da quella del giudice del processo, fosse stata legittimamente finalizzata a porre fine ai disordini manifestamente illeciti causati alla sig.ra Bettencourt e alla P.D.M. A differenza delle ricorrenti, esse hanno ritenuto che il ritiro delle dichiarazioni a tre anni dalla loro pubblicazione non fosse sproporzionato. Le informazioni che contribuiscono al dibattito di interesse pubblico contenute negli articoli impugnati erano già state ampiamente diffuse e, per raggiungere l'obiettivo di informare il pubblico interessato, non era necessario che le registrazioni sonore fossero lasciate aperte all'ascolto per un periodo indefinito. Inoltre, il cosiddetto caso "Bettencourt" non era più così attuale nel 2013 come quando è stato pubblicato nel 2010. Inoltre, solo un ritiro delle registrazioni potrebbe porre fine al persistente disturbo della privacy. Infine, i fondi destinati alla signora Bettencourt e alla P.D.M. erano di un importo adeguato alla violazione della loro privacy.
71. 71. In conclusione, il Governo ha ritenuto che il dibattito di interesse pubblico al quale gli articoli impugnati intendevano contribuire non giustificasse la diffusione delle registrazioni, anche se sia il metodo per ottenerle sia il loro contenuto violavano gravemente la privacy degli interessati.

Valutazione della Corte

Sull'esistenza di interferenze

72. Il Tribunale ritiene che l'ordinanza di ritiro delle registrazioni illegali e di divieto di pubblicazione futura debba essere analizzata come un'ingerenza delle autorità pubbliche nell'esercizio del diritto alla libertà di espressione da parte della società editrice richiedente e delle ricorrenti. Inoltre, il governo non lo mette in discussione.

La giustificazione dell'interferenza

a) "Previsti dalla legge"

73. La Corte ritiene che l'ingerenza sia stata prevista dalla legge, ai sensi dell'articolo 10 della Convenzione, in assenza di qualsiasi contestazione da parte dei ricorrenti della base giuridica della loro condanna, vale a dire gli articoli 809 del TBC e gli articoli 226-1 e 226-2 del PC.

b) Scopo legittimo

74. La Corte dichiara che, come sostiene il Governo, l'ingerenza perseguiva lo scopo legittimo di proteggere la reputazione o i diritti altrui, ossia quelli della P.D.M. e della sig.ra Bettencourt, scopo legittimo enumerato al secondo comma dell'art. 10 (comma 60). A questo proposito, essa osserva che le pubblicazioni in questione hanno avuto origine da registrazioni effettuate a loro insaputa per un periodo di quasi un anno, ossia a seguito di un'intercettazione clandestina suscettibile di costituire un reato. Tale procedura, a prescindere dagli elementi che ne costituiscono la pena secondo il diritto francese, ha indubbiamente costituito un'intrusione sufficientemente grave da mettere in gioco il loro diritto al rispetto della vita privata ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione (mutatis mutandis, Haldimann e altri c. Svizzera, n. 21830/09, § 42, CEDU 2015).

c) "Necessario in una società democratica".

i) Principi generali

75. In numerose occasioni, la Corte è stata investita di casi che richiedevano un esame del giusto equilibrio tra il diritto alla privacy e il diritto alla libertà di espressione, e ha sviluppato un'abbondante giurisprudenza in materia. Per quanto riguarda il diritto al rispetto della vita privata, il diritto al rispetto della libertà di espressione, la libertà di stampa in particolare, e l'equilibrio di questi diritti, si fa riferimento ai principi generali come richiamati nella Couderc e nella Hachette Filipacchi Associés, citata (§§ 82-93), Medžlis Islamske Zajednice Brčko e altri v. Bosnia ed Erzegovina ([GC], n. 17224/11, § 75, 27 giugno 2017) e Satakunnan Markkinapörssi Oy e Satamedia Oy c. Finlandia [GC], n. 931/13, 27 giugno 2017).
76. In particolare, la Corte ricorda i principi pertinenti che dovrebbero guidare la sua valutazione, e soprattutto quella dei giudici nazionali, in questo settore. Ha quindi stabilito una serie di criteri nel contesto del bilanciamento dei diritti in questione. I criteri rilevanti che sono stati finora definiti sono il contributo ad un dibattito di interesse generale, la reputazione dell'interessato, l'oggetto della relazione, il precedente comportamento dell'interessato, il contenuto, la forma e l'impatto della pubblicazione. Nell'ambito di una domanda ai sensi dell'articolo 10, la Corte verifica anche il modo in cui le informazioni sono state ottenute e la loro veridicità e la severità della sanzione inflitta ai giornalisti o agli editori (Couderc e Hachette Filipacchi Associés, citata, § 93).

77. La Corte sottolinea inoltre che la tutela garantita ai giornalisti dall'articolo 10 è subordinata alla condizione che essi agiscano in buona fede in modo da fornire informazioni accurate e attendibili secondo i principi del giornalismo responsabile. Quest'ultima, attività professionale protetta dall'articolo 10 della Convenzione, è un concetto che non riguarda solo il contenuto delle informazioni raccolte e/o diffuse con mezzi giornalistici. Essa comprende anche, tra l'altro, la legittimità della condotta dei giornalisti, in particolare per quanto riguarda - come nella fattispecie - le loro relazioni pubbliche con le autorità nell'esercizio delle loro funzioni giornalistiche. Il fatto che un giornalista abbia violato la legge in questo senso deve essere preso in considerazione, ma non è decisivo per stabilire se ha agito in modo responsabile.
In questo contesto, la Corte ribadisce che i giornalisti che esercitano la loro libertà di espressione hanno "doveri e responsabilità". Ricorda che l'articolo 10, paragrafo 2, non garantisce una libertà di espressione illimitata, anche quando si tratta di riferire a mezzo stampa su gravi questioni di interesse pubblico. Pertanto, nonostante il ruolo essenziale dei media in una società democratica, i giornalisti non possono, in linea di principio, essere esonerati dal dovere di rispettare il diritto penale ordinario con la motivazione che l'articolo 10 offrirebbe loro una protezione inattaccabile. In altre parole, un giornalista che ha commesso un reato non può avvalersi dell'immunità penale esclusiva - di cui non godono altre persone che esercitano il loro diritto alla libertà di espressione - solo perché il reato in questione è stato commesso nell'esercizio delle sue funzioni giornalistiche (Pentikäinen c. Finlandia [GC], n. 11882/10, §§ 90 e 91, CEDU 2015).
78. Infine, la Corte ribadisce che il suo compito, nell'esercizio della sua funzione di controllo, non è quello di sostituirsi ai giudici nazionali competenti, ma di riesaminare, ai sensi dell'art. 10, le decisioni da essi adottate in virtù del loro potere discrezionale. Non ne consegue che debba limitarsi ad accertare se lo Stato convenuto abbia fatto uso di tale potere in buona fede, con attenzione e ragionevolezza: deve considerare l'ingerenza in questione alla luce del caso nel suo complesso per determinare se essa sia stata "proporzionata allo scopo legittimo perseguito e se le ragioni addotte dalle autorità nazionali per giustificarla appaiano pertinenti e sufficienti (...). ...) Così facendo, la Corte deve accertarsi che le autorità nazionali abbiano applicato norme conformi ai principi sanciti dall'articolo 10 e, inoltre, che lo abbiano fatto sulla base di una valutazione accettabile dei fatti rilevanti ..." (Bédat c. Svizzera [GC], n. 56925/08, § 48, 29 marzo 2016). Mentre il bilanciamento effettuato dalle autorità nazionali è stato effettuato secondo i criteri stabiliti dalla giurisprudenza della Corte, devono sussistere seri motivi perché la Corte sostituisca il suo parere a quello dei giudici nazionali (Couderc e Hachette Filipacchi Associés, citata, § 92, Bédat, citata, § 54).

ii) Applicazione nella specie

79. La Corte ricorda in primo luogo che le presenti domande si riferiscono all'ordine di ritiro e di non pubblicare più la trascrizione delle registrazioni effettuate a insaputa della P.D.M. e della sig.ra Bettencourt, nonché ai presunti effetti dissuasivi di tale misura correttiva disposta dal giudice provvisorio. Non può quindi concentrare il suo esame sul procedimento penale condotto in parallelo contro i ricorrenti, anche se questi dovrebbero essere presi in considerazione nella valutazione del contesto generale dei casi. Essa ritiene tuttavia che le ricorrenti non possano invocare la decisione del giudice penale di assolverle per giustificare il carattere sproporzionato dell'ingerenza che esse lamentano dinanzi ad essa. Il procedimento civile e penale nella presente causa aveva infatti perseguito obiettivi diversi, anche se la caratterizzazione dell'ingerenza manifestamente illegittima invocata dalla sig.ra Bettencourt e dalla P.D.M. nel primo procedimento presupponeva la verifica degli elementi costitutivi del reato previsto dall'art. 226-2 del codice penale.
80. Ciò premesso, la Corte rileva che i tribunali civili hanno valutato diversamente le controversie di cui sono stati investiti.
81. La Corte di Cassazione ha ritenuto, per la prima volta nel 2011, che la violazione della privacy di P.D.M. e della sig.ra Bettencourt fosse costituita dal mero fatto della registrazione, registrazione o trasmissione senza il loro consenso di parole pronunciate in forma privata o confidenziale (si vedano i precedenti punti 23 e 31). Essa ha poi ribaltato le sentenze della Corte d'appello di Parigi, che aveva ritenuto che si dovesse tener conto anche del contenuto delle conversazioni per stabilire l'invasione della vita privata delle ricorrenti e ponderare tale invasione con l'esercizio della libertà di espressione delle ricorrenti (punti 21 e 31).
Le corti d'appello di rinvio, e poi la Corte di Cassazione nella sentenza del 2 luglio 2014 (ma non nella sentenza del 15 gennaio 2015), hanno poi ritenuto che, al fine di accertare l'esistenza di una perturbazione manifestamente illegittima da parte della sig.ra Bettencourt e della P.D.M., fosse necessario prendere in considerazione, oltre alla procedura di registrazione delle conversazioni, anche l'effettività dell'invasione della privacy degli interessati. A questo proposito, hanno ritenuto che le registrazioni illegali riguardassero "gli usi a cui la signora Bettencourt ha destinato la sua fortuna ... ai sentimenti, ai giudizi di valore e alle aspettative personali della P.D.M." (paragrafi 25 e 29) e alla "capacità della signora Bettencourt di ricordare certi eventi o persone e di seguire le conversazioni in modo allusivo, [e al suo stato di salute]" (paragrafo 32).
Avendo constatato che la violazione della privacy della sig.ra Bettencourt e della P.D.M. era stata accertata, la Corte di Cassazione ha ritenuto, nelle sentenze del 2 luglio 2014 e del 15 gennaio 2015, che la divulgazione delle registrazioni da parte dei ricorrenti non poteva essere giustificata dalla "libertà di stampa o dal suo presunto contributo ad un dibattito di pubblico interesse, né dalla preoccupazione di dare credibilità ad una particolare informazione, che è peraltro suscettibile di essere accertata attraverso un lavoro investigativo e analitico coperto dalla segretezza delle fonti giornalistiche". Infine, ha ritenuto che la pena fosse proporzionata al reato commesso, nonostante la diffusione del contenuto delle registrazioni da parte di altri organi di stampa (cfr. i precedenti commi 29 e 35). In precedenza, nelle sentenze di rigetto delle richieste di rinvio dei QPC delle ricorrenti, la Corte di Cassazione aveva ritenuto che gli articoli 226-1 e 226-2 del codice penale fossero stati invocati a sostegno del procedimento sommario promosso dalla sig.ra Bettencourt e dalla P.D.M. non erano disposizioni che proibivano, in modo generale e assoluto, ogni intercettazione clandestina delle parole altrui: esse si applicavano, in modo "equilibrato", solo quando contenevano dichiarazioni relative alla vita privata o erano fatte in modo tale da comportare necessariamente un'invasione della privacy (si vedano i precedenti paragrafi 28 e 34).
82. La Corte rileva che la Corte d'Appello e la Corte di Cassazione hanno affrontato la questione del suddetto conflitto di diritti in relazione alle modalità di ottenimento delle registrazioni pubblicate sul sito web Mediapart. L'ingiunzione nei confronti di quest'ultima e delle altre ricorrenti è stata pertanto considerata dai giudici nazionali come una restrizione alla loro libertà di fornire le informazioni necessarie a garantire il rispetto della vita privata della sig.ra Bettencourt e della P.D.M. La Corte constata che tale bilanciamento dei diritti fa sì che il rispetto della vita privata prevalga sulla libertà di espressione, anche se le pubblicazioni si riferiscono ad un dibattito di interesse pubblico, a causa non solo dell'origine illecita delle pubblicazioni, ma anche dell'ampiezza del loro impatto e quindi della gravità dell'invasione della vita privata degli interessati. Come il Governo (cfr. paragrafo 62), non intende riconsiderare il contributo delle pubblicazioni ad un dibattito di interesse generale, purché non sia stato seriamente contestato. Si concentrerà quindi sui fattori presi in considerazione dal giudice della procedura sommaria nel caratterizzare il disturbo illecito nel caso della signora Bettencourt e della P.D.M. e deciderà di porvi fine. A questo proposito, ai fini dell'esame della necessità dei provvedimenti disposti dai tribunali nazionali in una società democratica, la Corte terrà conto dei "doveri e delle responsabilità" dei giornalisti inerenti all'esercizio della libertà di espressione (cfr. il precedente paragrafo 77) e dell'effetto potenzialmente dissuasivo della pena comminata (mutatis mutandis, Hachette Filipacchi Associés c. Francia, n. 71111/01, § 45, 14 giugno 2007).
83. La Corte ribadisce che l'articolo 10 della Convenzione non garantisce una libertà di espressione illimitata anche quando si tratta di riferire a mezzo stampa su gravi questioni di interesse pubblico. Il comma 2 di tale articolo specifica che l'esercizio di tale libertà comporta "doveri e responsabilità", che si applicano anche alla stampa. Questi "doveri e responsabilità" possono essere importanti quando, come nel caso in esame, vi è il rischio di mettere a repentaglio "i diritti degli altri" (Bladet Tromsø e Stensaas contro la Norvegia [GC], n. 21980/93, § 65, CEDU 1999-III e la sentenza citata al paragrafo 77).
84. La Corte ha inoltre già avuto occasione di sottolineare, dal punto di vista dell'articolo 8 della Convenzione, che le violazioni della privacy derivanti da un'intrusione nell'intimità delle persone commesse mediante dispositivi tecnici di intercettazione, videoregistrazione o fotografia clandestina richiedono una protezione particolarmente attenta (Von Hannover, citata, Couderc e Hachette Filipacci Associés, citata, Haldimann e altri contro la Norvegia [GC], n. 21980/93, § 65, CEDU 1999-III e la sentenza citata al punto 77). Svizzera, n. 21830/09, CEDU 2015, Alpha Doryforiki Tileorasi Anonymi Etairia c. Grecia, n. 72562/10, 22 febbraio 2018 e Khadija Ismayilova c. Azerbaigian, n. 65286/13 e 57270/14, 10 gennaio 2019). La Corte rileva al riguardo che la sig.ra Bettencourt e PDM hanno promosso un procedimento dinanzi al giudice provvisorio, non ai sensi dell'art. 9 del codice civile, che è considerato lo specifico procedimento sommario relativo ai diritti della persona, ma sulla base del procedimento sommario di diritto comune combinato con le disposizioni penali volte a tutelare la privacy delle persone contro le più gravi violazioni commesse con le tecniche di intercettazione.
85. Nella fattispecie, la Corte ritiene che gli articoli in questione siano stati pubblicati in un momento in cui la figlia della signora Bettencourt aveva appena depositato i CD-ROM contenenti le registrazioni clandestine presso la polizia. Queste registrazioni erano state effettuate con un registratore a nastro per un periodo di quasi un anno dal maggiordomo della signora Bettencourt nel suo ufficio, a sua insaputa e a insaputa delle varie persone che avevano partecipato alle conversazioni. Le ricorrenti le avevano trascritte sul sito web del giornale, sebbene contenessero dati che violavano la privacy delle persone interessate e avessero consentito ai loro abbonati di accedere ad estratti sonori che testimoniavano il deterioramento dello stato di salute e del giudizio della sig.ra Bettencourt (v. punto 40).
86. 86. La Corte ritiene che tale divulgazione, di cui le ricorrenti non erano all'oscuro, fosse un reato (al contrario, Radio Twist a.s. contro la Slovacchia, n. 62202/00, § 60, CEDU 2006-XV), avrebbe dovuto indurle ad esercitare prudenza e cautela, indipendentemente dal fatto che avessero agito al fine, tra l'altro, di denunciare l'abuso di debolezza subito dalla sig.ra Bettencourt. Sebbene i denuncianti affermino di aver risolto le loro dichiarazioni per conservare solo quelle relative a questioni di interesse generale, la Corte di cassazione ha ritenuto che ciò non fosse sufficiente in considerazione dei loro doveri e delle loro responsabilità di giornalisti. Essa ha ritenuto che l'informazione del pubblico in merito a tali questioni avrebbe potuto essere effettuata in modo diverso dalla divulgazione delle registrazioni illegali. Va rilevato che la Corte d'Appello di Bordeaux, pur assolvendo le ricorrenti al termine del procedimento penale avviato nei loro confronti, ha anche sottolineato la "inutile dimensione spettacolare" della loro scelta di dare accesso ad alcune delle registrazioni stesse (paragrafo 41).
87. La Corte ribadisce il principio secondo cui i giornalisti che hanno commesso un reato non possono rivendicare l'immunità esclusiva dall'azione penale - di cui non godono altre persone che esercitano il loro diritto alla libertà di espressione - per il solo fatto che il reato è stato commesso nell'esercizio della loro funzione giornalistica (Pentikäinen, citato, § 91). A tale riguardo, essa rileva che il Consiglio costituzionale ha emesso una decisione a seguito delle sentenze della Corte di cassazione che censura una disposizione legislativa che stabilisce l'immunità penale dei giornalisti per gli atti di cui all'articolo 226-2 del codice penale, in quanto non garantisce una conciliazione equilibrata tra la libertà di espressione e il diritto al rispetto della vita privata (cfr. paragrafo 45). Soprattutto, fa notare che in determinate circostanze una persona, anche se nota al pubblico, può fare affidamento su una "legittima aspettativa" di tutela e di rispetto della propria vita privata (Von Hannover (n. 2), già citato, § 97). Il fatto che un individuo appartenga alla categoria delle personalità pubbliche non può, a maggior ragione quando non esercita funzioni ufficiali, come nel caso della sig.ra Bettencourt e delle persone che hanno partecipato alle sue conversazioni a casa sua, autorizzare i media a violare i principi deontologici ed etici che dovrebbero essere loro imposti o a legittimare le intrusioni nella vita privata (Couderc e Hachette Filipacci Associés, citata, § 122).

88. In considerazione della portata delle pubblicazioni sul sito web Mediapart e della divulgazione delle dichiarazioni in estratti online, con accesso audio diretto ad alcune di esse, il Tribunale ritiene che, nonostante il lavoro di verifica svolto dalle ricorrenti (cfr. i precedenti punti 20 e 41), i giudici nazionali possano legittimamente concludere, nelle circostanze del caso di specie, che l'interesse pubblico debba essere prevalso sui diritti della sig.ra Bettencourt e della sig.ra P. Il diritto di D.M. al rispetto della propria vita privata (mutatis mutandis, Alpha Doryforiki Tileorasi Anonymi Etairia, citata, § 66). Sebbene l'accesso al sito non sia gratuito, le dichiarazioni trascritte sono state visibili a un gran numero di persone e sono rimaste online per un periodo di tempo significativo. La Corte ritiene utile ricordare in questo contesto che i siti web sono strumenti di informazione e comunicazione particolarmente diversi dalla carta stampata, in particolare per quanto riguarda la loro capacità di immagazzinare e diffondere informazioni, e che le comunicazioni online e il loro contenuto hanno molte più probabilità della carta stampata di pregiudicare l'esercizio e il godimento dei diritti e delle libertà fondamentali, in particolare il diritto al rispetto della vita privata (Comitato editoriale di Pravoye Delo e Shtekel c. la Corte, § 66). Ucraina, n. 33014/05, § 63, CEDU 2011 (estratti), M.L. e W.W. c. Germania, nn. 60798/10 e 65599/10, § 91, 28 giugno 2018). In tali circostanze, essa ritiene inoltre che i giudici nazionali possano ragionevolmente ritenere, nel caso di specie, che le informazioni possano essere accertate attraverso un lavoro investigativo e analitico svolto nel rispetto del diritto alla riservatezza delle fonti (punti 25, 29, 32 e 35).
89. Quanto al carattere dissuasivo dei provvedimenti disposti nei confronti delle ricorrenti, la Corte ricorda che esse impugnano un procedimento civile sommario in cui i giudici nazionali hanno ordinato loro di ritirare dal sito Internet del giornale qualsiasi pubblicazione, in tutto o in parte, della trascrizione delle registrazioni illegittime effettuate a casa della sig.ra Bettencourt e di cessare la pubblicazione, in tutto o in parte, di tali registrazioni. Al fine di giustificare tale ingiunzione, la Corte d'appello ha ritenuto che l'accesso alle registrazioni attraverso il sito web del giornale costituisse una persistente violazione della privacy degli interessati. La Corte di Cassazione ha ritenuto che tale sanzione fosse proporzionata al reato commesso anche se il contenuto delle registrazioni inizialmente rivelate dai ricorrenti era stato successivamente riprodotto da altri organi di informazione (cfr., punti 29 e 35).

90. La Corte ritiene che i giudici nazionali avessero il diritto di constatare che il trascorrere del tempo non aveva eliminato la violazione della privacy della P.D.M. e della sig.ra Bettencourt, data l'ampiezza dell'impatto delle pubblicazioni, che essi hanno valutato alla luce del modo in cui le dichiarazioni trascritte erano state registrate, della vulnerabilità di queste ultime e, più in generale, dell'entità delle loro conseguenze dannose per gli interessati. La sensibilità delle informazioni che violano la privacy e il carattere continuativo dei danni causati dall'accesso alle trascrizioni scritte e audio del sito web del giornale hanno richiesto un provvedimento che potesse porre fine al disturbo rilevato, che la possibilità di ottenere il risarcimento dei danni non consentiva. La Corte concorda con i giudici nazionali sul fatto che un provvedimento diverso da quello ordinato sarebbe stato insufficiente a tutelare efficacemente la vita privata degli interessati. I richiedenti non hanno indicato come sarebbe stato possibile non ritirare gli articoli nella loro interezza o come la continuazione della pubblicazione delle registrazioni avrebbe potuto evitare il ripetersi della violazione della privacy degli interessati.

91.. La Corte rileva, inoltre, che la Corte di Cassazione ha ritenuto che il fatto che le informazioni controverse siano state riprodotte su altri siti web o sulla stampa non debba essere preso in considerazione. Sebbene la Corte abbia già sottolineato in diverse occasioni che non è consentito, ai sensi dell'articolo 10, impedire la divulgazione di informazioni già rese pubbliche o private del loro carattere confidenziale (Vereniging Weekblad Bluf! v. Paesi Bassi, 9 febbraio 1995, § 45, Serie A n. 306-A e Fressoz e Roire c. Francia [GC], n. 29183/95, § 53, CEDU 1999-I, Dupuis e altri c. Francia, n. 1914/02, § 45, 7 giugno 2007 e Ressiot e altri c. Francia, nn. 15054/07 e 15066/07, § 122, 28 giugno 2012). Ciò premesso, nelle circostanze del caso, i tribunali nazionali hanno punito le ricorrenti per porre fine ai disordini causati ad una donna che, pur essendo un personaggio pubblico, non aveva mai acconsentito alla divulgazione delle dichiarazioni pubblicate, era vulnerabile e aveva la legittima aspettativa che le pubblicazioni illegali di cui non aveva mai potuto parlare sarebbero scomparse dal sito web del giornale, contrariamente a quanto aveva potuto fare durante il processo penale. In queste circostanze, la Corte accetta anche che l'ingiunzione era intesa a porre rimedio all'interferenza iniziale con la vita privata della sig.ra Bettencourt e della P.D.M.. Mentre il contenuto delle registrazioni era ampiamente diffuso al momento dell'emissione dell'ingiunzione, la loro pubblicazione letterale era illegale fin dall'inizio (al contrario, M.L. e W.W. contro la Germania, citata, § 116) e rimaneva proibita per tutti gli organi di stampa. Inoltre, il Tribunale rileva che le ricorrenti, che sono state assolte nel procedimento penale (cfr. punto 79), non sono state private della possibilità di svolgere il loro compito di fornire informazioni in relazione all'aspetto pubblico del caso Bettencourt. In tali circostanze, il Tribunale ritiene che le ricorrenti non abbiano dimostrato, nelle circostanze del caso di specie, che il ritiro e il divieto di pubblicazione del contenuto delle registrazioni avrebbe potuto effettivamente avere un effetto deterrente sul modo in cui hanno esercitato e continuano ad esercitare il loro diritto alla libertà di espressione.

92. Alla luce di quanto precede e tenuto conto di tutte le circostanze della causa, la Corte non vede alcuna seria ragione per sostituire il proprio parere a quello dei giudici nazionali e per annullare il risultato del bilanciamento effettuato da questi ultimi. Ritiene che le ragioni addotte fossero pertinenti e sufficienti a dimostrare che l'ingerenza in questione era "necessaria in una società democratica" e che l'ingiunzione emessa non andava oltre quanto necessario per proteggere la signora Bettencourt e la P.D.M. dalla violazione del loro diritto al rispetto della loro vita privata.

93. 93. Di conseguenza, non vi è stata alcuna violazione dell'articolo 10 della Convenzione.

PER QUESTI MOTIVI, IL TRIBUNALE, ALL'UNANIMITÀ, RITIENE CHE NON VI SIA STATA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 10 DELLA CONVENZIONE,

Decide di aderire alle richieste ;
Dichiara ammissibili le mozioni;
Constata che non vi è stata alcuna violazione dell'articolo 10 della Convenzione.
Fatto in francese e comunicato per iscritto il 14 gennaio 2021, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento.

Victor SoloveytchikSíofra O'Leary
Presidente della cancelleria