Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

informazioni utili

.. e come si fa difendere i criminali?

11 Gennaio 2003, Nicola Canestrini
hannibal lechter lego
Hannibal Lechter, Lego

 E' una domanda che viene rivolta spesso all'avvocato penalista. 

La risposta - come spesso accade - è complessa, e perdipiù dipende molto dalla sensibilità di ciascuno, ed è dunque impensabile spiegarlo in poche righe.

Qualche spunto per una riflessione.

E' riconosciuto in sede sovranazionale che "tale è l'importanza annessa ai diritti della difesa in una società democratica, che il diritto ad una assistenza legale effettiva deve essere garantito in tutte le circostanze" (Corte europea dei diritti dell'Uomo, Grande Camera, 2 novembre 2010, Sakhnovskiy contro Russia); difendere un imputato non significa identificarsi con esso, "lawyers shall not be identified with their clients or their clients' causes as a result of discharging their functions" (United Nations Basic Principles on the Role of Lawyers, 1990).

Un avvocato penalista, infatti non difende il crimine o il criminale, ma i diritti (di tutti).

La nostra Costituzione all'articolo 24, secondo comma, afferma in maniera perentoria che il diritto di difesa è un diritto inviolabile (un diritto umano o fondamentale, si direbbe oggi).

La nostra Corte Costituzionale ha evidenziato come la necessità di assicurare il diritto di difesa non possa essere sacrificata per esigenze di altra natura, che possono essere la speditezza o l'accelerazione del processo.

Merita peraltro di essere sottolineata, e lo fa lo stesso art. 24 della Costituzione, la stretta correlazione che sussiste tra esercizio del diritto di difesa e cosiddetta assistenza tecnica, nell'esercizio di questo diritto di difesa, e cioè la necessità che nell'esercitare le proprie ragioni in giudizio la parte sia sempre assistita da un avvocato; se l'avvocato di fiducia è naturalmente libero di accettare o meno l'incarico (ma dovrebbe evitare di pregiudicare la posizione dell'indagato), l'avvocato di ufficio, na volta che ha accettato di essere inserito nel relativo elenco,  ha sostanzialmente l'obbligo di difendere l'indagato.

Ed è talmente sensibile la nostra Carta costituzionale circa l'esigenza di assicurare una difesa tecnica in giudizio alle parti che lo stesso art. 24 impone allo Stato di prevedere per l'assistenza giudiziaria dei non abbienti, cioè delle persone economicamente svantaggiate, istituti che assicurino il patrocinio in giudizio a spese dello Stato

Del resto, la presunzione di innocenza impone di considerare innocenti gli accusati fino a condanna irrevocabile: come potrebbe dunque l'avvocato rifiutare una difesa sulla base solo dell'accusa (che è cosa diversa dalla sentenza)?

Ciascuno ha dunque il diritto ad essere difeso, nell'interesse della stessa collettività (che ripugna o dovrebbe ripugnare processi sommarie, caccia alle streghe, condanne emesse a poche ore dai fatti a mezzo stampa, ..) e per la piena attuazione dello Stato di diritto, presupposto di ogni società democratica.

E non va dimenticato che molte avvocati ed avvocati nel mondo sono stati minacciati, torturati, ammazzati a causa della loro funzione professionale.

(articolo aggiornato a più riprese, da ultimo in data 3 gennaio 2020)