Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Tecnica canadese per ottenere una confessione: quali limiti? (SCC, R. v Hart, 2014)

31 Luglio 2014, Corte Suprema del Canada
interrogatorio polizia iurla lego tortura
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Agenti sotto copertura: Mr. Big (nota anche come la "tecnica canadese") è un procedimento di indagine segreta sviluppata dalla Polizia reale a cavallo canadese (RCMP) e viene usata da poliziotti in borghese per sollecitare confessioni da sospetti in casi irrisolti. Viene simulata la esistenza di una organizzazione criminale, compiute attività costituenti reato, e al sospettato viene paventato di dover provare la fiducia dell'organizzazione criminale, chiedendogli appunto di parlare del crimine irrisolto. 

La tecnica Mr. Big è un'invenzione canadese. Anche se una versione della tecnica sembra essere stata usata più di un secolo fa, il suo uso moderno è iniziato negli anni '90 e, entro il 2008, era stato usato dalla polizia in tutto il Canada più di 350 volte. La tecnica, usata solo in casi di gravi crimini irrisolti, ha assicurato confessioni e condanne in centinaia di casi. Le confessioni ottenute con questa tecnica sono spesso dettagliate e confermate da altre prove. Tuttavia, la tecnica di Mr. Big ha un prezzo. I sospetti confessano a Mr. Big durante interrogatori mirati, di fronte a potenti incentivi e talvolta a velate minacce - e questo solleva lo spettro delle confessioni inaffidabili. Le confessioni inaffidabili forniscono prove convincenti di colpevolezza e presentano un percorso chiaro e diretto verso la condanna. In altri contesti, sono state responsabili di condanne errate - un fatto che non possiamo ignorare. Le confessioni di Mr. Big sono anche invariabilmente accompagnate da prove che dimostrano che l'accusato ha partecipato volontariamente al "crimine simulato" ed era desideroso di unirsi a un'organizzazione criminale. Questa prova infanga il carattere dell'accusato e, così facendo, porta con sé il rischio di un pregiudizio.

 

CORTE SUPREMA DEL CANADA

Citazione: R. v. Hart, 2014 SCC 52, [2014] 2 S.C.R. 544
Data: 20140731
Docket: 35049

R. v. Hart, 2014 SCC 52, [2014] 2 S.C.R. 544

Sua Maestà la Regina appellante

v.

Nelson Lloyd Hart convenuto

e

Direttore delle procure pubbliche del Canada,
Attorney General of Ontario,
Directeur des poursuites criminelles et pénales du Québec,
Attorney General of British Columbia,
Associazione in difesa dei condannati ingiustamente,
Associazione per le libertà civili della Columbia Britannica,
Associazione degli avvocati penalisti dell'Ontario,
Associazione canadese per le libertà civili e
Association des avocats de la défense de Montréal Intervenienti

Indicizzato come: R. v. Hart

2014 SCC 52

Fascicolo n.: 35049.

2013: 3 dicembre; 2014: 31 luglio.

Presenti: McLachlin C.J. e LeBel, Abella, Cromwell, Moldaver, Karakatsanis e Wagner JJ.

in appello dalla corte d'appello di terranova e labrador

Diritto penale - Prove - Ammissibilità - Confessioni - Confessioni "Mr. Big" - Accusato che confessa di aver ucciso le sue due giovani figlie alla fine della lunga operazione Mr. Big - Se debba essere sviluppata una nuova regola di common law per determinare l'ammissibilità delle confessioni Mr.

Tribunali - Procedimento - Principio del tribunale aperto - Accusato che chiede di testimoniare con il pubblico escluso dall'aula - Giudice di prova che rifiuta la richiesta - Se l'ordine di esclusione nell'interesse della corretta amministrazione della giustizia - Se il fallimento di accogliere la richiesta rende necessario un nuovo processo - Codice penale, R.S.C. 1985, c. C-46, s. 486(1) .

Le figlie gemelle di H sono annegate il 4 agosto 2002. La polizia sospettò immediatamente che H fosse responsabile della loro morte. Tuttavia, non avevano le prove necessarie per accusarlo. Di conseguenza, due anni dopo l'annegamento, gli agenti sotto copertura iniziarono un'operazione "Mr. Big" reclutando H in un'organizzazione criminale fittizia. All'epoca, H era disoccupato e socialmente isolato - usciva raramente di casa e quando lo faceva, era in compagnia di sua moglie. Dopo essere stato reclutato nell'organizzazione, H ha lavorato con gli agenti sotto copertura e ha fatto subito amicizia con loro. Nei quattro mesi successivi, H ha partecipato a 63 "scenari" con gli agenti sotto copertura ed è stato pagato più di 15.000 dollari per il lavoro che ha fatto per l'organizzazione. Come parte di questo lavoro, H è stato anche inviato in diversi viaggi attraverso il Canada - a Halifax, Montreal, Ottawa, Toronto e Vancouver. H spesso alloggiava in hotel e occasionalmente cenava in ristoranti costosi durante questi viaggi, tutto a spese dell'organizzazione fittizia. Con il tempo, gli agenti sotto copertura divennero i migliori amici di H e H arrivò a considerarli come suoi fratelli. Secondo uno degli agenti sotto copertura, durante questo lasso di tempo, H ha fatto una dichiarazione calva in cui ha confessato di aver affogato le sue figlie.

L'operazione è culminata con un incontro simile a un colloquio di lavoro tra H e "Mr. Big", l'uomo che si presume sia a capo dell'organizzazione criminale. Durante il loro incontro, Mr. Big ha interrogato H sulla morte delle sue figlie, cercando una confessione da lui. Dopo aver inizialmente negato la responsabilità, H ha confessato di aver affogato le sue figlie. Due giorni dopo, H si recò sulla scena dell'annegamento con un agente sotto copertura e spiegò come aveva spinto le figlie in acqua. Fu arrestato poco dopo.

Al processo, le confessioni di H sono state ammesse come prova. Il giudice ha negato la richiesta di H di poter testimoniare con il pubblico escluso dall'aula. La maggioranza della Corte d'appello ha permesso l'appello di H. e ha ordinato un nuovo processo. La Corte d'Appello ha ritenuto all'unanimità che il giudice di prova ha sbagliato nel rifiutare a H di testimoniare fuori dalla presenza del pubblico. La maggioranza della corte ha anche concluso che l'operazione Mr. Big aveva violato il diritto di H al silenzio ai sensi dell'articolo 7 della Carta. La maggioranza ha escluso due delle confessioni di H., quella a Mr. Big e quella all'agente sotto copertura sulla scena dell'annegamento. Tuttavia, la maggioranza ha concluso che la confessione calva di H era ammissibile e ha ordinato un nuovo processo.

Held: L'appello deve essere respinto.

Per McLachlin C.J. e LeBel, Abella, Moldaver e Wagner JJ.: C'è accordo con la Corte d'Appello che, nelle circostanze di questo caso, H avrebbe dovuto essere autorizzato a testimoniare fuori dalla presenza del pubblico.

La tecnica Mr. Big è un'invenzione canadese. Anche se una versione della tecnica sembra essere stata usata più di un secolo fa, il suo uso moderno è iniziato negli anni '90 e, entro il 2008, era stato usato dalla polizia in tutto il Canada più di 350 volte. La tecnica, usata solo in casi di gravi crimini irrisolti, ha assicurato confessioni e condanne in centinaia di casi. Le confessioni ottenute con questa tecnica sono spesso dettagliate e confermate da altre prove.

Tuttavia, la tecnica di Mr. Big ha un prezzo. I sospetti confessano a Mr. Big durante interrogatori mirati, di fronte a potenti incentivi e talvolta a velate minacce - e questo solleva lo spettro delle confessioni inaffidabili. Le confessioni inaffidabili forniscono prove convincenti di colpevolezza e presentano un percorso chiaro e diretto verso la condanna. In altri contesti, sono state responsabili di condanne errate - un fatto che non possiamo ignorare.

Le confessioni di Mr. Big sono anche invariabilmente accompagnate da prove che dimostrano che l'accusato ha partecipato volontariamente al "crimine simulato" ed era desideroso di unirsi a un'organizzazione criminale. Questa prova infanga il carattere dell'accusato e, così facendo, porta con sé il rischio di un pregiudizio.

L'esperienza in Canada e altrove insegna che le condanne errate sono spesso riconducibili a prove che sono inaffidabili o pregiudizievoli. Quando le due cose si combinano, formano una miscela potente - e il rischio di una condanna ingiusta aumenta di conseguenza. Le condanne errate sono una rovina per il nostro sistema giudiziario. Dobbiamo prendere misure ragionevoli per prevenirle prima che si verifichino.

Le operazioni di Mr. Big corrono anche il rischio di diventare abusive. Gli agenti sotto copertura forniscono ai loro obiettivi incentivi, comprese ricompense in denaro, per incoraggiarli a confessare. Essi coltivano anche un'aura di violenza mostrando che coloro che tradiscono l'organizzazione criminale sono accolti con violenza. C'è il rischio che queste operazioni diventino coercitive. Bisogna riflettere sul tipo di tattiche poliziesche che noi, come società, siamo disposti a tollerare nella ricerca della verità.

Secondo la legge esistente, le confessioni di Mr. Big sono abitualmente ammesse sotto l'eccezione delle ammissioni di parte alla regola del sentito dire. I tentativi di estendere le protezioni legali esistenti alle operazioni di Mr. Big sono falliti. Questa Corte ha sostenuto che le operazioni Mr. Big non impegnano il diritto al silenzio perché l'accusato non è trattenuto dalla polizia nel momento in cui confessa. E la regola delle confessioni - che richiede alla Corona di provare che la dichiarazione di un accusato a una persona in autorità sia "volontaria" - è inoperante perché l'accusato non sa che Mr. Big è un ufficiale di polizia quando confessa.

In sintesi, la legge così com'è fornisce una protezione insufficiente agli accusati che confessano durante le operazioni di Mr. È necessaria una risposta su due fronti per affrontare i problemi di affidabilità, pregiudizio e cattiva condotta della polizia sollevati da queste operazioni.

La prima richiede il riconoscimento di una nuova regola di common law sulle prove. Secondo questa regola, quando lo stato recluta un imputato in un'organizzazione criminale fittizia e cerca di ottenere una confessione da lui, qualsiasi confessione fatta dall'imputato allo stato durante l'operazione dovrebbe essere trattata come presuntivamente inammissibile. Questa presunzione di inammissibilità è superata quando la Corona può stabilire, su un bilancio di probabilità, che il valore probatorio della confessione supera il suo effetto pregiudizievole.

Il valore probatorio di una confessione di Mr. Big è una funzione della sua affidabilità. Nel valutare l'affidabilità di una confessione di Mr. Big, i tribunali devono prima guardare alle circostanze in cui la dichiarazione è stata fatta. Queste circostanze includono - ma non sono strettamente limitate a - la durata dell'operazione, il numero di interazioni tra la polizia e l'accusato, la natura della relazione tra gli agenti sotto copertura e l'accusato, la natura e la portata degli incentivi offerti, la presenza di eventuali minacce, la condotta dell'interrogatorio stesso, e la personalità dell'accusato, compresa la sua età, la raffinatezza e la salute mentale. La questione per il giudice del processo è se e in che misura l'affidabilità della confessione è stata messa in dubbio dalle circostanze in cui è stata fatta.

Dopo aver considerato le circostanze in cui la confessione è stata fatta, la corte dovrebbe guardare alla confessione stessa per trovare indicatori di affidabilità. I giudici del processo dovrebbero considerare il livello di dettaglio contenuto nella confessione, se porta alla scoperta di ulteriori prove, se identifica elementi del crimine che non sono stati resi pubblici, o se descrive accuratamente dettagli banali del crimine che l'imputato probabilmente non avrebbe conosciuto se non lo avesse commesso. La prova confermativa non è un requisito rigido e veloce, ma quando esiste, può fornire una potente garanzia di affidabilità. Più grandi sono le preoccupazioni sollevate dalle circostanze in cui la confessione è stata fatta, più importante sarà trovare marcatori di affidabilità nella confessione stessa o nelle prove circostanti.

Ponderare l'effetto pregiudizievole di una confessione di Mr. Big è un esercizio più semplice e familiare. I giudici devono essere consapevoli che ammettere le confessioni di Mr. Big crea un rischio di pregiudizio morale e di ragionamento. Per quanto riguarda il pregiudizio morale, la giuria viene a sapere che l'imputato voleva entrare in un'organizzazione criminale e ha commesso una serie di "crimini simulati" che credeva fossero reali. Il pregiudizio morale può aumentare con operazioni che coinvolgono l'imputato in crimini simulati di violenza, o che dimostrano che l'imputato ha una storia passata di violenza. Per quanto riguarda il pregiudizio di ragionamento - definito come il rischio che l'attenzione della giuria venga distratta dalle accuse davanti alla corte - anch'esso può rappresentare un problema a seconda della lunghezza dell'operazione, la quantità di tempo che deve essere spesa per descriverla, e qualsiasi controversia sul fatto che un particolare evento o conversazione sia avvenuta. Tuttavia, il rischio di pregiudizio può essere mitigato escludendo alcuni pezzi di prove particolarmente pregiudizievoli che non sono essenziali alla narrazione, o fornendo istruzioni limitative alla giuria.

Alla fine, i giudici del processo devono soppesare il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole della confessione in questione e decidere se la Corona ha soddisfatto il suo onere. Poiché i giudici del processo, dopo aver valutato le prove davanti a loro, sono nella posizione migliore per condurre questo esercizio, la loro decisione di ammettere o escludere una confessione di Mr. Big sarà oggetto di deferenza in appello.

Questa nuova regola di common law sulle prove va molto avanti nell'affrontare i problemi di affidabilità, pregiudizio e cattiva condotta della polizia che sono sollevati dalle operazioni di Mr. Affronta con decisione i problemi di affidabilità e pregiudizio. Inoltre, tiene conto della cattiva condotta della polizia sia ponendo l'onere dell'ammissibilità sulla Corona sia calcolando la condotta della polizia nella valutazione del valore probatorio di una confessione di Mr. Tuttavia, la regola di common law sulle prove che ho proposto non fornisce una risposta completa ai problemi sollevati dalle operazioni di Mr. Da sola, potrebbe suggerire che la condotta abusiva della polizia sarà perdonata fintanto che una confessione dimostrabilmente affidabile sia alla fine assicurata.

Il secondo aspetto della risposta colma questa lacuna affidandosi alla dottrina dell'abuso del processo. La dottrina dell'abuso del processo è intesa a proteggere contro la cattiva condotta dello Stato che minaccia l'integrità del sistema giudiziario e l'equità dei processi.

I giudici processuali devono essere consapevoli che le operazioni di Mr. Big possono diventare abusive. È ovviamente impossibile stabilire una formula precisa per determinare quando un'operazione di Mr. Ma c'è una linea guida che può essere suggerita. Nel condurre un'operazione, non si può permettere alla polizia di superare la volontà dell'accusato e costringere una confessione. Questo equivarrebbe quasi certamente a un abuso del processo. Mentre la violenza e le minacce di violenza sono due forme di coercizione inaccettabile, le operazioni possono diventare abusive in altri modi. Anche le operazioni che sfruttano le vulnerabilità dell'accusato, come i problemi di salute mentale, le dipendenze da sostanze o la giovane età, possono diventare inaccettabili.

Non sorprende che il giudice del processo non abbia applicato questo quadro a due punte nel determinare l'ammissibilità delle confessioni di H. Né le parti lo hanno affrontato nei tribunali sottostanti o davanti a questa Corte. Ciononostante, questa Corte è in grado di decidere se le confessioni del convenuto sono state ammesse correttamente. Anche se è emersa una nuova regola, le questioni non sono cambiate: l'affidabilità delle confessioni di H., il loro potenziale di pregiudizio, e la condotta della polizia nel condurre questa operazione Mr. Le parti hanno affrontato queste questioni e c'è una documentazione sostanziale davanti a noi. Questo procedimento è stato anche difficile e prolungato. Più di un decennio è passato dalla morte delle figlie di H. Ordinare un nuovo processo e lasciare che l'ammissibilità delle confessioni di H sia determinata da un nuovo giudice di prova equivarrebbe a rimandare questo caso al punto di partenza. Questo non sarebbe nell'interesse della giustizia.

Applicando la nuova regola di common law alle tre confessioni attribuite a H, è evidente che il loro valore probatorio non supera il loro effetto pregiudizievole. Al momento dell'inizio dell'operazione, H era disoccupato e socialmente isolato. L'operazione ebbe un effetto trasformativo sulla sua vita, sollevandolo dalla povertà e fornendogli amicizie illusorie. Questi incentivi finanziari e sociali hanno fornito a H un incentivo schiacciante a confessare - sia sinceramente che falsamente.

Né le confessioni stesse contengono alcun marcatore di affidabilità che sia in grado di ripristinare la fede nella loro attendibilità. Le confessioni contengono contraddizioni interne, e non ci sono prove di conferma in grado di verificare nessuno dei dettagli contenuti nelle confessioni. Se si considerano le circostanze in cui sono state fatte le confessioni dell'imputato insieme alle loro incoerenze interne e alla mancanza di qualsiasi prova di conferma, la loro affidabilità è lasciata in serio dubbio.

D'altra parte, queste confessioni - come tutte le confessioni di Mr. Big - portano con sé un evidente potenziale di pregiudizio. La giuria ha ascoltato ampie prove che per quattro mesi H si è dedicato a cercare di entrare in un'organizzazione criminale e che ha ripetutamente partecipato a ciò che pensava fossero atti criminali. È facile capire come la giuria potesse arrivare a vedere H con disprezzo. Ecco un uomo che si vantava di aver ucciso le sue figlie di tre anni per ottenere l'approvazione dei criminali. Il potenziale di pregiudizio in queste circostanze era significativo.

A conti fatti, la Corona non ha soddisfatto il suo onere. Il valore probatorio delle confessioni di H. non supera il loro effetto pregiudizievole. Detto semplicemente, queste confessioni non valgono il rischio che comportano. Non sarebbe sicuro basare una condanna su queste prove. Di conseguenza, non è necessario decidere se la condotta della polizia sia stata un abuso di procedura.

Avendo escluso le confessioni di H. dalle prove, è dubbio che rimanga una prova ammissibile sulla quale una giuria, correttamente istruita e che agisca ragionevolmente, potrebbe condannare H. per omicidio. Tuttavia, la decisione finale su come procedere spetta alla Corona.

Per Cromwell J.: C'è accordo con l'analisi della maggioranza sul quadro giuridico che dovrebbe applicarsi alle dichiarazioni ottenute da persone accusate come risultato delle operazioni di Mr. Tuttavia, l'ammissibilità delle dichiarazioni di H. agli agenti sotto copertura dovrebbe essere determinata in un nuovo processo dove il giudice e le parti avrebbero il beneficio del nuovo quadro esposto nelle ragioni della maggioranza.

Per Karakatsanis J.: Le confessioni ad agenti statali sollevano particolari pericoli per il sistema di giustizia penale. La struttura stessa delle operazioni di Mr. Big crea circostanze che (1) compromettono l'autonomia degli indagati, (2) minano l'affidabilità delle confessioni, e (3) sollevano preoccupazioni per una condotta statale abusiva. Tuttavia, le confessioni di Mr. Big non sono coperte dalle regole tradizionali che governano le confessioni allo stato, come la regola delle confessioni o il diritto al silenzio. La regola di common law proposta dalla maggioranza non riesce a prendere coerentemente in considerazione preoccupazioni più ampie che sorgono quando gli agenti statali generano una confessione a costo della dignità umana, dell'autonomia personale e dell'amministrazione della giustizia. Il principio contro l'autoincriminazione, ai sensi dell'articolo 7 della Carta, fornisce una protezione completa e flessibile in tali circostanze.

Il principio contro l'autoincriminazione fornisce il quadro analitico appropriato per diverse ragioni. In primo luogo, le operazioni di Mr. Big coinvolgono direttamente gli interessi individuali di privacy, autonomia e dignità che il principio è destinato a proteggere. In secondo luogo, questo approccio si basa sulla giurisprudenza esistente riguardante il principio contro l'autoincriminazione, rendendo inutile la creazione di una nuova regola. In terzo luogo, il principio offre l'opportunità di soppesare in modo sfumato le preoccupazioni intrecciate sull'affidabilità, l'autonomia e la condotta dello Stato. Infine, affronta i diritti dei sospetti sia durante l'operazione che al processo.

In R. v. White, [1999] 2 S.C.R. 417, questa Corte ha identificato quattro fattori per determinare se il principio contro l'autoincriminazione è stato violato dalla produzione o dall'uso delle dichiarazioni di un sospettato: relazione conflittuale; coercizione; affidabilità; e abuso di potere statale. Mentre questi fattori dovrebbero essere considerati insieme, ognuno sottolinea un particolare interesse giuridico.

L'onere di stabilire una violazione prima facie del principio contro l'autoincriminazione spetta all'imputato. Per farlo, l'accusato deve dimostrare che esistono preoccupazioni circa l'autonomia, l'affidabilità e la condotta della polizia, come in quasi tutte le operazioni di Mr. In tali circostanze, l'onere di stabilire che non c'è violazione passa alla Corona.

Per quanto riguarda il primo fattore, la relazione tra H e lo stato era conflittuale. Come in ogni operazione Mr. Big, la polizia ha deliberatamente cercato di ottenere una confessione da lui.

Per quanto riguarda il secondo fattore, la coercizione riguarda principalmente l'autonomia e la dignità dell'indagato e chiede se l'indagato ha avuto una scelta di parlare con le autorità. Ci sarà quasi sempre un certo grado di coercizione in un'operazione Mr. Il tribunale dovrebbe considerare: l'entità e la durata dell'operazione, qualsiasi minaccia esplicita o implicita utilizzata, qualsiasi incentivo finanziario, sociale o emotivo applicato, e le caratteristiche dell'indagato, compreso qualsiasi svantaggio mentale, fisico, sociale o economico. Questo approccio protegge l'autonomia del sospettato.

In questo caso, il giudice si è concentrato sulla mancanza di coercizione violenta durante l'operazione, ma non ha considerato l'effetto degli incentivi finanziari e sociali su H. Questi incentivi erano significativi per chiunque, ma devono essere considerati come una più grave violazione degli interessi di autonomia di H, data la sua estrema povertà e isolamento sociale, nonché la sua mancanza di istruzione. L'inganno impiegato era esteso. Sfruttando le sue vulnerabilità in tale misura, la polizia ha privato H. di una scelta significativa se rilasciare o meno una dichiarazione incriminante a Mr.

L'indagine sull'affidabilità si concentra sull'attendibilità di ogni dichiarazione ottenuta. Il tribunale deve svolgere una funzione di guardiano nel valutare il rischio di una falsa confessione e la prova corroborante sarà solitamente un prerequisito per l'ammissione. Questa funzione è importante perché le giurie spesso lottano per valutare correttamente l'affidabilità finale delle confessioni di Mr. Trovano difficile credere che qualcuno confessi un crimine che non ha commesso e sono riluttanti a ignorare una confessione anche quando si sa che è stata forzata. Questo pericolo è aggravato dalle prove di propensione al crimine generate durante un'indagine di Mr. Un accusato deve lasciare che la confessione sia valida o spiegare che lui o lei l'ha fatta per continuare il suo nuovo stile di vita criminale. Quindi, le confessioni fatte a Mr. Big sono particolarmente pericolose e il giudice deve valutare la loro soglia di affidabilità per soddisfare il principio contro l'autoincriminazione. In generale, una confessione non corroborata e non verificata non sarà sufficientemente affidabile e sarà inammissibile. Tuttavia, l'inverso non è necessariamente vero. Il principio contro l'autoincriminazione non riguarda solo la garanzia di dichiarazioni affidabili; anche le dichiarazioni vere possono essere escluse se sono state ottenute attraverso la coercizione che ha scavalcato l'interesse di autonomia del sospettato.

In questo caso, H aveva tutti gli incentivi per confessare, sia che avesse commesso il crimine o no. Non solo la sua confessione finale non era corroborata, ma conteneva incongruenze con gli altri fatti noti del caso. Allo stesso modo, la confessione del 10 aprile di H. porta molte delle stesse preoccupazioni di affidabilità.

Sotto il quarto e ultimo fattore, la condotta dello stato è esaminata al fine di determinare se le autorità hanno usato la loro posizione di potere in modo ingiusto, abusivo o scioccante. La condotta dello Stato durante tutta l'operazione Mr. Big deve essere esaminata per determinare se ha manipolato il sospettato in modo ingiusto, inutile o sproporzionato. Questa indagine considererà anche altre tattiche di polizia discutibili come il coinvolgimento del sospetto in una condotta pericolosa o l'esposizione a danni fisici o psicologici. La dottrina dell'intrappolamento aiuta identificando i fattori che possono essere considerati nell'esame della condotta dello stato.

In questo caso, la condotta della polizia è stata egregia e questo fattore pesa particolarmente a favore dell'esclusione. L'estrema lunghezza a cui la polizia si è spinta per perseguire H, sfruttando le sue debolezze in questa operazione prolungata e profondamente manipolativa, è preoccupante. Questa non era la solita indagine sotto copertura in cui la polizia si unisce a un'organizzazione criminale esistente per assistere ai criminali in azione. Questo caso è più simile all'intrappolamento.

La corte dovrebbe considerare questi fattori collettivamente, attribuendo loro un peso, a seconda del grado in cui sono presenti nel caso individuale. I quattro fattori di cui sopra indicano chiaramente una violazione dell'articolo 7. Le dichiarazioni ottenute in violazione del principio contro l'autoincriminazione saranno quasi sempre escluse ai sensi dell'articolo 24(2). Questo caso non fa eccezione; sia il rischio di un errore giudiziario che la condotta abusiva della polizia richiedono l'esclusione.

La dottrina dell'abuso del processo rimane sempre indipendentemente disponibile per fornire un rimedio quando la condotta dello Stato si eleva a un livello tale che rischia di minare l'integrità del processo giudiziario. In questo caso, la soglia è soddisfatta.

Casi citati

Da Moldaver J.

Distinto: R. v. White, [1999] 2 S.C.R. 417; riferito a: Canadian Broadcasting Corp. v. New Brunswick (Attorney General), [1996] 3 S.C.R. 480; R. v. Todd (1901), 4 C.C.C. 514; R. v. Hathway, 2007 SKQB 48, 292 Sask. R. 7; R. v. Copeland, 1999 BCCA 744, 131 B.C.A.C. 264; R. v. Bates, 2009 ABQB 379, 468 A.R. 158; R. v. Evans, [1993] 3 S.C.R. 653; R. v. Osmar, 2007 ONCA 50, 84 O.R. (3d) 321; R. v. McIntyre, [1994] 2 S.C.R. 480; R. v. Hebert, [1990] 2 S.C.R. 151; R. v. Grandinetti, 2005 SCC 5, [2005] 1 S.C.R. 27; R. v. Creek, 1998 CanLII 3209; R. v. Oickle, 2000 SCC 38, [2000] 2 S.C.R. 3; R. v. Handy, 2002 SCC 56, [2002] 2 S.C.R. 908; R. v. Hodgson, [1998] 2 S.C.R. 449; R. v. Harrer, [1995] 3 S.C.R. 562; R. v. Mohan, [1994] 2 S.C.R. 9; R. v. McIntyre, 1993 CanLII 1488; R. v. Abbey, 2009 ONCA 624, 97 O.R. (3d) 330; R. v. Humaid (2006), 81 O. R. (3d) 456; R. v. Blackman, 2008 SCC 37, [2008] 2 S.C.R. 298; R. v. Khelawon, 2006 SCC 57, [2006] 2 S.C.R. 787; R. v. Bonisteel, 2008 BCCA 344, 259 B.C.A.C. 114; R. v. Mack, [1988] 2 S.C.R. 903; R. v. Babos, 2014 SCC 16, [2014] 1 S.C.R. 309; R. v. Fliss, 2002 SCC 16, [2002] 1 S.C.R. 535; R. v. Singh, 2013 ONCA 750, 118 O.R. (3d) 253; RWDSU v. Dolphin Delivery Ltd., [1986] 2 S.C.R. 573; Rothman contro The Queen, [1981] 1 S.C.R. 640; R. contro Jones, [1994] 2 S.C.R. 229; R. contro S. (R.J.), [1995] 1 S.C.R. 451; British Columbia Securities Commission contro Branch, [1995] 2 S.C.R. 3.

Da Karakatsanis J.

Riferito a: R. v. McIntyre, [1994] 2 S.C.R. 480, aff'g (1993), 135 N.B.R. (2d) 266; R. v. Hodgson, [1998] 2 S.C.R. 449; R. v. Grandinetti, 2005 SCC 5, [2005] 1 S. C.R. 27; R. v. Hebert, [1990] 2 S.C.R. 151; R. v. Oickle, 2000 SCC 38, [2000] 2 S.C.R. 3; R. v. White, [1999] 2 S.C. R. 417; R. v. Jones, [1994] 2 S.C.R. 229; R. v. P. (M.B.), [1994] 1 S.C.R. 555; Re B.C. Motor Vehicle Act, [1985] 2 S.C.R. 486; Thomson Newspapers Ltd. v. Canada (Director of Investigation and Research, Restrictive Trade Practices Commission), [1990] 1 S.C.R. 425; R. v. Harrer, [1995] 3 S.C.R. 562; Rothman v. The Queen, [1981] 1 S.C.R. 640; R. v. S. (R.J.), [1995] 1 S.C.R. 451; R. v. Khelawon, 2006 SCC 57, [2006] 2 S. C.R. 787; R. v. Youvarajah, 2013 SCC 41, [2013] 2 S.C.R. 720; R. v. Osmar, 2007 ONCA 50, 84 O.R. (3d) 321, leave to appeal refused, [2007] 2 S. C.R. vii; R. v. Bonisteel, 2008 BCCA 344, 259 B.C.A.C. 114; R. v. Mack, [1988] 2 S.C.R. 903; R. v. O'Connor, [1995] 4 S.C.R. 411; R. v. Babos, 2014 SCC 16, [2014] 1 S.C.R. 309; R. v. Therens, [1985] 1 S.C.R. 613; R. v. Grant, 2009 SCC 32, [2009] 2 S.C.R. 353.

Statuti e regolamenti citati

Carta canadese dei diritti e delle libertà, ss. 7, 10 (b), 11 (d), 24 .

Codice penale, R.S.C. 1985, c. C-46, s. 486(1) .

Autori citati

Dizionario giuridico di Black, 6a ed. St. Paul, Minn.: West, 1990, "coercizione".

Columbia Britannica. RCMP. "Operazioni sotto copertura" (online: http://bc.cb.rcmp-grc.gc.ca/ViewPage.action?siteNodeId=154&languageId=1&contentId=6941).

Dawson, Wendy E. "The Use of 'Mr. Big' in Undercover Operations", in Criminal Law: Special Issues, Paper 5.2. Vancouver: Continuing Legal Education Society of British Columbia, 2011.

Garrett, Brandon L. "The Substance of False Confessions" (2010), 62 Stan. L. Rev. 1051.

Kassin, Saul M., et al. "Confessioni indotte dalla polizia: Risk Factors and Recommendations" (2010), 34 Law & Hum. Behav. 3.

Keenan, Kouri T., e Joan Brockman. Mr. Big: Exposing Undercover Investigations in Canada. Halifax: Fernwood Publishing, 2010.

Martin, G. A. "The Admissibility of Confessions and Statements" (1963), 5 Crim. L.Q. 35.

Moore, Timothy E., Peter Copeland e Regina A. Schuller. "Deceit, Betrayal and the Search for Truth: Legal and Psychological Perspectives on the 'Mr. Big' Strategy" (2009), 55 Crim. L.Q. 348.

Paciocco, David. "Tracce di carta: Twenty-Five Years of Constitutional Influence on the Criminal Trial Process and Rules of Evidence" (2008), 40 S.C.L.R. (2d) 309.

Paciocco, David M., e Lee Stuesser. The Law of Evidence, 6a ed. Toronto: Irwin Law, 2011.

Stewart, Hamish. Giustizia fondamentale: Sezione 7 della Carta canadese dei diritti e delle libertà. Toronto: Irwin Law, 2012.

APPELLO da una sentenza della Corte d'Appello di Terranova e Labrador (Green C.J.N.L. e Harrington e Barry JJ.A.), 2012 NLCA 61, 327 Nfld. & P.E.I.R. 178, 1015 A.P.R. 178, 267 C.R.R. (2d) 29, 97 C.R. (6th) 16, [2012] N.J. No. 303 (QL), 2012 CarswellNfld 400, annullando le condanne dell'imputato per omicidio di primo grado e ordinando un nuovo processo. L'appello è stato respinto.

Frances J. Knickle, Q.C., ed Elaine Reid, per il ricorrente.

Jamie Merrigan e Robby D. Ash, per il convenuto.

James C. Martin e Natasha A. Thiessen, per l'interveniente il Director of Public Prosecutions of Canada.

Michael Bernstein, per l'interveniente il Procuratore Generale dell'Ontario.

Pierre L. Bienvenue, per l'interveniente Directeur des poursuites criminelles et pénales du Québec.

Lesley A. Ruzicka, per l'interveniente Attorney General of British Columbia.

Russell Silverstein e Michael Dineen, per l'interveniente Association in Defence of the Wrongly Convicted.

Michael Sobkin, per l'interveniente Associazione per le libertà civili della Columbia Britannica.

Philip Campbell e Jonathan Dawe, per l'interveniente Associazione degli avvocati penalisti dell'Ontario.

Presentazioni scritte solo da Frank Addario e Megan Savard, per l'interveniente Associazione canadese per le libertà civili.

François Dadour e Harout Haladjian, per l'interveniente Association des avocats de la défense de Montréal.

Marie Henein e Matthew Gourlay, per l'amicus curiae.

La sentenza di McLachlin C.J. e LeBel, Abella, Moldaver e Wagner JJ.

Moldaver J. -

I. Introduzione

[1] Quando le indagini convenzionali non riescono a risolvere crimini gravi, le forze di polizia in Canada hanno talvolta utilizzato la tecnica del "Mr. Big". Un'operazione Mr. Big inizia con agenti sotto copertura che attirano il loro sospetto in un'organizzazione criminale fittizia di loro creazione. Nel corso delle settimane o dei mesi successivi, il sospetto fa amicizia con gli agenti sotto copertura. Gli viene mostrato che lavorare con l'organizzazione fornisce un percorso verso ricompense finanziarie e amicizie strette. C'è solo una fregatura. Il boss del crimine - conosciuto colloquialmente come "Mr. Big" - deve approvare l'appartenenza del sospetto all'organizzazione criminale.

[2] L'operazione culmina con un incontro simile ad un'intervista tra il sospettato e Mr. Durante l'intervista, Mr. Big tira fuori il crimine su cui la polizia sta indagando e interroga il sospettato. I dinieghi di colpevolezza vengono respinti e Mr. Big fa pressione sul sospettato per ottenere una confessione. Mentre l'interrogatorio di Mr. Big continua, diventa chiaro al sospettato che confessando il crimine, il grande premio - l'accettazione nell'organizzazione - lo attende. Se il sospetto confessa, la finzione si svela presto e il sospetto viene arrestato e accusato.

[3] Questo caso ci offre l'opportunità di dare uno sguardo approfondito alle confessioni di Mr. Big e ai principi che dovrebbero governare la loro ammissibilità. Mentre tali operazioni hanno una lunga storia in questo paese, i tribunali devono ancora creare un quadro giuridico che affronti le questioni uniche che accompagnano tali confessioni. Mentre intraprendiamo tale compito in questo caso, dobbiamo sforzarci di raggiungere un giusto equilibrio - uno che protegga dal rischio di condanne errate che derivano da false confessioni, ma che assicuri che la polizia non sia privata dell'opportunità di usare la sua abilità e ingegno nel risolvere gravi crimini.

[4] Per essere sicuri, la tecnica di Mr. Big ha dimostrato di essere uno strumento investigativo efficace. Ha prodotto confessioni e garantito condanne in centinaia di casi che altrimenti sarebbero rimasti irrisolti. Le confessioni ottenute sono spesso dettagliate e confermate da altre prove. Manifestamente, la tecnica si è dimostrata indispensabile nella ricerca della verità.

[5] Ma la tecnica ha un prezzo. I sospetti confessano a Mr. Big durante interrogatori mirati, di fronte a potenti incentivi e talvolta a velate minacce - e questo solleva lo spettro delle confessioni inaffidabili.

[6] Le confessioni inattendibili presentano un pericolo unico. Esse forniscono prove convincenti di colpevolezza e presentano un percorso chiaro e diretto verso la condanna. Certamente nel caso delle confessioni convenzionali, i giudici hanno difficoltà ad accettare che una persona innocente confessi un crimine che non ha commesso. Eppure la nostra esperienza con le condanne ingiuste mostra che persone innocenti possono, e lo fanno, confessare falsamente. Confessioni inaffidabili sono state responsabili di condanne errate - un fatto che non possiamo ignorare.

[7] La preoccupazione per le confessioni di Mr. Big non finisce qui. Le confessioni sono invariabilmente accompagnate da prove che dimostrano che l'accusato ha partecipato volentieri al "crimine simulato" ed era desideroso di unirsi a un'organizzazione criminale. Questa prova infanga il carattere dell'accusato e, così facendo, porta con sé il rischio di pregiudizio. Crea anche ostacoli di credibilità che possono essere difficili da superare per un accusato che sceglie di testimoniare.

[8] L'esperienza in Canada e altrove insegna che le condanne errate sono spesso riconducibili a prove che sono inaffidabili o pregiudizievoli. Quando le due cose si combinano, formano una miscela potente - e il rischio di una condanna ingiusta aumenta di conseguenza. Le condanne errate sono una rovina per il nostro sistema giudiziario e dobbiamo prendere misure ragionevoli per prevenirle prima che si verifichino.

[9] Infine, le operazioni di Mr. Big corrono il rischio di diventare abusive. Gli agenti sotto copertura forniscono ai loro obiettivi degli incentivi, comprese le ricompense in denaro, per incoraggiarli a confessare. Coltivano anche un'aura di violenza mostrando che coloro che tradiscono l'organizzazione criminale vengono accolti con violenza. Bisogna riflettere sul tipo di tattiche di polizia che noi, come società, siamo disposti a tollerare nella ricerca della verità.

[10] In questo contesto, sono del parere che una regola di principio sulle prove sia necessaria per valutare l'ammissibilità delle confessioni di Mr. Per le ragioni che seguono, proporrei che quando lo Stato recluta un imputato in un'organizzazione criminale fittizia di sua creazione e cerca di estorcergli una confessione, qualsiasi confessione fatta dall'imputato allo Stato durante l'operazione dovrebbe essere trattata come presuntivamente inammissibile. Questa presunzione di inammissibilità sarà superata se la Corona può stabilire, a conti fatti, che il valore probatorio della confessione supera il suo effetto pregiudizievole. In questo contesto, il valore probatorio della confessione è una funzione della sua affidabilità. Il suo effetto pregiudizievole deriva dalle prove caratteriali dannose che accompagnano necessariamente la sua ammissione. Se la Corona non è in grado di dimostrare che la confessione dell'imputato è ammissibile, il resto delle prove relative all'operazione Mr.

[11] I giudici del processo devono anche esaminare attentamente la condotta della polizia per determinare se si è verificato un abuso del processo. Non importa quanto sia affidabile la confessione, i tribunali non possono condonare la condotta dello Stato - come la violenza fisica - che costringe l'obiettivo di un'operazione Mr. Big a confessare. Quando un accusato stabilisce che si è verificato un abuso del processo, la corte può elaborare un rimedio appropriato, compresa l'esclusione della confessione o una sospensione del procedimento.

[12] In questo caso, al termine di una lunga operazione Mr. Big, l'imputato ha confessato di aver ucciso le sue due giovani figlie. Al processo, le sue confessioni sono state ammesse come prova. La maggioranza della Corte d'appello di Terranova ha concluso che due delle tre confessioni avrebbero dovuto essere escluse, ma ha permesso di introdurre una terza confessione e, su questa base, ha ordinato un nuovo processo.

[13] Applicando il quadro che propongo qui, escluderei tutte e tre le confessioni dell'imputato. Ognuna di esse è avvenuta di fronte a pressioni schiaccianti. Questo mette in dubbio la loro affidabilità - e non ci sono prove di conferma in grado di ripristinare la nostra fiducia in loro. Come tali, hanno poco o nessun valore probatorio. D'altra parte, la prova di cattiva reputazione che accompagna le confessioni porta con sé un ovvio e serio potenziale di pregiudizio. In queste circostanze, l'effetto pregiudizievole delle confessioni del convenuto supera il loro valore probatorio.

[14] Di conseguenza, respingerei il ricorso.

II. Fatti di sfondo

[15] I fatti di questo caso sono importanti. Mi propongo di esaminarli in dettaglio.

A. La morte di Karen e Krista Hart

[16] Le figlie gemelle di tre anni del convenuto - Karen e Krista Hart - sono annegate il 4 agosto 2002. La loro morte ha innescato un'indagine di tre anni che è culminata con la confessione dell'imputato del loro omicidio alla fine di una lunga operazione Mr.

[17] L'imputato fu l'ultima persona a vedere le sue figlie vive. La mattina del 4 agosto 2002, le ha portate a giocare sulle altalene in un parco vicino alla loro casa a Gander, Terranova. C'era un lago adiacente al parco. Secondo sua moglie, l'intervistato tornò a casa dai 30 ai 45 minuti dopo, in preda al panico, e le disse che Krista era caduta in acqua. Quando sua moglie chiese dove fosse Karen, l'intervistato affermò di averla dimenticata al parco.

[18] L'intervistato e sua moglie tornarono di corsa al parco e fu chiamata un'ambulanza. I primi soccorritori trovarono Karen e Krista che galleggiavano nel lago a diverse centinaia di metri l'una dall'altra. A quel punto, era troppo tardi per salvare le loro vite.

[19] L'insolito comportamento dell'intervistato provocò i sospetti della polizia. Lo interrogarono quella sera. L'intervistato disse che quando arrivò al parco e tolse le figlie dai loro seggiolini, esse corsero su un molo e Krista cadde in acqua. L'intervistato disse di essere stato preso dal panico perché non sapeva nuotare, così tornò di corsa alla sua auto e tornò a casa a prendere sua moglie, dimenticando Karen sul molo. La polizia non è rimasta convinta e ha chiesto all'intervistato perché non ha chiamato aiuto usando uno dei telefoni cellulari che sono stati trovati nella sua auto. L'intervistato spiegò che il suo telefono non aveva minuti e che l'altro telefono non gli apparteneva. Ha anche detto che non ha mai pensato di fermarsi in un vicino ristorante o ospedale per chiedere aiuto invece di guidare fino a casa per prendere sua moglie. Quando la polizia lo affrontò direttamente, l'intervistato negò di aver affogato le sue figlie.

[20] La polizia era convinta che l'intervistato avesse ucciso le sue figlie e avesse mentito durante il suo primo interrogatorio. Lo interrogarono di nuovo il 12 settembre 2002. Durante l'interrogatorio, che durò circa otto ore, la polizia disse all'imputato che non aveva dubbi sulla sua colpevolezza e lo esortò a confessare. L'imputato rimase fermo.

[21] Due settimane dopo, tuttavia, l'imputato cambiò la sua storia. Contattò la polizia e dichiarò volontariamente che non era stato sincero nelle sue precedenti dichiarazioni. Disse alla polizia che aveva avuto un attacco al parco dopo aver tolto le sue figlie dalla macchina. Quando l'attacco passò e lui "[rinvenne]", era "intontito" ma poteva vedere una delle sue figlie "nell'acqua". Il suo unico pensiero era quello di guidare fino a casa da sua moglie. Ha spiegato di aver mentito nelle sue precedenti dichiarazioni perché non voleva perdere la sua patente di guida. L'intervistato soffre di epilessia e la sua patente è stata sospesa in precedenti occasioni a causa della sua condizione.

[22] La polizia rimase convinta della colpevolezza dell'imputato, ma non aveva prove sufficienti per accusarlo. L'indagine si raffreddò.

B. L'operazione Mr. Big

[23] Due anni dopo, la polizia ha riacceso l'indagine dopo aver deciso di prendere di mira l'imputato in un'operazione Mr. Le fasi preliminari dell'operazione sotto copertura sono iniziate nel dicembre 2004 quando gli agenti hanno condotto diverse settimane di sorveglianza dello "stile di vita" sul convenuto. La sorveglianza ha rivelato che l'intervistato riceveva assistenza sociale e che era socialmente isolato - usciva raramente di casa, e quando lo faceva era accompagnato dalla moglie.

[24] Gli agenti sotto copertura hanno fatto la loro prima mossa nel febbraio 2005. Un agente, che chiamerò "Jim", avvicinò l'intervistato fuori da un negozio.[1] Jim chiese all'intervistato di aiutarlo a cercare la sorella scomparsa. L'intervistato si obbligò e fu pagato 50 dollari. Durante il giorno, Jim disse all'intervistato che possedeva una società di trasporti e che aveva bisogno di un autista. L'intervistato si offrì volontario per il lavoro.

[25] L'obiettivo dell'operazione nelle settimane successive era quello di sviluppare una relazione tra l'intervistato e gli agenti sotto copertura. L'intervistato lavorava per Jim e guidava carichi di merci per lui da una località all'altra. Gli fu presentato un altro agente sotto copertura, che chiamerò "Paul", il cui ruolo era quello di lavorare con lui e diventare il suo "migliore amico".[2] Inizialmente, l'imputato cercò di portare con sé la moglie quando faceva le consegne, ma all'inizio Jim e Paul glielo vietarono.

[26] Più o meno nello stesso periodo, Jim e Paul rivelarono che facevano parte di un'organizzazione criminale e che c'era un "capo" che dirigeva le loro operazioni. In seguito, l'intervistato ha partecipato ad attività criminali simulate con gli ufficiali, consegnando camion che presumibilmente contenevano alcol di contrabbando e pacchetti con carte di credito rubate.

[27] La ricompensa finanziaria che derivava dal lavorare con l'organizzazione divenne presto evidente. In febbraio e marzo, l'intervistato viaggiò a St. John's e Halifax, passando diverse notti in hotel pagati dai suoi benefattori e godendo di frequenti cene con Jim e Paul. Nel periodo di due mesi, fu pagato circa 4.470 dollari per il suo lavoro.

[28] All'inizio di aprile, il convenuto era completamente immerso nella sua nuova vita fittizia. L'intervistato diceva "costantemente" a Jim che lo amava. Ad una cena con Jim e Paul, disse ad entrambi gli ufficiali che erano "fratelli" per lui e che non c'era nessun altro posto al mondo dove avrebbe preferito essere. Alzò un brindisi per il capo.

[29] Il 10 aprile 2005, secondo Jim, il convenuto confessò di aver ucciso le sue figlie. Quella sera, il convenuto cenò con Jim. Jim disse all'intervistato che la loro organizzazione era coinvolta nella prostituzione a Montreal, e che se le prostitute erano disoneste, l'organizzazione doveva occuparsene. Jim affermò di aver aggredito lui stesso una prostituta, e che a volte bisognava fare cose cattive. L'intervistato informò Jim che lui non aveva problemi a sporcarsi le mani. Anche lui aveva fatto cose terribili in passato. A quel punto, tirò fuori dal suo portafoglio una foto delle sue figlie e disse a Jim che erano entrambe morte. Confidò di aver pianificato il loro omicidio e di averlo portato a termine.[3]

[30] L'operazione continuò nei due mesi successivi. Jim e Paul predicavano costantemente l'importanza della fiducia, dell'onestà e della lealtà all'interno dell'organizzazione. Coloro che non erano degni di fiducia venivano accolti con violenza. In un'occasione, Jim schiaffeggiò un altro agente sotto copertura di fronte all'intervistato, apparentemente perché aveva parlato con altri dei loro affari.

[31] A metà del maggio 2005, l'operazione cominciò a costruire verso l'incontro climatico con Mr. Durante un viaggio a Vancouver, Jim disse all'intervistato che c'era un "grosso affare" in arrivo in futuro che avrebbe "sistemato [l'intervistato] finanziariamente". All'intervistato fu detto che sarebbe stato pagato tra i 20.000 e i 25.000 dollari se avesse partecipato. Più tardi, durante un viaggio a Toronto, all'intervistato furono mostrati 175.000 dollari in contanti. Il denaro fu detto essere un acconto per l'imminente accordo.

[32] Jim informò l'intervistato che gli sarebbe stato permesso di partecipare all'affare solo se Mr. Big avesse dato la sua approvazione. Jim prese la patente e il numero di assicurazione sociale dell'intervistato in modo che l'organizzazione potesse fare un controllo per vedere se aveva qualche "calore" su di lui o era una "spia". All'inizio di giugno, mentre si trovava a Montreal, Jim disse all'intervistato che Mr. Big aveva controllato su di lui e che aveva trovato un problema. L'intervistato non sarebbe stato autorizzato a lavorare con l'organizzazione fino a quando la questione non fosse stata risolta. L'intervistato non sapeva quale fosse il problema, ma si preoccupò molto del fatto che non sarebbe stato coinvolto nell'imminente accordo.

[33] L'intervistato incontrò Mr. Big il 9 giugno 2005. Jim disse all'intervistato che Mr. Big stava per interrogarlo sul problema che era stato scoperto durante il suo controllo dei precedenti. Jim esortò il convenuto ad essere onesto con Mr. Big.

[34] All'inizio dell'incontro, l'intervistato espresse la sua gratitudine a Mr. Big, dicendogli che la sua vita era cambiata da quando aveva iniziato a lavorare per l'organizzazione. Mr. Big spostò l'argomento della conversazione sulla morte delle figlie dell'intervistato. Disse all'intervistato che ci sarebbe stato un po' di "calore" in arrivo riguardo alla loro morte e chiese all'intervistato perché avesse ucciso le sue figlie. L'intervistato rispose che aveva avuto un attacco epilettico, implicando che la loro morte era stata accidentale. Mr. Big respinse questa spiegazione e disse all'intervistato di non "mentirgli".

[35] Dopo qualche ulteriore sollecitazione da parte di Mr. Big, l'imputato confessò di aver ucciso le sue figlie. Ha spiegato di averlo fatto perché temeva che i servizi sociali gli avrebbero tolto le figlie e le avrebbero affidate al fratello. Quando gli fu chiesto come aveva ucciso le figlie, disse che erano "cadute" sul pontile del parco. Mr. Big fece pressione sull'imputato per maggiori dettagli, e l'imputato spiegò che aveva "colpito" le sue figlie con la spalla e che erano cadute oltre il pontile in acqua.

[36] Due giorni dopo, l'11 giugno 2005, l'intervistato tornò con Jim al parco dove le figlie erano annegate. Jim fece rievocare al convenuto come avvenne l'annegamento. Durante la rievocazione, Jim si è inginocchiato e il convenuto ha dimostrato come ha spinto le figlie in acqua dando un colpetto a Jim con il suo ginocchio.

[37] Il 13 giugno l'imputato fu arrestato e accusato di due capi d'accusa per omicidio di primo grado. La polizia permise all'imputato di fare una telefonata, e la sua prima richiesta di aiuto andò a Jim.

[38] L'arresto dell'imputato avvenne quattro mesi dopo l'inizio dell'operazione Mr. Big e quasi tre anni dopo la morte delle sue figlie. Nel corso dell'operazione Mr. Big, l'imputato ha partecipato a 63 "scenari" con gli agenti sotto copertura. L'operazione lo ha visto viaggiare a Halifax, Montreal, Ottawa, Toronto e Vancouver, dove ha alloggiato in hotel e cenato spesso in alcuni dei migliori ristoranti del paese. In totale, l'intervistato è stato pagato 15.720 dollari per il suo lavoro. La polizia ha anche pagato una somma sconosciuta per gli hotel, il servizio in camera, le cene, i viaggi al casinò e il trasporto dell'intervistato. Il costo totale dell'operazione fu di 413.268 dollari.

[39] Al processo, le confessioni fatte dall'imputato durante l'operazione Mr. Big sono state ammesse come prova e lui è stato condannato da una giuria per due capi d'accusa di omicidio di primo grado.

III. Procedimento in basso

A. Corte Suprema di Newfoundland e Labrador Trial Division, 2007 NLTD 74, 265 Nfld. & P.E.I.R. 266

(1) L'ammissibilità delle confessioni di Mr. Big

[40] Il convenuto si è mosso al processo per far escludere dalle prove le confessioni che ha fatto durante l'operazione Mr. Il convenuto ha sostenuto che la condotta intimidatoria e minacciosa degli agenti durante l'operazione Mr. Big è stata oppressiva e ha portato a una "violazione fondamentale" dei suoi diritti ai sensi dell'articolo 7 della Carta canadese dei diritti e delle libertà (paragrafo 43). Ha anche sostenuto che questa stessa condotta ha reso le sue confessioni inammissibili secondo l'approccio di principio alla regola contro il sentito dire, poiché la condotta minacciosa della polizia ha reso le sue confessioni inaffidabili. L'imputato ha testimoniato al voir dire e ha spiegato che ha lavorato per l'organizzazione criminale fittizia perché stava facendo buoni soldi e aveva paura di Jim e Paul. Negò di aver confessato a Jim il 10 aprile 2005 e disse che aveva mentito nelle sue confessioni del 9 e 11 giugno 2005 perché aveva paura di Mr.

[41] Il giudice del processo negò la domanda del convenuto. Ha respinto la prova del convenuto che si sentiva minacciato e intimidito dagli agenti sotto copertura. Invece, trovò che il convenuto aveva legato con loro e cercava continuamente più lavoro da loro. Inoltre, il giudice ha scoperto che all'imputato è stata data una serie di possibilità di lasciare l'operazione, ma non ha fatto alcuno sforzo per farlo.

(2) Testimoniare con il pubblico escluso dall'aula

[42] Verso la fine del suo processo, l'imputato ha presentato una richiesta chiedendo di poter testimoniare con il pubblico escluso dall'aula. Si è tenuto un voir dire e il convenuto ha testimoniato. Ha spiegato che voleva che il pubblico fosse escluso durante la sua testimonianza perché non era mai stato bravo a "parlare di fronte a una folla". Ha detto che sarebbe diventato "frustrato", "confuso" e "tutto ingarbugliato". Temeva che la pressione di testimoniare di fronte a un'aula piena di gente gli avrebbe causato un attacco.

[43] Il giudice del processo negò la richiesta del convenuto. Il giudice ha commentato che era "riluttante" a impedire al pubblico di "sentire" la prova del convenuto. A suo parere, lo "stress" era un motivo insufficiente per escludere il pubblico dall'aula. Ha anche notato che il convenuto aveva già dato prove di fronte al pubblico durante il voir dire sull'ammissibilità delle sue confessioni e alla sua udienza per la cauzione.

B. Corte suprema di Terranova e Labrador, Corte d'appello, 2012 NLCA 61, 327 Nfld. & P.E.I.R. 178

(1) L'ammissibilità delle confessioni di Mr. Big

[44] Alla Corte d'appello, il convenuto ha sostenuto che le confessioni fatte durante l'operazione Mr. Big avrebbero dovuto essere escluse perché ottenute in violazione del suo diritto al silenzio ai sensi dell'articolo 7 della Carta. Green C.J., scrivendo a nome suo e di Harrington J.A., ammise l'appello su questo motivo.

[45] La maggioranza ha ritenuto che la protezione offerta dal diritto al silenzio potesse essere estesa oltre le situazioni in cui un individuo era stato detenuto dallo Stato. Secondo la maggioranza, la questione non era se il convenuto fosse "detenuto" al momento della sua confessione al signor Big, ma se fosse sotto "controllo dello Stato" (paragrafo 198). Così concludendo, la maggioranza ha preso in prestito il test articolato da questa Corte in R. v. White, [1999] 2 S.C.R. 417, per determinare se si fosse verificata una violazione del suo diritto al silenzio (s. 7).

[46] In base ai fatti, la maggioranza ha trovato che l'imputato era chiaramente sotto il controllo dello Stato quando ha confessato al signor Big. Dopo aver considerato i fattori di White, la maggioranza ha concluso che si era verificata una violazione dell'articolo 7. Di conseguenza, la maggioranza si è rivolta all'articolo 24(2) della Carta e ha concluso che ammettere le confessioni del convenuto del 9 e 11 giugno 2005 avrebbe portato discredito all'amministrazione della giustizia.

[47] Barry J.A. ha dissentito sulla questione dell'ammissibilità delle confessioni dell'imputato. A suo parere, il diritto al silenzio dell'imputato non è scattato prima della detenzione. Inoltre, la constatazione del giudice del processo che l'imputato ha avuto numerose possibilità di lasciare l'operazione, ma non ha fatto alcuno sforzo per farlo, sono risultanze di fatto che godono di notevole deferenza in appello. Anche se il test del "controllo statale" fosse stato applicabile, Barry J.A. non avrebbe trovato una violazione dell'articolo 7.

(2) Testimoniare con il pubblico escluso dall'aula

[48] La Corte d'Appello ha rilevato all'unanimità che il giudice del processo ha irragionevolmente negato la richiesta del convenuto di testimoniare con il pubblico escluso dall'aula. Barry J.A., con il quale la maggioranza ha concordato, ha affermato che l'equità in questo caso richiedeva che il convenuto avesse l'opportunità di presentare la sua prova nel modo più "chiaro possibile" (par. 125). La storia dell'imputato con crisi epilettiche, la sua prova di essere diventato confuso e di avere difficoltà a pensare di fronte a una folla, l'importanza di qualsiasi spiegazione che avrebbe potuto fornire riguardo alle sue confessioni a Mr. Big e il pregiudizio che ne sarebbe derivato se si fosse tirato indietro dall'impegno preso in presenza della giuria di voler testimoniare, tutto ha pesato a favore della concessione della sua richiesta.

IV. Questioni

[49] Alla Corona è stata concessa l'autorizzazione ad appellarsi sulle seguenti due questioni:

(1) Il giudice ha sbagliato ad ammettere le confessioni fatte dall'imputato durante l'operazione Mr. Big?

(2) Il giudice ha sbagliato nel precludere all'imputato di testimoniare con il pubblico escluso dall'aula?

V. Analisi

[50] Mentre il nocciolo di questo appello riguarda le confessioni dell'imputato durante l'operazione Mr. Big, comincio con la sua richiesta di testimoniare con il pubblico escluso dall'aula. Questo aspetto del ricorso è semplice e può essere trattato brevemente.

A. Testimoniare con il pubblico escluso dall'aula

[51] Mentre l'importanza del principio del tribunale aperto non può essere messa in dubbio, la s. 486(1) del codice penale, R.S.C. 1985, c. C-46 , fornisce ai giudici un potere discrezionale per escludere il pubblico dall'aula in diverse circostanze, compreso quando tale ordine è nell'interesse della "corretta amministrazione della giustizia". In Canadian Broadcasting Corp. v. New Brunswick (Attorney General), [1996] 3 S.C.R. 480, questa Corte ha stabilito tre fattori che i giudici devono considerare nel fare tale ordine: (1) la disponibilità di alternative ragionevoli ed efficaci; (2) se l'ordine è limitato il più possibile; e (3) l'importanza degli obiettivi dell'ordine e i suoi probabili effetti quando sono soppesati rispetto all'importanza dell'apertura e della particolare espressione che sarà limitata.

[52] In questo caso, il giudice ha negato la richiesta del convenuto, notando che lo "stress" era un motivo insufficiente per escludere il pubblico dall'aula. Di conseguenza, il convenuto non ha testimoniato.

[53] La decisione di un giudice del processo ai sensi della S. 486(1) ha diritto alla deferenza e "non dovrebbe essere interferita con leggerezza" (Canadian Broadcasting Corp., al paragrafo 78). Qui, tuttavia, sono rispettosamente dell'opinione che il giudice di prova ha errato nel rifiutare la richiesta del convenuto. L'errore del giudice di prova si trova nella terza fase della prova. Per cominciare, la testimonianza del convenuto era criticamente importante nelle circostanze di questo caso. Se doveva essere assolto, la giuria avrebbe dovuto credere, o almeno avere un ragionevole dubbio, che le confessioni fatte durante l'operazione Mr. Testimoniare per sconfessarle era una quasi necessità tattica per l'imputato. L'imputato ha cercato di testimoniare fuori dalla presenza del pubblico in parte perché era preoccupato che lo stress di testimoniare davanti a un'aula piena gli avrebbe causato un attacco. Era compito del giudice del processo, nelle circostanze uniche di questo caso, prendere misure ragionevoli per accomodare la disabilità del convenuto e facilitare la sua testimonianza.

Purtroppo il giudice ha frainteso la natura della richiesta del convenuto, come risulta dal suo commento che era riluttante a impedire al pubblico di "ascoltare" la prova del convenuto. Il convenuto non stava chiedendo che il pubblico fosse completamente precluso dall'ascoltare la sua prova. Piuttosto, voleva semplicemente testimoniare fuori dalla loro presenza fisica. In quanto tale, la sua prova avrebbe potuto essere resa disponibile al pubblico, pur accogliendo la sua richiesta, trasmettendo la sua testimonianza in un'altra aula su una televisione a circuito chiuso. Nelle particolari circostanze di questo caso, concedere la sistemazione richiesta non avrebbe, a mio avviso, minato il principio del tribunale aperto.

[55] Di conseguenza, concordo con la conclusione della Corte d'appello. Questo errore da solo rende necessario un nuovo processo.

B. L'ammissibilità delle confessioni di Mr. Big

(1) Le operazioni di Mr. Big in Canada

[56] La tecnica Mr. Big è un'invenzione canadese. Anche se una versione della tecnica sembra essere stata usata dalla polizia già nel 1901, il suo uso moderno è iniziato negli anni '90 e da allora è continuato (vedi R. v. Todd (1901), 4 C.C.C. 514 (Man. K.B.), a p. 523). Secondo la B.C. RCMP, la tecnica è stata usata in tutto il Canada in più di 350 occasioni a partire dal 2008.[4]

[57] La tecnica tende a seguire un copione simile in ogni caso. Gli agenti sotto copertura sorvegliano un sospetto per raccogliere informazioni sulle sue abitudini e circostanze. Successivamente, si avvicinano al sospetto e tentano di coltivare una relazione. Il sospettato e gli agenti sotto copertura socializzano e cominciano a lavorare insieme, e il sospettato viene introdotto all'idea che gli agenti lavorano per un'organizzazione criminale gestita dal loro capo - "Mr. Big". Il sospettato lavora per l'organizzazione criminale e gli vengono assegnati compiti semplici e apparentemente illegali - fare da palo, consegnare pacchi o contare grandi somme di denaro sono esempi comuni. Come si è verificato in questo caso, questa fase dell'operazione può durare diversi mesi. Vedi T. E. Moore, P. Copeland e R. A. Schuller, "Deceit, Betrayal and the Search for Truth: Legal and Psychological Perspectives on the 'Mr. Big' Strategy" (2009), 55 Crim. L.Q. 348, pp. 351-52; K. T. Keenan e J. Brockman, Mr. Big: Exposing Undercover Investigations in Canada (2010), p. 19.

[58] Man mano che l'operazione va avanti, al sospettato vengono offerte responsabilità e ricompense finanziarie crescenti. Facendolo volare per tutto il paese, ospitandolo in hotel e portandolo in ristoranti costosi, gli agenti sotto copertura mostrano al sospetto che lavorare con il gruppo offre una vita di lusso e amicizie strette. Per tutto il tempo, al sospettato viene costantemente ricordato che la sua accettazione finale nel gruppo dipende dall'approvazione di Mr. Big (vedi Keenan e Brockman, a pag. 20).

[59] Durante l'operazione, al sospettato viene anche detto che l'organizzazione richiede onestà, fiducia e lealtà dai suoi membri. Un'aura di violenza viene coltivata per rafforzare questi valori. Gli agenti insegnano al sospettato che chi tradisce la fiducia dell'organizzazione viene accolto con violenza. Lo fanno dicendo al sospettato che l'organizzazione uccide i "ratti", o esponendolo ad atti simulati di violenza perpetrati dai membri dell'organizzazione contro altri agenti sotto copertura come punizione per tradimenti immaginari (vedi, ad esempio, Moore, Copeland e Schuller, alle pp. 356-57). R. v. Hathway, 2007 SKQB 48, 292 Sask. R. 7 , fornisce un esempio lampante. In quel caso, gli agenti sotto copertura hanno simulato un'aggressione a una donna che aveva attraversato l'organizzazione criminale. Durante il pestaggio, gli agenti minacciarono di uccidere la donna, suo marito e il suo bambino. L'accusato assistette mentre gli agenti sotto copertura gettavano la donna insanguinata nel bagagliaio di un'auto.

[60] Una volta preparata la scena, l'operazione culmina in un incontro, simile a un colloquio di lavoro, tra il sospettato e Mr. Invariabilmente durante questi incontri, Mr. Big esprime preoccupazione per il passato criminale del sospettato e per il particolare crimine su cui la polizia sta indagando. Mentre l'incontro si svolge, diventa chiaro che confessare il crimine fornisce un biglietto d'ingresso nell'organizzazione criminale e la sicurezza dalla polizia. Ai sospetti può essere detto che Mr. Big ha prove conclusive della loro colpevolezza e che negare il reato sarà visto come una prova di mancanza di affidabilità. In un'altra variante, ai sospetti viene detto che Mr. Big ha appreso da contatti all'interno della polizia che un procedimento penale per il reato è imminente sulla base di nuove prove. L'organizzazione si offre di proteggere l'obiettivo attraverso una varietà di mezzi - offrendo di eliminare un testimone o facendo confessare il crimine a qualcun altro - se il sospetto confessa a Mr. Durante l'interrogatorio, qualsiasi negazione di colpevolezza viene respinta come menzogna, e Mr. Big preme per ottenere una confessione (vedi, ad esempio, C.L.A. factum, ai paragrafi 7-8; Keenan e Brockman, alle pp. 19-21).

[61] Come indicato, la tecnica si è dimostrata valida ed è stata usata per assicurare condanne in centinaia di casi (vedi, ad esempio, R. v. Copeland, 1999 BCCA 744, 131 B.C.A.C. 264, dove una confessione estorta attraverso un'operazione Mr. Big ha condotto la polizia al corpo della vittima precedentemente non scoperto).

[62] Ad oggi, non ci sono condanne ingiuste accertate derivanti dal suo uso. Tuttavia, nel 1992, Kyle Unger è stato condannato per omicidio basato in parte su una confessione ottenuta attraverso un'operazione di Mr. Big, così come le prove forensi trovate sulla scena del crimine. Nel 2004, le prove forensi sono state messe in discussione da un comitato di revisione. Il Ministro della Giustizia ha ordinato una revisione della condanna, e la Corona alla fine ha ritirato le accuse dopo aver determinato che non aveva prove sufficienti per procedere con un nuovo processo (vedi anche R. v. Bates, 2009 ABQB 379, 468 A.R. 158, dove un imputato, sebbene correttamente condannato per omicidio colposo, ha esagerato il suo coinvolgimento confessando falsamente a Mr.)

(2) Abbiamo bisogno di un test per determinare l'ammissibilità delle confessioni di Mr. Big?

[63] Nei casi in cui è stata usata la tecnica di Mr. Big, le confessioni che ne sono derivate sono state tipicamente ricevute al processo. Secondo la giurisprudenza esistente, sono state ammesse sotto l'eccezione delle ammissioni delle parti alla regola del sentito dire (vedi R. v. Evans, [1993] 3 S.C.R. 653, a p. 664; R. v. Osmar, 2007 ONCA 50, 84 O.R. (3d) 321, a para. 53). L'ammissibilità delle ammissioni delle parti scaturisce dalla natura contraddittoria del nostro sistema processuale, e dalla convinzione che "ciò che una parte ha precedentemente dichiarato può essere ammesso contro la parte in bocca alla quale non sta a lamentarsi dell'inaffidabilità delle proprie dichiarazioni" (Evans, a p. 664).

[64] I tentativi di estendere le protezioni legali esistenti alle operazioni di Mr. Big sono falliti. Questa Corte ha sostenuto che le operazioni Mr. Big non impegnano il diritto al silenzio perché l'accusato non è detenuto dalla polizia nel momento in cui confessa (vedi R. v. McIntyre, [1994] 2 S.C.R. 480; R. v. Hebert, [1990] 2 S.C.R. 151). E la regola delle confessioni - che richiede alla Corona di provare che la dichiarazione di un accusato a una persona in autorità sia "volontaria" - è inoperante perché l'accusato non sa che Mr. Big è un ufficiale di polizia quando confessa (vedi R. v. Grandinetti, 2005 SCC 5, [2005] 1 S.C.R. 27).

[65] Secondo la legge esistente, sembra che gli avvocati della difesa abbiano solo due opzioni per contestare l'ammissibilità di queste confessioni: secondo la dottrina dell'abuso del processo, o secondo la discrezione assoluta del giudice del processo di escludere le prove che sono più pregiudizievoli che probatorie. I giudici di prova hanno escluso solo raramente le confessioni del signor Big in base a una di queste dottrine. Infatti, le parti non sono riuscite a trovare nessun caso in cui una confessione di Mr. Big sia stata esclusa per abuso di procedura, e solo un caso in cui una confessione è stata esclusa sulla base del fatto che il suo effetto pregiudizievole superava il suo valore probatorio (vedi R. v. Creek, 1998 CanLII 3209 (B.C.S.C.)).

[66] Una questione di soglia sollevata da questo appello è se il quadro esistente protegge adeguatamente i diritti di coloro che sono soggetti alle indagini del signor Big. La Corona sostiene che non sono necessarie ulteriori protezioni e che la legge così com'è stabilisce un giusto equilibrio tra i diritti dell'accusato e la necessità di un'efficace attività di polizia. Al contrario, il convenuto e l'amicus curiae sostengono che le confessioni di Mr. Big presentano pericoli unici che devono essere affrontati ponendo un filtro alla loro ammissibilità.

[67] Sono d'accordo con il convenuto e l'amicus curiae. A mio parere, la legge nella sua forma attuale fornisce una protezione insufficiente alle persone accusate che confessano durante le operazioni Mr. Tre preoccupazioni mi portano a questa conclusione.

(a) Il pericolo di confessioni inattendibili

[68] In primo luogo, a causa della natura delle operazioni Mr. Big, sorgono preoccupazioni circa l'affidabilità delle confessioni che esse producono. Lo scopo di queste operazioni è quello di indurre confessioni, e sono attentamente calibrate per raggiungere questo scopo. Per un periodo di settimane o mesi, ai sospetti viene fatto credere che l'organizzazione criminale fittizia per la quale lavorano può fornire loro sicurezza finanziaria, accettazione sociale e amicizia. I sospetti imparano anche che la violenza è una parte necessaria del modello di business dell'organizzazione, e che una storia passata di violenza è un risultato degno di vanto. E durante l'incontro finale con Mr. Big - che comporta un abile interrogatorio condotto da un poliziotto esperto - i sospetti imparano che confessare il crimine su cui indagano fornisce un biglietto senza conseguenze per l'organizzazione e tutte le ricompense che essa fornisce.

Sembra una questione di buon senso che il potenziale di una falsa confessione aumenti in proporzione alla natura e alla portata degli incentivi offerti all'accusato. Non sorprende che questo punto di vista sia supportato dalla letteratura accademica (vedi R. v. Oickle, 2000 SCC 38, [2000] 2 S.C.R. 3, ai paragrafi. 39 e 44; S. M. Kassin et al., "Police-Induced Confessions: Risk Factors and Recommendations" (2010), 34 Law & Hum. Behav. 3, alle pp. 14-15).

[70] La regola delle confessioni di common law serve a illustrare l'importanza del ruolo del giudice nel valutare l'affidabilità. La regola delle confessioni si è a lungo preoccupata dei pericoli posti da confessioni inaffidabili (vedi, ad esempio, G. A. Martin, "The Admissibility of Confessions and Statements" (1963), 5 Crim. L.Q. 35, a p. 35). In base alla regola delle confessioni, riconosciamo che le confessioni inaffidabili fatte da un imputato pongono particolari pericoli, poiché le giurie spesso danno grande peso alle parole dell'imputato stesso. Quando un accusato confessa falsamente un crimine, il rischio di una condanna ingiusta diventa acuto. Questa Corte lo ha riconosciuto in Oickle, quando ha notato che le false confessioni hanno giocato un "ruolo importante" nei casi in cui si sono verificate condanne errate (paragrafo 36). Ricerche successive hanno confermato questo rischio. In 40 delle prime 250 scagionature del DNA negli Stati Uniti, per esempio, si è scoperto che l'imputato aveva falsamente confessato il crimine (vedi B. L. Garrett, "The Substance of False Confessions" (2010), 62 Stan. L. Rev. 1051).

[71] La regola delle confessioni protegge quindi dal pericolo di confessioni inaffidabili, richiedendo alla Corona di provare al giudice, al di là di ogni ragionevole dubbio, che la dichiarazione dell'imputato sia stata fatta volontariamente. Se la Corona non è in grado di farlo, la dichiarazione dell'imputato è resa inammissibile.

[72] Ma allo stato attuale della legge, a differenza del nostro approccio con la regola delle confessioni, non abbiamo adottato un approccio coerente per valutare l'affidabilità delle confessioni del signor Big prima che vadano alla giuria. E questo nonostante l'ovvia natura degli incentivi che queste operazioni creano. A mio parere, sarebbe pericoloso e poco saggio assumere che non dobbiamo preoccuparci dell'affidabilità delle confessioni di Mr. Big semplicemente perché l'indagato non sa che la persona che lo spinge a confessare è un ufficiale di polizia. E anche se sarà più facile per una giuria capire perché un imputato confesserebbe falsamente a Mr. Big piuttosto che alla polizia durante un interrogatorio convenzionale (a causa della natura più ovvia degli incentivi e della convinzione dell'imputato che sia nel suo interesse confessare), ciò non fornisce una risposta completa ai problemi di affidabilità sollevati da queste confessioni. Secondo la regola delle confessioni, non abbandoniamo la nostra preoccupazione per l'affidabilità nei casi in cui una confessione è il prodotto di chiare minacce o incentivi, sul presupposto che la giuria avrà un tempo più facile per capire perché è inaffidabile.

(b) L'effetto pregiudizievole delle confessioni del signor Big

[73] La seconda preoccupazione per le confessioni di Mr. Big - e che le distingue dalle confessioni fatte in altri contesti - è che esse sono invariabilmente accompagnate da fatti pregiudizievoli riguardanti il carattere dell'accusato. Mettere in evidenza queste confessioni richiede di mostrare alla giuria che l'accusato voleva entrare in un'organizzazione criminale e che ha partecipato a crimini "simulati" che credeva fossero reali. L'assenza di un approccio coerente nel valutare l'ammissibilità di queste confessioni è in contrasto con la regola generale che le prove di cattiva reputazione sono presuntivamente inammissibili per la Corona. Questa regola secolare proibisce alla Corona di condurre prove di cattiva condotta tenuta dall'imputato che non sia collegata alle accuse di cui si occupa il tribunale, a meno che non possa dimostrare che il suo valore probatorio superi il suo effetto pregiudizievole (si veda R. v. Handy, 2002 SCC 56, [2002] 2 S.C.R. 908).

[74] Una cattiva prova di carattere causa due tipi di pregiudizio. Essa provoca un "pregiudizio morale", rovinando il carattere dell'imputato agli occhi della giuria, creando così il rischio che la giuria ragionerà dalla disposizione generale dell'imputato alla conclusione che egli è colpevole del crimine accusato, o che egli è meritevole di punizione in ogni caso (Handy, al par. 31). E causa un "pregiudizio di ragionamento" distraendo l'attenzione della giuria dal reato accusato, verso gli atti estranei di cattiva condotta dell'imputato (ibidem). Come questa Corte ha affermato in Handy, il "potenziale velenoso" delle prove di cattiva condotta non può essere messo in dubbio (par. 138).

[75] Quando una confessione di Mr. Big è ammessa, la prova caratteriale che l'accompagna mette l'imputato in una situazione difficile. In questi casi, l'imputato è spesso obbligato, come necessità tattica, a testimoniare per spiegare perché ha falsamente confessato a Mr Big. Le prove caratteriali che sono già state ammesse sono dannose in questo contesto perché avvolgono l'accusato con un'aura di sfiducia prima che lui o lei metta piede sul banco dei testimoni. Questa sfiducia è aggravata quando l'accusato chiede alla giuria di ignorare la sua confessione perché stava mentendo quando l'ha resa. E tutto questo fornisce alla Corona un'ampia base per un forte attacco alla credibilità dell'imputato nel controinterrogatorio.

Nonostante la presunzione consolidata che le prove di cattiva condotta siano inammissibili, esse sono abitualmente ammesse nei casi di Mr. Big perché forniscono il contesto rilevante necessario per capire come è avvenuta la confessione cardine dell'imputato. Infatti, anche l'imputato viene a dipendere da questa prova per mostrare la natura degli incentivi che ha affrontato e la ragione per cui la sua confessione non dovrebbe essere creduta.

[77] A mio parere, l'effetto pregiudizievole delle confessioni di Mr. Big è una preoccupazione sostanziale, soprattutto perché queste confessioni possono anche essere inaffidabili. Mettere davanti a una giuria prove che sono sia inaffidabili che pregiudizievoli invita a un errore giudiziario. La legge deve rispondere a questi pericoli. Il fatto che non ci siano condanne errate provate nei casi che coinvolgono le confessioni di Mr. Big non è di grande conforto. Il sistema di giustizia penale non può permettersi di aspettare gli errori giudiziari prima di prendere misure ragionevoli per prevenirli.

(c) Comportamento scorretto della polizia

[78] Infine, le operazioni Mr. Big creano il rischio che la polizia ricorra a tattiche inaccettabili nella ricerca di una confessione. Come detto, nel condurre queste operazioni, gli agenti sotto copertura spesso coltivano un'aura di violenza per sottolineare l'importanza della fiducia e della lealtà all'interno dell'organizzazione. Ciò può comportare - come in questo caso - minacce o atti di violenza perpetrati in presenza dell'accusato. In queste circostanze, è facile vedere il rischio che la polizia si spinga troppo oltre, ricorrendo a tattiche che possono avere un impatto sull'affidabilità di una confessione, o in alcuni casi equivalere a un abuso del processo.

[79] Attualmente, tuttavia, queste operazioni sono condotte in un vuoto giuridico. Le protezioni legali previste per gli accusati, che spesso sono intese almeno in parte a porre limiti alla condotta della polizia nelle indagini e negli interrogatori degli accusati, non hanno applicazione alle operazioni di Mr. Big. La regola delle confessioni, per esempio, è intesa non solo a proteggere dal rischio di confessioni inaffidabili, ma anche a prevenire una condotta statale abusiva (vedi R. v. Hodgson, [1998] 2 S.C.R. 449, al paragrafo 20). Eppure la sua protezione non si applica perché l'accusato non sa che la persona con cui sta parlando è una persona in autorità. Altre protezioni - come il diritto all'avvocato ai sensi dell'articolo 10 (b) della Carta - sono rese inapplicabili perché l'accusato non è "trattenuto" dalla polizia mentre l'operazione è in corso. E la dottrina dell'abuso del processo - intesa a proteggere dalla condotta abusiva dello Stato - sembra essere un po' una tigre di carta. Fino ad oggi, non ha mai operato per escludere una confessione di Mr. Big, né ha mai portato alla sospensione delle accuse derivanti da una di queste operazioni.

[80] A mio parere, la mancanza di un meccanismo efficace per monitorare la condotta degli agenti sotto copertura che si impegnano in queste operazioni è problematica. La legge deve permettere ai giudici di rispondere efficacemente alla cattiva condotta della polizia in questo contesto.

(3) Come dovrebbe rispondere la legge ai problemi posti dalle confessioni di Mr. Big?

[81] Avendo stabilito che la legge deve rispondere ai rischi inerenti alle confessioni di Mr. Big, la questione più difficile è quale forma dovrebbe assumere tale risposta. Le operazioni di Mr. Big sollevano tre preoccupazioni distinte - affidabilità, pregiudizio, e il potenziale di cattiva condotta della polizia - e dobbiamo garantire che i giudici del processo abbiano gli strumenti necessari per affrontare tutte e tre queste questioni.

[82] Le parti e gli intervenienti hanno fornito una lunga lista di opzioni per affrontare i problemi sollevati dalle confessioni di Mr. Esse includono l'affermazione dell'estensione da parte della Corte d'Appello del diritto al silenzio di cui all'articolo 7, l'espansione della regola delle confessioni di diritto comune per applicarla alle operazioni di Mr. Big, l'assoggettamento delle confessioni di Mr. Big all'approccio di principio che ora regola le prove per sentito dire, o la valutazione dell'affidabilità delle confessioni di Mr. Big prima di ammetterle come prova, come mezzo per garantire il diritto dell'imputato a un processo equo ai sensi degli articoli 7 e 11 (d) della Carta. Piuttosto che indicare una soluzione chiara, la diversità delle opzioni fornite riflette la difficoltà del compito che ci attende.

[83] Nel cercare una risposta alle preoccupazioni che queste operazioni sollevano, dobbiamo procedere con cautela. Per essere sicuri, le operazioni Mr. Big possono diventare abusive, e possono produrre confessioni che sono inaffidabili e pregiudizievoli. Dobbiamo cercare un quadro giuridico che protegga le persone accusate, e il sistema giudiziario nel suo insieme, da questi pericoli. D'altra parte, le operazioni di Mr. Big non sono necessariamente abusive, e sono in grado di produrre prove preziose, la cui ammissione favorisce gli interessi della giustizia. Non dobbiamo dimenticare che la tecnica Mr. Big è quasi sempre utilizzata in casi freddi che riguardano i crimini più gravi. In parole povere, nel rispondere ai pericoli posti dalle confessioni di Mr. Big, dovremmo essere cauti nel permettere che gravi crimini rimangano impuniti.

(a) Sintesi di una soluzione proposta

[84] In questa sezione, propongo una soluzione che, a mio parere, raggiunge il miglior equilibrio tra la protezione contro i pericoli posti dalle operazioni di Mr. Big e la garanzia che la polizia abbia gli strumenti necessari per indagare sui crimini gravi. Questa soluzione comporta un approccio su due fronti che (1) riconosce una nuova regola di common law sulle prove e (2) si basa su una concezione più robusta della dottrina dell'abuso del processo per affrontare il problema della cattiva condotta della polizia.

[85] Il primo aspetto riconosce una nuova regola di common law per valutare l'ammissibilità di queste confessioni. La regola opera come segue: Quando lo Stato recluta un imputato in un'organizzazione criminale fittizia di sua creazione e cerca di estorcergli una confessione, qualsiasi confessione fatta dall'imputato allo Stato durante l'operazione dovrebbe essere trattata come presuntivamente inammissibile. Questa presunzione di inammissibilità è superata quando la Corona può stabilire, su un bilancio di probabilità, che il valore probatorio della confessione supera il suo effetto pregiudizievole. In questo contesto, il valore probatorio della confessione dipende dalla valutazione della sua affidabilità. Il suo effetto pregiudizievole deriva dalle prove di cattiva reputazione che devono essere ammesse per contestualizzare l'operazione e la confessione. Se la Corona non è in grado di dimostrare che la confessione dell'imputato è ammissibile, il resto delle prove relative all'operazione Mr. Big diventa irrilevante e quindi inammissibile. Questa regola, come la regola delle confessioni nel caso degli interrogatori di polizia convenzionali, opera come una specifica qualificazione dell'eccezione delle ammissioni delle parti alla regola dell'hearsay.[5]

[86] Per quanto riguarda il secondo criterio, mi baserei sulla dottrina dell'abuso del processo per affrontare il problema della cattiva condotta della polizia. Riconosco che la dottrina si è finora dimostrata poco efficace in questo contesto. Sebbene il problema non sia facile, propongo di fornire alcune indicazioni su come determinare se un'operazione di Mr. Big attraversa la linea che va da un abile lavoro di polizia a un abuso del processo.

[87] Gli scopi di questo duplice approccio sono di proteggere il diritto dell'accusato a un processo equo secondo la Carta, e di preservare l'integrità del sistema giudiziario. Questi sono i fini che devono essere raggiunti alla fine. Questo approccio si sforza di raggiungerli assicurando che solo le confessioni che sono più probatorie che pregiudizievoli, e che non risultano da un abuso, siano ammesse come prova.

[88] Tuttavia, bisogna ricordare che i giudici del processo mantengono sempre la discrezione di escludere le prove quando la loro ammissione comprometterebbe l'equità del processo (vedi R. v. Harrer, [1995] 3 S.C.R. 562). Questo perché "il principio generale secondo cui un imputato ha diritto a un processo equo non può essere interamente ridotto a regole specifiche" (ibidem, par. 23). È impossibile prevedere ogni scenario fattuale che potrebbe presentarsi. Come tale, non escludo la possibilità che, in un caso eccezionale, l'equità del processo possa richiedere che una confessione di Mr. Big sia esclusa anche quando le regole specifiche che ho proposto vedrebbero la confessione ammessa.

[89] In pratica, questo duplice approccio richiederà che si tenga un voir dire per determinare l'ammissibilità delle confessioni di Mr. La Corona avrà l'onere di stabilire che, a conti fatti, il valore probatorio della confessione supera il suo effetto pregiudizievole, e spetterà alla difesa stabilire un abuso del processo. I giudici del processo possono preferire iniziare la loro analisi valutando se c'è stato un abuso del processo. Una constatazione di abuso rende superflua la valutazione del valore probatorio e dell'effetto pregiudizievole della prova.

[90] In questo contesto, elaborerò ora le caratteristiche principali di questa soluzione a due punte.

(b) Perché la Corona ha l'onere di dimostrare che il valore probatorio di una confessione del signor Big supera il suo effetto pregiudizievole?

[91] La regola probatoria di common law che ho proposto crea una presunzione di inammissibilità delle confessioni di Mr. Big e pone a carico dell'accusa l'onere di dimostrare che esse debbano essere ricevute. L'onere è giustificato a causa del ruolo centrale giocato dallo Stato nella creazione di queste confessioni. È lo Stato che progetta e attua queste operazioni, spendendo risorse significative e agendo come burattinaio nella produzione della confessione finale dell'accusato. Lo stato crea il potente mix di una confessione potenzialmente inaffidabile accompagnata da prove caratteriali pregiudizievoli. Dato il suo ruolo centrale, lo Stato dovrebbe avere la responsabilità di dimostrare che la confessione che ha orchestrato e prodotto giustifica l'ammissione come prova.

[92] Porre l'onere a carico della Corona serve anche ad affrontare le preoccupazioni relative alla condotta abusiva dello Stato. Di fronte alla realtà che la Corona sopporterà in definitiva l'onere di giustificare la ricezione di una confessione di Mr. Big, lo Stato sarà fortemente incoraggiato a procedere con cautela nel modo in cui conduce queste operazioni. Come spiegherò, la condotta della polizia è un fattore da prendere in considerazione nella valutazione dell'affidabilità di una confessione di Mr. Questo crea un forte incentivo per lo Stato a condurre queste operazioni con moderazione.

[93] L'onere ha l'ulteriore vantaggio di incoraggiare la creazione di una registrazione più completa dell'operazione. Attualmente, molte delle interazioni chiave tra gli agenti sotto copertura e l'accusato non sono registrate. Questo è problematico. Laddove sia logisticamente possibile e non metta in pericolo l'operazione stessa o la sicurezza degli agenti sotto copertura, la polizia farebbe bene a registrare le conversazioni con l'accusato. Con l'onere di dimostrare l'affidabilità posto sulla Corona, le lacune nella registrazione possono minare il caso di ammissibilità, il che incoraggerà una migliore registrazione.[6]

(c) Come viene valutato il valore probatorio?

[94] Determinare se il valore probatorio di un elemento di prova supera il suo effetto pregiudizievole richiede di impegnarsi in una "analisi costi-benefici" (R. v. Mohan, [1994] 2 S.C.R. 9, a p. 21). Cioè, i giudici del processo devono valutare "se il valore [della prova] vale quanto costa" (ibidem). Il primo passo nel condurre questo esercizio, quindi, è quello di valutare il valore della prova proposta.

Come fanno i giudici a valutare il valore delle prove? Questo richiede più che chiedere se la prova è logicamente rilevante; richiede una qualche ponderazione della prova. Dopo tutto, probatorio significa "tendente a provare una questione" e "una prova discutibile avrà meno di quella tendenza" (R. v. McIntyre, 1993 CanLII 1488 (Ont. C.A.), a p. 2). Sarebbe "artificiale" e "autolesionista" per i giudici del processo ignorare i difetti della prova durante la valutazione del suo valore (D. M. Paciocco e L. Stuesser, The Law of Evidence (6a ed. 2011), a p. 38). In generale, ciò che questo esercizio di ponderazione richiede varia a seconda delle inferenze specifiche che si vogliono trarre da una prova.

[96] Come esempio, i giudici del processo sono abitualmente chiamati a determinare l'ammissibilità delle prove degli esperti. Parte dell'indagine sull'ammissibilità comporta la valutazione del valore probatorio della prova proposta. Questo richiede di pesare le prove e valutarne l'affidabilità:

Quando si guarda al potenziale valore probatorio, si deve considerare l'affidabilità della prova. L'affidabilità riguarda non solo l'oggetto della prova, ma anche la metodologia usata dall'esperto proposto per arrivare alla sua opinione, la competenza dell'esperto e la misura in cui l'esperto si dimostra imparziale e obiettivo.

(R. v. Abbey, 2009 ONCA 624, 97 O.R. (3d) 330, al punto 87, per Doherty J.A.)

[97] Allo stesso modo, in R. v. Humaid (2006), 81 O.R. (3d) 456 (C.A.), Doherty J.A. ha affermato che una prova per sentito dire altrimenti ammissibile può essere esclusa sulla base del fatto che il suo effetto pregiudizievole supera il suo valore probatorio. Questo può verificarsi in circostanze in cui "la credibilità o l'affidabilità del narratore della dichiarazione extragiudiziale è così carente da privare la dichiarazione extragiudiziale di qualsiasi potenziale valore probatorio" (paragrafo 57). Questa Corte ha approvato questo approccio in R. v. Blackman, 2008 SCC 37, [2008] 2 S.C.R. 298, al par. 51.

[98] Indubbiamente, pesare le prove in questo modo spinge i giudici in un campo che è tipicamente riservato alla giuria. La giuria, come giudice dei fatti, è in ultima analisi responsabile della valutazione delle prove e del trarne le conclusioni. La sovrapposizione dei ruoli non può essere evitata, ma questo non è problematico finché le rispettive funzioni del giudice del processo, come guardiano, e della giuria, come giudicante, sono fondamentalmente rispettate. Nel condurre questo esercizio di ponderazione, il giudice sta solo decidendo la questione di soglia "se la prova è degna di essere ascoltata dalla giuria" e non "la questione finale se la prova debba essere accettata e agire di conseguenza" (Abbey, al paragrafo 89; vedi anche Paciocco e Stuesser, a p. 38).

[99] Tornando alle confessioni del signor Big, il loro valore probatorio deriva dalla loro affidabilità. Una confessione fornisce una potente prova di colpevolezza, ma solo se è vera. Una confessione di dubbia affidabilità ha meno forza probatoria, e nel decidere se il valore probatorio di una confessione di Mr. Big supera l'effetto pregiudizievole delle prove caratteriali che la accompagnano, i giudici devono esaminare la sua affidabilità.

[100] Quali fattori sono rilevanti nel valutare l'affidabilità di una confessione di Mr. Si può forse tracciare un parallelo con la valutazione della "soglia di affidabilità" che avviene secondo l'approccio di principio alla diceria. Secondo l'approccio di principio, la diceria diventa ammissibile quando è sia necessaria che affidabile. L'affidabilità può essere generalmente stabilita in uno dei due modi: dimostrando che la dichiarazione è degna di fiducia, o stabilendo che la sua affidabilità può essere sufficientemente testata al processo (R. v. Khelawon, 2006 SCC 57, [2006] 2 S.C.R. 787, ai paragrafi 61-63). Quest'ultima via per l'affidabilità è spesso soddisfatta attraverso l'opportunità di interrogare il dichiarante per sentito dire, ma questo non ha applicazione nel presente contesto perché l'imputato non è un testimone obbligato.

[101] Tuttavia, i fattori utilizzati per dimostrare l'attendibilità di una dichiarazione per sentito dire sono appropriati. Nel valutare l'attendibilità di una dichiarazione per sentito dire, i tribunali guardano alle circostanze in cui la dichiarazione è stata fatta, e se ci sono prove di conferma (Khelawon, ai paragrafi 62 e 100).

102] Le confessioni traggono la loro forza persuasiva dal fatto che sono contro l'interesse personale dell'accusato. Le persone normalmente non confessano crimini che non hanno commesso (Hodgson, al paragrafo 60). Ma le circostanze in cui le confessioni di Mr. Big vengono estorte possono minare questa supposizione. Quindi, il primo passo nella valutazione dell'affidabilità di una confessione di Mr. Big è quello di esaminare tali circostanze e valutare la misura in cui esse mettono in discussione l'affidabilità della confessione. Queste circostanze includono - ma non sono strettamente limitate a - la durata dell'operazione, il numero di interazioni tra la polizia e l'accusato, la natura della relazione tra gli agenti sotto copertura e l'accusato, la natura e la portata degli incentivi offerti, la presenza di eventuali minacce, la condotta dell'interrogatorio stesso, e la personalità dell'accusato, compresa la sua età, la raffinatezza e la salute mentale.

[103] Una nota speciale dovrebbe essere presa in considerazione per la salute mentale e l'età dell'accusato. Negli Stati Uniti, dove i dati empirici sulle false confessioni sono più abbondanti, i ricercatori hanno scoperto che le persone con malattie mentali o disabilità, e i giovani, presentano un rischio molto maggiore di confessare falsamente (Garrett, a p. 1064).[7] Una confessione derivante da un'operazione di Mr. Big che provenga da un giovane o da qualcuno che soffre di una malattia mentale o disabilità solleverà maggiori preoccupazioni di affidabilità.

[104] Nell'elencare questi fattori, non intendo suggerire che i giudici del processo debbano considerarli meccanicamente e spuntare una casella quando si applicano. Non è questo lo scopo dell'esercizio. Invece, i giudici del processo devono esaminare tutte le circostanze che portano e circondano il rilascio della confessione - con questi fattori in mente - e valutare se e in quale misura l'affidabilità della confessione è messa in dubbio.

[105] Dopo aver considerato le circostanze in cui la confessione è stata resa, la corte dovrebbe guardare alla confessione stessa per trovare indicatori di affidabilità. I giudici del processo dovrebbero considerare il livello di dettaglio contenuto nella confessione, se porta alla scoperta di ulteriori prove, se identifica elementi del crimine che non erano stati resi pubblici (ad esempio, l'arma del delitto), o se descrive accuratamente dettagli banali del crimine che l'imputato non avrebbe probabilmente conosciuto se non lo avesse commesso (ad esempio, la presenza o l'assenza di particolari oggetti sulla scena del crimine). La prova confermativa non è un requisito rigido e veloce, ma quando esiste, può fornire una potente garanzia di affidabilità. Quanto maggiori sono le preoccupazioni suscitate dalle circostanze in cui la confessione è stata resa, tanto più importante sarà trovare indicatori di affidabilità nella confessione stessa o nelle prove circostanti.

(d) Come si misura l'effetto pregiudizievole?

[106] Ponderare l'effetto pregiudizievole di una confessione di Mr. Big è un esercizio più semplice e familiare. I giudici devono essere consapevoli dei pericoli presentati da queste confessioni. Ammettere queste confessioni solleva lo spettro del pregiudizio morale e di ragionamento. A partire dal pregiudizio morale, la giuria viene a sapere che l'accusato voleva entrare in un'organizzazione criminale e ha commesso una serie di "crimini simulati" che credeva fossero reali. Alla fine, l'imputato è costretto a sostenere davanti alla giuria che ha mentito a Mr. Big quando si è vantato di aver commesso un crimine molto grave perché il suo desiderio di entrare nella banda era così forte. Il pregiudizio morale può aumentare con operazioni che coinvolgono l'accusato in crimini di violenza simulati, o che dimostrano che l'accusato ha una storia passata di violenza.[8] Per quanto riguarda il pregiudizio di ragionamento - definito come il rischio che l'attenzione della giuria venga distratta dalle accuse davanti alla corte - anch'esso può costituire un problema a seconda della lunghezza dell'operazione, la quantità di tempo che deve essere spesa per dettagliarla, e qualsiasi controversia sul fatto che un particolare evento o conversazione sia avvenuta.

[107] D'altra parte, il rischio di pregiudizio può essere mitigato escludendo alcune prove particolarmente pregiudizievoli che non sono essenziali alla narrazione. Inoltre, i giudici del processo devono tenere a mente che le istruzioni limitative per la giuria possono essere in grado di attenuare l'effetto pregiudizievole di queste prove.

(e) Come si confrontano il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole?

[108] Alla fine, i giudici devono soppesare il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole della confessione in questione e decidere se la Corona ha soddisfatto il suo onere. In pratica, il potenziale di pregiudizio è una variabile abbastanza costante in questo contesto. Le operazioni di Mr. Big sono fatte della stessa stoffa, e le preoccupazioni sul pregiudizio sono probabilmente simili da caso a caso. Di conseguenza, i giudici del processo spenderanno molte delle loro energie analitiche per valutare l'affidabilità delle confessioni che queste operazioni generano.

[109] Determinare quando il valore probatorio di una confessione di Mr. Big supera il suo potenziale di pregiudizio non sarà mai una scienza esatta. Come ha osservato il giudice Binnie in Handy, il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole sono due variabili che "non operano sullo stesso piano" (par. 148). Il valore probatorio riguarda "la prova di una questione", mentre l'effetto pregiudizievole riguarda "l'equità del processo" (ibidem). Per essere sicuri, ci saranno casi facili ai margini. Ma più comuni saranno i casi difficili che cadono nel mezzo. In questi casi, i giudici dovranno appoggiarsi alla loro esperienza giudiziaria per decidere se il valore di una confessione supera il suo costo.

Nonostante l'inesattezza dell'esercizio, è un esercizio per il quale i nostri giudici sono ben preparati. I giudici processuali pesano abitualmente il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole delle prove. E come menzionato, viene già chiesto loro di esaminare l'affidabilità delle prove in una serie di contesti diversi, così come l'effetto pregiudizievole delle prove di cattiva reputazione. Sono ben posizionati per fare lo stesso qui. Poiché i giudici del processo, dopo aver valutato le prove davanti a loro, sono nella posizione migliore per pesare il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole della prova, la loro decisione di ammettere o escludere una confessione di Mr. Big sarà oggetto di deferenza in appello.

(f) Qual è il ruolo della dottrina dell'abuso del processo?

[111] La regola delle prove che ho proposto va molto lontano nell'affrontare tutte e tre le preoccupazioni sollevate dalle operazioni di Mr. Essa affronta in modo adeguato i problemi che essi sollevano con l'affidabilità e il pregiudizio. E tiene conto in modo significativo della preoccupazione relativa alla cattiva condotta della polizia sia ponendo l'onere dell'ammissibilità a carico dell'accusa, sia inserendo la condotta della polizia nella valutazione del valore probatorio di una confessione di Mr.

[112] Tuttavia, non dovrei essere portato a suggerire che la cattiva condotta della polizia sarà perdonata fino a quando una confessione dimostrabilmente affidabile sarà ottenuta alla fine. Questo stato di cose sarebbe inaccettabile, poiché questa Corte ha da tempo riconosciuto che ci sono "limiti intrinseci" al potere dello Stato di "manipolare persone ed eventi allo scopo di . . . ottenere condanne" (R. v. Mack, [1988] 2 S.C.R. 903, a p. 941).

[113] A mio avviso, è qui che la dottrina dell'abuso del processo deve servire il suo scopo. Dopo tutto, la dottrina è intesa a vigilare contro la condotta statale che la società trova inaccettabile, e che minaccia l'integrità del sistema giudiziario (R. v. Babos, 2014 SCC 16, [2014] 1 S.C.R. 309, al par. 35). Inoltre, la dottrina fornisce ai giudici del processo un'ampia discrezionalità per emettere un rimedio - compresa l'esclusione delle prove o una sospensione del procedimento - quando ciò sia necessario per preservare l'integrità del sistema giudiziario o l'equità del processo (ibid., al paragrafo 32). L'onere di dimostrare che si è verificato un abuso del processo spetta all'imputato.

[114] Riconosco che, finora, la dottrina ha fornito poca protezione nel contesto delle operazioni di Mr. Ciò può essere dovuto in parte alla decisione di questa Corte in R. v. Fliss, 2002 SCC 16, [2002] 1 S.C.R. 535, dove Binnie J., scrivendo per la maggioranza, ha descritto la tecnica Mr. Big come "abile lavoro di polizia" (par. 21). Ma la soluzione, a mio parere, è di rinvigorire la dottrina in questo contesto, non di cercare un quadro alternativo per difendersi dallo stesso problema. Il primo passo verso il ripristino della dottrina come guardia efficace contro la cattiva condotta della polizia in questo contesto è quello di ricordare ai giudici dei processi che queste operazioni possono diventare abusive, e che essi devono esaminare attentamente il modo in cui la polizia le conduce.

E' ovviamente impossibile stabilire una formula precisa per determinare quando un'operazione di Mr. Queste operazioni sono troppo varie perché si possa applicare una regola chiara. Ma c'è una linea guida che può essere suggerita. Le operazioni Mr. Big sono progettate per indurre confessioni. La semplice presenza di incentivi non è problematica (Oickle, par. 57). Ma la condotta della polizia, inclusi gli incentivi e le minacce, diventa problematica in questo contesto quando si avvicina alla coercizione. Nel condurre queste operazioni, non si può permettere alla polizia di superare la volontà dell'accusato e costringerlo a confessare. Ciò equivarrebbe quasi certamente ad un abuso del processo.

[116] La violenza fisica o le minacce di violenza sono esempi di tattiche coercitive della polizia. Una confessione derivata dalla violenza fisica o da minacce di violenza contro un imputato non sarà ammissibile - non importa quanto affidabile - perché questo, molto semplicemente, è qualcosa che la comunità non tollererà (si veda, ad esempio, R. v. Singh, 2013 ONCA 750, 118 O.R. (3d) 253).

[117] La violenza e le minacce di violenza sono due forme di coercizione inaccettabili. Ma le operazioni di Mr. Big possono diventare coercitive anche in altri modi. Le operazioni che sfruttano le vulnerabilità dell'accusato - come i problemi di salute mentale, le dipendenze da sostanze o la giovane età - sono anch'esse altamente problematiche (vedi Mack, a p. 963). Approfittare di queste vulnerabilità minaccia l'equità del processo e l'integrità del sistema giudiziario. Come questa Corte ha detto in molte occasioni, una cattiva condotta che offende il senso di correttezza e decenza della comunità equivarrà a un abuso del processo e garantirà l'esclusione della dichiarazione.

[118] Mentre la coercizione è un fattore importante da considerare, non escludo la possibilità che Mr. Big Operations possa diventare abusivo in altri modi. I fattori che ho delineato, pur non essendo identici, sono simili a quelli delineati in Mack, con i quali i giudici del processo hanno una buona familiarità (p. 966). Alla fine della giornata, c'è solo una guida che può essere fornita. Ai nostri giudici processuali è stato a lungo affidato il compito di identificare gli abusi del processo e non ho motivo di dubitare della loro capacità di fare lo stesso in questo contesto.

(g) Perché usare questo duplice approccio?

[119] Come abbiamo visto, le operazioni di Mr. Big sollevano tre preoccupazioni interconnesse - affidabilità, pregiudizio e cattiva condotta della polizia. Ho proposto due test separati che, presi insieme, li affrontano tutti e tre.

[120] La ragione di ciò risiede nei problemi analiticamente distinti che le tre preoccupazioni sollevano. L'affidabilità e il pregiudizio sono fondamentalmente questioni probatorie. Riguardano la qualità delle prove che queste operazioni producono. Infatti, non emergono affatto come problemi fino a quando una confessione di Mr. Big non viene ammessa al processo. La preoccupazione che la polizia possa impegnarsi in una cattiva condotta, al contrario, si concentra sul comportamento dello Stato nel raccogliere le prove. Per essere sicuri, c'è una significativa sovrapposizione tra le preoccupazioni. La cattiva condotta della polizia ha maggiori probabilità di produrre una confessione inaffidabile. Ma la sovrapposizione non è perfetta. Per esempio, una confessione estorta durante un'operazione di Mr. Big dove non c'è stata cattiva condotta può comunque rivelarsi inaffidabile e pregiudizievole. Allo stesso modo, una confessione che è il prodotto di una cattiva condotta può rivelarsi affidabile. Quindi, per tenere completamente conto di entrambe le questioni, sono necessari due strumenti giuridici - uno che guardi direttamente alle prove, e uno che serva da controllo sulla condotta della polizia.

[121] Mi sono rivolto a una regola di common law sulle prove per affrontare le preoccupazioni che queste confessioni sollevano in merito all'affidabilità e al pregiudizio. Senza dubbio, le prove inaffidabili e pregiudizievoli implicano i diritti della Carta, compreso il diritto a un processo equo e la presunzione di innocenza. Ma le nostre regole di common law sulle prove sono, e devono essere, in grado di proteggere i diritti costituzionali dell'imputato. È assiomatico che la common law debba essere sviluppata in modo coerente con i valori fondamentali sanciti dalla Carta (vedi RWDSU v. Dolphin Delivery Ltd., [1986] 2 S.C.R. 573, a p. 603). Le nostre regole sulle prove hanno abbracciato questo imperativo costituzionale e si sono evolute in strumenti di principio e flessibili che sono "altamente sensibili agli interessi del giusto processo dell'accusato" (D. Paciocco, "Charter Tracks: Twenty-Five Years of Constitutional Influence on the Criminal Trial Process and Rules of Evidence" (2008), 40 S.C.L.R. (2d) 309, a p. 311). La regola di common law sulle prove che ho proposto si adatta comodamente all'approccio di questa Corte nell'era post-Charter.

[122] Per affrontare la preoccupazione relativa alla cattiva condotta della polizia, mi sono rivolto alla dottrina dell'abuso del processo. Ciò ha senso perché, come detto, la dottrina è intesa a proteggere dalla cattiva condotta dello Stato che minaccia l'integrità del sistema giudiziario e l'equità dei processi. Inoltre, una forma di abuso del processo ha fornito a lungo una protezione residua contro le tattiche scorrette della polizia nel contesto degli interrogatori di polizia convenzionali (vedi Oickle, ai paragrafi. 65-67; Rothman v. The Queen, [1981] 1 S.C.R. 640, a p. 697). La dottrina è quindi adatta a fornire un controllo contro la cattiva condotta della polizia in questo contesto.

[123] Il duplice approccio che ho articolato è anche coerente con le esigenze del principio contro l'autoincriminazione. Il principio contro l'autoincriminazione ha due scopi: proteggere da una condotta statale abusiva e proteggere da confessioni inaffidabili (Hebert, a p. 175; R. v. Jones, [1994] 2 S.C.R. 229, a p. 250). Queste protezioni derivano dal "valore attribuito dalla società canadese alla privacy individuale, all'autonomia personale e alla dignità" (White, par. 43). Tuttavia, il principio non agisce come una protezione legale indipendente. Piuttosto, il principio è un "principio organizzativo generale del diritto penale da cui possono essere derivate regole particolari" (Jones, a p. 249). Quando la sua logica sottostante suggerisce che una protezione legale è necessaria in un contesto specifico, ma la legge non ne prevede alcuna, il principio può essere usato per creare una nuova regola "sensibile al contesto" per affrontare la lacuna nella legge (White, par. 45).[9] A mio parere, la regola di common law sulle prove che ho proposto agisce, insieme alla dottrina dell'abuso, come un'altra specifica protezione legale che deriva dal principio generale e dalla sua logica sottostante.

[124] A differenza del mio collega Karakatsanis J., non risponderei alle preoccupazioni che le confessioni del signor Big sollevano sottoponendole ad una valutazione secondo il quadro sviluppato da questa Corte in White. E' vero che il test White è stato utilizzato per determinare se l'ammissione di una classe di dichiarazioni fatte da un imputato sotto costrizione legale avrebbe offeso il principio contro l'autoincriminazione[10], ma White non ha trasformato il principio contro l'autoincriminazione da un principio organizzativo generale in una regola giuridica a sé stante. Al contrario, la Corte fu attenta a notare che il principio forniva solo "protezioni residue" in assenza di "specifiche norme di common law e della Carta", esistenti o nuove (paragrafi 44-45). A questo proposito, la Corte in White ha osservato che il principio "richiede cose diverse in tempi diversi" e che il compito in ogni caso è "determinare esattamente ciò che il principio richiede, se esiste, nel particolare contesto in questione" (ibid.).

[125] Così i fattori generali identificati in White sono meglio intesi in quanto servono ad illustrare che le operazioni di Mr. Big sollevano preoccupazioni per il principio contro l'autoincriminazione. Ma White non ci dice cosa richiede il principio in questo contesto, né ci aiuta a modellare una risposta appropriata. Questo compito può essere realizzato solo - come White stesso ha contemplato - adattando il duplice approccio di una regola probatoria di common law e la dottrina dell'abuso del processo, per affrontare le particolari preoccupazioni sollevate dalle operazioni di Mr. Questo è il modo in cui la regola delle confessioni e il diritto al silenzio operano per affrontare le preoccupazioni di autoincriminazione che sorgono durante gli interrogatori di polizia convenzionali e durante la detenzione. Ed è così che il mio approccio su due fronti affronta le sfide poste dalle operazioni di Mr.

(4) Applicazione ai fatti

(a) L'ammissibilità delle confessioni dell'imputato

[126] Durante l'operazione Mr. Big, l'imputato ha confessato in tre diverse occasioni: il 10 aprile, il 9 giugno e l'11 giugno 2005. Queste confessioni - e in particolare le confessioni del 9 e 11 giugno - sono state il cuore del caso della Corona contro l'imputato al processo. Guidato dal quadro giuridico che ho proposto, devo decidere se queste confessioni sono state correttamente ammesse come prova.

[127] All'inizio, riconosco che queste ragioni riformulano il test per determinare l'ammissibilità delle confessioni del signor Big. Non sorprende che il giudice del processo non abbia applicato questo test nel determinare l'ammissibilità delle confessioni del convenuto. Inoltre, le argomentazioni nei tribunali sottostanti e davanti a questa Corte, non hanno affrontato in modo chiaro se le confessioni del convenuto dovessero essere ammesse secondo questo quadro.

[128] Ciononostante, sono del parere che questa Corte sia in grado di decidere se le dichiarazioni dell'imputato siano state correttamente ammesse - e che dovremmo farlo. Anche se il test preciso per determinare l'ammissibilità delle confessioni del signor Big è cambiato, le questioni non sono cambiate. L'affidabilità delle confessioni dell'imputato, il loro potenziale di pregiudizio, e la condotta della polizia nel condurre questa operazione Mr. Big sono stati in questione fin dall'inizio. Le parti hanno affrontato queste questioni e c'è una documentazione sostanziale davanti a noi.

Né l'applicazione di questo test richiede il ribaltamento delle conclusioni di fatto del giudice del processo. I dettagli dell'operazione Mr. Big che è stata condotta in questo caso non sono in discussione. Nel valutare l'ammissibilità delle confessioni dell'imputato, le motivazioni del giudice si sono concentrate sulla condotta minacciosa e intimidatoria degli agenti sotto copertura. Il giudice ha constatato che l'imputato non è stato minacciato dagli agenti (si veda, ad esempio, il paragrafo 65). Valutare l'ammissibilità delle confessioni dell'imputato richiede semplicemente di analizzare i fatti incontrovertibili attraverso una lente diversa - quella della regola di common law sulle prove che ho proposto.

[130] Inoltre, questo procedimento è stato difficile e prolungato. È passato quasi un decennio da quando il convenuto è stato arrestato e accusato dell'omicidio delle sue figlie. Le preoccupazioni per la salute mentale dell'imputato hanno portato alla nomina di amicus curiae presso questa Corte e la Corte d'appello. Ordinare un nuovo processo e lasciare che l'ammissibilità delle confessioni dell'imputato sia determinata da un nuovo giudice sarebbe come rimandare questo caso al punto di partenza. A mio parere, ciò non sarebbe nell'interesse della giustizia.

(i) Le confessioni del 9 giugno e dell'11 giugno 2005

[131] La confessione del 9 giugno è stata estorta dal signor Big durante il suo incontro con il convenuto. La confessione dell'11 giugno è una breve rievocazione di come è avvenuto l'annegamento. Come menzionato, queste confessioni erano critiche per il caso della Corona contro l'imputato. Poiché la rievocazione è seguita alla confessione dell'imputato al signor Big, queste confessioni sono intrecciate e considererò la loro ammissibilità insieme.

[132] Il primo passo è quello di fare il punto sul valore probatorio di queste confessioni, che dipende da una valutazione della loro affidabilità. Ciò richiede di considerare le circostanze in cui le confessioni sono state fatte, e se le confessioni contengono qualche indicatore di affidabilità.

[133] Passando in primo luogo alle circostanze in cui queste confessioni sono state fatte, sono del parere che le circostanze gettano seri dubbi sull'affidabilità delle confessioni dell'imputato. Al momento dell'inizio dell'operazione Mr. Big, l'imputato era socialmente isolato, disoccupato e viveva con l'assistenza sociale. Nei quattro mesi successivi, l'operazione Mr. Big ha trasformato la vita dell'imputato, diventandone il punto focale. L'intervistato ha partecipato a 63 "scenari" in cui ha lavorato con agenti sotto copertura. Aveva anche un contatto telefonico quasi quotidiano con due di questi agenti, Jim e Paul, che divennero i suoi amici più cari. Anche quando l'intervistato non lavorava con gli agenti sotto copertura, gran parte del suo tempo era dedicato al lavoro assegnatogli dall'organizzazione fittizia. Passava lunghe ore guidando attraverso Terranova, passando notti in hotel, mentre consegnava pacchi e carichi misteriosi. A detta di tutti, si trattava di un'operazione lunga e intensa.

[134] Con questa trasformazione della vita dell'intervistato arrivarono potenti incentivi. Finanziariamente, l'operazione Mr. Big ha sollevato l'imputato dalla povertà. Gli agenti sotto copertura hanno pagato l'imputato oltre 15.000 dollari in contanti per il suo lavoro. E gli promisero ricompense finanziarie molto maggiori in futuro se fosse stato ammesso nell'organizzazione; gli agenti sotto copertura gli fecero contare centinaia di migliaia di dollari in contanti, e gli dissero che sarebbe arrivato un giorno di paga di 25.000 dollari se gli fosse stato permesso di partecipare a un imminente "grande lavoro". Ci fu un corrispondente cambiamento nello stile di vita dell'intervistato. Cene in ristoranti costosi divennero comuni. Paul comprava all'intervistato nuovi vestiti da indossare, e l'intervistato contava su Paul per insegnargli come comportarsi durante le loro cene, poiché cenare in ristoranti costosi era "tutto nuovo per lui" e spesso si sentiva a disagio.

[135] L'intervistato attestò il forte impatto di questi incentivi finanziari all'inizio del suo incontro con Mr. Big, dicendo al boss del crimine che la sua vita era stata "davvero dura" prima di iniziare a lavorare per l'organizzazione, e che non era stato in grado di permettersi nemmeno un letto per dormire. Disse a Mr. Big che era venuto dal "nulla", che lavorare per l'organizzazione lo aveva tirato fuori da quelle terribili circostanze, e che non avrebbe "mai e poi mai dimenticato" quanto erano stati buoni con lui.

[136] Allettante almeno quanto gli incentivi finanziari offerti all'intervistato era la promessa di amicizia che veniva dal lavorare per l'organizzazione criminale. Gli agenti sotto copertura - consapevoli dell'isolamento sociale del convenuto - hanno cercato di diventare il suo "migliore amico". All'inizio dell'operazione, gli agenti hanno tramato per separare l'imputato da sua moglie, dicendogli che lei non poteva accompagnarlo mentre viaggiava attraverso il paese lavorando per l'organizzazione.

[137] Con notevole facilità, gli agenti si sono rapidamente e profondamente inseriti nella vita dell'intervistato. All'inizio di aprile, a meno di due mesi completi dall'inizio dell'operazione, l'imputato disse a Jim e Paul che erano come fratelli per lui e che li amava - un sentimento che avrebbe ripetuto per tutto il resto dell'operazione. In effetti, l'intervistato predicava che la lealtà verso questa "famiglia" era per lui più importante del denaro.

[138] La profondità dell'impegno dell'imputato verso l'organizzazione e gli agenti sotto copertura non può essere esagerata. L'intervistato chiamava costantemente i suoi amici - Jim e Paul - in cerca di lavoro, e aspettava con ansia i loro incontri programmati. Disse agli agenti che stava progettando di lasciare Terranova per poter lavorare a tempo pieno per l'organizzazione. Ha persino dichiarato di essere disposto a lasciare la moglie se questo fosse stato necessario per unirsi all'organizzazione. E quando fu finalmente arrestato il 13 giugno, la prima richiesta di aiuto del convenuto fu naturalmente rivolta a Jim.

[139] Fu in queste circostanze che l'intervistato confessò a Mr. Big e partecipò alla ricostruzione. Quando entrò nel loro incontro del 9 giugno, il convenuto sapeva che il suo biglietto per uscire dalla povertà e dall'isolamento sociale era in gioco. Jim lo ha implorato di essere "onesto" con il capo. All'inizio dell'interrogatorio, Mr. Big ha sottolineato l'importanza dell'onestà, dicendo all'intervistato che "nel momento in cui la fiducia viene meno... tutto è perduto". La conversazione si è rapidamente spostata sulla morte delle figlie dell'imputato, e Mr. Big ha immediatamente affermato che l'imputato le aveva uccise. Quando l'intervistato negò e affermò di aver avuto un attacco epilettico, Mr. Big liquidò questa spiegazione in modo superficiale come una bugia: "No, non mentirmi... non andare con la storia dell'attacco... Mi stai mentendo su questo ok".

[140] Le circostanze lasciarono l'intervistato con una scelta difficile: confessare a Mr. Big o essere considerato un bugiardo dall'uomo a capo dell'organizzazione a cui voleva disperatamente unirsi. A mio parere, queste circostanze, considerate nel loro insieme, presentavano all'imputato un incentivo schiacciante a confessare - sia sinceramente che falsamente.

[141] Avendo determinato che le circostanze in cui queste confessioni sono state fatte gettano seri dubbi sull'affidabilità delle confessioni dell'imputato, la prossima questione è se queste confessioni contengono qualche indicatore di affidabilità. A mio avviso, non ne contengono.

[142] In primo luogo, la descrizione dell'imputato su come è stato commesso il crimine è alquanto incoerente. Nel suo incontro con il signor Big, l'imputato ha iniziato negando di aver ucciso le sue figlie. Più tardi, disse che erano "cadute" in acqua. Dopo ulteriori pressioni da parte di Mr. Big, l'imputato ha affermato di aver spinto le figlie in acqua colpendole con la spalla. Ma quando partecipò alla rievocazione con Jim due giorni dopo, la sua spiegazione cambiò di nuovo. Quando Jim si inginocchiò accanto all'intervistato e gli chiese di dimostrare come aveva spinto le sue figlie, l'intervistato gli diede una gomitata con il ginocchio. Ha dovuto usare il ginocchio perché Jim, inginocchiato, non era abbastanza alto perché l'intervistato potesse spingere con la spalla. Lo stesso sarebbe stato senza dubbio vero per i suoi figli piccoli.

[143] Più importante di queste incongruenze è la completa mancanza di prove di conferma. Date le particolari circostanze del caso, questo non è sorprendente. La questione è sempre stata se le figlie del convenuto siano annegate accidentalmente o siano state uccise. Non c'è mai stato alcun dubbio che l'imputato fosse presente quando le figlie sono entrate in acqua. Tutti i dettagli oggettivamente verificabili della confessione dell'imputato (ad esempio, la sua conoscenza del luogo dell'annegamento) derivano dalla sua presenza riconosciuta al momento in cui l'annegamento è avvenuto.

[144] Quando le circostanze in cui le confessioni dell'imputato sono state fatte sono considerate insieme alle loro incoerenze interne e alla mancanza di qualsiasi prova di conferma, la loro affidabilità è lasciata in serio dubbio, e sono costretto a concludere che il loro valore probatorio è basso.

[145] D'altra parte, queste confessioni - come tutte le confessioni di Mr. Big - portano con sé un evidente potenziale di pregiudizio. La giuria ha ascoltato ampie prove che - per quattro mesi - l'imputato ha dedicato tutta la sua vita a cercare di entrare in una banda criminale. Hanno sentito che ha ripetutamente partecipato a quelli che pensava fossero atti criminali, compreso il trasporto di beni rubati e il contrabbando di alcol. In un'occasione, lui e Jim, indossando passamontagna, entrarono in un'auto per rubare un pacco da essa. Alla giuria è stato ripetutamente detto che l'imputato si era descritto come "senza limiti", e che avrebbe fatto qualsiasi cosa "purché ci fosse la fiducia". Ed è facile capire come la giuria potesse arrivare a vedere l'imputato con disprezzo. Qui c'era un uomo che si vantava di aver ucciso le sue figlie di tre anni per ottenere l'approvazione di un gruppo di criminali. Il potenziale di pregiudizio morale in queste circostanze era significativo.

[146] Confrontando il valore probatorio e l'effetto pregiudizievole di queste confessioni mi porta a concludere che il loro limitato valore probatorio è superato dal loro effetto pregiudizievole. Detto semplicemente, queste confessioni non valgono il rischio che comportano. A mio avviso, sarebbe pericoloso basare una condanna su queste prove.

(ii) La confessione del 10 aprile

[147] Arrivo alla stessa conclusione per quanto riguarda la presunta confessione del 10 aprile dell'imputato. Anche questa confessione soffre di seri problemi di affidabilità. Sebbene non sia stata richiesta, è avvenuta durante una conversazione in cui l'imputato e Jim si stavano vantando della loro volontà di esercitare la violenza. A questo punto, l'intervistato era già sotto l'incantesimo di potenti incentivi finanziari e sociali. La confessione è arrivata dopo due mesi e più di 30 scenari con agenti sotto copertura, in un momento in cui l'imputato aveva già iniziato a professare il suo amore per Jim e Paul. È importante notare che la confessione stessa non contiene alcun dettaglio - equivale a un'asserzione senza sostanza da parte dell'imputato che ha ucciso le sue figlie e che l'ha "pianificato". Infine, la confessione non è stata registrata e l'imputato nega di averla fatta, il che rende solo più difficile valutare il suo valore probatorio. D'altra parte, ammettere questa confessione come prova porta con sé tutti i pregiudizi che ho già discusso. A mio parere, il valore probatorio di questa confessione non supera il suo effetto pregiudizievole.

(b) Abuso del processo

[148] Data la mia conclusione che le confessioni del convenuto devono essere escluse secondo la legge comune, non è necessario considerare se la condotta della polizia in questo caso sia stata un abuso del processo. Ma non si può negare che si sia trattato di un'operazione di Mr. Big estremamente intensa, che ha fatto leva sulla povertà e l'isolamento sociale dell'imputato. Inoltre, l'imputato ha avuto un attacco davanti a un agente sotto copertura. Le crisi passate dell'imputato avevano fatto sì che la sua patente fosse sospesa per proteggersi dal rischio che una crisi gli causasse un incidente durante la guida. Tuttavia, l'operazione è continuata dopo questo sequestro, e gli agenti sotto copertura hanno continuato a inviare l'imputato per lunghe distanze su strade pubbliche al fine di effettuare consegne per l'organizzazione criminale fittizia. L'imputato sostiene che questo ha messo a rischio la sua sicurezza e quella del pubblico, e che questo comportamento giustifica l'esclusione delle confessioni.

[149] Senza dubbio, la condotta della polizia in questo caso solleva preoccupazioni significative, e potrebbe anche equivalere a un abuso del processo. Tuttavia, non è così che la questione è stata presentata al processo. Al processo, l'imputato ha contestato la condotta minacciosa e intimidatoria degli agenti, e il giudice ha respinto questi argomenti. Dato questo e il fatto che non c'è bisogno di decidere la materia, non credo che questo sia un caso adatto per decidere se un abuso di processo è stato stabilito.

VI. Disposizione

[150] La Corte d'appello ha escluso le confessioni del 9 e 11 giugno del convenuto e ha annullato le sue condanne. Ha ordinato un nuovo processo sulla base del fatto che la confessione del 10 aprile dell'imputato era ammissibile e che ha fornito una "scheggia" di prova sulla quale una giuria potrebbe condannare l'imputato per omicidio (par. 258).

[151] Ho concluso che anche la confessione del 10 aprile deve essere esclusa. Come tale, è dubbio che rimanga una prova ammissibile sulla quale una giuria, correttamente istruita e che agisce ragionevolmente, potrebbe condannare. Tuttavia, la decisione finale su come procedere spetta alla Corona. Di conseguenza, respingerei l'appello.

Le seguenti sono le motivazioni espresse da

Cromwell J. - Sono d'accordo con l'analisi del mio collega Moldaver J. sul quadro giuridico che dovrebbe applicarsi alle dichiarazioni ottenute da persone accusate a seguito delle operazioni di "Mr. Big". Sono anche d'accordo con la sua analisi della questione se il giudice abbia commesso un errore di diritto nel suo approccio alla richiesta dell'imputato di poter testimoniare con il pubblico escluso dall'aula. Il mio unico punto di disaccordo con il mio collega è rispetto al fatto che questa Corte debba decidere se le dichiarazioni del signor Hart agli agenti sotto copertura siano ammissibili. A mio parere, non dovremmo. Pertanto, confermerei l'ordine della Corte d'Appello per un nuovo processo, ma lascerei la questione dell'ammissibilità delle dichiarazioni al giudice del processo, da decidere in conformità con il quadro esposto nelle ragioni di Moldaver J. Giungo a questa conclusione per quattro ragioni.

[153] In primo luogo, abbiamo in questo documento tre versioni dello stesso signor Hart su ciò che è successo ai bambini. Una è che fu preso dal panico. Questa è la versione che ha ostinatamente mantenuto sotto un ampio e impegnativo interrogatorio della polizia. La seconda è che ha avuto un attacco epilettico. Il signor Hart contattò la polizia, disse loro che non era stato sincero con loro nei suoi precedenti interrogatori e raccontò questa versione degli eventi. La terza versione è che li ha deliberatamente uccisi, la versione che il signor Hart ha raccontato agli agenti sotto copertura - presumibilmente due volte - durante l'operazione Mr. Big.

[154] A mio parere, è nell'interesse della corretta amministrazione della giustizia che l'eventuale coinvolgimento del signor Hart nella morte di questi bambini indifesi sia determinato in un processo, applicando il corretto quadro giuridico, che abbiamo ora stabilito.

[155] In secondo luogo, la Corte stabilisce oggi, per la prima volta, un quadro completo per trattare l'ammissibilità delle dichiarazioni ottenute nel corso delle operazioni del signor Big. Questo quadro è significativamente diverso da quello avanzato per conto del signor Hart al processo e considerato dal giudice del processo e anche dall'approccio adottato dalla maggioranza della Corte d'appello. A mio rispettoso parere, è fondamentalmente ingiusto per una corte d'appello applicare questo nuovo quadro legale al record probatorio sviluppato al processo, un record sviluppato per affrontare questioni legali marcatamente diverse. La Corona ha presentato, e non è affatto implausibile, che se la questione della vulnerabilità, per esempio, fosse stata avanzata al processo, la Corona avrebbe addotto prove aggiuntive e diverse: trascrizione, alle pp. 32-34.

[156] In terzo luogo, anche se le questioni legali in relazione all'ammissibilità delle dichiarazioni del signor Hart sono diverse alla luce della nostra presa di posizione in questo caso, le conclusioni fatte dal giudice del processo mi convincono comunque che non sarebbe saggio per questa Corte tentare di applicare questo nuovo quadro alla documentazione esistente.

[157] Al processo, il signor Hart ha sostenuto che era "intimidito, spaventato e si sentiva intrappolato nella sua capacità di uscire" e che il suo motivo per mentire sull'aver ucciso i suoi figli era "il denaro, le amicizie che aveva creato con gli operatori sotto copertura, lo stile di vita e la possibilità di uscire da Terranova": motivazioni voir dire del giudice del processo, 2007 NLTD 74, 265 Nfld. & P.E.I.R. 266, al para. 33. Il signor Hart ha sostenuto al processo che le sue dichiarazioni sono derivate da minacce implicite, coercizioni e coercizione psicologica: ibidem, al par. 42.

[158] Il giudice del processo, che aveva il vantaggio di vedere e sentire i testimoni, compreso il signor Hart, respinse categoricamente queste affermazioni come prive di fondamento in fatto. Il giudice ha constatato come fatto che al signor Hart fu offerta la possibilità di interrompere il suo coinvolgimento in qualsiasi momento: "[h]ebbe numerose possibilità di lasciare l'operazione, ma non fece alcuno sforzo per farlo" (motivazioni del voir dire, al paragrafo 61). Infatti, il signor Hart, secondo il giudice del processo, "ha continuato a mostrare la sua volontà di essere più coinvolto e di correre maggiori rischi. . . . Il signor Hart voleva lavorare e faceva continuamente pressione [sugli agenti sotto copertura] per avere più lavoro al di fuori di Terranova": ibidem, ai par. 59 e 61.

[159] Il giudice del processo considerò anche la posizione del signor Hart che le sue dichiarazioni dovevano essere escluse perché non soddisfacevano i requisiti di soglia di affidabilità. Le dichiarazioni, sostenne il signor Hart, erano il risultato di minacce e intimidazioni implicite e si verificarono nel contesto del pagamento di lui per svolgere attività illegali. Alla luce di tutte queste circostanze, le dichiarazioni non soddisfacevano la soglia di affidabilità richiesta per l'ammissione.

[160] Il giudice del processo respinse queste argomentazioni: ragioni del voir dire, ai paragrafi. 136-42. Fece riferimento alle sue precedenti conclusioni che non c'era intimidazione o coercizione. Trovò anche che il motivo di mentire avanzato dal signor Hart non aveva senso. Perché il signor Hart avrebbe rischiato di essere colto nella sua stessa bugia al "capo" nel tentativo di guadagnare la fiducia dell'organizzazione, dopo essere stato avvertito di quali sarebbero state le conseguenze di mentire poco prima dell'intervista (paragrafo 138)? Come ha spiegato il giudice del processo:

E' vero che il signor Hart voleva entrare nell'organizzazione e aveva un motivo per mentire, ma c'era una ragione per lui di confessare con il "capo", specialmente quando confessare significava che ogni potenziale problema che il signor Hart poteva avere poteva essere eliminato proprio dalla persona a cui stava dicendo il problema. È interessante notare che il signor Hart è andato in un negozio WalMart e si è messo davanti a una videocamera per farsi fotografare a un orario stabilito. Questo tempo designato doveva essere il momento in cui un particolare individuo che aveva assistito all'annegamento avrebbe dovuto essere preso in carico da uno dei membri della banda criminale.

Lo scopo della foto era di fornire un alibi al signor Hart per quanto riguarda la cura dell'individuo che presumibilmente aveva visto il signor Hart commettere il crimine. [paras. 140-41]

[161] Infine, c'è la prova che circa a metà dell'operazione Mr. Big, Mr. Hart, per stabilire la sua capacità di fare ciò che gli sarebbe stato richiesto, disse a un agente sotto copertura che aveva deliberatamente ucciso le sue figlie. Questa è la dichiarazione del 10 aprile 2005. La prova fu che il signor Hart mostrò all'agente una foto delle gemelle e disse che erano sangue del suo sangue, ma che lui le aveva uccise e lo aveva pianificato: 2012 NLCA 61, 327 Nfld. & P.E.I.R. 178, per Barry J.A., al para. 10. Il signor Hart ha negato di aver fatto questa dichiarazione nella sua prova voir dire. Non è chiaro a me che questa dichiarazione inevitabilmente sarebbe esclusa ad un nuovo processo sul quadro che governa l'ammissibilità stabilito nelle ragioni del J. di Moldaver. Naturalmente, se dichiarata ammissibile, spetterebbe alla giuria decidere se il signor Hart ha fatto questa dichiarazione e quale peso, se del caso, darle. La Corte d'Appello ha rifiutato di escludere questa dichiarazione, lasciando che la sua ammissibilità fosse determinata in un nuovo processo: paragrafo 258. Sono d'accordo con questa conclusione.

[162] A mio rispettoso avviso, l'ammissibilità delle dichiarazioni dell'imputato agli agenti sotto copertura dovrebbe essere determinata in un nuovo processo, dove le parti e il giudice avranno il beneficio del nuovo quadro stabilito nelle motivazioni di Moldaver J. e potranno concentrare le loro prove e argomentazioni di conseguenza.

[163] Di conseguenza, respingo l'appello.

Di seguito le ragioni pronunciate da

Karakatsanis J. -

I. Introduzione

[164] La tecnica Mr. Big è un'innovazione canadese che si è dimostrata efficace nel risolvere indagini criminali intrattabili. Durante una tipica operazione Mr. Big, gli agenti di polizia sotto copertura fanno amicizia con il sospettato e lo introducono in un'organizzazione criminale fittizia. Col tempo, si assicurano la sua lealtà e fiducia. Alla fine, presentano l'obiettivo al leader dell'organizzazione, che gli chiede di ammettere il suo coinvolgimento nel reato su cui la polizia sta indagando.

[165] Tuttavia, le operazioni di Mr. Big comportano notevoli pericoli. La realtà artificiale dettagliata creata dall'operazione è appositamente manipolata e può compromettere l'autonomia e la dignità umana del sospettato. Inoltre, la tecnica genera un rischio significativo di false confessioni, poiché un individuo che è sotto pressione per confessare può fare o dire qualsiasi cosa per compiacere Mr. Big ed evitare di perdere la sua nuova vita. La tecnica coinvolge il bersaglio in una rete di prove pregiudizievoli che possono minare la correttezza del processo. Infine, l'uso illimitato di questa tattica rischia una condotta statale abusiva, dato che la polizia dedica notevoli risorse alla manipolazione di sospetti che si presume siano innocenti.

[166] Le confessioni del signor Big non rientrano nelle norme tradizionali che regolano le confessioni allo Stato, come la regola delle confessioni o il diritto al silenzio. Il mio collega Moldaver J. affronterebbe quindi l'ammissibilità delle confessioni del signor Big creando una nuova regola di prova secondo il diritto comune. Secondo questa regola, le confessioni di Mr. Big sono inammissibili a meno che la Corona stabilisca che il valore probatorio della confessione (tenendo conto della sua affidabilità) supera il suo effetto pregiudizievole. Egli lascerebbe le preoccupazioni sulla condotta dello Stato alla dottrina dell'abuso del processo.

[167] Temo che la regola di common law proposta non riesca a prendere coerentemente in considerazione preoccupazioni più ampie che sorgono quando gli agenti statali generano una confessione a costo della dignità umana, dell'autonomia personale e dell'amministrazione della giustizia. Queste preoccupazioni sono riconosciute nella nostra giurisprudenza in materia di confessioni allo Stato e sono alla base del principio contro l'autoincriminazione.

[168] A mio parere, la Carta canadese dei diritti e delle libertà fornisce il quadro analitico appropriato per regolare le operazioni di Mr. Big a causa del ruolo centrale dello Stato nel generare la confessione. Queste operazioni sollevano tre preoccupazioni vitali: l'affidabilità delle prove generate, l'autonomia dei sospetti e il potenziale di abuso del potere statale. Inoltre, la tecnica crea prove di propensione criminale che possono minare l'equità del processo. Il principio contro l'autoincriminazione, ai sensi dell'articolo 7 della Carta, fornisce una protezione completa e flessibile in tali circostanze.

[169] In questo caso, l'imputato, il signor Hart, era sospettato di aver annegato le sue figlie. Più di due anni dopo, la polizia ha intrapreso un'intensa operazione di mesi in cui ha sfruttato la sua povertà e l'isolamento sociale offrendogli nuove esperienze: lavoro lucrativo, amicizia e un senso di autostima. L'intervistato è stato indotto a credere che per continuare questa vita, doveva confessare a "Mr. Big". L'indagine e la conseguente confessione dimostrano i gravi rischi di queste operazioni. La polizia ha usato il suo strapotere e le sue risorse per creare una realtà alternativa e per ottenere una confessione di dubbia affidabilità attraverso un'operazione dall'impatto devastante sull'accusato. Così facendo, hanno violato il principio contro l'autoincriminazione ai sensi dell'articolo 7 della Carta.

[170] Sono d'accordo con la decisione di Moldaver J. di escludere le confessioni. Tuttavia, raggiungerei questa conclusione attraverso la lente analitica del principio contro l'autoincriminazione.

II. Quadro di riferimento per l'ammissibilità delle confessioni indotte dallo Stato

A. I pericoli inerenti alle confessioni allo Stato

[171] Le confessioni ad agenti statali sollevano preoccupazioni particolari per il sistema di giustizia penale. Nel corso dei secoli, la nostra tradizione di common law ha risposto a questi pericoli. La giurisprudenza riconosce che gli individui a volte fanno false confessioni che possono risultare in errori giudiziari, afferma che il rispetto della dignità umana e della libera scelta significa che gli individui non dovrebbero essere costretti dallo Stato a fornire prove autoincriminanti, e scoraggia lo Stato dal condurre indagini penali in un modo che offende il nostro senso del fair play o compromette l'integrità dell'amministrazione della giustizia. Riconoscendo che una particolare vigilanza è necessaria per proteggere dagli errori giudiziari causati da confessioni inaffidabili, la legge ha sviluppato regole specializzate che rispettano sia l'equità verso l'individuo che l'interesse della società a indagare il crimine e a cercare la verità al processo.

[172] Le operazioni di Mr. Big hanno ottenuto confessioni quando le tecniche investigative tradizionali hanno fallito. In effetti, questo è il loro unico scopo. Queste operazioni, spesso costose e complesse, creano false realtà elaborate per i loro obiettivi in cui sono apprezzati e ricompensati. Minacce e incentivi sono fatti su misura per sfruttare le vulnerabilità dei sospetti, e confessare diventa necessario per continuare le loro nuove vite. La struttura stessa delle operazioni di Mr. Big crea circostanze che (1) compromettono l'autonomia dei sospetti, (2) minano l'affidabilità delle confessioni, e (3) sollevano preoccupazioni per una condotta statale abusiva. Inoltre, le operazioni Mr. Big creano prove pregiudizievoli di propensione al crimine che hanno il potenziale di compromettere la capacità degli accusati di rispondere e difendersi pienamente, minando l'equità del processo.

[173] Nonostante questi pericoli, la tecnica Mr. Big non è stata ampiamente rivista da questa Corte. In R. v. McIntyre, [1994] 2 S.C.R. 480, la Corte ha sostenuto l'ammissibilità delle dichiarazioni Mr. Big ottenute in quel caso in una breve sentenza orale, trovando che "i trucchi usati dalla polizia non erano tali da scioccare la comunità" (p. 481). Ma McIntyre era molto diverso da questo caso: l'operazione durò solo 10 giorni, gli agenti di polizia che si fingevano criminali rivelarono immediatamente la natura illegale delle loro attività, e l'offerta di "lavoro" che fecero a McIntyre all'inizio gli richiese di dimostrare di essere capace di uccidere (vedi R. v. McIntyre (1993), 135 N.B.R. (2e) 266 (C.A.)).

[174] Le garanzie esistenti che regolano le confessioni fatte allo stato sono radicate nelle tecniche investigative tradizionali e non riescono a regolare adeguatamente le operazioni di Mr. Big. La regola delle confessioni non si applica in un'operazione Mr. Big perché il sospettato non è consapevole che sta parlando con una persona in autorità (R. v. Hodgson, [1998] 2 S.C.R. 449, ai par. 24-29; R. v. Grandinetti, 2005 SCC 5, [2005] 1 S.C.R. 27), né il diritto al silenzio, che sorge solo al momento della detenzione del sospetto (R. v. Hebert, [1990] 2 S.C.R. 151, a p. 184; McIntyre). Così, le confessioni del signor Big cadono nei vuoti tra le regole tradizionali.

[175] La Corte non può accettare questo vuoto. Le regole esistenti aiutano a identificare gli interessi colpiti e i pericoli generati dalle operazioni di Mr. Big e a strutturare un quadro giuridico di principio e reattivo. La regola delle confessioni protegge da confessioni inaffidabili e regola la condotta dello Stato per proteggere l'equità di base nel processo penale (R. v. Oickle, 2000 SCC 38, [2000] 2 S.C.R. 3, ai paragrafi 68-69). Il diritto al silenzio si concentra sull'autonomia, la scelta e l'equità proteggendo il "diritto delle persone detenute di scegliere se parlare con le autorità o rimanere in silenzio" (Hebert, a p. 180). Più in generale, il principio contro l'autoincriminazione da cui derivano queste protezioni si basa sul rispetto dell'autonomia e della dignità umana di un individuo, che gli danno il diritto di scegliere se incriminarsi. Il principio serve "almeno due scopi chiave, vale a dire proteggere da confessioni inaffidabili e proteggere da abusi di potere da parte dello Stato" (R. v. White, [1999] 2 S.C.R. 417, al par. 43; vedi anche R. v. Jones, [1994] 2 S.C.R. 229, a p. 250).

B. Il principio contro l'autoincriminazione

[176] Le confessioni del signor Big impegnano il principio costituzionale contro l'autoincriminazione protetto dalla s. 7 della Carta. La sezione 7 recita:

Ogni individuo ha il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona e il diritto di non esserne privato se non in conformità ai principi della giustizia fondamentale.

[177] In R. v. P. (M.B.), [1994] 1 S.C.R. 555, Lamer C.J. ha descritto il principio contro l'autoincriminazione come segue:

Forse il singolo principio organizzativo più importante nel diritto penale è il diritto di un imputato a non essere costretto a collaborare al suo stesso processo.

L'ampia protezione accordata alle persone accusate è forse meglio descritta in termini di principio generale contro l'autoincriminazione, che è saldamente radicato nella common law ed è un principio fondamentale della giustizia ai sensi dell'articolo 7 della Carta canadese dei diritti e delle libertà. Come la maggioranza di questa Corte ha suggerito in Dubois v. The Queen, [1985] 2 S.C.R. 350, la presunzione di innocenza e lo squilibrio di potere tra lo Stato e l'individuo sono alla base di questo principio e delle protezioni procedurali e probatorie a cui dà origine. [Enfasi aggiunta; pp. 577-78.]

[178] La sezione 7 ha un ruolo residuo ben riconosciuto rispetto ai principi di giustizia fondamentale, di cui gli articoli 8-14 sono esempi (Re B.C. Motor Vehicle Act, [1985] 2 S.C.R. 486, alle pp. 502-3 e 512). Il principio contro l'autoincriminazione si manifesta in protezioni specifiche come il diritto al silenzio (s. 7) riconosciuto in Hebert, il diritto all'avvocato (s. 10 (b)), la regola di non compellabilità (s. 11 (c)) e il privilegio contro l'autoincriminazione (si veda Jones, pp. 251-56; H. Stewart, Fundamental Justice: Section 7 of the Canadian Charter of Rights and Freedoms (2012), alle pp. 8-9). Tuttavia, nel considerare la portata del principio, in Thomson Newspapers Ltd. v. Canada (Director of Investigation and Research, Restrictive Trade Practices Commission), [1990] 1 S.C.R. 425, Lamer J. (dissenziente, ma non su questo punto), concorda con la maggioranza che "le specifiche enumerazioni negli ss. 11 (c) e 13 della Carta non sono necessariamente esaustive della protezione offerta dal s. 7, e non impediscono di dare un contenuto residuo al s. 7" (p. 442).

Il principio contro l'autoincriminazione è, quindi, un concetto robusto e dinamico che affronta i pericoli che derivano dalle confessioni fatte agli agenti dello Stato. Esso fornisce un approccio di principio per trattare le confessioni allo stato.[11] A mio parere, il principio fornisce la risposta appropriata ai casi Mr. Big, per diverse ragioni.

In primo luogo, le operazioni di Mr. Big impiegano significative risorse statali per creare un nuovo mondo, dove il bersaglio spesso sente che non c'è altra scelta che confessare. Esse coinvolgono direttamente gli interessi individuali di privacy, autonomia e dignità che il principio contro l'autoincriminazione è destinato a proteggere. Il principio contro l'autoincriminazione riconosce l'enorme potere dello Stato e protegge la libertà dell'individuo di scegliere se fare una dichiarazione alla polizia. Il diritto a non essere costretti a incriminarsi ha radici profonde. È un principio organizzativo generale nel nostro sistema di giustizia penale, di cui la regola della confessione e il diritto al silenzio sono emanazioni (Hebert, a p. 175). Ha senso fare affidamento su questo principio fondamentale nel rispondere alle confessioni che sono generate da e fatte ad agenti statali.

In secondo luogo, questo approccio attinge alla giurisprudenza esistente relativa al principio contro l'autoincriminazione, rendendo superflua la creazione di una nuova regola. La portata della protezione dell'articolo 7 contro l'autoincriminazione deve essere "determinata caso per caso" (Jones, p. 257).

[182] In terzo luogo, il principio contro l'autoincriminazione offre l'opportunità di soppesare in modo sfumato le preoccupazioni sull'affidabilità, l'autonomia e la condotta dello Stato. Queste preoccupazioni sono di fatto e concettualmente intrecciate. Per esempio, se la polizia eccede nel fare affidamento su minacce e incentivi, ciò sarà rilevante per determinare se l'operazione è stata indebitamente coercitiva, può minare l'affidabilità della confessione e sollevare lo spettro dell'abuso.

[183] Infine, il principio contro l'autoincriminazione riguarda i diritti degli indagati sia durante l'operazione Mr. Big che durante il processo; una regola per affrontare queste operazioni deve regolare entrambi. Un processo equo non può basarsi su prove ottenute attraverso tattiche statali fondamentalmente ingiuste. Stando così le cose, l'equità del processo e l'equità investigativa non dovrebbero essere affrontate in indagini indipendenti. Come la Corte ha spiegato in White, "[i]n ogni caso, i fatti devono essere esaminati attentamente per determinare se il principio contro l'autoincriminazione è stato veramente messo in gioco dalla produzione o dall'uso della dichiarazione del dichiarante" (par. 48 (enfasi aggiunta)).

[184] Coerentemente con la giurisprudenza della Carta, l'onere di stabilire una violazione prima facie del principio contro l'autoincriminazione spetta all'imputato. Per farlo, l'accusato deve dimostrare che esistono preoccupazioni circa l'autonomia, l'affidabilità e la condotta della polizia, come in quasi tutte le operazioni di Mr. In tali circostanze, l'onere di stabilire che non c'è violazione passa alla Corona. Di conseguenza, la Corona dovrebbe sempre essere pronta a dimostrare l'ammissibilità delle prove risultanti. Questo incoraggerà la polizia a considerare attentamente la costituzionalità dell'operazione e incentiverà la registrazione degli "scenari" di Mr. Dato che l'intera operazione, non solo l'incontro finale, è rilevante per l'ammissibilità di qualsiasi prova ottenuta, una registrazione accurata renderebbe più facile per il tribunale valutare l'indagine e permetterebbe alla polizia di difendersi dalle accuse di coercizione indebita o di cattiva condotta dello Stato.

Il principio contro l'autoincriminazione opera anche per garantire l'equità del processo, che è un principio di giustizia fondamentale riconosciuto dagli articoli 7 e 11 (d) della Carta. L'equità del processo può essere compromessa ogni volta che ci sono preoccupazioni su come la polizia ha ottenuto prove autoincriminanti, quando tali prove sono di dubbia affidabilità, e quando le giurie hanno difficoltà a valutare la veridicità delle confessioni. C'è spazio per considerare tutti questi fattori sotto il principio contro l'autoincriminazione.

C. Applicare il principio contro l'autoincriminazione ai casi Mr.

[186] La Corte ha applicato il principio contro l'autoincriminazione in White. Il quadro White si occupa direttamente di tre preoccupazioni interrelate che fondano le regole tradizionali che rispettano le confessioni allo stato: autonomia, affidabilità e condotta dello stato. Come la Corte ha spiegato,

la definizione del principio contro l'autoincriminazione come un'affermazione della libertà umana è intimamente connessa alla logica sottostante al principio. Come spiegato dal presidente della Corte Suprema in Jones, supra, alle pp. 250-51, il principio ha almeno due scopi chiave, vale a dire proteggere da confessioni inaffidabili e proteggere da abusi di potere da parte dello Stato. C'è sia un interesse individuale che sociale nel raggiungere entrambe queste protezioni. Entrambe le protezioni sono legate al valore attribuito dalla società canadese alla privacy individuale, all'autonomia personale e alla dignità: vedi, ad esempio, Thomson Newspapers, supra, a p. 480, per Wilson J.; Jones, supra, a pp. 250-51, per Lamer C.J.; e Fitzpatrick, supra, a paras. 51-52, per La Forest J. [enfasi aggiunta; paragrafo 43.]

[187] La Corte ha identificato quattro fattori che aiutano a determinare se il principio contro l'autoincriminazione è stato violato dalla produzione o dall'uso delle dichiarazioni di un sospettato:

(1) se c'era una relazione conflittuale tra l'imputato e lo Stato al momento in cui le dichiarazioni sono state ottenute;

(2) se c'è stata coercizione da parte dello Stato nell'ottenere le dichiarazioni;

(3) se c'era un rischio di confessioni inattendibili come risultato di qualsiasi coercizione; e

(4) se permettere l'uso delle dichiarazioni avrebbe portato ad un aumento del rischio di una condotta statale abusiva. (White, ai paragrafi 53-66)

[188] Mentre questi fattori sono interconnessi, nel contesto di Mr. Big, ognuno sottolinea un particolare interesse giuridico o principio. Il fattore coercizione riguarda principalmente l'autonomia e la dignità dell'indagato e chiede se l'indagato abbia avuto la scelta di parlare con le autorità. L'indagine sull'affidabilità si concentra sull'attendibilità di qualsiasi dichiarazione ottenuta. Infine, la condotta dello Stato è esaminata al fine di determinare se le autorità hanno usato la loro posizione di potere in modo ingiusto, abusivo o scioccante. Anche se ogni fattore sottolinea una preoccupazione particolare, fatti o tattiche specifiche possono implicare più di un pericolo, e quindi possono essere considerati sotto più di una parte dell'analisi. In definitiva, questi fattori sono intrecciati e dovrebbero essere considerati insieme.

[189] Questo approccio non identifica il pregiudizio come un fattore da considerare secondo il principio contro l'autoincriminazione. Tuttavia, il pregiudizio creato dalla prova della propensione criminale è indirettamente rilevante per l'affidabilità e la condotta dello Stato. Inoltre, il giudice del processo mantiene il potere residuo di escludere la prova sulla base dell'equità del processo (vedi R. v. Harrer, [1995] 3 S.C.R. 562, ai paragrafi 24 e 41) o quando il suo valore probatorio è superato dal suo effetto pregiudizievole.

Quando si applica questo approccio di principio alle confessioni indotte dallo Stato, le corti dovrebbero applicare il test in modo da proteggere gli interessi fondamentali in gioco e rispondere ai pericoli sollevati dalle circostanze particolari.

(1) Rapporto conflittuale

[191] Il principio contro l'autoincriminazione è direttamente applicabile quando gli individui sono in relazione conflittuale con lo Stato. In un'operazione Mr. Big, lo stato si propone deliberatamente di ottenere una confessione dal sospettato. Per definizione, la relazione è conflittuale. Così, questo fattore non si aggiunge all'analisi quando c'è una confessione a Mr. Big.

(2) Coercizione

[192] Una confessione è forzata quando l'accusato è privato della libera scelta se ammettere, negare o rifiutare di rispondere (Black's Law Dictionary (6a ed. 1990), a p. 258). Nel contesto di un'operazione di Mr. Big, una confessione è forzata quando il sospettato è privato di ogni ragionevole alternativa alla confessione. Mentre ci sarà quasi sempre un certo grado di coercizione in un'operazione Mr. Big, la questione in questa fase è l'entità di tale coercizione. La coercizione non è binaria. Ciò significa che anche se il sospettato aveva qualche alternativa alla confessione, deve essere esaminato il grado in cui la sua libera scelta è stata compromessa.

Mentre le minacce di violenza sono manifestamente coercitive, il principio di autonomia aborrisce la coercizione in tutte le sue forme. In Rothman v. The Queen, [1981] 1 S.C.R. 640, e Oickle, questa Corte ha ritenuto che un inganno particolarmente manipolativo - per esempio, un agente di polizia che si finge cappellano o avvocato per ottenere una confessione - scandalizzerebbe la comunità. Un'operazione di Mr. Big è costruita su strati di inganno. Il bersaglio è esposto non solo a un falso confidente, ma a falsi amici, un falso lavoro e una falsa vita.

[194] Nel determinare il grado di coercizione, il tribunale dovrebbe considerare l'entità e la durata dell'operazione, qualsiasi minaccia esplicita o implicita utilizzata, qualsiasi incentivo finanziario, sociale o emotivo applicato e le caratteristiche del sospettato, compresi eventuali svantaggi mentali, fisici, sociali o economici.

[195] A titolo di esempio, quando vengono offerti incentivi finanziari a una persona di mezzi, sarà difficile sostenere che questa non aveva altra scelta ragionevole che confessare. All'estremità molto più grave dello spettro ci sono operazioni che sfruttano le particolari debolezze degli individui, in modo che si sentano obbligati a fare una dichiarazione autoincriminante. Naturalmente, una pressione sufficiente può far sentire la forza della coercizione anche a individui in buone condizioni.

Questo approccio protegge l'autonomia del sospettato, una preoccupazione cardinale della regola delle confessioni (dove è anche espressa come volontarietà) e del principio contro l'autoincriminazione più in generale. In Hodgson, per esempio, Cory J. (citando L. Herman, "The Unexplored Relationship Between the Privilege Against Compulsory Self-Incrimination and the Involuntary Confession Rule (Part I)" (1992), 53 Ohio St. L.J. 101, a p. 153, citando Sir G. Gilbert, The Law of Evidence (1769)) ha osservato che la legge comune "non costringerà nessun uomo ad accusare se stesso", e ha sostenuto che "fin dal suo inizio, la regola delle confessioni è stata progettata non solo per assicurare l'affidabilità della confessione, ma anche per garantire l'equità fondamentale nel processo penale" (para. 18 (corsivo cancellato)).

[197] Sebbene la preoccupazione per l'autonomia si intrecci con gli obiettivi di ottenere prove affidabili e di frenare la condotta offensiva dello Stato, essa esiste nel nostro sistema giuridico contraddittorio come un'idea con una propria forza normativa, vale a dire "un'avversione di base per l'autocostrizione" (R. v. S. (R.J.), [1995] 1 S.C.R. 451, al paragrafo 83). Come ha spiegato questa Corte, "le corrette regole di battaglia tra governo e individuo richiedono che l'individuo... non sia arruolato dal suo avversario per sconfiggere se stesso" (White, al par. 42, citando Wigmore on Evidence, vol. 8 (McNaughton rev. 1961), § 2251, a p. 318).

[198] In S. (R.J.), la Corte ha descritto il principio contro l'autoincriminazione come "il principio di sovranità incarnato nell'idea che gli individui dovrebbero essere lasciati soli in assenza di giustificazione, e non coscritti dallo Stato per promuovere uno scopo autolesionista" (par. 81).

[199] Mentre ci sarà quasi sempre un certo grado di coercizione in un'operazione Mr. Big, questo non significa che qualsiasi confessione risultante sarà automaticamente esclusa. La polizia deve avere un margine di manovra per impiegare la tecnica Mr. Big fino a un certo punto. Tuttavia, se la coercizione è stata così grande da far credere al sospettato di non avere altra alternativa che confessare, la dichiarazione sarà stata ottenuta incostituzionalmente. A parte questi casi estremi, la corte deve soppesare la natura e la gravità della coercizione insieme all'affidabilità di qualsiasi dichiarazione risultante e la condotta dello stato, due fattori che delineo di seguito.

(3) Affidabilità

[200] Le false confessioni possono causare errori giudiziari, condannare persone innocenti e portare alla mancata condanna dei veri colpevoli (Oickle, par. 32). La preoccupazione per l'affidabilità è giustamente alla base di numerose protezioni contro l'autoincriminazione. Nell'ambito dell'analisi di "affidabilità", la corte svolgerà una robusta funzione di guardiano nel valutare il rischio di una falsa confessione, e le prove corroboranti o di supporto saranno solitamente un prerequisito per l'ammissione.

[201] Questa valutazione è di fondamentale importanza perché le giurie spesso faticano a valutare correttamente l'affidabilità finale delle confessioni di Mr. Le giurie generalmente trovano difficile credere che qualcuno confessi un crimine che non ha commesso (Oickle, par. 34), e sono riluttanti a ignorare una confessione anche quando si sa che è stata forzata (S. M. Kassin et al., "Police-Induced Confessions: Risk Factors and Recommendations" (2010), 34 Law & Hum. Behav. 3, a p. 24). Questo pericolo è aggravato dalle prove di propensione criminale generate durante un'indagine di Mr. Un accusato che ha falsamente confessato si trova in una situazione di paradosso; il suo unico modo per spiegare la sua dichiarazione è quello di ammettere che è stata fatta per preservare il suo stile di vita criminale.

[202] Di conseguenza, il giudice deve svolgere un ruolo di guardiano nella valutazione dell'affidabilità della confessione. Anche se la valutazione dell'affidabilità finale - il peso finale da dare alla confessione - è di competenza della giuria, una funzione di controllo è tutt'altro che inedita. Per esempio, i giudici del processo sono chiamati a valutare la soglia di affidabilità delle prove per sentito dire. Nel fare ciò, il giudice può trovare la prova sufficientemente affidabile o perché le circostanze della dichiarazione sono indicative di affidabilità o perché la giuria avrà gli strumenti per valutarla (R. v. Khelawon, 2006 SCC 57, [2006] 2 S.C.R. 787, a paras. 62-63; R. v. Youvarajah, 2013 SCC 41, [2013] 2 S.C.R. 720, a paras. 29-30).

[203] Tuttavia, i tradizionali indizi di affidabilità spesso non possono essere invocati in un'operazione Mr. La confessione di un imputato è generalmente considerata un hearsay ammissibile, in parte perché è una "dichiarazione contro l'interesse" e quindi è più probabile che sia affidabile. Ma le dichiarazioni a Mr. Big non sono affatto "contro" l'interesse dell'accusato: l'obiettivo è stato fatto sentire al sicuro da conseguenze legali, e confessare è una precondizione per l'appartenenza all'organizzazione, l'accesso al lavoro, o qualche altro beneficio. Le confessioni sono anche trattate come sentito dire ammissibile perché l'accusato, una parte del caso, può testimoniare che la confessione era falsa (vedi R. v. Osmar, 2007 ONCA 50, 84 O.R. (3d) 321, permesso di appello rifiutato, [2007] 2 S.C.R. vii; R. v. Bonisteel, 2008 BCCA 344, 259 B.C.A.C. 114). Tuttavia, per progettazione, l'operazione Mr. Big crea una prova pregiudizievole di propensione criminale. L'accusato deve o lasciare che la confessione stia in piedi o spiegare che l'ha fatta per continuare il suo nuovo stile di vita criminale.

[204] Quindi, le confessioni fatte a Mr. Big sono particolarmente pericolose, e il giudice deve valutare la loro soglia di affidabilità per soddisfare il principio contro l'autoincriminazione.

[205] Al fine di trovare che una confessione sia stata ottenuta costituzionalmente, saranno solitamente richieste prove di supporto. Secondo la regola delle confessioni, la prova corroborante non può salvare una dichiarazione involontaria. Tale regola non riguarda l'affidabilità della particolare confessione, ma il modo in cui è stata ottenuta. Questo perché "se allo Stato fosse lasciata la possibilità di corroborare semplicemente le confessioni forzate, ci sarebbe poco incentivo ad astenersi da misure investigative riprovevoli" (Hodgson, par. 20). Tuttavia, nel quadro dell'autoincriminazione, la coercizione e la condotta dello Stato sono considerate indipendentemente da altri fattori, quindi non c'è bisogno di usare l'affidabilità come un proxy per queste preoccupazioni, e le prove corroborative possono essere considerate.

[206] Inoltre, le prove corroborative compensano i problemi di affidabilità inerenti a un'operazione di Mr. Tali tattiche comportano potenti incentivi: al sospettato vengono promesse ricompense finanziarie, l'appartenenza a un'organizzazione, la protezione legale, l'approvazione e l'amicizia, o qualche combinazione di queste cose in cambio della semplice ammissione di aver commesso il crimine. Allo stesso tempo, il sospettato di solito è stato avvertito delle conseguenze del non comportarsi come l'organizzazione si aspetta, e la "verità" che Mr. Big vuole sentire è già stata resa molto chiara.

[207] È più probabile che una confessione sia affidabile se porta alla scoperta di dettagli della scena del crimine, descrive aspetti insoliti del crimine, o fa riferimento a prove "trattenute" - a condizione, ovviamente, che tali dettagli o prove non possano essere indovinate o altrimenti identificate dall'indagato. Sono d'accordo con l'amicus curiae che, generalmente, una confessione non corroborata e non verificata non sarà sufficientemente affidabile e non sarà ammissibile. Tuttavia, l'inverso non è necessariamente vero. Il principio contro l'autoincriminazione non riguarda solo la garanzia di dichiarazioni affidabili; anche le dichiarazioni vere possono essere escluse se sono state ottenute attraverso una condotta statale abusiva o attraverso una coercizione che ha prevalso sull'interesse all'autonomia del sospettato.

Questo non significa che le confessioni di Mr. Big saranno sempre inammissibili. Quando la polizia raccoglie le confessioni in un modo che rispetta l'autonomia del sospettato e l'integrità dell'amministrazione della giustizia - probabilmente attraverso indagini Mr. Big più brevi e meno sfruttate come quella di McIntyre - le confessioni risultanti saranno meno gravemente afflitte da problemi di affidabilità e saranno più probabilmente ammissibili, in particolare se corroborate.

(4) Abuso di potere/condotta della polizia

Lo Stato deve condurre le sue operazioni di applicazione della legge in un modo che sia consono al senso di correttezza e decenza della comunità. Non può manipolare le vite dei sospetti senza limiti, trasformando la loro esistenza quotidiana in un pezzo di teatro in cui essi sono partecipanti inconsapevoli. Un tale approccio fa violenza alla dignità degli indagati ed è incompatibile con la corretta amministrazione della giustizia.

[210] Sono d'accordo con il mio collega Moldaver J. che la dottrina dell'abuso del processo riconosciuta ai sensi dell'articolo 7 rimane indipendentemente disponibile per fornire un rimedio alla cattiva condotta dello Stato nel contesto di Mr. Tuttavia, l'alta soglia per la sua applicazione significa che la condotta può tendere a minare l'integrità dell'amministrazione della giustizia, ma non garantire un rimedio sotto questa dottrina. La necessità di limitare la cattiva condotta dello Stato è una delle ragioni del principio contro l'autoincriminazione (così come la regola delle confessioni e il diritto al silenzio). Pertanto, la condotta della polizia nelle operazioni di Mr. Big deve essere considerata, anche quando non raggiunge il livello di abuso del processo.

[211] La condotta dello Stato durante un'operazione Mr. Big deve essere esaminata per determinare se la polizia ha manipolato ingiustamente, inutilmente o sproporzionatamente il sospettato. Questa indagine prenderà in considerazione anche altre tattiche di polizia discutibili, come coinvolgere il sospetto in una condotta pericolosa o esporlo a danni fisici o psicologici.

[212] Un certo grado di inganno è, ovviamente, inerente a molte tattiche di polizia efficaci e appropriate. Ma più le tattiche della polizia diventano disdicevoli, e meno sono conformi alla responsabilità di condurre un processo equo che rispetti la dignità dell'indagato, più è probabile che l'articolo 7 sia stato violato.

[213] La dottrina dell'intrappolamento - una variante specifica dell'abuso del processo - aiuta in questa analisi. Sebbene non sia direttamente applicabile al di fuori del contesto dell'intrappolamento, identifica comunque fattori utili da considerare nell'esaminare la condotta dello Stato. R. v. Mack, [1988] 2 S.C.R. 903, stabilisce che, a meno che le autorità non abbiano un ragionevole sospetto che un sospetto sia già impegnato in attività criminali, o agiscano in seguito a un'indagine in buona fede, non possono fornire al sospetto l'opportunità di commettere un reato. Anche quando questa soglia di sospetto è soddisfatta, le autorità non possono andare oltre il fornire un'opportunità di commettere un reato, passando per l'induzione a commetterlo (Mack, a p. 964). Lamer J. ha fornito un utile elenco non esaustivo di fattori da considerare nel determinare se tale linea è stata superata. Nel contesto di Mr. Big, questi tipi di fattori possono aiutare a decidere se gli incentivi, le minacce e la manipolazione utilizzati costituiscono una condotta statale abusiva. Adattando i fattori da Mack, a p. 966, le seguenti considerazioni sono rilevanti per le operazioni di Mr:

1. il tipo di crimine su cui si sta indagando e la disponibilità di altre tecniche per l'individuazione da parte della polizia della sua commissione;

2. la forza delle prove che inducono la polizia a prendere di mira il sospetto;

3. i tipi e la forza degli incentivi utilizzati dalla polizia, compresi l'inganno, la frode, l'inganno o la ricompensa;

4. la durata dell'operazione e il numero di interazioni tra la polizia e l'indagato;

5. se la condotta della polizia ha comportato uno sfruttamento di caratteristiche umane come le emozioni di compassione, simpatia e amicizia;

6. se la polizia sembra aver sfruttato una particolare vulnerabilità dell'indagato, come la vulnerabilità mentale, sociale o economica o la dipendenza da sostanze;

7. il grado di danno all'indagato che la polizia ha causato o rischiato;

8. l'esistenza e la gravità di qualsiasi minaccia, implicita o esplicita, fatta all'indagato dalla polizia o dai suoi agenti, comprese le minacce fatte a terzi, se tali minacce comportano una minaccia indiretta per l'imputato;

9. se una persona media, con pregi e difetti, nella posizione dell'indagato sarebbe indotta a confessare falsamente

10. la persistenza e il numero di tentativi fatti dalla polizia prima che l'indagato accettasse di confessare.
[214] La mia intenzione non è quella di creare una lista di controllo formalistica o di complicare eccessivamente l'analisi. Questi fattori sono semplicemente degli esempi che possono aiutare il tribunale a determinare se la condotta della polizia nell'ottenere una confessione ha violato le aspettative di base della nostra società in materia di correttezza o ha minato la reputazione del sistema giudiziario. Una condotta statale più abusiva rende più probabile che la confessione sia stata ottenuta in modo incompatibile con il principio contro l'autoincriminazione.

(5) Ponderazione dei fattori contestuali

[215] Come ho spiegato, i suddetti fattori contestuali non sono dei binomi che sono "presenti" o "non presenti". Nella maggior parte dei casi, ci sarà un certo grado di preoccupazione sulla coercizione, sull'affidabilità della confessione e sulla condotta dello Stato. Questo non significa automaticamente che la dichiarazione debba essere esclusa. La corte dovrebbe considerare le preoccupazioni collettivamente, attribuendo loro un peso, a seconda del grado in cui sono presenti nel singolo caso. Per esempio, se una confessione è corroborata e affidabile, questo fattore può superare le preoccupazioni relativamente minori sulla condotta coercitiva. In alcuni casi - se le dichiarazioni sono state ottenute in modo altamente coercitivo o la condotta dello Stato non può essere condonata dai tribunali - il principio contro l'autoincriminazione può essere violato anche se la dichiarazione è affidabile. Tranne che in questi casi estremi, sarà l'impatto collettivo, piuttosto che individuale, di queste preoccupazioni a determinare se il principio contro l'autoincriminazione è stato violato.

Le tipiche operazioni sotto copertura, quindi, non violano il principio contro l'autoincriminazione. A differenza delle operazioni di Mr. Big, queste strategie non sono progettate intorno all'uso coercitivo di minacce e incentivi o comportamenti statali simili alla trappola. Gli agenti sotto copertura di solito giocano in circostanze esistenti per osservare i sospetti e raccogliere prove - non per generare confessioni - con conseguente riduzione delle preoccupazioni per quanto riguarda sia gli interessi di autonomia che l'affidabilità delle prove ottenute. Al contrario, la struttura stessa delle operazioni di Mr. Big è coercitiva - gli agenti si prefiggono deliberatamente di coinvolgere il sospetto in un'organizzazione criminale e di spingerlo a confessare. Nel consueto contesto sotto copertura, la polizia deve fare attenzione a evitare di intrappolare i sospetti nel commettere i crimini per i quali sono indagati. Quindi, per progettazione, un'operazione del genere deve guardarsi dal comportamento abusivo della polizia di intrappolamento che è tipico in un'operazione Mr. Big. È quindi altamente improbabile che nelle classiche operazioni sotto copertura, le preoccupazioni per l'autonomia personale, l'affidabilità e la condotta abusiva - anche se pesate insieme - si traducano in una violazione del principio contro l'autoincriminazione.

D. Valore probatorio contro effetto pregiudizievole

[217] Il mio collega Moldaver J. ha naturalmente ragione sul fatto che i giudici del processo dovrebbero escludere le prove quando il loro valore probatorio è superato dal loro effetto pregiudizievole. Questa regola è un principio di giustizia fondamentale che salvaguarda l'equità del processo.

[218] Tuttavia, anche come modificata dal mio collega, questa regola non è sufficiente a rispondere ai pericoli di una confessione al signor Big perché non protegge la dignità umana e l'autonomia del sospettato o tempera la condotta dello Stato. Secondo l'approccio del mio collega, una confessione altamente affidabile sarà probabilmente ammessa - indipendentemente dal fatto che l'obiettivo sia stato costretto dallo stato a incriminarsi. La sua regola non permette che queste preoccupazioni siano valutate e considerate collettivamente sotto un unico quadro di principi. E' preferibile che l'affidabilità di una confessione e il modo in cui è stata ottenuta siano considerati insieme.

[219] La regola del mio collega, compresa la presunzione di inammissibilità, si applica solo se la polizia impiega un'indagine su Mr. Come tale, può ispirare un dibattito di soglia sui confini della tattica Mr. Big. Al contrario, un approccio che risponde ai pericoli delle confessioni indotte dallo Stato si applica indipendentemente dall'etichetta attaccata alla tattica. Sono le minacce a cui la regola risponde che la chiamano all'azione.

Questo non significa sminuire la responsabilità del giudice del processo di escludere le prove che sono più pregiudizievoli che probatorie. Le prove altamente pregiudizievoli che non sono necessarie per spiegare il contesto in cui la confessione è stata fatta, come i dettagli del coinvolgimento dell'indagato in crimini falsi eclatanti, dovrebbero continuare ad essere modificate o escluse completamente. Inoltre, le istruzioni della giuria devono mettere in guardia contro un ragionamento inammissibile basato sulla propensione criminale.

III. Applicazione a questo caso

A. Il principio contro l'autoincriminazione è stato violato?

(1) Coercizione

[221] L'operazione Mr. Big in questo caso è durata quattro mesi e ha coinvolto 63 "scenari" inscenati. L'inganno impiegato è stato ampio. La polizia ha deliberatamente sfruttato le particolari vulnerabilità dell'imputato per assicurarsi che non avesse altra scelta realistica che dare a Mr. Big la confessione richiesta.

[222] Nei primi diversi scenari, gli agenti si impegnarono a fondo per dimostrare ad Hart che l'azienda di trasporti di proprietà di "Jim" era legittima. Anche se Hart accettò un compenso sottobanco, fu introdotto alla criminalità artificiale solo dopo che 14 "scenari" erano stati completati, quando era già agganciato alla realtà fabbricata di un impiego lucrativo e di una stretta amicizia.

[223] Il giudice del processo ha rilevato che la violenza non è stata usata o direttamente minacciata contro il signor Hart (2007 NLTD 74, 265 Nfld. & P.E.I.R. 266, ai punti 58 e 63-65). Tuttavia, la polizia ha creato un'aura di violenza. All'intervistato è stato detto che a volte le cattive azioni dovevano essere fatte ed è stato portato a credere che uno degli operatori avesse aggredito una lavoratrice del sesso come ritorsione per un tradimento. Gli operatori descrissero anche gli Hell's Angels come dei "fannulloni" rispetto al capo. Come ha testimoniato l'ufficiale che conduceva le indagini, la presunta violenza dell'organizzazione andava "di pari passo con il ritrarci come criminali". "Paul" si vantava con Hart di poter uccidere i topi e che "se mai avesse fatto la spia su di me non si sarebbe potuto tornare indietro, sarebbe stata una strada a senso unico".

[224] Il giudice ha scoperto che Hart era motivato dal desiderio di prendere una parte dei profitti. Per questo doveva correre maggiori rischi e guadagnare la fiducia del "capo" (par. 62). Gli incentivi finanziari erano significativi per chiunque. Ma per qualcuno che era noto per vivere in una povertà così estrema da non avere nemmeno un letto su cui dormire, erano un cambiamento di vita: salari generosi e diarie, visite a ristoranti costosi, viaggi in treno e voli in nuove città. Al voir dire, Hart ha spiegato: "sapete, era quasi come una nuova vita". Data la sua povertà, è facile capire perché non abbia rifiutato l'opportunità di fare tali soldi.

[225] Le prove chiariscono anche che, per l'imputato, le amicizie che credeva di aver acquisito erano importanti almeno quanto il denaro. Gli agenti hanno deliberatamente separato l'imputato da sua moglie nei primi giorni dell'operazione. Hanno creato una realtà alternativa per l'intervistato, disorientandolo intenzionalmente al punto che nell'intervista finale con Mr. Big, si è convinto che incriminarsi era l'unica strada da percorrere. La paura di Hart di perdere la sua nuova "famiglia" era palpabile. Hart avrebbe visto la perdita di queste amicizie, attorno alle quali la sua vita era stata totalmente ristrutturata, come una scelta impossibile.

[226] Il giudice si è concentrato sulla mancanza di coercizione violenta nell'operazione, ma non ha considerato l'effetto degli incentivi finanziari e sociali sul signor Hart. La portata dell'inganno e gli incentivi utilizzati devono essere considerati come una più grave violazione degli interessi di autonomia del convenuto, date le sue caratteristiche note: la sua estrema povertà e l'isolamento sociale, e la sua mancanza di istruzione e sofisticazione. Concludo che facendo leva su queste vulnerabilità in tale misura, la polizia ha privato l'imputato di una scelta significativa sull'opportunità di rilasciare una dichiarazione incriminante a Mr.

(2) Affidabilità

[227] Gli incentivi per il signor Hart ad aver confessato falsamente sono molto sostanziali. Gli fu chiaro che le sue amicizie, il suo salario e la sua appartenenza all'organizzazione (essenzialmente la sua nuova famiglia) dipendevano dal dire a Mr. In breve, aveva tutti gli incentivi per confessare, sia che avesse commesso il crimine o no. Ciononostante, protestò la sua innocenza fino a quando fu evidente che solo una confessione sarebbe stata accettata. Hart ha testimoniato al voir dire che il capo "continuava a dire, non mentirmi, mi stai mentendo Nelson, non mentirmi. Cosa avrei dovuto fare, stare lì tutto il giorno e andare avanti così[?]".

[228] Inoltre, non solo la confessione finale non era corroborata, ma conteneva incongruenze con gli altri fatti noti del caso. Il motivo che l'imputato ha citato per uccidere le sue figlie - che non voleva che fossero tolte dalla sua custodia e messe in quella di suo fratello - è di dubbia plausibilità. L'idea che le ragazze potessero stare temporaneamente con suo fratello era stata presa in considerazione molto brevemente in giugno e fu rapidamente abbandonata un giorno o due dopo quando le difficoltà abitative della famiglia furono risolte. Il fratello di Hart ebbe pochi contatti con la famiglia per circa due mesi prima delle morti.

[229] La descrizione del convenuto sulla commissione del reato non ci rassicura molto sulla sua affidabilità. Quando descrisse il presunto omicidio al signor Big, descrisse due volte di usare la spalla per spingere le figlie in acqua, e fece corrispondere le sue parole con un controllo simulato della spalla - un movimento che non ha senso, data la piccola taglia delle ragazze. Quando successivamente "rievocò" il reato, Jim si inginocchiò per simulare la loro altezza, e l'intervistato di conseguenza fece un movimento di spinta con il ginocchio.

[230] La "confessione" del 10 aprile descritta dagli agenti porta con sé molte delle stesse preoccupazioni. La confessione fu presumibilmente fatta durante lo scenario del 29, poco prima della scadenza iniziale di 90 giorni per l'operazione (si confronti, per esempio, con McIntyre, dove una confessione fu ottenuta dopo soli 10 giorni). Durante la cena, Jim disse ad Hart che l'organizzazione controllava il 70% della prostituzione a Montreal e che aveva dovuto "affrontare" due prostitute che erano state disoneste con lui. Disse ad Hart che a volte "le cose brutte devono essere fatte". Hart rispose che non aveva "nessun problema a sporcarsi le mani"; i due si vantarono degli scheletri nei loro armadi; e Hart poi presumibilmente confessò di aver ucciso le sue figlie. Chiaramente sorgono le stesse preoccupazioni di affidabilità: Hart aveva tutte le ragioni per mentire, dato il suo desiderio di impressionare un membro dell'organizzazione. Inoltre, la dichiarazione non è stata registrata, rendendo impossibile fare affidamento sul tono o sul linguaggio del corpo. Infine, l'imputato ha esplicitamente negato la confessione del 10 aprile, sia durante la sua "confessione" finale a Mr. Big, quando ha ripetutamente affermato che Mr. Big era la prima persona a cui ne aveva parlato, sia durante il voir dire.

(3) Abuso di potere

[231] A mio parere, la condotta dello Stato in questo caso è stata egregia, e questo fattore pesa pesantemente a favore dell'esclusione.

[232] La polizia ha condotto il signor Hart attraverso lo specchio in un universo parallelo dove, per molti mesi, ha impiegato ampie risorse statali per sfruttare la sua mancanza di istruzione, intelletto ed esperienza di vita, il suo isolamento sociale e la sua estrema povertà. Gli agenti sotto copertura hanno favorito la dipendenza emotiva dell'intervistato da loro; come ha notato Jim, era una "cosa costante" per Hart dire loro che li amava. Gli amati amici del signor Hart lo coinvolsero gradualmente in un mondo di criminalità sempre più seria, iniziando con il commercio di beni presumibilmente rubati e alla fine ritraendo l'organizzazione come un gruppo internazionale violento con un capo che faceva sembrare gli Hell's Angels dei "fannulloni". Man mano che Hart si coinvolgeva in attività più pericolose e illegali, la sua paga aumentava.

[233] Anche il grado di danno causato dall'operazione Mr. Big è rilevante. L'imputato era così profondamente immerso nel suo mondo di finzione che al suo arresto, la sua prima reazione fu di chiamare il suo presunto "amico", Jim. Non avrebbe dovuto sorprendere, in particolare gli agenti che lo conoscevano così bene, che Hart fosse devastato nell'apprendere che la sua nuova vita, dove si era sentito apprezzato e rispettato, era stata tutta un'illusione accuratamente costruita. Non aveva amici. Non era stato assunto perché era "intelligente": piuttosto, era stato completamente ingannato. L'imputato sviluppò una paranoia, credendo che tutti facessero parte della "trappola" contro di lui, e non riuscì a fidarsi dei suoi avvocati e nemmeno di sua moglie.[12] Alla fine fu ricoverato in un ospedale psichiatrico, e l'amicus curiae ha presentato le sue osservazioni in appello. Un tale crollo emotivo non è affatto un prerequisito per la constatazione di una condotta statale abusiva. Tuttavia, questo tipo di manipolazione psicologica da parte di agenti statali danneggia non solo il sospettato ma l'integrità del sistema giudiziario.

[234] Questa non era la solita indagine sotto copertura in cui la polizia si unisce a un'organizzazione criminale esistente per assistere ai criminali in azione. Come spiegato sopra, tali strategie tendono a non essere particolarmente coercitive o abusive, e quindi è improbabile che violino il principio contro l'autoincriminazione.

Questo caso è più simile all'intrappolamento. La polizia ha impiegato il potere dello Stato per creare una realtà inventata ed elaborata, progettata per sfruttare una persona vulnerabile, introdurla alla criminalità e costringerla a incriminarsi. Inoltre, la polizia ha assistito a sequestri dell'intervistato sia prima dell'inizio delle indagini che durante l'operazione stessa. Eppure, gli agenti sotto copertura hanno continuato a mandarlo in missioni di guida.

Le operazioni di Mr. Big sono una tecnica di applicazione della legge creativa e talvolta utile, ma i tribunali devono sorvegliare attentamente i loro confini per evitare che si allontanino dall'essere strategie utili per trasformarsi in stratagemmi che permettono allo Stato di manipolare e distruggere la vita di individui che si presume siano innocenti.

[237] Sono molto turbato dall'estrema lunghezza a cui la polizia si è spinta per perseguire il convenuto, sfruttando le sue debolezze in questa operazione prolungata e profondamente manipolativa. La dottrina dell'abuso del processo rimane sempre indipendentemente disponibile per fornire un rimedio quando la condotta dello Stato sale a un livello tale che rischia di minare l'integrità del processo giudiziario (R. v. O'Connor, [1995] 4 S.C.R. 411, a para. 73; R. v. Babos, 2014 SCC 16, [2014] 1 S.C.R. 309, a para. 31). A mio parere, come sarà chiaro dalla mia discussione sulla condotta dello Stato in questo caso, tale soglia è soddisfatta. Condonare le azioni della polizia "lascerebbe l'impressione che il sistema giudiziario condoni una condotta che offende il senso di correttezza e decenza della società" (Babos, al paragrafo 35). Tuttavia, dato il risultato di questo appello, non è necessario discutere ulteriormente la questione.

(4) Conclusione sui fattori contestuali

[238] I fattori sopra considerati indicano chiaramente una violazione dell'articolo 7. Gli interessi di libertà dell'imputato sono stati ovviamente coinvolti. La polizia ha ottenuto una confessione sfruttando le particolari vulnerabilità dell'imputato in una complessa operazione. Nonostante questi sforzi, la confessione è di dubbia affidabilità e non è supportata da alcuna prova corroborante o dettaglio. In ultima analisi, sostenere un tale stratagemma darebbe alla polizia carta bianca per impegnarsi in indagini ingiuste, manipolative e coercitive.

B. Rimedio

[239] In White, la Corte ha escluso il rapporto obbligatorio sull'incidente ai sensi dell'articolo 24(1) della Carta sulla base del fatto che la sua ammissione al processo avrebbe violato l'articolo 7. L'acquisizione del rapporto d'incidente coatto non è stata impugnata. Ma quando, come in questo caso, la prova è ottenuta in violazione della Carta, la s. 24(2) è il meccanismo di esclusione (R. v. Therens, [1985] 1 S.C.R. 613).

[240] Ai sensi del s. 24(2), la corte deve determinare se, in tutte le circostanze, ammettere prove ottenute in violazione della Carta porterebbe al discredito dell'amministrazione della giustizia.

[241] In R. v. Grant, 2009 SCC 32, [2009] 2 S.C.R. 353, McLachlin C.J. e Charron J. hanno notato che le dichiarazioni dell'imputato impegnano il principio cardine contro l'autoincriminazione (al par. 89) e hanno concluso che, pur non essendo una regola assoluta, "nella pratica, i tribunali hanno avuto la tendenza a escludere le dichiarazioni ottenute in violazione della Carta, sulla base del fatto che l'ammissione a conti fatti avrebbe portato discredito all'amministrazione della giustizia" (par. 91).

[242] Le dichiarazioni ottenute in violazione del principio contro l'autoincriminazione saranno quasi sempre escluse ai sensi dell'articolo 24(2). Per trovare una violazione dell'articolo 7, la corte avrà già determinato che l'affidabilità della dichiarazione è controbilanciata dalla condotta abusiva o coercitiva della polizia. Se la dichiarazione è stata ottenuta in un modo che ha violato l'articolo 7 a causa di problemi di affidabilità, la sua ammissione rischierebbe un errore giudiziario e deve essere esclusa. Allo stesso modo, se la dichiarazione è affidabile ma è stata resa incostituzionale a causa di preoccupazioni sulla coercizione o sulla condotta dello Stato, la sua ammissione porterebbe anche al discredito dell'amministrazione della giustizia. Questo caso non fa eccezione; sia il rischio di un errore giudiziario che la condotta abusiva della polizia richiedono l'esclusione.

[243] Di conseguenza, concordo con la conclusione del mio collega Moldaver J. che la prova ottenuta nell'operazione deve essere esclusa, e respingerei l'appello.

L'appello è respinto.

Avvocato per il ricorrente: Attorney General of Newfoundland and Labrador, St. John's.

Solicitors per il convenuto: Poole Althouse, Corner Brook, Terranova e Labrador.

Solicitor per l'interveniente il Direttore delle Procure Pubbliche del Canada: Public Prosecution Service of Canada, Halifax.

Avvocato dell'interveniente: Attorney General of Ontario: Attorney General of Ontario, Toronto.

Avvocato dell'interveniente Directeur des poursuites criminelles et pénales du Québec: Directeur des poursuites criminelles et pénales du Québec, Québec.

Solicitor per l'interveniente Attorney General of British Columbia: Attorney General of British Columbia, Victoria.

Avvocati per l'interveniente: Association in Defence of the Wrongly Convicted: Russell Silverstein & Associate, Toronto.

Avvocati per l'interveniente: British Columbia Civil Liberties Association: Sugden, McFee & Roos, Vancouver; Michael Sobkin, Ottawa.

Avvocati per l'interveniente l'Associazione degli Avvocati Criminali dell'Ontario: Lockyer Campbell Posner, Toronto.

Avvocati dell'interveniente: Canadian Civil Liberties Association: Addario Law Group, Toronto.
Avvocati per l'interveniente Association des avocats de la défense de Montréal: Poupart, Dadour, Touma et Associés, Montréal.

Solicitors nominati dalla Corte come amicus curiae: Henein Hutchison, Toronto.


[1] Il nome dell'ufficiale è protetto da un divieto di pubblicazione.
[2] Anche il nome di questo ufficiale è protetto dal divieto di pubblicazione.
[3] Questa conversazione non è stata registrata. L'intervistato ha negato che questa confessione sia avvenuta.
[4] "Undercover Operations", B.C. RCMP (online).
[5] Questa regola riguarda le operazioni di Mr. Big nella loro forma attuale. Un cambiamento nel modo in cui la polizia usa le operazioni sotto copertura per ottenere confessioni potrebbe sfuggire alla portata di questa regola. Tuttavia, non spetta a questa Corte anticipare i potenziali sviluppi della polizia. Farlo sarebbe speculativo. Il tempo dirà se, in un caso futuro, i principi che sono alla base di questa regola giustificano l'estensione della sua applicazione ad un altro contesto.
[6] Sembra che la RCMP abbia già adottato la pratica di registrare un numero sostanziale di interazioni tra l'accusato e gli agenti sotto copertura nella British Columbia (si veda W. E. Dawson, "The Use of 'Mr. Big' in Undercover Operations", in Criminal Law: Special Issues (2011), Paper 5.2, a p. 5.2.44).
[7] Questo studio si riferisce a episodi di false confessioni derivanti da interrogatori di polizia convenzionali. A mio parere, i gruppi di persone che presentano il maggior pericolo di false confessioni durante gli interrogatori convenzionali giustificano un maggiore controllo nel contesto delle operazioni di Mr.
[8] Per esempio, in R. v. Bonisteel, 2008 BCCA 344, 259 B.C.A.C. 114, ammettere la confessione dell'imputato a Mr. Questa prova doveva essere ammessa perché era "inestricabilmente intrecciata con la confessione sotto copertura" (paragrafo 29). Ovviamente, questo tipo di prova aumenta il pregiudizio morale che accompagna la confessione di un imputato.
[9] Si veda, ad esempio, R. v. S. (R.J.), [1995] 1 S.C.R. 451, dove questa Corte ha riconosciuto che i testimoni godono di una protezione contro l'uso di "prove derivate" scoperte come risultato della loro testimonianza forzata (ai paragrafi 165-202), e British Columbia Securities Commission v. Branch, [1995] 2 S.C.R. 3, dove questa Corte ha riconosciuto che un testimone dovrebbe essere esentato dall'obbligo di testimoniare quando il testimone può stabilire che lo scopo predominante dello Stato per costringere la sua testimonianza è quello di cercare prove incriminanti contro di lui (paragrafi 5-12).

[10] Quattro fattori sono stati utilizzati per decidere se il principio è stato violato: (1) l'esistenza di coercizione; (2) l'esistenza di una relazione conflittuale tra l'imputato e lo Stato; (3) la prospettiva che sarebbe stata resa una confessione inaffidabile; e (4) la preoccupazione che l'ammissione della dichiarazione avrebbe aumentato la probabilità di una condotta abusiva da parte dello Stato.
[11] Mentre queste ragioni si concentrano sulla sua applicazione al contesto di Mr. Big, non vedo perché il principio non possa essere adattato per governare altre tattiche innovative della polizia progettate per ottenere confessioni.
[12] Si vedano le varie approvazioni di casi presso la Corte d'appello: R. v. Hart, 2011 NLCA 64, 312 Nfld. & P.E.I.R. 44; 2011 NLCA 37 (CanLII); 2011 NLCA 29 (CanLII); 2010 NLCA 33, 298 Nfld. & P.E.I.R. 152; 2009 NLCA 10, 282 Nfld. & P.E.I.R. 346.