Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

decisioni

Confessione estorta dopo interrogatorio estenuante, condanna annullata (US Supreme Court, Watts vs Indiana, 1949)

27 Giugno 1949, Corte Suprema degli Stati Uniti
polizia interrogatorio lego tortura
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

Il requisito di accuse specifiche, la loro prova al di là di un ragionevole dubbio, la protezione dell'accusato da confessioni estorte attraverso qualsiasi forma di pressione poliziesca, il diritto a una pronta udienza davanti a un magistrato, il diritto all'assistenza di un avvocato, che deve essere fornita dal governo quando le circostanze lo rendono necessario, il dovere di avvisare un accusato dei suoi diritti costituzionali -- queste sono tutte caratteristiche del sistema accusatorio e manifestazioni delle sue esigenze.

Se la forza è stata applicata, questa Corte non lascia alla determinazione locale se la confessione sia stata volontaria o meno. C'è tortura della mente così come del corpo; la volontà è influenzata tanto dalla paura quanto dalla forza. E arriva un punto in cui questa Corte non dovrebbe essere ignorante come giudici di ciò che sappiamo come uomini.

Una confessione con la quale si perde la vita deve essere l'espressione di una libera scelta. Una dichiarazione, per essere volontaria, naturalmente non deve essere volontaria. Ma se è il prodotto di una pressione prolungata da parte della polizia, non deriva da una libera scelta. Quando un sospettato parla perché è sopraffatto, è irrilevante se è stato sottoposto a una prova fisica o mentale. L'eventuale cedimento all'interrogatorio in tali circostanze è chiaramente il prodotto del processo di aspirazione dell'interrogatorio, e quindi il contrario di volontario. Noi vorremmo / dovremmo chiudere le nostre menti al chiaro significato di ciò che è accaduto qui per negare che questo è stato un tentativo calcolato per ottenere una confessione attraverso la pressione di un interrogatorio incessante. La stessa implacabilità di tale interrogatorio implica che è meglio per il prigioniero rispondere che persistere nel rifiuto di rivelazione, che è il suo diritto costituzionale. Trasformare la detenzione di un accusato in un processo per strappargli prove che non potrebbero essere estorte in un tribunale aperto, con tutte le sue garanzie, è un abuso così grave del potere di arresto da offendere gli standard procedurali del giusto processo.

Questo perché viola il principio che sta alla base della nostra applicazione della legge penale. Il nostro è un sistema accusatorio e non inquisitorio. Tale è stata la caratteristica della giustizia penale anglo-americana da quando si è liberata dalle pratiche prese in prestito dalla Star Chamber dal continente, per cui un accusato veniva interrogato in segreto per ore e ore.

Justice Jackson: "Il sospettato non ha avuto né è stato avvisato del suo diritto ad avere un avvocato. Questo presenta un vero dilemma in una società libera. Sottoporre una persona senza avvocato ad un interrogatorio che può e vuole condannarla, è un vero pericolo per la libertà individuale. Coinvolgere un avvocato significa un pericolo reale per la soluzione del crimine perché, sotto il nostro sistema accusatorio, egli ritiene che il suo unico dovere sia quello di proteggere il suo cliente - colpevole o innocente - e che, in tale veste, egli non abbia alcun dovere di aiutare la società a risolvere il problema del crimine. Secondo questa concezione della procedura penale, ogni avvocato degno di questo nome dirà all'indagato, senza mezzi termini, di non fare dichiarazioni alla polizia in nessuna circostanza."

 

Corte Suprema degli Stati Uniti

Watts contro Indiana, 338 U.S. 49 (1949)
Watts contro Indiana

No. 610

Discusso il 25 aprile 1949

Deciso il 27 giugno 1949

338 U.S. 49

CERTIORARI ALLA CORTE SUPREMA DELL'INDIANA

Syllabus

Il firmatario fu arrestato per sospetto un mercoledì e tenuto senza processo, senza l'aiuto di un avvocato o di amici, e senza consigli sui suoi diritti costituzionali fino al martedì successivo, quando confessò l'omicidio. Nel frattempo, è stato tenuto per la maggior parte del tempo in isolamento in una cella senza posto per sedersi o dormire se non sul pavimento, ed è stato interrogato da staffette di agenti di polizia, di solito fino a mezzanotte passata. Al suo processo in una corte statale, la confessione è stata ammessa nella prova sopra la sua obiezione ed è stata condannata.

Tenuto: l'uso al processo di una confessione ottenuta in questo modo ha violato la clausola del giusto processo del quattordicesimo emendamento e la condanna è cassata. Pp. 388 U. S. 49-55. 226 Ind. 655, 82 N.E.2d 846, rovesciato.

MR. JUSTICE FRANKFURTER ha annunciato il giudizio della Corte e un'opinione in cui MR. JUSTICE MURPHY e MR. JUSTICE RUTLEDGE si uniscono.

Sebbene la Costituzione ponga la protezione contro il crimine prevalentemente nelle mani degli Stati, il Quattordicesimo Emendamento ha fortemente limitato gli Stati nella loro amministrazione della giustizia penale. Così, mentre i tribunali statali hanno la responsabilità di garantire i requisiti rudimentali di un ordine civile, nell'adempimento di tale responsabilità, incombe su di loro il potere di revisione di questa Corte. [nota 1] Un potere di tale delicatezza e importanza deve, naturalmente, essere esercitato con la massima tolleranza. Quando, tuttavia, viene fatto appello ad esso, non c'è scampo. E così questa Corte ancora una volta deve soddisfare il dovere non congeniale di testare la validità di una condanna da parte di un tribunale statale per un crimine statale in base a ciò che si trova nella clausola del giusto processo del quattordicesimo emendamento. Questo caso è qui perché la Corte Suprema dell'Indiana ha respinto l'affermazione del firmatario che le confessioni che gli sono state estorte sono state ottenute in circostanze che rendono la loro ammissione come prova contro di lui una negazione del giusto processo di legge. [nota 2] 226 Ind. 655, 82 N.E.2d 846. I motivi per i quali è stata chiesta la nostra revisione sembravano sufficientemente importanti per concedere la petizione di certiorari. 336 U.S. 917.

Nella revisione qui delle condanne dello Stato, tutte quelle questioni che sono denominate solitamente questioni di fatto sono per la determinazione conclusiva dai tribunali dello Stato e non sono aperti per riconsiderazione da questa Corte. L'osservanza di questa restrizione nel nostro controllo dei tribunali statali richiede il massimo scrupolo. Ma "issue of fact" è un mantello di molti colori. Non copre una conclusione tratta da fatti incontrovertibili, quando tale conclusione incorpora norme di comportamento o criteri di giudizio che di per sé sono decisivi per i diritti costituzionali. Tali norme e criteri, misurati rispetto ai requisiti tratti dalle disposizioni costituzionali, e le loro corrette applicazioni, sono questioni per il giudizio di questa Corte. Hooven & Allison Co. v. Evatt, 324 U. S. 652, 324 U. S. 659, e casi citati. Specialmente nei casi che sorgono in base alla Due Process Clause è importante distinguere tra le questioni di fatto che sono qui precluse e le questioni che, anche se sotto forma di determinazioni di fatto, sono proprio le questioni da esaminare su cui questa Corte siede. Vedi Norris v. Alabama, 294 U. S. 587, 294 U. S. 589-590; Marsh v. Alabama, 326 U. S. 501, 326 U. S. 510.

Nell'applicazione di un concetto costituzionale così ampio come il "giusto processo", sarebbe inutile aspettarsi sempre l'unanimità di vedute. Tuttavia, in tutti i casi che sono venuti qui durante l'ultimo decennio dalle corti dei vari Stati in cui si è sostenuto che l'ammissione di confessioni forzate viziava le condanne per omicidio, [Footnote 3] c'è stato un completo accordo che qualsiasi conflitto di testimonianze su ciò che ha effettivamente portato a una confessione contestata non è di competenza di questa Corte. Tale conflitto viene qui autorevolmente risolto dalla sentenza dello Stato. Pertanto, solo quegli elementi degli eventi e delle circostanze in cui una confessione è stata coinvolta che sono indiscussi nella versione dello Stato di ciò che è accaduto sono rilevanti per la questione costituzionale qui. Ma se la forza è stata applicata, questa Corte non lascia alla determinazione locale se la confessione sia stata volontaria o meno. C'è tortura della mente così come del corpo; la volontà è influenzata tanto dalla paura quanto dalla forza. E arriva un punto in cui questa Corte non dovrebbe essere ignorante come giudici di ciò che sappiamo come uomini. Vedi Taft, C.J., nel caso della Child Labor Tax Case, 259 U. S. 20, 259 U. S. 37.

Questo ci porta alle circostanze indiscusse che devono determinare la questione del giusto processo in questo caso. Grazie alla schiettezza degli avvocati dell'Indiana, queste circostanze possono essere esposte brevemente.

Il 12 novembre 1947, un mercoledì, il firmatario è stato arrestato e trattenuto come sospetto autore di una presunta aggressione criminale all'inizio della giornata. Più tardi lo stesso giorno, nelle vicinanze di questo evento, una donna è stata trovata morta in condizioni che suggeriscono un omicidio nel corso di un tentativo di aggressione criminale. Il sospetto di omicidio si è rapidamente rivolto al firmatario e la polizia ha iniziato a interrogarlo. Lo portarono dalla prigione della contea al Quartier Generale della Polizia di Stato, dove fu interrogato dagli agenti a staffetta dalle undici e mezza circa di quella notte fino a qualche momento tra le 2:30 e le 3 del mattino seguente. La stessa procedura di interrogatorio persistente dalle 5:30 circa del pomeriggio fino alle 3 circa del mattino seguente, da parte di una staffetta di sei-otto agenti, fu seguita giovedì 13, venerdì 14, sabato 15 e lunedì 17. La domenica era un giorno di riposo dagli interrogatori. Verso le 3 di martedì mattina, 18 novembre, il firmatario fece una dichiarazione incriminante dopo un continuo interrogatorio dalle 6 della sera precedente. La dichiarazione non ha soddisfatto il procuratore che era stato chiamato, e ha quindi preso in mano il firmatario. Il firmatario, interrogato da un interrogatore di vent'anni di esperienza come avvocato, giudice e procuratore, ha fornito un documento più incriminante.

Fino a quando le sue dichiarazioni incriminanti non sono state ottenute, il firmatario era un prigioniero sotto l'esclusivo controllo dell'autorità giudiziaria. È stato tenuto per i primi due giorni in isolamento in una cella giustamente chiamata "il buco", viste le sue condizioni fisiche descritte dai testimoni dello Stato. A parte le cinque sessioni notturne, la polizia interrogò Watts a intermittenza durante il giorno e, in tre giorni, lo portò in giro per la città, per ore, allo scopo di ottenere identificazioni e altre rivelazioni. Sebbene la legge dell'Indiana richiedesse che al firmatario fosse data una pronta udienza preliminare davanti a un magistrato, con tutta la protezione che un'udienza doveva dargli, al firmatario non solo non fu data alcuna udienza durante l'intero periodo di interrogatorio, ma fu senza aiuto amichevole o professionale e senza consigli sui suoi diritti costituzionali. Il disprezzo dei bisogni rudimentali della vita - opportunità di dormire e un'indennità di cibo decente - sono anch'essi rilevanti, non come elementi aggravanti del trattamento del firmatario, ma come parte della situazione totale da cui le sue confessioni sono venute e che ne ha segnato il carattere.

Una confessione con la quale si perde la vita deve essere l'espressione di una libera scelta. Una dichiarazione, per essere volontaria, naturalmente non deve essere volontaria. Ma se è il prodotto di una pressione prolungata da parte della polizia, non deriva da una libera scelta. Quando un sospettato parla perché è sopraffatto, è irrilevante se è stato sottoposto a una prova fisica o mentale. L'eventuale cedimento all'interrogatorio in tali circostanze è chiaramente il prodotto del processo di aspirazione dell'interrogatorio, e quindi il contrario di volontario. Noi vorremmo / dovremmo chiudere le nostre menti al chiaro significato di ciò che è accaduto qui per negare che questo è stato un tentativo calcolato per ottenere una confessione attraverso la pressione di un interrogatorio incessante. La stessa implacabilità di tale interrogatorio implica che è meglio per il prigioniero rispondere che persistere nel rifiuto di rivelazione, che è il suo diritto costituzionale. Trasformare la detenzione di un accusato in un processo per strappargli prove che non potrebbero essere estorte in un tribunale aperto, con tutte le sue garanzie, è un abuso così grave del potere di arresto da offendere gli standard procedurali del giusto processo.

Questo perché viola il principio che sta alla base della nostra applicazione della legge penale. Il nostro è un sistema accusatorio e non inquisitorio. Tale è stata la caratteristica della giustizia penale anglo-americana da quando si è liberata dalle pratiche prese in prestito dalla Star Chamber dal continente, per cui un accusato veniva interrogato in segreto per ore e ore. Vedi Ploscowe, The Development of Present-Day Criminal Procedures in Europe and America, 48 Harv.L.Rev., 433, 457-58, 467-473 (1935).

Nel nostro sistema, la società ha l'onere di provare la sua accusa contro l'accusato non dalla sua stessa bocca. Deve costruire il suo caso non attraverso l'interrogatorio dell'accusato, anche sotto le garanzie giudiziarie, ma con prove ottenute indipendentemente attraverso un'abile indagine.

"La legge non permetterà che un prigioniero sia reso lo strumento illusorio della sua stessa condanna. 2 Hawkins, Pleas of the Crown c. 46, § 34 (8a ed., 1824).

Il requisito di accuse specifiche, la loro prova al di là di un ragionevole dubbio, la protezione dell'accusato da confessioni estorte attraverso qualsiasi forma di pressione poliziesca, il diritto a una pronta udienza davanti a un magistrato, il diritto all'assistenza di un avvocato, che deve essere fornita dal governo quando le circostanze lo rendono necessario, il dovere di avvisare un accusato dei suoi diritti costituzionali -- queste sono tutte caratteristiche del sistema accusatorio e manifestazioni delle sue esigenze.

Pagina 338 U. S. 55

La sottomissione prolungata, sistematica e incontrollata di un accusato all'interrogatorio della polizia allo scopo di ottenere rivelazioni o confessioni è sovversiva del sistema accusatorio. È il sistema inquisitorio senza le sue garanzie. Perché mentre, sotto questo sistema, l'accusato è sottoposto a un interrogatorio giudiziario, è protetto dal disinteresse del giudice in presenza di un avvocato. Vedi Keedy, The Preliminary Investigation of Crime in France, 88 U. of Pa.L.Rev., 692, 708-712 (1940).

Nel ritenere che la Due Process Clause impedisce una procedura di polizia che viola le nozioni di base del nostro modo accusatorio di perseguire il crimine e vizia una condanna basata sui frutti di tale procedura, applichiamo la Due Process Clause alla sua funzione storica di assicurare una procedura appropriata prima che la libertà sia limitata o la vita sia presa. Siamo profondamente consapevoli degli angoscianti problemi che l'incidenza del crimine presenta agli Stati. Ma la storia del diritto penale dimostra in modo schiacciante che i metodi brutali di applicazione della legge sono essenzialmente controproducenti, qualunque sia il loro effetto in un caso particolare. Vedi, per esempio, Radzinowicz, A History of English Criminal Law and its Administration from 1750, passim (1948). La legge trionfa quando gli impulsi naturali suscitati da un crimine scioccante cedono alle garanzie che la nostra civiltà ha sviluppato per un'amministrazione della giustizia penale allo stesso tempo razionale ed efficace.

Abbiamo esaminato gli altri argomenti del firmatario e non li sosteniamo.

Reversed

MR. JUSTICE BLACK concorda nel giudizio della Corte sull'autorità di Chambers v. Florida, 309 U. S. 227; Ashcraft v. Tennessee, 322 U. S. 143.

In base agli atti di cui disponiamo e alla luce della considerazione data alle prove dai tribunali statali e della conclusione

Pagina 338 U. S. 56

raggiunta, IL GIUDICE CHIEF, MR. JUSTICE REED e MR. JUSTICE BURTON ritengono che le sentenze debbano essere confermate in tutti e tre i casi.

[Nota 1]

Naturalmente, questa Corte non ha il potere correttivo sui tribunali statali che ha sui tribunali federali inferiori. Vedi, ad esempio, McNabb contro gli Stati Uniti, 318 U. S. 332. In linea di massima, la corretta amministrazione del diritto penale degli Stati spetta alle corti statali. La natura della Due Process Clause, tuttavia, dà potenzialmente ampio spazio al potere di revisione di questa Corte sulle condanne dei tribunali statali.

[nota 2]

Nelle dichiarazioni del firmatario, c'era il riconoscimento del possesso di una pistola incriminante, la cui esistenza è stata stabilita indipendentemente dalla polizia. Ma una confessione forzata è inammissibile ai sensi della Due Process Clause anche se le dichiarazioni in essa contenute possono essere indipendentemente stabilite come vere. Vedi Lisenba v. California, 314 U. S. 219, 314 U. S. 236-237.

[nota 3]

La validità di una condanna perché è stata utilizzata una confessione presumibilmente forzata è stata messa in discussione nei seguenti casi:

(A) La confessione è stata trovata procurata in circostanze che violano la Due Process Clause in Haley v. Ohio, 332 U. S. 596; Malinski v. New York, 324 U. S. 401; Ashcraft v. Tennessee, 322 U. S. 143; Ward v. Texas, 316 U. S. 547; Lomax v. Texas, 313 U. S. 544; Vernon v. Alabama, 313 U. S. 547; White v. Texas, 310 U. S. 530; Canty v. Alabama, 309 U. S. 629; White v. Texas, 309 U. S. 631; Chambers v. Florida, 309 U. S. 227; Brown v. Mississippi, 297 U. S. 278; e vedi Ashcraft v. Tennessee, 327 U. S. 274.

(B) La confessione è stata trovata procurata in circostanze che non violano la Due Process Clause in Lyons v. Oklahoma, 322 U. S. 596, e Lisenba v. California, 314 U. S. 219.

MR. JUSTICE DOUGLAS, concurring.

I fatti non contestati sono i seguenti:

Il firmatario è stato preso in custodia nel primo pomeriggio di mercoledì 12 novembre 1947. Fu dapprima detenuto perché sospettato di aver commesso un'aggressione criminale, e solo più tardi, durante il giorno del suo arresto, fu sospettato di aver commesso l'omicidio per il quale fu poi processato e condannato. È stato trattenuto senza essere chiamato in giudizio fino al martedì successivo, quando ha rilasciato una confessione che ha soddisfatto la polizia. In nessun momento è stato avvisato del suo diritto di rimanere in silenzio, né ha avuto la consulenza di familiari, amici o avvocati durante la sua detenzione. Non è stato prontamente chiamato in giudizio, come richiede la legge dell'Indiana.

Durante questa detenzione, il firmatario è stato tenuto nella prigione della contea. I primi due giorni è stato messo in isolamento in una cella conosciuta tra i prigionieri come "il buco". Non c'era nessun posto su cui sedersi o dormire tranne il pavimento. Durante questi sei giorni di reclusione, il firmatario è stato sottoposto ogni giorno, tranne la domenica, a lunghi periodi di interrogatorio. Per questi interrogatori è stato trasferito al quartier generale della polizia di Stato. Il periodo di interrogatorio di solito iniziava verso le sei di sera, tranne la prima notte, quando iniziò verso le undici e mezza. Ogni periodo di interrogatorio si estendeva fino alle due o tre del mattino seguente. Questi interrogatori erano condotti da staffette di piccoli gruppi di agenti. In diverse occasioni, il firmatario è stato sottoposto al test della macchina della verità. Dopo l'interrogatorio serale, sarebbe stato riportato alla prigione della contea. Anche allora, non sempre gli veniva data tregua fino all'inizio della prova della sera successiva. Era sottoposto a intermittenti

Pagina 338 U. S. 57

durante il giorno, e in tre pomeriggi è stato portato in giro per la città per diverse ore dalla polizia nel tentativo di ottenere ulteriori informazioni e di ricostruire le attività del firmatario il giorno del delitto.

Fu verso le due o le tre di martedì mattina, dopo circa sette ore di interrogatorio, che il firmatario rese la confessione usata contro di lui per obiezione al suo processo. Questo è avvenuto dopo sei giorni di reclusione.

Sarebbe ingenuo pensare che questa custodia protettiva fosse inferiore all'inquisizione. L'uomo è stato trattenuto fino al cedimento. Poi e solo allora è stato chiamato in giudizio e gli è stata data la protezione che la legge fornisce a tutti gli accusati. La detenzione senza imputazione è un metodo tradizionale per tenere un accusato sotto il controllo esclusivo della polizia. Essi possono quindi operare a loro piacimento. L'accusato è completamente alla loro mercé. È senza l'aiuto di un avvocato o di amici, e gli viene negata la protezione del magistrato. Dovremmo condannare inequivocabilmente la procedura, e stare pronti a dichiarare illegale, come abbiamo fatto in Malinski v. New York, 324 U. S. 401, e Haley v. Ohio, 332 U. S. 596, qualsiasi confessione ottenuta durante il periodo della detenzione illegale. La procedura genera confessioni forzate. È la radice del male. È la procedura senza la quale l'inquisizione non potrebbe fiorire nel paese.

MR. JUSTICE JACKSON concorre al risultato nel n. 610 e dissente nei nn. 76 e 107. *

Questi tre casi, provenienti da stati ampiamente separati, presentano essenzialmente lo stesso problema. La sua ricorrenza suggerisce che ha radici in qualche condizione fondamentale e generale del nostro sistema penale.

In ogni caso, la polizia si è trovata di fronte a uno o più omicidi brutali che le autorità avevano il massimo dovere di risolvere. Ognuno di questi omicidi era senza testimoni, e l'unica conoscenza positiva su cui poteva essere basata una soluzione era posseduta dall'assassino. In ognuno, c'era un motivo ragionevole per sospettare un individuo, ma non abbastanza prove legali per accusarlo di colpevolezza. In ognuno, la polizia ha cercato di far fronte alla situazione prendendo il sospetto in custodia e interrogandolo. Questo si è esteso per periodi variabili. In ognuno, sono state fatte delle confessioni che sono state ricevute come prova al processo. Controllate con prove esterne, sono intrinsecamente credibili, e non sono state scosse nella loro veridicità da nulla di ciò che è accaduto al processo. Ogni confessore è stato condannato da una giuria, e i tribunali statali hanno affermato. Questa Corte annulla tutte e tre le condanne.

La gravità del giudizio della Corte sta nel fatto che nessuno suggerisce che un qualsiasi corso prometteva la soluzione di questi omicidi se non quello di prendere il sospetto in custodia per interrogarlo. L'alternativa era di chiudere i libri sul crimine e dimenticarlo, con il sospetto in libertà. Questa è una scelta grave per una società in cui due terzi degli omicidi sono già chiusi come insolubili.

Un'opinione concorrente, tuttavia, si spinge fino al limite e sembra dichiarare fuorilegge qualsiasi confessione, per quanto liberamente resa, se ottenuta durante un periodo di detenzione tra l'arresto e l'imputazione - il che, in pratica, significa tutte.

Altri vorrebbero eliminare queste confessioni a causa di condizioni che, secondo loro, le rendono "involontarie". In questo, solo su un verbale stampato, essi contrappongono il loro giudizio a quello del giudice e della giuria. Entrambi, con il grande vantaggio di sentire e vedere il confessore e anche gli ufficiali la cui condotta e comportamento nei suoi confronti è in questione, hanno trovato che le confessioni erano volontarie. Inoltre, la maggioranza annulla in ogni caso una o più corti d'appello statali, che hanno la stessa limitata opportunità di conoscere la verità che abbiamo noi.

In mezzo a molte cose irrilevanti o banali, una situazione seria mi sembra spiccare in questi casi. Il sospettato non ha avuto né è stato avvisato del suo diritto ad avere un avvocato. Questo presenta un vero dilemma in una società libera. Sottoporre una persona senza avvocato ad un interrogatorio che può e vuole condannarla, è un vero pericolo per la libertà individuale. Coinvolgere un avvocato significa un pericolo reale per la soluzione del crimine perché, sotto il nostro sistema accusatorio, egli ritiene che il suo unico dovere sia quello di proteggere il suo cliente - colpevole o innocente - e che, in tale veste, egli non abbia alcun dovere di aiutare la società a risolvere il problema del crimine. Secondo questa concezione della procedura penale, ogni avvocato degno di questo nome dirà all'indagato, senza mezzi termini, di non fare dichiarazioni alla polizia in nessuna circostanza.

Se lo Stato può arrestare per sospetto e interrogare senza avvocato, non si può negare il fatto che questo nega in gran parte i benefici della garanzia costituzionale del diritto all'assistenza di un avvocato. Qualsiasi avvocato che sia mai stato chiamato in un caso dopo che il suo cliente ha "detto tutto" e ha consegnato tutte le prove in suo possesso al governo, sa quanto sia impotente a proteggere il suo cliente dai fatti così rivelati.

Suppongo che l'opinione che si ha dipende da quello che si pensa dovrebbe essere il diritto di un accusato contro lo Stato. È il suo diritto ad avere il giudizio sui fatti? O è il suo diritto di avere un giudizio basato solo su quelle prove che non può nascondere alle autorità, che non possono costringerlo a testimoniare in tribunale e nemmeno interrogarlo prima? Il nostro sistema si avvicina a quest'ultima interpretazione, perché l'imputato è protetto da tali garanzie che nessun sistema giuridico, tranne quello anglo-americano, gli concede.

Naturalmente, nessuna confessione che sia stata ottenuta con qualsiasi forma di violenza fisica alla persona è affidabile, e quindi nessuna condanna dovrebbe basarsi su una ottenuta in quel modo. Tale trattamento non solo spezza la volontà di nascondere o mentire, ma può anche spezzare la volontà di sostenere la verità. Né è in discussione il fatto che lo stesso risultato può essere talvolta ottenuto con minacce, promesse o incentivi, che torturano la mente ma non lasciano cicatrici sul corpo. Se l'opinione del signor Justice Frankfurter nel caso Watts fosse basata solo sulle ammissioni dello Stato riguardo al trattamento di Watts, non dovrei essere in disaccordo. Ma se la ricerca ultima in un processo penale è la verità e se le circostanze non indicano alcuna violenza o minaccia di essa, la società dovrebbe essere privata dell'aiuto del sospettato nella risoluzione di un crimine solo perché è stato confinato e interrogato quando non era in custodia?

Non dobbiamo trascurare che, in questi come in alcuni casi precedenti, una volta ottenuta una confessione, essa fornisce modi per verificarne l'attendibilità. In questi casi, la verifica è sufficiente a non lasciarmi alcun dubbio che le ammissioni di colpevolezza fossero genuine e veritiere. Tale conferma consiste in un caso nel trovare un'arma dove l'accusato ha detto di averla nascosta, e in altri che le condizioni che potevano essere conosciute solo da uno che era implicato corrispondono al suo racconto. È possibile, ma è raro, che una confessione, se ripudiata al processo, da sola, condanni a meno che non ci sia una prova esterna della sua veridicità.

In tutti questi casi, insieme ad altre condizioni criticate, si invoca la continuità e la durata dell'interrogatorio, che viene chiamato "inchiesta", "inchiesta" o "inquisizione", a seconda soprattutto dello stato emotivo di chi scrive. Ma, come in alcuni casi qui, se l'interrogatorio è ammissibile, ci sono valide ragioni per prolungarlo - che le opinioni qui ignorano. Il sospettato all'inizio forse fa uno sforzo per scagionarsi con alibi o altre dichiarazioni. Queste vengono verificate, trovate false, ed egli viene poi messo di fronte alla sua falsità. A volte (anche se tali casi non arrivano a noi) la verifica dimostra che sono vere o credibili, e il sospettato viene rilasciato. A volte, come in questo caso, è coinvolto più di un crimine. La durata di un interrogatorio può ben dipendere dal temperamento, dalla scaltrezza e dall'astuzia dell'accusato e dalla competenza dell'esaminatore. Ma supponendo un diritto all'interrogatorio, il diritto deve includere ciò che è reso ragionevolmente necessario dai fatti del caso particolare.

Se il diritto all'interrogatorio è ammesso, allora mi sembra che dobbiamo lasciare ai giudici e alle giurie dei processi e alle corti d'appello statali il compito di decidere i singoli casi, a meno che non mostrino una mancanza di standard di decisione adeguati. Non trovo nulla che indichi che nessuna delle corti sottostanti in questi casi non abbia avuto una corretta comprensione del Quattordicesimo Emendamento, a meno che questa Corte non pensi che esso significhi un divieto assoluto di interrogatorio durante la custodia prima della chiamata in giudizio.

Suppongo che nessuno dubiti che la nostra Costituzione e la Carta dei diritti, fondate sulla rivolta contro le misure arbitrarie di Giorgio III e sulla filosofia della Rivoluzione francese, rappresentino le massime restrizioni al potere della società organizzata sull'individuo che siano compatibili con il mantenimento della società organizzata stessa. Erano così intesi, e dovrebbero essere così interpretati. Non si può negare che, anche se interpretate come queste disposizioni sono state tradizionalmente, esse contengono un insieme di restrizioni che limitano seriamente il potere della società di risolvere i crimini come quelli che affrontiamo in questi casi. Queste restrizioni non dovrebbero essere messe da parte per questo motivo, ma questa è una buona ragione per non indulgere in un'inutile espansione delle stesse.

Dubito molto che ci impongano di ritenere che lo Stato non possa prendere in custodia e interrogare una persona ragionevolmente sospettata di un omicidio senza testimoni. Se lo fa, la gente di questo paese deve disciplinarsi nel vedere la propria polizia stare in disparte impotente mentre coloro che sono sospettati di omicidio si aggirano indisturbati. È un prezzo necessario da pagare per l'equità che conosciamo come "giusto processo di legge"? E se non è necessario, dovrebbe essere richiesto da questa Corte? Non conosco la risposta definitiva a queste domande, ma, per il momento, non dovrei aumentare l'handicap della società.

* [Per altre opinioni nel n. 76, Harris contro South Carolina, e nel n. 107, Turner contro Pennsylvania, vedi post, pp. 388 U. S. 68, 388 U. S. 62.]