Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

decisioni

Cannibalismo inammissibile per la legge umana? (Mignonette, 1884)

12 Dicembre 1884, Queens Bench Division
vela marinaio lego
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

A Londra, sul finire del 1884, fu celebrato il processo dei cd. cannibali dello yacht Mignonette.

Nella primavera del 1884 un ricco australiano, visitando l'Inghilterra, decise di acquistare uno yacht che si chiamava "Mignonette". Poi assoldò un capitano, Tommas Dudley e gli chiese di portarlo in Australia. Questi raccolse una ciurma di tre persone: Edwin Stephens come secondo, il marinaio Edmond Brooks e un giovane mozzo di nome Riccard Parker. Partirono e agli inizi andò tutto bene fin tanto che non affondò la nave e dovettero sopravvivere in una scialuppa per settimane, senza cibo e acqua. Erano sopravvissuti tutti e quattro ma quando furono tratti in salvo, erano rimasti in tre: questi avevano infatti mangiato il quarto compagno, il mozzo 17enne, per poter sopravvivere.

Due fra i tre sopravvissuti furono processati (il terzo ebbe l'immunità perché accettò di testimoniare); di seguito l'interessante sentenza di condanna a morte per omicidio che ripropone il tema del confine del lecito nello stato di necessità.

Alta Corte di giustizia (Queen's Bench Division)

 Sua Maestà la Regina contro

Tom Dudley e Edwin Stephens

Deciso 9 dicembre 1884

(1884) QBD 273 (DC) R contro Dudley e Stephens

LA REGINA contro DUDLEY E STEPHENS.
1884, 9 dicembre. LORD COLERIDGE, C.J., GROVE AND DENMAN, JJ.
POLLOCK E HUDDLESTON, BB.

(traduzione informale canestriniLex.com)

Diritto penale - Omicidio - Uccidere e mangiare carne umana sotto la pressione della fame - "Necessità" - Verdetto speciale - Certiorari - Reati in alto mare - Giurisdizione dell'Alta Corte.

Un uomo che, per sfuggire alla morte per fame, ne uccide un altro allo scopo di mangiarsi la carne, è colpevole di omicidio; anche se al momento dell'atto si trova in circostanze tali che crede e ha ragionevoli motivi per credere che ciò offra l'unica possibilità di preservare la sua vita.

Al processo per l'accusa di omicidio è stato accertato, con un verdetto speciale, che i prigionieri D. e S., marinai, e il defunto, un ragazzo tra i diciassette e i diciotto anni, sono stati gettati via in una tempesta in alto mare, e costretti a trovare riparo in una barca aperta; che la barca era alla deriva nell'oceano, e si trovava probabilmente a più di 1000 miglia da terra; che il diciottesimo giorno, quando erano stati sette giorni senza cibo e cinque senza acqua, D. propose a S. che si gettassero a sorte chi doveva essere messo a morte per salvare il resto, e che in seguito pensarono che sarebbe stato meglio uccidere il ragazzo perché le loro vite fossero salvate; che il ventesimo giorno D., con l'assenso di S., uccise il ragazzo, e sia D. che S. si cibarono della sua carne per quattro giorni; che al momento dell'atto non c'era nessuna vela in vista né alcuna ragionevole prospettiva di sollievo; che in queste circostanze appariva ai prigionieri ogni probabilità che se non si fossero nutriti del ragazzo, o di uno di loro, sarebbero morti di fame.

Detenuti, che su questi fatti non c'era alcuna prova di una tale necessità da giustificare i prigionieri nell'uccidere il ragazzo, e che erano colpevoli di omicidio.

IMPUTATO per l'omicidio di Richard Parker in alto mare, sotto la giurisdizione dell'Ammiragliato.

Al processo davanti a Huddleston, B., alle Assise Invernali del Devon e della Cornovaglia, il 7 novembre 1884, la giuria, su suggerimento del dotto giudice, trovò i fatti del caso in un verdetto speciale che affermava "che il 5 luglio 1884, i prigionieri, Thomas Dudley e Edward Stephens, con un Brooks, tutti abili marinai inglesi, e il defunto anche un ragazzo inglese, tra i diciassette e i diciotto anni, l'equipaggio di uno yacht inglese, una nave inglese registrata, è stato gettato via in una tempesta in alto mare a 1600 miglia dal Capo di Buona Speranza, ed è stato costretto a mettere in una barca aperta appartenente al suddetto yacht. Che in questa barca non avevano né acqua né cibo, tranne due barattoli di rape da 11b. e per tre giorni non avevano nient'altro di cui sopravvivere. Che il quarto giorno catturarono una piccola tartaruga, sulla quale rimasero per qualche giorno, e questo fu l'unico cibo che avevano fino al ventesimo giorno in cui fu commesso l'atto in questione. Che il dodicesimo giorno i resti della tartaruga furono interamente consumati, e per gli otto giorni successivi non avevano nulla da mangiare. Che non avevano acqua fresca, tranne la pioggia che di tanto in tanto si impigliava nei loro mantelli di cerata. Che la barca era alla deriva nell'oceano, e che probabilmente si trovava a più di 1000 miglia dalla terraferma. Che il diciottesimo giorno, quando erano stati sette giorni senza cibo e cinque senza acqua, i prigionieri parlarono a Brooks su cosa si sarebbe dovuto fare se non fosse arrivato alcun aiuto, e suggerirono che qualcuno doveva essere sacrificato per salvare il resto, ma Brooks dissentì, e il ragazzo, al quale si capiva che si riferivano, non fu consultato. Che il 24 luglio, il giorno prima dell'atto in questione, il prigioniero Dudley propose a Stephens e Brooks di tirare a sorte chi doveva essere messo a morte per salvare il resto, ma Brooks rifiutò di acconsentire, e non fu messo a disposizione del ragazzo, e in effetti non ci fu alcuna estrazione a sorte. Quel giorno i prigionieri parlarono del fatto di avere una famiglia, e suggerirono che sarebbe stato meglio uccidere il ragazzo per salvare le loro vite, e Dudley propose che se non ci fosse stato un vascello in vista per la mattina del mattino, il ragazzo sarebbe stato ucciso. Il giorno dopo, il 25 luglio, non apparve nessun vascello, Dudley disse a Brooks che era meglio che andasse a dormire, e fece segno a Stephens e Brooks che il ragazzo doveva essere ucciso. Il prigioniero Stephens accettò l'atto, ma Brooks dissentì. Che il ragazzo giaceva allora sul fondo della barca piuttosto indifeso, estremamente indebolito dalla carestia e dall'acqua di mare potabile, e incapace di opporre resistenza, e non acconsentì mai alla sua uccisione. Il prigioniero Dudley offrì una preghiera chiedendo perdono per tutti loro se uno di loro dovesse essere tentato di commettere un atto avventato, e che le loro anime potessero essere salvate. Che Dudley, con l'assenso di Stephens, andò dal ragazzo e gli disse che era giunta la sua ora, gli piantò un coltello in gola e lo uccise lì per lì; che i tre uomini si cibarono del corpo e del sangue del ragazzo per quattro giorni; che il quarto giorno dopo che l'atto era stato commesso la barca fu presa da una nave di passaggio, e i prigionieri furono salvati, ancora vivi, ma nel più basso stato di prostrazione. Che furono trasportati al porto di Falmouth, e furono processati a Exeter. Che se gli uomini non si fossero nutriti del corpo del ragazzo, probabilmente non sarebbero sopravvissuti per essere raccolti e salvati, ma sarebbero morti di carestia entro quattro giorni. Che il ragazzo, essendo in condizioni molto più deboli, sarebbe probabilmente morto prima di loro. Che al momento dell'atto in questione non c'era nessuna vela in vista, né alcuna ragionevole prospettiva di sollievo. Che in queste circostanze ai prigionieri appariva ai prigionieri ogni probabilità che, se non si fossero nutriti o non si fossero nutriti molto presto del ragazzo o di uno di loro, sarebbero morti di fame. Che non c'era alcuna apprezzabile possibilità di salvare una vita se non uccidendone una per farla mangiare agli altri. Che, supponendo che ci fosse la necessità di uccidere qualcuno, non c'era necessità di uccidere il ragazzo più grande di quella degli altri tre uomini".

Ma se su tutta la questione i giurati ritengono che l'uccisione di Richard Parker da parte di Dudley e Stephens sia un reato e che l'omicidio sia un omicidio, i giurati sono ignoranti, e pregano il consiglio della Corte, e se su tutta la questione la Corte ritiene che l'uccisione di Richard Parker sia un reato e un omicidio, allora i giurati dicono che Dudley e Stephens erano entrambi colpevoli di reato e di omicidio, come si afferma nell'atto d'accusa".

Il dotto giudice ha poi rinviato le udienze alla Corte reale di giustizia fino al 25 novembre. Su richiesta della Corona sono stati nuovamente rinviati al 4 dicembre, e il caso è stato ordinato di essere discusso davanti a una Corte composta da cinque giudici.

4 dicembre. Sir H. James, A.G. (A. Charles, Q.C., C. Mathews, e Danckwerts, con lui), si presentò per la Corona.

Il verbale è stato letto,

A. Collins, Q.C. (H. Clark, e Pyke, con lui), per i prigionieri, ha obiettato, in primo luogo, che la dichiarazione nel verdetto che lo yacht era una nave britannica registrata, e che la barca in cui i prigionieri appartenevano allo yacht, non faceva parte di alcuna conclusione della giuria; in secondo luogo, che la conclusione formale del verdetto, "se su tutta la questione i prigionieri erano e sono colpevoli di omicidio, la giuria è ignorante," &c., non faceva parte del verdetto della giuria, in quanto ha semplicemente trovato i fatti relativi alla morte di Parker, e non è stato loro riferito nient'altro; in terzo luogo, che il verbale non poteva essere depositato, perché era stato portato in tribunale solo per ordine, e non da certiorari.
Sir H. James, A.G., per la Corona. Per quanto riguarda il primo punto, la Corona è disposta a cancellare dal verbale la dichiarazione che lo yacht era un'imbarcazione britannica registrata, e che la barca apparteneva allo yacht. Per quanto riguarda la conclusione del verdetto è secondo la forma di verdetti speciali nei Rapporti: Rex contro Pedley Leach, C. C. 242; Rex contro Oneby 2 Ld. Raym. 1485; causa Mackally's Case 9 Co. 65 b.; causa Hazel's Case. Leach, C. C. 368 Per quanto riguarda i certiorari non ce n'era bisogno, poiché la Corte d'Assise fa ora parte di questa Corte.

[LA CORTE intimò che i punti presi a nome dei prigionieri erano insostenibili].

Per quanto riguarda la questione sostanziale del caso - se i prigionieri nell'uccisione di Parker fossero colpevoli di omicidio - la legge è che quando una persona privata che agisce in base al proprio giudizio prende la vita di un compagno, il suo atto può essere giustificato solo sulla base dell'autodifesa - autodifesa contro gli atti della persona a cui viene tolta la vita.

Questo principio è stato esteso al caso di un uomo che uccide un altro per evitare che commetta un grande crimine su una terza persona.

Ma il principio non si applica a questo caso, perché i detenuti non si sono protetti da alcun atto di Parker.

Se avesse avuto del cibo in suo possesso e glielo avessero tolto, sarebbero stati colpevoli di furto; e se lo avessero ucciso per ottenere questo cibo, sarebbero stati colpevoli di omicidio.

Il caso citato da Puffendorf nella sua Legge della natura e delle nazioni, cui si è fatto riferimento al processo, è stato trovato, dopo esame al British Museum, nell'opera dello scrittore olandese Nicolaus Tulpius, ed è chiaro che non si è trattato di una decisione giudiziaria.1 .

[È stato fermato.]

A. Collins, Q.C., per i detenuti.

I fatti trovati sul verdetto speciale indicano che i prigionieri non erano colpevoli di omicidio, nel momento in cui hanno ucciso Parker, ma lo hanno ucciso sotto la pressione della necessità. La necessità giustificherà ogni atto che altrimenti sarebbe un crimine. Stephen, Digest of Criminal Law, art. 32, Necessità. La legge sulla costrizione per necessità è ulteriormente spiegata nella Storia del diritto penale di Stephen, vol. ii., p. 108, e si esprime l'opinione che nel caso, spesso esposto dai casisti, di due uomini che annegano su una tavola abbastanza grande da sostenere uno solo, e uno che spinge via l'altro, il sopravvissuto non può essere sottoposto a punizione legale.

Nel caso americano degli Stati Uniti contro Holmes 1 Wallace, 25 giugno, la proposta che un passeggero a bordo di una nave possa essere gettato in mare per salvare gli altri è sanzionata. La legge sull'inevitabile necessità è pienamente considerata in Russell on Crimes, vol. i. p. 847, e ci sono passaggi ad essa relativi in Bracton, vol. ii. p. 277; Hale's Pleas of the Crown, p. 54 e c. 40; East's Pleas of the Crown, p. 221, citando Dalton, c. 98, "Omicide of Necessity", e diversi casi, tra cui il caso 18 How di McGrowther. St. Tr. 391; Stratton's Case 21 How. St. Tr. 1223. Lord Bacon, Bac. Max., Reg. 5, dà l'esempio di due naufraghi che si aggrappano alla stessa tavola e uno di loro spinge l'altro da essa, scoprendo che non sosterrà entrambi, e dice che questo omicidio è scusabile per necessità inevitabile e in base al grande principio universale di autoconservazione, che spinge ogni uomo a salvare la propria vita in preferenza a quella di un altro, dove uno di loro deve inevitabilmente perire.

È vero che Hale's Pleas of the Crown, p. 54, afferma chiaramente che la fame non è una scusa per i furti, ma ciò è dovuto al fatto che non ci può essere una tale estrema necessità in questo Paese. Nel caso in questione i prigionieri si trovavano in circostanze in cui non era possibile fornire assistenza. L'essenza del crimine di omicidio è l'intenzione e qui l'intenzione dei prigionieri era solo quella di preservare le loro vite.

Infine, non è escluso che ci fosse la giurisdizione per processare i prigionieri in Inghilterra. Facevano parte dell'equipaggio di uno yacht inglese, ma per tutto ciò che appare sul verdetto speciale la barca potrebbe essere stata una barca straniera, in modo che non fossero sotto la giurisdizione dell'Ammiragliato: Reg. v. Keyn 2 Ex. D. 63. L'imputazione non è prevista dagli Act 17 & 18 Vict. c. 104, per un reato commesso da marinai impiegati o recentemente impiegati su una nave britannica. Il verdetto speciale non può essere emendato in un caso di pena capitale con l'indicazione dei fatti reali.
Sir H. James, A.G., per la Corona.
[LORD COLERIDGE, C.J. La Corte ritiene che la condanna debba essere confermata. Che corso ci invita a seguire?]
A pronunciare la sentenza e a emettere la sentenza. Questa era la prassi anche quando, come in passato, il verbale è stato rimosso da certiorari: Rex contro Royce 4 Burr. 2073; Rex contro Athos 8 Mod. 136; Rex c. Cock. 4 M. E S. 71

La Corte ha intimato che la sentenza sarebbe stata emessa il 9 dicembre.

Il 9 dicembre. La sentenza della Corte (Lord Coleridge, C.J., Grove e Denman, JJ., Pollock e Huddleston, BB.) è stata pronunciata da

LORD COLERIDGE, C.J.

I due prigionieri, Thomas Dudley e Edwin Stephens, sono stati incriminati per l'omicidio di Richard Parker in alto mare il 25 luglio di quest'anno. Sono stati processati davanti a mio fratello Huddleston a Exeter il 6 novembre, e, sotto la direzione del mio dotto fratello, la giuria ha emesso un verdetto speciale, il cui effetto legale è stato discusso davanti a noi, e sul quale stiamo ora per pronunciare il giudizio.

Il verdetto speciale, poiché, dopo alcune obiezioni del signor Collins, alle quali il Procuratore Generale ha risposto, è stato finalmente deciso di fronte a noi. Da questi fatti, dichiarati con la fredda precisione di un verdetto speciale, sembra che i prigionieri siano stati sufficientemente soggetti a terribili tentazioni, a sofferenze che potrebbero distruggere il potere corporeo dell'uomo più forte e mettere alla prova la coscienza dei migliori.

Altri dettagli ancora più strazianti, fatti ancora più disgustosi e spaventosi, sono stati presentati alla giuria, e si trovano registrati negli appunti del mio dotto fratello. Ma è chiaro, tuttavia, che i prigionieri hanno messo a morte un ragazzo debole e non colpevole sulla possibilità di preservare la propria vita nutrendosi della sua carne e del suo sangue dopo la sua morte, e con la certezza di privarlo di ogni possibile possibilità di sopravvivenza.

Il verdetto afferma che "se gli uomini non si fossero nutriti del corpo del ragazzo probabilmente non sarebbero sopravvissuti", e che "essendo il ragazzo in condizioni molto più deboli, probabilmente sarebbero morti prima di loro".

Forse il giorno dopo sarebbero stati raccolti da una nave di passaggio; forse non sarebbero stati raccolti affatto; in entrambi i casi è ovvio che l'uccisione del ragazzo sarebbe stato un atto inutile e senza scopo di lucro. Dal verdetto si evince che il ragazzo era incapace di resistere e, di fatto, non ne ha fatta nessuna; e non è nemmeno suggerito che la sua morte sia dovuta a una violenza da parte sua tentata contro, o anche solo temuta da coloro che l'hanno ucciso. In queste circostanze la giuria dichiara di non sapere se coloro che l'hanno ucciso erano colpevoli di omicidio, e l'ha deferita a questa Corte per determinare quale sia la conseguenza legale che deriva dai fatti da essa accertati.

Alcune obiezioni su punti di forma sono state sollevate dal signor Collins prima che egli venisse a discutere il punto principale del caso. In primo luogo è stato sostenuto che la conclusione del verdetto speciale così come è stata messa a verbale, nel senso che la giuria trova il suo verdetto in conformità, in entrambi i casi, con la sentenza della Corte, non è stata messa a loro disposizione dal mio dotto fratello, e che la sua parte del verdetto messa a verbale ha invalidato l'intero verdetto.

Ma la risposta è duplice: (1) che è davvero ciò che la giuria intendeva dire, e che non è altro che l'abbigliamento in fraseologia giuridica di ciò che è già contenuto per implicazione necessaria nella loro constatazione indiscussa, e (2) che si tratta della forma più pura, e che dai precedenti che ci sono stati forniti dall'Ufficio della Corona risulta che questa è stata la forma di verdetti speciali nei casi della Corona per almeno un secolo.

Si è poi obiettato che il verbale avrebbe dovuto essere portato in questo Tribunale da certiorari, e che in questo caso non era stato emesso alcun atto di certificazione. Il fatto è questo; ma l'obiezione è infondata.

Prima dell'approvazione del Judicature Act, 1873 (36 & 37 Vict. c. 66), poiché i tribunali di Oyer e Terminer e la consegna della galera non facevano parte della Court of Queen's Bench, era necessario che la Queen's Bench emettesse il suo atto di citazione per portare davanti a sé un atto non proprio, ma di un altro tribunale. Ma con la sedicesima sezione del Judicature Act del 1873, i tribunali di Oyer e Terminer e della consegna della galera sono ora parte dell'Alta Corte, e la loro giurisdizione ne è investita. Un'ordinanza della Corte è stata emessa per portare il verbale di una parte della corte in questa camera, che è un'altra parte della stessa corte; il verbale è qui in obbedienza a quell'ordinanza; e siamo tutti dell'opinione che l'obiezione fallisca.

È stato inoltre obiettato che, secondo la decisione della maggioranza dei giudici nel caso Franconia 2 Ex. D. 63, non vi era alcuna giurisdizione nella Corte di Exeter per giudicare questi prigionieri.

Ma (1) in quel caso il prigioniero era un tedesco, che aveva commesso il presunto reato come capitano di una nave tedesca; questi prigionieri erano marinai inglesi, l'equipaggio di uno yacht inglese, gettato via in una tempesta in alto mare e fuggito da lei in una barca aperta; (2) l'opinione della minoranza nel caso Franconia 2 Ex. D. 63 è stata da allora non solo promulgata, ma dichiarata dal Parlamento come sempre la legge; e (3) 17 & 18 Vict. c. 104, s. 267, è assolutamente fatale a questa obiezione.

Con tale sezione è emanato come segue: - "Tutti i reati contro la proprietà o la persona commessi in o in qualsiasi luogo a terra o a galla, al di fuori dei domini di Sua Maestà, da qualsiasi maestro marinaio o apprendista che al momento in cui il reato è stato commesso è o nei tre mesi precedenti è stato impiegato su qualsiasi nave britannica, saranno considerati rispettivamente come reati della stessa natura, e saranno indagati, ascoltati, processati, determinati e giudicati nello stesso modo e dagli stessi tribunali e negli stessi luoghi come se tali reati fossero stati commessi all'interno della giurisdizione dell'Ammiragliato d'Inghilterra. " Siamo quindi tutti dell'opinione che anche questa obiezione debba essere respinta.

Resta da considerare la vera questione del caso - se uccidere nelle circostanze esposte nel verdetto sia o meno un omicidio.

L'affermazione che potrebbe essere qualsiasi altra cosa era, per la mente di tutti noi, sia nuova che strana, e abbiamo fermato il Procuratore Generale nella sua argomentazione negativa in modo da poter ascoltare ciò che poteva essere detto a sostegno di una proposta che ci sembrava al tempo stesso pericolosa, immorale e contraria a tutti i principi giuridici e a tutte le analogie.

Tutto ciò, senza dubbio, che si può dire è stato sollecitato davanti a noi, e ora dobbiamo considerare e determinare a cosa equivale. In primo luogo si dice che deriva da varie definizioni di omicidio nei libri dell'autorità, che le definizioni implicano, se non affermano, la dottrina, che per salvare la propria vita si può legittimamente togliere la vita di un altro, quando quest'ultimo non sta tentando o minacciando la propria, né è colpevole di alcun atto illegale verso di te o verso qualsiasi altro. Ma se si guarda a queste definizioni, non si troverà che esse sostengano questa tesi.

La più antica in punto di datazione è il passo citato a noi da Bracton, che visse durante il regno di Enrico III.

Un tempo era la moda di screditare Bracton, come ci dice il signor Reeve, perché doveva mescolarsi troppo con il canonista e il civile con il comune avvocato. Ora non c'è più questo sentimento, ma il passaggio sull'omicidio, sul quale si fa affidamento, è un esempio notevole del tipo di scrittura che può spiegarlo. Si parla di peccato e di crimine come di un crimine apparentemente altrettanto illegale, e il crimine di omicidio, è espressamente dichiarato, può essere commesso "linguâ vel facto"; così che un uomo, come Eroe "fatto a morte con lingue calunniose", sembrerebbe, secondo l'opinione di Bracton, essere una persona nei confronti della quale si potrebbe fondare un'accusa legale per omicidio. Ma proprio nel passaggio sulla necessità, su cui ci si è basati, è chiaro che Bracton parla di necessità in senso ordinario - la respingimento con la violenza, la violenza giustificata nella misura in cui era necessaria per l'oggetto, ogni violenza illegale usata nei confronti di se stessi.

Se, dice Bracton, la necessità è "evitabilis, et evadere posset absque occisione, tunc erit reit reus homicidii" - parole che indicano chiaramente che egli sta pensando a un pericolo fisico da cui è possibile fuggire, e che l'"inevitabilis necessitas" di cui parla come giustificazione dell'omicidio è una necessità della stessa natura.

È, se possibile, ma è ancora più chiaro che la dottrina contestata non riceve alcun sostegno dalla grande autorità di Lord Hale. È chiaro che, a suo parere, la necessità che giustifica l'omicidio è quella che è sempre stata ed è ora considerata una giustificazione. "In tutti questi casi di omicidio per necessità", dice, "come nell'inseguimento di un criminale, nell'uccisione di colui che assalta per derubare, o viene a bruciare o rompere una casa, o simili, che di per sé non sono un reato" (1 Le suppliche della Corona di Hale, p. 491).

Anche in questo caso, dice che "la necessità che giustifica l'omicidio è di due tipi: (1) la necessità che è di natura privata; (2) la necessità che riguarda la giustizia pubblica e la sicurezza. La prima è quella necessità che obbliga l'uomo alla propria difesa e alla propria salvaguardia, e questo comprende queste indagini:- (1.) Ciò che si può fare per la salvaguardia della vita dell'uomo"; e poi seguono altre tre teste non necessarie da perseguire. Poi Lord Hale prosegue: "Come toccare il primo di questi, l'omicidio in difesa della vita di un uomo, che di solito è in stile se defendendo". Non è possibile usare parole più chiare per spiegare che Lord Hale considerava la necessità privata che giustificava, e solo giustificava, il prendere la vita di un altro per la salvaguardia della propria per essere quella che viene comunemente chiamata "autodifesa". (Hale's Pleas of the Crown, i. 478.)

Ma se questo può essere anche solo dubbio sulle parole di Lord Hale, Lord Hale stesso l'ha chiarito.

Infatti nel capitolo in cui tratta dell'esenzione creata dalla costrizione o dalla necessità egli esprime così se stesso: - "Se un uomo viene aggredito disperatamente e in pericolo di morte, e non può altrimenti fuggire, a meno che, per soddisfare la furia del suo assalitore, non uccida un innocente allora presente, la paura e la forza reale non lo assolveranno dal crimine e dalla punizione dell'omicidio, se commette il fatto, perché dovrebbe piuttosto morire lui stesso piuttosto che uccidere un innocente; ma se non può altrimenti salvare la propria vita, la legge gli permette, in sua difesa, di uccidere l'assalitore, perché con la violenza dell'assalto e il reato commesso dall'assalitore stesso, la legge di natura e la necessità, lo hanno fatto proprio protettore cum debito moderamine inculpatæ tutelæ. " (Hale's Pleas of the Crown, vol. i. 51.)

Ma, ancora di più, Lord Hale nel capitolo seguente tratta la posizione rivendicata dai casuisti, e sancita, come dice, da Grotius e Puffendorf, che in un caso di estrema necessità, sia di fame che di vestiario; "il furto non è un furto, o almeno non è punibile come furto, come alcuni dei nostri stessi avvocati hanno sostenuto".

"Ma", dice Lord Hale, "suppongo che qui in Inghilterra, questa regola, almeno secondo le leggi d'Inghilterra, sia falsa; e quindi, se una persona, essendo sotto necessità per mancanza di viveri o di vestiti, deve per questo motivo rubare clandestinamente e animo furandi rubare i beni di un altro uomo, è un crimine, e un crimine secondo le leggi d'Inghilterra punibile con la morte". (Hale, Pleas of the Crown, i. 54.) Se, quindi, Lord Hale è chiaro - com'è - che l'estrema necessità della fame non giustifica il furto, cosa avrebbe detto alla dottrina che giustifica l'omicidio?

È soddisfacente scoprire che un'altra grande autorità, seconda, probabilmente, solo a Lord Hale, parla con la stessa incessante chiarezza su questo argomento. Sir Michael Foster, nel terzo capitolo del suo Discorso sull'omicidio, affronta il tema dell'"omicidio fondato sulla necessità"; e l'intero capitolo implica, ed è insensibile a meno che non implichi, che secondo Sir Michael Foster "necessità e autodifesa" (che egli definisce come "forza contraria alla forza anche alla morte") sono termini convertibili. Non c'è alcun accenno, nessuna traccia, della dottrina ora contesa; l'intero ragionamento del capitolo è del tutto incoerente con esso.

In East's Pleas of the Crown (i. 271) l'intero capitolo sull'omicidio per necessità è ripreso con un'elaborata discussione sui limiti entro i quali la necessità nel senso di Sir Michael Foster (dato sopra) dell'autodifesa è una giustificazione o una scusa per l'omicidio. C'è una breve sezione alla fine molto generale e molto dubbia, in cui l'unica istanza discussa è quella ben nota di due naufraghi su una tavola in grado di sostenerne uno solo, e la conclusione è lasciata da Sir Edward East del tutto indeterminata.

Ciò che è vero per Sir Edward East è vero anche per il signor Serjeant Hawkins. Tutto il suo capitolo sull'omicidio giustificabile presuppone che l'unico omicidio giustificabile di natura privata sia la difesa contro la forza della persona, della casa o dei beni di un uomo. Nel 26° capitolo ritroviamo il caso dei due naufraghi e della singola tavola, con l'espressione significativa di uno scrittore attento: "Si dice che sia giustificabile". Così, anche Dalton c. 150, considera chiaramente la necessità e l'autodifesa nel senso di Sir Michael Foster di quell'espressione, come termini convertibili, anche se stampa senza commenti l'istanza di Lord Bacon dei due uomini su un'unica tavola come una citazione di Lord Bacon, senza aggiungere nulla di suo.

E c'è un passaggio notevole a pagina 339, in cui dice che anche nel caso di un assalto omicida a un uomo, prima ancora che possa togliere la vita all'uomo che lo aggredisce anche per autodifesa, "cuncta prius tentanda".

Il passo di Staundforde, su cui si costruisce quasi tutta la dicta che abbiamo considerato, quando si tratta di esaminarla, non giustifica la conclusione che ne è derivata. La necessità di giustificare l'omicidio deve essere, dice, inevitabile, e l'esempio che dà per illustrare il suo significato è lo stesso che è stato appena citato da Dalton, dimostrando che la necessità di cui parlava era una necessità fisica, e l'autodifesa una difesa contro la violenza fisica. Russell si limita a ripetere il linguaggio dei vecchi libri di testo, e non aggiunge alcuna nuova autorità, né nuove considerazioni.
C'è dunque un'autorità per la proposta che ci è stata presentata? Casi decisi non ce ne sono.

Il caso dei sette marinai inglesi citati dal commentatore di Grotius e da Puffendorf è stato scoperto da un gentiluomo dell'Ordine, che ha comunicato con mio fratello Huddleston, per trasmettere l'autorità (se trasmette così tanto) di un giudice unico dell'isola di Saint Kitts, quando quell'isola era posseduta in parte dalla Francia e in parte da questo paese, verso il 1641. È menzionata in un trattato di medicina pubblicato ad Amsterdam, ed è nel complesso, come autorità in un tribunale inglese, il più insoddisfacente possibile.

Il caso americano citato da mio fratello Stephen nel suo Digest, da Wharton on Omicide, in cui si è deciso, giustamente, che i marinai non avevano il diritto di gettare i passeggeri in mare per salvarsi, ma sul terreno un po' strano che il modo corretto di determinare chi doveva essere sacrificato era quello di votare a scrutinio, difficilmente può, come dice mio fratello Stephen, essere un'autorità soddisfacente per un tribunale di questo paese. Le osservazioni di Lord Mansfield nella causa Rex contro Stratton e altri 21 Come. St. Tr. a p. 1223, per quanto straordinarie ed eccellenti, sono state pronunciate in un processo politico, dove la questione era se fosse sorta una necessità politica per la deposizione di un governatore di Madras. Ma hanno poca applicazione al caso in esame, che deve essere deciso su considerazioni molto diverse.
L'unica vera autorità di un tempo è Lord Bacon, che, nel suo commento alla massima, "necessitas inducit privilegium quoad jura privata", stabilisce la legge come segue: "La necessità comporta un privilegio in sé. La necessità è di tre tipi: necessità di conservazione della vita, necessità di obbedienza e necessità dell'atto di Dio o di un estraneo. La prima è la conservazione della vita; se un uomo ruba le fiale per soddisfare la sua attuale fame, questo non è né un crimine né un furto. Quindi, se i subacquei rischiano di affogare per la gettata di qualche barca o chiatta, e uno di loro arriva a qualche tavola, o dalla parte della barca per tenersi a galla, e un altro per salvarsi la vita lo spinge da essa, per cui è annegato, questo non è se defendendo né per disavventura, ma giustificabile".

A questo proposito va osservato che l'affermazione di Lord Bacon secondo cui rubare per soddisfare la fame non è un furto è difficilmente sostenuta da Staundforde, che egli cita per questo, ed è espressamente contraddetta da Lord Hale nel passo già citato. E per quanto riguarda la proposta della tavola o della barca, si dice che derivi dai canonisti. In ogni caso egli non cita alcuna autorità per essa, e deve stare in piedi da solo. Lord Bacon era grande anche come avvocato; ma è lecito a uomini molto più piccoli, che si affidano ai principi e all'autorità degli altri, agli eguali e persino ai superiori di Lord Bacon come avvocati, mettere in dubbio la fondatezza del suo motto. Ci sono molti stati ipotizzabili di cose in cui potrebbe essere vero, ma se Lord Bacon intendeva stabilire l'ampia proposizione che un uomo può salvarsi la vita uccidendo, se necessario, un vicino innocente e non colpevole, di certo non è legge al giorno d'oggi.

Rimane l'autorità di mio fratello Stefano, che, sia nel suo Digest che nella sua Storia del diritto penale, usa un linguaggio forse abbastanza ampio da coprire questo caso. Il linguaggio è un po' vago in entrambi i punti, ma in entrambi i casi non copre questo caso di necessità, e noi abbiamo l'autorità migliore per dire che non è stato pensato per coprirlo. Se fosse stato necessario, dobbiamo con vera deferenza aver differito da lui, ma è soddisfacente sapere che non siamo giunti, probabilmente almeno, a nessuna conclusione in cui, se fosse stato membro della Corte, non sarebbe stato in grado di accettare. Né siamo in contrasto con le opinioni espresse in materia dalle persone colte che hanno formato la commissione per la preparazione del codice penale. Su questo argomento si dice: -
"Non siamo certamente disposti a suggerire che la necessità debba essere in ogni caso una giustificazione. Siamo ugualmente impreparati a suggerire che la necessità non debba in nessun caso essere una difesa; riteniamo che sia meglio lasciare che tali questioni siano trattate quando, se mai, sorgono nella pratica applicando i principi del diritto alle circostanze del caso specifico".

Sarebbe stato soddisfacente per noi se queste eminenti persone ci avessero potuto dire se le definizioni di necessità giuridica ricevute fossero a loro giudizio corrette ed esaustive, e se no, in che modo dovrebbero essere modificate, ma come è, come si dice, dobbiamo, come si dice, "applicare i principi di diritto alle circostanze di questo caso particolare".
Ora, tranne che per verificare fino a che punto la conservazione della vita di un uomo sia, in tutti i casi e in tutte le circostanze, un dovere assoluto, non qualificato e fondamentale, escludiamo dalla nostra considerazione tutti gli incidenti di guerra. Ci occupiamo di un caso di omicidio privato, non di un caso imposto agli uomini al servizio del loro Sovrano e in difesa del loro Paese. Ora si ammette che l'uccisione deliberata di questo ragazzo che non ha opposto resistenza e non ha opposto resistenza è stato chiaramente un omicidio, a meno che l'uccisione non possa essere giustificata da qualche scusa ben riconosciuta e ammessa dalla legge. Si ammette inoltre che in questo caso non c'era una tale scusa, a meno che l'uccisione non fosse giustificata da quella che è stata definita "necessità".

Ma la tentazione dell'atto che è esistito in questo caso non è stata quella che la legge ha sempre chiamato "necessità".

Né è da rimpiangere.

Anche se la legge e la morale non sono la stessa cosa, e molte cose possono essere immorali e non necessariamente illegali, eppure il divorzio assoluto della legge dalla morale sarebbe di conseguenza fatale; e tale divorzio ne seguirebbe se la tentazione di uccidere in questo caso fosse considerata dalla legge una difesa assoluta.

Non è così.

Conservare la propria vita è in genere un dovere, ma può essere il più semplice e il più alto dovere sacrificarla.

La guerra è piena di casi in cui è dovere dell'uomo non vivere, ma morire.

Il dovere, in caso di naufragio, di un capitano al suo equipaggio, dell'equipaggio ai passeggeri, dei soldati alle donne e ai bambini, come nel nobile caso del Birkenhead; questi doveri impongono agli uomini la necessità morale, non della conservazione, ma del sacrificio della loro vita per gli altri, da cui in nessun paese, tanto meno in Inghilterra, si spera che gli uomini si restringano, come in effetti non si sono mai ridotti. Non è corretto, quindi, dire che esiste una necessità assoluta o incondizionata di preservare la propria vita.

"Necesse est at eam, non at vivam" è un detto di un ufficiale romano citato da Lord Bacon stesso con alto elogio nel capitolo sulla necessità a cui tanto si è fatto riferimento. Sarebbe un'esposizione molto facile ed economica del luogo comune imparare a citare da autori greci e latini, da Orazio, da Giovenale, da Giovenale, da Cicerone, da Euripide, passo dopo passo, in cui il dovere di morire per gli altri è stato stabilito in un linguaggio incandescente ed enfatico, come risulta dai principi dell'etica pagana; è sufficiente in un Paese cristiano ricordare il Grande Esempio che noi professiamo di seguire.

Non è necessario sottolineare il terribile pericolo di ammettere il principio che è stato contestato.

Chi sarà il giudice di questo tipo di necessità? Con quale misura si deve misurare il valore comparativo delle vite? Sarà la forza, o l'intelletto, o cosa? È chiaro che il principio lascia a lui il compito di determinare la necessità che lo giustificherà nel prendere deliberatamente la vita di un altro per salvare la sua. In questo caso è stato scelto il più debole, il più giovane, il più resistente. Era più necessario ucciderlo di uno degli uomini adulti? La risposta deve essere "No".

"Così parlò il Demonio, e con necessità,
la supplica del tiranno, scusò le sue azioni diaboliche".

Non è detto che in questo caso particolare gli atti fossero "diabolici", ma è abbastanza chiaro che un tale principio, una volta ammesso, potrebbe diventare il mantello legale per una passione sfrenata e un crimine atroce.

Non c'è una via sicura che i giudici non possano percorrere se non quella di accertare la legge al meglio delle loro possibilità e di dichiararla secondo il loro giudizio; e se in ogni caso la legge appare troppo severa nei confronti dei singoli, lasciare al Sovrano il compito di esercitare quella prerogativa di misericordia che la Costituzione ha affidato alle mani più adatte a dispensarla.

Non si deve pensare che, rifiutando di ammettere che la tentazione sia un pretesto per commettere un crimine, si dimentichi quanto sia stata terribile la tentazione, quanto sia stata terribile la sofferenza, quanto sia stato difficile, in tali processi, mantenere il giudizio dritto e la condotta pura. Spesso siamo costretti a stabilire delle norme che non possiamo raggiungere noi stessi, e a stabilire delle regole che non potremmo soddisfare noi stessi.

Ma un uomo non ha il diritto di dichiarare la tentazione come una scusa, anche se lui stesso potrebbe avervi ceduto, né di permettere che la compassione per il criminale cambi o indebolisca in qualche modo la definizione legale del crimine. È quindi nostro dovere dichiarare che l'atto del detenuto in questo caso è stato un omicidio volontario, che i fatti esposti nel verdetto non sono una giustificazione legale dell'omicidio; e dire che, a nostro parere unanime, i detenuti sono a questo speciale verdetto colpevoli di omicidio.2

La Corte ha poi proceduto a emettere la sentenza di morte sui prigionieri.3

Avvocati della Corona: Gli avvocati del Tesoro.
Avvocati per i prigionieri: Irvine & Hodges.

A. P. S.

 

* Nota dell'editore: vedi Milton, Paradise Lost, Libro IV, righe 393-394

1 HUDDLESTON, B., ha dichiarato che i fatti completi del caso erano stati scoperti da Sir Sherston Baker, un membro dell'Ordine degli avvocati, e gli ha comunicato quanto segue:-
Uno scrittore olandese, Nicolaus Tulpius, autore di un'opera latina, Observationum Medicarum, scritta ad Amsterdam nel 1641, afferma che i seguenti fatti gli sono stati forniti da testimoni oculari. Sette inglesi si erano preparati nell'isola di San Cristoforo (una delle isole caraibiche) per una crociera in barca per un periodo di una sola notte, ma una tempesta li spinse talmente al largo che non riuscirono a tornare in porto prima di diciassette giorni. Uno di loro ha proposto che gettassero a sorte per stabilirsi sul corpo di chi doveva placare la loro famelica fame. Furono lanciati dei lotti, e il lotto cadde su colui che l'aveva proposto. Nessuno voleva svolgere l'ufficio di macellaio; e i lotti furono di nuovo lanciati per fornirne uno. Il corpo fu poi mangiato. A lungo la barca fu gettata sulla riva dell'Isola di San Martino, uno dello stesso gruppo, dove i sei sopravvissuti furono trattati con gentilezza dagli olandesi, e mandati a casa a San Cristoforo.
I passaggi principali dell'originale sono i seguenti:-
"... Horribilis illa tragoedia quam non ita pridem conspexit India Occidentalis in septem Britannis; quibus necessitas famem fecit undecim dierum. Velut nobis sincere relatum, a testibus oculatis qui hæc ipsa ventorum ludibria et humaniter navibus suis excepêre, et officiosè ad suos reduxêre, septem Britanni accinxerant se in insulâ Christophorianâ unius solummodo noctis itineri, ultrâ quam etiam non extenderant commeatum. At interveniens tempestas abripuit imparatos longius in mare quam at potuerint reverti ad portum destinatum ante diem septimum decimum .... Cujus intracti erroris, nullum finem promittente promittente spatioso mari, adigebantur tandem (O durum necessitatis telum !) ancipiti sorti committere, cujus carne urgentem famem, et quo sanguine compescerent inexplebilem sitim. Sod jacta alea (quis eventum hunc non miretur!) destinabit primæ cædi primum hujus lanienæ auctorem .... Quâ oratione at non parum lenivit horrendi facinoris atrocitatem, sic erexit utique usque eò flaccidos ipsorum animos: at tandem reperiretur aliquis, sorte tamen priusductus qui petierit animose perorantis jugulem, et intulerit vim volenti. Cujus cadaveris expetiit quilibet illorum tam præproperè frustum, at vix potuerit tam festinanter dividi.
"... Al tandem misertus hujus erroris Deus deduxit ipsorum naviculam ad insulam Martiniam in quâ à præsidio Belgico et humaniter excepti, et benignè ad suos reducti fuêre. Sed vix attigerant terram quin accusarentur protinus a prætore homicidii. Sed diluente crimen inevitabili necessitate, dedit ipsis brevì veniam ipsorum judex".

(traduzione informale canestriniLex.com)

 

2 Mio fratello Grove mi ha fornito il seguente suggerimento, troppo tardi per essere incarnato nel giudizio, ma che vale la pena di conservare: "Se i due accusati fossero giustificati nell'uccidere Parker, allora, se non salvati in tempo, due dei tre sopravvissuti sarebbero giustificati nell'uccidere il terzo, e dei due che sono rimasti il più forte sarebbero giustificati nell'uccidere il più debole, in modo che tre uomini possano essere giustificatamente uccisi per dare al quarto la possibilità di sopravvivere". - C.

3 Questa sentenza fu poi commutata dalla Corona in sei mesi di reclusione.