Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

decisioni

Avvisi difensivi baluardo del giusto processo (US Supreme Court, Miranda, 1966)

13 Giugno 1966, US Supreme Court
interrogatorio polizia iurla lego tortura
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

La persona arrestata deve essere chiaramente informata prima dell'interrogatorio che ha il diritto di rimanere in silenzio e che qualsiasi cosa dica sarà usata contro di lui in tribunale; deve essere chiaramente informata che ha il diritto di consultarsi con un avvocato e di avere con sé l'avvocato durante l'interrogatorio e che, se è indigente, sarà nominato un avvocato che lo rappresenti.

L'accusa non può usare dichiarazioni, sia a discarico che incriminanti, derivanti da interrogatori detentivi dell'imputato, a meno che non dimostri l'uso di garanzie procedurali efficaci per assicurare il privilegio contro l'autoincriminazione. Per interrogatorio detentivo si intende l'interrogatorio avviato dalle forze dell'ordine dopo che una persona è stata presa in custodia o altrimenti privata della sua libertà d'azione in modo significativo. Per quanto riguarda le garanzie procedurali da adottare, a meno che non siano previsti altri mezzi pienamente efficaci per informare le persone accusate del loro diritto al silenzio e per assicurare una continua opportunità di esercitarlo, sono necessarie le seguenti misure. Prima di ogni interrogatorio, la persona deve essere avvertita che ha il diritto di rimanere in silenzio, che ogni sua dichiarazione può essere usata come prova contro di lui e che ha diritto alla presenza di un avvocato, mantenuto o nominato. L'imputato può rinunciare all'esercizio di questi diritti, a condizione che la rinuncia sia fatta volontariamente, consapevolmente e intelligentemente. Se, tuttavia, egli indica in qualsiasi modo e in qualsiasi fase della che desidera consultare un avvocato prima di parlare, non ci può essere alcun interrogatorio. Allo stesso modo, se l'individuo è solo e indica in qualsiasi modo che non desidera essere interrogato, la polizia non può interrogarlo. Il semplice fatto che egli abbia risposto ad alcune domande o abbia volontariamente rilasciato alcune dichiarazioni da solo non lo priva del diritto di astenersi dal rispondere ad ulteriori domande fino a quando non si sia consultato con un avvocato e successivamente acconsenta ad essere interrogato.

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui

Corte Suprema degli Stati Uniti

Miranda contro Arizona, 384 U.S.A. 436 (1966)
Miranda contro Arizona

N. 759

Discusso dal 28 febbraio al 1 marzo 1966

Deciso il 13 giugno 1966*

384 U.S.A. 436

Sillabo

In ognuno di questi casi, l'imputato, mentre era sotto la custodia della polizia, è stato interrogato da agenti di polizia, detective o un avvocato dell'accusa in una stanza in cui è stato tagliato fuori dal mondo esterno. A nessuno degli imputati è stato dato un avvertimento completo ed efficace dei suoi diritti all'inizio del processo di interrogatorio. In tutti e quattro i casi, l'interrogatorio ha suscitato ammissioni orali e, in tre di essi, anche dichiarazioni firmate, che sono state ammesse al processo. Tutti gli imputati sono stati condannati e tutte le condanne, tranne la n. 584, sono state confermate in appello.

Detenuti:

1. L'accusa non può utilizzare dichiarazioni, sia a discarico che incriminanti, derivanti da interrogatori avviati dalle forze dell'ordine dopo che una persona è stata presa in custodia o altrimenti privata della sua libertà d'azione in modo significativo, a meno che non dimostri l'uso di salvaguardie procedurali efficaci per assicurare il privilegio del Quinto Emendamento contro l'autoincriminazione. Pp. 444-491.

(a) L'atmosfera e l'ambiente dell'interrogatorio incommunicado come esiste oggi è intrinsecamente intimidatorio, e lavora per minare il privilegio contro l'autoincriminazione. A meno che non vengano adottate misure preventive adeguate per dissipare la costrizione insita nell'ambiente di detenzione, nessuna dichiarazione ottenuta dall'imputato può essere veramente il prodotto della sua libera scelta. Pp. 445-458.

b) Il privilegio contro l'autoincriminazione, che ha avuto un lungo ed esteso sviluppo storico, è il pilastro essenziale del nostro sistema avversario, e garantisce all'individuo il "diritto di rimanere in silenzio a meno che non scelga di parlare nell'esercizio libero della propria volontà", durante un periodo di interrogatorio detentivo.

437

così come in tribunale o nel corso di altre indagini ufficiali. Pp. 458-465.

(c) La decisione in Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478, ha sottolineato la necessità di dispositivi di protezione per rendere il processo di interrogatorio della polizia conforme ai dettami del privilegio. Pp. 465-466.

(d) In mancanza di altre misure efficaci, devono essere osservate le seguenti procedure per salvaguardare il privilegio del Quinto Emendamento: la persona detenuta deve, prima dell'interrogatorio, essere chiaramente informata che ha il diritto di rimanere in silenzio e che qualsiasi cosa dica sarà usata contro di lui in tribunale; deve essere chiaramente informata che ha il diritto di consultarsi con un avvocato e di avere con sé l'avvocato durante l'interrogatorio e che, se è indigente, sarà nominato un avvocato che lo rappresenti. Pp. 467-473.

e) Se la persona indica, prima o durante l'interrogatorio, che desidera rimanere in silenzio, l'interrogatorio deve cessare; se dichiara di volere un avvocato, l'interrogatorio deve cessare fino alla presenza di un avvocato. Pp. 473-474.

(f) Quando un interrogatorio viene condotto senza la presenza di un avvocato e viene presa una dichiarazione, un pesante onere spetta al Governo per dimostrare che l'imputato ha consapevolmente e intelligentemente rinunciato al suo diritto ad un avvocato. P. 475.

(g) Quando l'individuo risponde ad alcune domande durante l'interrogatorio in custodia, non ha rinunciato al suo privilegio e può invocare il diritto di rimanere in silenzio in seguito. Pp. 475-476.

(h) Le avvertenze richieste e la rinuncia necessaria sono, in mancanza di un equivalente pienamente efficace, prerequisiti per l'ammissibilità di qualsiasi dichiarazione, inculatoria o assolutoria, fatta da un imputato. Pp. 476-477.

2. 2. Le limitazioni al processo di interrogatorio richieste per la tutela dei diritti costituzionali dell'individuo non dovrebbero causare un'indebita interferenza con un corretto sistema di applicazione della legge, come dimostrato dalle procedure dell'FBI e dalle garanzie offerte da altre giurisdizioni. Pp. 479-491.

3. In ciascuno di questi casi, le dichiarazioni sono state ottenute in circostanze non conformi agli standard costituzionali per la tutela del privilegio contro l'autoincriminazione. Pp. 491-499.

98 Ariz. 18, 401 P.2d 721; 15 N.Y.2d 970, 207 N.E.2d 527; 16 N.Y.2d 614, 209 N.E.2d 110; 342 F.2d 684, invertito; 62 Cal. 2d 571, 400 P.2d 97, confermato.

 

CERTIORARI ALLA CORTE SUPREMA DELL'ARIZONA

MR. CHIEF JUSTICE WARREN ha espresso il parere della Corte.

I casi in esame sollevano questioni che vanno alla radice dei nostri concetti di giurisprudenza criminale americana: la società dei vincoli deve rispettare la Costituzione federale nel perseguire gli individui per i crimini. In particolare, ci occupiamo dell'ammissibilità delle dichiarazioni ottenute da un individuo che è sottoposto a interrogatorio della polizia giudiziaria e della necessità di procedure che garantiscano che all'individuo sia concesso il privilegio, ai sensi del quinto emendamento della Costituzione, di non essere costretto a incriminarsi.

[440]

Abbiamo affrontato alcune fasi di questo problema recentemente a Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478 (1964). Lì, come nei quattro casi in esame, le forze dell'ordine hanno preso in custodia l'imputato e lo hanno interrogato in una stazione di polizia per ottenere una confessione. La polizia non gli ha effettivamente comunicato il suo diritto di rimanere in silenzio o di consultarsi con il suo avvocato. Piuttosto, lo hanno confrontato con un presunto complice che lo ha accusato di aver commesso un omicidio. Quando l'imputato ha negato l'accusa e ha detto "Non ho sparato a Manuel, sei stato tu", lo hanno ammanettato e portato in una stanza per gli interrogatori. Lì, ammanettato e in piedi, è stato interrogato per quattro ore fino alla confessione. Durante l'interrogatorio, la polizia ha negato la sua richiesta di parlare con il suo avvocato e ha impedito al suo avvocato, che era venuto alla stazione di polizia, di consultarsi con lui. Al suo processo, lo Stato, a causa della sua obiezione, ha introdotto la confessione contro di lui. Abbiamo ritenuto che le dichiarazioni così rese fossero costituzionalmente inammissibili.

Questo caso è stato oggetto di interpretazione giudiziaria e di un vivace dibattito giuridico da quando è stato deciso due anni fa. Sia i tribunali statali che quelli federali, nel valutarne le implicazioni, sono giunti a conclusioni diverse. È stato scritto un ricco materiale accademico che ne ha tracciato le ramificazioni e i fondamenti. Nota 2] Polizia e pubblico ministero

[441]

hanno speculato sulla sua portata e sulla sua desiderabilità. Abbiamo concesso certiorari in questi casi, 382 U.S.A. 924, 925, 937, al fine di esplorare ulteriormente alcuni aspetti dei problemi così esposti di applicare il privilegio contro l'autoincriminazione agli interrogatori in custodia, e di dare

[442]

linee guida costituzionali concrete da seguire per le forze dell'ordine e i tribunali.

Partiamo da qui, come abbiamo fatto a Escobedo, con la premessa che la nostra partecipazione non è un'innovazione nella nostra giurisprudenza, ma è un'applicazione di principi da tempo riconosciuti e applicati in altri contesti. Abbiamo intrapreso un riesame approfondito della decisione di Escobedo e dei principi che ha annunciato, e lo riaffermiamo. Quel caso non era altro che un'esplicitazione dei diritti fondamentali che sono sanciti dalla nostra Costituzione - che "nessuno può essere costretto a testimoniare contro se stesso in una causa penale", e che "l'imputato deve... avere l'assistenza di un avvocato" - diritti che sono stati messi a repentaglio in quel caso a causa della prepotenza ufficiale. Questi preziosi diritti sono stati fissati nella nostra Costituzione solo dopo secoli di persecuzione e di lotta. E, secondo le parole del presidente della Corte Suprema Marshall, sono stati garantiti "per secoli a venire, e . . . . progettati per avvicinarsi all'immortalità come le istituzioni umane possono avvicinarsi ad essa", Cohens contro Virginia, 6 Wheat. 264, 387 (1821).

Più di 70 anni fa, i nostri predecessori su questa Corte hanno affermato in modo eloquente:

"La massima nemo tenetur seipsum accusare ha avuto la sua origine in una protesta contro i metodi inquisitoriali e manifestamente ingiusti di interrogare gli accusati, che [hanno] ottenuto a lungo nel sistema continentale, e, fino all'espulsione degli Stuart dal trono britannico nel 1688 e alla costruzione di ulteriori barriere per la protezione del popolo contro l'esercizio del potere arbitrario, [non erano] rari anche in Inghilterra. Mentre le ammissioni o le confessioni del prigioniero, se fatte volontariamente e liberamente, hanno sempre avuto una posizione di rilievo nella scala delle prove incriminanti, se a un imputato viene chiesto di spiegare la sua apparente connessione con un crimine sotto inchiesta, la facilità con la quale il

[443]

Le domande che gli vengono poste possono assumere un carattere inquisitorio, la tentazione di pressare indebitamente il testimone, di intimidirlo se è timido o riluttante, di metterlo in un angolo e di intrappolarlo in contraddizioni fatali, che è così dolorosamente evidente in molti dei precedenti processi statali, in particolare in quelli di Sir Nicholas Throckmorton e Udal, il ministro puritano, ha reso il sistema così odioso da far nascere la richiesta di una sua totale abolizione. Il cambiamento della procedura penale inglese, in particolare, sembra essere fondato non su uno statuto e su un'opinione giudiziaria, ma su una generale e silenziosa acquiescenza dei tribunali a una richiesta popolare. Ma, per quanto adottato, è diventato saldamente radicato nella giurisprudenza inglese così come in quella americana. Le iniquità dell'antico sistema si impressero così profondamente nella mente dei coloni americani che gli Stati, con un unico accordo, fecero della negazione del diritto di mettere in discussione una persona accusata una parte della loro legge fondamentale, così che una massima, che in Inghilterra era una mera regola di prova, si è rivestita in questo Paese dell'inespugnabilità di una promulgazione costituzionale".

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui

Brown contro Walker, 161 U. S. 591, 596-597 (1896). Nell'affermare l'obbligo della magistratura di applicare questi diritti costituzionali, questa Corte ha dichiarato nella causa Weems contro gli Stati Uniti, 217 U. S. 349, 373 (1910):

". . la nostra contemplazione non può essere solo di ciò che è stato, ma di ciò che può essere. In base a qualsiasi altra regola, una costituzione sarebbe in effetti tanto facile da applicare quanto carente in termini di efficacia e di potere. I suoi principi generali avrebbero poco valore, e sarebbero convertiti da precedenti in formule impotenti e senza vita. I diritti dichiarati a parole potrebbero essere persi nella realtà. E questo è stato riconosciuto. Il sito

[444]

Il significato e la vitalità della Costituzione si sono sviluppati contro la costruzione stretta e restrittiva".

Questo è stato lo spirito con cui abbiamo delineato, con un linguaggio significativo, il modo in cui i diritti costituzionali dell'individuo possono essere fatti valere contro le pratiche di polizia eccessivamente zelanti. A Escobedo, come qui, era necessario assicurare che ciò che era stato proclamato nella Costituzione non fosse diventato ma una "forma di parole", Silverthorne Lumber Co. v. United States, 251 U. S. 385, 392 (1920), nelle mani di funzionari governativi. Ed è in questo spirito, coerente con il nostro ruolo di giudici, che oggi ci atteniamo ai principi di Escobedo.

La nostra tenuta sarà precisata con una certa specificità nelle pagine che seguono, ma, detto in breve, è questa: l'accusa non può usare dichiarazioni, sia a discarico che incriminanti, derivanti da interrogatori detentivi dell'imputato, a meno che non dimostri l'uso di garanzie procedurali efficaci per assicurare il privilegio contro l'autoincriminazione. Per interrogatorio detentivo si intende l'interrogatorio avviato dalle forze dell'ordine dopo che una persona è stata presa in custodia o altrimenti privata della sua libertà d'azione in modo significativo. Per quanto riguarda le garanzie procedurali da adottare, a meno che non siano previsti altri mezzi pienamente efficaci per informare le persone accusate del loro diritto al silenzio e per assicurare una continua opportunità di esercitarlo, sono necessarie le seguenti misure. Prima di ogni interrogatorio, la persona deve essere avvertita che ha il diritto di rimanere in silenzio, che ogni sua dichiarazione può essere usata come prova contro di lui e che ha diritto alla presenza di un avvocato, mantenuto o nominato. L'imputato può rinunciare all'esercizio di questi diritti, a condizione che la rinuncia sia fatta volontariamente, consapevolmente e intelligentemente. Se, tuttavia, egli indica in qualsiasi modo e in qualsiasi fase della

[445]

che desidera consultare un avvocato prima di parlare, non ci può essere alcun interrogatorio. Allo stesso modo, se l'individuo è solo e indica in qualsiasi modo che non desidera essere interrogato, la polizia non può interrogarlo. Il semplice fatto che egli abbia risposto ad alcune domande o abbia volontariamente rilasciato alcune dichiarazioni da solo non lo priva del diritto di astenersi dal rispondere ad ulteriori domande fino a quando non si sia consultato con un avvocato e successivamente acconsenta ad essere interrogato.

I
La questione costituzionale che decidiamo in ciascuno di questi casi è l'ammissibilità delle dichiarazioni ottenute da un imputato interrogato durante la detenzione o altrimenti privato della sua libertà d'azione in modo significativo. In ognuno di questi casi, l'imputato è stato interrogato da agenti di polizia, detective o da un avvocato dell'accusa in una stanza in cui è stato tagliato fuori dal mondo esterno. In nessuno di questi casi l'imputato ha ricevuto un avvertimento completo ed efficace dei suoi diritti all'inizio del processo di interrogatorio. In tutti i casi, l'interrogatorio ha suscitato ammissioni orali e, in tre di essi, anche dichiarazioni firmate che sono state ammesse al processo. Tutti condividono quindi caratteristiche salienti - interrogatorio in isolamento di individui in un'atmosfera dominata dalla polizia, con il risultato di dichiarazioni autoincriminatorie senza un pieno avvertimento dei diritti costituzionali.

La comprensione della natura e dell'impostazione di questo interrogatorio in custodia è essenziale per le nostre decisioni di oggi. La difficoltà nel descrivere ciò che emerge da tali interrogatori deriva dal fatto che, in questo paese, essi hanno avuto luogo in gran parte in isolamento. Da approfonditi studi di fatto intrapresi all'inizio degli anni Trenta, tra cui il famoso Rapporto Wickersham al Congresso da parte di una Commissione presidenziale, è chiaro che la violenza della polizia e il "terzo grado" fiorirono in quel periodo. [Nota 5]

[446]

In una serie di casi decisi da questa Corte molto tempo dopo questi studi, la polizia è ricorsa alla brutalità fisica - pestaggi, impiccagioni, frustate - e all'interrogatorio prolungato e prolungato dell'incommunicado per estorcere confessioni. La Commissione dei diritti civili nel 1961 ha trovato molte prove che indicano che "alcuni poliziotti ricorrono ancora alla forza fisica per ottenere confessioni", 1961 Comm'n on Civil Rights Rep. Justice, pt. 5, 17. L'uso della brutalità fisica e della violenza non è, purtroppo, relegato al passato o a qualsiasi parte del paese. Solo di recente, nella Contea di Kings County, New York, la polizia ha brutalmente picchiato, preso a calci e messo mozziconi di sigaretta accesi sul dorso di un potenziale testimone sotto interrogatorio, allo scopo di ottenere una dichiarazione che incrimina una terza parte. Lo Stato contro Portelli, 15 N.Y.2d 235, 205 N.E.2d 857, 257 N.Y.S.2d 931 (1965). Nota a piè di pagina 7

[447]

Gli esempi sopra riportati costituiscono senza dubbio l'eccezione, ma sono sufficientemente diffusi da essere oggetto di preoccupazione. A meno che non si raggiunga un'adeguata limitazione degli interrogatori detentivi, come queste decisioni, non si può garantire che pratiche di questo tipo vengano eliminate nel prossimo futuro. La conclusione della relazione della Commissione Wickersham, redatta oltre 30 anni fa, è ancora pertinente:

"All'affermazione che il terzo grado è necessario per ottenere i fatti, i giornalisti rispondono giustamente nella lingua dell'attuale Lord Cancelliere d'Inghilterra (Lord Sankey):"

"Non è ammissibile fare un grande bene facendo un po' di male...". . . Non è sufficiente fare giustizia ottenendo un risultato adeguato con mezzi irregolari o impropri".

"L'uso del terzo grado non solo comporta una flagrante violazione della legge da parte dei funzionari di polizia, ma comporta anche il pericolo di false confessioni, e tende a rendere la polizia e i procuratori meno zelanti nella ricerca di prove oggettive. Come ha detto il procuratore di New York nel rapporto, "è una scorciatoia, e rende la polizia pigra e poco intraprendente". Oppure, come ha osservato un altro funzionario citato: "Se usate i pugni, voi

[448]

non sono così propensi a usare il tuo ingegno". Siamo d'accordo con la conclusione espressa nella relazione, che"

"Il terzo grado brutalizza la polizia, indurisce il prigioniero contro la società e abbassa la stima in cui l'amministrazione della giustizia è detenuta dal pubblico".

"IV Commissione nazionale per l'osservanza e l'applicazione della legge, Rapporto sull'assenza di legge nell'applicazione della legge 5 (1931)".

Ancora una volta sottolineiamo che la moderna pratica degli interrogatori in custodia cautelare è orientata più psicologicamente che fisicamente. Come abbiamo già detto in precedenza,

"Da Chambers contro Florida, 309 U. S. 227, questa Corte ha riconosciuto che la coercizione può essere sia mentale che fisica, e che il sangue dell'imputato non è l'unico segno distintivo di un'inquisizione incostituzionale".

Blackburn contro Alabama, 361 U. S. 199, 206 (1960). L'interrogatorio avviene ancora in privato. La privacy si traduce in segretezza, e questo, a sua volta, si traduce in una lacuna nella nostra conoscenza di ciò che, di fatto, avviene nelle stanze degli interrogatori. Una preziosa fonte di informazioni sulle attuali pratiche di polizia, tuttavia, può essere trovata in vari manuali e testi di polizia che documentano le procedure utilizzate con successo in passato e che raccomandano varie altre tattiche efficaci. [Nota a piè di pagina 8] Questi

[449]

I testi sono utilizzati dalle stesse forze dell'ordine come guide. Va notato che questi testi presentano i mezzi più illuminati ed efficaci attualmente utilizzati per ottenere dichiarazioni attraverso l'interrogatorio detentivo. Considerando questi testi e altri dati, è possibile descrivere le procedure osservate e annotate in tutto il paese.

I manuali dicono agli agenti che il

"Il principale fattore psicologico che contribuisce al successo di un interrogatorio è la privacy - stare da soli con la persona sotto interrogatorio. [Nota a piè di pagina 10]"

L'efficacia di questa tattica è stata spiegata come segue:

"Se possibile, l'interrogatorio dovrebbe avvenire nell'ufficio dell'investigatore o almeno in una stanza di sua scelta. Il soggetto dovrebbe essere privato di ogni vantaggio psicologico. A casa sua, può essere sicuro di sé, indignato o recalcitrante. Egli è più consapevole dei suoi diritti e

[450]

più riluttante a raccontare le sue indiscrezioni o il suo comportamento criminale tra le mura di casa. Inoltre la sua famiglia e altri amici sono vicini, la loro presenza gli dà un sostegno morale. Nel suo ufficio, l'investigatore ha tutti i vantaggi. L'atmosfera suggerisce l'invincibilità delle forze della legge. [Nota a piè di pagina 11]".

Per evidenziare l'isolamento e l'ambiente sconosciuto, i manuali istruiscono la polizia a mostrare un'aria di fiducia nella colpevolezza del sospetto e, dall'aspetto esteriore, a mantenere solo l'interesse a confermare alcuni dettagli. La colpevolezza del soggetto deve essere posta come un dato di fatto. L'interrogatore dovrebbe indirizzare i suoi commenti verso le ragioni per cui il soggetto ha commesso l'atto, piuttosto che verso il fallimento del tribunale chiedendo al soggetto se è stato lui a commettere l'atto. Come altri uomini, forse il soggetto ha avuto una cattiva vita familiare, ha avuto un'infanzia infelice, ha avuto un'infanzia infelice, ha bevuto troppo, ha avuto un desiderio non corrisposto di donne. Gli agenti hanno l'incarico di ridurre al minimo la gravità morale del reato, [nota 12] per dare la colpa alla vittima o alla società. Queste tattiche sono progettate per mettere il soggetto in uno stato psicologico in cui la sua storia non è altro che un'elaborazione di ciò che la polizia pretende di sapere già - che è colpevole. Le spiegazioni del contrario sono respinte e scoraggiate.

I testi sottolineano così che le principali qualità che un interrogatore dovrebbe possedere sono la pazienza e la perseveranza.

[451]

Uno scrittore descrive l'efficacia di queste caratteristiche in questo modo:

"Nei paragrafi precedenti, l'accento è stato posto sulla gentilezza e sugli stratagemmi. L'investigatore, tuttavia, incontrerà molte situazioni in cui il peso della sua personalità sarà il fattore decisivo. Laddove gli appelli e i trucchi emotivi non servono a nulla, egli deve affidarsi a un'atmosfera opprimente di ostinata perseveranza. Deve interrogare con costanza e senza cedimenti, non lasciando al soggetto alcuna prospettiva di surclassamento. Deve dominare il soggetto e sopraffarlo con la sua inesorabile volontà di ottenere la verità. Deve interrogarlo per diverse ore, fermandosi solo per le necessità del soggetto, riconoscendo la necessità di evitare un'accusa di costrizione che possa essere tecnicamente provata. In un caso grave, l'interrogatorio può continuare per giorni, con gli intervalli necessari per il cibo e il sonno, ma senza tregua dall'atmosfera di dominio. In questo modo è possibile indurre il soggetto a parlare senza ricorrere a costrizioni o coercizioni. Il metodo deve essere utilizzato solo quando la colpevolezza del soggetto appare molto probabile. Nota a piè di pagina 14".

I manuali suggeriscono di offrire al sospetto scuse legali per le sue azioni al fine di ottenere una prima ammissione di colpevolezza. In caso di sospetto omicidio per vendetta, ad esempio, l'interrogatore può dire:

"Joe, probabilmente non sei andato a cercare questo tizio con lo scopo di sparargli. La mia ipotesi è, tuttavia, che ti aspettavi qualcosa da lui, ed è per questo che portavi una pistola - per la tua protezione. Lo conoscevi per quello che era, non era buono. Poi, quando l'ha incontrato, probabilmente ha iniziato a usare un linguaggio volgare e offensivo e ha dato qualche indicazione

[452]

che stava per puntarti una pistola contro, ed è stato allora che hai dovuto agire per salvarti la vita. E' tutto qui, vero, Joe? [Nota 15]"

Ottenuta l'ammissione dello sparo, si consiglia all'interrogatore di fare riferimento a prove indiziarie che negano la spiegazione della legittima difesa. Questo dovrebbe permettergli di mettere in sicurezza l'intera storia. Un testo lo nota,

"Anche se non lo fa, l'incoerenza tra il rifiuto originale del soggetto di sparare e la sua attuale ammissione di aver almeno sparato, servirà a privarlo di un'autodifesa "fuori" al momento del processo. [Nota a piè di pagina 16]".

Quando le tecniche sopra descritte si rivelano inefficaci, i testi consigliano di alternarle con una dimostrazione di una certa ostilità. Uno stratagemma spesso utilizzato è stato definito "amichevole-non amichevole", o "Mutt and Jeff":

". . . In questa tecnica vengono impiegati due agenti. Mutt, l'implacabile investigatore, che sa che il soggetto è colpevole e non ha intenzione di perdere tempo. Ha mandato in prigione una dozzina di uomini per questo crimine, e manderà il soggetto in prigione per l'intero periodo. Jeff, d'altra parte, è ovviamente un uomo di buon cuore. Anche lui ha una famiglia. Ha un fratello che è stato coinvolto in un piccolo guaio come questo. Disapprova Mutt e le sue tattiche, e farà in modo di toglierlo dal caso se il soggetto collaborerà. Non può trattenere Mutt per molto tempo. Il soggetto farebbe bene a prendere una decisione rapida. La tecnica viene applicata avendo entrambi gli investigatori presenti mentre Mutt svolge il suo ruolo. Jeff può rimanere in disparte e demoralizzarsi di fronte ad alcune delle tattiche di Mutt. Quando Jeff chiede la sua collaborazione, Mutt non è presente nella stanza. [Nota 17] "

[453]

A volte gli interrogatori vengono istruiti a indurre a confessare con l'inganno. La tecnica qui è abbastanza efficace nei crimini che richiedono l'identificazione o che si svolgono in serie. Nella situazione di identificazione, l'interrogatore può fare una pausa nell'interrogatorio per mettere il soggetto in un gruppo di uomini in fila.

"Il testimone o il querelante (precedentemente allenato, se necessario) studia il line-up e indica con sicurezza il soggetto come il colpevole. Nota a piè di pagina 18".

Poi l'interrogatorio riprende "come se non ci fossero più dubbi sulla colpevolezza del soggetto". Una variante di questa tecnica è chiamata "reverse line-up":

"L'accusato viene messo in fila, ma questa volta viene identificato da diversi testimoni o vittime fittizie che lo associano a diversi reati. Ci si aspetta che il soggetto si disperi e confessi il reato indagato per sfuggire alle false accuse. [Nota a piè di pagina 19]".

I manuali contengono anche istruzioni per la polizia su come gestire la persona che si rifiuta di discutere del tutto la questione, o che chiede un avvocato o i parenti. L'esaminatore deve concedergli il diritto di rimanere in silenzio.

"Questo di solito ha un effetto molto negativo. Prima di tutto, è deluso dalla sua aspettativa di una reazione sfavorevole da parte dell'interrogatore. In secondo luogo, la concessione di questo diritto di rimanere in silenzio impressiona

[454]

il soggetto con l'apparente correttezza del suo interrogatore. [Nota 20]"

Dopo questo condizionamento psicologico, tuttavia, all'agente viene detto di sottolineare il significato incriminante del rifiuto del sospetto di parlare:

"Joe, ha il diritto di rimanere in silenzio. È un tuo privilegio, e io sono l'ultima persona al mondo che cercherà di togliertelo". Se questo è il modo in cui vuoi lasciarlo, O. K. Ma lascia che ti chieda questo. Supponiamo che tu sia nei miei panni, e io nei tuoi, e che tu mi abbia chiamato per chiedermi di questo, e io ti abbia detto: "Non voglio rispondere a nessuna delle tue domande". Penseresti che io abbia qualcosa da nascondere, e probabilmente avresti ragione a pensarlo. Questo è esattamente quello che dovrò pensare di te, e lo penseranno anche tutti gli altri. Quindi sediamoci qui e parliamone. [Nota 21]"

Pochi persisteranno nel loro iniziale rifiuto di parlare, si dice, se questo monologo viene usato correttamente.

Nel caso in cui il soggetto desideri parlare con un parente o un avvocato, si offre il seguente consiglio:

"L'interrogatore dovrebbe rispondere suggerendo al soggetto di dire prima la verità all'interrogatore stesso, piuttosto che coinvolgere qualcun altro nella questione. Se la richiesta è per un avvocato, l'interrogatore può suggerire al soggetto di risparmiare a se stesso o alla sua famiglia le spese di tale servizio professionale, in particolare se è innocente del reato oggetto dell'indagine. L'interrogatore può anche aggiungere: 'Joe, sto solo cercando la verità, e se stai dicendo la verità, questo è tutto. Puoi cavartela da solo". [Nota 22] "

[455]

Da questi esempi rappresentativi di tecniche di interrogatorio, l'impostazione prescritta dai manuali e osservata nella pratica diventa chiara. In sostanza, è questo: essere soli con il soggetto è essenziale per evitare distrazioni e privarlo di qualsiasi supporto esterno. L'aura di fiducia nella sua colpevolezza mina la sua volontà di resistere. Egli si limita a confermare la storia preconcetta che la polizia cerca di fargli descrivere. La pazienza e la perseveranza, a volte in un'implacabile interrogazione, sono impiegate. Per ottenere una confessione, l'interrogatore deve "manovrare pazientemente se stesso o la sua cava in una posizione da cui si possa raggiungere l'obiettivo desiderato". Quando le normali procedure non producono il risultato desiderato, la polizia può ricorrere a stratagemmi ingannevoli, come ad esempio fornire un falso parere legale. È importante tenere il soggetto fuori gioco, ad esempio, facendo leva sulla sua insicurezza su se stesso o sull'ambiente circostante. La polizia lo persuade, lo inganna o lo dissuade dall'esercitare i suoi diritti costituzionali.

Anche senza ricorrere alla brutalità, al "terzo grado" o agli stratagemmi specifici sopra descritti, il fatto stesso dell'interrogatorio detentivo esige un pesante tributo alla libertà individuale, e fa leva sulla debolezza degli individui. [Nota a piè di pagina 24]

[456]

Questo fatto può essere illustrato semplicemente facendo riferimento a tre casi di confessione decisi da questo Tribunale nel periodo immediatamente precedente la nostra decisione Escobedo. In Townsend v. Sain, 372 U. S. 293 (1963), l'imputato era un eroinomane di 19 anni, descritto come un "quasi difettoso mentale", id. al 307-310. L'imputato in Lynumn v. Illinois, 372 U. S. 528 (1963), era una donna che ha confessato all'ufficiale che l'ha arrestata dopo essere stata importunata a "cooperare" per evitare che i suoi figli venissero presi dalle autorità di soccorso. Questa Corte, come in quei casi, ha annullato la condanna di un imputato nella causa Haynes contro Washington, 373 U. S. 503 (1963), la cui persistente richiesta durante l'interrogatorio era di telefonare alla moglie o all'avvocato. In altri contesti, questi individui avrebbero potuto esercitare i loro diritti costituzionali. Nell'atmosfera di incommunicado, dominata dalla polizia, hanno ceduto.

Nei casi di cui ci occupiamo oggi, dato questo contesto, ci preoccupiamo soprattutto di questo clima di interrogatorio e dei mali che può portare. Nel caso Miranda contro Arizona, n. 759, la polizia ha arrestato l'imputato e lo ha portato in una stanza speciale per gli interrogatori, dove ha ottenuto una confessione. Nel n. 760, Vignera contro New York, l'imputato ha fatto un'ammissione orale alla polizia dopo l'interrogatorio del pomeriggio, e poi ha firmato una dichiarazione incriminante dopo essere stato interrogato da un assistente del procuratore distrettuale più tardi la sera stessa. Nel n. 761, Westover c. Stati Uniti, l'imputato è stato consegnato al Federal Bureau of Investigation da

[457]

Le autorità locali dopo averlo trattenuto e interrogato per un lungo periodo, sia la notte che il mattino seguente. Dopo circa due ore di interrogatorio, gli agenti federali avevano ottenuto dichiarazioni firmate dall'imputato. Infine, nel caso n. 584, California contro Stewart, la polizia locale ha trattenuto l'imputato per cinque giorni in stazione e lo ha interrogato in nove diverse occasioni prima di ottenere la sua dichiarazione incriminante.

In questi casi, potremmo non ritenere che le dichiarazioni dell'imputato siano state involontarie in termini tradizionali. La nostra preoccupazione di avere garanzie adeguate per proteggere i preziosi diritti del Quinto Emendamento non è, ovviamente, minimamente diminuita. In ognuno dei casi, l'imputato è stato spinto in un'atmosfera sconosciuta e sottoposto a minacciose procedure di interrogatorio da parte della polizia. La possibilità di essere costretto è evidente, ad esempio, in Miranda, dove l'imputato messicano indigente era un individuo gravemente disturbato con fantasie sessuali pronunciate, e in Stewart, dove l'imputato era un negro di Los Angeles indigente che aveva abbandonato la scuola in prima media. Per essere sicuri, i verbali non rivelano una evidente coercizione fisica o un evidente stratagemma psicologico. Resta il fatto che in nessuno di questi casi gli agenti si sono impegnati a fornire garanzie adeguate all'inizio dell'interrogatorio per assicurare che le dichiarazioni fossero veramente il prodotto di una libera scelta.

È ovvio che un simile ambiente di interrogatorio non è stato creato per nessun altro scopo se non quello di soggiogare l'individuo alla volontà del suo esaminatore. Questa atmosfera porta con sé il proprio marchio di intimidazione. Certo, non si tratta di intimidazione fisica, ma è altrettanto distruttiva della dignità umana. L'attuale pratica dell'interrogatorio in incommunicado è in contrasto con uno dei nostri metodi di interrogatorio.

[458]

I principi più cari alla nazione - che l'individuo non sia costretto a incriminare se stesso. A meno che non vengano impiegati adeguati dispositivi di protezione per dissipare la costrizione insita nell'ambiente di detenzione, nessuna dichiarazione ottenuta dall'imputato può essere veramente il prodotto della sua libera scelta.

Da quanto precede, possiamo facilmente percepire un'intima connessione tra il privilegio contro l'autoincriminazione e l'interrogatorio della polizia. E' opportuno esaminare la storia e i precedenti alla base della clausola di autoincriminazione per determinarne l'applicabilità in questa situazione.

II
A volte dimentichiamo quanto tempo ci sia voluto per stabilire il privilegio contro l'autoincriminazione, le fonti da cui proviene e il fervore con cui è stata difesa. Le sue radici affondano in tempi antichi. [Nota a piè di pagina 27] Forse

[459]

l'evento storico critico che ha fatto luce sulle sue origini e sulla sua evoluzione è stato il processo a un certo John Lilburn, un livellatore vocale anti-Stuart, che fu fatto prestare il giuramento della Camera delle Stelle nel 1637. Il giuramento lo avrebbe obbligato a rispondere a tutte le domande che gli venivano poste su qualsiasi argomento. Il processo a John Lilburn e John Wharton, 3 How.St.Tr. 1315 (1637). Egli si oppose al giuramento e dichiarò il procedimento, affermando:

"Un altro diritto fondamentale che sostenni allora era che la coscienza di un uomo non dovrebbe essere tormentata da giuramenti imposti per rispondere a domande che lo riguardavano in questioni criminali, o che fingevano di esserlo".

Haller & Davies, The Leveller Tracts 1647-1653, p. 454 (1944)

A causa del Processo di Lilburn, il Parlamento ha abolito il Tribunale inquisitorio della Camera delle Stelle e si è spinto oltre, concedendogli un generoso risarcimento. I nobili principi a cui Lilburn si era appellato durante il suo processo ottennero l'accettazione popolare in Inghilterra. Questi sentimenti si fecero strada fino alle Colonie, e furono impiantati dopo una grande lotta nella Carta dei diritti. Coloro che hanno inquadrato la nostra Costituzione e la Carta dei diritti sono sempre stati consapevoli delle sottili violazioni della libertà individuale. Sapevano che

"Le pratiche illegittime e incostituzionali hanno il loro primo punto di partenza. . . . da approcci silenziosi e leggere deviazioni dalle modalità legali di procedura".

Boyd contro gli Stati Uniti, 116 U. S. 616, 635 (1886). Il privilegio è stato elevato allo status costituzionale, ed è sempre stato "ampio come la malizia

[460]

da cui cerca di difendersi". Avvocato contro Hitchcock, 142 U. S. 547, 562 (1892). Non possiamo discostarci da questa nobile eredità.

Così, possiamo considerare lo sviluppo storico del privilegio come uno sviluppo che ha tentato di ottenere la giusta portata del potere governativo sul cittadino. Poiché un "nobile principio spesso trascende le sue origini", il privilegio è giunto a buon diritto ad essere riconosciuto in parte come un diritto sostanziale dell'individuo, un "diritto a un'enclave privata dove può condurre una vita privata". Questo diritto è il segno distintivo della nostra democrazia". Stati Uniti contro Grunewald, 233 F.2d 556, 579, 581-582 (Frank, J., dissenziente), rev'd, 353 U.S. 391 (1957). Abbiamo recentemente notato che il privilegio contro l'autoincriminazione - il pilastro essenziale del nostro sistema avversario - è fondato su un complesso di valori, Murphy contro Waterfront Comm'n, 378 U. S. 52, 55-57, n. 5 (1964); Tehan contro Shott, 382 U. S. 406, 414-415, n. 12 (1966). Tutte queste politiche puntano a un unico pensiero dominante: il fondamento costituzionale alla base del privilegio è il rispetto che un governo - statale o federale - deve accordare alla dignità e all'integrità dei suoi cittadini. Per mantenere un "giusto equilibrio tra Stato e individuo", per richiedere che il governo "si faccia carico di tutto il carico", 8 Wigmore, Prova 317 (McNaughton rev.1961), per rispettare l'inviolabilità della personalità umana, il nostro sistema accusatorio di giustizia penale richiede che il governo che cerca di punire un individuo produca le prove contro di lui con il proprio lavoro indipendente, piuttosto che con il crudele, semplice espediente di costringerlo dalla sua stessa bocca. Camere contro Florida, 309 U. S. 227, 235-238 (1940). In sintesi, il privilegio si realizza solo quando alla persona viene garantito il diritto "di rimanere in silenzio a meno che non scelga di parlare nell'esercizio libero della propria volontà". Malloy contro Hogan, 378 U. S. 1, 8 (1964).

La questione in questi casi è se il privilegio sia pienamente applicabile durante un periodo di interrogatorio detentivo.

[461]

In questa Corte, il privilegio è stato costantemente concesso con una costruzione liberale. Albertson contro SACB, 382 U. S. 70, 81 (1965); Hoffman contro Stati Uniti, 341 U. S. 479, 486 (1951); Arndstein contro McCarthy, 254 U. S. 71, 72-73 (1920); Counselman contro Hitchock, 142 U. S. 547, 562 (1892). Siamo soddisfatti che tutti i principi incarnati nel privilegio si applichino alla coercizione informale esercitata dagli ufficiali delle forze dell'ordine durante l'interrogatorio in custodia. Un individuo spazzato dall'ambiente familiare alla custodia della polizia, circondato da forze antagoniste e sottoposto alle tecniche di persuasione sopra descritte non può essere altrimenti che costretto a parlare. In pratica, l'obbligo di parlare in un luogo isolato della stazione di polizia può essere maggiore che in tribunale o in altre indagini ufficiali, dove ci sono spesso osservatori imparziali per evitare intimidazioni o inganni. [Nota a piè di pagina 30]

Questa questione, infatti, avrebbe potuto essere presa come risolta nei tribunali federali quasi 70 anni fa, quando, nella causa Bram contro gli Stati Uniti, 168 U. S. 532, 542 (1897), questa Corte ha ritenuto:

"Nei processi penali, nei tribunali degli Stati Uniti, ovunque si ponga la questione se una confessione sia incompetente perché non volontaria, la questione è controllata da quella parte del Quinto Emendamento . . . comandando che nessuna persona "sarà costretta, in nessun caso, a testimoniare contro se stessa".

A Bram, la Corte ha esaminato la storia e la giurisprudenza britannica e americana e ha stabilito lo standard del Quinto Emendamento per la coercizione che oggi applichiamo:

"Gran parte della confusione che è risultata dallo sforzo di dedurre dai casi aggiudicati cosa

[462]

sarebbe una prova sufficiente a dimostrare che una confessione era o non era volontaria, è nata da un'errata concezione del soggetto a cui la prova deve rivolgersi. La regola non è che, per rendere ammissibile una dichiarazione, la prova deve essere adeguata a stabilire che le particolari comunicazioni contenute in una dichiarazione sono state fatte volontariamente, ma deve essere sufficiente a stabilire che la dichiarazione è stata fatta volontariamente; vale a dire che dalle cause, che la legge considera giuridicamente sufficienti per suscitare nella mente dell'imputato la speranza o il timore rispetto al reato accusato, l'imputato non è stato involontariamente spinto a fare una dichiarazione, quando, se non per le influenze improprie, sarebbe rimasto in silenzio. . . ."

168 Stati Uniti a 549. E vedi id. a 542.

La Corte ha aderito a questo ragionamento. Nel 1924, il signor giudice Brandeis scrisse per una Corte unanime nel revocare una condanna basata su una confessione forzata, Wan contro gli Stati Uniti, 266 U.S.1. Egli dichiarò:

"Nei tribunali federali, il requisito della volontarietà non è soddisfatto stabilendo semplicemente che la confessione non è stata indotta da una promessa o da una minaccia. Una confessione è volontaria per la legge se, e solo se, è stata, di fatto, fatta volontariamente. Una confessione può essere stata rilasciata volontariamente, anche se è stata fatta ad agenti di polizia, mentre erano in custodia e in risposta ad un esame da loro effettuato. Ma una confessione ottenuta con la coercizione deve essere esclusa, qualunque sia stato il carattere della coercizione, e se la coercizione è stata applicata in un procedimento giudiziario o meno. Bram contro gli Stati Uniti, 168 U. S. 532".

266 Stati Uniti a 14-15 anni. Oltre all'ampio sviluppo storico del privilegio e alle solide politiche che hanno nutrito

[463]

la sua evoluzione, il suo precedente giudiziario stabilisce così chiaramente la sua applicazione all'interrogatorio in incommunicado. Infatti, il Governo ammette questo punto come stabilito anche nel n. 761, Westover c. Stati Uniti, affermando:

"Non abbiamo alcun dubbio. . . . che sia possibile che il diritto del Quinto Emendamento di un sospettato possa essere violato durante l'interrogatorio in custodia da parte di un ufficiale delle forze dell'ordine. [Nota 31]"

A causa dell'adozione da parte del Congresso dell'articolo 5(a) del Regolamento federale di procedura penale, e dell'applicazione di tale articolo da parte di questa Corte nella causa McNabb contro gli Stati Uniti, 318 U. S. 332 (1943), e Mallory contro gli Stati Uniti, 354 U. S. 449 (1957), nell'ultimo quarto di secolo abbiamo avuto poche occasioni per raggiungere le questioni costituzionali nel trattare gli interrogatori federali. Queste regole di vigilanza, che richiedono la presentazione di una persona arrestata davanti a un commissario "senza inutili ritardi" ed escludono le prove ottenute in violazione di tale obbligo legale, rispondevano comunque alle stesse considerazioni della politica del Quinto Emendamento che inevitabilmente ci troviamo ad affrontare ora come per gli Stati. A McNabb, 318 Stati Uniti a 343-344, e a Mallory, 354 Stati Uniti a 455-456, abbiamo riconosciuto sia i pericoli dell'interrogatorio sia l'opportunità della profilassi che deriva dal fatto stesso dell'interrogatorio. [Nota a piè di pagina 32]

La nostra decisione nel caso Malloy contro Hogan, 378 U. S. 1 (1964), richiede un esame della portata del privilegio anche nei casi statali. A Malloy, abbiamo tenuto in piedi il

[464]

privilegio applicabile agli Stati, e ha ritenuto che le norme sostanziali alla base del privilegio si applicassero con pieno vigore ai procedimenti giudiziari statali. Lì, come nel caso Murphy contro Waterfront Comm'n, 378 U. S. 52 (1964), e Griffin contro California, 380 U. S. 609 (1965), abbiamo applicato gli standard esistenti del Quinto Emendamento al caso in esame. A parte la detenzione stessa, il ragionamento di Malloy ha chiarito ciò che era già diventato evidente - che le garanzie sostanziali e procedurali che circondano l'ammissibilità delle confessioni nei casi statali erano diventate estremamente rigorose, riflettendo tutte le politiche incorporate nel privilegio, 378 U.S. a 7-8. La dottrina della volontarietà nei casi statali, come indica Malloy, comprende tutte le pratiche di interrogatorio che possono esercitare una tale pressione su un individuo da renderlo inabile a

[465]

facendo una scelta libera e razionale. Le implicazioni di questa proposta sono state elaborate nella nostra decisione di Escobedo contro l'Illinois, 378 U. S. 478, decisa una settimana dopo che Malloy aveva applicato il privilegio agli Stati Uniti.

La nostra tenuta lì ha sottolineato il fatto che la polizia non aveva informato l'imputato del suo privilegio costituzionale di rimanere in silenzio all'inizio dell'interrogatorio, e abbiamo richiamato l'attenzione su questo fatto in diversi punti della decisione, 378 U.S.A. a 483, 485, 491. Questo non è stato un fattore isolato, ma un ingrediente essenziale della nostra decisione. L'intera spinta degli interrogatori della polizia, come in tutti i casi odierni, è stata quella di mettere l'imputato in uno stato emotivo tale da compromettere la sua capacità di giudizio razionale. L'abdicazione del privilegio costituzionale - la scelta da parte sua di parlare alla polizia - non è stata fatta consapevolmente o con competenza a causa della mancata conoscenza dei suoi diritti; l'atmosfera avvincente dell'interrogatorio in custodia, e non una decisione indipendente da parte sua, ha fatto sì che l'imputato parlasse.

Una fase diversa della decisione di Escobedo è stata significativa nella sua attenzione all'assenza di un avvocato durante l'interrogatorio. Lì, come nei casi odierni, abbiamo cercato un dispositivo di protezione per dissipare l'atmosfera irresistibile dell'interrogatorio. A Escobedo, tuttavia, la polizia non ha sollevato l'imputato dalle ansie che aveva creato nelle sale interrogatori. Piuttosto, hanno negato la sua richiesta di assistenza legale, 378 Stati Uniti a 481, 488, 491. Ciò ha acuito il suo dilemma, e

[466]

ha fatto le sue successive dichiarazioni il prodotto di questa costrizione. Cfr. Haynes contro Washington, 373 U.S. 503, 373 U.S. 514 (1963). Il rifiuto della richiesta dell'imputato al suo avvocato ha così compromesso la sua capacità di esercitare il privilegio - di rimanere in silenzio se ha scelto o di parlare senza alcuna intimidazione, palese o sottile. La presenza di un avvocato, in tutti i casi oggi in esame, sarebbe stata il dispositivo di protezione adeguato necessario per rendere il processo di interrogatorio della polizia conforme ai dettami del privilegio. La sua presenza assicurerebbe che le dichiarazioni rilasciate nell'atmosfera stabilita dal governo non siano il prodotto di una costrizione.

È stato così che Escobedo ha spiegato un altro aspetto del privilegio preprocessuale, rilevato in molte delle precedenti decisioni della Corte: la protezione dei diritti al processo. [Nota 36] Tale avvocato è presente quando le dichiarazioni di un individuo durante l'interrogatorio rafforzano ovviamente l'integrità dei processi di accertamento dei fatti in tribunale. La presenza di un avvocato, e gli avvertimenti consegnati all'individuo, permettono all'imputato, in circostanze altrimenti impellenti, di raccontare la sua storia senza paura, in modo efficace, e in un modo che elimina i mali nel processo di interrogatorio. Senza le protezioni che derivano da adeguati avvertimenti e dai diritti dell'avvocato,

"tutte le attente salvaguardie erette intorno alla deposizione, sia da parte di un imputato che di qualsiasi altro testimone, diventerebbero formalità vuote in una procedura in cui la prova più convincente possibile della colpevolezza, una confessione, sarebbe già stata ottenuta a piacere non supervisionato della polizia".

Mapp contro Ohio, 367 U. S. 643, 685 (1961) (HARLAN, J., dissenziente). Cfr. Pointer contro Texas, 380 U. S. 400 (1965).

[467]

III
Oggi, quindi, non vi è dubbio che il privilegio del Quinto emendamento è disponibile al di fuori dei procedimenti penali e serve a proteggere le persone in tutti gli ambienti in cui la loro libertà d'azione è limitata in modo significativo dall'essere costrette a incriminarsi. Siamo giunti alla conclusione che, in assenza di adeguate garanzie, il processo di interrogatorio in custodia di persone sospettate o accusate di un reato contiene pressioni intrinsecamente irresistibili che operano per minare la volontà dell'individuo di resistere e per costringerlo a parlare dove altrimenti non lo farebbe liberamente. Al fine di combattere queste pressioni e di consentire una piena opportunità di esercitare il privilegio contro l'autoincriminazione, l'imputato deve essere adeguatamente ed efficacemente informato dei suoi diritti e l'esercizio di tali diritti deve essere pienamente onorato.

È impossibile per noi prevedere le potenziali alternative per proteggere il privilegio che potrebbe essere ideato dal Congresso o dagli Stati nell'esercizio delle loro capacità creative di regolamentazione. Pertanto, non possiamo dire che la Costituzione richieda necessariamente l'adesione ad una soluzione particolare per le compulsioni intrinseche del processo di interrogatorio così come è attualmente condotto. La nostra decisione non crea in alcun modo una camicia di forza costituzionale che ostacolerà i validi sforzi di riforma, né è destinata ad avere questo effetto. Incoraggiamo il Congresso e gli Stati a continuare la loro lodevole ricerca di modi sempre più efficaci per proteggere i diritti dell'individuo, promuovendo al contempo un'applicazione efficiente delle nostre leggi penali. Tuttavia, a meno che non ci vengano mostrate altre procedure che siano almeno altrettanto efficaci nel denunciare gli accusati del loro diritto al silenzio e nell'assicurare una continua opportunità di esercitarlo, devono essere osservate le seguenti salvaguardie.

All'inizio, se una persona detenuta deve essere sottoposta a interrogatorio, deve prima essere informata in modo chiaro e chiaro.

[468]

termini inequivocabili che ha il diritto di rimanere in silenzio. Per chi non è consapevole di questo privilegio, l'avvertimento è necessario semplicemente per renderlo consapevole - il requisito di soglia per una decisione intelligente sul suo esercizio. Ancora più importante, tale avvertimento è un prerequisito assoluto per superare le pressioni intrinseche dell'atmosfera di interrogatorio. Non sono solo i subnormali o i miserabili ignoranti che soccombono alle imprecazioni di un interrogatore, sia implicite che esplicite, che l'interrogatorio continuerà fino a quando non si otterrà una confessione o che il silenzio di fronte all'accusa è di per sé dannoso, e farà presagire un cattivo presagio quando sarà presentato a una giuria. Inoltre, l'avvertimento mostrerà all'individuo che i suoi interrogatori sono pronti a riconoscere il suo privilegio, qualora scelga di esercitarlo.

Il privilegio del Quinto Emendamento è così fondamentale per il nostro sistema di norme costituzionali, e l'espediente di dare un adeguato avvertimento sulla disponibilità del privilegio è così semplice che non ci fermeremo a chiedere nei singoli casi se l'imputato era a conoscenza dei suoi diritti senza un avvertimento. Valutazioni delle conoscenze di cui l'imputato era a conoscenza, basate su informazioni

[469]

per quanto riguarda l'età, l'istruzione, l'intelligenza, o i contatti precedenti con le autorità, non può essere altro che una speculazione; [Nota 38] un avvertimento è un fatto evidente. Ancora più importante, qualunque sia il background della persona interrogata, un avvertimento al momento dell'interrogatorio è indispensabile per superare le sue pressioni e per assicurare che l'individuo sappia di essere libero di esercitare il privilegio in quel momento.

L'avvertimento del diritto di rimanere in silenzio deve essere accompagnato dalla spiegazione che qualsiasi cosa detta può e sarà usata contro l'individuo in tribunale. Questo avvertimento è necessario per renderlo consapevole non solo del privilegio, ma anche delle conseguenze della rinuncia. Solo attraverso la consapevolezza di queste conseguenze si può avere la certezza di una reale comprensione e di un esercizio intelligente del privilegio. Inoltre, questo avvertimento può servire a rendere l'individuo più acutamente consapevole di trovarsi di fronte a una fase del sistema avversario - che non è in presenza di persone che agiscono nel suo esclusivo interesse.

Le circostanze che circondano l'interrogatorio in custodia possono operare molto rapidamente per prevalere sulla volontà di una persona semplicemente resa consapevole del suo privilegio dai suoi interrogatori. Pertanto, il diritto di avere un avvocato presente all'interrogatorio è indispensabile per la tutela del privilegio del Quinto Emendamento secondo il sistema che delineiamo oggi. Il nostro scopo è quello di assicurare che il diritto dell'individuo di scegliere tra il silenzio e la parola rimanga libero durante tutto il processo di interrogatorio. Un avvertimento una volta dichiarato, espresso da coloro che condurranno l'interrogatorio, non può di per sé essere sufficiente a questo scopo tra coloro che più richiedono la conoscenza dei loro diritti. Un semplice

[470]

L'avvertimento dato dagli interrogatori non è sufficiente da solo per raggiungere questo scopo. Gli stessi procuratori sostengono che l'ammonimento del diritto di rimanere in silenzio, senza altro, "andrà a beneficio solo del recidivo e del professionista". Breve per l'Associazione nazionale dei procuratori distrettuali come amicus curiae, p. 14. Anche la consulenza preliminare fornita all'imputato dal suo stesso avvocato può essere rapidamente superata dal processo di interrogatorio segreto. Cfr. Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478, 485, n. 5. Pertanto, la necessità di un avvocato per proteggere il privilegio del Quinto Emendamento comprende non solo il diritto di consultarsi con l'avvocato prima dell'interrogatorio, ma anche di avere un avvocato presente durante l'interrogatorio se l'imputato lo desidera.

La presenza di un difensore durante l'interrogatorio può svolgere anche diverse funzioni secondarie significative. Se l'imputato decide di parlare con i suoi interrogatori, l'assistenza dell'avvocato può attenuare i pericoli dell'inaffidabilità. In presenza di un avvocato, la probabilità che la polizia pratichi la coercizione è ridotta e, se la coercizione viene comunque esercitata, l'avvocato può testimoniarla in tribunale. La presenza di un avvocato può anche contribuire a garantire che l'imputato rilasci una dichiarazione del tutto accurata alla polizia e che la dichiarazione sia giustamente riportata dall'accusa al processo. Si veda Crooker contro California, 357 U. S. 433, 443-448 (1958) (DOUGLAS, J., dissenziente).

Un individuo non è tenuto a fare una richiesta di pre-interrogatorio per un avvocato. Mentre tale richiesta assicura il suo diritto ad averne uno, la sua mancata richiesta di un avvocato non costituisce una rinuncia. Nessuna rinuncia effettiva al diritto di avere un avvocato durante l'interrogatorio può essere riconosciuta, a meno che non sia stata fatta specificamente dopo gli avvertimenti che qui descriviamo. L'imputato che non conosce i suoi diritti e quindi non presenta una richiesta

[471]

può essere la persona che ha più bisogno di un consiglio. Come ha giustamente affermato la Corte Suprema della California:

"Infine, dobbiamo riconoscere che l'imposizione del requisito della richiesta discriminerebbe l'imputato che non conosce i suoi diritti. L'imputato che non chiede un avvocato è proprio l'imputato che ha più bisogno di un avvocato". Non possiamo penalizzare un imputato che, non comprendendo i suoi diritti costituzionali, non presenta la richiesta formale e, con tale mancanza, dimostra la sua impotenza. Richiedere la richiesta significherebbe favorire l'imputato la cui raffinatezza o il cui status lo hanno fortuitamente spinto a farla".

Lo Stato contro Dorado, 62 Cal. 2d 338, 351, 398 P.2d 361, 369-370, 42 Cal. Rptr. 169, 177-178 (1965) (Tobriner, J.). In Carnley v. Cochran, 369 U. S. 506, 513 (1962), abbiamo dichiarato:

"È stabilito che, quando l'assistenza di un avvocato è un requisito costituzionale, il diritto di essere assistiti da un avvocato non dipende da una richiesta".

Questa proposta si applica con pari forza nel contesto della fornitura di un avvocato per proteggere il privilegio del Quinto Emendamento dell'imputato di fronte all'interrogatorio. [Nota 39] Sebbene il ruolo dell'avvocato al processo sia diverso da quello durante l'interrogatorio, le differenze non sono rilevanti ai fini della questione se una richiesta sia un prerequisito.

Di conseguenza, riteniamo che una persona detenuta per l'interrogatorio debba essere chiaramente informata del fatto che ha il diritto di consultarsi con un avvocato e di avere con sé l'avvocato durante l'interrogatorio secondo il sistema di protezione del privilegio che delineiamo oggi. Come per gli avvertimenti sul diritto di rimanere in silenzio e sul fatto che tutto ciò che viene dichiarato può essere usato come prova contro di lui, questo avvertimento è un prerequisito assoluto per l'interrogatorio. Nessuna quantità di

[472]

Per sostituirlo sarà sufficiente una prova circostanziale che la persona possa essere stata a conoscenza di questo diritto. Solo attraverso tale avvertimento è possibile accertare che l'imputato era a conoscenza di questo diritto.

Se un individuo indica che desidera l'assistenza di un avvocato prima che si verifichi un interrogatorio, le autorità non possono razionalmente ignorare o negare la sua richiesta sulla base del fatto che l'individuo non ha o non può permettersi un avvocato. La capacità finanziaria dell'individuo non ha alcun rapporto con la portata dei diritti in questione. Il privilegio contro l'autoincriminazione garantito dalla Costituzione si applica a tutti gli individui. La necessità di un avvocato per proteggere il privilegio esiste sia per gli indigenti che per i benestanti. Infatti, se dovessimo limitare questi diritti costituzionali a coloro che possono mantenere un avvocato, le nostre decisioni di oggi avrebbero poco significato. I casi di cui ci occupiamo, così come la grande maggioranza dei casi di confessione con cui ci siamo occupati in passato, coinvolgono coloro che non sono in grado di mantenere un avvocato. Le autorità non sono tenute a sollevare l'imputato dalla sua povertà, ma hanno l'obbligo di non approfittare dell'indigenza nell'amministrazione della giustizia. Nota 41] Negazione

[473]

di un avvocato per gli indigenti al momento dell'interrogatorio, mentre permettere un avvocato a coloro che possono permetterselo non sarebbe più sopportabile, per ragione o logica, della situazione simile al processo e in appello, colpita in Gideon contro Wainwright, 372 U. S. 335 (1963), e Douglas contro la California, 372 U. S. 353 (1963).

Al fine di informare pienamente una persona interrogata sull'estensione dei suoi diritti in questo sistema, è quindi necessario avvertirla non solo che ha il diritto di consultare un avvocato, ma anche che, se è indigente, sarà nominato un avvocato che lo rappresenti. Senza questo ulteriore avvertimento, l'ammonizione del diritto di consultarsi con un avvocato sarebbe spesso intesa nel senso che egli può consultarsi con un avvocato solo se ne ha uno o ha i fondi per ottenerlo. L'ammonizione del diritto ad avere un avvocato sarebbe vuota se non fosse formulata in termini che trasmettano all'indigente - la persona più spesso sottoposta ad interrogatorio - la consapevolezza di avere anch'essa il diritto ad avere un avvocato presente. Come per gli avvertimenti sul diritto di rimanere in silenzio e sul diritto generale all'assistenza legale, solo spiegando in modo efficace ed esplicito agli indigenti di questo diritto si può avere la certezza che egli era veramente in grado di esercitarlo. [Nota a piè di pagina 43]

Una volta dati gli avvertimenti, la procedura successiva è chiara. Se l'individuo indica in qualche modo,

[474]

in qualsiasi momento prima o durante l'interrogatorio, che desideri rimanere in silenzio, l'interrogatorio deve cessare. A questo punto, egli ha dimostrato di voler esercitare il suo privilegio del Quinto Emendamento; qualsiasi dichiarazione fatta dopo che la persona ha invocato il suo privilegio non può essere diversa dal prodotto di una costrizione, sottile o di altro tipo. Senza il diritto di interrompere l'interrogatorio, l'impostazione dell'interrogatorio in custodia opera sull'individuo per superare la libera scelta di produrre una dichiarazione dopo che il privilegio è stato invocato una volta. Se l'individuo dichiara di volere un avvocato, l'interrogatorio deve cessare fino alla presenza di un avvocato. In quel momento, l'individuo deve avere la possibilità di conferire con l'avvocato e di averlo presente durante gli interrogatori successivi. Se la persona non può ottenere un avvocato e indica di volerne uno prima di parlare con la polizia, deve rispettare la sua decisione di rimanere in silenzio.

Ciò non significa, come alcuni hanno suggerito, che ogni stazione di polizia deve avere un "avvocato della stazione di polizia" presente in ogni momento per consigliare i detenuti. Significa, tuttavia, che, se la polizia propone di interrogare una persona, deve fargli sapere che ha diritto ad un avvocato e che, se non può permetterselo, gli sarà fornito un avvocato prima di qualsiasi interrogatorio. Se le autorità concludono che non forniranno un avvocato durante un periodo di tempo ragionevole in cui si svolgono le indagini sul campo, possono astenersi dal farlo senza violare il privilegio del Quinto Emendamento, purché non lo interroghino durante tale periodo.

[475]

Se l'interrogatorio continua senza la presenza di un avvocato e viene presa una dichiarazione, un pesante onere grava sul governo per dimostrare che l'imputato ha consapevolmente e intelligentemente rinunciato al suo privilegio contro l'autoincriminazione e al suo diritto ad avere un avvocato nominato o mantenuto. Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478, 490, n. 14. Questa Corte ha sempre stabilito elevati standard di prova per la rinuncia ai diritti costituzionali, Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458 (1938), e noi riaffermiamo questi standard applicati agli interrogatori in custodia. Poiché lo Stato è responsabile di stabilire le circostanze isolate in cui si svolge l'interrogatorio, e ha l'unico mezzo per rendere disponibili prove corroborate degli avvertimenti dati durante l'interrogatorio incommunicado, l'onere è giustamente sulle sue spalle.

Una dichiarazione esplicita che l'individuo è disposto a rilasciare una dichiarazione e non vuole un avvocato, seguita da una dichiarazione, potrebbe costituire una rinuncia. Ma una rinuncia valida non si presume semplicemente dal silenzio dell'imputato dopo gli avvertimenti, o semplicemente dal fatto che una confessione è stata, di fatto, alla fine ottenuta. Una dichiarazione che abbiamo fatto nel caso Carnley contro Cochran, 369 U. S. 506, 516 (1962), è applicabile in questo caso:

"Presumere la rinuncia a una registrazione silenziosa è inammissibile. Il verbale deve mostrare, o ci deve essere un'accusa e prove che dimostrino, che ad un accusato è stato offerto un avvocato, ma intelligentemente e comprensibilmente ha rifiutato l'offerta. Qualsiasi cosa di meno non è una rinuncia".

Si veda anche Glasser contro gli Stati Uniti, 315 U. S. 60 (1942). Inoltre, quando si tratta di interrogatori in custodia, non c'è spazio per l'affermazione che il privilegio è rinunciato se l'individuo risponde ad alcune domande o dà

[476]

alcune informazioni per conto proprio prima di invocare il suo diritto di rimanere in silenzio durante l'interrogatorio. [Nota 45]

Qualunque sia la testimonianza delle autorità sulla rinuncia ai diritti da parte dell'imputato, il fatto che l'imputato sia stato interrogato a lungo o incarcerato in isolamento prima che sia stata rilasciata una dichiarazione è una forte prova che l'imputato non ha rinunciato validamente ai suoi diritti. In queste circostanze, il fatto che l'individuo alla fine abbia rilasciato una dichiarazione è coerente con la conclusione che l'influenza convincente dell'interrogatorio lo ha infine costretto a farlo. È incoerente con qualsiasi nozione di rinuncia volontaria al privilegio. Inoltre, qualsiasi prova che l'imputato sia stato minacciato, ingannato o ingannato per ottenere una rinuncia, dimostrerà, ovviamente, che l'imputato non ha rinunciato volontariamente al suo privilegio. Il requisito degli avvertimenti e della rinuncia ai diritti è un requisito fondamentale rispetto al privilegio del Quinto Emendamento, e non semplicemente un rituale preliminare ai metodi di interrogatorio esistenti.

Le avvertenze richieste e la rinuncia necessaria secondo il nostro parere odierno sono, in assenza di un equivalente pienamente efficace, prerequisiti per l'ammissibilità di qualsiasi dichiarazione fatta da un imputato. Non si può fare distinzione tra le dichiarazioni che sono confessioni dirette e le dichiarazioni che equivalgono a "ammissioni" di un reato parziale o totale. Il privilegio contro l'autoincriminazione protegge l'individuo dall'essere costretto a incriminarsi in qualsiasi modo; non distingue i gradi di incriminazione. Allo stesso modo,

[477]

Per lo stesso motivo, non si può distinguere tra dichiarazioni incriminanti e dichiarazioni che si presume siano semplicemente "scagionanti". Se una dichiarazione resa fosse, in realtà, veramente a discolpa, non verrebbe mai usata dall'accusa. In realtà, le dichiarazioni che l'imputato intendeva semplicemente scagionare l'imputato sono spesso usate per incriminare la sua testimonianza al processo o per dimostrare la falsità della dichiarazione resa durante l'interrogatorio, e quindi per provare la colpevolezza implicita. Queste dichiarazioni sono incriminanti in qualsiasi senso significativo del termine e non possono essere usate senza le avvertenze complete e l'effettiva rinuncia richiesta per qualsiasi altra dichiarazione. Nella stessa Escobedo, l'imputato intendeva pienamente l'accusa di un altro omicida come uccisore per essere scagionato da se stesso.

I principi annunciati oggi riguardano la protezione che deve essere data al privilegio contro l'autoincriminazione quando l'individuo viene sottoposto per la prima volta ad un interrogatorio di polizia mentre è detenuto alla stazione di polizia o altrimenti privato della sua libertà d'azione in modo significativo. È a questo punto che inizia il nostro sistema di procedimenti penali avversari, distinguendosi fin dall'inizio dal sistema inquisitorio riconosciuto in alcuni Paesi. Con il sistema degli avvertimenti che delineiamo oggi, o con qualsiasi altro sistema che possa essere ideato e trovato efficace, le garanzie da erigere sul privilegio devono entrare in gioco a questo punto.

La nostra decisione non intende ostacolare la tradizionale funzione degli agenti di polizia nelle indagini sui crimini. Si veda Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478, 492. Quando un individuo è in custodia cautelare per un probabile motivo, la polizia può, naturalmente, cercare prove sul campo da utilizzare in un processo contro di lui. Tale indagine può includere l'inchiesta su persone non sotto sequestro. L'interrogatorio generale sulla scena del crimine o altri interrogatori generali sui fatti relativi a un crimine o altri interrogatori generali dei cittadini nel processo di accertamento dei fatti non sono interessati dalla nostra detenzione. Si tratta di un atto di

[478]

cittadinanza responsabile per i singoli individui di dare qualsiasi informazione di cui possano disporre per aiutare le forze dell'ordine. In tali situazioni, non è necessariamente presente l'atmosfera avvincente insita nel processo di interrogatorio in custodia cautelare. [Nota a piè di pagina 46]

Nel trattare le dichiarazioni ottenute attraverso l'interrogatorio, non pretendiamo di trovare tutte le confessioni inammissibili. Le confessioni rimangono un elemento corretto nelle forze dell'ordine. Qualsiasi dichiarazione rilasciata liberamente e volontariamente senza alcuna influenza coercitiva è, naturalmente, ammissibile come prova. L'importanza fondamentale del privilegio durante la detenzione di un individuo non è il fatto che gli sia permesso di parlare con la polizia senza il beneficio di avvertimenti e consigli, ma che possa essere interrogato. Non è necessario che la polizia fermi una persona che entra in una stazione di polizia e dichiara di voler confessare un crimine, [nota 47] o una persona che chiama la polizia per offrire una confessione o qualsiasi altra dichiarazione che desidera fare. Dichiarazioni volontarie di qualsiasi tipo non sono vietate dal Quinto Emendamento, e la loro ammissibilità non è influenzata dalla nostra attuale detenzione.

Per riassumere, riteniamo che, quando un individuo viene preso in custodia o altrimenti privato della sua libertà dalle autorità in modo significativo e sottoposto a interrogatorio, il privilegio contro l'autoincriminazione è messo a repentaglio. Le salvaguardie procedurali devono essere impiegate per

[479]

tutelare il privilegio e, a meno che non vengano adottati altri mezzi pienamente efficaci per notificare alla persona il suo diritto al silenzio e per assicurare che l'esercizio di tale diritto sia scrupolosamente rispettato, sono necessarie le seguenti misure. Deve essere avvertito prima di ogni interrogatorio che ha il diritto di rimanere in silenzio, che qualsiasi cosa dica può essere usata contro di lui in tribunale, che ha diritto alla presenza di un avvocato e che, se non può permettersi un avvocato, ne sarà nominato uno per lui prima di ogni interrogatorio, se lo desidera. L'opportunità di esercitare questi diritti deve essergli offerta per tutta la durata dell'interrogatorio. Dopo aver ricevuto tali avvertimenti, e dopo che gli è stata data tale opportunità, l'individuo può consapevolmente e intelligentemente rinunciare a questi diritti e accettare di rispondere alle domande o di fare una dichiarazione. Tuttavia, a meno che e fino a quando tali avvertimenti e rinuncia non siano dimostrati dall'accusa al processo, nessuna prova ottenuta a seguito dell'interrogatorio può essere utilizzata contro di lui. [Nota 48]

IV
Un argomento ricorrente in questi casi è che il bisogno di interrogatorio della società supera il privilegio. Questa argomentazione non è sconosciuta a questa Corte. Si veda, ad esempio, Chambers contro Florida, 309 U. S. 227, 240-241 (1940). L'intero senso della nostra precedente discussione dimostra che la Costituzione ha prescritto i diritti dell'individuo di fronte al potere del governo quando ha previsto nel Quinto Emendamento che un individuo non può essere costretto a testimoniare contro se stesso. Questo diritto non può essere riassunto. Come ha osservato una volta il giudice Brandeis:

"La decenza, la sicurezza e la libertà richiedono che i funzionari del governo siano sottoposti alla stessa

[480]

regole di condotta che sono ordini per il cittadino. In un governo di leggi, l'esistenza del governo sarà messa in pericolo se non rispetterà scrupolosamente la legge. Il nostro governo è il potente, l'onnipresente insegnante. Nel bene e nel male, insegna a tutto il popolo con il suo esempio. Il crimine è contagioso. Se il Governo diventa trasgressore della legge, genera disprezzo per la legge; invita ogni uomo a diventare legge a se stesso; invita all'anarchia. Dichiarare che, nell'amministrazione del diritto penale, il fine giustifica i mezzi. . . porterebbe una terribile punizione. Contro questa dottrina perniciosa questa Corte dovrebbe porre risolutamente il suo volto".

Olmstead contro gli Stati Uniti, 277 U. S. 438, 485 (1928) (opinione dissenziente). [Nota 49] A questo proposito, uno degli illustri giuristi del nostro Paese ha sottolineato: "La qualità della civiltà di una nazione può essere ampiamente misurata dai metodi che essa usa nell'applicazione del suo diritto penale". [Nota 50]

Se l'individuo desidera esercitare il suo privilegio, ha il diritto di farlo. Non spetta alle autorità decidere. Un avvocato può consigliare al suo cliente di non parlare con la polizia finché non ha avuto l'opportunità di indagare sul caso, oppure può desiderare di essere presente con il suo cliente durante qualsiasi interrogatorio della polizia. In questo modo l'avvocato si limita ad esercitare il buon senso professionale che gli è stato insegnato. Questo non è un motivo per considerare l'avvocato una minaccia per le forze dell'ordine. Egli sta semplicemente eseguendo ciò che ha giurato di fare sotto il suo giuramento - proteggere nella misura delle sue possibilità i diritti del suo cliente.

[481]

Nell'adempimento di questa responsabilità, l'avvocato svolge un ruolo vitale nell'amministrazione della giustizia penale secondo la nostra Costituzione.

Nell'annunciare questi principi, non siamo ignari degli oneri che i funzionari delle forze dell'ordine devono sostenere, spesso in circostanze difficili. Riconosciamo inoltre pienamente l'obbligo di tutti i cittadini di contribuire all'applicazione delle leggi penali. Questa Corte, pur proteggendo i diritti individuali, ha sempre dato ampio spazio alle forze dell'ordine nell'esercizio legittimo dei loro doveri. I limiti che abbiamo posto al processo di interrogatorio non dovrebbero costituire un'indebita interferenza con un sistema adeguato di applicazione della legge. Come abbiamo notato, la nostra decisione non preclude in alcun modo alla polizia di svolgere le sue tradizionali funzioni investigative. Sebbene le confessioni possano svolgere un ruolo importante in alcune condanne, i casi in esame presentano esempi grafici di esagerazione della "necessità" di confessare. In ogni caso, le autorità hanno condotto interrogatori della durata massima di cinque giorni nonostante la presenza, attraverso le prassi investigative standard, di prove considerevoli contro ogni imputato. Altri esempi sono riportati nei nostri casi precedenti. Si veda, ad esempio, Haynes contro Washington, 373 U. S. 503, 518-519 (1963); Rogers contro Richmond, 365 U. S. 534, 541 (1961); Malinski contro New York, 324 U. S. 401.402 (1945). [Nota a piè di pagina 52]

[482]

Si chiede inoltre che venga concesso un diritto illimitato alla detenzione per l'interrogatorio, perché spesso si ripercuote a vantaggio della persona interrogata. Quando l'inchiesta della polizia stabilirà che non c'è motivo di credere che la persona abbia commesso un reato, si dice che sarà rilasciata senza bisogno di ulteriori procedure formali. La persona che non ha commesso alcun reato, tuttavia, sarà in grado di scagionarsi meglio dopo gli avvertimenti con un avvocato presente che senza. Si può presumere che, in tali circostanze, un avvocato consiglierebbe al suo cliente di parlare liberamente con la polizia per potersi scagionare.

L'interrogatorio detentivo, invece, non offre necessariamente all'innocente la possibilità di scagionarsi. Una grave conseguenza dell'attuale pratica dell'interrogatorio, che si presume sia vantaggiosa per gli innocenti, è che molti arresti "per indagine" sottopongono a detenzione e interrogatorio un gran numero di persone innocenti. In uno dei casi in esame, il n. 584, California contro Stewart, la polizia ha trattenuto quattro persone, che erano in casa dell'imputato al momento dell'arresto, in carcere per cinque giorni fino alla confessione dell'imputato. A quel tempo, sono state finalmente rilasciate. La polizia ha dichiarato che non c'erano "prove che li collegassero ad alcun crimine". Le statistiche disponibili sulla portata di questa pratica, dove è condonata, indicano che questi quattro sono tutt'altro che i soli ad essere stati sottoposti ad arresto, detenzione prolungata e interrogatorio senza i necessari motivi probatori. [Nota a piè di pagina 53]

[483]

Nel corso degli anni, il Federal Bureau of Investigation ha compilato una documentazione esemplare dell'effettiva applicazione della legge, consigliando a qualsiasi sospetto o persona arrestata, all'inizio di un colloquio, di non essere obbligato a rilasciare una dichiarazione, che qualsiasi dichiarazione può essere usata contro di lui in tribunale, che l'individuo può ottenere i servizi di un avvocato di sua scelta e, più recentemente, che ha diritto a un avvocato gratuito se non è in grado di pagare. Una lettera ricevuta dal Solicitor General in risposta ad una domanda del Bench chiarisce che l'attuale modello di avvertimenti e di rispetto per il

[484]

diritti dell'individuo seguiti come prassi dall'FBI è coerente con la procedura che delineiamo oggi. Essa afferma:

"All'argomentazione orale della causa di cui sopra, il signor giudice Fortas mi ha chiesto se potevo fornire alcune informazioni sulle pratiche seguite dal Federal Bureau of Investigation. Ho indirizzato queste domande all'attenzione del Direttore del Federal Bureau of Investigation, e sottopongo qui di seguito una dichiarazione delle domande e delle risposte che abbiamo ricevuto".

" (1) Quando un individuo viene intervistato da agenti dell'Ufficio di presidenza, quale avvertimento gli viene dato?

" L'avvertimento standard dato da tempo dagli agenti speciali dell'FBI sia ai sospetti che alle persone in arresto è che la persona ha il diritto di non dire nulla e il diritto ad un avvocato, e che qualsiasi dichiarazione che fa può essere usata contro di lui in tribunale. Esempi di questo avvertimento si trovano nel caso Westover al numero 342 F.2d 684 (1965), e Jackson c. U.S., 337 F.2d 136 (1964), cert. den., 380 U.S. 935".

" Dopo l'approvazione della legge sulla giustizia penale del 1964, che prevede l'assistenza legale gratuita per gli imputati federali che non possono pagare, abbiamo aggiunto alle nostre istruzioni agli agenti speciali il requisito che ogni persona che è in arresto per un reato sotto la giurisdizione dell'FBI, o il cui arresto è previsto dopo il colloquio, deve anche essere informato del suo diritto all'assistenza legale gratuita se non è in grado di pagare, e il fatto che tale assistenza legale sarà assegnata dal giudice. Allo stesso tempo, abbiamo ampliato il diritto all'avvertimento dell'avvocato

[485]

di leggere consigli di sua scelta, o di chiunque altro con cui voglia parlare".

" (2) Quando viene dato l'avviso?"

" L'avvertimento dell'FBI viene dato a un sospetto fin dall'inizio dell'interrogatorio, come mostrato nel caso Westover, citato sopra. L'avvertimento può essere dato a una persona arrestata non appena possibile dopo l'arresto, come mostrato nel caso Jackson, anch'esso citato, e nel caso U.S. contro Konigsberg, 336 F.2d 844 (1964), cert. den., 379 U.S. 933, ma, in ogni caso, deve precedere l'interrogatorio con la persona per una confessione o ammissione della propria colpa".

" (3) Qual è la prassi dell'Ufficio di presidenza nel caso in cui (a) il singolo richieda un avvocato e (b) compaia un avvocato?

" Quando la persona che è stata avvertita del suo diritto ad avere un avvocato decide che vuole consultarsi con l'avvocato prima di fare una dichiarazione, il colloquio è terminato a quel punto, Shultz contro U.S., 351 F.2d 287 (1965). Il colloquio può tuttavia continuare per tutte le questioni diverse dalla colpevolezza o dall'innocenza della persona. Se è indeciso nella sua richiesta di un avvocato, ci può essere qualche dubbio sul fatto che abbia o meno rinunciato all'avvocato. Situazioni di questo tipo devono necessariamente essere lasciate al giudizio dell'agente incaricato del colloquio. Ad esempio, nella causa Hiram c. U.S., 354 F.2d 4 (1965), la conclusione dell'agente che la persona arrestata aveva rinunciato al suo diritto ad un avvocato è stata confermata dai tribunali".

" Una persona che viene intervistata e che desidera consultare un legale per telefono deve essere autorizzata a farlo, come indicato in Caldwell v. U.S., 351 F.2d 459 (1965). Quando l'avvocato si presenta di persona, gli è permesso di conferire con il suo cliente in privato. "

[486]

" (4) Qual è la prassi dell'Ufficio di presidenza se il singolo richiede un avvocato, ma non può permettersi di mantenere un avvocato?

" Se una persona che viene interrogata dopo essere stata avvertita dall'avvocato decide di consultare l'avvocato prima di procedere, il colloquio viene ulteriormente interrotto, come indicato sopra. Gli agenti dell'FBI non giudicano la capacità della persona di pagare l'avvocato. Tuttavia, essi consigliano a coloro che sono stati arrestati per un reato sotto la giurisdizione dell'FBI, o il cui arresto è previsto dopo il colloquio, di avere diritto ad un avvocato gratuito se non sono in grado di pagare, e la disponibilità di tale avvocato da parte del giudice. Nota a piè di pagina 55".

La pratica dell'FBI può essere facilmente emulata dalle agenzie statali e locali. L'argomentazione secondo cui l'FBI si occupa di reati diversi da quelli trattati dalle autorità statali non attenua il significato dell'esperienza dell'FBI. [Nota a piè di pagina 56]

L'esperienza di alcuni altri paesi suggerisce anche che il pericolo per le forze dell'ordine nei cordoli degli interrogatori è esagerato. La procedura inglese, dal 1912 secondo il regolamento dei giudici, è significativa. Come recentemente

[487]

Il regolamento prevede che l'imputato sia avvertito con un ammonimento cautelare da un agente di polizia non appena dispone di prove che forniscano ragionevoli motivi di sospetto e che qualsiasi dichiarazione resa dall'imputato sia resa senza essere interrogato dalla polizia. [Nota a piè di pagina 57]

[488]

Durante questo periodo è espressamente riconosciuto il diritto del singolo a consultarsi con un avvocato. Nota a piè di pagina 58

Le salvaguardie presenti ai sensi della legge scozzese possono essere anche maggiori che in Inghilterra. Le decisioni giudiziarie scozzesi vietano l'uso di prove della maggior parte delle confessioni ottenute attraverso gli interrogatori della polizia. In India, le confessioni fatte alla polizia non in presenza di un magistrato sono state escluse.

[489]

dal 1872, in un'epoca in cui operava secondo la legge britannica. Le stesse disposizioni sono contenute nell'ordinanza sulle prove di Ceylon, emanata nel 1895. Analogamente, nel nostro paese, il Codice uniforme di giustizia militare ha da tempo stabilito che nessun sospetto può essere interrogato senza essere stato prima avvertito del suo diritto di non fare una dichiarazione, e che ogni sua dichiarazione può essere usata contro di lui. Anche la negazione del diritto di consultare un avvocato durante l'interrogatorio è stata proibita dai tribunali militari. [Nota 63] Sembra che non vi sia stato alcun effetto dannoso per l'applicazione della legge penale in queste giurisdizioni come risultato di queste regole. Le condizioni di applicazione della legge nel nostro paese sono sufficientemente simili da permettere di fare riferimento a questa esperienza come garanzia che l'illegalità non risulterà dall'aver avvertito un individuo dei suoi diritti o avergli permesso di esercitarli. Inoltre, è coerente con il nostro sistema legale che noi diamo a questi diritti almeno la stessa protezione che viene data nelle giurisdizioni descritte. Nel nostro paese abbiamo a che fare con diritti fondati su un requisito specifico del Quinto Emendamento della Costituzione,

[490]

mentre altre giurisdizioni sono giunte alle loro conclusioni sulla base di principi di giustizia non così specificamente definiti. [Nota 64]

Ci viene anche chiesto di non prendere decisioni in merito fino a quando gli organi legislativi statali e i gruppi consultivi non avranno avuto l'opportunità di affrontare questi problemi attraverso la regolamentazione. Abbiamo già sottolineato che la Costituzione non richiede un codice di procedura specifico per la protezione del privilegio contro l'autoincriminazione durante gli interrogatori detentivi. Il Congresso e gli Stati sono liberi di sviluppare le proprie salvaguardie per il privilegio, purché siano pienamente efficaci come quelle sopra descritte nell'informare le persone accusate del loro diritto al silenzio e nell'offrire una continua opportunità di esercitarlo. In ogni caso, comunque, le questioni presentate sono di dimensione costituzionale e devono essere determinate dai tribunali. L'ammissibilità di una dichiarazione a fronte di una pretesa di essere stata ottenuta in violazione dei diritti costituzionali dell'imputato è una questione la cui soluzione è stata da tempo intrapresa da questo Tribunale. Cfr. Hopt v. Utah, 110 U. S. 574 (1884). Le soluzioni giudiziarie ai problemi di dimensione costituzionale si sono evolute di decennio in decennio. Poiché ai tribunali è stata presentata la necessità di far rispettare i diritti costituzionali, hanno trovato i mezzi per farlo. Questa era la nostra responsabilità quando Escobedo ci ha preceduto, ed è la nostra

[491]

responsabilità oggi. Quando si tratta di diritti garantiti dalla Costituzione, non ci possono essere norme o leggi che li abroghino.

V
A causa della natura del problema e del suo significato ricorrente in numerosi casi, abbiamo discusso a questo punto il rapporto del privilegio del Quinto Emendamento con gli interrogatori della polizia senza una specifica concentrazione sui fatti dei casi in esame. Passiamo ora a questi fatti per considerare l'applicazione a questi casi dei principi costituzionali sopra discussi. In ogni caso, abbiamo concluso che le dichiarazioni sono state ottenute dall'imputato in circostanze non conformi agli standard costituzionali per la tutela del privilegio.

N. 759. Miranda contro Arizona

Il 13 marzo 1963, il firmatario, Ernesto Miranda, fu arrestato a casa sua e portato in custodia in una stazione di polizia di Phoenix. Lì fu identificato dal testimone che si lamentava. La polizia lo portò poi nella "stanza degli interrogatori n. 2" dell'ufficio investigativo. Lì è stato interrogato da due agenti di polizia. Gli agenti hanno ammesso al processo che Miranda non era stata informata del fatto che aveva il diritto di avere un avvocato presente. Due ore più tardi, il

[492]

Gli agenti sono usciti dalla sala interrogatori con una confessione scritta firmata da Miranda. In cima alla dichiarazione c'era un paragrafo dattiloscritto in cui si affermava che la confessione era stata fatta volontariamente, senza minacce o promesse di immunità e "con piena conoscenza dei miei diritti legali, la comprensione di qualsiasi mia dichiarazione può essere usata contro di me". [Nota 67]

Al suo processo davanti a una giuria, la confessione scritta è stata ammessa come prova sull'obiezione dell'avvocato della difesa, e gli agenti hanno testimoniato la precedente confessione orale fatta da Miranda durante l'interrogatorio. Miranda è stata giudicata colpevole di rapimento e stupro. È stato condannato a 20-30 anni di reclusione per ogni capo d'accusa, le pene da eseguire contemporaneamente. In appello, la Corte Suprema dell'Arizona ha ritenuto che i diritti costituzionali di Miranda non siano stati violati nell'ottenere la confessione e ha affermato la condanna. 98 Arizona. 18, 401 P.2d 721. Nel raggiungere la sua decisione, la corte ha sottolineato fortemente il fatto che Miranda non ha richiesto specificamente un avvocato.

Facciamo marcia indietro. Dalla testimonianza degli agenti e dall'ammissione dell'imputato, è chiaro che Miranda non era in alcun modo informata del suo diritto di consultare un avvocato e di averne uno presente durante l'interrogatorio, né del suo diritto di non essere costretta a incriminarsi efficacemente protetta in altro modo. Senza questi avvertimenti, le dichiarazioni non erano ammissibili. Il semplice fatto che egli abbia firmato una dichiarazione che conteneva una clausola dattiloscritta che affermava di avere "piena conoscenza" dei suoi "diritti legali" non si avvicina alla rinuncia consapevole e intelligente richiesta per rinunciare ai diritti costituzionali. Cfr. 373 U. S. Washington, 373 U.S.

[493]

503, 512-513 (1963); Haley contro Ohio, 332 U. S. 596, 601 (1948) (parere di MR JUSTICE DOUGLAS).

N. 760. Vignera contro New York

Il firmatario, Michael Vignera, fu prelevato dalla polizia di New York il 14 ottobre 1960, in relazione alla rapina di tre giorni prima di un negozio di abbigliamento di Brooklyn. Lo portarono al quartier generale della 17a Squadra investigativa a Manhattan. Qualche tempo dopo, fu portato alla 66a Squadra dei Detective. Lì un detective interrogò Vignera riguardo alla rapina. Vignera ammise oralmente la rapina al detective. Al detective fu chiesto, durante il controinterrogatorio del processo, se Vignera fosse stato avvertito del suo diritto ad avere un avvocato prima di essere interrogato. L'accusa ha obiettato alla domanda e il giudice del processo ha sostenuto l'obiezione. Alla difesa è stato quindi impedito di dimostrare che gli avvertimenti non erano stati dati. Durante la 66a Squadra Detective, Vignera è stata identificata dal proprietario del negozio e da una commessa come l'uomo che ha rapinato il negozio di abbigliamento. Verso le 15.00 è stato formalmente arrestato. La polizia lo ha poi trasportato in un'altra stazione, il 70° distretto di Brooklyn, "per la detenzione". Alle 23, Vignera è stato interrogato da un assistente del procuratore distrettuale in presenza di un uditore, che ha trascritto le domande e le risposte di Vignera. Il presente resoconto integrale di questo procedimento non contiene alcuna dichiarazione di eventuali avvertimenti forniti dall'assistente del procuratore distrettuale. Al processo di Vignera per l'accusa di rapina di primo grado, il detective ha testimoniato sulla confessione orale. La trascrizione della dichiarazione presa è stata introdotta anche come prova. A conclusione della testimonianza, il giudice del processo ha accusato la giuria in parte come segue:

"La legge non dice che la confessione è nulla o invalidata perché l'agente di polizia non ha informato l'imputato dei suoi diritti. Ha sentito cosa

[494]

Ho detto? Vi sto dicendo qual è la legge dello Stato di New York".

Vignera è stata giudicata colpevole di rapina di primo grado. Successivamente è stato giudicato colpevole di un reato di terzo grado e condannato a 30-60 anni di reclusione. La condanna è stata confermata senza parere dalla Divisione d'Appello, Secondo Dipartimento, 21 App.Div.2d 752, 252 N.Y.S.2d 19, e dalla Corte d'Appello, anch'essa senza parere, 15 N.Y.2d 970, 207 N.E.2d 527, 259 N.Y.S.2d 857, remittitur modificato, 16 N.Y.2d 614, 209 N.E.2d 110, 261 N.Y. .2d 65. Nell'argomentazione presentata alla Corte d'Appello, lo Stato ha sostenuto che Vignera non aveva alcun diritto costituzionale di essere avvisato del suo diritto ad avere un avvocato o del suo privilegio contro l'autoincriminazione.

Facciamo marcia indietro. Quanto sopra indica che Vignera non è stato avvertito di alcuno dei suoi diritti prima dell'interrogatorio da parte del detective e dell'assistente del procuratore distrettuale. Non sono state prese altre misure per proteggere questi diritti. Pertanto, non è stato effettivamente informato del suo privilegio del Quinto Emendamento o del suo diritto ad avere un avvocato presente, e le sue dichiarazioni sono inammissibili.

N. 761. Westover contro gli Stati Uniti

Alle 21:45 circa del 20 marzo 1963, il 20 marzo 1963, il firmatario, Carl Calvin Westover, fu arrestato dalla polizia locale di Kansas City come sospettato in due rapine a Kansas City. L'FBI ha anche ricevuto la segnalazione che era ricercato con l'accusa di un reato in California. Le autorità locali lo hanno portato in una stazione di polizia e lo hanno messo in fila per le accuse locali e, alle 23.45 circa, è stato arrestato. La polizia di Kansas City ha interrogato Westover

[495]

la notte del suo arresto. Ha negato di essere a conoscenza di attività criminali. Il giorno dopo, gli agenti locali lo hanno interrogato di nuovo per tutta la mattina. Poco prima di mezzogiorno, hanno informato l'FBI che avevano finito di interrogare Westover e che l'FBI poteva procedere all'interrogatorio. Non c'è nulla nel verbale che indichi che Westover abbia mai ricevuto un avvertimento sui suoi diritti da parte della polizia locale. A mezzogiorno, tre agenti speciali dell'FBI hanno continuato l'interrogatorio in una sala interrogatori privata del Dipartimento di Polizia di Kansas City, questa volta in relazione alla rapina a una cassa di risparmio e banca di Sacramento, in California. Dopo due ore o due ore e mezza, Westover ha firmato confessioni separate su ognuna di queste due rapine, preparate da uno degli agenti durante l'interrogatorio. Al processo, uno degli agenti ha testimoniato, e un paragrafo su ciascuna delle dichiarazioni afferma che gli agenti hanno consigliato a Westover che non doveva fare una dichiarazione, che ogni sua dichiarazione poteva essere usata contro di lui, e che aveva il diritto di vedere un avvocato.

Westover è stato giudicato da una giuria in una corte federale e condannato per le rapine in California. Le sue dichiarazioni sono state presentate al processo. Fu condannato a 15 anni di reclusione per ogni capo d'accusa, le condanne si susseguirono. In appello, la condanna è stata confermata dalla Corte d'Appello del Nono Circuito. 342 F.2d 684.

Facciamo retromarcia. In merito ai fatti di questo caso, non possiamo trovare che Westover abbia consapevolmente e intelligentemente rinunciato al suo diritto di rimanere in silenzio e al suo diritto di consultarsi con l'avvocato prima del momento in cui ha fatto la dichiarazione. [Nota a piè di pagina 69] Al

[496]

Quando gli agenti dell'FBI iniziarono a interrogare Westover, era stato in custodia per oltre 14 ore ed era stato interrogato a lungo durante quel periodo. L'interrogatorio dell'FBI è iniziato immediatamente dopo la conclusione dell'interrogatorio da parte della polizia di Kansas City, ed è stato condotto nelle sedi della polizia locale. Sebbene le due autorità di polizia siano giuridicamente distinte e i reati per i quali hanno interrogato Westover siano stati diversi, l'impatto su di lui è stato quello di un continuo periodo di interrogatorio. Non ci sono prove di un avvertimento dato prima dell'interrogatorio dell'FBI, né di una rinuncia articolata ai diritti dopo che l'FBI ha iniziato l'interrogatorio. Il verbale mostra semplicemente che l'imputato ha confessato poco tempo dopo essere stato consegnato all'FBI dopo l'interrogatorio da parte della polizia locale. Nonostante il fatto che gli agenti dell'FBI abbiano dato degli avvertimenti all'inizio dell'interrogatorio, dal punto di vista di Westover, gli avvertimenti sono arrivati alla fine del processo di interrogatorio. In queste circostanze, non si può presupporre una rinuncia intelligente ai diritti costituzionali.

Non suggeriamo che alle autorità preposte all'applicazione della legge sia precluso il diritto di interrogare qualsiasi individuo che sia stato trattenuto per un periodo di tempo da altre autorità e interrogato da queste ultime senza un adeguato avvertimento. Un caso diverso sarebbe presentato se l'imputato venisse preso in custodia dalla seconda autorità, allontanato sia nel tempo che nel luogo in cui si trovava, e poi adeguatamente informato dei suoi diritti e gli venisse data la possibilità di esercitarli. Ma in questo caso, l'interrogatorio dell'FBI è stato condotto immediatamente dopo l'interrogatorio di Stato nella stessa stazione di polizia - nello stesso avvincente ambiente. Così, nell'ottenere una confessione da Westover

[497]

le autorità federali sono state le beneficiarie delle pressioni esercitate dagli interrogatori locali in custodia. In queste circostanze, il solo fatto di dare avvertimenti non era sufficiente a proteggere il privilegio.

N. 584. California contro Stewart

Nel corso delle indagini su una serie di rapine a mano armata in cui una delle vittime era morta per le ferite inflitte dal suo assalitore, l'intervistato, Roy Allen Stewart, è stato indicato alla polizia di Los Angeles come l'avallatore degli assegni per i dividendi prelevati in una delle rapine. Verso le 19:15 del 31 gennaio 1963, circa, gli agenti di polizia si recarono a casa di Stewart e lo arrestarono. Uno degli agenti chiese a Stewart se potevano perquisire la casa, a cui lui rispose: "Fate pure". La perquisizione portò alla luce vari oggetti presi dalle cinque vittime della rapina. Al momento dell'arresto di Stewart, la polizia ha arrestato anche la moglie di Stewart e altre tre persone che gli facevano visita. Questi quattro sono stati incarcerati insieme a Stewart e sono stati interrogati. Stewart è stato portato alla stazione universitaria del dipartimento di polizia di Los Angeles, dove è stato messo in cella. Nei cinque giorni successivi, la polizia ha interrogato Stewart in nove diverse occasioni. Tranne che durante la prima sessione di interrogatorio, quando è stato confrontato con un testimone accusatore, Stewart è stato isolato con i suoi interrogatori.

Durante la nona sessione di interrogatorio, Stewart ha ammesso di aver derubato la defunta e ha dichiarato che non intendeva farle del male. La polizia ha poi portato Stewart davanti a un magistrato per la prima volta. Poiché non c'erano prove che li collegassero ad alcun crimine, la polizia ha poi rilasciato le altre quattro persone arrestate insieme a lui.

Nulla nel verbale indica specificamente se Stewart sia stato o meno informato del suo diritto di rimanere in silenzio o del suo diritto ad avere un avvocato. In diversi casi,

[498]

Tuttavia, agli ufficiali dell'interrogatorio è stato chiesto di raccontare tutto ciò che è stato detto durante gli interrogatori. Nessuno indicava che Stewart fosse mai stato informato dei suoi diritti.

Stewart è stato accusato di rapimento per rapina, stupro e omicidio. Al suo processo, le trascrizioni del primo interrogatorio e la confessione dell'ultimo interrogatorio sono state presentate come prove. La giuria ha ritenuto Stewart colpevole di rapina e omicidio di primo grado e ha stabilito la pena di morte. In appello, la Corte Suprema della California ha fatto marcia indietro. 62 Cal. 2d 571, 400 P.2d 97, 43 Cal. Rptr. 201. Essa ha ritenuto che, secondo la decisione di questa Corte a Escobedo, Stewart avrebbe dovuto essere informato del suo diritto di rimanere in silenzio e del suo diritto ad avere un avvocato, e che non avrebbe presunto, a fronte di un verbale muto, che la polizia avesse informato Stewart dei suoi diritti. [Nota 70]

Noi affermiamo. Nell'affrontare l'interrogatorio detentivo, non presumiamo che un imputato sia stato effettivamente informato dei suoi diritti e che il suo privilegio contro l'autoincriminazione sia stato adeguatamente salvaguardato su una documentazione che non dimostra che siano stati dati avvertimenti o che sia stata utilizzata un'alternativa efficace. Né può una rinuncia consapevole e intelligente a

[499]

questi diritti vengono assunti in silenzio. Inoltre, la ferma negazione da parte di Stewart dei presunti reati attraverso otto dei nove interrogatori su un periodo di cinque giorni non è soggetta a nessun'altra costruzione se non quella di essere stato costretto da un interrogatorio persistente a rinunciare al privilegio del Quinto Emendamento.

Pertanto, in conformità a quanto sopra, le sentenze della Corte Suprema dell'Arizona nel n. 759, della Corte d'Appello di New York nel n. 760 e della Corte d'Appello del Nono Circuito nel n. 761, sono invertite. Si afferma la sentenza della Corte Suprema della California al n. 584.

E' così ordinata.

* Insieme al n. 760, Vignera c. New York, sui certiorari alla Corte d'Appello di New York e al n. 761, Westover c. Stati Uniti, sui certiorari alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito, entrambi sostenuti dal 28 febbraio al 1 marzo 1966, e al n. 584, California c. Stewart, sui certiorari alla Corte Suprema della California, sostenuti dal 28 febbraio al 2 marzo 1966.

MR. JUSTICE CLARK, dissenziente nei nn. 759, 760 e 761, e concorde nel risultato nel n. 584.

È con rammarico che trovo necessario scrivere in questi casi. Tuttavia, non posso unirmi alla maggioranza perché la sua opinione si spinge troppo oltre e troppo poco, mentre i miei fratelli dissenzienti non si spingono abbastanza lontano. Né posso unirmi alle critiche della Corte sulle attuali pratiche della polizia e delle agenzie investigative per quanto riguarda gli interrogatori detentivi. I materiali a cui si riferisce come "manuali di polizia" [nota 1] sono, come li ho letti, solo scritti in questo campo di professori e di alcuni agenti di polizia. Non è dimostrato che uno di essi sia il manuale ufficiale di un qualsiasi dipartimento di polizia, e tanto meno che sia di uso universale per l'investigazione dei crimini. Inoltre, gli esempi di brutalità della polizia citati dalla Corte [nota 2] sono rare eccezioni alle migliaia di casi

[500]

che appaiono ogni anno nei rapporti della legge. Le agenzie di polizia - dalle forze municipali e statali agli uffici federali - sono responsabili dell'applicazione della legge e della sicurezza pubblica in questo paese. Sono orgoglioso dei loro sforzi, che, a mio parere, non sono abbastanza caratterizzati dall'opinione della Corte.

I
L'ipse dixit della maggioranza non ha alcun sostegno nei nostri casi. Infatti, la Corte ammette che "potremmo non ritenere che le dichiarazioni degli imputati [qui] siano state involontarie in termini tradizionali". Ante, p. 457. In breve, la Corte ha aggiunto ulteriori requisiti che l'imputato ha il diritto di consultare il suo avvocato e che gli deve essere dato il tradizionale avvertimento che può rimanere in silenzio e che qualsiasi cosa dica può essere usata contro di lui. Escobedo contro Illinois, 378 U. S. 478, 490-491 (1964). Ora la Corte si conforma a una norma costituzionale secondo cui la polizia non può effettuare interrogatori detentivi senza avvisare l'imputato del suo diritto, ai sensi del Quinto Emendamento, alla presenza di un avvocato durante l'interrogatorio e che, in caso di mancanza di fondi, gli sarà fornito un avvocato. Quando, in qualsiasi momento dell'interrogatorio, l'imputato cerca, implicitamente o affermativamente, di invocare il suo diritto al silenzio o all'assistenza legale, l'interrogatorio deve essere rinunciato o rinviato. La Corte ritiene inoltre che il mancato rispetto delle nuove procedure richieda inesorabilmente l'esclusione di qualsiasi dichiarazione dell'imputato, nonché dei frutti che ne derivano. Una tale rigida specifica costituzionale inserita nel centro nevralgico dell'individuazione dei reati può benissimo uccidere il paziente. [Nota a piè di pagina 3]

[501]

Poiché in questo momento c'è una scarsità di informazioni e una quasi totale mancanza di conoscenze empiriche sul funzionamento pratico di requisiti veramente paragonabili a quelli annunciati dalla maggioranza, sarei più trattenuto, per non andare troppo lontano e troppo veloce.

II
Gli interrogatori detentivi sono stati a lungo riconosciuti come "indubbiamente uno strumento essenziale per un'efficace applicazione della legge". Haynes contro Washington, 373 U. S. 503, 515 (1963). Il riconoscimento di questo fatto dovrebbe metterci in guardia contro la promulgazione di regole dottrinarie. In particolare, questo è vero quando la Corte ritiene che "la Costituzione ha prescritto" il suo mantenimento, e quando la luce dei nostri casi passati, da Hopt c. Utah, 110 U. S. 574 (1884), fino a Haynes c. Washington, supra, è quella di

[502]

il contrario. Infatti, anche a Escobedo, la Corte non ha mai accennato al fatto che una "rinuncia" affermativa fosse un prerequisito per l'interrogatorio; che l'onere della prova per la rinuncia fosse a carico dell'accusa; che fosse richiesta la presenza di un avvocato - in assenza di una rinuncia - durante l'interrogatorio; che una rinuncia potesse essere ritirata a discrezione dell'imputato; che l'avvocato dovesse essere fornito durante la fase accusatoria a chi non fosse in grado di pagare; né che le ammissioni e le dichiarazioni scagionanti fossero "confessioni". Esigere tutte queste cose in un sol boccone dovrebbe indurre la Corte a soffocare più cause di Crooker contro la California, 357 U. S. 433 (1958), e Cicenia contro Lagay, 357 U. S. 504 (1958), che oggi prevale espressamente.

La regola precedente ad oggi - come ha affermato il giudice Goldberg, autore del parere della Corte in Escobedo, nella causa Haynes c. Washington - dipendeva da "una serie di circostanze che dimostravano l'esistenza di un'involontaria . . . ammissione di colpa". 373 Stati Uniti a 373 Stati Uniti 514. E concluse:

"Naturalmente, l'individuazione e la soluzione del crimine è, nella migliore delle ipotesi, un compito difficile e arduo che richiede determinazione e perseveranza da parte di tutti gli ufficiali responsabili incaricati di applicare la legge. E certamente non intendiamo suggerire che tutti gli interrogatori di testimoni e sospetti siano inammissibili". Tale interrogatorio è senza dubbio uno strumento essenziale per un'efficace applicazione della legge. La linea di demarcazione tra un comportamento corretto e lecito delle forze dell'ordine e tecniche e metodi offensivi per il giusto processo è, nella migliore delle ipotesi, difficile da tracciare, soprattutto in casi come questo, in cui è necessario emettere giudizi accurati sull'effetto delle pressioni psicologicamente coercitive e degli incentivi sulla mente e sulla volontà dell'imputato. . . . Siamo qui spinti a concludere, da tutti i fatti presentati, che i limiti del giusto processo sono stati superati".

Id. a 373 U.S.A. 514-515.

[503]

III
Io continuerei a seguire questa regola. In base alla regola della "totalità delle circostanze" di cui parlava mio fratello Goldberg a Haynes, considererei in ogni caso se l'agente di polizia, prima dell'interrogatorio di custodia, avesse aggiunto l'avvertimento che l'indagato avrebbe potuto avere un avvocato presente all'interrogatorio e, inoltre, che un tribunale ne avrebbe nominato uno su sua richiesta se fosse stato troppo povero per assumere un avvocato. In assenza di avvertimenti, l'onere sarebbe stato a carico dello Stato dimostrare che l'avvocato era stato consapevolmente e intelligentemente dispensato o che, nell'insieme delle circostanze, compresa la mancanza dei necessari avvertimenti, la confessione era chiaramente volontaria.

Anziché ricorrere alla regola arbitraria del Quinto emendamento [nota 4] che la Corte stabilisce, seguirei i dettami più flessibili delle clausole del Quinto e del Quattordicesimo emendamento, che siamo abituati a gestire e che sappiamo essere strumenti efficaci per proteggere le persone in custodia della polizia. In questo modo, non agiremmo al buio, né cambieremmo, in un unico colpo solo, le tradizionali regole dell'interrogatorio detentivo che questa Corte ha da tempo riconosciuto come uno strumento giustificabile e corretto per bilanciare i diritti individuali con i diritti della società. Sarà presto sufficiente andare oltre quando saremo in grado di valutare con un po' più di precisione l'effetto di una tale detenzione.

Affermo le sentenze Miranda contro Arizona, n. 759; Vignera contro New York, n. 760, e Westover contro gli Stati Uniti, n. 761. In ognuno di questi casi, non trovo dalle circostanze alcun mandato per l'annullamento. In

[504]

California c. Stewart, n. 584, respingerei l'atto di citazione di certiorari per mancanza di una sentenza definitiva, 28 U.S.C. § 1257(3) (1964 ed.); ma, se i meriti devono essere raggiunti, affermerei sulla base del fatto che lo Stato non ha adempiuto al suo onere, in assenza di una dimostrazione che siano stati dati gli opportuni avvertimenti, di dimostrare una rinuncia o una totalità di circostanze che dimostrano la volontarietà. Se ci fosse un nuovo processo, lascerei lo Stato libero di tentare di provare questi elementi.

MR. JUSTICE HARLAN, che MR. JUSTICE STEWART e MR. JUSTICE WHITE si uniscono, dissenzienti.

Credo che la decisione della Corte rappresenti una legge costituzionale carente e comporti conseguenze dannose per il Paese in generale. Quanto gravi possano essere queste conseguenze, solo il tempo può dirlo. Ma i difetti di base della giustificazione della Corte mi sembrano evidenti ora, una volta che tutti gli aspetti del problema sono stati presi in considerazione.

I
. INTRODUZIONE
All'inizio, è bene notare esattamente ciò che è richiesto dal nuovo codice costituzionale della Corte per le confessioni. Il requisito principale, da cui dipende la successiva ammissibilità di una confessione, è che venga dato un quadruplice avvertimento a una persona detenuta prima che venga interrogata, cioè che abbia il diritto di rimanere in silenzio, che qualsiasi cosa dica possa essere usata contro di lui, che abbia il diritto di avere un avvocato durante l'interrogatorio, e che, se indigente, abbia diritto a un avvocato senza accuse. Per rinunciare a questi diritti, sembra che sia necessaria una dichiarazione di rifiuto, e sono proibite minacce, trucchi o scherzi per ottenere questa rinuncia. Se, prima o durante l'interrogatorio, l'indagato cerca di invocare il suo diritto a rimanere in silenzio, l'interrogatorio deve essere rinunciato o cessato; una richiesta di un avvocato

[505]

porta allo stesso risultato fino a quando non viene procurato un avvocato. Infine, ci sono una serie di direttive minori, per esempio, l'onere della prova della rinuncia è a carico dello Stato, le ammissioni e le dichiarazioni scagionanti sono trattate proprio come le confessioni, la revoca di una rinuncia è sempre consentita, e così via. [Nota a piè di pagina 1]

Mentre i punti salienti di questo schema sono molto meno chiari di quanto la Corte ammetta, il tenore è abbastanza evidente. Le nuove regole non sono state concepite per proteggersi dalla brutalità della polizia o da altre forme di coercizione inequivocabilmente vietate. Coloro che usano tattiche di terzo grado e le negano in tribunale sono ugualmente capaci e destinati a mentire come abili ammonitori e rinunce. La spinta delle nuove regole è piuttosto quella di negare ogni pressione, di rafforzare il sospetto nervoso o ignorante e, in ultima analisi, di scoraggiare qualsiasi confessione. Lo scopo, in breve, è quello di "volontarietà" in senso utopico, o, per vederla da un'altra angolazione, volontarietà con una vendetta.

L'incorporazione di questo concetto nella Costituzione richiede una lettura tesa della storia e dei precedenti e un disinteresse per le preoccupazioni molto pragmatiche che da sole possono, a volte, giustificare tali tensioni. Credo che un esame ragionato dimostrerà che le clausole del giusto processo forniscono uno strumento adeguato per affrontare le confessioni e che, anche se si invoca il privilegio del quinto emendamento contro l'autoincriminazione, i suoi precedenti, considerati nel loro insieme, non sostengono le regole attuali. Considerate come una scelta di pura politica, queste nuove regole si rivelano una valutazione altamente discutibile, se non unilaterale, degli interessi in competizione, imposta rispetto a un'obiezione diffusa, proprio nel momento in cui le circostanze richiedono più di ogni altra restrizione giudiziaria.

[506]

II
. PREMESSE COSTITUZIONALI
È più opportuno avviare un'indagine sui precedenti costituzionali, rilevando i limiti delle confessioni che la Corte si è evoluta in base alla clausola di giusto processo del Quattordicesimo emendamento. Ciò è dovuto al fatto che questi casi dimostrano l'esistenza di un mezzo praticabile ed efficace per trattare le confessioni in modo giudiziario; perché i casi sono la linea di base da cui la Corte si discosta e servono quindi a misurare la distanza effettiva, rispetto a quella professata, che essa percorre, e perché l'esame di questi casi aiuta a rivelare come la Corte ha proseguito nella sua posizione attuale.

I primi casi di confessione in questa Corte sono emersi da procedimenti federali, e sono stati risolti su una base non costituzionale: la Corte ha adottato la regola della common law secondo cui l'assenza di incentivi, promesse e minacce rendeva una confessione volontaria e ammissibile. Hopt c. Utah, 110 U. S. 574; Pierce c. Stati Uniti, 160 U. S. 355. Mentre un caso successivo affermava che il privilegio del Quinto Emendamento controllava l'ammissibilità, questa proposta non è stata di per sé sviluppata in decisioni successive. [Nota 2] La Corte, tuttavia, ha elevato il test di ammissibilità nei processi federali a uno di carattere volontario "di fatto", Wan c. Wan.

[507]

Stati Uniti, 266 U. S. 1, 14 (citato, ante p. 462), e poi, in generale, ha lasciato che i giudici federali applicassero gli stessi standard che la Corte ha iniziato ad applicare in una serie di casi di tribunali statali.

Questa nuova linea di decisioni, che verifica l'ammissibilità in base alla clausola del giusto processo, è iniziata nel 1936 con Brown contro Mississippi, 297 U. S. 278, e deve ora abbracciare un po' più di 30 pareri completi della Corte. [Nota 3] Mentre la rubrica della volontarietà è stata ripetuta in molti casi, ad esempio, Lione contro l'Oklahoma, 322 U. S. 596, la Corte non l'ha mai attribuita ad un unico significato, ma, al contrario, l'ha infusa con una serie di valori diversi. Per ripercorrere rapidamente i temi principali, c'è stata un'iniziale enfasi sull'affidabilità, ad esempio, Ward contro il Texas, 316 U. S. 547, integrata dalla preoccupazione per la legalità e l'equità delle pratiche di polizia, ad esempio, Ashcraft contro il Tennessee, 322 U. S. 143, in un sistema "accusatorio" di applicazione della legge, Watts contro l'Indiana, 338 U. S. 49, 54, e infine da una stretta attenzione allo stato d'animo dell'individuo e alla sua capacità di scelta efficace, ad esempio, Gallegos contro il Colorado, 370 U. S. 49. Il risultato è stata una continua rivalutazione dei fatti di ogni caso di quanta pressione sul sospetto fosse ammissibile. [Nota 4]

[508]

Tra i criteri spesso presi in considerazione c'erano minacce o pericoli imminenti, ad esempio, Payne contro Arkansas, 356 U. S. 560, privazioni fisiche come la mancanza di sonno o di cibo, ad esempio, Reck contro Pate, 367 U. S. 433, interrogatorio ripetuto o prolungato, ad esempio, Chambers contro Florida, 309 U. S. 227, limiti all'accesso ad un avvocato o ad amici, Crooker contro California, 357 U. S. 433; Cicenia contro Lagay, 357 U. S. 504, durata e illegalità della detenzione secondo la legge statale, per esempio, Haynes contro Washington, 373 U. S. 503, e debolezza o incapacità individuale, Lynumn contro Illinois, 372 U. S. 528. A parte la coercizione fisica diretta, tuttavia, nessuna singola inadempienza o combinazione fissa di inadempienze garantiva l'esclusione, e le sinossi dei casi servirebbero a poco, perché il calibro complessivo è stato costantemente modificato, di solito nella direzione di limitare l'ammissibilità. Ma per segnare il punto raggiunto prima che la Corte saltasse i binari in Escobedo contro l'Illinois, 378 U. S. 478, vale la pena di capsugliare la causa di Haynes contro Washington, 373 U. S. 503. Lì, Haynes era stato trattenuto per circa 16 o più ore in violazione della legge statale prima di firmare la confessione contestata, non aveva ricevuto alcun tipo di avvertimento e, nonostante le richieste, gli era stato rifiutato l'accesso alla moglie o all'avvocato, la polizia indicava che l'accesso sarebbe stato consentito dopo una confessione. Sottolineando in particolare quest'ultimo incitamento e respingendo alcune accuse contrarie di volontarietà, la Corte, con una decisione 5 a 4, ha dichiarato la confessione inammissibile.

Ci sono diverse lezioni rilevanti da trarre da questa storia costituzionale. La prima è che, con oltre 25 anni di precedenti, la Corte ha sviluppato un approccio elaborato, sofisticato e sensibile all'ammissibilità delle confessioni. È "giudiziaria" nel suo trattamento di un caso alla volta, vedi Culombe contro Connecticut, 367 U. S. 568, 635 (parere concorde di THE CHIEF JUSTICE), flessibile nella sua capacità di rispondere alle infinite mutazioni di fatto presentate, e sempre più familiare alle corti di grado inferiore.

[509]

Naturalmente, in questo processo di sviluppo non si ottiene una certezza rigorosa, ma spesso lo è con i principi costituzionali, e il disaccordo è di solito limitato a quella terra di confine dei casi stretti dove conta meno.

Il secondo punto è che, in pratica e, di volta in volta, in linea di principio, la Corte ha dato ampio riconoscimento all'interesse della società per l'interrogatorio di sospetti come strumento di applicazione della legge. I casi che contano pressioni abbastanza significative possono essere citati senza difficoltà, [nota 5] e i tribunali di grado inferiore possono spesso essere stati ancora più tolleranti. Naturalmente, le limitazioni imposte oggi sono state respinte con la necessaria implicazione, caso dopo caso, il diritto agli avvertimenti è stato esplicitamente respinto in questa Corte molti anni fa. Poteri contro gli Stati Uniti, 223 U. S. 303; Wilson contro gli Stati Uniti, 162 U. S. 613. Recentemente, come Haynes contro Washington, 373 U. S. 503, 515, la Corte ha riconosciuto apertamente che l'interrogatorio di testimoni e sospetti "è senza dubbio uno strumento essenziale per un'efficace applicazione della legge". Accord, Crooker contro California, 357 U. S. 433, 441.

Infine, i casi rivelano che il linguaggio in molte delle opinioni sovrasta il corso effettivo della decisione. È stato detto, per esempio, che una confessione ammissibile deve essere fatta dall'indagato "nell'esercizio libero della propria volontà", Malloy contro Hogan, 378 U. S. 1, 8, e che "un prigioniero non deve diventare lo strumento illusorio della propria condanna", Culombe contro Connecticut, 367 U. S. 568, 581 (Frankfurter, J., che annuncia la sentenza della Corte e un parere). Anche se spesso ripetuti, tali principi sono raramente osservati in modo completo. Anche la parola "volontario" può essere considerata un po

[510]

cosa è fuorviante, soprattutto se si considerano molte delle confessioni che sono state portate sotto il suo ombrello. Si veda, ad esempio, supra, n. 5. La tendenza ad esagerare può essere in parte dovuta ai fatti palesi spesso esposti alla Corte; ma, in ogni caso, si deve riconoscere come essa abbia mitigato gli atteggiamenti e dato un certo colore di autorità all'approccio ora adottato dalla Corte.

Passo ora all'asserzione della Corte che si basa sul Quinto Emendamento, un approccio che francamente considero un tromp l'oeil. Il parere della Corte, a mio parere, non rivela alcuna base adeguata per estendere alla stazione di polizia il privilegio del Quinto Emendamento contro l'autoincriminazione. Ancora più importante, non dimostra che le nuove regole della Corte siano ben supportate, e tanto meno costrette, dai precedenti del Quinto Emendamento. Le nuove norme, invece, derivano in realtà da citazioni e analogie tratte dai precedenti del Sesto emendamento, che non dovrebbero avere alcuna attinenza con gli interrogatori della polizia.

La tesi di apertura della Corte, secondo cui il Quinto Emendamento disciplina le confessioni dei commissariati di polizia, non è forse un'estensione inammissibile della legge, ma ha poco da lodare nelle attuali circostanze. Storicamente, il privilegio contro l'autoincriminazione non ha avuto alcun peso sull'uso delle confessioni extragiudiziali, per le quali si sono evoluti standard distinti, anzi,

"La storia dei due principi è molto diversa, diversa per cento anni di origine, e derivata da linee separate di precedenti. . . ."

8 Wigmore, Prove § 2266, al 401 (McNaughton rev.1961). La pratica sotto le due dottrine si è differenziata anche per una serie di importanti aspetti. [Nota a piè di pagina 6]

[511]

Anche chi volesse ampliare il privilegio deve ammettere alcune difficoltà linguistiche, poiché il Quinto Emendamento, in termini, proibisce solo di costringere qualsiasi persona "in qualsiasi caso penale a testimoniare contro se stesso". Cfr. Kamisar, Equal Justice in the Gatehouses and Mansions of American Criminal Procedure, in Criminal Justice in Our Time 1, 25-26 (1965).

Anche se importanti, non dico che questi punti e altri simili siano conclusivi, perché, come la Corte ribadisce, il privilegio incarna principi di base sempre in grado di espandersi. Certamente il privilegio rappresenta una preoccupazione protettiva per l'imputato e un'enfasi sui valori accusatori, piuttosto che inquisitoriali, nelle forze dell'ordine, anche se questo è vero anche per altre limitazioni come il requisito del Gran Giurì e lo standard del ragionevole dubbio. I valori accusatori, tuttavia, sono stati apertamente assorbiti nello standard del giusto processo che regola le confessioni; questo, infatti, è il motivo per cui, al momento, "la parentela delle due regole [che regolano le confessioni e l'autoincriminazione] è troppo evidente per essere negata". McCormick, Prova 155 (1954). Poiché l'estensione del principio generale si è già verificata, insistere sul fatto che il privilegio si applica in quanto tale serve solo a riportare dettagli storici inapposti e retorica coinvolgente e ad oscurare le scelte politiche da fare nella regolamentazione delle confessioni.

Avendo deciso che il privilegio del Quinto Emendamento si applica nella stazione di polizia, la Corte rivela che il privilegio impone restrizioni più severe rispetto al test di volontarietà del Quattordicesimo Emendamento. [Nota a piè di pagina 8]

[512]

Emerge poi da una discussione di Escobedo che il Quinto Emendamento richiede, per una confessione ammissibile, che sia data da uno distintamente consapevole del suo diritto a non parlare e al riparo dall'"atmosfera irresistibile" dell'interrogatorio. Si veda ante pagg. 465-466. Da queste premesse fondamentali, la Corte sviluppa infine le garanzie dell'avvertimento, dell'avvocato e così via. Non credo che queste premesse siano sostenute da precedenti ai sensi del Quinto Emendamento. [Nota a piè di pagina 9]

La premessa più importante è che la pressione sul sospetto deve essere eliminata, anche se è solo la sottile influenza dell'atmosfera e dell'ambiente circostante. Il Quinto Emendamento, tuttavia, non si è mai pensato di vietare ogni pressione per incriminare se stessi nelle situazioni da esso contemplate. Al contrario, si è ritenuto che la mancata incriminazione di se stessi può portare al rifiuto di rimuovere il proprio caso dallo stato alla corte federale, Maryland contro Soper, 270 U. S. 9; al rifiuto di una commissione militare, Orloff contro Willoughby, 345 U. S. 83; al rifiuto di un discarico in fallimento, Kaufman contro Hurwitz, 176 F.2d 210, e a numerose altre conseguenze negative. Cfr. 8 Wigmore, Evidence § 2272, at 441-444, n. 18 (McNaughton rev.1961); Maguire, Evidence of Guilt § 2.062 (1959). Ciò non significa che, a parte la prigione o la tortura, qualsiasi sanzione sia ammissibile in ogni caso; sia la politica che la storia possono imporre limiti netti. Vedi, ad esempio

[513]

Griffin contro la California, 380 U. S. 609. Tuttavia, l'ipotesi non dichiarata della Corte che qualsiasi pressione violi il privilegio non è supportata dai precedenti, e non ha dimostrato perché il Quinto Emendamento proibisce quella pressione relativamente lieve che la Clausola del giusto processo permette.

La Corte sembra altrettanto errata nel pensare che la conoscenza precisa dei propri diritti sia un prerequisito stabilito dal Quinto Emendamento per la perdita delle sue tutele. Un certo numero di cause di tribunali federali inferiori hanno sostenuto che i testimoni del Gran Giurì non devono sempre essere avvertiti del loro privilegio, ad esempio, Stati Uniti contro Scully, 225 F.2d 113, 116, e Wigmore afferma che questa è la regola migliore per i testimoni del processo. Cfr. 8 Wigmore, Prove § 2269 (McNaughton rev.1961). Cfr. Henry contro Mississippi, 379 U. S. 443, 451-452 (rinuncia ai diritti costituzionali da parte dell'avvocato, nonostante l'ignoranza dell'imputato sia ritenuta ammissibile). Nessun precedente del Quinto Emendamento è citato per l'opinione contraria della Corte. Naturalmente, oltre al precedente del Quinto Emendamento, potrebbero esserci altri motivi, oltre al Quinto Emendamento, per richiedere un avvertimento o qualsiasi altra salvaguardia per l'interrogatorio, ma si tratta di una questione completamente diversa. Cfr. infra pagg. 516-517.

Una parola conclusiva deve essere detta sull'assistenza dell'Avvocato Clausola del Sesto Emendamento, che non è mai stata espressamente invocata dalla Corte, ma i cui precedenti giudiziari si rivelano essere i capisaldi delle norme sulla confessione annunciate oggi. A sostegno della sua richiesta di una rinuncia consapevole e intelligente, la Corte cita Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458, ante p. 475; la nomina dell'avvocato dell'indagato indigente è legata a Gideon contro Wainwright, 372 U. S. 335, e Douglas contro California, 372 U. S. 353, ante p. 473; la dottrina del silenzio-registro è presa in prestito da Carnley contro Cochran, 369 U. S. 506, ante p. 475, così come il diritto a un'offerta espressa di un avvocato, ante p. 471. Tutti questi casi che conferiscono al Sesto Emendamento un'interpretazione del sesto emendamento riguardano l'avvocato al processo o in appello. Mentre la Corte non trova alcuna differenza pertinente tra il procedimento giudiziario e l'interrogatorio della polizia, ritengo che

[514]

le differenze sono così ampie da squalificare completamente i precedenti del Sesto Emendamento come analogie adeguate nei casi in esame. Nota a piè di pagina 10

L'unico tentativo in questa Corte di portare il diritto all'assistenza legale nella stazione di Escobedo è avvenuto a Escobedo, ripetendo più volte che quella fase non era meno "critica" del processo stesso. Cfr. 378 U.S.A. 485-488. Ciò è difficilmente persuasivo se si considera che un'inchiesta del Gran Giurì, la presentazione di una petizione di certificazione e certamente l'acquisto di stupefacenti da parte di un agente sotto copertura da parte di un potenziale imputato possono essere tutti ugualmente "critici", eppure la fornitura di un avvocato e di un consiglio su questo punto non sono mai stati ritenuti obbligati dalla Costituzione in questi casi. La ragione valida per cui questo diritto è così liberamente esteso per un processo penale è la grave ingiustizia che si rischia mettendo a confronto un imputato non addestrato con una serie di punti tecnici di diritto, prove e tattiche familiari al pubblico ministero, ma non a se stesso. Questo pericolo si riduce notevolmente nella stazione di polizia, dove, in effetti, l'avvocato, nell'adempimento delle sue responsabilità professionali, può necessariamente diventare un ostacolo alla verità. Cfr. infra, n. 12. La citazione sommaria della Corte dei casi del Sesto Emendamento mi sembra qui meglio descritta come

"il metodo del domino dell'aggiudicazione costituzionale. . . in cui ogni motivazione di un precedente parere viene posta a fondamento di un'estensione ad una situazione completamente diversa".

Amichevole, sopra, n. 10, a 950.

III
. CONSIDERAZIONI POLITICHE
Esaminato come espressione dell'ordine pubblico, il nuovo regime della Corte si dimostra talmente dubbioso che non può esserci alcun debito

[515]

compensazione per la sua debolezza nel diritto costituzionale. La discussione di cui sopra ha dimostrato, a mio avviso, quanto la Corte si sia sbagliata nell'affermare che la Costituzione ha trovato un equilibrio a favore dell'approccio adottato dalla Corte. Ante, p. 479. Piuttosto, i precedenti rivelano che il Quattordicesimo Emendamento, in pratica, è stato interpretato in modo da trovare un equilibrio diverso, che il Quinto Emendamento dà alla Corte poco solido sostegno in questo contesto, e che il Sesto Emendamento non dovrebbe avere alcuna rilevanza. La storia giuridica è stata allungata in precedenza per soddisfare le esigenze profonde della società. In questo caso, tuttavia, la Corte non ha fatto e non può fare in modo che i potenti dimostrino che le sue nuove regole sono chiaramente desiderabili nel contesto della nostra società, cosa che è sicuramente richiesta prima che tali regole siano inserite nella Costituzione e imposte ad ogni Stato e contea del territorio.

Senza aderire affatto al quadro generalmente nero della condotta della polizia dipinto dalla Corte, penso che si debba riconoscere francamente, all'inizio, che l'interrogatorio della polizia ammissibile in base ai precedenti del giusto processo può intrinsecamente comportare una certa pressione sul sospetto, e può cercare un vantaggio nella sua ignoranza o nella sua debolezza. L'atmosfera e le tecniche di interrogatorio, per quanto corrette e corrette, possono, di per sé, esercitare una pressione sul sospetto per farlo confessare, e, in questa luce,

"Parlare di qualsiasi confessione di reato fatta dopo l'arresto come 'volontaria' o 'non forzata' è un po' impreciso, anche se tradizionale. Una confessione è del tutto e incontestabilmente volontaria solo se il colpevole si consegna alla legge e diventa il suo stesso accusatore".

Ashcraft contro Tennessee, 322 U. S. 143, 161 (Jackson, J., dissenziente). Fino ad oggi, il ruolo della Costituzione è stato solo quello di vagliare le pressioni indebite, non di assicurare confessioni spontanee. [Nota 11]

[516]

Le nuove norme della Corte mirano a compensare queste piccole pressioni e svantaggi intrinseci a qualsiasi tipo di interrogatorio di polizia. Le regole non servono a tutelare gli interessi processuali per evitare una palese coercizione, poiché, come ho notato in precedenza, non fanno nulla per contenere il poliziotto che è disposto a mentire fin dall'inizio. Le regole funzionano per l'affidabilità delle confessioni quasi solo nel senso Pickwickiano che possono impedire che alcune vengano rilasciate. In breve, il beneficio di questo nuovo regime è semplicemente quello di ridurre o cancellare la costrizione e le disuguaglianze intrinseche a cui la Corte dedica circa nove pagine di descrizione. Ante, pp. 448-456.

Ciò che la Corte ignora in gran parte è che le sue regole pregiudicano, se non serviranno a frustrare del tutto, uno strumento di applicazione della legge che è stato a lungo e ragionevolmente ritenuto degno del prezzo pagato per questo. Non c'è dubbio che il nuovo codice della Corte ridurrebbe notevolmente il numero delle confessioni. Avvertire il sospetto che può rimanere in silenzio e ricordargli che la sua confessione può essere usata in tribunale sono ostacoli minori. Richiedere anche un'espressa rinuncia da parte dell'indagato e la fine dell'interrogatorio ogni volta che si dimette.

[517]

deve mettere in discussione pesantemente l'handicap. E per suggerire o fornire un consiglio all'indagato basta invitare la fine dell'interrogatorio. Vedi sopra, n. 12.

Non è possibile prevedere con esattezza quanto danno questa decisione infliggerà alle forze dell'ordine. Le prove sul ruolo delle confessioni sono notoriamente incomplete, si veda Sviluppi, supra, n. 2, al 941-944, e poco è aggiunto dal riferimento della Corte all'esperienza dell'FBI e alle risorse ritenute sprecate negli interrogatori. Cfr. infra, n. 19, e testo. Sappiamo che alcuni reati non possono essere risolti senza confessioni, che ampie testimonianze di esperti ne attestano l'importanza nel controllo del crimine, [nota 14] e che la Corte sta correndo un rischio reale con il benessere della società nell'imporre il suo nuovo regime al Paese. I costi sociali della criminalità sono troppo elevati per definire le nuove regole come una pericolosa sperimentazione.

Passando sopra i costi e i rischi della sua sperimentazione, la Corte ritrae i mali del normale interrogatorio poliziesco in termini a mio avviso esagerati. Anche se strettamente limitato dalle norme del giusto processo, l'interrogatorio è senza dubbio spesso scomodo e spiacevole per l'indagato. Tuttavia, non lo è meno per un uomo che venga arrestato e incarcerato, che venga perquisito in casa o che venga processato in tribunale, ma tutto questo può accadere anche al più innocente, con un probabile motivo, un mandato o un'accusa. La società ha sempre pagato un duro prezzo per la legge e l'ordine, e l'interrogatorio pacifico non è uno dei momenti bui della legge.

Questa breve dichiarazione delle considerazioni concorrenti mi sembra un'ampia prova del fatto che la preferenza della Corte è altamente discutibile, nel migliore dei casi, e quindi non deve essere letta in

[518]

la Costituzione. Tuttavia, può rendere l'analisi più grafica per considerare i fatti reali di una delle quattro cause invertite dalla Corte. Miranda contro Arizona è la causa migliore, non essendo né la più difficile né la più facile delle quattro secondo gli standard della Corte. [Nota a piè di pagina 15]

Il 3 marzo 1963, una ragazza di 18 anni fu rapita e violentata con la forza vicino a Phoenix, Arizona. Dieci giorni dopo, la mattina del 13 marzo, la firmataria Miranda fu arrestata e portata alla stazione di polizia. A quel tempo, Miranda aveva 23 anni, era indigente e aveva un'istruzione tale da completare la metà della prima superiore. Aveva "una malattia emotiva" di tipo schizofrenico, secondo il medico che alla fine l'ha visitato; il rapporto del medico affermava anche che Miranda era "attenta e orientata al tempo, al luogo e alla persona", intelligente entro i limiti normali, competente per il processo e sana di mente secondo la definizione legale. Alla stazione di polizia, la vittima ha prelevato Miranda da un confronto, e due agenti l'hanno portato in una stanza separata per interrogarlo, a partire dalle 11:30 circa. Sebbene all'inizio negasse la sua colpevolezza, in breve tempo Miranda ha rilasciato una confessione orale dettagliata, poi ha scritto di suo pugno e ha firmato una breve dichiarazione in cui ammetteva e descriveva il crimine. Tutto questo è stato fatto in due ore o meno, senza alcuna forza, minacce o promesse, e - suppongo, anche se il verbale è incerto, ante 491-492 e nn 66-67 - senza alcun avvertimento effettivo

Le confessioni orali e scritte di Miranda sono ora considerate inammissibili in base alle nuove regole della Corte. Si ha il diritto di stupirsi che la Costituzione possa essere letta per produrre questo risultato. Queste confessioni sono state ottenute

[519]

durante un breve interrogatorio diurno condotto da due ufficiali e non contrassegnato da alcuno dei tradizionali indizi di coercizione. Hanno assicurato una condanna per un crimine brutale e sconvolgente, per il quale la polizia aveva e molto probabilmente poteva ottenere poche prove oltre all'identificazione della vittima, prove spesso inattendibili. In sintesi, c'era uno scopo legittimo, nessuna ingiustizia percepibile, e certamente poco rischio di ingiustizia nell'interrogatorio. Eppure le confessioni che ne derivano, e il corso responsabile della prassi di polizia che rappresentano, sono da sacrificare alla concezione di equità della Corte stessa, che dubito seriamente sia condivisa da molti cittadini pensanti di questo Paese. [Nota a piè di pagina 16]

Anche il tenore dell'opinione giudiziaria è ben lungi dall'appoggiare il nuovo approccio della Corte. Sebbene Escobedo sia stato ampiamente interpretato come un invito aperto ai tribunali di grado inferiore a riscrivere la legge delle confessioni, una significativa maggioranza pesante delle decisioni statali e federali in questione ha cercato interpretazioni piuttosto ristrette. [Nota 17] Di

[520]

I tribunali che hanno accettato l'invito, è difficile sapere quanti si sono sentiti costretti a fare la loro migliore ipotesi sulla probabile costruzione di questa Corte; ma nessuna delle decisioni dello Stato ha ritenuto opportuno fare affidamento sul privilegio dello Stato contro l'autoincriminazione, e nessuna decisione si è spinta così lontano come questa Corte si spinge oggi. [Nota 18]

È anche istruttivo confrontare l'atteggiamento in questo caso dei responsabili dell'applicazione della legge con le opinioni ufficiali che esistevano quando la Corte ha intrapreso tre importanti revisioni della prassi processuale prima di questo caso, Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458, Mapp contro Ohio, 367 U. S. 643, e Gideon contro Wainwright, 372 U. S. 335. In Johnson, che ha stabilito che l'avvocato nominato deve essere offerto agli indigenti nei processi penali federali, il Governo Federale ha ammesso la questione di base, che in realtà era stata recentemente fissata come politica del Dipartimento di Giustizia. Cfr. Beaney, Right to Counsel 29-30, 342 (1955). Nel Mapp, che imponeva agli Stati la regola dell'esclusione per le violazioni del Quarto emendamento, più della metà degli Stati aveva già adottato tale regola. Cfr. 367 U.S.A. a 651. In Gideon, che ha esteso la causa Johnson contro Zerbst agli Stati, 22 Stati e il Commonwealths hanno presentato un amicus briefing per sollecitare questo corso; solo due Stati, oltre a quello dell'intervistato, si sono fatti avanti per protestare. Cfr. 372 Stati Uniti a 345. Al contrario, in questo caso, nuove restrizioni per la polizia

[521]

Gli Stati Uniti si sono opposti agli interrogatori e in un amicus brief firmato da 27 Stati e Commonwealth, esclusi gli altri tre Stati che sono parti. Nessuno Stato del Paese ha esortato questa Corte a imporre le regole appena annunciate, né nessuno Stato ha scelto di spingersi così lontano da solo.

La Corte, nel chiudere la sua discussione generale, invoca la prassi delle giurisdizioni federali e straniere per dare peso ai suoi nuovi limiti sulle confessioni per tutti gli Stati. Basterà un breve riassunto per dimostrare che nessuna di queste giurisdizioni ha raggiunto un equilibrio così unilaterale come la Corte fa oggi. La prassi dell'FBI è la più importante. Circostanze diverse possono rendere questo confronto alquanto inaffidabile, [nota 19] ma, in ogni caso, l'FBI è sensibilmente al di sotto delle regole formalistiche della Corte. Ad esempio, non vi è alcuna indicazione che gli agenti dell'FBI debbano ottenere una "rinuncia" affermativa prima di procedere all'interrogatorio. Né è chiaro che uno che invoca il suo diritto al silenzio non possa essere persuaso a cambiare idea. E l'avvertimento relativo all'avvocato nominato indica apparentemente solo che ne verrà assegnato uno dal giudice quando l'indagato apparirà di fronte a lui; le regole della Corte hanno lo scopo di indurre l'indagato ad ottenere un avvocato nominato prima di continuare l'interrogatorio. Si veda ante pagg. 484-486. Apparentemente, la pratica militare americana, brevemente menzionata dalla Corte, ha questi stessi limiti, ed è ancora meno favorevole all'indagato rispetto all'avvertimento dell'FBI, non menzionando l'avvocato nominato. Sviluppi, supra, n. 2, alle pp. 1084-1089.

La legge dei paesi stranieri descritta dalla Corte riflette anche una concezione più moderata dei diritti di

[522]

l'accusato rispetto a quelli della società quando si considerano altri dati. Concedentemente, l'esperienza inglese è la più rilevante. In quel Paese, la cautela del silenzio, ma non dell'avvocato, è stata a lungo imposta dalle "Judges' Rules", che pongono anche altri limiti un po' imprecisi all'esame incrociato dei sospetti da parte della polizia. Tuttavia, a discrezione della corte, le confessioni possono essere, e a quanto pare molto spesso lo sono, ammesse come prove nonostante il mancato rispetto del Regolamento dei giudici, purché siano ritenute volontarie in base al test di common law. Inoltre, il controllo esistente sull'uso delle dichiarazioni preprocessuali è controbilanciato dall'evidente ammissibilità dei frutti di una confessione illegale e dall'autorità spesso utilizzata dal giudice per commentare negativamente la mancata testimonianza dell'imputato. India, Ceylon e Scozia sono gli altri esempi scelti dalla Corte. In India e a Ceylon, il divieto generale di confessioni indotte dalla polizia, citato dalla Corte, è soggetto a un'importante eccezione: se le prove vengono scoperte da un interrogatorio della polizia, esse sono pienamente ammissibili al processo insieme alla confessione stessa, nella misura in cui si riferiscono alle prove e non sono palesemente forzate. Cfr. Sviluppi, supra, n. 2, a 1106-1110; Reg. v. Ramasamy [1965] A.C. 1 (P.C.). I limiti della Scozia in materia di interrogatorio sono all'altezza di quelli della Corte; tuttavia, il giudice può esprimere un commento limitato al processo sulla mancata presa di posizione dell'imputato e, sotto molti altri aspetti, la legge scozzese ripara lo svantaggio del pubblico ministero in modi non consentiti in questo paese. La Corte conclude la sua indagine imputando

[523]

ha aggiunto forza al nostro privilegio contro l'autoincriminazione, poiché, a differenza di altri Paesi, essa si incarna in una Costituzione scritta. Considerando le libertà che la Corte si è oggi presa con la storia costituzionale e i precedenti, pochi troveranno questa enfasi convincente.

In chiusura di questa discussione necessariamente tronca sulle considerazioni politiche che riguardano le nuove regole di confessione, è necessario fare riferimento alla loro ironica inopportunità. In questo Paese è in corso un massiccio riesame delle procedure di applicazione della legge penale su una scala mai vista prima. Tra i partecipanti a questo impegno vi sono un Comitato speciale dell'American Bar Association, sotto la presidenza del giudice capo Lumbard della Corte d'Appello del Secondo Circuito; un gruppo di studio distinto dell'American Law Institute, guidato dai professori Vorenberg e Bator della Harvard Law School, e la President's Commission on Law Enforcement and Administration of Justice, sotto la guida dell'Attorney General degli Stati Uniti. Sono in corso studi anche da parte della District of Columbia Crime Commission, del Georgetown Law Center, e da altre istituzioni che si occupano di ricerca pratica. [Nota 23] Ci sono anche segnali che le legislature di alcuni Stati si stanno preparando a riesaminare il problema. [Nota 24]

[524]

Non è un segreto che sono state espresse preoccupazioni per evitare che le riforme a lungo termine e durature siano frustrate dall'allontanamento troppo rapido di questa Corte dagli standard costituzionali esistenti. Nonostante l'esonero della Corte, l'effetto pratico della decisione presa oggi deve inevitabilmente essere quello di ostacolare seriamente gli sforzi di riforma, non da ultimo eliminando le opzioni necessarie ad un giusto compromesso di interessi concorrenti. Naturalmente, la riforma legislativa è raramente rapida e unanime, anche se questa Corte è stata più paziente in passato. Ma le riforme legislative, quando arriveranno, avranno il grande vantaggio di disporre di dati empirici e di uno studio completo, permetteranno la sperimentazione e l'uso di soluzioni non aperte ai tribunali, e restituiranno l'iniziativa della riforma del diritto penale a quei forum a cui appartiene veramente.

IV
. CONCLUSIONI
In tutti e quattro i casi qui coinvolti si afferma espressamente che le confessioni sono inammissibili non a causa di coercizione nel senso tradizionale del giusto processo, ma solo per mancanza di consigli o di avvertimenti riguardo ai consigli e al silenzio. Per le ragioni esposte in questo parere, mi atterrei alla prova del giusto processo e respingerei i nuovi requisiti inaugurati dalla Corte. Su questa premessa, la mia disposizione di ciascuno di questi casi può essere brevemente esposta.

In due dei tre casi provenienti dai tribunali statali, Miranda contro Arizona (n. 759) e Vignera contro New York (n. 760), le confessioni sono state ritenute ammissibili, e nessun altro errore degno di essere commentato dai firmatari.

[525]

Affermo in questi due casi. L'altro caso statale è quello della California contro Stewart (n. 584), in cui la Corte suprema dello Stato ha ritenuto la confessione inammissibile e ha annullato la condanna. In questo caso, respingerei l'atto di citazione di certiorari per il fatto che non abbiamo davanti a noi una sentenza definitiva, 28 U.S.C. 1257 (1964 n.d.r.); annullando il nuovo processo aperto allo Stato in ogni caso, la confessione stessa non è stata nemmeno esclusa definitivamente, poiché la Corte Suprema della California ha lasciato lo Stato libero di mostrare la prova di una rinuncia. Se il merito della decisione di Stewart sarà raggiunto, allora credo che dovrebbe essere invertito, e il caso dovrebbe essere rinviato, in modo che la Corte Suprema dello Stato possa trasmettere le altre richieste disponibili alla parte convenuta.

Nel caso federale, Westover contro gli Stati Uniti (n. 761), il firmatario solleva una serie di questioni oltre a quella già trattata in questo dissenso. Nessuna di queste altre rivendicazioni mi sembra sostenibile, né in questo contesto merita una discussione più ampia. Si insiste sul fatto che la confessione è stata anche inammissibile perché non volontaria, anche se misurata in base agli standard del giusto processo, e perché la cooperazione tra Stati federali ha messo in gioco la regola McNabb-Mallory sotto Anderson contro gli Stati Uniti, 318 Stati Uniti, 318 Stati Uniti. Tuttavia, a mio parere, i fatti addotti sono ben al di sotto della coercizione, e credo che il coinvolgimento di agenti federali nell'arresto e nella detenzione del firmatario da parte dello Stato sia troppo debole per invocare Anderson. Sono d'accordo con il Governo che l'ammissione delle prove ora contestate dal firmatario è stata, al massimo, un errore innocuo, e due contestazioni finali - una che riguarda il peso delle prove e un altro commento improprio del pubblico ministero - mi sembrano prive di fondamento. Affermo quindi la condanna di Westover.

In conclusione: niente nella lettera o nello spirito della Costituzione o nei precedenti quadra con l'azione pesante e unilaterale che è così precipitosamente

[526]

presa dalla Corte in nome dell'adempimento delle sue responsabilità costituzionali. L'incursione che la Corte fa oggi ricorda le sagge e lungimiranti parole del sig. Justice Jackson nella causa Douglas contro Jeannette, 319 U. S. 157, 181 (parere separato):

"Questa Corte aggiunge sempre nuove storie ai templi della legge costituzionale, e i templi hanno un modo di crollare quando se ne aggiunge una di troppo".

MR. GIUSTIZIA BIANCA, con la quale MR. JUSTICE HARLAN e MR. JUSTICE STEWART si uniscono, dissenzienti.

I
L'affermazione che il privilegio contro l'autoincriminazione vieta l'interrogatorio in custodia senza gli avvertimenti specificati nell'opinione della maggioranza e senza una chiara rinuncia di un avvocato non ha alcun sostegno significativo nella storia del privilegio o nel linguaggio del Quinto Emendamento. Per quanto riguarda le autorità inglesi e la storia del common law, il privilegio, fermamente stabilito nella seconda metà del XVII secolo, non è mai stato applicato se non per vietare gli interrogatori giudiziari forzati. La norma che escludeva le confessioni forzate è maturata circa 100 anni dopo,

"b]ut non c'è nulla nei rapporti che suggerisca che la teoria abbia le sue radici nel privilegio contro l'autoincriminazione. E, per quanto emerge dai casi, il privilegio, in quanto tale, sembra essere stato applicato solo nei procedimenti giudiziari, compresi gli esami preliminari da parte dei magistrati autorizzati".

Morgan, Il privilegio contro l'autoincriminazione, 34 Minn.L.Rev. 1, 18 (1949).

La nostra stessa disposizione costituzionale prevede che nessuna persona "può essere costretta a testimoniare contro se stessa in un procedimento penale". Queste parole, quando

"[c]onsiderato nella luce da liberare dalla grammatica e dal dizionario . . . sembrano significare semplicemente che nessuno deve essere

[527]

costretto a testimoniare oralmente contro se stesso in un procedimento penale in corso in cui è imputato".

Corwin, The Supreme Court's Construction of the Self-Incrimination Clause, 29 Mich.L.Rev. 1, 2. E c'è ben poco nelle circostanze circostanti l'adozione del Quinto Emendamento o nelle disposizioni delle costituzioni statali allora esistenti o nella prassi statale che darebbe alla disposizione costituzionale un significato più ampio. Mayers, Il privilegio del testimone federale contro l'autodeterminazione: Costituzionale o di diritto comune? 4 American Journal of Legal History 107 (1960). Una tale costruzione, tuttavia, era considerevolmente più ristretta del privilegio del diritto comune e, quando alla fine si è trovata di fronte a tali questioni, la Corte ha esteso il privilegio costituzionale alla produzione obbligatoria di libri e documenti, al testimone ordinario davanti al gran giurì e ai testimoni in generale. Boyd contro gli Stati Uniti, 116 U. S. 616, e l'avvocato contro Hitchcock, 142 U. S. 547. Entrambe le norme hanno avuto un solido sostegno nella storia della common law, se non nella storia della nostra stessa disposizione costituzionale.

Alcuni anni dopo, il privilegio del Quinto Emendamento è stato analogamente esteso per includere la norma allora ben consolidata contro le confessioni forzate:

"Nei processi penali, nei tribunali degli Stati Uniti, ovunque si ponga la questione se una confessione sia incompetente perché non volontaria, la questione è controllata da quella parte del Quinto Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, che ordina che nessuna persona "sarà costretta in nessun caso penale a testimoniare contro se stessa"".

Bram contro gli Stati Uniti, 168 U. S. 532, 542. Sebbene questa opinione abbia trovato approvazione in altri casi, Burdeau contro McDowell, 256 U. S. 465, 475; Powers contro Stati Uniti, 223 U. S. 303, 313; Shotwell contro Stati Uniti, 371 U. S. 341, 347, è stata anche messa in discussione, si veda Brown contro Mississippi, 297 U. S. 278, 285; Stati Uniti contro Carignan,

[528]

342 U. S. 36, 41; Stein contro New York, 346 U. S. 156, 191, n. 35, e trova scarso sostegno sia nelle autorità inglesi che in quelle americane, vedi generalmente Regina contro Scott, Dears. & Bell 47; 3 Wigmore, Evidence § 823 (3d ed.1940 ), a 249 ("una confessione non viene rifiutata a causa di qualsiasi connessione con il privilegio contro l'autodeterminazione"), e 250, n. 5 (in particolare criticando Bram); 8 Wigmore, Evidence § 2266, a 400-401 (McNaughton rev.1961). Qualunque sia la fonte della norma che esclude le confessioni forzate, è chiaro che, prima dell'applicazione del privilegio stesso ai tribunali statali, Malloy contro Hogan, 378 U. S. 1, l'ammissibilità di una confessione in un procedimento penale statale è stata testata con gli stessi standard applicati nei procedimenti federali. Id. a 6-7, 10.

Bram, tuttavia, ha respinto essa stessa la proposta che la Corte ora sostiene. La questione in Bram era se una confessione, ottenuta durante l'interrogatorio detentivo, fosse stata costretta e, se tale interrogatorio fosse stato ritenuto intrinsecamente vulnerabile, l'indagine della Corte avrebbe potuto concludersi lì. Dopo aver esaminato le autorità inglesi e americane, tuttavia, la Corte lo ha dichiarato:

"Anche in questo tribunale è stato stabilito che il semplice fatto che la confessione sia stata fatta a un ufficiale di polizia, mentre l'imputato era in arresto dentro o fuori dal carcere, o è stato tirato fuori dalle sue domande, non rende necessariamente la confessione involontaria, ma, come una delle circostanze, tale detenzione o interrogatorio può essere preso in considerazione nel determinare se le dichiarazioni del detenuto fossero o meno volontarie".

168 Stati Uniti a 558. A questo proposito, la Corte è stata del tutto coerente con le precedenti e successive sentenze di questa Corte.

Così, prima di Bram, la Corte, nella causa Hopt c. Utah, 110 U. S. 574, 583-587, aveva sostenuto l'ammissibilità di un

[529]

confessione fatta agli agenti di polizia dopo l'arresto, con la registrazione del silenzio su quale conversazione sia avvenuta tra gli agenti e l'imputato nel breve periodo precedente la confessione. Basandosi su Hopt, la Corte si è pronunciata sulla questione nella causa Sparf e Hansen contro gli Stati Uniti, 156 U. S. 51, 55:

"Gli avvocati dell'imputato insistono sul fatto che non può esserci una dichiarazione volontaria, una libera confessione aperta, mentre l'imputato è confinato e messo ai ferri con l'accusa di aver commesso un reato capitale. Non siamo stati interpellati da alcuna autorità a sostegno di tale posizione. E' vero che il fatto che un detenuto sia in carcere nel momento in cui confessa è detenuto è una circostanza da non trascurare, in quanto l'inchiesta permette di stabilire se la confessione è stata fatta volontariamente o se è stata estorta con minacce o violenze o se è stata fatta sotto l'influenza della paura. Ma la reclusione o l'incarcerazione non è di per sé sufficiente a giustificare l'esclusione di una confessione se sembra essere stata volontaria, e non è stata ottenuta mettendo il prigioniero nel timore o con promesse. Il Cr.Ev. di Wharton 9° ed. §§ 661, 663, e le autorità citate".

Accord, Pierce contro gli Stati Uniti, 160 U. S. 355, 357.

E nella causa Wilson contro Stati Uniti, 162 U. S. 613, 623, la Corte aveva considerato l'importanza dell'interrogatorio detentivo senza alcun avvertimento precedente riguardo al diritto di rimanere in silenzio o al diritto ad un avvocato. Lì, l'imputato aveva risposto alle domande poste da un Commissario, che non gli aveva comunicato i suoi diritti, e le sue risposte sono state ritenute ammissibili per la sua rivendicazione di involontarietà.

"Il fatto che [un imputato] sia in custodia e ammanettato non rende necessariamente la sua dichiarazione involontaria, né è necessariamente l'effetto dell'eccitazione popolare che precede di poco. . . . E si stabilisce

[530]

che non è essenziale per l'ammissibilità di una confessione che sembri che la persona sia stata avvertita che ciò che ha detto sarebbe stato usato contro di lui, ma, al contrario, se la confessione è stata volontaria, è sufficiente anche se sembra che non sia stata così avvertita".

Dopo Bram, l'ammissibilità delle dichiarazioni rese durante l'interrogatorio detentivo è stata spesso ribadita. Powers contro gli Stati Uniti, 223 U. S. 303, ha citato Wilson approvando e ritenendo ammissibile come dichiarazioni volontarie la testimonianza dell'imputato in un'udienza preliminare, anche se non è stato avvertito che ciò che ha detto potrebbe essere usato contro di lui. Senza alcuna discussione sulla presenza o sull'assenza di avvertimenti, presumibilmente perché tale discussione è stata ritenuta inutile, numerosi altri casi hanno dichiarato che "il semplice fatto che una confessione sia stata fatta mentre era sotto la custodia della polizia non la rende inammissibile", McNabb c. McNabb. Stati Uniti, 318 U. S. 332, 346; accordo, Stati Uniti contro Mitchell, 322 U. S. 65, nonostante sia stato suscitato dall'esame della polizia, Wan contro Stati Uniti, 266 U. S. 1, 14; Stati Uniti contro Carignan, 342 U. S. 36, 39. Analogamente, nella causa Crooker contro California, 357 U. S. 433, 437, la Corte ha affermato che

"il nudo fatto della "detenzione e dell'esame di polizia in privato di uno in custodia ufficiale dello Stato" non rende involontaria una confessione da parte di chi è così detenuto".

E infine, nella causa Cicenia contro Lagay, 357 U. S. 504, una confessione ottenuta da un interrogatorio di polizia dopo l'arresto è stata tenuta volontaria anche se le autorità hanno rifiutato di permettere all'imputato di consultarsi con il suo avvocato. Si veda in generale Culombe c. Connecticut, 367 U. S. 568, 587-602 (parere di Frankfurter, J.); 3 Wigmore, Evidence § 851, a 313 (3d ed.1940); si veda anche Joy, Admissibility of Confessions 38, 46 (1842).

Solo una minuscola minoranza dei nostri giudici che si sono occupati della questione, compresa la maggioranza di oggi, ha considerato l'interrogatorio in custodia cautelare, senza altro, come una violazione del Quinto Emendamento. E questa Corte, come

[531]

ogni membro sa, ha lasciato in piedi letteralmente migliaia di condanne penali che riposavano almeno in parte sulle confessioni prese nel corso degli interrogatori dalla polizia dopo l'arresto.

II
Il fatto che l'odierna affermazione della Corte non sia né costretta né fortemente suggerita dal linguaggio del Quinto Emendamento, è in contrasto con la storia giuridica americana e inglese e comporta un allontanamento da una lunga serie di precedenti non prova né che la Corte abbia ecceduto i suoi poteri né che la Corte sia errata o poco saggia nella sua attuale reinterpretazione del Quinto Emendamento. Tuttavia, sottolinea l'ovvio - che la Corte non ha scoperto o trovato la legge nel prendere la decisione odierna, né l'ha derivata da alcune fonti inconfutabili; quello che ha fatto è stato fare una nuova legge e un nuovo ordine pubblico più o meno come ha fatto nel corso dell'interpretazione di altre grandi clausole della Costituzione. Questo è ciò che la Corte ha fatto storicamente. In effetti, è ciò che deve fare, e continuerà a fare fino a quando e a meno che non ci sia qualche cambiamento fondamentale nella distribuzione costituzionale dei poteri di governo.

Ma se la Corte è qui e ora per annunciare una nuova e fondamentale politica per governare alcuni aspetti dei nostri affari, è del tutto legittimo esaminare la modalità di questa o di qualsiasi altra decisione costituzionale in questa Corte, e indagare sull'opportunità del suo prodotto finale in termini di interesse a lungo termine del Paese. Come minimo, il testo e il ragionamento della Corte dovrebbe resistere all'analisi e costituire un'equa esposizione della disposizione costituzionale che il suo parere interpreta. Decisioni

[532]

come questi non possono riposare da soli sul sillogismo, sulla metafisica o su alcune nozioni mal definite di giustizia naturale, anche se ognuno di essi forse farà la sua parte. Nel procedere a tali costruzioni come ora annuncia, la Corte dovrebbe anche tenere in debita considerazione tutti i fattori e gli interessi che influiscono sulle cause, almeno nella misura in cui i relativi materiali sono disponibili, e, se le necessarie considerazioni non sono trattate nel verbale o ottenibili da qualche altra fonte affidabile, la Corte non dovrebbe procedere a formulare politiche fondamentali basate solo sulla speculazione.

III
In primo luogo, possiamo chiedere quali sono le basi testuali e fattuali di questa nuova regola fondamentale. Per raggiungere il risultato annunciato per i motivi che ha addotto, la Corte deve rimanere entro i limiti del Quinto Emendamento, che vieta l'autoincriminazione solo se costretta. Pertanto, il nucleo del parere della Corte è che, a causa del

"la coercizione inerente all'ambiente di detenzione, nessuna dichiarazione ottenuta da [un] imputato [in custodia] può essere veramente il prodotto della sua libera scelta,"

ante a 458, in assenza dell'uso di adeguati dispositivi di protezione come descritto dalla Corte. Tuttavia, la Corte non indica un'improvvisa irruzione di nuove conoscenze che richieda il rifiuto di 70 anni di esperienza. Né afferma che la sua nuova conclusione rifletta un mutato consenso tra i tribunali statali, cfr. Mapp c. Ohio, 367 U. S. 643, o che una successione di cause abbia costantemente eroso la vecchia regola e l'abbia dimostrata impraticabile, cfr. Gideon c. Wainwright, 372 U. S. 335. Anziché affermare nuove conoscenze, la Corte ammette di non poter realmente sapere cosa accade durante l'interrogatorio detentivo, a causa dell'innata segretezza di tali procedimenti. Estrapola un quadro di ciò che concepisce essere la norma dai manuali investigativi della polizia, pubblicati nel 1959 e nel 1962 o prima, senza alcun tentativo di consentire adeguamenti nelle pratiche di polizia che possano

[533]

si sono verificati sulla scia di decisioni più recenti dei tribunali d'appello statali o di questa Corte. Ma anche se l'implacabile applicazione delle procedure descritte potrebbe portare a confessioni involontarie, non ne consegue con certezza che ogni singolo caso rivelerà questo tipo di interrogatorio o questo tipo di conseguenze. Nella misura in cui risulta dal parere della Corte, essa non ha esaminato una sola trascrizione di un interrogatorio di polizia, per non parlare dell'interrogatorio che ha avuto luogo in uno qualsiasi di questi casi che decide oggi. A giudicare da uno qualsiasi degli standard di indagine empirica utilizzati nelle scienze sociali, la base fattuale della premessa della Corte è palesemente inadeguata.

Sebbene, secondo la Corte, gli interrogatori in custodia siano intrinsecamente coercitivi, la Corte afferma che il prodotto spontaneo della coercizione dell'arresto e della detenzione è ancora da considerarsi volontario. Un imputato, arrestato per un probabile motivo, può confessare una confessione che sarà ammissibile nonostante il fatto che sia solo e in custodia, senza che si dimostri che abbia alcuna nozione del suo diritto di rimanere in silenzio o delle conseguenze della sua ammissione. Tuttavia, secondo la sentenza della Corte, se la polizia gli pone una sola domanda, come "Ha qualcosa da dire?" o "Ha ucciso sua moglie?", la sua risposta, se c'è, è stata in qualche modo costretta, anche se l'imputato ha

[534]

è stato chiaramente avvertito del suo diritto di rimanere in silenzio. Il buon senso ci informa del contrario. Mentre si può dire che la risposta è stata "involontaria" nel senso che la domanda ha provocato o è stata l'occasione per la risposta, e quindi l'imputato è stato indotto a parlare quando avrebbe potuto rimanere in silenzio se non fosse stato arrestato e non interrogato, è palesemente scorretto dire che la risposta è obbligata.

Il risultato odierno non seguirebbe anche se si convenisse che, in una certa misura, l'interrogatorio detentivo è intrinsecamente coercitivo. Si veda Ashcraft contro Tennessee, 322 U. S. 143, 161 (Jackson, J., dissenziente). La prova è stata se la totalità delle circostanze ha privato il difensore di "una libera scelta di ammettere, di negare, o di rifiutare di rispondere," Lisenba v. California, 314 U. S. 219, 241, e se la coercizione fisica o psicologica era di un tale grado che "la volontà del difensore era eccessiva al momento della confessione," Haynes v. Washington, 373 U. S. 503, 513; Lynumn v. Illinois, 372 U. S. 528, 534. La durata e la natura della detenzione in isolamento, la presenza o l'assenza di consigli sui diritti costituzionali dell'imputato e la concessione o il rifiuto di richieste di comunicazione con avvocati, parenti o amici sono stati giustamente considerati dati importanti per l'indagine di base. Si veda, ad esempio, Ashcraft contro Tennessee, 322 U. S. 143; Haynes contro Washington, 373 U. S. 503. Nota a piè di pagina 3

[535]

Ma non è mai stato suggerito, fino ad oggi, che tale interrogatorio fosse così coercitivo e che le persone accusate fossero così prive di fermezza che la prima risposta al primo interrogativo successivo all'inizio della detenzione deve essere definitivamente presunta come il prodotto di un testamento soprannaturale.

Se la regola annunciata oggi si basasse veramente sulla conclusione che tutte le confessioni risultanti dall'interrogatorio detentivo sono coercitive, allora semplicemente non avrebbe alcun fondamento razionale. Confronti Tot contro Stati Uniti, 319 U. S. 463, 466; Stati Uniti contro Romano, 382 U. S. 136. A maggior ragione, ciò sarebbe vero per l'estensione della norma alle dichiarazioni a discarico, che la Corte effettua dopo una breve discussione sul perché, secondo la Corte, debbano essere considerate incriminanti, ma senza alcuna discussione sul perché debbano essere considerate coercitive. Cfr. Wilson contro Stati Uniti, 162 U. S. 613, 624. Anche se si dovesse ipotizzare che la preoccupazione della Corte non sia che tutte le confessioni indotte da un interrogatorio di polizia siano coercitive, ma piuttosto che alcune di queste confessioni siano coercitive e che le attuali procedure giudiziarie siano ritenute inadeguate per identificare le confessioni che sono coercitive e quelle che non lo sono, non sarebbe comunque essenziale imporre la regola che la Corte ha ora elaborato. Potrebbero essere richieste trascrizioni o osservatori, potrebbero essere imposti limiti di tempo specifici, adeguati alla causa, o potrebbero essere utilizzati altri dispositivi per ridurre le possibilità che una coercizione altrimenti indiscernibile produca una confessione inammissibile.

D'altra parte, anche se si suppone che vi sia una base fattuale adeguata per concludere che tutte le confessioni ottenute durante l'interrogatorio in custodia sono il prodotto di una coercizione, la regola proposta da

[536]

la Corte sarebbe ancora irrazionale, perché, apparentemente, è solo se l'imputato è anche avvertito del suo diritto ad avere un avvocato e rinuncia sia a tale diritto che a quello contro l'autoincriminazione che l'intrinseca compulsività dell'interrogatorio scompare. Ma se l'imputato non può rispondere senza preavviso a una domanda come "Dov'eri ieri sera?" senza che la sua risposta sia obbligata, come potrà mai la Corte accettare la sua risposta negativa alla domanda se vuole consultare il suo avvocato di fiducia o l'avvocato che il tribunale nominerà? E perché, se l'avvocato è presente e l'imputato confessa comunque, o se l'avvocato dice all'imputato di dire la verità e questo è ciò che l'imputato fa, la situazione è meno coercitiva per quanto riguarda l'imputato? La Corte si rende conto apparentemente del suo dilemma di precludere l'interrogatorio senza i necessari avvertimenti ma, allo stesso tempo, permettendo all'imputato, seduto sulla stessa sedia di fronte agli stessi poliziotti, di rinunciare al diritto di consultare un avvocato. Si aspetta, tuttavia, che l'imputato non rinunci spesso a tale diritto e, se si afferma che lo ha fatto, lo Stato si trova di fronte a un grave, se non impossibile, onere della prova.

Tutto questo ha ben poco senso in termini di coercizione che il Quinto Emendamento proibisce. Quell'emendamento si occupa di costringere l'imputato stesso. Si tratta del suo libero arbitrio. Le confessioni e le ammissioni incriminanti, in quanto tali, non sono prove proibite; sono vietate solo quelle che sono costrette. Dubito che la Corte osservi oggi queste distinzioni. Considerando che qualsiasi risposta a qualsiasi interrogatorio sia obbligata, indipendentemente dal contenuto e dallo svolgimento dell'esame, e aumentando i requisiti per provare la rinuncia, la Corte non solo impedisce l'uso delle confessioni forzate, ma, a tutti i fini pratici, proibisce l'interrogatorio se non in presenza di un avvocato. Cioè, invece di limitarsi alla tutela del diritto contro la confessione coatta, la Corte vieta l'interrogatorio solo in presenza di un avvocato.

[537]

autoincriminazione la Corte ha creato un diritto limitato del Quinto Emendamento ad avere un avvocato - o, come la Corte lo esprime, una "necessità di avere un avvocato per proteggere il privilegio del Quinto Emendamento". . ." Ante a 470. L'attenzione non si concentra quindi sulla volontà dell'imputato, ma sulla volontà dell'avvocato, e su quanta influenza può avere sull'imputato. Ovviamente non c'è un mandato nel Quinto Emendamento per l'installazione di un avvocato come arbitro del privilegio.

In sintesi, per tutte le spiegazioni che la Corte ha fornito sul clima minaccioso delle procedure di interrogatorio della polizia, non ha fornito alcuna base per le conclusioni che ha tratto o per le misure che ha adottato.

IV
Le critiche al parere della Corte, tuttavia, non possono fermarsi alla dimostrazione che le basi fattuali e testuali della norma da essa proposta sono, nella migliore delle ipotesi, meno che convincenti. Altrettanto rilevante è la valutazione delle conseguenze della norma rispetto ai valori della comunità. Il dovere della Corte di valutare le conseguenze della sua azione non è soddisfatto dall'affermazione della verità che un valore del nostro sistema di giustizia penale è "rispettare l'inviolabilità della personalità umana" e richiedere al governo di produrre le prove contro l'imputato con il proprio lavoro indipendente. Ante a 460. Più che la dignità umana dell'imputato è coinvolta; anche la personalità umana degli altri nella società deve essere preservata. Quindi, i valori riflessi dal privilegio non sono l'unico desideratum; l'interesse della società per la sicurezza generale ha lo stesso peso.

L'ovvia base della decisione della Corte è una profonda diffidenza nei confronti di tutte le confessioni. Poiché la Corte dichiara che l'imputato non può essere interrogato senza la presenza di un avvocato, in assenza di una rinuncia al diritto ad un avvocato, e come la Corte non fa altro che ammonire l'avvocato a

[538]

consigliare all'imputato di tacere, il risultato si traduce in una sentenza giudiziaria che stabilisce che le prove dell'imputato non devono essere utilizzate contro di lui in alcun modo, sia esso costretto o meno. Questa è la sfumatura non così sottile dell'opinione - che è intrinsecamente sbagliato che la polizia raccolga le prove dall'imputato stesso. E questo è proprio il nocciolo di questo dissenso. Non vedo nulla di sbagliato o immorale, e certamente nulla di incostituzionale, nel fatto che la polizia chieda a un sospetto che ha ragionevoli motivi per arrestare se ha ucciso o meno sua moglie, o nel confrontarlo con le prove su cui si è basato l'arresto, almeno nel caso in cui gli sia stato chiaramente consigliato di rimanere completamente in silenzio, vedi Escobedo contro Illinois, 378 U. S. 478, 499 (opinione dissenziente). Fino ad oggi, "le ammissioni o le confessioni del prigioniero, quando sono state fatte volontariamente e liberamente, sono sempre state al primo posto nella scala delle prove incriminanti". Brown contro Walker, 161 U. S. 591, 596; vedi anche Hopt contro Utah, 110 U. S. 574, 584-585. In particolare se corroborate, in quanto laddove la polizia ha confermato la rivelazione da parte dell'imputato del nascondiglio degli strumenti o dei frutti del crimine, tali confessioni hanno la massima attendibilità e contribuiscono in modo significativo alla certezza con cui possiamo credere che l'imputato sia colpevole. Inoltre, non è affatto certo che il processo di confessione sia dannoso per l'imputato. Al contrario, può fornire un sollievo psicologico e migliorare le prospettive di riabilitazione. Ciò non significa che il valore del rispetto dell'inviolabilità della personalità individuale dell'imputato non debba avere alcun peso, o che tutte le confessioni debbano essere indiscriminatamente ammesse. Questa Corte ha da tempo letto la Costituzione per proibire le confessioni forzate, una regola salutare da cui non ci si dovrebbe ritirare. Ma non vedo alcuna base solida, di fatto o meno, e la Corte non ne dà alcuna, per concludere che l'attuale norma contro la ricezione di confessioni forzate è inadeguata per l'Unione Europea.

[539]

di smistamento delle prove inammissibili, e deve essere sostituita dalla regola in sé e per sé imposta. Anche se si può dire che il nuovo concetto ha dei vantaggi rispetto alla legge attuale, essi sono di gran lunga superati dal suo probabile impatto indesiderato su altri interessi molto rilevanti e importanti.

La funzione più elementare di ogni governo è quella di provvedere alla sicurezza dell'individuo e della sua proprietà. Lanzetta contro New Jersey, 306 U. S. 451, 455. Questi fini della società sono serviti dalle leggi penali che per la maggior parte sono finalizzate alla prevenzione del crimine. Senza l'adempimento ragionevolmente efficace del compito di prevenire la violenza privata e le ritorsioni, è inutile parlare di dignità umana e di valori civili.

Le modalità con cui le leggi penali servono l'interesse della sicurezza generale sono molteplici. In primo luogo, l'assassino che ha tolto la vita ad un altro viene tolto dalla strada, privato della sua libertà, e quindi impedito di ripetere il suo reato. Alla luce delle statistiche sulla recidiva in questo Paese, [Nota 4] e del numero di casi

[540]

in cui l'arresto avviene solo in seguito a recidiva, nessuno può ragionevolmente affermare che questo aspetto del diritto penale non impedisca il reato o contribuisca in modo significativo alla sicurezza personale del cittadino comune.

In secondo luogo, l'arresto rapido e sicuro di coloro che rifiutano di rispettare la sicurezza personale e la dignità del prossimo ha indubbiamente un impatto su altri che potrebbero essere tentati allo stesso modo. Che il diritto penale sia del tutto o in parte inefficace con una parte della popolazione o con molti di coloro che sono stati arrestati e condannati è una base molto errata per concludere che non è efficace rispetto alla grande maggioranza dei nostri cittadini, o per pensarlo, senza le leggi penali,

[541]

o in assenza della loro applicazione, non ci sarebbe un aumento della criminalità. Argomentazioni di questo tipo non sono suffragate da alcun tipo di prova affidabile che io abbia visto fino ad oggi.

In terzo luogo, la legge si occupa di coloro che ha confinato. La speranza e l'obiettivo della penologia moderna, fortunatamente, è di restituire al più presto al condannato un uomo migliore e più rispettoso della legge rispetto a quando se n'è andato. A volte c'è il successo, a volte il fallimento. Ma almeno lo sforzo è fatto, e dovrebbe essere fatto al massimo delle nostre capacità presenti e future.

La regola annunciata oggi indebolirà in modo misurabile la capacità del diritto penale di svolgere questi compiti. Si tratta di un calcolo deliberato per prevenire gli interrogatori, per ridurre l'incidenza delle confessioni e delle dichiarazioni di colpevolezza e per aumentare il numero dei processi. [Nota 5] Processi penali, no

[542]

Non importa quanto sia efficiente la polizia, non sono sicure delle scommesse per l'accusa, né dovrebbero esserlo se non ci sono prove. Secondo la legge attuale, l'accusa non riesce a dimostrare il suo caso in circa il 30% dei casi penali effettivamente processati nei tribunali federali. Si veda il paragrafo "Trasgressori federali": 1964, sopra, nota 4, al punto 6 (tabella 4), 59 (tabella 1); Trasgressori federali: 1963, sopra, nota 4, punto 5 (Tabella 3); Delinquenti del Distretto di Columbia: 1963, sopra, nota 4, punto 2 (Tabella 1). Ma è un'altra cosa, ancora una volta, rimuovere dal procedimento penale ordinario tutte quelle confessioni che finora sono state ritenute atti liberi e volontari dell'imputato, e stabilire così un nuovo ostacolo costituzionale all'accertamento della verità da parte del processo giudiziario. Vi sono, a mio avviso, tutti i motivi per ritenere che un buon numero di imputati, che altrimenti sarebbero stati condannati per quello che questa Corte ha ritenuto essere il tipo di prova più soddisfacente, ora, secondo questa nuova versione del Quinto Emendamento, non saranno affatto processati o saranno assolti se la prova dello Stato, meno la confessione, sarà messa alla prova del contenzioso.

Non desidero in alcun modo condividere la responsabilità di un tale impatto sull'attuale processo penale.

In un numero imprecisato di casi, la sentenza della Corte restituirà un assassino, uno stupratore o un altro criminale alle strade e all'ambiente che l'ha prodotto, per ripetere il suo crimine ogni volta che gli piacerà. Di conseguenza, non ci sarà un guadagno, ma una perdita di dignità umana. La vera preoccupazione non sono le spiacevoli conseguenze di questa nuova decisione sul diritto penale come una serie astratta e disincarnata di proscrizioni autorevoli, ma l'impatto su coloro che si affidano all'autorità pubblica per la protezione, e che, senza di essa, possono solo impegnarsi in un violento auto-aiuto con pistole, coltelli e l'aiuto dei loro vicini altrettanto inclini. C'è, di

[543]

Naturalmente, un fattore di risparmio: le prossime vittime sono incerte, senza nome e non rappresentate in questo caso.

Questa decisione non può che avere un effetto corrosivo sul diritto penale come strumento efficace di prevenzione del crimine. Una componente importante della sua efficacia in questo senso è la sua rapida e sicura applicazione. Più facile è farla franca con lo stupro e l'omicidio, minore è l'effetto deterrente su coloro che sono inclini a tentarlo. Questo è comunque buon senso. Se così non fosse, dovremmo liquidare in fretta e furia l'intero sistema di applicazione della legge come uno sforzo inutile e maldestro per controllare la condotta umana.

E che dire dell'imputato che ha confessato o confesserebbe in risposta a un semplice interrogatorio non coercitivo e la cui colpevolezza non potrebbe altrimenti essere provata? È così chiaro che la liberazione è la cosa migliore per lui in ogni caso? È stato così indiscutibilmente risolto che, in ogni singolo caso, sarebbe meglio per lui non confessare e tornare nel suo ambiente senza alcun tentativo di aiutarlo? Credo di no. Può darsi che, in molti casi, non sia altro che un insensibile disprezzo per il suo benessere, oltre che per gli interessi della sua prossima vittima.

C'è un altro aspetto dell'effetto della sentenza della Corte sulla persona che la polizia ha arrestato per un probabile motivo. Il fatto è che potrebbe non essere affatto colpevole, e potrebbe essere in grado di liberarsi rapidamente e semplicemente se gli venissero comunicate le circostanze del suo arresto e gli venisse chiesto di spiegare. Questo sforzo, e il suo rilascio, deve ora attendere l'assunzione di un avvocato o la sua nomina da parte del tribunale, la consultazione con l'avvocato, e poi una sessione con la polizia o il procuratore. Allo stesso modo, quando esiste un motivo probabile per arrestare diversi sospetti, come quando il corpo della vittima viene scoperto in una casa con diversi residenti, confrontare Johnson v. State, 238 Md. 140, 207 A.2d 643 (1965), cert. negato, 382 U.S.A. 1013, sarà spesso

[544]

è vero che un sospetto può essere scagionato solo attraverso i risultati dell'interrogatorio di altri sospetti. Anche in questo caso, il rilascio dell'innocente può essere ritardato dalla sentenza della Corte.

Gran parte del problema della nuova regola della Corte è che essa opererà indiscriminatamente in tutti i casi penali, indipendentemente dalla gravità del reato o dalle circostanze. Essa si applica ad ogni imputato, sia che si tratti di un criminale professionista o di uno che commette un reato di passione momentanea che non fa parte della criminalità organizzata. Rallenterà le indagini e l'arresto dei confederati nei casi in cui il tempo è essenziale, come il rapimento, cfr. Brinegar contro gli Stati Uniti, 338 U. S. 160, 183 (Jackson, J., dissenziente); People contro Modesto, 62 Cal. 2d 436, 446, 398 P.2d 753, 759 (1965), quelli che riguardano la sicurezza nazionale, cfr. Stati Uniti contro Drummond, 354 F.2. d 132, 147 (C.A.2d Cir.1965) (en banc) (caso di spionaggio), pet. for cert. pending, n. 1203, Misc., O.T. 1965; cfr. Gessner c. Stati Uniti, 354 F.2d 726, 730, n. 10 (C.A. 10th Cir.1965) (sostenendo, in caso di spionaggio, la sentenza di un processo che stabilisce che il Governo non è tenuto a presentare parti classificate della trascrizione degli interrogatori), e alcune di quelle che coinvolgono il crimine organizzato. In quest'ultimo contesto, l'avvocato che arriva può essere anche l'avvocato dei colleghi dell'imputato, e può essere affidabile per assicurare che non si verifichi alcuna violazione della sicurezza dell'organizzazione, anche se l'imputato può ritenere che la cosa migliore che può fare è collaborare.

Allo stesso tempo, l'approccio della Corte di per sé può non essere giustificato dal fatto che fornisce una "linea luminosa" che permette alle autorità di giudicare in anticipo se l'interrogatorio può essere perseguito in modo sicuro senza compromettere l'ammissibilità di qualsiasi informazione ottenuta come conseguenza. Né si può sostenere che il tempo e l'impegno giudiziario, supponendo che si tratti di una considerazione pertinente,

[545]

sarà conservata grazie alla facilità di applicazione della nuova regola. La decisione odierna lascia aperte questioni come se l'imputato fosse in custodia, se le sue dichiarazioni fossero spontanee o il prodotto di un interrogatorio, se l'imputato abbia effettivamente rinunciato ai suoi diritti, e se le prove non testimoniali introdotte al processo siano il frutto di dichiarazioni rilasciate durante un interrogatorio proibito, tutte cose che sicuramente si riveleranno produttive di incertezza durante le indagini e il contenzioso durante l'accusa. Per tutti questi motivi, se in questo momento sono auspicabili ulteriori restrizioni agli interrogatori della polizia, un approccio più flessibile ha molto più senso della camicia di forza costituzionale della Corte, che preclude un trattamento più discriminatorio con dichiarazioni legislative o regolamentari.

Applicando le norme tradizionali ai casi dinanzi alla Corte, ritengo che queste confessioni siano volontarie. Affermo quindi ai nn. 759, 760 e 761, e al contrario al n. 584.

Note a piè di pagina

[Nota a piè di pagina 1]

Confronti Stati Uniti contro Childress, 347 F.2d 448 (C.A. 7th Cir.1965), con Collins contro Beto, 348 F.2d 823 (C.A. 5th Cir.1965). Confronti Persone contro Dorado, 62 Cal. 2d 338, 398 P.2d 361, 42 Cal. Rptr. 169 (1964), con Popolo contro Hartgraves, 31 Cal. 2d 375, 202 N.E.2d 33 (1964).

Nota a piè di pagina 2

Vedi, ad esempio, Enker & Elsen, avvocato del sospetto: Massiah contro gli Stati Uniti e Escobedo contro l'Illinois, 49 Minn.L.Rev. 47 (1964); Herman, The Supreme Court and Restrictions on Police Interrogation, 25 Ohio St.L.J. 449 (1964); Kamisar, Equal Justice in the Gatehouses and Mansions of American Criminal Procedure, in Criminal Justice in Our Time 1 (1965); Dowling, Escobedo e Beyond: The Need for a 14th Amendment Code of Criminal Procedure, 56 J.Crim.L., C. & P. S. 143, 156 (1965).

I complessi problemi hanno anche suscitato discussioni da parte dei giuristi. Confronta Bazelon, Law, Morality, and Civil Liberties, 12 U.C.L.A.L.L.Rev. 13 (1964), con Friendly, The Bill of Rights as a Code of Criminal Procedure, 53 Calif.L.Rev. 929 (1965).

[Nota a piè di pagina 3]

Per esempio, il capo della polizia di Los Angeles ha dichiarato che,

"Se la polizia è tenuta a . . . . a . . . stabilire che l'imputato è stato informato delle sue garanzie costituzionali di silenzio e di assistenza legale prima di pronunciare qualsiasi ammissione o confessione, e che ha intelligentemente rinunciato a queste garanzie . . . un intero vaso di Pandora viene aperto in quali circostanze . . . può un imputato rinunciare intelligentemente a questi diritti. . . . L'accusa che le moderne indagini penali possano compensare la mancanza di una confessione o di una ammissione in ogni caso criminale è totalmente assurda!

Parker, 40 L.A.Bar Bull. 603, 607, 642 (1965). Il suo omologo procuratore distrettuale, il procuratore distrettuale Younger, ha dichiarato che

"Comincia a sembrare che molte di queste decisioni apparentemente restrittive contribuiranno direttamente ad un livello di applicazione della legge più efficace, efficiente e professionale".

L.A. Times, 2 ottobre 1965, p. 1. L'ex commissario di polizia di New York, Michael J. Murphy, ha dichiarato di Escobedo:

"Quello che la Corte sta facendo è simile a richiedere a un pugile di combattere secondo le regole del Marchese di Queensbury, mentre permette all'altro di fare a pugni, sgorbiare e mordere."

N.Y. Times, 14 maggio 1965, p. 39. L'ex Procuratore del Distretto di Columbia degli Stati Uniti, David C. Acheson, che attualmente è Assistente Speciale del Segretario del Tesoro (per le Forze dell'Ordine), e direttamente responsabile dei Servizi Segreti e del Bureau of Narcotics, ha osservato che

"Il procedimento penale ha, al massimo, solo il più remoto nesso causale con il crimine. Le modifiche alle decisioni dei tribunali e alla procedura dell'accusa avrebbero più o meno lo stesso effetto sul tasso di criminalità che un'aspirina avrebbe su un tumore al cervello".

Citato in Herman, sopra, n. 2, a 500, n. 270. Altre opinioni sull'argomento in generale sono raccolte a Weisberg, Interrogatorio di polizia delle persone arrestate: A Skeptical View, 52 J.Crim.L., C. & P.S. 21 (1961).

Nota a piè di pagina 4

Questo è ciò che intendevamo a Escobedo quando abbiamo parlato di un'indagine che si era concentrata su un imputato.

[Nota 5]

Si veda, ad esempio, IV National Commission on Law Observance and Enforcement, Report on Lawlessness in Law Enforcement (1931) [Rapporto Wickersham]; Booth, Confessions, and Methods Employed in Procuring Them, 4 So. Calif.L.Rev. 83 (1930); Kauper, Judicial Examination of the Accused -- A Remedy for the Third Degree, 30 Mich.L.Rev. 1224 (1932). È significativo che i casi di trattamento di terzo grado dei detenuti abbiano avuto luogo quasi sempre durante il periodo tra l'arresto e l'esame preliminare. Rapporto Wickersham, al 169; Hall, The Law of Arrest in Relation to Contemporary Social Problems, 3 U.Chi.L.L.Rev. 345, 357 (1936). Vedi anche Foote, Law and Police Practice: Safeguards in the Law of Arrest, 52 Nw.U.L.L.Rev. 16 (1957).

[Nota a piè di pagina 6]

Brown contro Mississippi, 297 U. S. 278 (1936); Chambers contro Florida, 309 U. S. 227 (1940); Canty contro Alabama, 309 U. S. 629 (1940); White contro Texas, 310 U. S. 530 (1940); Vernon contro Alabama, 313 U. S. 547 (1941); Ward c. Texas, 316 U. S. 547 (1942); Ashcraft c. Tennessee, 322 U. S. 143 (1944); Malinski c. New York, 324 U. S. 401 (1945); Leyra c. Denno, 347 U. S. 556 (1954). Cfr. anche Williams c. Stati Uniti, 341 U. S. 97 (1951).

Nota a piè di pagina 7

In più, vedi la gente v. Wakat, 415 Ill. 610, 114 N.E.2d 706 (1953); Wakat v. Harlib, 253 F.2d 59 (C.A. 7th Cir.1958) (difensore che soffre dalle ossa rotte, dalle contusioni multiple e dalle lesioni abbastanza serie per richiedere otto mesi di trattamento medico dopo essere stato maneggiato da cinque poliziotti); Kier v. State, 213 Md. 556, 132 A.2d 494 (1957) (il medico della polizia disse all'imputato, che era legato ad una sedia completamente nudo, che proponeva di prelevare capelli e pelle da qualsiasi cosa che assomigliasse a sangue o sperma da varie parti del suo corpo); Bruner contro People, 113 Colo.194, 156 P.2 d 111 (1945) (imputato tenuto in custodia per due mesi, privato del cibo per 15 ore, costretto a sottoporsi al test della macchina della verità quando voleva andare in bagno); Lo Stato contro Matlock, 51 Cal. 2d 682, 336 P.2d 505 (1959) (imputato interrogato incessantemente per una sera, costretto a mentire sulla tavola fredda e a rispondere alle domande ogni volta che sembrava che si addormentasse). Altri casi sono documentati in American Civil Liberties Union, Illinois Division, Secret Detention by the Chicago Police (1959); Potts, The Preliminary Examination e "The Third Degree", 2 Baylor L.Rev. 131 (1950); Sterling, Police Interrogation and the Psychology of Confession, 14 J.Pub.L. 25 (1965).

[Nota a piè di pagina 8]

I manuali citati nel testo che segue sono i più recenti e rappresentativi dei testi attualmente disponibili. Materiale della stessa natura appare in Kidd, Interrogatorio della polizia (1940); Mulbar, Interrogatorio (1951); Dienstein, Tecniche per l'investigatore del crimine 97-115 (1952). Gli studi sulle pratiche osservate dalla polizia appaiono in LaFave, Arresto: La decisione di prendere un sospetto in custodia 244-437, 490-521 (1965); LaFave, Detenzione per indagini della polizia: An Analysis of Current Practices, 1962 Wash.U.L.Q. 331; Barrett, Police Practices and the Law -- From Arrest to Release or Charge, 50 Calif.L.Rev. 11 (1962); Sterling, supra, n 7, a 47-65.

[Nota a piè di pagina 9]

I metodi descritti in Inbau & Reid, Interrogatorio penale e confessioni (1962), sono una revisione e un ampliamento del materiale presentato in tre precedenti edizioni di un testo precedente, Lie Detection and Criminal Interrogations (3d ed.1953). Gli autori e i loro collaboratori sono funzionari del Chicago Police Scientific Crime Detection Laboratory, e hanno avuto una vasta esperienza di scrittura, conferenze e discorsi alle autorità di polizia per un periodo di 20 anni. Dicono che le tecniche descritte nei loro manuali riflettono le loro esperienze e sono gli stratagemmi psicologici più efficaci da utilizzare durante gli interrogatori. Allo stesso modo, le tecniche descritte in O'Hara, Fundamentals of Criminal Investigation (1956), sono state ricavate da un lungo servizio come osservatore, docente di scienze della polizia, e lavorano come investigatore penale federale. Tutti questi testi hanno avuto un uso piuttosto esteso tra le forze dell'ordine e tra gli studenti di scienze della polizia, con un totale di oltre 44.000 copie vendute e diffuse.

[Nota a piè di pagina 10]

Inbau & Reid, Interrogatorio penale e confessioni (1962), a 1.

[Nota a piè di pagina 11]

O'Hara, sopra, a 99.

[Nota a piè di pagina 12]

Inbau & Reid, supra, a 34-43, 87. Per esempio, in Leyra contro Denno, 347 U. S. 556 (1954), l'interrogatore-psichiatra disse all'imputato: "A volte facciamo cose che non sono giuste, ma in un attacco di collera o di collera a volte facciamo cose di cui non siamo veramente responsabili", id. a 562, e ancora: "Sappiamo che moralmente, tu eri solo in collera. Moralmente, non sei da condannare", id. a 582.

[Nota a piè di pagina 13]

Inbau Reid, supra, a 43-55.

[Nota 14]

O'Hara, sopra, al 112.

[Nota 15]

Inbau & Reid, supra, a 40 anni.

[Nota a piè di pagina 16]

Ibidem.

[Nota 17]

O'Hara, supra, a 104, Inbau & Reid, supra, a 58-59. Vedi Spano contro New York, 360 U. S. 315 (1959). Una variante della tecnica di creare ostilità è quella di generare paura. Questa è forse meglio descritta dall'avvocato dell'accusa in Malinski contro New York, 324 U. S. 401, 407 (1945):

"Perché questo parlare di spogliarsi? Naturalmente, avevano il diritto di spogliarlo per cercare le cicatrici dei proiettili e di togliergli i vestiti di dosso. Era una procedura di polizia piuttosto corretta. Questa è un po' più di psicologia - lasciatelo seduto con una coperta addosso, umiliatelo lì per un po'; lasciatelo seduto in un angolo, lasciatelo pensare che si prenderà una sveltina".

[Nota 18]

O'Hara, sopra, a 105-106.

[Nota a piè di pagina 19]

Identificazione a 106.

[Nota 20]

Inbau & Reid, supra, al 111.

[Nota 21]

Ibidem.

[Nota 22]

Inbau & Reid, supra, al 112.

[Nota 23]

Inbau & Reid, Detection Lie Detection and Criminal Interrogation 185 (3d ed.1953).

[Nota a piè di pagina 24]

Le procedure di interrogatorio possono anche dar luogo a una falsa confessione. L'esempio più recente e lampante si è verificato a New York, nel 1964, quando un negro di scarsa intelligenza ha confessato due brutali omicidi e uno stupro che non aveva commesso. Quando questo fu scoperto, il pubblico ministero fu denunciato per aver detto:

"Chiamatelo come volete: lavaggio del cervello, ipnosi, paura. Gli hanno fatto confessare una falsa confessione. L'unica cosa a cui non credo è che Whitmore sia stato picchiato".

N.Y. Times, 28 gennaio 1965, p. 1, col. 5. In altri due casi si erano verificati eventi simili. N.Y. Times, 20 ottobre 1964, p. 22, col. 1; N.Y. Times, 25 agosto 1965, p. 1, col. 1. In generale, si veda Borchard, Condanna degli innocenti (1932); Frank & Frank, Not Guilty (1957).

[Nota a piè di pagina 25]

Nel quarto caso di confessione deciso dalla Corte nel 1962, Fay contro Noia, 372 U. S. 391 (1963), la nostra disposizione ha reso superfluo approfondire i fatti. I fatti del caso dell'imputato in quel caso, tuttavia, erano paralleli a quelli dei suoi coimputati, le cui confessioni sono risultate essere il risultato di un interrogatorio continuo e coercitivo per 27 ore, con il rifiuto di richieste di amici o di un avvocato. Cfr. Stati Uniti contro Murphy, 222 F.2d 698 (C.A.2d Cir.1955) (Frank, J.); People contro Bonino, 1 N.Y.2d 752, 135 N.E.2d 51 (1956).

[Nota in calce 26]

L'assurdità di negare che una confessione ottenuta in queste circostanze sia costretta a confessare è giustamente rappresentata da un esempio nel recente articolo del professor Sutherland, Crimine e confessione, 79 Harv.L.Rev. 21, 37 (1965):

"Supponiamo che una testatrice benestante dica che intende consegnare i suoi beni ad Elizabeth. John e James vogliono che sia lei a lasciarla in eredità a loro. Catturano la testatrice, la mettono in una stanza accuratamente progettata, fuori dal contatto con tutti tranne che con se stessi e con i loro comodi "testimoni", la tengono appartata lì per ore mentre fanno richieste insistenti, la stancano con le contraddizioni delle sue affermazioni che vuole lasciare il suo denaro a Elizabeth, e infine la inducono a eseguire il testamento a loro favore. Supponiamo che Giovanni e Giacomo siano profondamente e correttamente convinti che Elisabetta sia indegna, e che farà un cattivo uso della proprietà se lei ci metterà le mani sopra, mentre Giovanni e Giacomo hanno le più nobili e giuste intenzioni. Qualunque giudice di successione accetterebbe il testamento così procurato come atto 'volontario' della testatrice?".

[Nota 27]

I commentatori del tredicesimo secolo hanno trovato un'analogia con il privilegio fondato sulla Bibbia. "Per riassumere la questione, il principio secondo cui nessun uomo deve essere dichiarato colpevole per sua stessa ammissione è un decreto divino". Maimonide, Mishneh Torah (Codice della legge ebraica), Libro dei Giudici, Leggi del Sinedrio, c. 18, 116, III Yale Judaica Serie 52-53. Vedi anche Lamm, Il quinto emendamento e il suo equivalente nell'Halakhah, 5 Ebraismo 53 (Inverno 1956).

[Nota a piè di pagina 28]

Cfr. Morgan, The Privilege Against Self-Incrimination, 34 Minn.L.Rev. 1, 9-11 (1949); 8 Wigmore, Evidence 289-295 (McNaughton rev.1961). Cfr. anche Lowell, The Judicial Use of Torture, Parti I e II, 11 Harv.L.Rev. 220, 290 (1897).

[Nota a piè di pagina 29]

Si veda Pittman, The Colonial and Constitutional History of the Privilege Against Self-Incrimination in America, 21 Va.L.Rev. 763 (1935); Ullmann contro gli Stati Uniti, 350 U. S. 422, 445-449 (1956) (DOUGLAS, J., dissentendo).

[Nota 30]

Confronta Brown contro Walker, 161 U. S. 591 (1896); Quinn contro gli Stati Uniti, 349 U. S. 155 (1955).

[Nota a piè di pagina 31]

Breve per gli Stati Uniti, p. 28. Per lo stesso effetto, cfr. Brief for the United States, pp. 40-49, n. 44, Anderson c. Stati Uniti, 318 U. S. 350 (1943); Brief for the United States, pp. 17-18, McNabb c. Stati Uniti, 318 U. S. 332 (1943).

[Nota a piè di pagina 32]

La nostra decisione di oggi non indica in alcun modo, naturalmente, che queste regole possano essere ignorate. Quando i funzionari federali arrestano un individuo, devono come sempre rispettare i dettami della legislazione del Congresso e dei casi che ne derivano. Si veda in generale Hogan & Snee, The McNabb-Mallory Rule: Its Rise, Rationale and Rescue, 47 Geo.L.J. 1 (1958).

[Nota a piè di pagina 33]

Le decisioni di questa Corte hanno garantito la stessa tutela procedurale al convenuto, sia che la sua confessione sia stata usata in un tribunale federale o statale. È ormai assiomatico che i diritti costituzionali dell'imputato siano stati violati se la sua condanna si basa, in tutto o in parte, su una confessione involontaria, indipendentemente dalla sua verità o falsità. Rogers contro Richmond, 365 U. S. 534, 544 (1961); Wan contro Stati Uniti, 266 U. S. 1 (1924). Questo anche se ci sono ampie prove a parte la confessione a sostegno della condanna, per esempio, Malinski contro New York, 324 U. S. 401, 404 (1945); Bram contro Stati Uniti, 168 U. S. 532, 540-542 (1897). Sia i tribunali statali che federali aderiscono ora alle procedure processuali che cercano di assicurare una determinazione affidabile e chiara della volontarietà della confessione offerta al processo, Jackson contro Denno, 378 U. S. 368 (1964); Stati Uniti contro Carignan, 342 U. S. 36, 38 (1951); cfr. anche Wilson contro Stati Uniti, 162 U. S. 613, 624 (1896). La revisione in appello è impegnativa, cfr. Haynes contro Washington, 373 U. S. 503 (1963); Blackburn contro Alabama, 361 U. S. 199 (1960). Sia che la sua condanna sia stata pronunciata in un tribunale federale o statale, l'imputato può ottenere un'udienza post-convinzione basata sul presunto carattere involontario della sua confessione, a condizione che soddisfi i requisiti procedurali, Fay contro Noia, 372 U. S. 391 (1963); Townsend contro Sain, 372 U. S. 293 (1963). Inoltre, cfr. Murphy contro Waterfront Comm'n, 378 U. S. 52 (1964).

[Nota a piè di pagina 34].

Cfr. Lisenba c. California, 314 U. S. 219, 241 (1941); Ashcraft c. Tennessee, 322 U. S. 143 (1944); Malinski c. New York, 324 U. S. 401 (1945); Spano c. New York, 360 U. S. 315 (1959); Lynumn c. Illinois, 372 U. S. 528 (1963); Haynes c. Washington, 373 U. S. 503 (1963).

[Nota a piè di pagina 35]

La polizia ha anche impedito all'avvocato di consultare il suo cliente. Indipendentemente da qualsiasi altra proscrizione costituzionale, questa azione costituisce una violazione del diritto del Sesto Emendamento all'assistenza di un avvocato, ed esclude qualsiasi dichiarazione ottenuta sulla sua scia. Si veda People v. Donovan, 13 N.Y.2d 148, 193 N.E.2d 628, 243 N.Y.S.2d 841 (1963) (Fuld, J.)

[Nota a piè di pagina 36]

In re Groban, 352 U.S. 330, 340-352 (1957) (NERO, J., dissenziente); Nota, 73 Yale L.J. 1000, 1048-1051 (1964); Commento, 31 U.Chi.L.Rev. 313, 320 (1964) e autorità citate.

[Nota 37]

Vedi pag. 454, supra. Il Signore Devlin ha commentato:

"È probabile che, ancora oggi, quando c'è molta meno ignoranza di un tempo su queste questioni, ci sia ancora la convinzione generale che tu debba rispondere a tutte le domande che ti vengono poste da un poliziotto, o almeno che sarà peggio per te se non lo farai".

Devlin, The Criminal Prosecution in England 32 (1958).

In accordo con la nostra decisione di oggi, è inammissibile penalizzare un individuo per aver esercitato il suo privilegio del Quinto Emendamento quando è sotto interrogatorio della polizia. L'accusa non può quindi utilizzare al processo il fatto che egli sia rimasto muto o abbia rivendicato il suo privilegio di fronte all'accusa. Cfr. Griffin c. California, 380 U. S. 609 (1965); Malloy c. Hogan, 378 U. S. 1, 8 (1964); Commento, 31 U.Chi.L.Rev. 556 (1964); Sviluppi nella legge - Confessioni, 79 Harv.L.Rev. 935, 1041-1044 (1966). Cfr. anche Bram c. Stati Uniti, 168 U.S. 532, 562 (1897).

[Nota a piè di pagina 38]

Cfr. Betts contro Brady, 316 U. S. 455 (1942), e l'indagine ricorrente sulle circostanze speciali che ha richiesto. Si veda in generale Kamisar, Betts contro Brady Twenty Years Later: The Right to Counsel and Due Process Values, 61 Mich.L.Rev. 219 (1962).

[Nota a piè di pagina 39]

Cfr. Herman, The Supreme Court and Restrictions on Police Interrogation, 25 Ohio St.L.J. 440, 480 (1964).

[Nota a piè di pagina 40]

Sono state riportate stime del 50-90% di indigenza tra gli imputati di reati. Pollock, Equal Justice in Practice, 45 Minn.L.Rev. 737, 738-739 (1961); Birzon, Kasanof & Forma, The Right to Counsel and the Indigent Accused in Courts of Criminal Jurisdiction in New York State, 14 Buffalo L.Rev. 428, 433 (1965).

[Nota in calce 41]

Vedi Kamisar, Equal Justice in the Gatehouses and Mansions of American Criminal Procedure, in Criminal Justice in Our Time 1, 64-81 (1965). Come è stato affermato nel Rapporto del Comitato del Procuratore Generale sulla povertà e l'amministrazione della giustizia penale federale 9 (1963):

"Quando il governo sceglie di esercitare i suoi poteri in ambito penale, il suo obbligo non è certamente inferiore a quello di adottare misure ragionevoli per eliminare quei fattori che sono irrilevanti per la giusta amministrazione della legge, ma che, tuttavia, possono occasionalmente influenzare le decisioni sulla responsabilità o sulla pena dell'imputato. Se da un lato il governo può non essere tenuto a sollevare l'imputato dalla sua povertà, dall'altro può essere giustamente tenuto a minimizzare l'influenza della povertà sulla sua amministrazione della giustizia".

[Nota a piè di pagina 42]

Cfr. Stati Uniti ex rel. Brown contro Fay, 242 F. Supp. 273, 277 (D.C.S.D.N.Y.1965); People contro Witenski, 15 N.Y.2d 392, 207 N.E.2d 358, 259 N.Y.S.2d 413 (1965).

Nota a piè di pagina 43

Mentre un avvertimento che l'indigente può avere un avvocato non deve essere dato alla persona che è noto per avere un avvocato o che è noto per avere ampi fondi per assicurarsene uno, l'espediente di dare un avvertimento è troppo semplice, e i diritti coinvolti troppo importanti, per impegnarsi in indagini ex post di fatto sulla capacità finanziaria quando c'è un qualsiasi dubbio su questo punto.

[Nota a piè di pagina 44]

Se una persona indica il suo desiderio di tacere, ma ha un avvocato presente, ci possono essere alcune circostanze in cui sarebbe ammissibile un ulteriore interrogatorio. In assenza di prove di prepotenza, le dichiarazioni rese in presenza di un avvocato potrebbero essere libere dall'influenza coercitiva del processo di interrogatorio e potrebbero essere equamente interpretate come una rinuncia al privilegio ai fini di tali dichiarazioni.

[Nota a piè di pagina 45]

Anche se questa Corte ha sostenuto nella causa Rogers c. Stati Uniti, 340 U. S. 367 (1951), a causa di un forte dissenso, che un testimone davanti a un gran giurì non può in certe circostanze decidere di rispondere ad alcune domande e poi rifiutarsi di rispondere ad altre, questa decisione non ha alcuna applicazione alla situazione di interrogatorio di cui ci occupiamo oggi. Non è coinvolta alcuna autorità legislativa o giudiziaria di accertamento dei fatti, né vi è la possibilità che l'individuo possa fare dichiarazioni egoistiche di cui potrebbe avvalersi al processo rifiutando di rispondere a dichiarazioni incriminanti.

[Nota a piè di pagina 46]

La distinzione e il suo significato sono stati giustamente descritti nel parere di un tribunale scozzese:

"In passato, tali interrogatori, se effettuati, venivano condotti da agenti di polizia che visitavano la casa o il luogo di lavoro del sospetto e lì lo interrogavano, probabilmente in presenza di un parente o di un amico. Per quanto conveniente possa essere la pratica moderna, essa deve normalmente creare una situazione molto sfavorevole al sospetto".

Chalmer contro H. M. Advocate, [1954] Sess.Cas. 66, 78 (J.C.).

[Nota a piè di pagina 47]

Vedi Persone contro Dorado, 62 Cal. 2d 338, 354, 398 P.2d 361, 371 42 Cal. Rptr. 169, 179 (1965).

[Nota a piè di pagina 48]

In conformità con i nostri possedimenti oggi e in Escobedo v. Illinois, 378 U. S. 478, 492, Crooker v. California, 357 U. S. 433 (1958) e Cicenia v. Lagay, 357 U. S. 504 (1958), non sono da seguire.

Nota a piè di pagina 49

Citando quanto sopra dall'opinione dissenziente del giudice Brandeis non intendiamo naturalmente trasmettere le questioni costituzionali coinvolte nel caso Olmstead.

[Nota 50]

Schaefer, Federalismo e procedura penale dello Stato, 70 Harv.L.Rev. 1, 26 (1956).

[Nota a piè di pagina 51]

Miranda, Vignera e Westover sono stati identificati da testimoni oculari. Nell'auto di Westover sono state trovate banconote della banca rapinata. Gli articoli rubati alla vittima e a diverse altre vittime della rapina sono stati trovati in casa di Stewart all'inizio delle indagini.

[Nota a piè di pagina 52]

Trattare come facciamo qui con gli standard costituzionali in relazione alle dichiarazioni fatte, l'esistenza di prove indipendenti e corroboranti prodotte al processo è, ovviamente, irrilevante per le nostre decisioni. Haynes contro Washington, 373 U. S. 503, 518-519 (1963); Lynumn contro Illinois, 372 U. S. 528, 537-538 (1963); Rogers contro Richmond, 365 U. S. 534, 541 (1961); Blackburn contro Alabama, 361 U. S. 199, 206 (1960).

[Nota a piè di pagina 53]

Si veda, ad esempio, il rapporto e le raccomandazioni del Comitato dei Commissari del [Distretto di Columbia] sugli arresti di polizia per le indagini (1962); American Civil Liberties Union, Secret Detention by the Chicago Police (1959). Un esempio estremo di questa pratica si è verificato nel Distretto di Columbia nel 1958. Cercando tre giovani negri "tarchiatelli" che avevano rapinato un ristorante, la polizia ha arrestato 90 persone di quella descrizione generale. Sessantatre persone sono state trattenute durante la notte prima di essere rilasciate per mancanza di prove. Un uomo che non era tra i 90 arrestati fu infine accusato del crimine. Washington Daily News, 21 gennaio 1958, p. 5, col. 1; Audizioni davanti a una sottocommissione della Commissione giudiziaria del Senato su H.R. 11477, S. 2970, S. 3325, e S. 3355, 85° Congresso, 2d Sess. (luglio 1958), pp. 40, 78.

Nota a piè di pagina 54

Nel 1952, J. Edgar Hoover, direttore del Federal Bureau of Investigation, ha dichiarato:

"Le forze dell'ordine, tuttavia, nello sconfiggere il criminale, devono mantenere inviolate le libertà storiche dell'individuo. Respingere il criminale, eppure, così facendo, distruggere la dignità dell'individuo, sarebbe una vittoria vuota".

"* * * *"

"Possiamo avere la Costituzione, le migliori leggi del paese, e le revisioni più oneste da parte dei tribunali - ma a meno che la professione forense non sia intrisa della tradizione democratica, non mantenga i più alti livelli di etica, e non faccia del suo lavoro una carriera d'onore, le libertà civili saranno continuamente - e senza fine - violate. . . . La migliore protezione delle libertà civili è un'agenzia di applicazione della legge attenta, intelligente e onesta. Non ci possono essere alternative".

"* * * *"

". . . Agli agenti speciali viene insegnato che qualsiasi sospetto o persona arrestata, all'inizio di un colloquio, deve essere avvisata che non è tenuta a rilasciare una dichiarazione e che qualsiasi dichiarazione rilasciata può essere usata contro di lui in tribunale. Inoltre, l'individuo deve essere informato che, se lo desidera, può ottenere i servizi di un avvocato di sua scelta".

Hoover, Libertà civili e forze dell'ordine: Il ruolo dell'FBI, 37 Iowa L.Rev. 175, 177-182 (1952).

[Nota a piè di pagina 55]

Siamo d'accordo che l'agente che conduce il colloquio deve esercitare il suo giudizio nel determinare se l'individuo rinuncia al suo diritto ad avere un avvocato. A causa della base costituzionale del diritto, tuttavia, lo standard per la rinuncia è necessariamente elevato. E, naturalmente, la responsabilità ultima per la risoluzione di questa questione costituzionale spetta ai tribunali.

[Nota a piè di pagina 56]

Tra i reati che rientrano nella giurisdizione dell'FBI sono il rapimento, 18 U.S.C. § 1201 (1964 ed.), la schiavitù bianca, 18 U.S.C. §§ 2421-2423 (1964 ed.), la rapina in banca, 18 U.S.C. § 2113 (1964 ed.). ), trasporto interstatale e vendita di beni rubati, 18 U.S.C. §§ 2311-2317 (1964 ed.), ogni sorta di cospirazione, 18 U.S.C. § 371 (1964 ed.), e violazioni dei diritti civili 18 U.S.C. §§ 241-242 (1964 ed.). Vedi anche 18 U.S.C. § 1114 (1964 ed.) (omicidio di un ufficiale o di un dipendente degli Stati Uniti).

Nota a piè di pagina 57

[1964] Crim.L.Rev. a 166-170. Queste Regole prevedono in parte:

"II. Non appena un ufficiale di polizia dispone di prove che possano fornire ragionevoli motivi per sospettare che una persona abbia commesso un reato, deve ammonirla o farla ammonire prima di porle qualsiasi domanda, o ulteriori domande, relative a quel reato".

"L'ammonimento deve essere nei seguenti termini: "

" Non siete obbligati a dire nulla a meno che non lo desideriate, ma ciò che dite può essere messo per iscritto e reso noto".

"Quando, dopo essere stato ammonito, una persona viene interrogata, o sceglie di fare una dichiarazione, si registra l'ora e il luogo in cui tale interrogatorio o dichiarazione ha avuto inizio e si è concluso e delle persone presenti".

"III . . . "

"* * * * ."

"(b) È solo in casi eccezionali che le domande relative al reato devono essere poste all'imputato dopo che questi è stato accusato o informato che può essere perseguito".

"* * * *"

"IV. Tutte le dichiarazioni scritte fatte dopo l'ammonizione devono essere prese nel modo seguente: "

"a) Se una persona dice di voler fare una dichiarazione, gli si dirà che si intende fare una registrazione scritta di ciò che dice".

"Gli si chiederà sempre se vuole scrivere lui stesso quello che vuole dire; se dice che non può scrivere, o che vorrebbe che qualcuno lo scrivesse per lui, un ufficiale di polizia può offrirsi di scrivere la dichiarazione per lui...". . ."

"(b) Chiunque scriva la propria dichiarazione è autorizzato a farlo senza alcun suggerimento, a parte l'indicazione di ciò che è rilevante per lui".

"* * * *"

"d) Ogni volta che un agente di polizia scrive la dichiarazione, deve annotare le parole esatte pronunciate da chi la fa, senza porre domande diverse da quelle necessarie a rendere la dichiarazione coerente, comprensibile e pertinente alle questioni materiali: non deve sollecitarlo".

Le Regole precedenti appaiono in Devlin, The Criminal Prosecution in England 137-141 (1958).

Nonostante i suggerimenti di un certo lassismo nell'applicazione delle Regole, e nonostante il fatto che una certa discrezione in merito all'ammissibilità sia investita nel giudice del processo, le Regole sono un'influenza significativa nel sistema di applicazione del diritto penale inglese. Si veda, ad esempio, [1964] Crim.L.Rev. a 182, e gli articoli raccolti nel [1960] Crim.L.Rev. a 298-356.

Nota a piè di pagina 58

L'introduzione al Regolamento dei Giudici recita in parte:

"Queste Regole non incidono sui principi"

"* * * *"

"c) Che ogni persona, in qualsiasi fase di un'indagine, sia in grado di comunicare e di consultarsi privatamente con un avvocato. Ciò anche se egli è in custodia, a condizione che, in tal caso, non si verifichino ritardi o ostacoli irragionevoli ai processi investigativi o all'amministrazione della giustizia. . . ."

[1964] Crim.L.Rev. a 166-167.

[Nota 59]

Come affermato dal Lord Justice General in Chalmers v. H.M Advocate, [1954] Sess.Cas. 66, 78 (J.C.):

"La teoria della nostra legge è che, nella fase di indagine iniziale, la polizia può interrogare chiunque al fine di acquisire informazioni che possono portare all'individuazione del criminale; ma che, quando è stato raggiunto lo stadio in cui il sospetto, o più che il sospetto, è stato a loro avviso incentrato su una persona come probabile esecutore del crimine, l'ulteriore interrogatorio di quella persona diventa molto pericoloso, e, se portato troppo lontano, ad es, fino al punto di estrarre una confessione per un controinterrogatorio, la prova di quella confessione sarà quasi certamente esclusa. Una volta che l'imputato è stato arrestato e accusato, ha diritto per legge ad un colloquio privato con un avvocato e ad essere portato davanti ad un magistrato con la massima celerità, in modo che possa, se consigliato, emettere una dichiarazione in presenza del suo avvocato in condizioni che lo salvaguardino da pregiudizi".

[Nota 60]

"Nessuna confessione fatta a un agente di polizia deve essere provata come contro una persona accusata di un qualsiasi reato". Legge indiana sulle prove, § 25.

"Nessuna confessione fatta da una persona mentre è sotto la custodia di un ufficiale di polizia, a meno che non sia fatta alla presenza immediata di un magistrato, sarà provata come contro tale persona".

Legge indiana sulle prove § 26. Vedi 1 Ramaswami & Rajagopalan, Legge sulle prove in India 553-569 (1962). Per evitare qualsiasi effetto continuo di pressione o incitamento da parte della polizia, la Corte Suprema indiana ha invalidato una confessione fatta poco dopo che la polizia ha portato un sospetto davanti a un magistrato, suggerendo:

"Riteniamo che sarebbe ragionevole insistere nel dare a una persona accusata almeno 24 ore per decidere se deve confessare o meno".

Sarwan Singh contro lo Stato del Punjab, 44 All India Rep. 1957, Sup.Ct. 637, 644.

[Nota a piè di pagina 61]

I Emanazione legislativa di Ceylon 211 (1958).

[Nota a piè di pagina 62]

10 U.S.C. § 831(b) (1964 ed.)

[Nota a piè di pagina 63]

Stati Uniti contro Rose, 24 CMR 251 (1957); Stati Uniti contro Gunnels, 23 CMR 354 (1957).

[Nota a piè di pagina 64]

Sebbene non esistesse una costituzione all'epoca in cui le confessioni erano escluse dalla regola della prova nel 1872, l'India ha ora una costituzione scritta che include la disposizione che "Nessuna persona accusata di un qualsiasi reato può essere costretta a testimoniare contro se stessa". Costituzione dell'India, articolo 20, paragrafo 3. Si veda Tope, The Constitution of India 63-67 (1960).

[Nota a piè di pagina 65]

Breve per gli Stati Uniti nel n. 761, Westover v. Stati Uniti, pp. 44-47; Breve per lo Stato di New York come amicus curiae, pp. 35-39. Cfr. anche Brief for the National District Attorneys Association as amicus curiae, pp. 23-26.

[Nota a piè di pagina 66]

Miranda è stata anche condannata in un processo separato per un'accusa di rapina non correlata, non presentata qui per la revisione. Una dichiarazione presentata in quel processo è stata ottenuta da Miranda durante lo stesso interrogatorio, che ha portato alla confessione. Durante il processo per rapina, un agente ha testimoniato che, durante l'interrogatorio, non ha detto a Miranda che qualsiasi cosa abbia detto sarebbe stata usata contro di lui o che avrebbe potuto consultarsi con un avvocato. L'altro ufficiale ha dichiarato che entrambi avevano detto a Miranda che qualsiasi cosa avesse detto sarebbe stata usata contro di lui e che non era obbligato per legge a dirgli nulla.

[Nota 67]

Uno degli ufficiali ha testimoniato di aver letto questo paragrafo a Miranda. Apparentemente, però, lo ha fatto solo dopo che Miranda ha confessato oralmente.

[Nota 68]

Vignera ha poi attaccato con successo la validità di una delle precedenti condanne, Vignera v. Wilkins, Civ. 9901 (D.C.W.D.N.Y. 31 dicembre 1961) (non dichiarata), ma è stata poi ristabilita come secondo delinquente fittizio con la stessa pena detentiva della condanna originaria. R. 31-33.

[Nota a piè di pagina 69]

La mancata obiezione dell'avvocato difensore all'introduzione della confessione al processo, rilevata dalla Corte d'Appello e sottolineata dal Solicitor General, non preclude la nostra considerazione della questione. Poiché il processo si è svolto prima della nostra decisione a Escobedo e, naturalmente, prima della nostra decisione odierna di rendere disponibile l'obiezione, la mancata obiezione al processo non costituisce una rinuncia alla richiesta. Si veda, ad esempio, United States ex rel. Angelet v. Fay, 333 F.2d 12, 16 (C.A.2d Cir.1964), aff'd, 381 U. S. 654 (1965). Cfr. Ziffrin, Inc. contro Stati Uniti, 318 U. S. 73, 78 (1943).

[Nota a piè di pagina 70]

A causa di questa disposizione del caso, la Corte Suprema della California non ha raggiunto le affermazioni che la confessione è stata costretta dalle minacce della polizia a tenere in custodia la moglie malata fino alla confessione, che non c'è stata udienza come richiesto da Jackson contro Denno, 378 U. S. 368 (1964), e che il giudice del processo ha dato un'istruzione condannata dalla decisione della Corte Suprema della California nel caso People contro Morse, 60 Cal. 2d 631, 388 P.2d 33, 36 Cal. Rptr. 201 (1964).

[Nota a piè di pagina 71]

Dopo la concessione di certiorari in questo caso, la convenuta ha chiesto il rigetto per il fatto che non esisteva una sentenza definitiva dalla quale lo Stato potesse appellarsi, in quanto la sentenza di seguito riportata gli ha ordinato di essere richiamato. Nel caso in cui l'imputato fosse riuscito ad ottenere l'assoluzione a seguito di un nuovo processo, tuttavia, secondo la legge della California lo Stato non avrebbe potuto ricorrere in appello. Soddisfatti del fatto che, in queste circostanze, la decisione di cui sotto costituiva una sentenza definitiva ai sensi del 28 U.S.C. § 1257(3) (1964 ed.), abbiamo negato la mozione. 383 U.S.S. 903.

[Nota a piè di pagina 1]

Ad esempio, Inbau & Reid, Interrogatorio penale e confessioni (196); O'Hara, Fondamenti dell'indagine penale (1956); Dienstein, Tecniche per l'investigatore penale (1952); Mulbar, Interrogatorio (1951); Kidd, Interrogatorio di polizia (1940).

[Nota a piè di pagina 2]

Come sviluppato da mio fratello HARLAN, post pagg. 506-514, tali casi, ad eccezione della decisione a lungo discreditata nella causa Bram contro gli Stati Uniti, 168 U. S. 532 (1897), sono stati adeguatamente trattati in termini di giusto processo.

Nota a piè di pagina 3

La Corte indica l'Inghilterra, la Scozia, Ceylon e l'India con regole altrettanto rigide. Come sottolinea il fratello HARLAN, post, pp. 521-523, la Corte si sbaglia a questo proposito, perché trascura di controbilanciare i vantaggi processuali. Inoltre, i requisiti del Federal Bureau of Investigation non sembrano, dalla lettera del Solicitor General, ante, pagg. 484-46, essere così rigidi come quelli imposti oggi, sotto almeno due aspetti: (1) L'offerta di assistenza legale si articola solo come "diritto all'assistenza legale"; non si dice nulla sul diritto di avere un avvocato presente all'interrogatorio detentivo. (Si vedano anche gli esempi citati dal Solicitor General, Westover c. Stati Uniti, 342 F.2d 684, 685 (1965) ("diritto ad avere un avvocato"); Jackson c. Stati Uniti, 337 F.2d 136, 138 (1964) (accusato "avente diritto ad un avvocato"). In effetti, la prassi è che, ogni volta che l'indagato

"decide che vuole consultarsi con l'avvocato prima di rilasciare una dichiarazione, il colloquio viene terminato a quel punto. . . . Quando l'avvocato si presenta di persona, gli è permesso di conferire con il suo cliente in privato".

Ciò indica chiaramente che l'FBI non avverte che l'avvocato può essere presente durante l'interrogatorio di custodia. (2) La lettera del Solicitor General afferma:

"[T]hose che sono stati arrestati per un reato sotto la giurisdizione dell'FBI, o il cui arresto è previsto dopo l'interrogatorio, [sono avvisati] del diritto a un avvocato gratuito se non sono in grado di pagare, e la disponibilità di tale avvocato da parte del giudice".

Così formulata, questa avvertenza non indica che l'agente si assicurerà un avvocato. Piuttosto, la dichiarazione può essere interpretata dall'indagato nel senso che l'onere è posto a suo carico, e che può avere un avvocato nominato solo quando viene portato davanti al giudice o al processo - ma non durante l'interrogatorio detentivo. A mio avviso, la prassi dell'FBI non è così ampia come quella stabilita oggi dalla Corte.

[Nota 4]

A mio parere, non c'è "alcun sostegno significativo" nei nostri casi per la tenuta della Corte oggi che il privilegio del Quinto Emendamento, in effetti, vieta gli interrogatori detentivi. Per una discussione su questo punto, si veda il parere dissenziente di mio fratello BIANCO, post 526-531.

[Nota a piè di pagina 1]

La mia discussione in questo parere è diretta alle principali questioni decise dalla Corte e necessarie alla sua decisione; ignorando alcuni punti collaterali, non intendo implicare un accordo.

[Nota 2]

La causa è stata Bram contro gli Stati Uniti, 168 U. S. 532 (citata ante p. 461). Le sue premesse storiche furono poi smentite da Wigmore, che concluse "che nessuna affermazione potrebbe essere più infondata". 3 Wigmore, Prove § 823, a 250, n. 5 (3d ed.1940). La Corte negli Stati Uniti contro Carignan, 342 U. S. 36, 41, ha rifiutato di scegliere tra Bram e Wigmore, e Stein contro New York, 346 U. S. 156, 191, n. 35, ha messo ulteriormente in dubbio Bram. Ci sono, tuttavia, diversi pareri della Corte che assumono in dicta la rilevanza del privilegio del Quinto Emendamento per le confessioni. Burdeau contro McDowell, 256 U. S. 465, 475; cfr. Shotwell Mfg. Co. contro Stati Uniti, 371 U. S. 341, 347. Per quanto riguarda Bram e i casi di confessione federale in generale, cfr. Sviluppi della legge - Confessioni, 79 Harv.L.Rev. 935, 959-961 (1966).

[Nota a piè di pagina 3]

Commento, 31 U.Chi.L.Rev. 313 & n. 1 (1964), afferma che, entro il termine del 1963, 33 casi di confessione forzata da parte dello Stato erano stati decisi da questa Corte, a parte per curiams. Spano contro New York, 360 U.S. 315, 321, n. 2, raccoglie 28 casi.

[Nota a piè di pagina 4]

Bator & Vorenberg, Arresto, detenzione, interrogatorio e diritto all'avvocato, 66 Col.L.Rev. 62, 73 (1966):

"In realtà, il concetto di involontarietà sembra essere usato dai tribunali come una stenografia per riferirsi a pratiche che sono repellenti per gli standard civili di decenza o che, date le circostanze, si pensa applichino un certo grado di pressione su un individuo, che compromette ingiustamente la sua capacità di fare una scelta razionale".

Cfr. Herman, The Supreme Court and Restrictions on Police Interrogation, 25 Ohio St.L.J. 449, 452-458 (1964); Developments, supra, n. 2, al 964-984.

[Nota a piè di pagina 5]

Vedi la sinossi dei casi in Herman, sopra, n. 4, al 456, nn. 36-39. Un esempio non troppo lontano è Stroble contro la California, 343 U. S. 181, in cui il sospetto è stato preso a calci e minacciato dopo il suo arresto, interrogato un po' più tardi per due ore e isolato da un avvocato che cercava di vederlo; la conseguente confessione è stata ritenuta ammissibile.

[Nota 6]

Tra gli esempi riportati in 8 Wigmore, Evidence § 2266, al 401 (McNaughton rev.1961), ci sono questi: il privilegio si applica a qualsiasi testimone, civile o criminale, ma la regola della confessione protegge solo gli imputati criminali; il privilegio riguarda solo la coercizione, mentre la regola della confessione può escludere le dichiarazioni ottenute con un trucco o una promessa, e dove il privilegio è stato annullato - come dalla legge inglese sul fallimento - la regola della confessione può ancora operare.

[Nota a piè di pagina 7]

Inoltre, ci sono precedenti e persino argomenti storici che possono essere addotti a favore dell'introduzione dell'interrogatorio extra-giuridico all'interno del privilegio. Si veda in generale Maguire, Evidence of Guilt § 2.03, alle 15-16 (1959).

Nota a piè di pagina 8

Questo, naturalmente, è implicito nell'annuncio introduttivo della Corte che "[o]ur decisione nella causa Malloy contro Hogan, 378 U. S. 1 (1964) [che estende il privilegio del Quinto Emendamento agli Stati] richiede un esame della portata del privilegio anche nei casi statali". Ante, p. 463. È anche in contraddizione con la stessa Malloy, in cui l'estensione del Quinto Emendamento agli Stati si basava in parte sull'opinione che la restrizione della clausola del giusto processo sulle confessioni di Stato è stata, negli ultimi anni, "lo stesso standard" di quello imposto nei procedimenti federali rivendicati dal Quinto Emendamento. 378 Stati Uniti a 7.

[Nota in calce 9]

Metto da parte Escobedo stesso; non contiene alcun ragionamento e neppure conclusioni generali indirizzate al Quinto Emendamento, e in effetti la sua citazione a questo proposito sembra sorprendente in considerazione del fatto che Escobedo si affida principalmente al Sesto Emendamento.

[Nota a piè di pagina 10]

Poiché la Corte non afferma in modo evidente che il Sesto Emendamento giustifica di per sé le sue nuove regole sugli interrogatori della polizia, non vi è ora alcun motivo per tirare fuori la prova storica e precedente estremamente potente che l'Emendamento non avrà un tale significato. Si veda in generale Friendly, The Bill of Rights as a Code of Criminal Procedure, 53 Calif.L.Rev. 9'9, 943-948 (1965).

[Nota a piè di pagina 11]

Vedi sopra, n. 4, e testo. Naturalmente, l'uso di termini come volontarietà implica questioni di diritto e di terminologia tanto quanto questioni di fatto. Cfr. Collins v. Beto, 348 F.2d 823, 832 (parere concorde); Bator & Vorenberg, supra, n. 4, a 72-73.

[Nota a piè di pagina 12]

La visione della Corte di un avvocato "mitiga i pericoli dell'inaffidabilità" (ante, p. 470) testimoniando la coercizione e aiutando l'accuratezza della confessione è in gran parte una fantasia; perché se arriva un avvocato, raramente ci sarà una confessione in una stazione di polizia. Watt contro Indiana, 338 U. S. 49, 59 (parere separato di Jackson, J.): "Un avvocato degno di questo nome dirà al sospettato, senza mezzi termini, di non rilasciare alcuna dichiarazione alla polizia in nessuna circostanza." Vedi Enker & Elsen, Avvocato del sospetto, 49 Minn.L.Rev. 47, 66-68 (1964).

[Nota a piè di pagina 13]

Questa esigenza è, naturalmente, ciò che rende così fuorviante il paragone della Corte di un giudice di successione che mette prontamente da parte, come involontario, la volontà di una vecchia signora assillata e assillata dai nuovi eredi. Ante, pp. 457-458, n. 26. Con i testamenti, non c'è interesse pubblico se non una scelta totalmente libera; con le confessioni, la soluzione del crimine è un guadagno compensativo, ma l'equilibrio è risolto.

[Nota a piè di pagina 14]

Si vedano, per esempio, le voluminose citazioni alle testimonianze della commissione del Congresso e altre fonti raccolte in Culombe v. Connecticut, 367 U. S. 568, 578-579 (Frankfurter, J., che annuncia la sentenza della Corte e un parere).

[Nota a piè di pagina 15]

A Westover, un criminale esperto ha ricevuto praticamente tutti gli avvertimenti della Corte e non li ha ascoltati. Il caso Stewart, invece, prevede una lunga detenzione e successivi interrogatori. A Vignera, i fatti sono complicati, e la documentazione è piuttosto incompleta.

[Nota 16]

"[J]ustice, sebbene sia dovuto all'imputato, è dovuto anche all'accusatore. Il concetto di equità non deve essere teso fino a quando non si restringe a un filamento. Dobbiamo mantenere l'equilibrio".

Snyder contro Massachusetts, 291 U. S. 97, 122 (Cardozo, J.).

[Nota a piè di pagina 17]

Una lettura ristretta è data in: Stati Uniti contro Robinson, 354 F.2d 109 (C.A.2d Cir.); Davis contro North Carolina, 339 F.2d 770 (C.A.4 Cir.); Edwards contro Holman, 342 F.2d 679 (C.A. 5° Cir.); Stati Uniti ex rel. Townsend contro Ogilvie, 334 F.2 d 837 (C.A. 7th Cir.); People contro Hartgraves, 31 Ill. 2d 375, 202 N.E.2d 33; State contro Fox, ___ Iowa ___, 131 N.W.2d 684; Rowe contro Commonwealth, 394 S.W.2 d 751 (Ky.); Parker contro Warden, 236 Md. 236, 203 A.2d 418; State contro Howard, 383 S.W.2d 701 (Mo.); Bean contro State, ___ Nev. ___, 398 P.2d 251; Stato contro Hodgson, 44 N.J. 151, 207 A.2d 542; Popolo contro Gunner, 15 N.Y.2d 226, 205 N.E.2d 852; Commonwealth ex rel. Linde contro Maroney, 416 Pa. 331, 206 A.2d 288; Browne contro Stato, 24 Wis.2d 491, 131 N.W.2d 169.

Un'ampia lettura è data in: Stati Uniti ex rel. Russo contro New Jersey, 351 F.2d 429 (C.A.3d Cir.); Wright contro Dickson, 336 F.2d 878 (C.A. 9th Cir.); People contro Dorado, 62 Cal. 2d 338, 398 P.2d 361; State contro Dufour, ___ R.I. ___, 206 A.2d 82; State contro Neely, 239 Ore. 487, 395 P.2d 557, modificato, 398 P.2d 482.

I casi in entrambe le categorie sono quelli prontamente disponibili; ce ne sono certamente molti altri.

[Nota a piè di pagina 18]

Per esempio, confrontare i requisiti della causa catalitica People v. Dorado, 62 Cal. 2d 338, 398 P.2d 361, con quelli stabiliti oggi. Vedi anche Traynor, The Devils of Due Process in Criminal Detection, Detention, and Trial, 33 U.Chi.L.Rev. 657, 670.

[Nota a piè di pagina 19]

Nonostante l'obiter dictum della Corte, ante p. 486, c'è una certa base per credere che la base del lavoro criminale dell'FBI sia diversa da molti altri crimini all'interno della polizia locale. Anche l'abilità e le risorse dell'FBI possono essere insolite.

[Nota 20]

Per le citazioni e la discussione su ciascuno di questi punti, si veda Sviluppi, sopra, n. 2, al 1091-1097, e Enker & Elsen, sopra, n. 12, al 80 e n. 94.

[Nota 21]

Per i commenti, vedi Hardin, Altre risposte: Perquisizione e sequestro, confessione coatta e processo penale in Scozia, 113 U.Pa.L.Rev. 165, 181 e nn. 96-97 (1964). Altri esempi sono le regole di perquisizione e sequestro meno severe e nessuna esclusione automatica per la loro violazione, id. a 167-169; la colpevolezza basata sui verdetti della giuria a maggioranza, id. a 185, e la scoperta preprocessuale delle prove da entrambe le parti, id. a 175.

[Nota a piè di pagina 22]

Di particolare rilevanza è la redazione da parte dell'ALI di un Modello di Codice di Procedura di Pre-Arriallineamento, ora nella sua prima bozza provvisoria. Mentre gli studi dell'ABA e della Commissione Nazionale hanno una portata più ampia, il primo sta prestando la sua consulenza al progetto ALI e il direttore esecutivo del secondo è uno dei relatori del Codice Modello.

[Nota a piè di pagina 23]

Si veda il briefing per gli Stati Uniti a Westover, pag. 45. Il N.Y. Times, 3 giugno 1966, p. 41 (a cura di N.Y. Times) ha riferito che la Ford Foundation ha stanziato 1.100.000 dollari per uno studio quinquennale sugli arresti e la confessione a New York.

[Nota a piè di pagina 24]

L'Assemblea di New York ha recentemente approvato un disegno di legge per richiedere alcuni avvertimenti prima di una confessione ammissibile, anche se le regole sono meno severe di quelle della Corte. N.Y. Times, 24 maggio 1966, p. 35 (a cura di N.Y. Times, 24 maggio 1966, p. 35).

Nota 25]

La Corte ha aspettato 12 anni dopo che Wolf c. Colorado, 338 U. S. 25, ha dichiarato la privacy contro le intrusioni statali improprie da salvaguardare costituzionalmente prima di concludere, nel caso Mapp c. Ohio, 367 U. S. 643, che non erano stati forniti adeguati rimedi statali per proteggere questo interesse, quindi la regola dell'esclusione era necessaria.

[Nota a piè di pagina 1]

Naturalmente, la Corte non nega di essersi discostata da precedenti precedenti; annulla espressamente Crooker e Cicenia, ante a 479, n. 48, e riconosce che, nell'immediato "caso, potremmo non trovare le dichiarazioni degli imputati involontarie in termini tradizionali", ante a 457.

[Nota 2]

In realtà, il tipo di interrogatorio sostenuto descritto dalla Corte sembra essere l'eccezione, piuttosto che la regola. Un'indagine su 399 casi in una città ha rilevato che, in quasi la metà dei casi, l'interrogatorio è durato meno di 30 minuti. Barrett, Police Practices and the Law -- From Arrest to Release or Charge, 50 Calif.L.Rev. 11, 41-45 (1962). Gli interrogatori tendono ad essere confusi e sporadici, e di solito si concentrano su scontri con testimoni o nuovi elementi di prova, poiché questi vengono ottenuti dagli agenti che conducono le indagini. Vedi generalmente LaFave, Arresto: The Decision to Take a Suspect into Custody 386 (1965); ALI, A Model Code of Pre-Arraignment Procedure, Commentary § 5.01, at 170, n. 4 (Tent.Draft No. 1, 1966).

Nota a piè di pagina n. 3

Per contro, la Corte indica che, nell'applicare questa nuova norma, "non si fermerà a chiedere nei singoli casi se l'imputato era a conoscenza dei suoi diritti senza che sia stato dato un avvertimento". Ante a 468. La ragione addotta è che la valutazione delle conoscenze dell'imputato sulla base di informazioni relative all'età, all'istruzione, all'intelligence o al contatto preliminare con le autorità non può mai essere più che una speculazione, mentre un avvertimento è un fatto evidente. Ma l'affermazione degli ufficiali che hanno dato i necessari avvertimenti può essere contestata, e i fatti che rispettano l'esperienza precedente dell'imputato possono essere incontestabili, ed essere di natura tale da precludere virtualmente qualsiasi dubbio che l'imputato fosse a conoscenza dei suoi diritti. Si veda United States v. Bolden, 355 F.2d 453 (C.A. 7th Cir.1965), petizione per la cert. pendente, n. 1146, O.T. 1965 (agente dei servizi segreti); People v. Du Bont, 235 Cal. App. 2d 844, 45 Cal. Rptr. 717, pet. per cert. pendente, n. 1053, Misc., O.T. 1965 (ex agente di polizia).

Nota a piè di pagina 4

Non sono disponibili statistiche precise sull'entità della recidiva, in parte perché non tutti i reati sono risolti e in parte perché i precedenti penali delle condanne in diverse giurisdizioni non sono raccolti da un'agenzia centrale di raccolta dati. A partire dal 1963, tuttavia, il Federal Bureau of Investigation ha iniziato a raccogliere dati sulle "Carriere nel crimine", che pubblica nei suoi Uniform Crime Reports. Dei 92.869 delinquenti trattati nel 1963 e nel 1964, il 76% aveva un record di arresti precedenti con qualche accusa. In un periodo di 10 anni, il gruppo aveva accumulato 434.000 capi d'accusa. FBI, Uniform Crime Reports - 1964, 27-28. Nel 1963 e nel 1964, tra il 23 e il 25% di tutti i criminali condannati in 88 tribunali distrettuali federali (escluso il Tribunale distrettuale del Distretto di Columbia) i cui precedenti penali erano stati denunciati erano stati precedentemente condannati a una pena detentiva di 13 mesi o più. Circa un ulteriore 40% aveva una fedina penale precedente inferiore a quella del carcere (precedenti penali minorili, di libertà vigilata, ecc.). Ufficio amministrativo dei tribunali degli Stati Uniti, i criminali federali nei tribunali distrettuali degli Stati Uniti: 1964, x, 36 (di seguito "Federal Offenders": 1964); Ufficio amministrativo dei tribunali degli Stati Uniti, Federal Offenders in the United States District Courts: 1963, 25-27 (di seguito "trasgressori federali": 1963). Durante gli stessi due anni trascorsi presso il Tribunale Distrettuale del Distretto di Columbia, tra il 28% e il 35% dei condannati aveva precedenti penali, e dal 37% al 40% aveva precedenti penali inferiori al carcere. Delinquenti federali: 1964, xii, 64, 66; Ufficio amministrativo dei tribunali degli Stati Uniti, Federal Offenders in the United States District Court for the District of Columbia: 1963, 8, 10 (di seguito citato come District of Columbia Offenders: 1963).

Un'immagine simile si ottiene se si guarda alle successive registrazioni di coloro che sono stati rilasciati dal confino. Nel 1964, il 12,3% delle persone in libertà vigilata federale è stato revocato a causa della commissione di gravi violazioni (definite come quelle in cui il sorvegliante è stato condannato alla reclusione per un periodo di 90 giorni o più, è stato messo in libertà vigilata per oltre un anno per un nuovo reato o è fuggito con accuse di reato pendenti). Il 23 e due decimi per cento dei detenuti in libertà vigilata e il 16,9% di coloro che erano stati liberati obbligatoriamente dopo aver scontato una parte della pena hanno commesso gravi violazioni. Relazioni degli atti della Conferenza giudiziaria degli Stati Uniti e relazione annuale del direttore dell'Ufficio amministrativo dei tribunali degli Stati Uniti: 1965, 138. Cfr. anche Mandel et al., Recidivism Studied and Defined, 56 J.Crim.L., C. & P. S. 59 (1965) (entro cinque anni dal rilascio, il 62,33% del campione ha commesso reati che lo collocano nella categoria dei recidivi).

[Nota a piè di pagina 5]

Ottantotto tribunali distrettuali federali (escluso il Tribunale distrettuale del Distretto di Columbia) hanno eliminato i casi di 33.381 imputati nel 1964. Solo il 12,5% di questi casi sono stati effettivamente processati. Dei casi rimanenti, l'89,9% è stato archiviato con condanne per motivi di colpevolezza e il 10,1% è stato archiviato. In modo diverso, circa il 90% di tutte le condanne è stato pronunciato in base a dichiarazioni di colpevolezza. Trasgressori federali: 1964, sopra, nota 4, 3-6. Nel Tribunale Distrettuale del Distretto di Columbia, una percentuale più alta, il 27%, è andata in giudizio, e l'imputato si è dichiarato colpevole in circa il 78% dei casi terminati prima del processo. Id. a 58-59. Non sono disponibili statistiche affidabili sulla percentuale di casi in cui le dichiarazioni di colpevolezza sono indotte a causa dell'esistenza di una confessione o di prove fisiche emerse a seguito di una confessione. Indubbiamente il numero di tali casi è notevole.

Forse altrettanto significativo è il numero di casi di crimini noti che non sono stati risolti. Nel 1964, solo 388.946, ovvero il 23,9%, di 1.626.574 reati gravi noti sono stati cancellati. Il tasso di liquidazione variava dall'89,8% per gli omicidi al 18,7% per i furti. FBI, Uniform Crime Reports - 1964, 20-22, 101. Coloro che sostituirebbero l'interrogatorio come strumento investigativo con le moderne tecniche di indagine scientifica sovrastimano in modo significativo l'efficacia delle procedure attuali, anche quando l'interrogatorio è incluso.

 

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui