Home
Lo studio
Risorse
Contatti
Lo studio

Decisioni

Assistenza difensiva è necessità per processo equo, non lusso (US Supreme Court, Gideon, 1963)

19 Marzo 1963, US Supreme Court
avvocato lego processo trib
I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta).

In un sistema penale retto dal principio accusatorio, chiunque sia troppo povero per assumere un avvocato, non può avere la garanzia di un processo equo se non gli viene fornito un avvocato.

Gli avvocati sono ovunque considerati essenziali per proteggere l'interesse del pubblico in una società ordinata.

Gli avvocati nei tribunali penali siano necessità, non lussi.

Il diritto di un imputato di un crimine ad avere un avvocato può non essere considerato fondamentale ed essenziale per processi equi in alcuni paesi, ma lo è nel nostro.

Fin dall'inizio, le nostre costituzioni e leggi statali e nazionali hanno posto grande enfasi sulle garanzie procedurali e sostanziali volte ad assicurare processi equi davanti a tribunali imparziali in cui ogni imputato è uguale davanti alla legge. Questo nobile ideale non può essere realizzato se il pover'uomo accusato di un crimine deve affrontare i suoi accusatori senza un avvocato che lo assista. 

Il diritto ad essere ascoltato sarebbe, in molti casi, di scarsa utilità se non comprendesse il diritto ad essere ascoltato per il tramite di un avvocato. Anche il laico intelligente e istruito ha poca e talvolta nessuna abilità nella scienza del diritto. Se accusato di un crimine, è incapace, in genere, di determinare da solo se l'accusa è fondata o meno. Non ha familiarità con le regole della prova. Lasciato senza l'aiuto di un avvocato, può essere processato senza un'adeguata accusa e condannato in base a prove inconcludenti o irrilevanti per la questione o comunque inammissibili. Gli mancano sia l'abilità che le conoscenze necessarie per preparare adeguatamente la sua difesa, anche se ne ha una perfetta. Richiede la guida di un avvocato in ogni fase del procedimento contro di lui. Senza di essa, pur non essendo colpevole, affronta il pericolo della condanna perché non sa come stabilire la sua innocenza.

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui

 

Corte Suprema degli Stati Uniti

Gideon contro Wainwright, 372 U.S. 335 (1963)

No. 155

Discusso il 15 gennaio 1963

Deciso il 18 marzo 1963

372 U.S.A. 335

CERTIORARI ALLA CORTE SUPREMA DELLA FLORIDA

Sillabo

Accusato in un tribunale dello Stato della Florida di un reato non patrimoniale, il firmatario è comparso senza fondi e senza un avvocato e ha chiesto alla Corte di nominare un avvocato per lui, ma ciò è stato negato in quanto la legge statale consentiva la nomina di un avvocato per gli imputati indigenti solo nei casi capitali. Il ricorrente ha condotto la propria difesa, come ci si poteva aspettare da un laico, ma è stato condannato e condannato alla reclusione. Successivamente, ha chiesto alla Corte suprema dello Stato un mandato di habeas corpus, in quanto la sua condanna ha violato i diritti previsti dalla Costituzione federale. La Corte suprema dello Stato ha negato ogni agevolazione.

Detenuto: Il diritto di un imputato indigente in un processo penale ad avere l'assistenza di un avvocato è un diritto fondamentale essenziale per un processo equo, e il processo e la condanna del firmatario senza l'assistenza di un avvocato hanno violato il Quattordicesimo Emendamento. Betts contro Brady, 316 U. S. 455, respinta. Pp. 372 U. S. 336-345.

Invertito e causa di rinvio a giudizio.

Pag. 372 U. S. 336

MR. JUSTICE BLACK ha espresso il parere della Corte.

Il ricorrente è stato accusato in un tribunale dello Stato della Florida di aver violato e di essere entrato in una sala da biliardo con l'intento di commettere un reato. Questo reato è un reato ai sensi del

Pagina 372 U. S. 337

Legge della Florida. Presentandosi in tribunale senza fondi e senza un avvocato, il firmatario ha chiesto al tribunale di nominare un avvocato per lui, dopodiché ha avuto luogo il seguente colloquio:

"Signor Gideon, mi dispiace, ma non posso nominare un avvocato che la rappresenti in questo caso. Secondo le leggi dello Stato della Florida, l'unico momento in cui la Corte può nominare un avvocato per rappresentare un imputato è quando questa persona è accusata di un reato capitale. Sono spiacente, ma dovrò negare la sua richiesta di nominare un Avvocato per difenderla in questo caso".

"l'Imputato: La Corte Suprema degli Stati Uniti dice che ho il diritto di essere rappresentato da un Avvocato".

Sottoposto a giudizio davanti a una giuria, Gideon ha condotto la sua difesa come ci si potrebbe aspettare da un profano. Ha fatto una dichiarazione di apertura alla giuria, ha controinterrogato i testimoni dello Stato, ha presentato dei testimoni in sua difesa, si è rifiutato di testimoniare lui stesso, e ha fatto una breve argomentazione "sottolineando la sua innocenza all'accusa contenuta nelle informazioni presentate in questo caso". La giuria ha restituito il verdetto di colpevolezza e il richiedente è stato condannato a scontare cinque anni nella prigione di Stato. In seguito, il firmatario ha presentato alla Corte Suprema della Florida questa petizione habeas corpus che attaccava la sua condanna e la sua sentenza, sulla base del fatto che il rifiuto della corte processuale di nominare un avvocato per lui gli negava i diritti "garantiti dalla Costituzione e dal Bill of Rights del governo degli Stati Uniti". Considerando la petizione per l'habeas corpus come se fosse stata presentata correttamente, la Corte Suprema dello Stato, "in considerazione di ciò", ma senza un'opinione, ha negato ogni sollievo. Dal 1942, quando Betts contro Brady, 316 U. S. 455, è stata decisa da una divisione del governo degli Stati Uniti.

Pagina 372 U. S. 338

Corte, il problema del diritto costituzionale federale di un imputato ad avere un avvocato in un tribunale statale è stato una fonte continua di controversie e contenziosi sia nei tribunali statali che federali. Per dare a questo problema un'altra valutazione in questa sede, abbiamo concesso certiorari. 370 U.S.A. 908. Poiché Gideon stava procedendo in forma pauperis, abbiamo nominato un avvocato per rappresentarlo e abbiamo chiesto ad entrambe le parti di discutere nelle loro memorie e nelle loro argomentazioni orali quanto segue: "La sentenza della Corte nella causa Betts contro Brady, 316 U. S. 455, dovrebbe essere riconsiderata?"

I

I fatti su cui Betts ha sostenuto di essere stato incostituzionalmente privato del diritto ad avere un avvocato per assisterlo sono sorprendentemente simili ai fatti su cui Gideon basa la sua pretesa costituzionale federale. Betts è stato incriminato per rapina in un tribunale statale del Maryland. Al momento della contestazione dell'accusa, ha detto al giudice del processo della sua mancanza di fondi per assumere un avvocato e ha chiesto al tribunale di nominarne uno per lui. Betts fu informato che non era prassi in quella contea nominare un avvocato per gli imputati indigenti, tranne che nei casi di omicidio e stupro. Si dichiarò quindi non colpevole, fece convocare dei testimoni, interrogò i testimoni dello Stato, esaminò i suoi e scelse di non testimoniare lui stesso. È stato giudicato colpevole dal giudice, seduto senza giuria, e condannato a otto anni di carcere.

Pagina 372 U. S. 339

Come Gideon, Betts ha chiesto il rilascio dell'habeas corpus, sostenendo che gli era stato negato il diritto all'assistenza di un avvocato in violazione del Quattordicesimo Emendamento. A Betts è stato negato qualsiasi sollievo e, a seguito di un riesame, questa Corte ha affermato. Si è ritenuto che il rifiuto di nominare un avvocato per un imputato indigente accusato di un reato non violava necessariamente la clausola di giusto processo del Quattordicesimo Emendamento, che, per le ragioni indicate, la Corte ha ritenuto essere l'unica disposizione costituzionale federale applicabile. La Corte ha detto:

"L'asserita negazione [del giusto processo] deve essere verificata da una valutazione della totalità dei fatti in un determinato caso. Ciò che, in un contesto, può costituire una negazione dell'equità fondamentale, sconvolgente per il senso universale della giustizia, può, in altre circostanze e alla luce di altre considerazioni, essere inferiore a tale negazione".

316 U.S.A. a 316 U.S.A. 462. Considerando il giusto processo come "un concetto meno rigido e più fluido di quelli previsti da altre specifiche e particolari disposizioni della Carta dei diritti", la Corte ha ritenuto che il rifiuto di nominare un avvocato in base ai fatti e alle circostanze particolari del caso Betts non era così "offensivo per le idee comuni e fondamentali di equità" da equivalere a un rifiuto del giusto processo. Poiché i fatti e le circostanze dei due casi sono così quasi indistinguibili, pensiamo che la causa Betts contro Brady, se lasciata in piedi, ci richiederebbe di respingere l'affermazione di Gideon che la Costituzione gli garantisce l'assistenza di un avvocato. Dopo un riesame completo, concludiamo che la causa Betts contro Brady dovrebbe essere respinta.

II

Il Sesto Emendamento prevede che "In tutti i procedimenti penali, l'imputato ha il diritto . . . . di avere l'assistenza di un avvocato per la sua difesa". Abbiamo interpretato

Pagina 372 U. S. 340

Ciò significa che, nei tribunali federali, deve essere previsto un avvocato per gli imputati che non possono assumere un avvocato, a meno che non si rinunci in modo competente e intelligente al diritto. Betts ha sostenuto che questo diritto è esteso agli imputati indigenti nei tribunali statali dal Quattordicesimo Emendamento. In risposta, la Corte ha dichiarato che, mentre il Sesto Emendamento stabiliva

"nessuna norma per la condotta degli Stati, si pone la questione se il vincolo posto dall'Emendamento ai tribunali nazionali esprima una norma così fondamentale ed essenziale per un processo equo, e quindi, per il giusto processo, che è reso obbligatorio per gli Stati dal Quattordicesimo Emendamento".

316 U.S.A. a 316 U.S.465. Al fine di decidere se la garanzia di assistenza legale del Sesto Emendamento sia di questa fondamentale natura, la Corte di Betts ha stabilito e considerato

[...]

316 U.S.A. a 316 U.S.465. Sulla base di questi dati storici, la Corte ha concluso che "la nomina di un avvocato non è un diritto fondamentale, essenziale per un processo equo". 316 U.S.A. a 316 U.S.471. Per questo motivo la Corte di Betts ha rifiutato di accettare l'affermazione che la garanzia di un avvocato per gli imputati federali indigenti del Sesto Emendamento è stata estesa o, per dirla con le parole di quella Corte, "resa obbligatoria per gli Stati dal Quattordicesimo Emendamento". Chiaramente, se la Corte avesse concluso che la nomina di un difensore per un imputato criminale indigente era "un diritto fondamentale, essenziale per un processo equo", avrebbe ritenuto che il Quattordicesimo Emendamento richiede la nomina di un difensore in un tribunale statale, proprio come il Sesto Emendamento richiede in un tribunale federale.

Pagina 372 U. S. 341

Riteniamo che la Corte di Betts abbia avuto ampi precedenti per aver riconosciuto che quelle garanzie del Bill of Rights che sono fondamentali salvaguardie della libertà immuni dal federalismo sono ugualmente protette contro l'invasione dello Stato dalla clausola del giusto processo del Quattordicesimo Emendamento. Questo stesso principio è stato riconosciuto, spiegato e applicato nella causa Powell contro Alabama, 287 U. S. 45 (1932), una causa che sostiene il diritto di un avvocato, dove la Corte ha ritenuto che, nonostante un linguaggio ampio e contrario nella causa Hurtado contro California, 110 U. S. 516 (1884), il Quattordicesimo Emendamento "abbracciava" quei "principi fondamentali di libertà e giustizia che sono alla base di tutte le nostre istituzioni civili e politiche", anche se essi erano stati "specificamente trattati in un'altra parte della Costituzione federale". 287 U.S.A. a 287 U.S.67. In molti altri casi, oltre a Powell e Betts, questa Corte ha guardato alla natura fondamentale delle garanzie originali della Bill of Rights per decidere se il Quattordicesimo Emendamento le rende obbligatorie per gli Stati. Esplicitamente riconosciute come di questa "natura fondamentale", e quindi rese immuni dall'invasione dello Stato da parte del Quattordicesimo, o da parte di esso, sono le libertà di parola, di stampa, di religione, di riunione, di associazione e di petizione del Primo Emendamento. Per la stessa ragione, anche se non sempre con la stessa terminologia, la Corte ha reso obbligatorio per gli Stati il comando del Quinto Emendamento che

Pagina 372 U. S. 342

la proprietà privata non può essere presa per uso pubblico senza un giusto compenso, [nota 5] il divieto del quarto emendamento di perquisizioni e sequestri irragionevoli, [nota 6] e il divieto dell'ottavo emendamento di punizioni crudeli e inusuali. D'altra parte, questa Corte nella causa Palko c. Connecticut, 302 U. S. 319 (1937), ha rifiutato di dichiarare che il Quattordicesimo Emendamento rendeva obbligatoria per gli Stati la disposizione della doppia condanna del Quinto Emendamento. In tale rifiuto, tuttavia, la Corte, parlando attraverso il giudice Cardozo, si è premurata di sottolineare che

"le immunità che sono valide nei confronti del governo federale con la forza delle specifiche promesse di particolari emendamenti sono state trovate implicite nel concetto di libertà ordinata, e quindi, attraverso il Quattordicesimo Emendamento, diventano valide nei confronti degli Stati".

e che le garanzie "nella loro origine... efficaci solo contro il governo federale" avevano, per casi precedenti,

"è stato ripreso dai precedenti articoli della legge federale sui diritti e portato all'interno del Quattordicesimo Emendamento da un processo di assorbimento".

302 U.S.A. a 302 U.S. 324-326.

Accettiamo l'assunto di Betts contro Brady, basato come nei nostri casi precedenti, che una disposizione della Carta dei diritti che è "fondamentale ed essenziale per un processo equo" è resa obbligatoria per gli Stati dal Quattordicesimo Emendamento. Riteniamo che la Corte di Betts si sia sbagliata, tuttavia, nel concludere che la garanzia dell'assistenza legale del Sesto Emendamento non è uno di questi diritti fondamentali. Dieci anni prima di Betts contro Brady, questa Corte, dopo aver esaminato tutti i dati storici esaminati a Betts, aveva inequivocabilmente dichiarato che "il diritto all'aiuto di

Pagina 372 U. S. 343

Il consiglio è di questo carattere fondamentale". Powell contro Alabama, 287 U. S. 45, 287 U. S. 68 (1932). Mentre la Corte, alla fine del suo parere Powell, con il suo linguaggio, come spesso fa questa Corte, ha limitato il suo giudizio ai fatti e alle circostanze particolari di quel caso, le sue conclusioni sulla natura fondamentale del diritto all'assistenza legale sono inequivocabili. Diversi anni dopo, nel 1936, la Corte ha ribadito quanto aveva detto sulla natura fondamentale del diritto ad avere un avvocato in questo linguaggio:

"Abbiamo concluso che alcuni diritti fondamentali, salvaguardati dai primi otto emendamenti contro le azioni federali, erano salvaguardati anche contro le azioni dello Stato dalla clausola del giusto processo del Quattordicesimo Emendamento, e tra questi il diritto fondamentale dell'imputato all'assistenza di un avvocato in un procedimento penale".

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui

 

Grosjean contro American Press Co., 297 U. S. 233, 297 U. S. 243-244 (1936). E ancora, nel 1938, questa Corte ha detto:

"[L'assistenza di un avvocato] è una delle garanzie del Sesto Emendamento ritenuto necessario per assicurare i diritti umani fondamentali della vita e della libertà. . . . Il Sesto Emendamento è una costante ammonizione che, se le salvaguardie costituzionali da esso previste andranno perdute, la giustizia non sarà 'ancora fatta'".

Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458, 304 U. S. 462 (1938). Per lo stesso effetto, vedere Avery contro Alabama, 308 U. S. 444 (1940), e Smith contro O'Grady, 312 U. S. 329 (1941). Alla luce di queste e di molte altre precedenti decisioni di questa Corte, non sorprende che la Corte di Betts, di fronte all'affermazione che "uno accusato di un crimine, che non è in grado di ottenere un avvocato, deve ricevere un avvocato dallo Stato", abbia ammesso che "[e]zioni nelle opinioni di questa Corte danno colore all'argomento. . . ." 316 U.S.A. a 316 U.S.A. 462-463. Il fatto è che, nel decidere come ha fatto - che "la nomina di un avvocato non è un diritto fondamentale",

Pagina 372 U. S. 344

essenziale per un processo equo" -- la Corte di Betts contro Brady ha fatto una brusca rottura con i propri ben considerati precedenti. Tornando a questi vecchi precedenti, più solidi, crediamo, di quelli nuovi, non facciamo altro che ripristinare i principi costituzionali stabiliti per realizzare un sistema di giustizia equo. Non solo questi precedenti, ma anche la ragione e la riflessione, ci impongono di riconoscere che, nel nostro sistema di giustizia penale accusatorio, chiunque sia troppo povero per assumere un avvocato, non può avere la garanzia di un processo equo se non gli viene fornito un avvocato.

Questa ci sembra una verità ovvia.

I governi, sia statali che federali, spendono in modo adeguato ingenti somme di denaro per creare un meccanismo che permetta di processare gli imputati accusati di crimini.

Gli avvocati sono ovunque considerati essenziali per proteggere l'interesse del pubblico in una società ordinata.

Allo stesso modo, sono pochi gli imputati accusati di crimini, anzi pochi, che non riescono ad assumere i migliori avvocati che possono ottenere per preparare e presentare le loro difese.

Il fatto che il governo assuma avvocati per perseguire e che gli imputati che hanno i soldi assumano avvocati per difendere sono le indicazioni più forti della convinzione diffusa che gli avvocati nei tribunali penali siano necessità, non lussi.

Il diritto di un imputato di un crimine ad avere un avvocato può non essere considerato fondamentale ed essenziale per processi equi in alcuni paesi, ma lo è nel nostro.

Fin dall'inizio, le nostre costituzioni e leggi statali e nazionali hanno posto grande enfasi sulle garanzie procedurali e sostanziali volte ad assicurare processi equi davanti a tribunali imparziali in cui ogni imputato è uguale davanti alla legge. Q

uesto nobile ideale non può essere realizzato se il pover'uomo accusato di un crimine deve affrontare i suoi accusatori senza un avvocato che lo assista. Il bisogno di un avvocato da parte dell'imputato non può essere affermato meglio che nelle commoventi parole del giudice Sutherland nel caso Powell contro Alabama:

"Il diritto ad essere ascoltato sarebbe, in molti casi, di scarsa utilità se non comprendesse il diritto ad essere ascoltato per il tramite di un avvocato. Anche il laico intelligente e istruito ha poca e talvolta nessuna abilità nella scienza del diritto. Se accusato di un crimine, è incapace, in genere, di determinare da solo se l'accusa è fondata o meno. Non ha familiarità con le regole della prova. Lasciato senza l'aiuto di un avvocato, può essere processato senza un'adeguata accusa e condannato in base a prove inconcludenti o irrilevanti per la questione o comunque inammissibili. Gli mancano sia l'abilità che le conoscenze necessarie per preparare adeguatamente la sua difesa, anche se ne ha una perfetta. Richiede la guida di un avvocato in ogni fase del procedimento contro di lui. Senza di essa, pur non essendo colpevole, affronta il pericolo della condanna perché non sa come stabilire la sua innocenza".

287 U.S.A. a 287 U.S.A. 68-69. La Corte di Betts contro Brady si è discostata dalla solida saggezza su cui poggiava la sentenza della Corte nella causa Powell contro Alabama. La Florida, sostenuta da altri due Stati, ha chiesto che Betts contro Brady sia lasciata intatta. Ventidue Stati, amici della Corte, sostengono che Betts era "un anacronismo quando è stato tramandato" e che ora dovrebbe essere annullato. Siamo d'accordo.

La sentenza è rovesciata, e la causa è rinviata alla Corte suprema della Florida per ulteriori azioni non in contrasto con questo parere.

Invertita.

[Nota a piè di pagina 1]

Più tardi, nella petizione per l'habeas corpus, firmata e apparentemente preparata dal firmatario stesso, ha dichiarato: "Io, Clarence Earl Gideon, sostengo che mi sono stati negati i diritti del 4°, 5° e 14° emendamento della Carta dei diritti".

[Nota 2]

Tra i molti casi di questo tipo per raggiungere questa Corte, esempi recenti sono Carnley contro Cochran, 369 U. S. 506 (1962); Hudson contro North Carolina, 363 U. S. 697 (1960); Moore contro Michigan, 355 U. S. 155 (1957). Casi illustrativi nei tribunali statali sono Artrip c. State, 136 So. 2d 574 (Ct.App.Ala.1962); Shafer c. Warden, 211 Md. 635, 126 A.2d 573 (1956). Per esempi di commento si veda Allen, La Corte suprema, il federalismo e i sistemi statali di giustizia penale, 8 De Paul L.Rev. 213 (1959); Kamisar, Il diritto all'avvocato e il quattordicesimo emendamento: Un dialogo su "Il diritto più pervasivo" di un accusato, 30 U. di Chi.L.Rev. 1 (1962); Il diritto all'avvocato, 45 Minn.L.Rev. 693 (1961).

[Nota a piè di pagina 3]

Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458 (1938).

[Nota a piè di pagina 4]

Ad esempio, Gitlow contro New York, 268 U. S. 652, 268 U. S. 666 (1925) (discorso e stampa); Lovell contro la città di Griffin, 303 U. S. 444, 303 U. S. 450 (1938) (discorso e stampa); Staub contro la città di Baxley, 355 U. S. 313, 355 U. S. 321 (1958) (discorso); Grosjean contro American Press Co., 297 U. S. 233, 297 U. S. 244 (1936) (stampa); Cantwell contro Connecticut, 310 U. S. 296, 310 U. S. 303 (1940) (religione); De Jonge contro Oregon, 299 U. S. 353, 299 U. S. 364 (1937) (assemblea); Shelton contro Tucker, 364 U. S. 479, 364 U. S. 364. S. 486, 488 (1960) (associazione); Louisiana ex rel. Gremillion contro NAACP, 366 U. S. 293, 366 U. S. 296 (1961) (associazione); Edwards contro South Carolina, 372 U. S. 229 (1963) (discorso, assemblea, petizione per il risarcimento dei danni).

[Nota a piè di pagina 5]

Ad esempio, Chicago, B. & Q. R. Co. contro Chicago, 166 U. S. 226, 166 U. S. 235-241 (1897); Smyth contro Ames, 169 U. S. 466, 169 U. S. 522-526 (1898).

Nota a piè di pagina 6

Ad esempio, Wolf contro Colorado, 338 U. S. 25, 338 U. S. 27-28 (1949); Elkins contro Stati Uniti, 364 U. S. 206, 364 U. S. 213 (1960); Mapp contro Ohio, 367 U. S. 643, 367 U. S. 655 (1961).

[Nota a piè di pagina 7]

Robinson contro California, 370 U. S. 660, 370 U. S. 666 (1962).

MR. JUSTICE DOUGLAS.

Mentre mi unisco al parere della Corte, un breve riassunto storico del rapporto tra la Carta dei diritti e la prima sezione del Quattordicesimo Emendamento mi sembra pertinente. Dall'adozione di tale Emendamento, dieci giudici hanno ritenuto che esso protegga dalla violazione da parte degli Stati i privilegi, le protezioni e le salvaguardie concesse dalla Carta dei diritti.

Pagina 372 U. S. 346

Justice Field, il primo giudice Harlan, e probabilmente il giudice Brewer, ha preso quella posizione in O'Neil contro Vermont, 144 U. S. 323, 144 U. S. 362-363, 144 U. S. 370-371, così come Justices BLACK, DOUGLAS, Murphy e Rutledge in Adamson contro California, 332 U. S. 46, 332 U. S. 71-72, 124. E si veda Poe contro Ullman, 367 U. S. 497, 367 U. S. 515-522 (parere dissenziente). Questa opinione è stata espressa anche dai giudici Bradley e Swayne nei casi di Slaughter-House Case, 16 Wall. 36, 83 U. S. S. 118-119, 83 U. S. 122, e apparentemente è stata accettata dal giudice Clifford quando ha dissentito con Justice Field in Walker contro Sauvinet, 92 U. S. 90, 92 U. S. 90, 92 U. S. 90, 92 U. S. 92. [Nota 2/1] Sfortunatamente, non ha mai comandato una Corte. Eppure, fortunatamente, tutte le questioni costituzionali sono sempre aperte. Erie R. Co. contro Tompkins, 304 U. S. 64. E ciò che facciamo oggi non preclude la questione.

Mio fratello HARLAN è del parere che una garanzia della Carta dei diritti che è resa applicabile agli Stati in ragione del Quattordicesimo Emendamento sia una versione minore di quella stessa garanzia applicata al Governo Federale. Il signor giudice Jackson condivide questa opinione. [Nota a piè di pagina 2/3]

Pagina 372 U. S. 347

Ma questa visione non ha prevalso, [nota 2/4] e i diritti tutelati contro l'invasione di Stato dalla clausola di giusto processo del Quattordicesimo Emendamento non sono versioni annaffiate di ciò che la Carta dei diritti garantisce.

[Nota 2/1]

I giudici Bradley, Swayne e Field hanno sottolineato che i primi otto emendamenti hanno concesso ai cittadini degli Stati Uniti alcuni privilegi e immunità che sono stati protetti dagli Stati Uniti dal quattordicesimo emendamento. Si veda Slaughter-House Cases, supra, a 83 U. S. 118-119; O'Neil contro Vermont, supra, a 144 U. S. 363. I giudici Harlan e Brewer hanno accettato la stessa teoria nel caso O'Neil (vedi id. a 144 U. S. 370-371), anche se il giudice Harlan ha indicato che tutte le "persone", non solo i "cittadini", hanno ricevuto questa protezione. Ibidem. Nel caso Twining contro New Jersey, 211 U. S. 78, 211 U. S. 117, la posizione del giudice Harlan fu chiarita:

"A mio giudizio, l'immunità dall'autoincriminazione è protetta contro l'azione ostile dello Stato non solo da. . . [la clausola sui privilegi e le immunità], ma anche da . . . . [la clausola del giusto processo]".

Il giudice Brewer, unendosi al parere della Corte, ha abbandonato l'opinione che l'intera Carta dei diritti si applica agli Stati nella causa Maxwell v. Dow, 176 U. S. 581.

Nota a piè di pagina 2/2]

Cfr. Roth c. Stati Uniti, 354 U. S. 476, 354 U. S. 501, 506; Smith c. California, 361 U. S. 147, 361 U. S. 169.

Nota a piè di pagina 2/3

Beauharnais contro Illinois, 343 U. S. 250, 343 U. S. 288. Cfr. i pareri dei giudici Holmes e Brandeis nella causa Gitlow contro New York, 268 U. S. 652, 268 U. S. 672, e Whitney contro California, 274 U. S. 357, 274 U. S. 372.

[Nota a piè di pagina 2/4]

I casi sono raccolti da MR. JUSTICE BLACK in Speiser contro Randall, 357 U. S. 513, 357 U. S. 530. E si veda Eaton contro Price, 364 U. S. 263, 364 U. S. 274-276.

MR. JUSTICE CLARK, concorde nel risultato.

Nella causa Bute contro Illinois, 333 U. S. 640 (1948), questa Corte non ha riscontrato circostanze particolari che richiedano la nomina di un avvocato, ma ha dichiarato che,

"se queste accuse fossero state spese in conto capitale, il tribunale sarebbe stato tenuto, sia dallo statuto dello Stato che dalle decisioni di questa Corte che interpretano il Quattordicesimo Emendamento, a prendere alcuni di questi provvedimenti".

Id. a 339 U. S. 674. Prima di quel caso, non trovo alcuna lingua in nessun caso in questa Corte che indichi che la nomina di un avvocato in tutti i casi capitali fosse richiesta dal Quattordicesimo Emendamento. Nel successivo mandato della Corte, il Giudice Reed ha rivelato che la Corte era divisa per quanto riguarda le cause non capitali, ma che "la clausola del giusto processo . . ... richiede un avvocato per tutte le persone accusate di reati gravi". . . ." Uveges c. Pennsylvania, 335 U. S. 437, 335 U. S. 441 (1948). Infine, nella causa Hamilton contro Alabama, 368 U. S. 52 (1961), abbiamo detto che "quando uno si dichiara colpevole di un'imputazione in conto capitale senza il beneficio di un avvocato, non ci fermiamo a determinare se il pregiudizio ne deriva". Id. a 368 U. S. 55.

Pagina 372 U. S. 348

Che il Sesto Emendamento richieda la nomina di un avvocato in "tutti i procedimenti penali" è chiaro sia dal linguaggio dell'Emendamento che dall'interpretazione di questa Corte. Cfr. Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458 (1938). È altrettanto chiaro dai casi di cui sopra, tutti decisi dopo Betts contro Brady, 316 U. S. 455 (1942), che il Quattordicesimo Emendamento richiede tale nomina in tutti i procedimenti penali per i reati capitali. La decisione odierna della Corte, quindi, non fa altro che cancellare una distinzione che non ha alcun fondamento logico e un fondamento sempre più eroso nell'autorità. Nella causa Kinsella c. Stati Uniti ex rel. Singleton, 361 U. S. 234 (1960), abbiamo specificamente respinto qualsiasi distinzione costituzionale tra reati capitali e non capitali per quanto riguarda il potere del Congresso di prevedere processi alla corte marziale per i civili dipendenti delle forze armate. Avendo precedentemente affermato che le persone civili a carico non potevano essere costituzionalmente private delle protezioni dell'articolo III e del quinto e sesto emendamento nei casi capitali, Reid c. Covert, 354 U. S. 1 (1957), abbiamo ritenuto che lo stesso risultato debba seguire nei casi non capitali. In effetti, la nostra opinione in proposito prefigurava la decisione di oggi, [nota 3/2], come abbiamo notato:

"Ovviamente i casi del Quattordicesimo Emendamento che riguardano l'azione dello Stato non sono applicabili in questo caso, ma se

Pagina 372 U. S. 349

noi crediamo che per privare le persone civili a carico delle garanzie di un processo con una giuria in questo caso. . . sarebbe tanto invalido in questi casi quanto lo sarebbe nei casi di natura patrimoniale".

361 U.S.A. a 361 U.S.A. 246-247.

Devo concludere qui, come in Kinsella, supra, che la Costituzione non fa distinzione tra casi di natura capitale e non capitale. Il Quattordicesimo Emendamento richiede un giusto processo di legge per la privazione della "libertà", così come per la privazione della "vita", e non può esserci una differenza costituzionalmente nella qualità del processo basata solo su una presunta differenza nella sanzione in questione. Come può il Quattordicesimo Emendamento tollerare una procedura che condanna nei casi di pena capitale con la motivazione che la privazione della libertà può essere meno onerosa della privazione della vita - un giudizio di valore non universalmente accettato [nota 3/3] - o che solo quest'ultima è irrevocabile? Non riesco a trovare una razionalizzazione accettabile per un tale risultato, e quindi concordo con la sentenza della Corte.

[Nota 3/1]

Si potrebbe, tuttavia, dire che c'è una tale implicazione nella causa Avery contro Alabama, 308 U. S. 444 (1940), un caso capitale in cui era stato nominato un avvocato, ma in cui il firmatario rivendicava il rifiuto di un'assistenza "effettiva". La Corte, nell'affermare ciò, ne ha preso atto,

"A chi ha presentato la petizione è stata negata qualsiasi rappresentanza di un avvocato, una tale chiara violazione della garanzia di assistenza del Quattordicesimo Emendamento avrebbe richiesto l'annullamento della sua condanna".

Identificazione a 308 U. S. 445. Nessuna "circostanza speciale" è stata recitata dalla Corte, ma, citando Powell contro Alabama, 287 U. S. 45 (1932), come autorità per il suo dictum, sembra che la Corte non si sia basata esclusivamente sulla natura capitale del reato.

[Nota a piè di pagina 3/2]

I presagi della decisione odierna si trovano anche in Griffin c. Illinois, 351 U. S. 12 (1956), e Ferguson c. Georgia, 365 U. S. 570 (1961). Nel caso Griffin, un caso non capitale, abbiamo ritenuto che i diritti costituzionali del firmatario fossero stati violati dalla procedura dello Stato, che prevedeva trascrizioni gratuite per gli imputati indigenti solo nei casi capitali. A Ferguson, abbiamo eliminato una prassi statale che negava al ricorrente l'effettiva assistenza di un avvocato, avvertendo che

"La decisione non si basa sul fatto che la ricorrente è stata processata per un reato capitale ed è stata rappresentata da un legale dipendente. Il comando del Quattordicesimo Emendamento si applica anche nel caso di un imputato processato per un reato non patrimoniale, o rappresentato da un avvocato incaricato".

365 U.S.A. a 365 U.S.A. 596.

[Nota a piè di pagina 3/3]

Si veda, ad esempio, Barzun, In Favor of Capital Punishment, 31 American Scholar 181, 188-189 (1962).

MR. JUSTICE HARLAN, concorde.

Sono d'accordo che Betts contro Brady debba essere respinta, ma considero che abbia diritto a una sepoltura più rispettosa di quella accordata, almeno da parte di coloro che non erano in Tribunale quando il caso è stato deciso.

Non posso sottoscrivere l'opinione che Betts contro Brady abbia rappresentato "una brusca rottura con i propri ben considerati precedenti". Ante, p. 372 U. S. 344. Nel 1932, nella causa Powell contro Alabama, 287 U. S. 45, una causa capitale, questa Corte dichiarò che, in base ai fatti particolari che presentava -

"l'ignoranza e l'analfabetismo degli imputati, la loro gioventù, le circostanze di ostilità pubblica... e, soprattutto, il fatto che si trovavano in pericolo di vita".

(287 U.S.A. a 287 U.S. 71) -- il tribunale di stato aveva il dovere di assegnare un avvocato per

Pagina 372 U. S. 350

il processo come requisito necessario di un giusto processo. È evidente che questi fatti limitativi non sono stati aggiunti all'opinione come un ripensamento; sono stati ripetutamente sottolineati, vedi 287 U.S. a 287 U.S. 52, 287 U.S. 57-58, 287 U.S. 71, e sono stati chiaramente considerati importanti per il risultato.

Così, quando questa Corte, un decennio più tardi, ha deciso Betts contro Brady, non ha fatto altro che ammettere la possibile esistenza di circostanze speciali in processi non capitali, così come in quelli capitali, insistendo allo stesso tempo che tali circostanze fossero dimostrate al fine di stabilire una negazione del giusto processo. Il diritto a un avvocato nominato era stato riconosciuto come considerevolmente più ampio nei processi federali, vedi Johnson contro Zerbst, 304 U. S. 458, ma aver imposto questi requisiti agli Stati sarebbe stato in effetti "una brusca rottura" con il passato quasi immediato. La dichiarazione che il diritto di nominare un avvocato nei processi statali, come stabilito nella causa Powell contro Alabama, non si limitava ai casi di pena capitale, in realtà non era un allontanamento, ma un'estensione del precedente esistente.

I principi dichiarati in Powell e in Betts, tuttavia, hanno avuto un percorso travagliato nel corso degli anni che hanno seguito prima l'uno e poi l'altro caso. Già al momento della decisione di Betts, il diktum in almeno una delle opinioni della Corte aveva indicato che esisteva un diritto assoluto ai servizi di consulenza legale nel processo per i casi di capitale dello Stato. Tale dettum continuò a comparire nelle decisioni successive, [nota 4/1] e ogni dubbio persistente fu infine eliminato dalla sentenza Hamilton contro Alabama, 368 U. S. 52.

Nei casi non capitali, la regola delle "circostanze speciali" ha continuato ad esistere nella forma, mentre la sua sostanza è stata sostanzialmente e costantemente erosa. Nel primo decennio dopo Betts, ci sono stati casi in cui la Corte

Pagina 372 U. S. 351

ha ritenuto che mancassero circostanze particolari, ma di solito con un voto nettamente diviso. Tuttavia, nessuna decisione di questo tipo ci è stata citata, e non ne ho trovata nessuna, dopo che Quicksall contro Michigan, 339 U. S. 660, decise nel 1950. Allo stesso tempo, non sono stati riscontrati pochi casi in cui si sono riscontrate circostanze particolari in poco o niente di più della "complessità" delle questioni giuridiche presentate, anche se spesso si trattava solo di questioni di routine. La Corte è giunta a riconoscere, in altre parole, che la mera esistenza di una grave accusa penale costituiva, di per sé, una circostanza speciale che richiedeva l'intervento di un avvocato al processo. In verità, la regola Betts contro Brady non è più una realtà.

Questa evoluzione, tuttavia, sembra non essere stata pienamente riconosciuta da molti tribunali statali, in questo caso accusati della responsabilità in prima linea per l'applicazione dei diritti costituzionali. Continuare una regola che viene onorata da questa Corte solo a parole non è una cosa salutare e, a lungo andare, renderà un cattivo servizio al sistema federale.

La regola delle circostanze particolari è stata formalmente abbandonata nei casi capitali, ed è giunto il momento di abbandonarla anche nei casi non capitali, almeno per quanto riguarda i reati che, come quello in questione, comportano la possibilità di una sostanziale pena detentiva. (Non è necessario decidere se la regola debba essere estesa a tutti i casi penali). Questo non fa altro che rendere esplicito qualcosa che è stato a lungo prefigurato nelle nostre decisioni.

Pagina 372 U. S. 352

Concordando con la Corte sul fatto che il diritto all'assistenza legale in un caso come questo dovrebbe ora essere espressamente riconosciuto come un diritto fondamentale abbracciato nel Quattordicesimo Emendamento, desidero fare un'ulteriore osservazione. Quando deteniamo un diritto o un'immunità, valido contro il Governo federale, di essere "implicito nel concetto di libertà ordinata" [nota 4/6] e quindi valido contro gli Stati, non leggo le nostre decisioni passate per suggerire che, così facendo, riportiamo automaticamente un intero corpus di leggi federali e lo applichiamo in modo completo agli Stati. Un concetto di questo tipo non terrebbe conto della frequente grande disparità tra gli interessi legittimi degli Stati e del Governo federale, dei problemi divergenti che essi si trovano ad affrontare e delle conseguenze significativamente diverse delle loro azioni. Cfr. Roth contro Stati Uniti, 354 U. S. 476, 354 U. S. 496-508 (parere separato di questo autore). In ciò che viene fatto oggi, non comprendo che la Corte si discosti dai principi stabiliti nella causa Palko c. Connecticut, 302 U. S. 319, o che abbracci il concetto che il Quattordicesimo Emendamento "incorpora" il Sesto Emendamento in quanto tale.

Su queste premesse mi associo alla sentenza della Corte.

[Nota 4/1]

Avery contro Alabama, 308 U. S. 444, 308 U. S. 445.

Nota a piè di pagina 4/2

Ad esempio, Bute c. Illinois, 333 U. S. 640, 333 U. S. 674; Uveges c. Pennsylvania, 335 U. S. 437, 335 U. S. 441.

Nota a piè di pagina 4/3

Ad esempio, Foster contro Illinois, 332 U. S. 134; Bute contro Illinois, 333 U. S. 640; Gryger contro Burke, 334 U. S. 728.

Nota a piè di pagina 4/4

Ad esempio, Williams contro Kaiser, 323 U. S. 471; Hudson contro North Carolina, 363 U. S. 697; Chewning contro Cunningham, 368 U. S. 443.

[Nota a piè di pagina 4/5]

Vedi, per esempio, Commonwealth ex rel. Simon contro Maroney, 405 Pa. 562, 176 A.2d 94 (1961); Shaffer contro Warden, 211 Md. 635, 126 A.2d 573 (1956); Henderson contro Bannan, 256 F.2d 363 (C.A. 6th Cir.1958).

Nota a piè di pagina 4/6

Palko contro Connecticut, 302 U. S. 319, 302 U. S. 325.

(traduzione informale canestrinilex.com, testo originale qui