Etichetta: sostanza stupefacente

26 Sep 2016
Sentenze

Coltivazione di una pianta di marijuana non è reato (Cass. 40030/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: coltivazione, marijuana, sostanza stupefacente, spaccio

La coltivazione di una singola pianta sul terrazzo di 1 m di altezza e con 312 mg di principio attivo non è reato per mancanza di offensività in concreto.

Leggi di più su 'Coltivazione di una pianta di marijuana non è reato (Cass. 40030/16)'...
10 Jul 2015
Informazioni utili

Uso terapeutico di marijuana: un vademecum pratico

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: marijuana, coltivazione, sostanza stupefacente, uso terapeutico, spaccio, detenzione

I derivati della marijuana possono essere preparati per indicazioni terapeutiche sufficientemente supportate dalla letteratura scientifica  (non solo quindi per sclerosi multipla, inappetenza da chemioterapia o HIV e nel trattamento del dolore)  dietro...

Leggi di più su 'Uso terapeutico di marijuana: un vademecum pratico'...
19 Jun 2015
Sentenze

Muore di overdose in carcere: Ministero deve risarcire (Cass., 12705/15)

Cassazione civile

Argomenti correlati: risarcimento, ovedose, sostanza stupefacente, carcere

Vi è  nesso di causalità tra la condotta colposa omissiva dell Ministero e l'evento morte di un detenuto che si è procurato lo stupefacente in carcere: il Minisero è quindi...

Leggi di più su 'Muore di overdose in carcere: Ministero deve risarcire (Cass., 12705/15)'...
11 Jun 2015
Sentenze

Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Nel reato di coltivazione di sostanza stupefacente rileva (e va verificato nel caso concreto) l'effettiva offensività della condotta di coltivazione, sopratutto se le piantine sono in cattivo stato vegetativo.

Leggi di più su 'Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)'...
2 Mar 2015
Sentenze

Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Non è punibile per mancanza di offensività la coltivazione cinque piantine invasate di dalle quali sono risultate estraibili grammi 0,1 di sostanza stupefacente.

Leggi di più su 'Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15) '...
1 Jan 2014
Articoli

Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia (Relazione 2013)

Presidenza del Consiglio

Argomenti correlati: sostanza stupefacente

L'analisi generale dell'andamento dei consumatori negli ultimi 12 mesi, riferiti alla popolazione generale 15-64 anni, conferma la tendenza alla contrazione del numero di consumatori, già osservata nel 2010 per le...

Leggi di più su 'Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia (Relazione 2013) '...
31 Oct 2013
Sentenze

Scorta di sostanza stupefacente e uso personale (Cass. pen., sentenza 27346/13)

Cassazione penale

Argomenti correlati: sostanza stupefacente, uso personale, scorta

Il possesso di 7,5 g (48 dosi) di eroina possono ritenersi una scorta per uso proprio, dato che pur in presenza di quantità non esigue, il giudice può e deve valutare...

Leggi di più su 'Scorta di sostanza stupefacente e uso personale (Cass. pen., sentenza 27346/13)'...
26 Apr 2012
Sentenze

Consumo di sostanza stupefacente, licenziamento, motivazione (Cass. Civ., 6498/12)

Cassazione Civile

Argomenti correlati: sostanza stupefacente, consumo, licenziamento

La detenzione di sostanza stupefacente, per essere fatto irrilevante per il rapporto lavorativo ed attenere alla sfera rigorosamente privata del lavoratore (qui: dipendente di una banca), necessita di motivazione adeguata.

Leggi di più su 'Consumo di sostanza stupefacente, licenziamento, motivazione (Cass. Civ., 6498/12)'...
26 Mar 2012
Sentenze

Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: Testo Unico stupefacenti, indizi, fini di spaccio, misura cautelare, dosi, contante, bilancino, sostanza stupefacente

La valutazione della sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari non può basarsi su motivazione basata su formule stereotipati non tenendo conto di dati fattuali significativi quale...

Leggi di più su 'Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati'...

Recenti Pubblicazioni

Convivente legge email: è reato (Cass. 52572/17)

Integra il reato di accesso abusivo a sistema informatico la condotta di chi accede abusivamente all'altrui casella di posta elettronica, trattandosi di una spazio di memoria, protetto da una password personalizzata, di un sistema informatico destinato alla memorizzazione di messaggi, o di informazioni di altra natura, nell'esclusiva disponibilità del suo titolare, identificato da un account registrato presso il provider del servizio.

Criticare condotta professionale non è diffamazione (Cass. 52578/17)

Contestazione disciplinare o diffamazione? Se si critica la condotta professionale non c'è reato, che invece c'è se si critica la persona.

Rapporto sessuale fra coniugi: senza consenso esplicito è reato (Cass. 51074/17)

Una condotta meramente passiva assunta dalla moglie in occasione delle iniziative sessuali del coniuge non vale come consenso implicito: ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo del reato di violenza sessuale, è sufficiente che l'agente abbia la consapevolezza del fatto che non sia stato chiaramente manifestato il consenso da parte del soggetto passivo al compimento degli atti sessuali a suo carico.

Diritto di critica, verità del fatto, critica politica (Cass. 51619/17)

In tema di diffamazione a mezzo stampa, presupposto imprescindibile per l’applicazione dell’esimente dell’esercizio del diritto di critica è la verità del fatto storico posto a fondamento della elaborazione critica. 

Ladro chi raccoglie un portafoglio smarrito (Cass. 51895/17)

Chi si appropria di cose smarrite che contengano i riferimenti al proprietario (assegni, carte di credito, ..) commette il reato di furto e non quello di appropriazione di cose smarrite.

Trojan e intercettazioni telematiche (Cass. 48370/17)

Possono essere legittimamente disposte le intercettazioni informatiche o telematiche compiute mediante l’installazione di un “captatore informatico” (cd. trojan) in un dispositivo elettronico anche se si trova in un luogo di privata dimora ed il procedimento riguarda reati diversi da quelli di criminalità organizzata.