Etichetta: sostanza stupefacente

26 Sep 2016
Sentenze

Coltivazione di una pianta di marijuana non è reato (Cass. 40030/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: coltivazione, marijuana, sostanza stupefacente, spaccio

La coltivazione di una singola pianta sul terrazzo di 1 m di altezza e con 312 mg di principio attivo non è reato per mancanza di offensività in concreto.

Leggi di più su 'Coltivazione di una pianta di marijuana non è reato (Cass. 40030/16)'...
10 Jul 2015
Informazioni utili

Uso terapeutico di marijuana: un vademecum pratico

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: marijuana, coltivazione, sostanza stupefacente, uso terapeutico, spaccio, detenzione

I derivati della marijuana possono essere preparati per indicazioni terapeutiche sufficientemente supportate dalla letteratura scientifica  (non solo quindi per sclerosi multipla, inappetenza da chemioterapia o HIV e nel trattamento del dolore)  dietro...

Leggi di più su 'Uso terapeutico di marijuana: un vademecum pratico'...
19 Jun 2015
Sentenze

Muore di overdose in carcere: Ministero deve risarcire (Cass., 12705/15)

Cassazione civile

Argomenti correlati: risarcimento, ovedose, sostanza stupefacente, carcere

Vi è  nesso di causalità tra la condotta colposa omissiva dell Ministero e l'evento morte di un detenuto che si è procurato lo stupefacente in carcere: il Minisero è quindi...

Leggi di più su 'Muore di overdose in carcere: Ministero deve risarcire (Cass., 12705/15)'...
11 Jun 2015
Sentenze

Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Nel reato di coltivazione di sostanza stupefacente rileva (e va verificato nel caso concreto) l'effettiva offensività della condotta di coltivazione, sopratutto se le piantine sono in cattivo stato vegetativo.

Leggi di più su 'Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)'...
2 Mar 2015
Sentenze

Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Non è punibile per mancanza di offensività la coltivazione cinque piantine invasate di dalle quali sono risultate estraibili grammi 0,1 di sostanza stupefacente.

Leggi di più su 'Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15) '...
1 Jan 2014
Articoli

Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia (Relazione 2013)

Presidenza del Consiglio

Argomenti correlati: sostanza stupefacente

L'analisi generale dell'andamento dei consumatori negli ultimi 12 mesi, riferiti alla popolazione generale 15-64 anni, conferma la tendenza alla contrazione del numero di consumatori, già osservata nel 2010 per le...

Leggi di più su 'Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia (Relazione 2013) '...
31 Oct 2013
Sentenze

Scorta di sostanza stupefacente e uso personale (Cass. pen., sentenza 27346/13)

Cassazione penale

Argomenti correlati: sostanza stupefacente, uso personale, scorta

Il possesso di 7,5 g (48 dosi) di eroina possono ritenersi una scorta per uso proprio, dato che pur in presenza di quantità non esigue, il giudice può e deve valutare...

Leggi di più su 'Scorta di sostanza stupefacente e uso personale (Cass. pen., sentenza 27346/13)'...
26 Apr 2012
Sentenze

Consumo di sostanza stupefacente, licenziamento, motivazione (Cass. Civ., 6498/12)

Cassazione Civile

Argomenti correlati: sostanza stupefacente, consumo, licenziamento

La detenzione di sostanza stupefacente, per essere fatto irrilevante per il rapporto lavorativo ed attenere alla sfera rigorosamente privata del lavoratore (qui: dipendente di una banca), necessita di motivazione adeguata.

Leggi di più su 'Consumo di sostanza stupefacente, licenziamento, motivazione (Cass. Civ., 6498/12)'...
26 Mar 2012
Sentenze

Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: Testo Unico stupefacenti, indizi, fini di spaccio, misura cautelare, dosi, contante, bilancino, sostanza stupefacente

La valutazione della sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari non può basarsi su motivazione basata su formule stereotipati non tenendo conto di dati fattuali significativi quale...

Leggi di più su 'Gli indizi dello spaccio non possono consistere in mere illazioni o giudizi stereotipati'...

Recenti Pubblicazioni

Minore ferito: colpa del genitore? (Cass. 26257/17)

Minore infila la mano nel frullatore: quando rileva la condotta (omissiva) del genitore rispetto ad un evento lesivo che il minore si è autoinflitto a seguito di un comportamento evidentemente frutto della sua incapacità di percepire il pericolo ed i rischi?

Apologia di reato tramite Facebook (Cass. 24103/17)

L’attività di proselitismo, fondata su ragioni di carattere etnico o religioso, ben può essere effettuata mediante i canali telematici - tra i quali occorre certamente comprendere il soda network denominato Facebook - attraverso cui si mantengono i contatti tra gli aderenti o i simpatizzanti, mediante la diffusione di documenti e testi apologetici, la programmazione di azioni dimostrative, la raccolta di elargizioni economiche, la segnalazione di persone responsabili di avere operato a favore della causa propagandata.

Simboli religiosi e ordine pubblico: no al porto del Kirpan (Cass. 24084/17)

Nessun credo religioso può legittimare il porto in luogo pubblico di armi o di oggetti atti ad offendere

Furto di bene abbandonato non è reato (Cass. 23093/17)

Non può ritenersi compatibile con il principio di offensività la declaratoria di responsabilità per il reato di furto avente ad oggetto un vecchio cartello di segnaletica stradale arrugginito, ormai sostituito dall'Amministrazione.

Filma di nascosto rapporti sessuali in casa propria: non c'è reato (Cass. pen. 22221/17)

Non commette reato chi filma in casa propria rapporti intimi avvenuti con la convivente.

Clientela rumorosa, responsabile il bar (cass. 22142/17)

Il titolare di un esercizio pubblico ha l’obbligo giuridico di impedire gli schiamazzi o comunque i rumori prodotti, in maniera eccessiva, dalla propria clientela, anche all'esterno del locale (e affiggere un cartello non basta).