Etichetta: ragionevole dubbio

9 Nov 2016
Sentenze

Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: CEDU, ragionevole dubbio

Nel caso di rformatio in pejus della setneza di primo grado, il giudice di appello debba porre in essere i poteri d’integrazione probatoria e procedere all’assunzione diretta dei dichiaranti per...

Leggi di più su 'Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)'...
5 Oct 2016
Sentenze

Non è l'imputato a dover dare una tesi alternativa (Cass., 41968/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: ragionevole dubbio, inicidente, presunzione di innocenza

La condanna "al di là del ragionevole dubbio" significa che il reato deve essere attribuibile all'imputato con un alto grado di credibilità razionale: ciò significa che le ipotesi alternative, pur...

Leggi di più su 'Non è l'imputato a dover dare una tesi alternativa (Cass., 41968/16)'...
18 Jul 2016
Sentenze

Ragionevole dubbio e prova indiziaria (Cass. 30382/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: ragionevole dubbio, prova indiziaria

Ragionevole dubbio e prova indiziaria: in tema di valutazione della prova indiziaria il giudice di merito non può limitarsi ad una valutazione atomistica e parcellizzata degli indizi, né procedere ad...

Leggi di più su 'Ragionevole dubbio e prova indiziaria (Cass. 30382/16)'...

Recenti Pubblicazioni

Alcoltest corretto a mano: tutto regolare (Cass. 8060/17)

Alcoltest e correzioni a mano: le correzioni apportate a mano sugli scontrini, se valutate dal giudice, sono una mera irregolarità che non mette di per sè in dubbio la funzionalità dell’apparecchio o la riferibilità degli stessi al guidatore.

Elezione di domicilio comporta conoscenza del processo (Cass. 8460/17)

L'elezione di domicilio presso il difensore di ufficio con la disciplina dell'asssenza fonda una presunzione di conoscenza del processo, che legittima il giudice a concludere il processo anche con una sentenza di condanna idonea a passare in giudicato; nei limiti previsti dall’art. 625 ter, c.p.p., è onere del condananto di provare che il difetto di informazione non dipenda da una causa allo stesso imputato ascrivibile a titolo di colpa (imputato alloglotta che aveva eletto domicilio presso il difensorei di ufficio).

Borsa dell'avvocato è intoccabile .. o quasi (Cass. 8031/17)

La borsa professionale dell'avvocato costituisce una sorta di "proiezione spaziale" di un ufficio legale, con la conseguenza che devono osservarsi, nel sottoporla a perquisizione, le garanzie previste dall’art. 103 c.p.p. per i locali degli uffici dei difensori (essenzialmente apprestate in funzione di garanzia del diritto di difesa dell’imputato); dette garanzie non operano peraltro quando lo stesso difensore perquisito è indagato.

Phishing e responsabilità della banca (Cass. 2950/17)

In caso di truffa telematica – cosiddetto Phishing – ai danni di un correntista, spetta alla banca dimostrare di aver fatto tutto il possibile, secondo il criterio della diligenza professionale, per scongiurare la frode servendosi di un sistema informatico adeguato ai rischi (Bancoposta).

Negata estradizione esecutiva verso la Turchia di un curdo (CA Roma, 2/2016 estr.)

Non può esser accolta la richiesta di estradizione della Turchia di un condannato di etnia curda perchè non è garantito il rispetto dei diritti fondamentali.

Quantità non esclude uso personale (Cass. 1081/17)

Quantità e dosi ricavabili non bastano per una condanna di detenzione a fini di spaccio.