Etichetta: patente

9 Nov 2015
Sentenze

Revisione della patente dopo incidente (TAR 977/15)

TAR

Argomenti correlati: sinistro stradale, reato stradale, revisione della patente, patente

Il mero accadimento di un incidente, ancorché in presenza di feriti, non può essere considerato un presupposto di per sé sufficiente a giustificare un ragionevole dubbio circa la permanenza dei...

Leggi di più su 'Revisione della patente dopo incidente (TAR 977/15)'...
18 Jun 2015
Informazioni utili

Divieto triennale di conseguire la patente 219 Codice della Strada (Ministero Trasporti, 2015)

Ministero dei Trasporti

Argomenti correlati: Guida in stato di ebbrezza, guida sotto l'effetto di sostanze stupefacente, reati stradali, patente

A seguito della revoca della patente per violazioni di cui agli articoli 186, 186-bis e 187 (guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di stanza stupefacente), non è possibile...

Leggi di più su 'Divieto triennale di conseguire la patente 219 Codice della Strada (Ministero Trasporti, 2015)'...
21 May 2015
Sentenze

No al turismo per patente (CGUE, C‑339/14)

CGUE

Argomenti correlati: patente, revoca, reati stradali

Non contrasta con il diritto europeo il mancato riconoscimento della validità di una patente straniera in capo a chi abbia perso il diritto alla patente nel proprio stato: uno Stato...

Leggi di più su 'No al turismo per patente (CGUE, C‑339/14)'...
8 Apr 2015
Sentenze

Condanna per spaccio lieve e revoca della patente (TAR Brescia, 500/15)

TAR Lombardia

Argomenti correlati: patente, Sostanze stupefacenti, spaccio, guida sotto effetto di sostanze stupefacenti, reati stradali

Non c'è (più) automatismo fra revoca della patente prevista dall'art. 120 CdS e condanna per spaccio, nell'ipotesi di lieve entità (art 73/5 TU stup.), con conseguente obbligo per la Prefettura...

Leggi di più su 'Condanna per spaccio lieve e revoca della patente (TAR Brescia, 500/15)'...

Recenti Pubblicazioni

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni - di raccontare i fatti senza enfasi od indebite anticipazioni di colpevolezza, non essendogli consentite aprioristiche scelte di campo o sbilanciamenti di sorta a favore dell’ipotesi accusatoria, capaci di ingenerare nel fruitore della notizia facili suggestioni, in spregio del principio costituzionale di presunzione di innocenza dell’imputato e a fortiori dell’indagato sino a sentenza definitiva.

Arresti domiciliari: andare nel piazzale condominiale è evasione (Cass. 15496/17)

 

Pubblicizzare un procedimento penale altrui è reato (Cass. 15221/17)

Affiggere alla bacheca condominiale la notizia di un procedimento penale pendente è trattamento illecito di dati personali (dati giudiziari).

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta: è escluso che l'organizzazione di uno spettacolo artistico (asseritamene blasfemo) possa, di per sé sola, costituire violazione del personale sentimento religioso di un singolo cittadino.

Ammissione ex lege al patrocino a spese dello stato per vittime di violenza di genere (Cass. 13497/17)

La vittima dei reati di maltrattamenti in famiglia, mutilazione di organi genitali femminili, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti persecutori (stalking) è ammessa ex lege al patrocnio a spese dello stato, senza necessità di verifica del reddito: il giudice ha infatti il dovere di accogliere la domanda di fruizione del beneficio, posto che la finalità della norma in questione appare essere quella di assicurare alle vittime di quei reati un accesso alla giustizia favorito dalla gratuità dell’assistenza legale