Etichetta: offensività

7 Jun 2016
Articoli

Coltivazione: il punto della Cassazione Penale

Cassazione penale

Argomenti correlati: offensività, stupefacenti, coltivazione, spaccio

La coltivazione di marijuana: questioni sulla offensività della condotta, sulla detenzione di semi, sulla costituzionalità della normativa. 

Leggi di più su 'Coltivazione: il punto della Cassazione Penale'...
18 Apr 2016
Sentenze

Idoneità in concreto della minaccia (Cass. 15646/16)

Cassazione penale

Argomenti correlati: minaccia, offensività

"Ti restano pochi giorni", "devi morire", sono reato solo se nel contesto l'evento morte possa, plausibilmente e realisticamente, prospettarsi come riconducibile alla volontà dell'agente.

Leggi di più su ' Idoneità in concreto della minaccia (Cass. 15646/16)'...
11 Jun 2015
Sentenze

Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Nel reato di coltivazione di sostanza stupefacente rileva (e va verificato nel caso concreto) l'effettiva offensività della condotta di coltivazione, sopratutto se le piantine sono in cattivo stato vegetativo.

Leggi di più su 'Coltivatore incapace? Non c'è reato (Cass. pen., 24732/15)'...
3 Apr 2015
Articoli

Tenuità del fatto: verso una giustizia penale

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: tenuità del fatto, offensività

Un diritto penale improntato alla necessaria offensività del reato è proprio dei sistemi liberali, in contrapposizione ai regimi autoritari che concepiscono il reato come violazione di un mero dovere di...

Leggi di più su 'Tenuità del fatto: verso una giustizia penale riparativa'...
10 Mar 2015
Sentenze

Sanzione penale della coltivazione incostituzionale? (C.App. Brescia, 10.3.2015)

Corte di Appello di Brescia

Argomenti correlati: marijuana, coltivazione, Sostanze stupefacenti, offensività

Va verificata la legittimità costituzionale dell’art. 75 D.P.R. n. 309/90, nella parte in cui esclude tra le condotte suscettibili di sola sanzione amministrativa la condotta di coltivazione di piante di...

Leggi di più su 'Sanzione penale della coltivazione incostituzionale? (C.App. Brescia, 10.3.2015)'...
2 Mar 2015
Sentenze

Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15)

Corte di Cassazione

Argomenti correlati: coltivazione, sostanza stupefacente, offensività, marijuana

Non è punibile per mancanza di offensività la coltivazione cinque piantine invasate di dalle quali sono risultate estraibili grammi 0,1 di sostanza stupefacente.

Leggi di più su 'Coltivazione di marijuana inoffensiva (Cass.pen., 9156/15) '...
24 Jan 2015
Sentenze

Coltivazione di marijuana è sempre reato (Cass. 3177/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: coltivazione, Sostanze stupefacenti, offensività, stupefacenti, marijuana

Qualsiasi tipo di coltivazione di marijuana è punibile, dato che contribuisce ad accrescere in qualunque entità, pur se mirata a soddisfare esigenze di natura personale, la quantità di sostanza stupefacente...

Leggi di più su 'Coltivazione di marijuana è sempre reato (Cass. 3177/15)'...
3 Apr 2014
Sentenze

Coltivazione di numero esiguo di piante non è reato (Cass. Pen., sent. 15191/14)

Cassazione penale

Argomenti correlati: stupefacenti, coltivazione, marijuana, offensività

Nella coltivazione di sostanza stupefacente, va dimostrata l'offensività della condotta e l'idoneità della stessa a porre in pericolo il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice: in considerazione di un numero...

Leggi di più su 'Coltivazione di numero esiguo di piante non è reato (Cass. Pen., sent. 15191/14)'...
2 Apr 2014
Sentenze

Coltivazione di marijuana post sentenza 32/14 (Cass. pen., sent. 15152/14)

Cassazione penale

Argomenti correlati: stupefacenti, spaccio, coltivazione, sentenza 32/14, offensività

Alcuni corollari applicativi della sentenza 32/14 Corte Costituzionale: il regime applicabile, concreta portata applicativa della declaratoria di illegittimità costituzionale.

Leggi di più su 'Coltivazione di marijuana post sentenza 32/14 (Cass. pen., sent. 15152/14) '...

Recenti Pubblicazioni

Quantità non esclude uso personale (Cass. 1081/17)

Quantità e dosi ricavabili non bastano per una condanna di detenzione a fini di spaccio.

Condizioni ostative all'estradizione e valutazione politica (Cass. 386/17)

In tema di estradizione processuale convenzionale con il Brasile, il trattato non contempla la valutazione da parte dello Stato richiesto dei gravi indizi di colpevolezza, dovendo comunque verificare l’autorità giudiziaria italiana che nella documentazione trasmessa a sostegno della domanda estradizionale risultino evocate le ragioni per le quali è stato ritenuto probabile, nella prospettiva del sistema processuale dello Stato richiedente, che l’estradando abbia commesso il reato oggetto della domanda.

Estadizione negata verso la Turchia perchè non rispetta i diritti fondamentali (Cass. 54467/16)

Non può esser accolta la richiesta di estradizione della Turchia perchè non è garantito il rispeti dei diritti fondamentali.

Termine a difesa deve essere congruo (Cass. 51567/16)

Il nuovo difensore d'ufficio o di fiducia nei casi di "rinunzia, revoca o incompatibilità" ha diritto ad un termine a difesa congruo, configurandosi altrimenti una nullità a regime intermedio in forza della norma generale posta dall’art. 178, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. (in quanto incide sull’assistenza dell’imputato) che dunque va eccepita immediatamente.

Omosessuale non è un offesa (Cass. 50659/16)

E' da escludere che il termine "omosessuale" (a differenza di appellattivi che pur indicando le prefernze sessuali sono denigratori) abbia conservato nel presente contesto storico un significato intrinsecamente offensivo come, forse, poteva ritenersi in un passato nemmeno tanto remoto.

Reformatio in pejus in appello: ancora alle SSUU (Cass., 47015/16)

Nel caso di rformatio in pejus della setneza di primo grado, il giudice di appello debba porre in essere i poteri d’integrazione probatoria e procedere all’assunzione diretta dei dichiaranti per ritenere raggiunta la prova della colpevolezza dell’imputato, in riforma della sentenza appellata?