Etichetta: Mandato di arresto europeo

10 Apr 2015
Sentenze

Mandato di arresto europeo e principio di specialità (cass. 14880/15)

Cassazione penale

Argomenti correlati: Mandato di arresto europeo, principio di specialit, estradizione

In tema di mandato di arresto europeo, vige un principio di specialità attenuato: la persona consegnata può infatti essere legittimamente sottoposta a procedimento penale per "fatti anteriori e diversi", purchè...

Leggi di più su 'Mandato di arresto europeo e principio di specialità (cass. 14880/15)'...
28 Apr 2014
Sentenze

Litispendenza internazionale impedisce esecuzione MAE (Cass. pen., 17704/14)

Cassazione penale

Argomenti correlati: Mandato di arresto europeo, estradizione, MAE, litispendenza

Nel procedimento estradizionale regolato dal mandato di arresto europeo, è causa di rifiuto della consegna la c.d.

Leggi di più su 'Litispendenza internazionale impedisce esecuzione MAE (Cass. pen., 17704/14)'...
23 Dec 2013
Sentenze

Condanna in contumacia e mandato arresto europeo (Cass., 51773/13)

Cassazione penale

Argomenti correlati: contumacia, Mandato di arresto europeo, MAE, estradizione

In tema di decorrenza del termine per contestare la sentenza contumaciale in un procedimento di mandato di arresto europeo, una volta appresa l'esistenza del procedimento, il condannato - salvi i...

Leggi di più su 'Condanna in contumacia e mandato arresto europeo (Cass., 51773/13)'...
26 Feb 2013
Sentenze

Melloni contro Spagna: contumacia e mandato di arresto europeo (Corte di Giustizia, C‑399/11)

Corte di giustizia

Argomenti correlati: contumacia, CEDU, Trattato di Lisbona, Mandato di arresto europeo

il diritto dell’imputato a comparire è un elemento essenziale del diritto ad un equo processo, ma non può ascriversi alla categoria dei diritti assoluti. L’imputato può infatti rinunciarvi sia in modo esplicito che tacito.

Leggi di più su 'Melloni: contumacia e mandato di arresto europeo (Corte di Giustizia, C‑399/11)'...
23 Feb 2013
Informazioni utili

Mandato di arresto europeo

Nicola Canestrini

Argomenti correlati: Mandato di arresto europeo

La legge 12 aprile 2005, n. 69, recante “disposizioni per conformare il diritto interno alla decisione quadro… relativa al mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri”,...

Leggi di più su 'Mandato di arresto europeo'...

Recenti Pubblicazioni

Apologia di reato tramite Facebook (Cass. 24103/17)

L’attività di proselitismo, fondata su ragioni di carattere etnico o religioso, ben può essere effettuata mediante i canali telematici - tra i quali occorre certamente comprendere il soda network denominato Facebook - attraverso cui si mantengono i contatti tra gli aderenti o i simpatizzanti, mediante la diffusione di documenti e testi apologetici, la programmazione di azioni dimostrative, la raccolta di elargizioni economiche, la segnalazione di persone responsabili di avere operato a favore della causa propagandata.

Furto di bene abbandonato non è reato (Cass. 23093/17)

Non può ritenersi compatibile con il principio di offensività la declaratoria di responsabilità per il reato di furto avente ad oggetto un vecchio cartello di segnaletica stradale arrugginito, ormai sostituito dall'Amministrazione.

Filma di nascosto rapporti sessuali in casa propria: non c'è reato (Cass. pen. 22221/17)

Non commette reato chi filma in casa propria rapporti intimi avvenuti con la convivente.

Clientale rumorosa, responsabile il bar (cass. 22142/17)

Il titolare di un esercizio pubblico ha l’obbligo giuridico di impedire gli schiamazzi o comunque i rumori prodotti, in maniera eccessiva, dalla propria clientela, anche all'esterno del locale (e affiggere un cartello non basta).

Diritto di cronaca richiede controllo delle fonti (Cass. 22202/17)

Per invocare il diritto di cronaca giudiziaria, il giornalista deve esaminare e controllare attentamente la notizia in modo da superare ogni dubbio, non essendo sufficiente in proposito l’affidamento in buona fede sulla fonte informativa

Detenere fumetti pedoporno è reato (Cass.22265/17)

Anche la pedopornografia virtuale, cioè quella realizzata senza impiegare di bambini reali è reato: ciò perchè la nozione legislativa di immagine del minore impegnato in attività sessuali comprende non solo la riproduzione reale dello stesso in una situazione di "fisicità pornografica", ma anche disegni, pitture, e tutto ciò che sia idoneo a dare allo spettatore l’idea che l’oggetto della rappresentazione pornografica sia un minore.