13 May 2011

Condanna penale e regolarizzazione di cittadino extracomunitario (TAR Trento, ordinanza 13 maggio 2011)

TAR Trento

Taggato: extracomunitario, condanna penale, ostativo, sanatoria, regolarizzazione, emersione, cittadino extracomunitario

Al cittadino extracomunitaro condannato per vendita di borse contraffatte non è preclusa automaticamente la regolarizzazione prevista dalla sanatoria del 2009.

TRIBUNALE REGIONALE DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA DI TRENTO - ORDINANZA 13 MAGGIO 2011

Ordinanza sul ricorso numero di registro generale 90 del 2011, proposto da:

D. M., rappresentato e difeso dall'avv. Nicola Canestrini, con domicilio eletto presso l'avv. Andrea De Bertolini in Trento, via Calepina N. 65;

contro

Provincia di Trento - Servizio Lavoro, rappresentata e difesa dagli avv. Avv.ti Pedrazzoli N., Dalla Serra M. e Marialuisa Cattoni, con domicilio eletto presso l'avv. Maurizio Dalla Serra , Avvocatura P.A.T. - p.zza Dante 15;

Ministero dell'Interno in Persona del Ministro P.T., rappresentato e difeso dall'Avvocatura Distr.le dello Stato di Trento, domiciliata per legge in Trento, largo Porta Nuova N. 9;

per l'annullamento

previa sospensione dell'efficacia,

del provvedimento prot. n. S021/2011/65971/24.2 della Provincia Autonoma di Trento Servizio Lavoro Ufficio Mercato del Lavoro, notificato il 15 febbraio 2011 avente ad oggetto il diniego dell'istanza di emersione dal lavoro irregolare ex art. 1 ter L. n. 102/2099, nonchè di ogni altro atto comunque connesso a quello impugnato.

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Provincia di Trento - Servizio Lavoro e di Ministero dell'Interno in Persona del Ministro P.T.;

Vista la domanda di sospensione dell'esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;

Visto l'art. 55 cod. proc. amm.;

Visti tutti gli atti della causa;

Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 12 maggio 2011 il Presidente Armando Pozzi e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Considerato che il ricorrente è stato condannato con sentenza del Tribunale di Lamezia Terme n. 327/2010 dep. il 3-8-2010 a quattro mesi di reclusione per avere commercializzato oggetti contraffatti ( occhiali, borsette, cinte, ecc. );

che per effetto di tale condanna l'amministrazione ha opposto il diniego di regolarizzazione qui impugnato applicando l'art. 1 ter comma 13 del D. L. n. 78/2009, secondo cui " Non possono essere ammessi alla procedura di emersione prevista dal presente articolo i lavoratori extracomunitari: .. c) che risultino condannati, anche con sentenza non definitiva, compresa quella pronunciata anche a seguito di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei reati previsti dagli articoli 380 e 381 del medesimo codice";

che la predetta sentenza di condanna è intervenuta dopo quasi un anno dalla presentazione della domanda di regolarizzazione, presentata nel settembre 2009, nei termini stabiliti dalla citata norma;

che la condanna inflitta dal Tribunale penale è di minima entità e per fatti che, per la loro diffusione sull'intero territorio nazionale, non sembrano suscitare particolare allarme sociale;

che il ricorrente risulta avere un rapporto di lavoro con cittadino italiano residente in comune di *** e che tale elemento non è contestato dall'amministrazione;

che alla luce dei riportati elementi il ricorso non appare privo di fumus e, soprattutto, appare assistito da evidenti profili di danno per il privato prevalenti rispetto all'interesse pubblico a non consentire la permanenza sul territorio nazionale di extracomunitari che abbiano manifestato propensione al delitto;

P.Q.M.

Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (Sezione Unica)

Accoglie la domanda cautelare e per l'effetto:

a) sospende l'efficacia del provvedimento di diniego impugnato con il ricorso in epigrafe;

b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del giorno 23 febbraio 2012. .

Compensa le spese della presente fase cautelare.

La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Trento nella camera di consiglio del giorno 12 maggio 2011 con l'intervento dei magistrati:

Armando Pozzi, Presidente, Estensore

Lorenzo Stevanato, Consigliere

Alma Chiettini, Consigliere

IL PRESIDENTE, ESTENSORE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 13/05/2011

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Recenti Pubblicazioni

Italia condannata per violenza della polizia (Corte EDU, 21759/15)

Le persone sottoposte a fermo di polizia o che sono semplicemente condotte o invitate a presentarsi a un posto di polizia al fine dell’identificazione o dell’interrogatorio, e ,più in generale, tutte le persone sottoposte al controllo della polizia o di un'analoga autorità, si trovano in una situazione di vulnerabilità e le autorità hanno conseguentemente il dovere di proteggerle.

Indagato alloglotta: onere della prova (Cass. 33802/17)

Il giudice cautelare deve motivare con elementi specifici e correlati alla comune esperienza in ordine all'acquisita conoscenza della lingua italiana da parte di chi non l'ha avuta come madrelingua e, a fronte di circostanze non certo deponenti a favore della conoscenza da parte dell'indagato della lingua italiana non può replicare con mere asserzioni apodittiche, senza attestare di aver effettuato alcun accertamento.

Criticare il proprio difensore è reato? (Cass. 44917/17)

Il limite immanente all’esercizio del diritto di critica è essenzialmente quello del rispetto della dignità altrui, non potendo lo stesso costituire mera occasione per gratuiti attacchi alla persona ed arbitrarie aggressioni al suo patrimonio morale, anche mediante l’utilizzo di "argumenta ad hominem".

Cotivazione di marijuana è reato (Cass. 43849/17)

Coltivare 40 piante di marijuana contenenti 8,960 di THC puro (358 dosi singole) è reato.

Non esiste un diritto all'arma (CdS, 4334/17)

L'autorizzazione al possesso e al porto delle armi non integra un diritto all’arma, ma costituisce, infatti, il frutto di una valutazione discrezionale nella quale confluiscono sia la mancanza di requisiti negativi, sia la sussistenza di specifiche ragioni positive,

Rifiuto di farsi identificare (Cass., 42808/17)

Il rifiuto di consegnare il documento di riconoscimento al pubblico ufficiale integra il reato di cui agli artt. 4 T.U.L.P.S. e 294 del relativo regolamento, non già il rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale, sanzionato invece dall'art. 651 c.p.: peraltro, la norma richiede che il pubblico ufficiale eserciti in concreto le pubbliche funzione al momento della richiesta.