Archivia: 2017

8 May 2017
Sentenze

Diritto di cronaca richiede controllo delle fonti (Cass. 22202/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: diritto di cronaca, diffamazione a mezzo stampa

Per invocare il diritto di cronaca giudiziaria, il giornalista deve esaminare e controllare attentamente la notizia in modo da superare ogni dubbio, non essendo sufficiente in proposito l’affidamento in buona...

Leggi di più su 'Diritto di cronaca richiede controllo delle fonti (Cass. 22202/17)'...
8 May 2017
Sentenze

Detenere fumetti pedoporno è reato (Cass.22265/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: pedopornografia

Anche la pedopornografia virtuale, cioè quella realizzata senza impiegare di bambini reali è reato: ciò perchè la nozione legislativa di immagine del minore impegnato in attività sessuali comprende non solo...

Leggi di più su 'Detenere fumetti pedoporno è reato (Cass.22265/17)'...
5 May 2017
Articoli

Legittima difesa (art. 52 c.p.)

Nicola Canestrini and Wolters Kluwer

Argomenti correlati: legittima difesa

Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre...

Leggi di più su 'Legittima difesa (art. 52 c.p.)'...
5 May 2017
Sentenze

Guida in stato di ebbrezza e esami del sangue senza necessità terapeutiche (Cass. pen. 21885/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: Guida in stato di ebbrezza

Inutilizzabile il risultato dell’accertamento di tasso alcolemico nel sangue se effettuto per soli fini di polizia giudiziaria senza salvaguardare il diritto di difesa (nullità a regime intermedio) quando non vi...

Leggi di più su 'Guida in stato di ebbrezza e esami del sangue senza necessità terapeutiche (Cass. pen. 21885/17)'...
7 Apr 2017
Sentenze

Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: riconoscimento fotografico

Il riconoscimento fotografico operato dagli agenti di polizia non gode di uno statuto probatorio privilegiato, ma è compito del giudice valutarne la attendibilità.

Leggi di più su 'Ricognizione fotografica inattendibile anche se proviene dalla polizia giudiziaria (Cass. 17747/17)'...
6 Apr 2017
Sentenze

Legittima la scorta di hashish (Trib. Rov., 40/17 sent.)

Nicola Canestrini and Tribunale di Rovereto

Argomenti correlati: spaccio, detenzione ai fini di spaccio

Se l’elemento quantitativo costituisce un forte elemento a carico nella valutazione sulla destinazione a fini di spaccio, va rimarcata la possibilità che un abituale consumatore di stupefacente possa precostituirsi una...

Leggi di più su 'Legittima la scorta di hashish (Trib. Rov., 40/17 sent.)'...
29 Mar 2017
Sentenze

Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: diritto di cronaca, cronaca giudiziaria

In tema di cronaca giudiziaria relativa alla fase delle indagini preliminari, grava sul giornalista il dovere - proprio in ragione della fluidità ed incertezza ontologica del contenuto delle investigazioni -...

Leggi di più su 'Cronaca giudiziaria e titoli ad effetto (Cass. 15587/17)'...
23 Mar 2017
Sentenze

Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)

Cassazione Civile and Nicola Canestrini

Argomenti correlati: libertà dell'arte

La Costituzione riconosce la libertà dell'arte e della scienza, dovendo, perciò ritenersi pienamente consentite le manifestazioni artistiche e scientifiche, che possono svolgersi senza dover subire condizionamenti o indirizzi di sorta:...

Leggi di più su 'Sentimento religioso, spettacolo blasfemo e libertà dell'arte (Cass. 7468/179)'...

Recenti Pubblicazioni

Diagnosi ritardata di malattia incurabile: colpa medica (Cass. 50975/17)

Una ritardata diagnosi di tumore ha un'influenza causale rispetto all'evento, quando si è in presenza di una delle patologie oncologiche comunemente e scientificamente più aggressive e ad evento nefasto?

Dipendente patteggia per droga: non può essere licenziato (Cass. 26679/17)

Anche le condotte concernenti la vita privata del lavoratore possono in concreto risultare idonee a ledere irrimediabilmente il vincolo fiduciario, allorquando abbiano un riflesso, sia pure soltanto potenziale ma oggettivo, sulla funzionalità del rapporto compromettendo le aspettative d’un futuro puntuale adempimento dell’obbligazione lavorativa, in relazione alle specifiche mansioni o alla particolare attività.

Imbianchino cade dalla scala: datore di lavoro condannato (Cass. 48951/17)

Imbianchino non adotta le misure antiinfortunistiche e cade dalla scala di sua proprietà: condannato il datore di lavoro. Infatti, le misure adottate al fine di prevenire gli infortuni sul lavoro devono essere idonee ad evitare il verificarsi di sinistri anche in caso di disattenzione del lavoratore e, laddove si verifichi un evento dannoso, la responsabilità del datore di lavoro potrà escludersi soltanto in presenza di un comportamento del tutto abnorme del lavoratore.

Accertamento in ospedale del tasso alcolemico (Cass. 51284/17)

Nell’ipotesi in cui la polizia giudiziaria deleghi il personale sanitario all'accertamento del tasso alcolemico nel sangue, sussiste l’obbligo di dare l’avviso del diritto a far presenzaiare il difensore, allorché il conducente sia già indiziato di reato, al momento in cui la P.G. ha inviato al personale sanitario la richiesta di procedere ad esami clinici per la verifica del tasso alcolemico, e se l’accertamento non venga espletato a fini di cura della persona, e cioè sia unicamente finalizzato alla ricerca della prova della colpevolezza del soggetto indiziato.

Cane che morde.. inguaia il padrone (Cass. 51448/17)

l proprietario o anche solo detentore di un’animale risponde di lesioni colpose cagionate dall’animale a terzi anche qualora ne abbia affidato la custodia a una persona inidonea a controllarlo.

Litispendenza internazionale e rifiuto consegna MAE (Cass. 47892/17)

Il rifiuto di consegna in ragione della "territorialità" italiana del reato oggetto del m.a.e. estero opera esclusivamente a condizione che risulti rigorosamente provato che l'eventuale concomitante (e potenzialmente preminente) giurisdizione italiana emerga in termini di piena certezza sulla base di un quadro fattuale che possa desumersi, in modo affidabile e non controverso, dagli stessi elementi storici offerti dallo Stato di emissione del m.a.e. (L. n. 69 del 2005, art. 18, lett. p).