23 Feb 2017

Alcoltest corretto a mano: tutto regolare (Cass. 8060/17)

Cassazione penale and Nicola Canestrini

Taggato: Guida in stato di ebbrezza

Alcoltest e correzioni a mano: le correzioni apportate a mano sugli scontrini, se valutate dal giudice, sono una mera irregolarità che non mette di per sè in dubbio la funzionalità dell’apparecchio o la riferibilità degli stessi al guidatore.

 

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 23 settembre 2016 – 20 febbraio 2017, n. 8060
Presidente Bianchi – Relatore Izzo

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza del 4/11/2015 la Corte di Appello di Torino confermava la pronuncia di condanna di F.P. per il reato di cui all’art. 186, lett. c), C.d.S. per guida in stato di ebbrezza di un’auto Fiat 500, con tasso alcolemico rilevato di g/l 1,74 e 1,77 (acc. in (omissis) ).
2. Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione il difensore dell’imputato, lamentando la erronea applicazione della legge ed il difetto di motivazione laddove il giudice di merito aveva riconosciuto la colpevolezza del F. pur in assenza di una prova certa che gli scontrini dell’alcoltest fossero riconducibili allo stesso. Sul punto la Corte di merito aveva travisato la prova, invero non aveva rilevato che l’orario degli scontrini non corrispondeva a quello del verbale ed era stata necessaria una correzione a penna fatta dai verbalizzanti per rendere gli atti coerenti tra loro.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è infondato e deve essere rigettato.
2. Va premesso che, secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte, il vizio di travisamento della prova deducibile in cassazione, ai sensi dell’art. 606 lett. e) cod. proc. pen., è configurabile quando si introduce nella motivazione una informazione rilevante che non esiste nel processo o quando si omette la valutazione di una prova decisiva ai fini della pronuncia (cfr. ex plurimis, Sez. 2, Sentenza n. 47035 del 03/10/2013, Rv. 257499).
3. Nel caso in esame le correzioni apportate a mano sugli scontrini, non sono sfuggite alla valutazione del giudice di merito che, sul punto, ha offerto una specifica motivazione, osservando come si fosse trattato di una mera irregolarità che non metteva in dubbio la funzionalità dell’apparecchio e che l’accertamento si riferisse al F. , tenuto conto che sugli scontrini figurava il suo nome.
La risposta "assolutamente no" data dal verbalizzante in udienza, come si evinceva dalla lettura del verbale, era riferita ai dubbi sollevati dalla difesa sulla funzionalità dell’apparecchio.
Inoltre, quanto all’attendibilità degli esiti dell’alcoltest, il giudice di merito ha evidenziato come i verbalizzanti avessero rilevato elementi sintomatici, quali l’alito vinoso, la difficoltà di coordinamento e di espressione e la condotta di guida contromano ed a zig zag, tanto evidente, da indurre un cittadino ad allertare la polizia stradale che era poi prontamente intervenuta.
L’assenza di travisamento della prova e la coerenza della motivazione della conferma della condanna impongono il rigetto del ricorso.
Ai sensi dell’art. 616 cod. proc. pen. il ricorrente deve essere condannato al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Recenti Pubblicazioni

Indagato alloglotta: onere della prova (Cass. 33802/17)

Il giudice cautelare deve motivare con elementi specifici e correlati alla comune esperienza in ordine all'acquisita conoscenza della lingua italiana da parte di chi non l'ha avuta come madrelingua e, a fronte di circostanze non certo deponenti a favore della conoscenza da parte dell'indagato della lingua italiana non può replicare con mere asserzioni apodittiche, senza attestare di aver effettuato alcun accertamento.

Criticare il proprio difensore è reato? (Cass. 44917/17)

Il limite immanente all’esercizio del diritto di critica è essenzialmente quello del rispetto della dignità altrui, non potendo lo stesso costituire mera occasione per gratuiti attacchi alla persona ed arbitrarie aggressioni al suo patrimonio morale, anche mediante l’utilizzo di "argumenta ad hominem".

Cotivazione di marijuana è reato (Cass. 43849/17)

Coltivare 40 piante di marijuana contenenti 8,960 di THC puro (358 dosi singole) è reato.

Non esiste un diritto all'arma (CdS, 4334/17)

L'autorizzazione al possesso e al porto delle armi non integra un diritto all’arma, ma costituisce, infatti, il frutto di una valutazione discrezionale nella quale confluiscono sia la mancanza di requisiti negativi, sia la sussistenza di specifiche ragioni positive,

Rifiuto di farsi identificare (Cass., 42808/17)

Il rifiuto di consegnare il documento di riconoscimento al pubblico ufficiale integra il reato di cui agli artt. 4 T.U.L.P.S. e 294 del relativo regolamento, non già il rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale, sanzionato invece dall'art. 651 c.p.: peraltro, la norma richiede che il pubblico ufficiale eserciti in concreto le pubbliche funzione al momento della richiesta. 

Rifiuta alcoltest: non c'è reato (Cass. 42255/17)

Non è punibile per speciale tenuità del fatto chi si rifiuta di sottoporsi ad alcoltest ma in concreto non ha recato pregiudizio effettivo alla circolazione e alla incolumità degli utenti della strada.